Sukhoj Su-34, il carro armato volante

Fort Russ, TASS, 28/8/2016c9dc99388e92dafe0bac9dc71781c70215caed25_1200L’Industria Aeronautica Chkalov di Novosibirsk in Siberia ha completato il 100° cacciabombardiere Su-34 (nome in codice della NATO: Fullback), annunciato dal Viceprimo Ministro Dmitrij Rogozin sulla sua pagina Facebook il 19 agosto. Il primo contratto per la fornitura di aerei da combattimento Su-34 fu firmato dal Ministero della Difesa russo nel 2008. Quattro anni più tardi, l’avanzato cacciabombardiere entrò in servizio nella Forza Aerospaziale della Russia. Come già detto dal Comandante della Forza Aerospaziale della Russia Viktor Bondarev, il Su-34 sostituirà i bombardieri tattici Su-24 Fencer e l’aereo d’attacco Su-25 Grac. La Forza Aerospaziale della Russia riceverà non meno di 200 cacciabombardieri Su-34 nell’ambito del programma di armamento per il 2020. La Forza Aerospaziale della Russia ha impiegato con successo questi aerei da guerra nelle operazioni in Siria contro lo Stato islamico.

Perché viene chiamato ‘anatroccolo’?
Il velivolo dispone di una linea aerodinamica standard con alette anteriori, un’ala trapezoidale, doppia deriva, 2 motori AL-31F e carrello di atterraggio triciclo. L’equipaggio è composto da un pilota e un navigatore affiancati nella cabina blindata, accessibile da uno sportello inferiore con scalini. Il comandante di stormo del Su-34, Capitano Alekseh Belonog, che ha quasi un migliaio di ore di volo su quattro tipi di aerei, ha detto alla TASS alla vigilia della Giornata dell’Aeronautica, che il cacciabombardiere Su-34 è indiscutibilmente il suo favorito. “E, a proposito, c’è il semplice fatto che l’avanzato cacciabombardiere viene affettuosamente chiamato ‘anatroccolo’ dai piloti per via del cono anteriore piatto. Non ci vedo nulla di male“, aveva detto il Capitano Aleksej Belonog. Il Su-34 è l’aereo preferito da molti piloti, disponendo di un’ampia e comoda cabina di pilotaggio ed eccellenti caratteristiche di volo. “Naturalmente, non è progettato per le acrobazie ma può anche gestire spinte fino a 7,5G (la forze sperimentata dai piloti quando eseguono manovre acrobatiche)“, ha detto il pilota.

Tre in uno
Il bombardiere tattico biposto Su-34 può operare in modo efficiente di giorno e notte e in qualsiasi condizione meteo. Il Su-34, definito Fullback (Terzino) dalla classificazione della NATO, è progettato per compiere attacchi con missili e bombe contro obiettivi a terra e distruggere bersagli aerei nemici. “Il Su-34 è una macchina unica che ne incorpora ben tre: l’aviogetto da combattimento, l’aereo da attacco e il bombardiere tattico. Il Su-34 può affrontare con successo tutti gli obiettivi aerei e distruggere efficacemente quelli sotterranei e di superficie ed inoltre può rimanere per tempi estremamente lunghi in volo, limitati solo dalla resistenza fisica dei piloti“, affermava alla TASS l’osservatore militare Viktor Litovkin. Il Su-34, versione modificata del velivolo da caccia Su-27 (Flanker), è stato sviluppato dall’ufficio progettazione Sukhoj sotto la guida del capoprogettista Rolan Martirosov. Il cacciabombardiere è prodotto in serie dall’Industria Aeronautica di Novosibirsk dal 2006. Il Su-34 effettuò il primo volo nel 1990 (come prototipo T-10 V-1 pilotato dal venerabile collaudatore dell’URSS Anatolij Ivanov). Il Su-34 fu sviluppato per il rapido dispiegamento in tutte le regioni e i confini del Paese per sigillarli in modo efficace in caso di conflitto armato, prima dell’arrivo delle forze principali. “Anche prima che l’aereo fosse in servizio, un equipaggio di piloti collaudatori della Sukhoj Design Bureau effettuò un volo non-stop da Mosca a Sakhalin nell’Estremo Oriente russo e ritorno, dimostrando in tal modo a chi avesse dubbi che il caccia può compiere missioni alla massima distanza dalla base“, afferma Viktor Litovkin. Tutte le condizioni sono state create nel Su-34 per adempiere a ciò. Rispetto ad altri caccia, l’equipaggio è seduto fianco a fianco nella cabina di guida, invece che in tandem. “C’è spazio tra loro per stendere un materasso e permettere a uno dei membri dell’equipaggio di riposare durante il volo“, ha detto l’esperto militare. Inoltre, lo spazio dietro i sedili dei piloti gli permette di stare in piedi. “C’è un forno a microonde, un condizionatore d’aria, un sistema di elettro-massaggio integrato nei sedili dei piloti e anche una toilette bio a bordo del bombardiere. Se si sa che tale disposizione non si trova a bordo non solo dei caccia ma neanche dei bombardieri a lungo raggio o dei velivoli da trasporto militari Iljushin Il-76, si potrebbe rimanere sorpresi ancora dall’unicità del Su-34“, afferma Viktor Litovkin. Il Su-34 può volare con il pilota automatico a una quota estremamente bassa, costeggiando il terreno. A parere di Litovkin, alcun aviogetto da combattimento nel mondo, tra cui gli assai pubblicizzati F-22 e F-35 statunitensi, hanno queste capacità. Il secondo radar per osservare l’emisfero posteriore è un’altra caratteristica unica: il sistema avviserà l’equipaggio della minaccia e può reagire con una salva di missili a un attacco di aerei nemici “per colpirlo al tergo“.e98467fda7ee5336dbe5648b44511d4310986bde_1200Caratteristiche del Su-34
Secondo i dati da fonti aperte, il Su-34 ha una lunghezza di 23,3 metri, un’altezza di 6,4 metri e un’apertura alare di 14,7 metri. L’aereo opera a una quota operativa di 14650 metri ed ha un’autonomia di volo di 4500 chilometri senza rifornimento e 7000 chilometri con rifornimento. Il cacciabombardiere Su-34 ha un raggio d’azione di 1100 km. L’aereo ha un peso al decollo di 45,1 tonnellate e un carico bellico di 8 tonnellate. L’aereo può volare a una velocità di 1900 km/h. Il Su-34 è armato con un cannone da 30mm e 12 piloni possono trasportare diversi tipi di missili aria-aria e aria-superficie, razzi e bombe.

L’interesse dei clienti stranieri
L’interesse dei clienti stranieri per gli aerei russi, in particolare i cacciabombardieri Su-34, è aumentato dopo l’operazione della task force aerea russa in Siria. In particolare, interesse è stato mostrato da alcuni Paesi del Medio Oriente. “Senza dubbio, l’interesse è aumentato. Voglio dire che decine di delegazioni della Rosoboronexport (esportatore di armi di Stato) viaggiano all’estero ogni settimana per assai intensi negoziati con Paesi di Medio Oriente, Africa, America Latina, Asia e così via”, afferma il ViceCEO della Rosoboronexport Sergej Goreslavskij. Nel 2015, Rosoboronexport avviò la preparazione del certificato di configurazione per l’esportazione del Su-34. Nel 2016, un contratto con l’Algeria sarebbe stato firmato per consegnare dei bombardieri tattici. I negoziati sono in corso e sono progrediti, mentre il contratto non è stato ancora firmato. “Gli algerini hanno da tempo espresso il desiderio di acquistare i Su-34, ma non c’era alcun certificato di configurazione per l’esportazione per la macchina. Ora è disponibile. Credo che il contratto sarà sicuramente firmato a metà del 2016 o prima della fine dell’anno”, affermava una fonte della difesa

Dove è stato utilizzato
I Su-34 russi hanno compiuto missioni di combattimento per la prima volta durante la guerra in Ossezia del Sud, nel 2008. I cacciabombardieri furono usati per coprire gli aerei d’attacco effettuando la guerra elettronica contro i sistemi di difesa aerea georgiani utilizzando la stazione di disturbo Khibinij. I cacciabombardieri Su-34 disturbavano dalle formazioni da combattimento degli aerei da guerra, disattivando i sistemi di difesa aerea georgiani grazie a riuscite contromisure e distruggendo anche il radar principale di Gori con un missile anti-radar. Dal 2015, il cacciabombardiere Su-34 appare spesso nei video dei notiziari televisivi riguardanti l’operazione della task force aerea russa in Siria. Specialisti militari, numerosi esperti ed analisti guardano con interesse alla sua riuscita performance. I Su-34 hanno effettuato sortite non solo con le regolari bombe a gravità OFAB-500 e KAB-500, ma anche con missili aria-aria a breve e a medio raggio. Le armi impiegate dal Su-34 includono i missili aria-aria a corto raggio R-73 (nome in codice NATO: AA-11 Archer) e a medio raggio R-27 (AA-10 Alamo). Il cacciabombardiere Su-34 può trasportare 6 missili R-73 su lanciatori nelle estremità alari del velivolo o sotto le ali, e 8 missili R-27 possono essere montati su piloni di espulsione o lancio sotto l’ala e nei punti d’attacco sotto la fusoliera. Gli aerei Su-34 furono utilizzati per la prima volta nella primavera del 2016 per eliminare concrezioni di ghiaccio. La loro missione causò la maggiore inondazione negli ultimi 20 anni della Severnaja Dvina nelle Regioni di Vologda e Arkhanglesk. I bombardieri effettuarono due sortite ciascuno, sganciando 8 bombe dal peso totale di 4 tonnellate. Il 16 agosto, i cacciabombardieri Su-34 decollarono per la prima volta dall’aeroporto iraniano di Hamadan bombardando i terroristi in Siria. La sortita coinvolse anche i bombardieri a lungo raggio Tupolev Tu-22M3, colpendo obiettivi dei raggruppamenti dello Stato islamico e di Jabhat al-Nusra nelle province siriane di Aleppo, Dayr al-Zur e Idlib.276c8260ab580be7f451f8dbf88b399013078906_1200

Il numero due del SIIL, al-Adnani, eliminato ad Aleppo da un attacco aereo russo
Interfax-AVN, 31/08/2016

A seguito del bombardamento aereo russo nella provincia siriana di Aleppo veniva distrutto un gruppo di 40 insorti, tra cui l’emiro Abu Muhamad al-Adnani, considerato il numero due del gruppo terrorista “Stato islamico”, dichiarava il Ministero della Difesa russo. “Tra i terroristi liquidati, sono confermate da molteplici canali dell’intelligence le informazioni sul capo Abu Muhamad al-Adnani, più comunemente noto come il portavoce ufficiale del gruppo terrorista internazionale Stato islamico”, affermava il Ministero della Difesa della Federazione Russa, che dichiarava che l’attacco ai terroristi fu effettuato da un bombardiere russo Su-34, il 30 agosto, nella zona di Maratat Um Hush, provincia di Aleppo. “E’ stato distrutto un grande gruppo di terroristi (quaranta persone)“, dichiarava il Ministero della Difesa russo. “Abu Muhamad al-Adnani era considerato il numero due dello SIIL dopo Abu Baqr al-Baghdadi, ed era noto per gli appelli a compiere attacchi terroristici in Europa occidentale e Stati Uniti“, riferiva il Ministero della Difesa della Federazione Russa.1143528Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...