La Regeneide, ovvero perduta la Siria, si aggredisce l’Egitto

Alessandro Lattanzio, 30/3/2016A supporter of Egypt's army chief General al-Sisi holds poster of al-Sisi and former president Nasser, after bomb attack in CairoPerduta la Siria, il Blocco atlantista si volge contro l’Egitto del Fieldmaresciallo Abdalfatah al-Sisi. Nuovo oggetto del desiderio delle potenze altantiste, da quando Cairo stringe rapporti con Russia e Cina, e s’è sbarazzata della dittatura della setta salafita dei Fratelli mussulmani, creazione dell’intelligence inglese, la stessa che ha arruolato Giulio Regeni per condurre una guerriglia mediatica (e anche armata) (tramite la fondazione Antipode) contro il governo laico egiziano, deciso oppositore alla guerra contro la Siria e attore prominente nella Libia post-Jamahirya; due aspetti intollerabili per USA, Regno Unito, NATO e codazzo della sinistrina socialcolonialista italiana, e i relativi alleati regionali wahhabiti e taqfiriti (Jabhat al-Nusra, Stato islamico, Qatar, ecc.). Infatti, l’obiettivo della cosiddetta ‘Primavera araba’ era ritrasformare il Medio Oriente in una colonia economico-strategica dominata da esigue borghesie compradore e da arretrate sette islamiste.
L’Italia oggi è il ferro di lancia di tale assalto, soprattutto dopo aver ricevuto l’OK dai mass media degli USA come New York Times e Washington Post con il loro imprimatur sulla versione italiana dell’affaire Regeni. E appena ricevuto il via libera, i chihuaua dell’informazione italiana sono scattati sulle zampette posteriori, e sono apparsi figuri come Luigi Manconi, senatore nazipiddino e settario ‘dirittumanitarista’ targato CIA/Soros, oltre che moglio della spacciatrice di veline della CIA Bianca Berlinguer, la stessa che dall’autorevole bancarella della propaganda americanista TG-3 c’informava che Palmyra era stata liberata dagli USA…, oppure Emanuele Fiano, kibbuztnik sionista e gerarca nazipiddino. Tutti costoro invocano la rottura delle relazioni con l’Egitto, così il gas lo si andrà a comprare dai giacimenti occupati da Israele, e non da quelli sviluppati dall’ENI in Egitto.

Manconi e consorte

Manconi e consorte

Nell’impazzare della farsa del dirottamento dell’aereo egiziano, accaduto molto a proposito, con tempistica sospetta, tale da rafforzare l’idea che la liquidazione del provocatore Regeni sia opera delle forze ostili all’Egitto di oggi, l’infame italietta ‘impegnata e di sinistra’, è di tale operazione la salmeria (Ferrero, Cremaschi, i vari settari ‘marx-taqfiriti’, certuni perfino camuffati da ‘amici’ della Siria, gli orfani della spia sionista e pasionaria della ‘Rivoluzione’ islamista in Siria Tytty Cheriasen, ed altre carabattole), che va fiancheggiando con entusiasmo la nuova trovata neoimperialista, ovvero la distruzione degli Stati nazionali del Medio Oriente per sostituirli con degli sceiccati settari, seguendo le direttive delle agenzie d’influenza della NATO (note ufficialmente come ONG o ‘mass media internazionali’). E tutto nel nome della spia Regeni e delle 10mila sterline introdotte in Egitto a finanziare il terrorismo islamista. E difatti, la famiglia Regeni in tutto questo, svolge lo stesso compito svolto dalla famiglia di Vittorio Arrigoni, esercitare un’influenza esiziale nel residuale ambiente ‘internazionalista’, o pseudotale, in Italia, offrendo una copertura ‘romantica’ a un’operazione da guerra mediatica. Prima, la famiglia Arrigoni utilizzò il martirologio di Vittorio (persona che non ho mai apprezzato), per sostenere e supportare in Italia la propaganda e le attività a favore del terrorismo taqfirita contro la Siria. Oggi è la volta della famiglia di Regeni, consigliata dal figuro Manconi e dal suo PD, agente dei petrotaqfiriti a Roma. Infatti, Manconi non ha alzato un ditino per i due tecnici italiani assassinati in Libia dagli stessi figuri, i terroristi taqfiriti, che Regeni e il PD sostengono in Egitto. Da ciò il silenzio complice del contessino Paolo Gentiloni Silverj e della gerarchia nazipiddina, per cinque anni cheerleaders entusiasti dei massacri islamisti in Libia e Siria nel nome della CIA e di al-Jazeera. E’ o non è il PD l’agente che rappresenta gli interessi dei petroemiri e della Turchia neo-ottomana in Italia? Lo si vede bene in Libia, dove l’Italia contrasta l’operato egiziano sostenendo, di fatto, la setta della fratellanza mussulmana che occupa Tripoli e riceve armi e dollari da Turchia e Qatar, Paesi referenti della politica mediorientale di Roma.
A tale farsa oscena e autolesionista partecipa, con entusiasmo, il fecciume leghista che, dopo aver scoperto che il trucchetto di fingersi filo-Russia non porta alcun ritorno sul palchetto della politichina italiana (o padana), ritorna alle origini svolazzando verso Israele per “imparare i loro metodi per la sicurezza” ed invocando il pugno di ferro contro Unione indiana ed Egitto, percepiti dal quadretto medio della Lega quali Stati del quarto mondo abitati da subumani.

Renzi viene sottoposto a pressioni dalle ambasciate USA e Israeliane che utlizzano i loro referenti locali: la Lega, i dalemo-bersaniani nel PD, la sinitra varia e avariata al soldo delle forze wahhabite e salafite.

Renzi viene sottoposto a pressioni dalle ambasciate USA e Israeliana che utilizzano i loro referenti locali: la Lega, i dalemo-bersaniani nel PD, la sinistra varia e avariata al soldo delle forze wahhabite e salafite e il M5S encomiato dalla grande finanza inglese.

Ma il quadro mediorientale invece evolve a una velocità supersonica, ed è prevedibile che mentre l’Italia viene spinta a sprofondare nelle sabbie libiche, l’Egitto rompa i rapporti economico-strategici con Roma, sostituendoli con quelli con Russia, Cina e Francia. Sì, Parigi ha venduto all’Egitto 24 caccia Rafale, le 2 Mistral destinate alla Russia e 6 navi da guerra. Il risultato sarà che Cairo concederà le concessioni gasifere alle compagnie russe, cinesi o francesi, e l’Italia perderà le sue in Libia ed Egitto (meritatamente, visto che fu soprattutto l’ENI di Scaroni a spingere Berlusconi a pugnalare alle spalle Gheddafi, e ad abbandonare i tecnici della Bonelli, Piano e Failla, rapiti a Mellitah da sodali dei servizi segreti italiani). Non è bastato al governo Renzi eliminare 86 quadri e funzionari dei servizi segreti italiani (tra cui i responsabili di Libia e Siria), per salvare Roma dall’imminente nuovo disastro geopolitico voluto e cercato dal PD al servizio delle dittature wahhabitem, e dall’estrema sinistra italiana appendice dell’ufficio informazioni della CIA e di Gladio.

Liwa al-Ansar, ovvero la brigata salafita armata da Qatar e Turchia, ed affiliata allo Stato islamico, utilizza i ritratti di Haftar e al-Sisi come bersagli dei poligoni, chiudendo il cerchio tra agenzie spionistiche atlantiste e italiane, sinistra social-coloniale italiana, terrorismo taqfirita, e Qatar, Turchia e NATO

Liwa al-Ansar, ovvero la brigata salafita libica armata da Qatar e Turchia, ed affiliata allo Stato islamico, utilizza i ritratti di Haftar e al-Sisi come bersagli nei poligoni, chiudendo il cerchio tra agenzie spionistiche atlantiste e italiane, sinistra social-coloniale italiana, terrorismo taqfirita, Qatar, Turchia e NATO.

Concludo che, mentre in Italia la sinistreria si straccia le vesti per un sicario mandato in Egitto dall’intelligence social-colonista inglese, il resto del Mondo celebra un altro giovane che ha combattuto con tutto l’animo il terrorismo settario che i mandanti di Regeni armano e alimentano.
Le ultime parole di Aleksandr Prokhorenko, lo Spetsnaz di Palmira:
Prokhorenko: non posso. Mi hanno circondato e si avvicinano. Vi prego sbrigatevi.
Comandante: vai sulla linea verde, ripeto vai sulla linea verde.
Prokhorenko: sono qui, eseguite l’attacco aereo ora. Sbrigatevi, è la fine, dite alla mia famiglia che li amo e muoio combattendo per la Patria.
Comandante: negativo, torna sulla linea verde.
Prokhorenko: non posso. Comandante, sono circondato. Sono qui fuori. Non voglio che mi prendano. Conduca l’attacco aereo. Faranno strame di me e di questa uniforme. Voglio morire con dignità e che tutti questi bastardi muoiano con me. Vi prego è la mia ultima volontà, conduca l’attacco aereo. Comunque, mi uccideranno.
Comandante: confermate la vostra richiesta.
Prokhorenko: sono qui fuori, è la fine, comandante, la ringrazio. Dite alla mia famiglia e al mio Paese che gli voglio bene. Ditegli che sono stato coraggioso e che ho lottato fino alla fine. La prego si prenda cura della mia famiglia; vendicatemi, addio comandante, dite alla mia famiglia che le voglio bene.
Comandante: nessuna risposta, ordinato l’attacco aereo.1459246450-375fc7981c999742554f6ac19a1be3f0Aleksandr Prokhorenko, che per fortuna sua e mia, non sarà mai ricordato e commemorato dalla sinistraglia taqfiro-sionista che invece celebra una piccola spia e i suoi amici terroristi.

Nel 2013, in Egitto gli amici islamisti della sinistra italiana venivano cacciati dal potere, sventando il piano atlantista-islamista per distruggere gli Stati nazionali arabi e sostituirli con califfati wahhabiti retti dalle locali borghesie compradore alleate della NATO.

Nel 2013, in Egitto gli amici islamisti della sinistra italiana venivano cacciati dal potere, sventando il piano atlantista-islamista per distruggere gli Stati nazionali arabi e sostituirli con califfati wahhabiti retti dalle locali borghesie compradore alleate della NATO.

3 Responses to La Regeneide, ovvero perduta la Siria, si aggredisce l’Egitto

  1. aldo cattano scrive:

    Mi sembrava che Vittorio Arrigoni fosse stato ammazzato dal Mossad e non dai palestinesi. Perchè mettere nello stesso piatto arrigoni e Reggeni?

  2. byebyeunclesam scrive:

    l’agenda Rotschild, via Scaroni

    ROMA, 31 MAR – Un governo regionale in Tripolitania, puntando piu’ realisticamente a una stabilizzazione parziale. Un esecutivo piu’ facile da far nascere, dal quale arriverebbe finalmente l’appello alla comunita’ internazionale per un intervento che lo sostenga e al contempo agisca contro l’Isis. la proposta di Paolo Scaroni, vicepresidente della banca Rotschild ed ex amministratore delegato di Enel ed Eni, in una intervista al Corriere della Sera. Sul fatto che Scaroni definisce la Libia la “prima emergenza nazionale”, spiega: “Perche’ e’ casa nostra. Credo che avere uno Stato fallito a 80 chilometri dalle nostre coste sia un rischio enorme. In primo luogo per l’immigrazione di carattere economico, incontrollata e incontrollabile, che a differenza del passato rischia di bloccarsi da noi. Con il blocco delle frontiere da parte di molti Paesi, c’e’ la concreta prospettiva che l’Italia diventi una grande Calais. Quelli che passano dalla Libia – prosegue – non sono siriani, ma povera gente dai Paesi dell’Africa che cercano un futuro migliore. Gia’ nelle prossime settimane potremmo vedere arrivare sulle nostre coste 2/3 mila disperati al giorno”. “Il problema libico – avverte dunque – e’ colossale, ci riguarda direttamente e deve essere al primo posto dell’agenda di governo”. Quanto all’ ipotesi di un governo regionale, secondo Scaroni “la comunita’ internazionale affronterebbe lo Stato Islamico molto meglio se ci fosse un governo in Tripolitania, che sollecitasse e sostenesse l’azione occidentale. Se dobbiamo aspettare – osserva Scaroni – che ci sia un governo nazionale, penso che tra qualche anno saremo ancora qui in attesa”. (ANSA).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...