Putin denuncia il sostegno occidentale a terroristi e neo-nazisti

Steven MacMillan New Eastern Outlook 07/09/2016564b4e09c36188ab058b4642 Dall’Ucraina a Siria, Libia e Iraq, l’occidente ha ripetutamente dimostrato di essere un imperialismo che non porta altro che caos, distruzione e destabilizzazione. Invece che diffondere ‘libertà e democrazia’ con la sua azione geopolitica, i crimini dell’occidente nel 21° secolo non hanno rivali per immoralità e malafede. Considerando ciò, è francamente assurdo che i media occidentali e i capi della NATO spaccino la narrazione che la Russia sia una potenza mondiale bellicosa. Se non si è vissuto il 21° secolo sotto una roccia, si sono viste NATO ed istituzioni occidentali passare da un’orrore all’altro. Dalla guerra del 2001 in Afghanistan, l’occidente trascina il 21° secolo sulla china pericolosa della guerra perpetua, con i restanti 84 anni che appariranno lacerati dalla guerra come i primi 16, se gli sociopatici guerrafondai saranno autorizzati a guidare l’occidente.

Strumenti terroristici e neo-nazisti
A un vertice di fine di giugno, il Presidente russo Vladimir Putin condannava le politiche bellicose di NATO ed occidente. Putin ha dichiarato che la Russia “nota sforzi persistenti da parte di certi partner nel mantenere il monopolio sul predominio geopolitico“, aggiungendo che l’occidente usa spesso “terroristi, fondamentalisti, nazionalisti di estrema destra e anche neofascisti” come agenti dei propri giochi imperiali. Era chiaro fin dall’inizio che la rivoluzione colorata occidentale in Ucraina nel 2013-14 fu guidata da varie forze neonaziste, con molti filo-neonazisti al potere col governo ucraino dal colpo di Stato. Andrij Parubij per esempio, uno dei fondatori del partito nazionalsocialista di Ucraina (la cui bandiera reca il simbolo Wolfsangel utilizzato dai nazisti, poi divenuto partito Svoboda), fu nominato segretario del Consiglio di sicurezza nazionale e difesa dell’Ucraina pochi giorni dopo il rovesciamento del governo a Kiev. Parubij è presidente del parlamento ucraino da aprile, ma non c’è stata alcuna protesta da parte degli scribacchini occidentali. In Siria, l’occidente ha sostenuto varie forze terroristiche, cercando ridicolmente d’indicare i terroristi come prevalentemente ‘moderati’ che vogliono solo democrazia. Sappiamo che i terroristi sono prevalentemente estremisti, come indicava ‘intelligence militare degli Stati Uniti nel 2012: “salafiti, fratelli musulmani e AQI (al-Qaida in Iraq) sono le principali forze motrici della rivolta in Siria“. Nonostante ciò, l’amministrazione Obama ha ancora “deciso volontariamente” di sostenere i terroristi che cercano di spodestare Bashar al-Assad, dimostrando ulteriormente la natura nefasta della politica estera statunitense.McainMcCain: primo guerrafondaio
Di tutti i falchi che attualmente risiedono a Washington, uno si distingue dal resto sostenendo i neonazisti in Ucraina e i terroristi in Siria: il senatore John McCain è pesantemente coinvolto in due delle guerre più distruttive di questi ultimi anni. McCain è una grande cheerleader della rivoluzione colorata in Ucraina, avendo più volte incontrato il fondatore e capo di Svoboda Oleg Tjagnibok, tra gli altri. McCain è un sostenitore accanito dei terroristi in Siria, ed ha più volte chiesto che truppe statunitensi venissero schierate in Siria. Alla fine del 2014, l’ambasciatore delle Nazioni Unite della Siria, Bashar Jafari, accusava McCain di essere illegalmente entrato in Siria nel 2013 per incontrare i terroristi. McCain venne fotografato mentre incontrava colui che sembra essere il cosiddetto califfo dello SIIL, Abu Baqr al-Baghdadi, durante la sua visita illegale in Siria. Nonostante la retorica vomitata dai politici occidentali sul loro impegno verso libertà, democrazia, pace e diritto, l’occidente ha sostenuto vari attori nefasti che minacciano libertà, democrazia, pace e diritto nel mondo. Gli storici del futuro non saranno gentili verso l’imperialismo occidentale dei primi due decenni del 21° secolo; come le prove dimostrano, l’aggressione occidentale è la peggiore minaccia alla stabilità globale, non l’aggressività russa.a62Steven MacMillan è scrittore, ricercatore, analista geopolitico indipendente e redattore di The Analyst Report, per la rivista on-line “New Eastern Outlook” .

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

One Response to Putin denuncia il sostegno occidentale a terroristi e neo-nazisti

  1. Pingback: Putin denuncia il sostegno occidentale a terroristi e neo-nazisti - Ancora Fischia il Vento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...