Come gli USA hanno posto le basi del golpe in Brasile

Pedro Marin Off Guardian 25 maggio 2016 – Russia Insider
“Ciò che è necessario in Brasile è che il governo faccia ciò che Putin ha fatto: costringere tutte le ONG a registrarsi e a registrare il denaro che ricevono, da dove lo ricevono e come lo usano… Tutte queste organizzazioni sono finanziate e addestrate dall’estero…”rede-golpe-televisao-article-headerAuditorium pieni fino all’ultimo posto, camion sonori, uffici. Organizzazioni come Millenium Institute, Movimento Libero Brasile (MLB), Istituto liberale, Ludwig von Mises Institute – Brasile e Studenti per la Libertà del Brasile come per magia sono comparse nello scenario politico del Brasile, pubblicando libri e organizzando dimostrazioni con strutture enormi, oltre a fare formazione e conferenze, un processo che ha trovato terreno fertile nel Paese per via della crisi globale e dell’operazione Lava Jato. Ma nonostante i tentativi di fondatori e media di dipingere i progetti che promuovono come qualcosa “per il Brasile”, originati dal popolo brasiliano “spontaneamente”, tali organizzazioni sono finanziate e addestrate dall’estero, secondo Marina Amaral in un articolo per Agência Publica, mostrando come una rete di organizzazioni non governative promuova la formazione della leadership e finanzi “intellettuali” per costruirsi un consenso così come movimenti sovversivi. Tra tali organizzazioni in America Latina c’è la rete Atlas. Fondata nel 1981 con l’obiettivo di “promuovere le politiche economiche da libero mercato nel mondo”, Atlas è un think-tank che finanzia apertamente attività di destra in oltre 90 Paesi. Con un budget annuale di 11,5 milioni di dollari, agisce finanziando e plasmando figure neoliberiste. Poiché la legislazione degli Stati Uniti vieta che tali organizzazioni finanzino l’agitazione politica nel mondo, ogni movimento è sostenuto da “istituti di formazione” liberi di ricevere fondi. Questo è il rapporto tra il Centro di formazione Studenti per la Libertà (EPL) e l’attivismo professionale del Movimento Libero Brasile, per esempio. Il bilancio dell’EPL quest’anno era di circa 85000 dollari. “Nel primo anno abbiamo avuto circa 8000 real, nel secondo anno abbiamo avuto 20000 real, e nel 2014 e 2015 molto di più. Riceviamo soldi da organizzazioni straniere, nonché da Atlas. Atlas è il principale finanziatore di Studenti per la libertà. In Brasile, l’organizzazione principale è la Friderich Naumann, organizzazione tedesca che non è autorizzata a donare denaro, ma paga le nostre spese“, ha detto Torres Juliano, amministratore esecutivo della filiale brasiliana di Studenti per la libertà. In Ucraina, dove c’è stato il colpo di Stato contro il presidente eletto Viktor Janukovich nel 2014, Atlas ha finanziato il Centro per il libero mercato Bendukidze e il Centro di ricerche economiche e sociali. Il primo ha come membro l’ex-presidente della Georgia e attuale governatore di Odessa Mikheil Saakashvili, e il vicecapo presidenziale ucraino (golpista) Aleksandr Daniluk. Il primo è anche finanziato dall’Open Society Foundation del noto speculatore e mandante delle rivoluzioni colorate George Soros, ed hanno come partner agenzie governative di Ucraina, Canada, Regno Unito, USAID e Banca mondiale. Nel 2014, Atlas Network diede circa 4,5 milioni di dollari a varie organizzazioni nel mondo. In America Latina diedero solo 984000 dollari ad organizzazioni di seguaci di Milton Friedman, Hayek e Mises e contrarie ai governi progressisti della regione. È il caso di Cedice Libertad, in Venezuela, e di organizzazioni come Fondazione per i diritti umani in Venezuela, creato negli USA da Thor Halvorssen e dal cugino e figlio di un ambasciatore del governo di Andrés Pérez, Leopoldo López, che attacca i governi non allineati di Venezuela, Cuba e Russia, ed è nota per la creazione nel 2015 di una campagna online per diffondere propaganda nella Corea democratica. Ma Atlas è finanziata da varie società e fondazioni. Aziende come Google, Exxon Mobil ed organizzazioni come DonorsTrust [1], State Policy Network, creato dal consigliere di Ronald Reagan Tom Roe, e Charles G. Koch Foundation, legata alle note Koch Industries, sono solo alcuni dei nomi che finanziano Atlas con più di 4 milioni di dollari da tutto il mondo.

Una rivoluzione colorata in Brasile?
icon-2 Questo, naturalmente, è motivo sufficiente per allarmarsi: la popolarità della destra cresce in un Paese con 31 anni di tradizione democratica, con abissi sociali e guidato da un partito ampiamente supportato per 12 anni che ha guidato la partnership con i governi popolari della regione. Anche le strade, storicamente monopolizzate dalla sinistra, sono state occupate. A ciò si aggiungono altre coincidenze molto strane: il giudice Sérgio Moro, che poco tempo prima cercava d’incendiare il Paese, prese parte nel 2007 a un corso per potenziali leader promosso dal dipartimento di Stato degli USA. E’ anche un fatto degno di nota che durante il processo sull’operazione Lava Jato, solo le società brasiliane furono colpite, anche se diverse società estere vennero menzionate da informatori della polizia federale. Ebbene, il giorno dopo che l’impeachment di Dilma Rousseff venne approvato alla Camera, il senatore dell’opposizione Aloysio Nunes si recò nella sede della potenza globale: Washington. Lì, come rivelato da Mark Weisbrot in un articolo per l’Huffington Post, s’incontrò con l’ex-ambasciatore degli Stati Uniti in Brasile e attuale “numero tre” del dipartimento di Stato Thomas Shannon: la volontà di Shannon d’incontrare Nunes pochi giorni dopo l’impeachment indica chiaramente che Washington affianca l’opposizione in questa impresa. Come facciamo a saperlo? Molto semplicemente Shannon non aveva bisogno di tale incontro. Se voleva dimostrare che Washington era neutrale nel feroce e profondamente polarizzante conflitto politico, non avrebbe avuto un incontro coi massimi protagonisti, soprattutto in questo particolare momento. Infine, per l’ansia e il sospetto scioccante dei distratti, è importante notare i rapporti che Michel Temer ha coi partner del Nord. Il 19 giugno 2006, per esempio, Temer, all’epoca presidente del partito PMDB, s’incontrò col console generale degli Stati Uniti in Brasile, a San Paolo, e rispose a domande su elezioni, candidati e suo partito. Dice il console a Washington, in un messaggio trapelato [2] da Wikileaks nel 2011: “Per quanto riguarda le fortune del suo partito, Temer ha confermato i rapporti secondo cui il PMDB non avrà un proprio candidato presidenziale e non entrerà in un’alleanza formale con il PSDB o il PT. […] Il PMDB è perfettamente diviso tra pro e anti-Lula. I primi cercano l’alleanza col PT e sperano in diversi ministeri nella seconda amministrazione Lula. Temer, che è anti-Lula, è molto critico verso la fazione pro-Lula e ha commentato ironicamente su alcune contraddizioni e divisioni interne del partito“. Per il politologo e storico brasiliano Moniz Bandeira, l’allarme suonava da tempo. “Queste dimostrazioni iniziate l’anno scorso e prima della Coppa del Mondo non sono spontanee. Furono preparate in anticipo da elementi addestrati, agitatori addestrati”, spiega. Nel suo libro “A Segunda Guerra Fria” (La seconda guerra fredda) descrive in dettaglio il ruolo di certe ONG e pensatoi nelle cosiddette rivoluzioni colorate. “Ciò che è necessario in Brasile è che il governo faccia ciò che Putin ha fatto: costringere tutte le ONG a registrarsi, registrare il denaro che ricevono, da dove lo ricevono e come lo usano“. Moniz sottolinea l’interesse statunitense nel mantenere il dominio del dollaro come valuta globale. Secondo lui, la minaccia dei BRICS e l’inesistenza di potenze regionali nel continente. “Ciò che gli Stati Uniti non vogliono è il Brasile con i sottomarini nucleari, non vogliono una potenza regionale in Sud America, per non parlare dei legami con Cina e Russia. E c’è un dettaglio ignoto al popolo brasiliano: la lotta sulla valuta di riserva internazionale. Il fatto che gli Stati Uniti hanno il diritto di stampare tutti i dollari che vogliono e che il dollaro sia la valuta internazionale: è quella l’egemonia degli Stati Uniti. Ed ciò a cui Cina e Putin vogliono porre fine, questa è la ragione dei BRICS“.

Note
[1] Organizzazione che consente donazioni anonime per le “cause della libertà”, creata da Donors Capital Fund, e secondo un rapporto di Fear Inc. è una delle primi dieci organizzazioni che contribuiscono maggiormente al sentimento anti-musulmano negli Stati Uniti.
[2] Due giorni dopo la pubblicazione dell’articolo, Wikileaks definiva Temer informatore degli Stati Uniti. Questo è esattamente il punto che l’autore ha voluto indicare.marcha-brasil-golpe.jpg_1572843699-700x395Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

2 Responses to Come gli USA hanno posto le basi del golpe in Brasile

  1. Pingback: Come gli USA hanno posto le basi del golpe in Brasile - Ancora Fischia il Vento

  2. Pingback: Come gli USA hanno posto le basi del golpe in Brasile — Aurora – katniss2016

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...