Gli “antifa” al servizio dei potenti

Pierre Lévy, Comité Valmy, 10 giugno 2016

Pretendendo di combattere “la peste bruna”, gli “antifa” sembrano mostrarsi affascinati dai metodi di quest’ultima, secondo l’esperto di affari europei Pierre Lévy.167056Gruppi di auto-nominati “antifascisti” cercano di apparire regolarmente alla ribalta. Ultimamente a Parigi, il 4 giugno, alcuni si sono scontrati con la polizia… per rendere omaggio al giovane Clement Meric, morto il 5 giugno 2013. I militanti che sostengono tale movimento hanno anche fatto parlare di sé in relazione alle Notti in piedi parigine, in particolare nel caso della mobilitazione sindacale contro la proposta di legge al-Khomri. Alcuni cortei manifestavano scandendo lo slogan “tutti odiano la polizia” con diverse centinaia di giovani. Uno slogan che mostra il nulla del loro pensiero politico. Il nome “antifascista” che rivendicano suona strano quando scacciano giornalisti o feriscono più di una dozzina di membri del servizio d’ordine della CGT nelle manifestazioni del 12 maggio.

Il movimento cosiddetto “antifa” è poco chiaro in Francia e Germania
284663 Dall’altra parte del Reno, le controparti hanno attaccato il 28 maggio i funzionari del Partito di Sinistra. Sarah Wagenknecht è stata aggredita e “intortata” per criticarne la posizione sulla crisi migratoria: sostiene che non possiamo lasciare entrare indiscriminatamente tutti i migranti, soprattutto dato che l’apertura delle frontiere, dichiarata ad agosto da Angela Merkel, ha ovviamente provocato un afflusso di manodopera a basso costo, desiderato e applaudito dai datori di lavoro per creare maggiore concorrenza tra i lavoratori. Il movimento cosiddetto “Antifa” è poco chiaro in Francia e Germania. Da un lato si collega a ideologi-indagatori dediti a denunciare individui o gruppi come “rosso-bruni”. Una parola che i nostri inquisitori moderni attribuiscono a tutti coloro che sospettano voler associare la tradizione comunista (aspiranti marxisti-leninisti) e simpatie di estrema destra. Negli anni ’90 tale tipica caccia maccartista cercò d’influenzare il PCF: allora doveva decidere tra una linea a favore della sovranità nazionale e dell’ampio consenso popolare che doveva esserne alla base; e un orientamento favorevole all’alleanza con il PS, accettando l’integrazione europea. Tale seconda linea infine prevalse (con le conseguenze che sappiamo), poiché i sostenitori della prima furono accusati di cedimento al “nazionalismo”, denunciandoli quasi come “rosso-bruni”. Un quarto di secolo dopo, certi siti si sono specializzati nel spiare chi ha simpatie o persegue presunte riconciliazioni sempre sospette. I cyber-Torquemada dilagano. Così, il giornale Fakir e il suo direttore François Ruffin, autore del film Grazie padrone!, non sfuggono al rogo, colpevoli di aver difeso il protezionismo, e così, ovviamente, di essere “nazionalisti” e di simpatizzare per l’estrema destra…
Di recente in Germania le manifestazioni per la pace (spesso perciò accusate di simpatizzare per la Russia) sono state denunciate da certi “antifa” come sospette, dato che non c’era solo la sinistra ma anche molti giovani non-politicizzati, alcuni forse influenzati da Pegida o altri movimenti. I nostri attuali seguaci di McCarthy si affrettarono a lanciare obbrobri sulle manifestazioni. L’apertura al dialogo (degli antifa) è grande quanto quella dei protettori del pianeta o dei fanatici dell’austerità felice quando affrontano chi vorrebbe difendere il progresso. D’altra parte, gli “antifa” non hanno solo teologi, indagatori e avvocati. Molti assomigliano alla polizia a modo loro: con elmetto o mascherati, armati sorprendentemente di gran lunga più di mazze che di argomenti retorici, con cui un dialogo è piuttosto difficile, avendo idee più corte dei bastoni. Inutile (per esperienza) e anche pericoloso cercare di parlarci, se non discuterci. E non solo coloro che hanno investito le manifestazioni anti-Jobs. I “Black Bloc” e “No borders” (notare come significativamente abbiano nomi che si rifanno solo all’inglese globalizzato) e certi attivisti dediti alle “zone da difendere” (ZAD), la cui apertura al dialogo è altrettanto grande di quella dei protettori del pianeta o dei fanatici dell’austerità felice (comunemente chiamata “decrescita”) contro chi vorrebbe difendere progresso, sviluppo economico, energia nucleare o carbone…
antifa factionSe non è possibile individuare un’omogeneità ideologica, alcuni parametri possono tuttavia attirare l’attenzione. Così, nel foglio accluso all’aggressione a Sarah Wagenknecht, gli autori denunciano “il risentimento contro Unione europea e Stati Uniti” di cui sarebbe colpevole la dirigente… Inoltre, gli stessi gruppi in Germania stigmatizzano regolarmente gli attivisti anti-sionisti come antisemiti, indignandosi per il modo in cui Israele viene “violentato”. Il paradosso non è piccolo, soprattutto in considerazione dell’evoluzione dello Stato ebraico, il cui governo, e anche la società, accelerano verso un estremismo di destra molto reale. Una situazione che non sembra disturbare i nostri “antifa” ultraoccidentali, né sembrano particolarmente turbati dalla situazione in Ucraina. Non è un segreto, quasi, che la “rivoluzione di Majdan” sia stata preparata e supervisionata da gruppi di nostalgici nazisti, e che per esempio il nuovo presidente della Rada (parlamento) fu il fondatore nel 1991 del Partito nazionalsocialista di Ucraina (ora Svoboda), che esibiva un logo simile alla svastica…

I presunti “anti-fascisti” sono un inganno a vantaggio delle classi dirigenti
E’ ovviamente lusinghiero arrogarsi il titolo di antifascista. Eppure sarebbe utile dare alle parole il loro vero significato. Storicamente, il termine fascista è nato nell’Italia di Mussolini, e nel periodo tra le due guerre in molti Paesi questo fenomeno storico, o tentazione, dimostrò i suoi obiettivi: una dittatura aperta e sanguinosa della fazione dominante delle forze capitalistiche. Certo, non va forse escluso che un giorno ricompaia se tale prospettiva viene ritenuta utile. Tuttavia va notato che hanno inventato, negli ultimi decenni, metodi più efficaci per mantenere il dominio: l’alternanza delle forze politiche che difendono fondamentalmente le stesse idee: cancellazione della sovranità nazionale, ovvero la vera democrazia, a favore di organismi sovranazionali, e la promozione del “dialogo sociale” (c’è anche un commissario europeo specificamente preposto). Ciò che La Boétie chiamò al suo tempo servitù volontaria. Perciò, i presunti “antifascisti” non sono di alcuna utilità. Peggio, sono un inganno che avvantaggia le classi dirigenti. Destinati a combattere la peste bruna, gli “antifa” sembrano affascinati dai metodi di quest’ultimi. Pertanto, sarebbe rilevante pensare a spostare le virgolette, chiamandoli piuttosto “anti”-fascisti.05firstdraft-soros-tmagArticleTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...