Il moltiplicatore di forza segreto di Putin: le Forze Speciali

Roger McDermott, Jamestown, 26 aprile 2016, Modern Tokyo Timesspecnaz_rossiiUna ogni tre domande poste al Presidente Vladimir Putin durante la sua ultima annuale diretta telefonica riguardava la sicurezza nazionale. L’interesse del pubblico sul Donbas si è apparentemente ridotto notevolmente, e le uniche preoccupazioni sullo Stato Islamico (IS) si sono limitate alle preoccupazioni per i terroristi che eventualmente ritornano in Russia. Putin ha chiarito che il rientro dalla Siria non era mai volto al ritiro completo di tutte le forze russe, aggiungendo che l’Esercito arabo siriano (EAS) coglierà ulteriori successi. Il livello della potenza aerea che la Russia dispiega e usa in Siria dipende dal successo dei consiglieri militari nel programma di addestramento ed equipaggiamento intenso dell’EAS. Alcuni dei consiglieri appartengono all’organizzazione militare più segreta della Russia: il Comando delle Forze per la Operazioni Speciali (Komandovanie Sil Spetsialnykh Operatsij – KSSO). Queste forze sono acclamate per il loro ruolo in Crimea e, più recentemente, per le operazioni in Siria. Costituiscono un importante moltiplicatore di forza nell’azione del Cremlino, impiegando pochi militari e risorse ottenendo il massimo impatto sugli obiettivi politico-militari (Voenno Promyshlennij Kurer 19 aprile). Il KSSO, probabilmente non conta più di 1000 effettivi in totale, è una relativamente nuova organizzazione militare della Russia, ma un recente articolo del Voenno Promyshlennij Kurer getta nuova luce su origine, sviluppo e scopo. La narrazione sulla creazione del KSSO ne attribuisce la formazione alla nuova leadership della Difesa nel primi mesi del 2013: il Ministro della Difesa Generale Sergej Shojgu, e il Capo di Stato Maggiore Generale (CGS) Generale Valerij Gerasimov. Infatti, annunciando la creazione del KSSO nel marzo 2013, Gerasimov confermava che era il risultato di un ampio studio dell’esperienza delle strutture delle forze speciali straniere, e il Ministero della Difesa russo formava il comando oltre alle varie forze speciali dei ministeri della sicurezza. Tuttavia, il predecessore di Gerasimov, Nikolaj Makarov, espresse questo interesse molto prima, con un esperimento nel 2009 per creare un ufficio per le operazioni speciali direttamente subordinato al CGS. All’inizio del 2012, Makarov parlava della formazione del KSSO, con i piani per nove brigate speciali e l’espansione del sistema delle forze speciali dell’intelligence militare (GRU Spetsnaz) (RIA Novosti 6 marzo 2013). In effetti, i piani originali per formare il KSSO erano volti ad integrare i centri delle forze speciali esistenti, formando un unico comando responsabile verso il Ministro della Difesa. Questi piani furono elaborati dallo Stato Maggiore e dal GRU e presentati all’allora Ministro della Difesa Anatolij Serdjukov, nell’ottobre 2012, che lo respinse categoricamente. Le proposte furono poi ripresentate dopo il cambio della leadership della Difesa, con argomentazioni volte a ottimizzare e riorganizzare le strutture esistenti (Izvestia 27 novembre 2012).
d6t1IV_06Ls E’ proprio questo contesto che viene affrontato da Aleksej Mikhailov nell’articolo sul Voenno Promishlennij Kurer. Mikhailov sottolinea il ruolo svolto da queste forze per le operazioni speciali in Siria: guidare e correggere gli attacchi aerei, anche dei missili da crociera, e agire in altri campi. Il punto di partenza nel rintracciare le origini del KSSO non è il 2009 e l’interesse di Makarov, ma piuttosto un decennio prima, sottolineando diversi sviluppi dovuti al CGS Anatolij Kvashnin. Mikhailov osservava che nel 1999 un centro di addestramento specializzato fu costituito a Solnechnogorsk, dipendente direttamente dal CGS. Il centro era noto come “Senezh“, e gli agenti indicati come “podsolnukhami“. Verteva pesantemente sull’esperienza delle operazioni contro-insurrezionali e speciali in Cecenia (Voenno Promyshlennij Kurer 19 aprile). Mikhailov parla del fatto che fin quando il KSSO ha risolto questi problemi, c’erano difatti quattro aree distinte e diverse nell’addestramento delle forze speciali, dal reclutamento al tipo di missione. Le forze aviotrasportate si esercitavano in lanci difficili per svolgere ruoli speciali nelle operazioni. Altri erano addestrati nella guerra in montagna, con formazione specialistica presso il centro di addestramento “Terskol” sul monte Elbrus. Ulteriori requisiti erano collegati alla necessità di assaltare edifici o obiettivi nemici in condizioni o terreni difficili. Infine, l’addestramento navale per compiti speciali era necessario per le forze operanti in mare per catturare o sabotare navi nemiche o impianti off-shore. Alcuni ebbero esperienza in Cecenia creando un ulteriore settore per le Forze Speciali, la protezione dei comandanti, ma ciò non fu mai veramente concluso. In altre parole, i riformisti dello Stato Maggiore erano giunti ad identificare i problemi nell’uso delle forze speciali, radicati nella preparazione di specialisti altamente qualificati operanti in vari ambiti. Nonostante questo, il Centro Senezh era volto a costruire una cultura di squadra tra gli allievi, e questo è stato sempre un fattore del reclutamento, cioè la capacità di ciascun candidato di lavorare in squadra. Secondo gli interlocutori di Mikhailov, questo principio è strettamente seguito dal KSSO (Voenno Promyshlennij Kurer 19 aprile). I “Podsolnukhami” del “Senezh” sono stati ampiamente impiegati in Cecenia e recentemente nelle operazioni anti-pirateria nel Corno d’Africa; comprensibilmente le loro attività sono classificate top secret. Tuttavia, sembra che l’esperienza delle operazioni in Cecenia e all’estero abbia rivelato che la subordinazione degli operatori di Senezh non fosse ottimale. Serdjukov attuò dei cambiamenti portando alla creazione del KSSO. Il Centro Operazioni Speciali Senezh del Ministero della Difesa riferiva direttamente al CGS, mentre Serdjukov visitava spesso il centro interessandosi del suo sviluppo. Gli fu accreditato, per esempio, la disponibilità 24×7 dei velivoli da trasporto Il-76 (Voenno Promyshlennij Kurer 19 aprile).
Dal 2010, il Ministero della Difesa russo ha un secondo Centro per Operazioni Speciali a Kubinka, subordinato al direttore del GRU, creazione supervisionata dall’aiutante di Serdjukov Tenente-Generale Aleksandr Miroshnichenko, che aveva in precedenza diretto il Centro Operazioni Speciali del Servizio di Sicurezza Federale (FSB) (Tsentr Spetsjalnogo Naznachenija – TsSN FSB). I rapporti tra questi centri presto si deteriorarono nel promuovere idee in competizione su come le forze speciali dovessero svilupparsi. Suggerendo che l’approccio “Alfa” del FSB si concentrava sulla promozione dell’individualismo, in contrasto col Centro Senezh (Voenno Promyshlennij Kurer, 19 aprile). La risoluzione del conflitto avvenne nel marzo 2013, con la creazione formale del KSSO. E con esso, le strutture furono subordinate in modo più coerente. Il Maggiore-Generale Aleksej Djumin fu nominato comandante del KSSO, visto da molti come figura di compromesso. Miroshnichenko continua ad attrarre nella nuova struttura i suoi ex-subordinati del TsSN FSB (Voenno Promishlennij Kurer, 19 aprile). Sembra, quindi, che le sue reclute siano soprattutto una miscela di ex-Spetsnaz del GRU ed ex-Alfa del FSB.

Zolotov e Djumin

Zolotov e Djumin

Con la benedizione di Putin, Kadyrov continua ad espandere la missione delle Forze Speciali cecene
Mairbek Vatchagaev Jamestown Modern Tokyo Times

2007-9-11-rmamn74111884-copyIl notevole interesse di Ramzan Kadyrov nello sviluppo delle forze speciali cecene è stato già notato prima (vedasi EDM 27 marzo 2015). Il governante della Cecenia cerca di ritrarre queste unità come modello delle Forze Armate russe. Un ex-ufficiale del gruppo Alfa, le unità di élite delle forze speciali russe, è coinvolto nell’addestramento dei militari ceceni, il che significa che Mosca è abbastanza consapevole degli sforzi militari di Kadyrov. Per addestrare le sue forze speciali, Kadyrov ha costruito un grande moderno centro addestramento nella zona di Gudermes. Il centro, a differenza di altri centri simili in Russia, è un’impresa privata (Rbc.ru 11 febbraio). Kadyrov progetta di costruire un’intera città nel centro di addestramento, includendo una scuola, un carcere, stazione ferroviaria e metropolitana e una pista aerea. Il governatore della Cecenia ha anche annunciato alle autorità che uno dei più grandi centri di paracadutismo della Russia sarà costruito in Cecenia. L’impianto sarà presso il Centro Internazionale di addestramento delle Forze speciali, tra il villaggio di Tsentoroi e la città di Gudermes (Vestnik Kavkaza 2 marzo). Secondo il consigliere di Kadyrov per l’addestramento delle forze speciali, Danil Martinov, oltre a fornire servizi di addestrativi alle forze speciali, il centro sarà aperto alle visite del pubblico ceceno e dei turisti. Il pubblico russo ha iniziato a prestare maggiore attenzione alle Forze speciali cecene dopo l’ammissione di Kadyrov che suoi agente eraono coinvolti nel conflitto siriano (Russia.tv 7 febbraio, a un 1 ora e 18 minuti). L’affermazione di Kadyrov contraddice la posizione russa ufficiale secondo cui alcuna forza di terra russe era dispiegata in Siria. Le autorità cecene hanno poi corretto la dichiarazione, dicendo che non c’erano unità di forze speciali cecene in Siria, ma piuttosto un’unità militare federale russa, non interessata alle operazioni terrestri nel Paese (Dp.ru 8 febbraio). L’anno scorso, le autorità cecene propagandarono le vittorie delle forze speciali ceceni in una competizione internazionale di forze speciali tenutasi in Giordania nella primavera del 2015, descrivendole come un “trionfo” (RIA Novosti 24 aprile 2015). Groznij decise di creare un’altra unità militare che operi in condizioni estreme. Alla fine di marzo di quest’anno, le autorità cecene programmavano l’invio di unità delle Forze speciali della repubblica al Polo Nord. I paracadutisti di Kadyrov vi compiranno operazioni di combattimento in clima rigido (Vesti.ru 20 marzo).
Sul suo account personale su Instagram, Kadyrov ha dichiarato che il suo aiutante, l’ex-ufficiale delle forze di sicurezza russe Danil Martinov, supervisionerà l’invio delle forze speciali cecene nel Polo Nord (Instagram.com 20 marzo). Tale operazione richiederà spese significative per assicurare le comunicazioni e la sicurezza del gruppo nel duro ambiente del Polo Nord, il che significa che saranno sostenute dallo Stato russo. Gli specialisti si sono chiesti perché le forze speciali cecene sono stati creati quando l’esercito russo aveva già l’Alfa e altre unità di elite. Diversi anni fa, il giornale di opposizione Novaja Gazeta stimava che le forze di Kadyrov fossero abbastanza consistenti, da 10000 a 30000 uomini (Onkavkaz.com, 21 marzo). Cecenia è l’unica regione della Russia che ha il permesso di avere proprie forze armate regionali. Ma perché Mosca non permettere ad altre regioni del Caucaso del Nord di avere proprie forze speciali? La situazione della sicurezza nel vicino Daghestan, per esempio, era assai peggiore che in Cecenia almeno dal 2008-2010.
Le manovre delle forze cecene assomigliano sorprendentemente alle esperienze dell’impero russo. A quel tempo, i montanari del Caucaso del Nord facevano parte delle guardie personali dello zar, mentre gli alpinisti ne proteggevano la vita in eventuali tentativi di golpe. Attualmente, con Mosca che spende notevoli risorse per l’addestramento dei ceceni fedeli alla Russia, le analogie con il passato imperiale russo sono abbastanza forti. Consentendo a Kadyrov di perseguire questo programma, il Presidente Vladimir Putin crea l’unica unità etnica delle forze speciali della Russia. Sarebbe logico se il presidente russo infine concedesse alle Forze speciali ceceno lo Status federale facendone la personale unità di Forze speciali, anche se in effetti, ciò contrasterebbe con le leggi russe. In un primo momento, sembrava che le autorità preparassero le forze speciali cecene per lo schieramento nel Caucaso del Nord, perché i ceceni conoscono la zona meglio delle forze russe, nonostante la preparazione di queste ultime presso i centri di addestramento di Nalchik e Makhachkala (Thequestion.ru, 16 gennaio). Tuttavia, il previsto sbarco dell’unità cecena al Polo Nord dimostra che Mosca considera le forze cecene uno strumento utilizzabile non solo nell Caucaso, ma anche nel più ampio spettro nazionale.
Nei passati sei mesi, non un mese è passato senza esercitazioni militari tattiche in Cecenia (Regnum, 22 marzo). Funzionari del Cremlino a quanto pare credono che la situazione in Cecenia rimanga instabile e richieda Forze federali russe sul terreno, come ad esempio le unità di polizia provenienti da altre regioni della Federazione Russa. La Regione di Tula, della Russia centrale, per esempio, ha recentemente inviato 80 agenti di polizia in Cecenia (Mk.ru, 22 marzo). Altre regioni russe, da Kaliningrad a Sakhalin, hanno anche inviano regolarmente rinforzi in Cecenia. Così, Mosca non considera la situazione nel Caucaso del Nord come del tutto stabile. Resta del tutto plausibile che il governo prepari le forze speciali cecene per svolgere compiti nella regione, nel prossimo futuro, se la situazione peggiorasse in qualche modo.maxresdefaultTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...