Lo yuan soppianterà il dollaro USA?

Valentin Katasonov, Strategic Culture Foundation 29/05/201614_Globales_22_1p01Molti credono che il dollaro e lo yuan potrebbero presto entrare in una feroce battaglia per dominare il mondo della finanza internazionale. Tuttavia, John Williams, presidente della Federal Reserve Bank (FRB) di San Francisco, ha dichiarato il 10 maggio che lo yuan non può sostituire il dollaro come valuta di riserva globale primaria. Sono incline a pensare che abbia ragione.

La trasformazione dello yuan in valuta di riserva ufficiale
Lo scorso autunno il Fondo monetario internazionale ha preso una graditissima decisione per Pechino aggiungendo lo yuan a ciò che viene chiamato paniere DSP (DSP diritti speciali di prelievo, moneta sovranazionale emessa dal FMI in quantità limitate). Ciò significa che lo yuan ha ora lo status di valuta di riserva ufficiale, insieme a dollaro, euro, sterlina inglese e yen giapponese. Dopo la crisi finanziaria del 2007-2009, lo yuan è diventato competitivo verso sterlina inglese e yen giapponese, per il grande volume di transazioni dello yuan nel mercato dei cambi e l’uso nel commercio internazionale ed altri pagamenti internazionali. Tuttavia, lo yuan è molto diverso dalle altre quattro valute di riserva incluse nel paniere del FMI. In primo luogo la moneta cinese non è ancora liberamente convertibile. Inoltre, proprio alla vigilia della decisione del Fondo monetario internazionale nell’agosto 2015, il tasso di cambio dello yuan si ridusse abbastanza indicando instabilità. Nei congressi del Partito comunista cinese, il governo ha spesso ribadito che lo yuan deve diventare una moneta internazionale. De jure è già a metà strada (la decisione del FMI non sarà effettivamente in vigore fino a ottobre). Ma ci sono grandi domande sul de facto.

Come lo yuan è stato internazionalizzato
Ogni mese vi sono rapporti secondo cui la Cina firma nuovi accordo di cambi di valuta (per quanto riguarda lo scambio di valute nazionali tra banche centrali) con un Paese o un altro. Ai primi di settembre 2015 la Cina aveva 33 accordi di currency swap. Il valore complessivo di questi accordi valutari della Cina sarebbe di 3,16 miliardi di yuan. Un altro problema legato all’internazionalizzazione dello yuan è la creazione di centri di compensazione all’estero della Cina (“hub yuan”). Uno “hub yuan” è il “terminale” attraverso cui i non residenti accedono alla valuta cinese, così come a vari strumenti finanziari denominati in yuan. Questi hub sorvegliano pagamenti ed accordi in yuan con aziende e banche cinesi, tra cui servizi di compensazione. Le principali banche cinesi vengono nominate istituzioni gerenti gli “hub” dello yuan, operando tramite filiali e uffici in altri Paesi. Venti “hub” dello yuan erano già in servizio o in programma all’inizio del 2016. I più grandi attualmente operativi sono a Hong Kong, Singapore, Taiwan, Seoul, Londra, Francoforte, Parigi e Lussemburgo. Ambiziosi progetti volti a sollevare il prestigio internazionale dello yuan vengono lanciati in un Paese dopo l’altro. Ad esempio, a metà del 2014 le imprese della Malesia emisero obbligazioni in valuta cinese per 4,4 miliardi di yuan. E gli eventi verificatisi nell’ottobre 2015 a Londra furono ancora più elettrizzanti. La Banca Popolare della Cina (PBoC) offrì un anno di obbligazioni, in valuta cinese, da vendere nella borsa di quel centro finanziario internazionale. Il debito offerto valeva cinque miliardi di yuan (787 milioni di dollari). Ma furono presentate offerte per sei volte tanto, 30 miliardi di yuan (circa 4,4 miliardi di dollari). La Banca industriale e commerciale della Cina e la banca inglese HSBC furono i coordinatori principali della vendita del debito. Le banche cinesi ABC, Bank of China, Bank of Communications, CCB e l’inglese Standard Chartered ne furono interessate.

Lo yuan non viene utilizzato nelle transazioni tra Paesi terzi
China4-e1441041554667 All’inizio dello scorso anno, il quotidiano Financial News, di proprietà della Banca popolare della Cina, riferiva che nel 2014 i pagamenti transfrontalieri in valuta cinese erano stati pari a 9,95 miliardi di yuan (1,6 miliardi di dollari). Il commercio estero della Cina quell’anno fu di 26,34 miliardi di yuan (esportazioni e importazioni). Secondo i dati ufficiali cinesi, nel 2014 il 25% degli scambi internazionali della Cina impiegò lo yuan. Lo yuan fu imposto anche per alcune operazioni transfrontaliere della Cina, come ad esempio scambio di investimenti, rimesse finanziarie, distribuzione di dividendi e altri redditi da capitale. In altre parole, lo yuan gioca solo la parte di valuta internazionale della Cina nelle relazioni bilaterali con altri Paesi. Prima di tutto coi Paesi asiatici vicini. In secondo luogo con le nazioni dell’America Latina. E poi coi Paesi europei (soprattutto fuori dall’UE). Lo yuan non è ancora quasi mai utilizzato con certi principali partner commerciali della Cina, come ad esempio nel commercio con gli Stati Uniti. L’uso dello yuan nelle relazioni commerciali ed economiche tra Paesi terzi è ancora abbastanza esotico. Secondo le nostre stime, tali operazioni estere con lo yuan sono pari all’uno per cento (o 2-3% al massimo) delle transazioni transfrontaliere totali della Cina, in netto contrasto con il ruolo del dollaro: circa 2/3 dei dollari fatti circolari all’estero dagli Stati Uniti e utilizzati nelle transazioni tra soggetti giuridici e privati in Paesi terzi. La portata delle operazioni negli “hub” off-shore dello yuan non va sopravvalutata. La stragrande maggioranza degli yuan li presenti (i cosiddetti “yuan off-shore”) è tenuta nei depositi bancari. Secondo la PBoC, alla fine del 2013 c’erano circa 1,5 trilioni di yuan off-shore stivati nei conti di deposito. Ma gli esperti sostengono che sarebbero arrivati a 2,8-3 miliardi di yuan a fine 2015. Secondo varie stime, l’80-90% dei depositi di yuan off-shore si concentrata a Hong Kong, Taiwan e Singapore. Alcuni esperti le chiamano “province finanziarie” della Cina. Altri centri i cui si ammassano yuan off-shore sono Londra, Francoforte e Lussemburgo. Ora confrontiamo i depositi di yuan off-shore coi depositi in banche cinesi. Secondo PBoC, quest’ultimo importo è di circa 100 miliardi di yuan. Il rapporto tra depositi di yuan offshore e onshore è circa 1,5-3%. E se si guarda solo ai depositi off-shore oltre le “province finanziarie” (Hong Kong, Taiwan e Singapore), allora la proporzione si riduce a una frazione dell’1%. Per chiarire ulteriormente quanto modestamente siano internazionalizzati i conti di deposito in yuan, confrontiamo tale valuta con il dollaro USA. I depositi di “biglietti verdi” fuori dagli Stati Uniti sono pari a circa il 30% dei depositi in dollari negli Stati Uniti.

Pechino ha una politica valutaria a lungo termine?
È interessante notare che ostacolo all’internazionalizzazione dello yuan è il surplus commerciale. La Cina fermamente continuerà ad espandere la bilancia commerciale positiva. Nel 2014 fu pari a 384 miliardi e crebbe al livello record di 594,5 miliardi di dollari nel 2015. Con questa bilancia commerciale, lo yuan non può diventare affatto una valuta di riserva. Una grande quantità di yuan può emergere solo se vi è un saldo commerciale negativo fuori dalla Cina, che Pechino può utilizzare per i pagamenti per coprire il deficit commerciale. Questo è esattamente ciò che accade negli Stati Uniti da molti anni. Molti economisti ora riconoscono che il prezzo per fare del dollaro una moneta internazionale è stata la de-industrializzazione degli USA. A giudicare dalle dichiarazioni di alcuni politici ed economisti cinesi, per raggiungere l’obiettivo dello yuan quale moneta internazionale, una combinazione dei due metodi seguenti potrebbe essere usata: a) la bilancia commerciale passa da positiva a negativa, e B) l’afflusso di capitali stranieri in Cina va accelerato. A quel punto lo yuan garantirà un tasso di cambio favorevole, la Cina spenderà lo yuan per le importazioni e un tesoro in moneta cinese rapidamente accumulato fuori dalla Cina. Ma anche in questo scenario lo yuan non diventerà una vera e propria valuta internazionale o un mezzo universale di pagamento. Sarà una moneta internazionale di limitata efficacia. Lo yuan circolerà tra Paesi stranieri e Cina: passando dalla Cina a un Paese straniero per pagare le importazioni e dal Paese straniero alla Cina per gli investimenti. Tuttavia, la situazione dello yuan come valuta “ristretta” internazionale non durerà a lungo. Una volta scremate si azzereranno le attività dell’economia cinese e l’interesse dei non residenti nello yuan diminuirà. Dopo un po’ di tempo nell’orbita globale, la valuta cinese improvvisamente decadrebbe. Allora qual è il punto qui? Se ciò accade, la Cina perderà la sovranità sulla propria economia, dato che le sue attività saranno sequestrate dal capitale straniero. E la Cina non potrà riguadagnare la posizione perduta di esportatore mondiale. Non ci sarà un secondo “miracolo economico cinese” perché inscenato fin dall’inizio con l’aiuto occidentale e l’occidente avrà altri piani, dove una Cina forte non avrà alcun ruolo. Ma non è troppo tardi a che Pechino prenda in considerazione le trappole che l’attendono se tenta di convertire la propria moneta da nazionale a globale seguendo la via degli Stati Uniti.chiLa ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

One Response to Lo yuan soppianterà il dollaro USA?

  1. Pingback: Lo yuan soppianterà il dollaro USA? – China Time

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...