Il segreto del petrodollaro

Tyler Durden, Global Research, 1 giugno 2016

petrodollar2Per decenni, la storia del riciclaggio dei petrodollari dell’Arabia Saudita, vale a dire il finanziamento del deficit degli Stati Uniti con l’acquisto di titoli del Tesoro USA con i proventi delle vendite di petrolio (in gran parte negli Stati Uniti), mentre gli USA addolcivano l’affare fornendo ai sauditi equipaggiamenti militari, era rimasto nel regno della congiura, senza conferme o dichiarazioni ufficiali dal dipartimento del Tesoro statunitense. Ora, questa particolare “teoria” diventa l’ultimo fatto, grazie ad una storia affascinante di Bloomberg che dà sfondo e dettagli all’incontro segreto tra l’allora segretario al Tesoro degli USA William Simon, il suo vice Gerry Parsky e i membri della classe dirigente saudita, delineando come i petrodollari nacquero.
Qui lo sfondo: “Luglio 1974. Una pioggerella prima dell’alba lasciava il posto a un cielo coperto quando William Simon, appena nominato segretario del Tesoro degli USA, e il suo vice, Gerry Parsky, decollarono alle 8:00 dall’Andrews Air Force Base. A bordo, l’atmosfera era tesa. Quell’anno, la crisi petrolifera aveva colpito in patria. L’embargo delle nazioni arabe dell’OPEC, per l’aiuto militare degli Stati Uniti agli israeliani durante la guerra del Kippur, quadruplicava i prezzi del petrolio. L’inflazione saliva, il mercato azionario si schiantava e l’economia degli USA era in tilt. Ufficialmente, il viaggio di due settimane di Simon fu classificato giro diplomatico-economico in Europa e Medio Oriente, completo dei consueti salamelecchi e banchetti serali. Ma la vera missione, conservata nella massima riservatezza dalla cerchia del presidente Richard Nixon, avrebbe avuto luogo durante una sosta di quattro giorni nella città costiera di Jeddah, in Arabia Saudita. L’obiettivo: neutralizzare il petrolio greggio come arma economica e trovare un modo per convincere il regno ostile a finanziare il deficit dilagante degli Stati Uniti con la sua ritrovata ricchezza in petrodollari. E secondo Parsky, Nixon chiarì semplicemente di non tornare a mani vuote. Il fallimento non solo metteva a repentaglio la salute finanziaria degli Stati Uniti, ma poteva anche dare all’Unione Sovietica un varco per ulteriori incursioni nel mondo arabo. “Non era una questione se si potesse fare o no”, ha detto Parsky, uno dei pochi funzionari con Simon ai colloqui sauditi”.
Come notato, il quadro della transazione cercata era semplice: gli Stati Uniti avrebbero comprato petrolio dall’Arabia Saudita e fornito aiuti e materiale militari al regno. In cambio, i sauditi avrebbero raccolto miliardi di petrodollari dalle entrate per spalarli nuovamente al ministero del Tesoro finanziando la spesa degli Stati Uniti. L’uomo che guida il negoziato degli Stati Uniti, il segretario al Tesoro William Simon, era appena stato per un certo periodo lo zar dell’energia di Nixon, e “sembrava poco adatto a tale delicata diplomazia”. Prima di essere usato da Nixon, una serie di fumatori del New Jersey aveva guidato l’ufficio Tesoro al Salomon Brothers. Per i burocrati, l’esuberante affarista di Wall Street, che una volta si paragonò a Gengis Khan, aveva un carattere e un ego smisurato dolorosamente al passo con Washington. Solo una settimana prima di mettere piede in Arabia Saudita, Simon biasimò pubblicamente lo Scià di Persia, stretto alleato regionale al momento, definendolo un “cretino”. “Ma Simon, meglio di chiunque altro, comprese l’appello al debito pubblico degli Stati Uniti e di vendere ai sauditi l’idea che gli USA erano il posto più sicuro per parcheggiare i loro petrodollari. Con tale consapevolezza, l’amministrazione covò un piano kamikaze senza precedenti, che avrebbe influenzato ogni aspetto delle relazioni USA-sauditi nei successivi quarant’anni (Simon è morto nel 2000 a 72 anni)”. All’inizio non fu facile: “Ci sono voluti diversi incontri discreti per appianare tutti i dettagli, dice Parsky. Ma alla fine di mesi di trattative, scrive Bloomberg, rimaneva un piccolo ma fondamentale comma: re Faysal bin Abdulaziz al-Saud chiese che l’acquisto dal Tesoro del Paese rimanesse “strettamente segreto”, secondo un dispaccio diplomatico ottenuto da Bloomberg dagli Archivi Nazionali“. Il segreto resta… fino al 16 maggio, quando il Tesoro degli Stati Uniti per la prima volta rivelava la piena portata dei titoli posseduti dall’Arabia Saudita.TSY hodlings_0Bloomberg aggiunge che una manciata di funzionari del Tesoro e della Federal Reserve ha mantenuto il segreto per più di quarant’anni, finora. “In risposta a una richiesta del Freedom-of-Information-Act presentata da Bloomberg News, il Tesoro ha svelato i titoli posseduti dall’Arabia Saudita, per la prima volta, questo mese, “concludendo di essere in linea con la legge sulla trasparenza e la comunicazione dei dati”, secondo la portavoce Whitney Smith. Il possesso di 117 miliardi di titoli del Tesoro fa del regno uno dei maggiori creditori esteri degli USA“. I dati diffusi lo stesso giorno confermavano la risposta al FOIA. A dire il vero, come osservammo a metà maggio, è molto probabile che la relazione del Tesoro sia incompleta e che i sauditi possiedano centinaia di miliardi di dollari in buoni del Tesoro in custodia presso centri offshore come Euroclear. Dopo tutto, il conteggio corrente rappresenta solo il 20 per cento dei 587 miliardi di dollari di riserve in valuta estera, assai meno dei due terzi che le banche centrali in genere mantengono come attività in dollari. Inoltre, la quarantennale politica d'”interdipendenza” tra Stati Uniti ed Arabia Saudita, nata dall’accordo sul debito di Simon che infine legava le due nazioni condividendo alcuni valori comuni, mostra segni di disfacimento. Gli USA fanno timidi passi verso un riavvicinamento all’Iran, evidenziato dal cruciale accordo nucleare del presidente Barack Obama dello scorso anno. Il boom dello scisto degli Stati Uniti ha anche reso gli USA assai meno dipendenti dal petrolio saudita. Inutile dire che il vero ammontare complessivo dei titoli posseduti dai sauditi alla fine sarà noto, soprattutto se la nazione mediorientale persegue la minaccia di liquidarli, in parte o tutti. Ancor più notevole, tuttavia, è che con la prima divulgazione dei dati sulla nascita dei petrodollari, qualcosa sembra essere cambiato: “L’acquisto di obbligazioni e tutto il resto era una strategia per riciclare petrodollari ancora negli Stati Uniti”, ha detto David Ottaway, esperto sul Medio Oriente del Woodrow Wilson Center di Washington. Ma politicamente, “è sempre stato un rapporto ambiguo e vincolato”.” Una cosa che certamente è cambiata è il mondo in cui le banche centrali comprano voracemente tutto l’altrui (e proprio) debito, la necessità di riciclatori di petrodollari come l’Arabia Saudita non c’è più, ma non è stato sempre così: “Nel 1974, forgiare quel rapporto (e la segretezza che richiese) fu un gioco da ragazzi, secondo Parsky, ora presidente dell’Aurora Capital Group, una società di private equity di Los Angeles. Molti alleati degli Stati Uniti, come Regno Unito e Giappone, fortemente dipendenti dal petrolio saudita, erano in lizza per permettere al regno di reinvestire nelle loro economie. Tutti, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Giappone, cercavano di mettere le mani nelle tasche dei sauditi”, ha detto Gordon S. Brown, funzionario economico del dipartimento di Stato presso l’ambasciata statunitense a Riad nel 1976-1978. Per i sauditi, la politica ebbe un ruolo importante nell’insistenza sul fatto che tutti gli investimenti del Tesoro rimanessero anonimi”.
William E. Simon, former Secretary of the Treasury La dipendenza degli USA dai sauditi per finanziare il deficit, e avere petrolio a buon mercato, fece sì che al regno venisse concesso lo status privilegiato in ogni interazione con gli Stati Uniti. “Le tensioni erano ancora alte 10 mesi dopo la guerra dello Yom Kippur, e in tutto il mondo arabo c’era molta animosità verso gli Stati Uniti per il sostegno ad Israele. Secondo dispacci diplomatici, la peggiore paura di re Faysal era che i petrodollari degli USA venissero percepiti, “direttamente o indirettamente”, come destinati al peggiore nemico, sotto forma di aiuti dagli Stati Uniti. I funzionari del Tesoro risolsero il dilemma lasciando che i sauditi passassero dalla porta sul retro. Nel primo di molti accordi speciali, gli Stati Uniti permisero all’Arabia Saudita di scavalcare il normale processo di offerta competitiva per l’acquisto di titoli del Tesoro, permettendo un “aggiunta”. Tali vendite, escluse dai totali ufficiali delle aste, nascosero le tracce della presenza saudita nel mercato del debito del governo degli Stati Uniti. “Quando arrivai all’ambasciata, mi fu detto che si trattava dei titoli del Tesoro”, ha detto Brown. “Fu tutto gestito privatamente”. Un’altra eccezione fu stralciata per l’Arabia Saudita quando il Tesoro iniziò ad emettere le suddivisioni mensili Paese per Paese della proprietà del debito degli Stati Uniti. Invece di rivelare la partecipazione dell’Arabia Saudita, il Tesoro la raggruppò con 14 altre nazioni, come Quwayt, Emirati Arabi Uniti e Nigeria, con il titolo generico di “esportatori di petrolio”, e la cosa continuò per 41 anni”. Nel frattempo, l’Arabia Saudita proseguì l’acquisto: nel 1977 accumulava circa il 20 per cento di tutti i titoli del Tesoro detenuti all’estero, secondo “La mano nascosta dell’egemonia americana: riciclaggio di petrodollari e mercati internazionali” di David Spiro della Columbia University. L’accordo ha creato varie preoccupazioni: “in una nota interna dell’ottobre 1976, il dettaglio degli Stati Uniti inavvertitamente rivelava che molto più di 800 milioni di dollari si era intenzionati a prendere in prestito con l’asta. Al momento, due banche centrali non identificate si aggiunsero per acquistare ulteriori 400 miliardi in titoli del Tesoro ciascuna. Alla fine, una banca ebbe la sua parte il giorno dopo, per mantenere gli Stati Uniti entro il limite. “La maggior parte di tali manovre e piroette fu messa sotto il tappeto, ed alti funzionari del Tesoro fecero di tutto per mantenere lo status quo e proteggere gli alleati del Medio Oriente divenuti maggiori creditori degli USA. Negli anni, il Tesoro più volte fece ricorso all’International Investment and Trade in Services Survey Act del 1976, proteggendo individui dei Paesi maggiori detentori dei titoli del Tesoro, in quanto prima linea difensiva. La strategia continuò anche dopo che il Government Accountability Office, in un’indagine del 1979, non trovò “alcuna base statistica o giuridica” per tale blackout. Il GAO non aveva il potere di costringere il Tesoro a consegnare i dati, ma concluse che gli Stati Uniti “hanno assunto impegni particolari sulla riservatezza finanziaria con l’Arabia Saudita” ed eventualmente altre nazioni dell’OPEC. Simon, che allora era tornato a Wall Street, riconobbe in una testimonianza al Congresso che “la segnalazione regionale era l’unico modo con cui l’Arabia Saudita avrebbe fatto l’accordo” investendo tramite il sistema dell’aggiunta”.
In definitiva, il dominio saudita sul mercato del Tesoro statunitense significò l’intoccabilità. “Era chiaro che il Tesoro non avrebbe cooperato per nulla“, ha detto Stephen McSpadden, ex-consigliere della sottocommissione del Congresso che sostiene le indagini del GAO. “Fui nella sottocommissione per 17 anni, e non vidi mai niente di simile“. Oggi, Parsky dice che la disposizione segreta con i sauditi andava smantellata anni fa ed era sorpreso che il Tesoro continuasse per così tanto tempo. Ma anche così, non ha rimpianti. L’accordo “fu positivo per gli USA“, dice citato da Bloomberg. E con questo la storia di come il petrodollaro nacque è ora pubblica, cosa di cui l’Arabia Saudita non sarà felice. Per il bene degli Stati Uniti è meglio avere le cose a posto, perché la diffusione di questa storia significa semplicemente che il Tesoro degli Stati Uniti è convinto che non avrà più la necessità strategica del vecchio partner saudita. La Fed, che implicitamente rientra nella presenza saudita, non delude.saudi holdings vs everyone else_0.jpgTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

One Response to Il segreto del petrodollaro

  1. Pingback: Il segreto del petrodollaro | Misteri e Controinformazione - Newsbella

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...