L’attacco di Kerry e al-Qaida su Aleppo fallisce

Moon of Alabama 4 agosto 2016

13900078Ai primi di maggio il segretario di Stato degli USA Kerry impose una scadenza per il cambio di regime “volontario” in Siria: “ha detto che “la data prevista per la transizione è il 1° agosto” in Siria o altrimenti il governo di Assad e suoi alleati “chiedono una musica molto diversa”. Nella speranza che “qualcosa accada nei prossimi mesi”, ha detto che la transizione politica non include il Presidente Assad perché, “finché Assad è lì, l’opposizione non avrà intenzione di smettere di combattere”… Kerry ha fatto tali osservazioni dopo l’incontro con l’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria Staffan de Mistura e il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov. Hanno convenuto d’istituire un centro di monitoraggio del cessate il fuoco a Ginevra, Svizzera…” Da quella dichiarazione, al-Qaida in Siria e i terroristi filo-USA avevano già rotto il cessate il fuoco annunciato a febbraio dalla Russia e attaccato le posizioni del governo siriano nella zona rurale a sud di Aleppo. I negoziati di maggio tra Russia e Stati Uniti sulla Siria non hanno portato a risultati tangibili. In retrospettiva, la tattica degli Stati Uniti sembra fosse ritardare intenzionalmente. Gli Stati Uniti hanno fatto qualche offerta risibile a Russia e Siria affinché accettino la sconfitta in cambio di attacchi congiunti ad al-Qaida, ma è stata respinta senza complimenti. L’attacco di oggi su Aleppo controllata dal governo, da parte di al-Qaida in Siria (Jabhat al-Nusra alias Fatah al-Sham), è stato lanciato il 1° agosto, con 10000 terroristi, è un attacco di dimensioni senza precedenti. Il 1° agosto è esattamente la stessa data fissata da Kerry come giorno per “una musica molto diversa“. Probabilmente non è un caso. Nonostante le dimensioni enormi della “grande battaglia di Aleppo” e il suo carattere forse decisivo per la guerra, né New York TimesWashington Post ne hanno finora parlato. Gli Stati Uniti avevano a lungo preparato l’escalation e l’estensione della guerra alla Siria. A dicembre e gennaio navi affittare dagli statunitensi avevano trasportato almeno 3000 tonnellate di armi e munizioni dalla Bulgaria a Turchia e Giordania, assieme a centinaia di tonnellate di armi dal Montenegro trasportate via aerea in Arabia Saudita e altri Stati del Golfo. Secondo il famoso sito dell’intelligence militare Janes Defense, le armi bulgare sono finite in Siria, dove l’Esercito arabo siriano ne ha confiscato alcune ad al-Qaida e terroristi filo-USA. Durante il cessate il fuoco e i negoziati con la Russia, Stati Uniti ed alleati continuavano ad armare e sostenere i loro agenti in Siria anche se intimamente coordinati ed integrati con al-Qaida. Gli Stati Uniti non considerano tali gruppi terroristi, non importa con chi si alleino o cosa facciano. Anche quando un gruppo decapita un 12enne malato di fronte alle telecamere, il dipartimento di Stato degli USA continua a sostenerli opinando che “un incidente qua e là non farà necessariamente terroristico un gruppo“. Buono a sapersi …
Il Ministero della Difesa russo ha avvertito ad aprile che grandi quantità di armi e uomini passavano dalla Turchia alla Siria: “Il gruppo terroristico Jabhat al-Nusra (fuorilegge in Russia) in Siria progetta una grande offensiva, con l’obiettivo di tagliare la strada tra Aleppo e Damasco, aveva detto il capo del Primo Direttorato Operativo dello Stato Maggiore Generale russo Sergej Rudskoj,… “Secondo le nostre informazioni, circa 8000 militanti di Jabhat al-Nusra si sono concentrati a sud-ovest di Aleppo, e 1500 militanti si sono riuniti a nord della città”, aveva detto Rudskoj”. Un portavoce di Jabhat al-Nusra affermò che l’attacco ad Aleppo è stato pianificato da “diversi mesi”. Le armi furono fornite da statunitensi e sauditi all’inizio dell’anno e i russi osservarono lo schieramento di forze ad aprile, in preparazione dell’attacco su Aleppo. L’osservazione “sulla musica molto diversa” di Kerry si adatta proprio a ciò. Ma il grande attacco “dalla musica molto diversa” è fallito.aleppositL’attacco iniziava tra 1 e 2 agosto, quando i terroristi (aree verdi) riuscivano a rompere le difese del governo siriano (rosso) al confine sud-occidentale della città di Aleppo. Il piano era sfondare approssimativamente lungo la linea nera. Diversi attacchi con autobombe violarono la linea del fronte siriano. Gli insorti catturavano il grande ed incompiuto complesso di appartamenti 1070 e diverse posizioni collinari. La seconda fase veniva lanciata tentando di prendere la base dell’Accademia dell’Artiglieria a poche centinaia di metri più a est. Ma dopo intensi attacchi aerei siriani e russi e contrattacchi notturni, quasi tutte le posizioni sono tornate nelle mani del governo siriano. Nonostante il fallimento dell’assalto principale, al-Qaida ed alleati lanciavano la terza fase dell’attacco sul quartiere Ramusyah, poche centinaia di metri più a nord. Un errore tattico, dato che gli assalitori non riuscivano a costruire uno Schwerpunkt decisivo. Una tunnel carico di esplosivo distrusse parti di postazioni dell’esercito siriano a Ramusyah, ma la linea difensiva teneva, respingendo l’assalto. Gli altri attacchi condotti da 2-3000 terroristi nelle zone occupate da al-Qaida ed assediate nel nord di Aleppo, fallivano pure. Al-Qaida non è mai riuscita a spezzare l’assedio delle aree orientali e ad isolare le aree occidentali governative e densamente abitate, tagliandone le linee di rifornimento da Damasco. Combattimenti locali continuano ancora sulla prima linea, ma le postazioni del governo appaiono consolidate e la forza attaccante si sta lentamente ritirando. Al-Qaida ed alleati dovevano attaccare dalla provincia di Idlib ad Aleppo su un terreno scoperto sul limite occidentale della città. Qui gli aerei russi e l’artiglieria a lungo raggio vi hanno concentrato il fuoco. Come al solito, in queste situazioni, la maggior parte degli aggressori fu eliminata sulle linee di rifornimento verso il fronte, e non sulla prima linea. Un missile da crociera russo ha anche distrutto un deposito di armi del Jaysh al-Islam, l’alleanza dominata da al-Qaida, a Bab al-Hawa, Idlib, al confine con la Turchia. Diversi convogli carichi di armi in rotta verso Aleppo sono stati distrutti da altri attacchi aerei. Le parti si accusano a vicenda per gli attacchi con il gas contro i civili. I terroristi hanno iniziato, come fanno sempre quando perdono terreno. Questa volta siriani e russi hanno immediatamente risposto con proprie affermazioni. Ora come decidere tra questi scambi di accuse? Tali accuse e relazioni sembrano distrarre da casi più seri.
Dopo la sconfitta della terza fase dell’attacco, al-Qaida ed alleati abbandonavano il piano originale dell’attacco in sei fasi e si ritiravano. Nella dottrina militare russa, una situazione del genere richiede un contrattacco ad ampio raggio e un controffensiva strategica sul nemico in ritirata. Vedremo un’operazione lampo in cui le truppe di riserva del governo siriano procederanno ad ovest e nord di Aleppo sotto una spessa copertura aerea. Non ci sono piani governativi per liberare le zone ad est di Aleppo, assediate dal governo; possono aspettare e la loro condizione peggiorerà prima che qualsiasi costosa azione segua. Non sono ancora stati confermati i rapporti su ulteriori piani di attacco russi per la prossima fase del conflitto. Insomma la “musica molto diversa” di Kerry ha fallito nel raggiungere l’obiettivo desiderato. Il governo controlla Aleppo che non è stata isolata dal resto delle aree governative a sud. La forza d’attacco, il più grande concentramento di terroristi in questa guerra, ha subito 1000 perdite e la distruzione di grandi quantità di materiale. Una controffensiva ne frantumerebbe i resti.
In un altro focolaio di crisi, i combattenti siriani curdi delle YPG che assediano e conquistano lentamente la città occupata dallo Stato islamico di Manbij, ad est, sono sostenuti dalle forze speciali statunitensi e da intensi attacchi aerei della coalizione USA. Manbij è ora in gran parte distrutta. Gli ex-100000 abitanti sono in gravi difficoltà. 200 civili in fuga sono stati uccisi dagli attacchi aerei statunitensi, ma essendo l’operazione guidata dagli Stati Uniti, alcuna organizzazione umanitaria “occidentale” se n’è lamentata.CpD2NYaWcAAw1ptTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...