La ferrovia cinese collega l’Etiopia al Mar Rosso

F. William Engdahl New Eastern Outlook 13/04/2016ethiopianrailNiente potrebbe essere più simbolico del declino dell’Europa e dell’ascesa di Eurasia della costruzione di una ferrovia moderna dalla capitale etiope Addis Abeba al porto sul Mar Rosso di Gibuti. La linea ferroviaria è stata costruita dalla cinese Civil Engineering Construction Corporation and China Railway Group (CREC), sostituendo la vecchia linea ferroviaria arrugginita costruita dai francesi durante la colonizzazione europea dell’Africa, alla fine del 19° secolo.

Cosa, dove, quando…
La società ferroviaria cinese costruisce una completamente nuova linea ferroviaria elettrica di 656 chilometri dalla capitale etiope Addis Abeba al porto sul Mar Rosso di Gibuti, pienamente operativa da un momento all’altro. Il progetto creerà 5000 posti di lavoro locali e consentirà all’Etiopia di aumentare le esportazioni di prodotti chiave come caffè e sesamo. Offre anche la possibilità di addestrare lavoratori etiopi da parte dei tecnici cinesi della Civil Engineering Construction Corporation. Ad oggi 250 studenti etiopi sono istruiti in Cina nel settore ferroviario, un buon indirizzo della Cina di oggi, primo costruttore al mondo di ferrovie. Costerà 1,2 miliardi di dollari con l’Export-Import Bank of China che la finanzia per il 70 per cento e il governo etiope per il 30 per cento. Sarà uno dei primi treni elettrici in Africa orientale, dalla velocità di 120 km all’ora. Sarà più facile e meno costoso da mantenere rispetto alle precedenti locomotive diesel francesi, l’ultima delle quali fuori servizio dal 2008, essendo meccanizzata e alimentata dalla produzione locale di energia idroelettrica. La linea Addis-Abeba-Mar Rosso è una della rete di infrastrutture ferroviarie in programma che collegherà l’Etiopia, senza sbocco sul mare, ad otto corridoi ferroviari totalizzanti 4744 chilometri, creando una serie di rotte commerciali chiave per i confinanti Kenya, Sud Sudan, Sudan e soprattutto porto di Gibuti. Un’altra linea pianificata collegherà la regione di Afar, dove l’Etiopia incoraggia l’estrazione di sali di potassio per i fertilizzanti. La mancanza di efficienti infrastrutture stradali e ferroviarie è costata cara all’economia. Difficoltà come strade povere e flotte di autocarri vecchi significa che il trasporto di merci da Addis Abeba a Gibuti richiede giorni. La nuova linea ferroviaria ridurrà i tempi di circa otto ore, un’enorme spinta economica ed esempio del potere di trasformazione economica da ben concepite infrastrutture. L’imponente progetto infrastrutturale chiamato GTP è un piano di crescita e trasformazione quinquennale del governo etiope per togliere il Paese dalla povertà e trasformarne l’agricoltura e le potenzialità industriali pari a quelle di un Paese a medio reddito nei prossimi dieci anni. Altre parti del GTP richiedono nuove strade e dighe per la produzione di energia idroelettrica, per produrre tassi di crescita del PIL previsto ad almeno l’8% annuo. Oltre ai cinesi, società turche e brasiliane hanno fatto offerte su altre parti del GTP.

Perché…
I cinesi hanno chiaramente fatto il loro dovere decidendo di costruire infrastrutture economiche cruciali in Etiopia. In Africa è il secondo più popoloso Paese dopo la Nigeria, con circa 96 milioni di abitanti. Qualcosa di poco noto, lungo la Grande Faglia africana, una faglia o cintura tettonica lunga 6000 chilometri dalla Valle della Biqa in Libano al Mozambico e Sudafrica orientale. Alcuni geofisici ritengono che la Grande Faglia etiope o dell’Africa orientale contenga alcuni dei più ricchi giacimenti minerari non sfruttati del mondo e, potenzialmente, giacimenti di idrocarburi pari a quelli sauditi. Finora l’occupazione coloniale di Mussolini e l’assenza di sviluppo durante la guerra fredda hanno escluso queste ricchezze dai benefici per il Paese. Ora ciò cambia. Per i cinesi, sono molti i motivi per aver un collegamento ferroviario tra il porto del Mar Rosso di Gibuti e il secondo maggiore mercato dell’Africa. Uno dei motivi è iniziare a portare le fabbriche cinesi in Etiopia per produrre a costi inferiori rispetto alla Cina, dove negli ultimi dieci anni i livelli salariali sono costantemente aumentati. La combinazione tra costo del lavoro più economico, minore del 10% di quello nella Cina attuale, adeguata elettricità idroelettrica e accessibilità al mare, per la prima volta rendono il Paese un notevole polo di attrazione per gli investimenti esteri diretti. Come esempio del recente aumento dei salari in Cina, la retribuzione media nelle fabbriche nell’Henan, a circa 800 chilometri dalle coste della Cina, è salita del 103 per cento nei cinque esercizi chiusi dal settembre 2014. E’ aumentata dell’80 per cento a Chongqing, lungo i 1700 chilometri del fiume Yangtze, e dell’82 per cento nel Guangdong. Un tipico operaio non qualificato etiope prende circa 30 dollari al mese. Il Sud Africa, il Paese più industrializzato dell’Africa, ha un salario medio mensile di 1200 dollari, e in Cina oggi è di circa 560 dollari al mese. Gli investimenti esteri diretti (IDE) nel Paese sono saliti quasi del 250 per cento, a 953 milioni di dollari nel 2013, rispetto l’anno precedente, secondo le stime della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo. Il governo si aspetta che il 2015 sia record per gli investimenti diretti esteri (IDE). in crescita del 25 per cento dal 2014, dagli 1,2 miliardi di dollari al record di 1,5 miliardi. Quando il nuovo collegamento ferroviario al Mar Rosso sarà aperto nei primi mesi del 2016, il livello di IDE dovrebbe aumentare notevolmente, in particolare con le aziende cinesi, indiane e turche che si affollano per localizzarvisi. Nel maggio 2014 il Primo ministro cinese Li Keqiang e il Primo ministro etiope Haile Mariam Desalegn s’incontravano ad Addis Abeba. Dopo il loro incontro Hailemarian dichiarò alla stampa che la Cina “Ha una grande visione dell’Etiopia quale centrale elettrica dell’Africa“, come disse nella conferenza stampa congiunta ad Addis Abeba. Ciò che emerge intorno alla costruzione cinese di un presunto collegamento ferroviario secondario in un Paese dell’Africa orientale e senza sbocco sul mare, potrebbe sbloccare l’importante sviluppo economico dell’Africa per la prima volta nella storia moderna, qualcosa che le potenze coloniali europee fecero di tutto per evitare.ethiopian rail mapF. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

One Response to La ferrovia cinese collega l’Etiopia al Mar Rosso

  1. Pingback: La ferrovia cinese collega l’Etiopia al Mar Rosso - Vox Populi Blog

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...