L’aereo di quinta generazione russo sorpassa qualsiasi rivale

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 13/06/2016header-aviadarts-2016Le Forze Aerospaziali russe riceveranno i primi aerei da combattimento di quinta generazione Sukhoi T-50 (PAK FA – “Caccia multiruolo di Prima linea”) nel 2017, secondo il Colonnello-Generale Viktor Bondarev, comandante in capo delle Forze Aerospaziali russe. Il nuovo caccia stealth della Russia è sorprendentemente comparso all’improvviso, il 5 giugno, sorvolando la Crimea (sulla base aerea di Chauda), prendendo parte ad Aviadarts 2016. “Ci sono cinque caccia T-50 in fase di test presso il centro prove di volo Chkalov, ed entraranno in servizio nel 2017”, aveva detto Bondarev ai giornalisti. Il velivolo è un caccia multiruolo furtivo, monoposto, bimotore, supermanovrabile e capace di volo di crociera supersonico, progettato per la superiorità aerea e l’interdizione. Possiede avionica avanzata come radar a scansione attiva e sensori unificati. L’aereo ha le seguenti caratteristiche generali: equipaggio – 1 pilota, velocità massima – 2600 km/h, rateo di salita – 330 m/s, raggio d’azione – 5500 km, autonomia – 5,8 ore, quota operativa – 20 km, peso massimo al decollo – 35480 kg, carico massimo operativo – 10 tonnellate. Durante i test il velivolo è riuscito a raggiungere i 384 metri al secondo di rateo di salita. Tale velocità permetterebbe all’aereo di raggiungere una quota pari alla vetta del Monte Everest, la montagna più alta della Terra, in soli 23 secondi. Il T-50 ha una cellula che fonde fusoliera e ala e dispone di superfici mobili orizzontali e stabilizzatori verticali. L’avanzato sistema di controllo del volo e di spinta vettoriale degli ugelli rende il velivolo altamente maneggevole sia in beccheggio che imbardata, consentendogli di svolgere manovre con molto elevati angoli d’attacco. L’alta velocità di crociera e l’elevata quota operativa del velivolo gli daranno un significativo vantaggio cinetico rispetto alle attuali generazioni precedenti di aeromobili. Il T-50 sarà il primo velivolo operativo dell’Aeronautica russa ad utilizzare la tecnologia furtiva. I compositi coprono il 25% del peso strutturale e quasi il 70% della superficie esterna. Le armi sono trasportate in vani interni alla cellula, e le antenne sono incassate nel rivestimento di superficie per mantenere la forma furtiva del velivolo. Il trasporto di armi internamente elimina la resistenza dei carichi esterni e consente prestazioni più elevate che col carico esterno. La cellula fonde la struttura con la pianta alare riducendone la sezione radar; i bordi esterni ed interni delle ali e delle superfici di controllo e i bordi seghettati dei pannelli del rivestimento sono accuratamente allineati ai vari angoli specifici al fine di ridurre la riflettività delle onde radar. Il velivolo utilizza materiale radar ablativo. Il tettuccio a goccia ha un rivestimento che minimizza il riflesso radar della cabina del pilota. Il velivolo di produzione incorpora bloccanti anti-radar davanti al ventilatore del motore, nascondendolo da tutte le angolazioni. Motori avanzati e aerodinamica consentono al T-50 il volo di crociera supersonico, un sostenuto volo supersonico senza l’uso dei postbruciatori. Combinato con il carico di carburante, il T-50 ha una raggio in volo supersonico di oltre 1500 km (più del doppio del Su-27, suo predecessore). I lotti di pre-produzione del T-50 utilizzeranno come motori intermedi un paio di NPO Saturn AL-41F1 (Izdelie 117). Il motore ha un rapporto spinta peso di 10,5:1. I due motori 117 sono dotati di ugelli per la spinta vettoriale, i cui assi di rotazione sono inclinati secondo un proprio angolo. Questa configurazione permette al velivolo di produrre una spinta vettoriale su tutti e tre gli assi di rotazione, beccheggio, imbardata e rollio. La spinta degli ugelli vettoriali opera unitamente sullo stesso piano; l’angolatura permette al velivolo di produrre una vettorizzazione differente in rollio e imbardata con ciascuno degli ugelli dei motori. La presa d’aria del motore incorpora rampe di aspirazione variabile per una maggiore efficienza supersonica e schermi a rete a scomparsa per evitare che detriti estranei siano ingeriti dai motori.
244203_pak-fa-t-50_-istrebitel_-polyot_3543x2367_www.GdeFon.ru_-1024x684 Il PAK-FA trasporterà una serie impressionante di missili capaci di colpire altri velivoli come AWACS, C4ISTAR (Comando, Controllo e Comunicazione, Intelligence, Sorveglianza, Acquisizione obiettivi e Ricognizione) e caccia da lunghe distanze, oltre a navi, radar e altri bersagli in superficie. Per il combattimento aria-aria, il T-50 dovrebbe trasportare 4 missili dalla gittata oltre l’orizzonte nei due principali vani per armi e due missili a corto raggio nei vani per armi nelle radici alari. Il missile a medio raggio principale è il K-77M a guida radar attiva, un R-77 (Vympel) aggiornato con una testata attiva a scansione elettronica e con pinne posteriori convenzionali. Il missile a corto raggio è il K-74M2 a guida ad infrarossi, versione aggiornata dell’R-74 con sezione ridotta per il trasporto interno. Un missile dall’aerodinamica pulita a corto raggio designato K-MD è stato sviluppato per sostituire il K-74M2. Per le maggiori distanze, quattro grandi missili oltre l’orizzonte possono essere trasportati, due per ogni vano principale per le armi, che possono anche ospitare missili aria-terra come il Kh-38M, o più bombe guidate KAB-250 da 250kg o KAB-500 da 500 kg. Il velivolo dovrebbe anche trasportare varianti ulteriormente sviluppate e modificate del missile antinave Kh-35UE (AS-20 “Kayak”) e del missile anti-radar Kh-58UShK (AS-11 “Kilter”). Per le missioni che non richiedono la furtività il T-50 può trasportare carichi su sei punti d’attacco esterni. Il capo-progettista del PAK-FA Aleksandr Davydenko ha detto che vi è la possibilità d’installare il missile da crociera supersonico BrahMos sul PAK-FA e il suo derivato FGFA. Solo uno o due di questi missili possono essere trasportati dato il peso elevato. Il velivolo trasporta internamente un cannone 9A1-4071K (GSh-301) da 30 millimetri vicino alla radice alare destra.
La cabina del T-50 dispone di due principali display LCD multifunzionali da 38 centimetri. Posizionati intorno alla cabina vi sono i tre display più piccoli del pannello di controllo. La cabina ha un head-up display a grandangolo (30°- 22°) e la Geofizika-NV di Mosca fornisce il nuovo visore NSTsI-V montato sul casco Zsh-10. I sistemi di controlli principali sono il joystick e un paio di manette. Il velivolo ha un tettuccio in due pezzi con la sezione di poppa scorrevole all’indietro e bloccaggio in posizione. Il tettuccio è trattato con rivestimenti speciali per aumentare la furtività del velivolo. I prototipi del T-50 sono attualmente equipaggiati con motore Saturn 116, radar NIIP Irbis e avionica presente sul Su-35S. Questi componenti saranno sostituiti dal 2020 quando i componenti aggiuntivi saranno pronti per la produzione. Il nuovo motore Izdelie 30 entrerà in servizio nel 2020. Molti dettagli tecnici sono ancora classificati, soprattutto perché il programma non è ancora in fase di produzione. Tuttavia, il generale consenso è che il T-50 sia più maneggevole rispetto ai rivali degli Stati Uniti F-35 e F-22. L’aereo ha un vantaggio comparato nell’ingaggio aereo. Rispetto all’F-22, il PAK-FA è più veloce, ha maggior raggio operativo e migliore capacità d’individuare il bersaglio. “Certamente ha maggiore agilità con la combinazione tra spinta vettoriale, superfici di coda completamente mobili ed eccellente design aerodinamico, che non l’F-35”, ha detto l’ex-capo dei servizi segreti dell’US Air Force Tenente-Generale David Deptula. Tutto sommato, il velivolo ha le caratteristiche distintive che soddisfano i requisiti del caccia di quinta generazione: supermanovrabilità (grazie a motori dalla spinta vettoriale controllata), sistema di rifornimento in volo, velocità di crociera supersonica senza l’uso della post-combustione, bassa sezione radar, decollo e atterraggio corti e versatilità nell’impiego in combattimento. La versione navale del Sukhoj T-50 PAK FA sarà schierata sulla portaerei russa Admiral Kuznetsov e le future portaerei russa. L’aereo è ancora testato, ma India e Vietnam sono già sulla lista dei potenziali acquirenti.
Dopo la caduta dell’Unione Sovietica l’industria aeronautica russa affrontò momenti difficili. Nessuno a metà degli anni ’90 avrebbe solo immaginato che tali risultati erano possibili. L’industria aeronautica è un settore molto complicato. Nonostante gli ostacoli, la Russia ha creato diversi aerei unici, ed ora testa l’aereo di quinta generazione che non è secondo ad alcuno oggi. L’emergere del russo Sukhoj PAK-FA segna la fine del monopolio durato un quarto di secolo degli Stati Uniti sulla progettazione di velivoli a bassa osservabilità (VLO) o stealth.Sukhoi_T-50_Pichugin_2La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...