Cambia l’atmosfera sulla Siria

Moon of Alabama, 12 luglio 2016Syrian civilians who volunteered to join local Self Protection Units to protect their neighbourhoods alongside the Syrian army attend training in Damascus countryside, SyriaCon Cameron che si dimette da primo ministro del Regno Unito, un altro capo politico che invocava “Assad deve andarsene” lascia la scena politica. Il Presidente siriano Assad è ancora in carica e non vi è alcun segno che lasci nel prossimo futuro. Sembra che i fatti della realtà pesino più dei luoghi comuni della propaganda del “cambio di regime”. I fatti continuano a confermare che c’è un vento di cambiamento rilevabile nel clima politico. Esercito arabo siriano ed alleati chiudono l’unica strada ad oriente di Aleppo. Questo sforzo richiede un’intensa guerriglia urbana contro i terroristi jihadisti. Secondo un portavoce del Pentagono, tale parte è occupata da al-Qaida: “Innanzitutto è al-Nusra che occupa Aleppo e, naturalmente, al-Nusra non rientra nella cessazione delle ostilità”. Gli attacchi ad Aleppo est sono quindi del tutto legittimi e non violano il cessate il fuoco. Nonostante che un’altra campagna mediatica “oltraggiata” sia creata per condannare l'”assedio di Aleppo” che tale presunto blocco creerebbe. Tale propaganda “indignata”, come l’articolo del Los Angeles Times, nemmeno riconosce che Aleppo ovest, con circa due milioni di persone, è dalla parte del governo. Parlano di “Aleppo” indicandone solo i quartieri orientali ed esagerando il numero di civili che l’avrebbero lasciati, diverse centinaia di migliaia di persone. Il giornalista del Guardian Martin Chulov s’è recato più volte ad Aleppo est negli ultimi anni, indicando un anno fa che erano assai meno: “restano ad Aleppo orientale circa 40000 persone su una popolazione prebellica stimata in circa un milione…” E’ dubbio che il numero di persone ad Aleppo est sia da allora aumentato. C’è stato anche abbastanza tempo per terroristi e famigliari per prepararsi all’assedio. Come anche il pezzo del LA Times ammette: “Prevedendo l’assedio, le autorità locali si sono rifornite di cibo per tre mesi e di medicine per tre-sei mesi, ha detto Sahlul”. Reuters conferma: “Le aree ribelli di Aleppo hanno accumulato scorte sufficienti per sopravvivere a mesi di assedio…
Le prossime pretese su una carestia imminente ad Aleppo est sono quindi già smontate.
Il mutamento del clima politico è una convergenza tra visione “occidentale” e russa su quali gruppi in Siria siano terroristici e vadano pertanto combattuti. Questo segue un cambio di prospettiva pubblica. Amnesty International ha recentemente affermato, con sei anni di ritardo, che molti gruppi di “ribelli moderati” sostenuti dagli Stati Uniti hanno torturato e rapito civili commettendo regolarmente crimini di guerra. I “ribelli moderati” che di recente hanno tentato un’altra offensiva a Lataqia si sono apertamente presentati come jihadisti stranieri. Ahrar al-Sham, che non molto tempo fa editorialisti “occidentali” affermavano fosse “moderato”, ora minaccia i ribelli “moderati” sostenuti dagli USA nel sud della Siria, perché stanchi di combattere e favorevoli al cessate il fuoco. Il presidente francese Holland ha finalmente riconosciuto al-Qaida come un serio nemico in Siria da combattere: “Dobbiamo coordinarci per continuare le azioni contro lo SIIL ma anche… adottare misure efficaci contro al-Nusra“, ha detto Hollande appellandosi a Russia e Stati Uniti Nel 2012 il governo francese lodava il ruolo di al-Qaida. L’allora ministro degli Esteri Fabius disse che “Nusra fa un buon lavoro”. Il segretario di Stato degli USA Kerry non solo ha riconosciuto il ruolo di al-Qaida, ma ora estende l’etichetta di terrorista ad Ahrar al-Sham e di altri gruppi salafiti: “Ci sono un paio di gruppetti sottoposti ai due designati SIIL e Jabhat al-Nusra, ovvero Jaysh al-Islam e Ahrar al-Sham in particolare, che s’integrano combattendo insieme a questi altri due contro il regime di Assad“, ha detto riferendosi ai due gruppi ribelli che gli Stati Uniti finora non avevano definito gruppi terroristici. È un significativo riconoscimento della posizione russa che da mesi sostiene l’inserimento di tali gruppi nella lista dei terroristi delle Nazioni Unite. È anche evidente che l’opposizione siriana d’albergo, promossa da Arabia Saudita e USA, sia di nuovo pronta a negoziare con il governo siriano. Tale gruppo ruppe le trattative nell’ultimo round. Qualcuno ora gli ha ordinato di rientrare nel gioco.
I russi ancora una volta dimostrano l’impegno verso la Siria non solo supportando l’Esercito arabo siriano nell’assedio di Aleppo nord, ma anche con nuovi attacchi aerei con bombardieri a lungo raggio decollati dal suolo russo. Segnale che la Russia è pronta come sempre a una nuova escalation.
La maggiore mossa è probabilmente quella turca. Dopo aver disastrato la politica estera turca, sotto una pesante pressione economica e spaventato dai recenti attentati in territorio turco, il presidente Erdogan ha deciso di cambiare rotta, licenziando il vecchio assistente Davutoglu e considerando attentamente un miglioramento delle relazioni con la Russia e altri Paesi. Quindi si è scusato per l’imboscata all’aereo russo e la Russia ha ripreso i rapporti togliendo alcune sanzioni economiche alla Turchia. Ma ci saranno altre richieste da soddisfare prima che la Turchia possa di nuovo avere una buona reputazione internazionale. Alcune parole morbide sono pronunciate ma la vera posizione turca sulla Siria deve ancora cambiare: “La normalizzazione della Siria è possibile, ma ognuno deve fare sacrifici per questo. I nostri partner strategici e della coalizione dovrebbero sanare le ferite sanguinanti in Siria e assumersi maggiori responsabilità. La Turchia compie gli sforzi necessari per aprire le porte a pace e sicurezza”, dichiarava Yildirim, ma ha anche detto che non ci sarà alcun incontro con il Paese nel breve termine. “L’oppressione deve prima finire. Il regime dittatoriale dovrebbe finire. Come si può concordare con un regime che ha ucciso più di un milione e mezzo del proprio popolo senza battere ciglio? Tutti concordano su questo“, ha detto. E’ ancora “Assad deve andarsene”, ma con un leggero cambiamento di tono. Le nuove posizioni di USA e Francia su al-Qaida e Ahrar al-Sham, coccolate dalla Turchia, aumentano la pressione su Ankara affinché abbandoni la posizione rigida. Erdogan potrebbe altrimenti scoprire che, come Cameron, dovrebbe andarsene prima che il dottor Assad pensi addirittura di lasciare la carica. Mentre tutto questo sono di per sé piccole variazioni di posizione, sommate creano un significativo cambio del clima politico sulla Siria.

final-layramoun-696x333

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...