Il Pentagono fa fuggire in Turchia centinaia di terroristi dello Stato Islamico

South Front 17/08/2016re_evolution__jalal_hajirCome Southfront ha riferito il 13 agosto, la “liberazione finale” di Manbij è il risultato di un accordo tra le Forze Democratiche siriane (SDF) appoggiate dagli USA e il gruppo terroristico dello Stato islamico (SIIL). Ora, l’informazione è ufficialmente confermata dal Pentagono. Manbij era un nodo logistico chiave e importante roccaforte dello SIIL. Le forze della coalizione guidata dagli USA hanno passato quasi tre mesi effettuandovi attacchi aerei e assalti. Il colonnello dell’US Army Carver, portavoce dei combattenti della coalizione degli USA, ha detto che le SDF avevano permesso a ”diverse centinaia di veicoli con 100-200 combattenti del SIIL, di uscire al sicuro dalla città di Manbij“. Secondo il colonnello Carver, la decisione era stata presa dai capi delle SDF perseguendo l’obiettivo di evitare vittime, aggiungendo che lo SIIL aveva civili in ogni autoveicolo. Osservò che alcuni civili erano probabilmente ostaggi, ma non negò che potessero essere saliti a bordo volontariamente. “Continuavano a spingere i civili sulla linea del fuoco, cercando di farli uccidere per usarli nella propaganda, pensiamo“, aveva detto il colonnello Chris Garver. L’ufficiale aggiunse che i terroristi cedettero le armi prima di andarsene. I terroristi dello SIIL lasciavano Manbij il 12 agosto sotto la sorveglianza dei droni della coalizione per garantirsi che non si raggruppassero cercando di rientrare in città. Il colonnello Carver sottolineò che era il primo accordo di questo tipo con lo SIIL.
Questa bella storia del Pentagono pone alcune domande:
– i tizi del Pentagono credono davvero che qualcuno accetti la versione sui terroristi dello SIIL che gettano le armi al centro di Manbij (dove gli ultimi scontri erano in corso) per avere un passaggio sicuro delle SDF dopo 3 mesi di scontri pesanti e attacchi aerei sulla città? Dopo che centinaia di combattenti delle SDF avevano perso la vita in questa operazione, i loro comandanti aprivano giusto un passaggio sicuro per i terroristi dello SIIL “disarmati”?
– dopo 3 mesi di attacchi aerei sulle zone residenziali di Manbij, si persegue l’obiettivo di evitare “vittime civili”? Perché le “vittime civili” fermarono la coalizione il 12 agosto?
– “alcuni” civili negli autoveicoli dello SIIL erano “probabilmente” degli ostaggi. Come poterono i combattenti “disarmati” dello SIIL sequestrarli?
– se i terroristi dello SIIL avevano ceduto le armi, perché il Pentagono si aspettava che potessero riorganizzarsi e rientrare in città?
L’unica risposta logica a queste domande è che i 100-200 terroristi dello SIIL che lasciavano Manbij erano armati di tutto punto, non avevano consegnato le armi alle SDF e né avevano intenzione di farlo. Purtroppo, ciò danneggia seriamente l’immagine di Stati Uniti e SDF. Perciò il colonnello Carver decise di “edulcorare” la realtà.Cpp0ghiWgAEOWpg

CqMrhB_WIAAbu2G

CqMrg_dWgAIhQFp

CqMrg7vW8AAbg6_

Dalle foto è possibile capire che non si tratta di 200 terroristi, ma forse di un migliaio (gli ‘ostaggi’ probabilmente erano solo altri terroristi da coprire). La battaglia di Mambij non è stata la favola hollywoodiana che la CIA e le sue appendici dei centri sociali in Italia raccontano.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...