La rinascita del neonazismo inizia dall’Ucraina

Konrad Stachnio New Eastern Outlook 01/05/2016

Andrej Parubij

Andrej Parubij

I ‘patrioti’ ucraini incoraggiati dal sostegno polacco sotto forma di giubbotti antiproiettile, stivali e altri oggetti di valore inviati ai camerati in lotta contro l”aggressione russa’, hanno finalmente deciso di visitare il Paese partner strategico.

Tour dei campi di concentramento
La visita ai campi di concentramento tedeschi più grandi della Polonia consiste in foto ai forni crematori o alle caserme nel gesto comunemente noto in Ucraina come ‘fama per la vittoria’, per di più facendo eco agli ex-“residenti” di questi campi con un ‘Sieg Heil’. Questi sono semplicemente i germi democratici con cui avremo presto a che fare su grande scala in Europa, se l’abolizione prevista dei visti per i cittadini ucraini viene introdotta dall’Unione Europea, lasciando che i frutti ucraini di Maidan si diffondano in Europa a supporto di processi “democratici” qua e là. Eppure c’è molto per cui lottare. In Ucraina si affronta da tempo l”aggressione russa’ all’Europa, laddove l”invasione islamica’ è una minaccia crescente.

La legge Savchenko
1420965833-420-x-236px-poroshenko-nazi “La legge Savchenko” prende il nome da Nadezhda Savchenko, l’aviatrice ucraina imprigionata in Russia. La legge prevede l’accorciamento dell’incarcerazione grazie al cosiddetto “due-per-uno”, cioè per ogni giorno che il criminale ha trascorso in custodia cautelare, il giudice ridurrà la pena di due giorni. In Ucraina si assiste ad un secondo fronte dove aumentano le persone uccise dai criminali, ogni trimestre, molto più che al fronte! Mentre nel 2010 il tasso medio di omicidi ogni 100mila abitanti era 5,2, nel 2014 fu 27 e nel 2016 sarà 34! Va ricordato che, a seguito dell’amnistia del 2016, 70000 criminali furono rilasciati dalle carceri, tra cui 1000 assassini, dichiara l’esperto sulla sicurezza dello Stato polacco Andrzej Zapalowski. Sembra che sia solo l’inizio di una grande ondata democratica che potrebbe diffondersi dall’Ucraina all’Europa. Come dice l’ex-capo di Settore destro, membro del Consiglio ucraino e consigliere del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito ucraino Dmitrij Jarosh: “considerando l’attuale politica del governo, siamo minacciati dalla liquidazione dello Stato. Dobbiamo effettuare i cambiamenti rivoluzionari che avevamo chiesto a piazza Maidan. Ho sempre meno speranza che sia possibile in modo costituzionale. È per questo che collaboriamo con le strutture militari, nonché con chi è al potere. Ci rendiamo conto che in caso di disordini, l’intero Paese potrebbe ‘esplodere’. Solo l’esercito e il potere patriottico potranno salvare la situazione. Non mi fido dei politici”. Come risultato di tali cambiamenti democratici già programmati in Ucraina, ci si potrà aspettare a breve un altro flusso di migranti in Europa. E tra loro, i principali esecutori dei processi democratici in Ucraina, vale a dire razzisti e criminali neo-nazisti. “Uccideremo (Rezac) lentamente e senza pietà. Forse l’Europa è umanitaria, ma è c’è una posizione diversa nella società. Se avete paura dei fascisti, infonderò l’incubo fascista nelle vostre anime, c’è abbastanza Zyklon B per ogni separatista”. Queste le parole di uno dei nuovi democratici europei ed anche eroe della mostra “I vincitori” dedicato ai volontari feriti che combattono nella cosiddetta ‘operazione antiterrorismo’ in Ucraina orientale. La mostra è stata presentata al Parlamento europeo. Purtroppo, più l’Ucraina diventa “il democratico Medio Oriente d’Europa”, più potenti diventano tali “elementi democratici” con scarcerazioni di assassini, organizzazioni mafiose, movimenti neo-nazisti e via libera ad ogni sorta di feccia della società, come il co-fondatore del Partito nazional-sociale di Ucraina Andrej Parubij, eletto presidente del Parlamento dal Consiglio. Il Partito nazional-sociale di Ucraina (SNPU) era un partito di estrema destra divenuto poi Svoboda e direttamente correlato al partito nazista. Inoltre, non va dimenticata la migliore merce esportata dall’Ucraina: “Dopo gli attentati in Belgio, la senatrice francese Nathalie Goulet ha dichiarato che vi è un campo di addestramento jihadista in Ucraina. In una trasmissione alla radio francese, ha detto che il campo dei terroristi è nel cuore dell’Ucraina, in particolare nella regione di Dnepropetrovsk. Vi sono speciali volontari che si addestrano militarmente provenienti da Caucaso del Nord, Asia centrale, ceceni, turchi e giordani”, come si legge su Fort Russ. Pertanto, l’abolizione dei visti dall’Ucraina che sale le vette della democrazia sarebbe una buona idea per lasciarla integrare nell’Europa, che sembra andare nella stessa direzione simile, creando un unico grande caos. A quanto pare questa è l’unica via d’uscita per gli ucraini comuni, affinché non muoiano di fame nell’Ucraina che intende stabilire tali standard democratici.

Chi trae vantaggio dall’ondata migratoria
In questo campo neo-nazisti ed altre organizzazioni criminali, come ad esempio Cosa Nostra (impegolata nel flusso di migranti) sempre più si rivelano essere i ‘beneficiari’ dei processi “democratici” in Europa. Si vedano ad esempio le manifestazioni del NPD tedesco contro gli islamisti che minacciano l’Europa bianca o le riunioni tra NPD tedesco e UNA-UNSO ucraino. Campi di addestramento per neonazisti tedeschi e ucraini si trovano anche in Polonia, nella regione di Warmia e Masuria per essere esatti. Le persone che ne sanno sono troppo intimidite per parlarne apertamente. Le informazioni su tali campi provengono da tre fonti indipendenti. Se i cosiddetti attentati islamici s’intensificano in Europa, gli europei potrebbero desiderare di sbarazzarsi degli ospiti indesiderati. Di qui i cosiddetti movimenti neonazisti possono diventare istantaneamente i beneficiari di tale processo, o almeno considerati utili. Gruppi neonazisti, come la divisione misantropica, islamisti e sinistra teleguidata e finanziata da George Soros hanno un obiettivo comune: la dissoluzione dello status quo in Europa. In tale contesto, lo SIIL che copia le tecniche belliche tedesche del 1908 assieme all’addestramento di bambini nel perpetrare attentati suicidi nello stile dell’Hitlerjugend, sembra uno scherzo truce.

Nadezhda Savhcenko, la torturatrice neonazista ucraina processata a Mosca, e per la cui liberazione si battono piddini e radicali.

Nadezhda Savchenko, la torturatrice neonazista ucraina processata a Mosca, e per la cui liberazione si battono piddini e radicali.

Konrad Stachnio è un giornalista indipendente polacco, ha ospitato vari programmi radiofonici e televisivi per l’edizione polacca di Prison Planet, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

One Response to La rinascita del neonazismo inizia dall’Ucraina

  1. Pingback: La rinascita del neonazismo inizia dall’Ucraina - Ancora Fischia il Vento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...