La sospetta coincidenza tra vittoria imminente, corridoio ‘umanitario’ e ospedale bombardato

Luca Baldelli

13102617I media italiani, così silenti quando si tratta di raccontare la storia di una scomoda vittoria, quella dell’eroico Esercito arabo siriano, un autentico Esercito di liberazione, contro i tagliagole foraggiati da occidente e petromonarchie, sono diventati all’improvviso starnazzanti e ipocritamente umanitaristi, in queste ore, parlando di bombe (esecrabili, ovviamente, chiunque sia stato a sganciarle!) sull’ospedale pediatrico della Città di Idlib, sita nella parte nord–occidentale del Paese, punto sanitario strategico gestito dall’organizzazione “Save the Children”. Così, chi per ore e giorni è stato zitto e dormiente sulla liberazione dell’eroica Aleppo dalle orde del Daesh, comunque ribattezzato e imbellettato, in queste ore si è svegliato e ha trovato il suo diversivo inveendo contro i russi e i siriani fedeli ad Assad, marchiati a fuoco dall’orrenda accusa di aver sganciato i micidiali ordigni sull’ospedale, facendo un imprecisato numero di morti e feriti. La solita greuelpropaganda, si alimenta del sangue e dei cadaveri di innocenti per imbastire le sue orrende speculazioni. Non c’interessa, in questa sede, stabilire verdetti di innocenza o colpevolezza per nessuno, dal momento che un episodio simile non può meritare che l’esecrazione. C’interessa, invece, mostrare come alcuni conti decisamente non tornino e come i precedenti non depongano certo a favore di chi sta imbastendo di nuovo, testardamente, la trama della russofobia e della guerra psicologica contro Assad, il Baath e la Siria libera e sovrana. Alcuni punti, di rilevanza strategica, tattica e storico/politica, s’impongono alla riflessione:
Nel momento in cui, per iniziativa dei russi, si stanno stabilendo nelle aree liberate, o in procinto di esserlo, corridoi umanitari per consentire il libero e ordinato flusso di parte della popolazione, risulta pazzesco, controproducente e senza senso sganciare ordigni su strutture sanitarie e su altre infrastrutture civili. La reazione ad una simile demenziale azione, non può che essere la radicalizzazione della situazione sul campo, con nuovi scontri armati in aree dove avanza la pacificazione, formazione di sacche di resistenza e focolai di guerra di posizione casa per casa che diverrebbero assai difficile eliminare per qualsiasi esercito regolare. Una situazione che, vinta la guerra, obbligherebbe l’Esercito regolare siriano a un logoramento di forze non indifferente. Cui prodest ciò? Non certo ad Assad e alla Russia, ma ai loro nemici interni ed esterni, ormai disperati e pronti al tutto per tutto pur di evitare o ritardare la catastrofe finale, il crollo definitivo del loro fronte.
C’è poi un illustre precedente: ai primi di giugno, la solita disinformazione, come l’Osservatorio siriano per i diritti umani in Siria, che attinge solo dalle fonti dei “ribelli” (“al-Nusra”, in particolare) era tornata a suonare la grancassa dei presunti bombardamenti russi sugli ospedali della Siria, in particolare nella zona di Idlib. In quell’occasione, il Maggiore-Generale Igor Konashenkov, portavoce russo, figlio di un popolo che la guerra se la ricorda e l’ha subita sulla propria pelle con 20 milioni di caduti, diversamente da altri, non solo prendeva la parola per smentire in linea generale qualsiasi implicazione russa in episodi simili ma, con rigore e trasparenza sconosciuti ad altre latitudini, negava qualsiasi azione russa nella specifica area di Idlib, mostrando inconfutabili dati di monitoraggio alla stampa. La stessa corrispondente della CNN, Clarissa Ward, era costretta ad ammettere che i russi avevano ragione. A questa ammissione, seguiva la testimonianza, dello stesso segno, di un fotografo dell’AFP presente sul posto. Alla fine, anche i ribelli della zona di Idlib gettavano la maschera, sul loro account twitter. Non vi era stato alcun ospedale colpito. Piuttosto, un missile aveva centrato un palazzo vicino a quell’ospedale, utilizzato come avamposto strategico da al-Nusra. La trappola della provocazione anti-russa, richiudeva la sua tagliolasyria-idlib-hama-homs-map-2012-03-16 sulle mani dei suoi fabbricanti, con grave scorno delle prefiche mediatiche già pronte a stracciarsi capelli e vesti dinanzi alla “crudeltà dei russi”. Altre conferenze stampa dei russi, d’altronde, già nella primavera del 2016, avevano ampiamente chiarito, con dati alla mano, come l’aviazione di Mosca non avesse mai colpito obiettivi civili, ma postazioni del Daesh/SIIL e delle formazioni armate ad esso collegate, provocandone di fatto il collasso operativo e la messa fuori combattimento. Questo, dopo un lungo periodo di bombe occidentali, queste sì perfettamente inutili e volte a colpire e intimidire la popolazione civile, lasciando intatta la forza dello SIIL e dei suoi ammennicoli armati.
Le prossime ore chiariranno il tutto, ma fin da ora la storia dell’ultimo bombardamento puzza di truffa da chilometri e chilometri di distanza, o meglio da molte miglia, per usare l’unità di misura propria di chi queste storie le imbastisce e le manipola, senza alcun rispetto per i morti e per i vivi.

Advertisements

4 Responses to La sospetta coincidenza tra vittoria imminente, corridoio ‘umanitario’ e ospedale bombardato

  1. roberto176 says:

    Chi conosce la storia intuisce subito che, quando è colpito un ospedale e qualsiasi altra struttura civile, i responsabili sono sempre gli Amerikani. E’ un “modus operandi” che appartiene solo a loro. Naturalmente è un sistema criminale. Il bombardamento di Dresda vi dice qualcosa?

  2. Pingback: La sospetta coincidenza tra vittoria imminente, corridoio ‘umanitario’ e ospedale bombardato — Aurora – noicomunisti

  3. Pingback: La sospetta coincidenza tra vittoria imminente, corridoio ‘umanitario’ e ospedale bombardato | Misteri e Controinformazione - Newsbella

  4. Pingback: La sospetta coincidenza tra vittoria imminente, corridoio ‘umanitario’ e ospedale bombardato | Guard for Angels

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...