Il leader del Giappone visita la Russia contro il volere degli Stati Uniti

Alex Gorka Strategic Culture Foundation 13/05/2016n-abeputin-a-20141019Il 6 maggio il Presidente Vladimir Putin incontrava il Primo ministro giapponese Shinzo Abe nella località del Mar Nero di Sochi. I leader hanno discusso dei modi per rafforzare i legami bilaterali e risolvere la disputa territoriale sulle isole Curili. Ucraina, Corea democratica, Siria, terrorismo internazionale e cooperazione bilaterale erano all’ordine del giorno. Le parti hanno deciso di rinnovare le riunioni periodiche nel formato 2+2 tra ministri degli Esteri e della Difesa. Un accordo è stato raggiunto per continuare i contatti tra i consigli di sicurezza dei due Paesi. La Russia ha anche sostenuto il coinvolgimento del Giappone nella task force umanitaria in Siria. Il Giappone è stato invitato a partecipare all’esercitazione anti-contrabbando nel Pacifico a luglio-agosto. Molte cose sono state discusse in modo confidenziale, a porte chiuse. Come previsto, non ci sono stati passi avanti sul Trattato di pace e la controversia territoriale, anche se le parti hanno detto che le discussioni sono state costruttive. La questione delle isole contese è troppo difficile da risolvere rapidamente. Richiede pazienza e agilità. I militari russi osservavano i colloqui da vicino mentre studiano diversi piani per rafforzare la difesa dell’area. Va ancora precisato l’isola che ospiterà i missili a lungo raggio antiaerei e antinave. I leader di Russia e Giappone hanno deciso di negoziare la controversa questione a giugno tra viceministri degli Esteri. Nel 2013, Abe è stato il primo leader giapponese a compiere una visita ufficiale in Russia dopo un decennio, cercando di risolvere le divergenze e ampliare la cooperazione. Questo è il 9° incontro dei due leader dal 2012 (quando Abe fu rieletto premier) e la 13.ma volta cui i leader s’incontrano, dalla riunione tenutasi nel primo mandato di Abe (2006 – 2007). Due fattori rendono l’evento particolarmente simbolico. Il primo, il 40° vertice G8 (ora G7) che si tenne a Sochi nel giugno 2014 e trasferito a Bruxelles dopo che la Crimea divenne parte della Russia. Il secondo, questa è la seconda volta che il Premier si reca a Sochi. A differenza di altri capi occidentali, come i membri del G8, si recò ad assistere ai Giochi Olimpici Invernali di Sochi durante la crisi in Ucraina, dimostrandosi un diplomatico abile e lungimirante. Lo sviluppo delle relazioni con la Russia rende la politica estera giapponese più equilibrata e apre la via alla partecipazione a vantaggiosi progetti economici. Va sottolineato che l’importanza del vertice Russia-Giappone del 6 maggio a Sochi va oltre i legami bilaterali. E’ l’evento principale negli ultimi rapporti tra Russia e G7. La visita ha avuto luogo prima del vertice G7 previsto per fine maggio. La Russia è stata l’ultima tappa del viaggio del premier che includeva Francia, Italia, Belgio, Germania e Gran Bretagna. Il 42° vertice del G7 si terrà il 26-27 maggio 2016 al Shima Kanko Hotel sull’isola di Kashiko, Prefettura di Mie, Giappone. Il premier giapponese voleva che il vertice Giappone-Russia precedesse l’evento, col Presidente russo Vladimir Putin che inviava un segnale a Tokyo dicendo “Lo sviluppo del dialogo multi-programmato con il Giappone è una delle nostre priorità in politica estera. Conto sulla prevista visita del (Primo ministro) Shinzo Abe del 6 maggio per poter ampliare le relazioni russo-giapponesi con mutuo vantaggio e tenendo conto dei reciproci interessi”.
Shinzo Abe è il primo leader del gruppo G7 a visitare la Russia dal marzo 2015, quando il Presidente Putin incontrò Matteo Renzi. A differenza dei Paesi anglofoni, i capi occidentali cominciano ad intensificare gradualmente i contatti con la Russia. Ministri tedeschi sono visitatori frequenti a Mosca. L’estate scorsa il Presidente Putin fu invitato a visitare Expo-2015 di Milano, sfruttò l’opportunità per incontrare Papa Francesco e visitare Berlusconi. Il viaggio di Abe sarà seguito dalla visita, il prossimo mese, del primo ministro Renzi nell’annuale Forum sugli investimenti nella città natale di Putin, San Pietroburgo. Questa volta, Abe, alleato chiave degli Stati Uniti nella regione Asia-Pacifico, “restava ritto seguendo la sua strada”, respingendo la pretesa del presidente Barack Obama di non visitare la Russia, secondo Kyodo del 24 febbraio. In un intervista a RIA Novosti, prima della riunione, il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha detto che gli statunitensi dicono segretamente agli altri, tra cui il premier giapponese, di non visitare la Russia. Un anno prima, alla vigilia delle celebrazioni del 70° anniversario della vittoria nella Seconda guerra mondiale, la tattica funzionò. Shinzo Abe non visitò Mosca. Questa volta l’importanza delle relazioni con la Russia prevalgono su altri motivi. Il Giappone ha davvero bisogno del dialogo e la Russia è pronta ad andargli incontro. I leader si sono incontrati tre volte negli ultimi due anni. Abe era più che disposto a incontrare Putin a New York presso la sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite dell’anno prima. Un successo in politica estera è importante per il leader giapponese. L’opposizione ha buona probabilità alle elezioni di autunno mentre l’economia ristagna. Mosca è importante per bilanciare le relazioni tra Giappone e Cina. Inoltre, è sempre più difficile per Washington fare pressioni su Tokyo mentre coopera con Mosca sulla Siria e dice apertamente che la cooperazione è di grande importanza. Ma la pressione degli Stati Uniti è ancora abbastanza forte per fare rinviare la visita di Putin a Tokyo, inizialmente concordata nel 2014. Quando si deve decidere la data, Tokyo si comporta come il gatto che ama il pesce ma odia l’acqua. Il Primo ministro giapponese Shinzo Abe ha confermato ancora una volta l’invito al Presidente Vladimir Putin a visitare il Giappone, senza annunciarne la data. Il presidente e il premier hanno discusso i dettagli dell’invito. A sua volta, Vladimir Putin ha invitato Shinzo Abe ad aderire al 2° Forum Economico Orientale che si terrà a Vladivostok il 2 – 3 settembre. La visita ha finalmente posto fine ai tentativi degli Stati Uniti di mantenere la Russia isolata dal G7. I suoi avvertimenti sono ignorati a favore del rinvigorito dialogo con la Russia. L’evento testimonia come i contatti tra Russia e principali potenze mondiali aumentano ed hanno buone prospettive per il futuro.0,,18958022_401,00

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Un ‘amichevole’ premier giapponese propone un ‘nuovo approccio’ alla Russia su come consegnare le Curili a Tokyo
Galina Dudina, Kommersant, 16 maggio 2016 – Russia Insider

bef6568b-f6fc-486b-b7d2-99cea952a3a0_mediumIl Primo ministro giapponese Shinzo Abe ha visitato Sochi il 6 maggio per colloqui col Presidente russo Vladimir Putin. Oltre a commercio, cooperazione economica ed investimenti, i due leader hanno discusso la questione dolorosa del trattato di pace della Seconda guerra mondiale, che non sarà concluso finché la disputa territoriale sulle isole Curili del sud sarà risolta. Dopo i colloqui, Abe ha detto di aver proposto un “nuovo approccio” per risolvere la disputa territoriale.

Tono amichevole
Abe aveva visitato la città turistica nel 2014 per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali. “Il calore di questa meravigliosa città mi ricorda il mio incontro con Vladimir nel 2014“, ha detto Abe in un indirizzo marcatamente amichevole all’ospite. “Con i ricordi delle belle attrazioni di Sochi, non vedevo l’ora di incontrare Vladimir. Sono molto contento di vedervi“. Putin ha salutato l’ospite con tono ufficiale. “Sig. Primo ministro, vediamo la vostra visita come un’opportunità per collaborare su questioni di reciproco interesse“, ha detto. Allo stesso tempo, il leader russo si è vagamente riferito alle tensioni esistenti tra i due Paesi. “In considerazione degli sviluppi politici, commerciali ed economici, ci sono questioni che vanno trattate in via prioritaria“, ha detto Putin. Le questioni all’ordine del giorno dei colloqui erano già note, tra cui la prospettiva della firma del trattato di pace (che Abe ha menzionato nel discorso di apertura), la questione delle isole Curili del Sud, così come la cooperazione bilaterale e la risoluzione dei conflitti in Siria, Ucraina e penisola coreana. L’incontro fu organizzato durante i colloqui del Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov con l’omologo giapponese Fumio Kishida, a Tokyo, a metà aprile. Era Lavrov a riassumere i risultati dei colloqui tra il Presidente Putin e il Primo ministro Abe. Ha detto che i due leader hanno discusso dei rapporti commerciali ed economici così come dell’imminente visita di Vladimir Putin in Giappone “comprese date specifici” (che saranno annunciate). Putin ha invitato Abe a partecipare al Forum economico orientale, che si terrà a Vladivostok ai primi di settembre. Inoltre, i russi hanno proposto di rilanciare il formato 2+2 nato nel 2013 sui colloqui congiunti dei ministri degli Esteri e della Difesa dei due Paesi. “Speriamo che i nostri colleghi giapponesi ci ascoltino“, ha detto Lavrov, aggiungendo che il formato era “utile date le minacce alla sicurezza nella regione Asia-Pacifico e nel Sud-Est asiatico“.

Le controversie sulle Curili del sud
Abe ha detto di aver proposto un “nuovo approccio” per risolvere la questione delle isole contese. Tuttavia, né i giapponesi, né i russi hanno reso noti i dettagli dell’approccio. “Ci sono state osservazioni sui media giapponesi su quale idea Shinzo Abe avesse portato a Sochi, suggerendo che la proposta in una certa misura si basi sull’idea avanzata nel 1998 dall’allora Primo ministro giapponese Ryutaro Hashimoto durante l’incontro con Boris Eltsin“, dice Aleksandr Panov ex-ambasciatore russo in Giappone. “Non si può escludere che la parte giapponese possa proporre un’opzione per cui le isole di Habomai e Shikotan siano consegnate al Giappone dopo la firma del trattato di pace, mentre le altre isole (Iturup e Kunashir) per un certo periodo di tempo, 30-50 anni, rimarranno sotto il dominio amministrativo della Russia“. Panov aggiunge che tale proposta sarebbe considerata un compromesso dal Giappone. La prossima occasione per le due parti di discutere la questione delle isole Curili e il trattato di pace si avrà a giugno, in una riunione tra i viceministri degli esteri. Aleksandr Gabuev, capo del Programma Asia-Pacifico del Carnegie Moscow Center, suggerisce che la dichiarazione coraggiosa di Shinzo Abe abbia più a che fare con la situazione politica interna in Giappone. In vista delle elezioni politiche anticipate previste a luglio, “c’erano aspettative molto alte sulla visita di Shinzo Abe a Sochi“, aggiunge. Abe ha dovuto dimostrare che non era solo una “visita a vuoto” e che era pronto a cercare nuovi approcci per una delle questioni chiave della politica estera di Tokyo, dice Gabuev.abeputinfeb20Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

One Response to Il leader del Giappone visita la Russia contro il volere degli Stati Uniti

  1. Pingback: Il leader del Giappone visita la Russia contro il volere degli Stati Uniti | reparto27

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...