Cina 2016: la grande svolta e le prospettive dell’Eurasiatismo

Strogo SekretnoSouth Front00221917e13e14a04f171c“La confusione in Siria” attira l’attenzione sul crescente cumularsi di fatti disparati e spesso contrastanti. Ma la globalizzazione richiede una valutazione del quadro complessivo mondiale. Da questo punto di vista, il volano delle tensioni della terza guerra mondiale ibrida fu aperto il 3 dicembre 2013, quando l’allora presidente dell’Ucraina Viktor Janukovich visitò Pechino e firmò l’accordo con la Cina per la creazione in Crimea di una “zona di sviluppo economico della Nuova Via della Seta” con un polo logistico multifunzionale da 140 milioni di tonnellate all’anno, e prestando alla Cina 3 milioni di ettari di terra coltivabile per fornire ai cinesi 10 milioni di tonnellate di grano all’anno. Così la Crimea doveva diventare un importante punto di transito della Via della Seta marittima del XXI secolo. In precedenza, nel novembre 2013, Janukovich si rifiutò di firmare l’accordo sull’associazione e libero scambio con l’UE. La politica di Kiev verso Cina e Russia, Stati Uniti e NATO non potevano tollerarla e così inscenarono il colpo di Stato, in seguito del quale in Ucraina giunsero al potere le forze filo-statunitensi e filo-sioniste, e nel Donbas iniziava la guerra civile. Dal punto di vista cinese, nel prossimo futuro ci sarà un nuovo cambio della tecnologia di produzione. La cosiddetta quinta tecnologia con priorità su microelettronica e informatica sarà sostituita dalla sesta basata su nano e biotecnologie e nuove forme di energia. A tale svolta se ne aggiunge un’altra. Il ciclo di “riproduzione del capitale” statunitense sarà sostituito da quello cinese del modo di produzione asiatico, mentre il centro della vita economica del pianeta passa dall’Atlantico (in cinese chiamato Oceano occidentale) al Pacifico. Così la forza trainante della nuova avanzata dell’Eurasia è ciò che in scienze politiche viene denominata “processi tettonici di trasformazione globale”, uno dei quali, nel prossimo futuro, è il cambio del leader globale entro il 2025, quando la Cina sorpasserà complessivamente gli Stati Uniti nell’economia, potenza militare, cultura, diplomazia, studi, ecc. La via della Cina per uscire dalla crisi globale e dalle follie del consumo e credito della società industriale occidentale fu chiamata “Nuova Via della Seta” nel 2013. Si suppone che collegherà la Cina, la “fabbrica del XXI secolo”, al mercato ad alta tecnologia europeo, soprattutto la Germania. Ricordiamo che l’iniziativa internazionale della Cina è attuare il “sogno cinese”, vale a dire fare del Paese nel 2025 in uno “Stato globale di primaria importanza”. Il Presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping ne fece un primo accenno nella prima visita all’estero, a Mosca, nel marzo 2013, sullo sfondo della crisi finanziaria russa a Cipro. Nella conferenza al MGIMO, a Mosca il 23 marzo 2013, Xi Jinping prese atto dei risultati positivi delle relazioni pragmatiche dei due Paesi nel quadro della “Grande Via del Tè” (Chadao Vanli) fin dal XVII secolo. Ma questo segnale non fu ascoltato o compreso nei corridoi del Cremlino. Il modello economico simbolo dei nuovi rapporti pragmatici tra Federazione russa e Repubblica popolare cinese, non fu neanche capito. Il 16 settembre 2013, durante la visita in Kazakistan e gli incontri con Nazarbaev, Xi Jinping definì le relazioni della Cina con i Paesi dell’Asia centrale “Grande Via della Seta”. Poi l’idea dell’integrazione economica di Paesi con differenti credi e tradizioni culturali fu udita ad Astana. Successivamente l’iniziativa per la Nuova Via della Seta dalla Cina all’Europa assunse la forma della dottrina della “Cintura economica della Nuova Via della Seta” e della “Via della Seta marittima del XXI secolo”. Si tratta dell’iniziativa che costruisce il XXI secolo. Motivo per cui, da due anni, vi prestiamo maggiore attenzione, così come alla Cina e alle sue prospettive di sviluppo.
Ovviamente, la Nuova Via della Seta non è solo un corridoio dei trasporti che collega la Cina con l’Europa, ma una via della Zona di sviluppo economico cinese con profitti negli investimenti garantiti e protetti dai… dollari USA. Così la Cina vuole liberarsi e riparare l’errore colossale di questi ultimi 20 anni, quando la produzione di grandi volumi di varie merci veniva scambiata con biglietti verdi basati sul nulla, reinvestendone nel proprio Paese, in progetti regionali, circa 8 miliardi. A questo scopo fu creata la Banca asiatica per gli investimenti per le infrastrutture (AIIB) nel 2015, che gradualmente si sbarazzerà del dollaro, guadagnando posizione verso i Paesi beneficiari dei prestiti, trasferendoli in yuan. Se la pensano così a Pechino non è chiaro, ma dovrebbe essere logico per sfuggire al cappio del dollaro che si è messo negli ultimi anni, passando per un certo periodo dai dollari agli yuan. E’ chiaro che nella crisi del credito globale e del sistema finanziario basato sui petrodollari degli Stati Uniti, il progetto cinese della Cintura economica della Nuova Via della Seta e della Via della Seta marittima del XXI secolo (“Una fascia – Una via”) è la demarcazione geopolitica della globalizzazione della terra, guidata dalla Cina, dalla globalizzazione del mare guidata dagli Stati Uniti, con una transizione graduale dal ciclo di accumulazione, emissione e credito del capitale degli Stati Uniti, al ciclo di produzione ed economico cinese, ma senza il dollaro al collasso, col quale le perdite della Cina sarebbero colossali.
La dottrina della Nuova Via della Seta si divide in due:
– A. La Cintura economica terrestre della Nuova Via della Seta come spazio di “destino comune, co-prosperità e sviluppo equo”. L’essenza è la via della globalizzazione terrestre nell’Asia centrale, dove sotto l’ombrello della potenza della Cina saranno garantiti gli investimenti con cui la Cina lascerà industrie e tecnologie ad alta intensità energetica e antiambientali, come petrolchimico e metallurgico, grazie al finanziamento della Banca asiatica per gli investimenti infrastrutturali e secondo la programmazione dei capitali (il cosiddetto sistema bancario islamico).
– B. La Via della Seta Marittima del XXI secolo come progetto puramente logistico, collegando i Paesi nell’ambito della Via della “fabbrica del XXI secolo” globale cinese, per garantirne l’approvvigionamento di materie prime e di combustibile, così come l’esportazione dei prodotti finiti.
In altre parole, il cardine dell’integrazione eurasiatica saranno i valori comuni dei popoli delle civiltà non occidentali, secondo la dottrina del nuovo “internazionalismo”, rivestita dal progetto della “Cintura culturale della Via della Seta”. La Cintura economica della Nuova Via della Seta comprende 16 Paesi, 12 dei quali appartengono al “mondo islamico”. È sommamente importante notare che la Zona economica e la Via marittima attraversino la zona d’interesse della Turchia. Storicamente, la Turchia è sempre stato il “tappo” della Via della Seta rientrando nella famiglia delle nazioni dello Stato unitario di Gengis Khan, poi controllato da Timur. La Turchia oggi rivendica anche un ruolo particolare nella cintura economica e un ruolo importante nella sicurezza della cintura. “La Fascia e Via” sarà una tendenza importante per la Cina nel 2016. Saranno decise altre importanti questioni. La prima è la separazione dalla cosiddetta “proprietà di Shanghai”, cambiando il paradigma della crescita comune, dominante in Cina negli ultimi 20 anni, con il paradigma dello sviluppo di nuove condizioni più complesse:
– Il ruolo del Partito comunista come sinonimo di sviluppo stabile del Paese;
– La ridistribuzione dei beni dello Stato;
– Operazione “erede di Xi Jinping”, che inizierà al 19.mo Congresso di fine 2017;
– La situazione di Taiwan
– Nuovo equilibrio di potere nella società, l’ambiente, i pensionati, ecc;
– Problemi macroeconomici;
– Minacce estere;
– Relazioni sino-russe;
– Alleanza anticinese nel Mare cinese meridionale tra Giappone e altri.
La soluzione di tali problemi nel 2016 sarà fondamentale per lo sviluppo della RPC fino alla fine del 21.mo secolo.belt and roadTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...