La propaganda USA attrae estremisti

Wayne Madsen Strategic Culture Foundation 18/06/2016maxresdefault1Seddique Mateen, il padre dello stragista di Orlando, Florida, Omar Mateen e sedicente capo di un governo in esilio pro-taliban in Florida, è emblematico della politica statunitense che permette agli estremisti di alimentare la loro propaganda sul suolo nordamericano. Dalla Guerra Fredda, la CIA degli Stati Uniti eccelse nel scovare cubani, est-europei, afgani, uiguri ed altri estremisti inventare e diffondere via radio propaganda incendiaria finanziata dal governo degli Stati Uniti. Come il giornalista di ABC News e Christian Science Monitor e preminente esperto di Medio Oriente John Cooley aveva correttamente osservato nel suo libro, “Payback: America’s Long War in the Middle East”, quando gli Stati Uniti sostituirono Gran Bretagna e Francia come principale potenza occidentale in Medio Oriente, più volte scontarono “scarsa capacità di giudizio ed errori politici spesso disastrosi”. Uno degli errori politici peggiori fu la decisione dell’amministrazione Carter di armare e sostenere i più radicali “guerrieri santi” islamisti in Afghanistan. Presto, tali radicali afghani entrarono nella “Legione Araba” jihadista formata da cellule terroristiche in Egitto, Yemen, Libia e altri Paesi del Medio Oriente e Nord Africa. Le amministrazioni Carter e Reagan posero le basi per la campagna militare jihadista dei veterani radicalizzati contro l’Unione Sovietica e la Repubblica Democratica dell’Afghanistan, creandosi una base in Afghanistan e altre parti del Medio Oriente. Per un intero decennio, l’Operazione Ciclone della CIA permise ai jihadisti estremisti, la cui sola comunanza con gli Stati Uniti era un fervente anticomunismo, di essere spediti dalle basi nel nord-ovest del Pakistan alle zone sicure in Afghanistan per attaccare le forze sovietiche ed afghane. I fondi di CIA, Arabia Saudita e altri Paesi musulmani andarono al Maqtab Qadamat al-Mujahidin al-Arab (Ufficio sei servizi arabi afghani) o MAK, di Usama bin Ladin e Ayman al-Zawahiri, per reclutare i jihadisti nella loro Legione Araba da Medio Oriente e Nord Africa. I taliban crearono l’Emirato islamico dell’Afghanistan nel 1996, ed accolsero il vecchio alleato nella guerra contro i sovietici, Bin Ladin, che spostò la sua organizzazione al-Qaida in Afghanistan. I taliban, al-Qaida e varie fazioni jihadiste radicali in Afghanistan si avvantaggiarono della miope politica di Washington armando tali gruppi fino ai denti, senza preoccuparsi del “contraccolpo” che esperti come Cooley, e pochissimi altri, trovarono problematico.
Seddique Mateen arrivò negli Stati Uniti quando Ronald Reagan considerava i mujahidin afghani “combattenti per la libertà” contro l’“oppressione” nello spirito della lotta di George Washington contro i colonizzatori inglesi. La completa ignoranza di Reagan permise ad individui come Mateen di trovare rifugio politico e sostegno negli Stati Uniti, un Paese dal quale lui e i suoi compagni di viaggio poterono diffondere una visione radicale e antiquata. Gli attentati jihadisti alla maratona di Boston, Fort Hood, Texas; a un centro di reclutamento in Tennessee; a una festa di Natale a San Bernardino, California, e alla discoteca Pulse di Orlando, hanno tutti origine nella folli schermaglie amorose degli USA coi jihadisti nelle guerre iniziate con la campagna in Afghanistan arrivando a invasione ed occupazione dell’Iraq, destabilizzazione di Libia e Siria, e complicità con le forze jihadiste nel combattere la Russia nel Caucaso, come in Cecenia. È un “contraccolpo” nel vero senso della parola. Lo zio di Timurlan e Dzhokhar Tsarnaev, Ruslan Tsarni (alsai Tsarnaev), è legato alla CIA. Tsarni era sposato con la figlia di Graham Fuller, uno dei principali architetti della CIA nella radicalizzazione dei musulmani per conto degli Stati Uniti, in Afghanistan contro i sovietici o nel Caucaso contro la Russia. Mir Seddique, alias Mir Seddique Mateen, è il sedicente capo di un governo in esilio dell’Afghanistan a Port St. Lucie, Florida, dove chiede il rovesciamento del presidente afghano Ashraf Ghani e il suo processo col predecessore Hamid Karzai. L’impegno degli USA nella “guerra di propaganda” ha anche permesso ai jihadisti di diffondere il loro messaggio radicale tramite radio e satelliti sovvenzionati dal governo degli Stati Uniti. Seddique Mateen guidava in Florida una società non-profit denominata “The Durand Jirga, Inc”. Per anni la CIA ha sovvenzionato stazioni radio e televisive dei cubani in Florida, per esempio Radio e TV Martí, che non facevano altro che spargere odio verso governo e popolo di Cuba. Tali sforzi talvolta portarono ad attentati commessi da espatriati di destra cubani negli Stati Uniti contro Cuba e altri obiettivi. Il modello degli espatriati musulmani afghani ed altri negli Stati Uniti, coinvolti nella propaganda di CIA e VOA, non è diverso da quello dei cubani e in passato di profughi e disertori dell’Europa orientale. Messaggi radicali sono “di rigore” per tali elementi.
CIA et Jihad La propaganda degli Stati Uniti abbonda di frodi, sprechi e abusi. Come osservò il giornalista Fulton Lewis Jr. nel 1958, Radio Free Europe aveva ben più di 2000 dipendenti che, quando non vomitavano notizie ricopiate senza fondamento sull’Europa orientale, traccheggiavano nei loro uffici in attesa della busta paga. Lewis scrisse che Radio Free Europeè un ridicolo spreco che con giovanile futilità assegna posti di lavoro principalmente a un’orda di scrocconi”. Gli scrocconi della guerra fredda sono oggi divenuti personaggi come Seddique Mateen e la sua banda di radicali che blaterano messaggi sconnessi in dari, urdu, pashto, farsi, uiguro, ceceno, arabo e curdo, il tutto a spese dei contribuenti statunitensi. Il vecchio Mateen ospitò anche un programma televisivo chiamato “Durand Jirga Show”, trasmesso sulla rete satellitare afghana “Payam-e-afghana” di Los Angeles, e trasmissioni in pashtu e parsi. Los Angeles è la patria di numerose trasmissioni satellitari in arabo per il Medio Oriente e in farsi per l’Iran, finanziate da CIA e VOA. Le operazioni di Seddique Mateen chiaramente rientrano nella rete di propagandisti afghani e pakistani pro-taliban che utilizzano reti televisive e radiofoniche finanziate dalla Broadcasting Board of Governors (BBG) influenzata dalla CIA per diffondere i loro messaggi nel mondo. Mateen ha sostenuto di dirigere una sua rete d’intelligence. Tuttavia, tale rete consisterebbe nei suoi compari coinvolti nella guerra di propaganda in Asia meridionale con programmi satellitari trasmessi in pashtu, la principale lingua in Afghanistan e Pakistan; invece Mateen trasmette in lingua dari e urdu. I tentativi della BBG di conquistarsi cuori e menti dei popoli di Pakistan e Afghanistan sono considerati dei grossi fallimenti e uno spreco dei fondi dei contribuenti. Anche dopo l’attacco terroristico dell’11 settembre contro gli Stati Uniti, il servizio pashtu della VOA fu la piattaforma della propaganda dei taliban afghani. Dopo l’attacco dell’11 settembre, Spozhmai Maiwandi, direttore del servizio pashtun della Voice of America, scherzosamente soprannominato “Kandahar Rose” dai colleghi, trasmetteva articoli favorevoli ai taliban, tra cui un’intervista controversa col capo talib Mullah Omar. Non dovrebbe sorprendere quindi che Seddique Mir Mateen la vedesse come i taliban. La presenza di numerosi afghani-americani pro-taliban negli Stati Uniti fu facilitata dal sostegno della CIA ai mujahidin nella guerra jihadista afghana contro l’Unione Sovietica, negli anni ’80. Anche il diplomatico afgano-americano Zalmay Khalilzad, ex-ambasciatore degli Stati Uniti in Afghanistan, Iraq e Nazioni Unite, fu l’interlocutore fondamentale tra governo afghano talib e compagnia petrolifera UNOCAL di Houston, alla fine degli anni ’90. Oggi, questi legami servono a Khalilzad, CIA e Centro per gli studi strategici e internazionali (CSIS) legato alla CIA di Washington, dove Khalilzad fa il consulente. Circa il 60 per cento dei commenti sul sito Ashna TV del servizio pashtu della VOA, elogia Omar Mateen e la sua azione ad Orlando. E i contribuenti statunitensi finanziano tale attività tramite il sostegno di VOA e BBG. E come segretaria di Stato, Hillary Clinton sostenne l’espansione di tali trasmissioni. Nel 2011, Clinton testimoniò alla Commissione Affari Esteri della Camera che il suo dipartimento aveva bisogno di ulteriori fondi per la guerra di propaganda, dicendo, “Durante la guerra fredda abbiamo fatto un grande lavoro per diffondere i messaggi degli Stati Uniti. Dopo il crollo del muro di Berlino abbiamo detto, ‘Ok, va bene, è abbastanza, abbiamo finito’, e purtroppo ora la paghiamo cara… I nostri media privati non possono colmare questa lacuna”. I messaggi trasmessi dai radicali afghani su Payame e Ashna TV sono i risultati degli sforzi della Clinton per espandere le trasmissioni di propaganda degli USA. Per la CIA, mantenere espatriati come Seddique Mir Mateen e i suo colleghi pro-taliban della VOA col sussidio di disoccupazione governativo, garantisce la pronta fornitura di interlocutori e che agenti d’influenza restino nei circoli radicali.La ripubblicazione è gradita con riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

orlando-12-father-state-dept

Seddique Mateen

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...