Il dilemma siriano di Obama

Alessandro Lattanzio, 22/9/2016268qljqasc11fa998182840f1e23-3735875-map_of_northern_syria_showing_the_different_zones_controlled_by_-a-55_1470997507541Il 20 settembre, il Comitato Internazionale della Croce Rossa confermava che un suo convoglio di 33 autoveicoli veniva distrutto assieme a un deposito della CRI presso Urum al-Qubra, causando la morte di 21 persone e la perdita di 18 autocarri. Subito, il rappresentante dell’Arabia Saudita alle Nazioni Unite accusava i siriani di aver bombardato il convoglio. Mosca e Damasco definivano le accuse insensate e che le forze aeree russe e siriane non avevano bombardato alcun convoglio umanitario. Il segretario della stampa presidenziale Dmitrij Peskov osservava che i soldati siriani erano stati gli unici a rispettare il cessate il fuoco, mentre il Ministero della Difesa russo sottolineava “Che inoltre il convoglio stava attraversando un territorio controllato dai terroristi e il Centro per la riconciliazione in Siria afferma che il convoglio era controllato da un drone”. I video dell’incidente non mostravano segni di bombardamenti, come ad esempio crateri o i tipici danni ai veicoli, facendo ritenere che il convoglio sia stato incendiato. Infatti, il convoglio era controllato dai ‘caschi bianchi’, un’organizzazione propagandistica formata da terroristi islamisti e fondata e finanziata dal governo di Londra tramite delle ONG create da un ufficiale delle forze speciali inglesi. “Abbiamo attentamente studiato le registrazioni video dei cosiddetti attivisti sul posto e non abbiamo trovato segni di munizioni che abbiano colpito il convoglio. I successivi movimenti del convoglio non sono stati monitorati dai russi. Solo i terroristi che controllano questa zona conoscevano la posizione del convoglio. Abbiamo attentamente studiato i video dei cosiddetti attivisti sul posto e non abbiamo trovato segni che un qualsiasi tipo di munizione avesse colpito il convoglio. Non ci sono fori di proiettili, le vetture non sono danneggiate e non ci sono danni dovuti ad onde d’urto. Tutto ciò che mostra il video è la diretta conseguenza dell’incendio del carico, iniziato in modo strano, contemporaneamente a un massiccio attacco dei terroristi su Aleppo. L’analisi delle videoregistrazioni dei droni dei movimenti del convoglio umanitario attraverso i territori di Aleppo controllati dai terroristi, rivela nuovi dettagli. Si vede chiaramente un camioncino dei terroristi che traina un mortaio di grosso calibro muoversi con il convoglio. Non è chiaro chi coprisse chi: il mortaio copriva il convoglio dei ‘caschi bianchi’ o viceversa. E una domanda più importante: dov’è sparito tale mortaio quando il convoglio raggiunse la destinazione e da dove proveniva il tiro quando il convoglio veniva scaricato? Chi aveva iniziato a sparare e perché? Ciò potrebbe rivelarsi una ‘coincidenza’, per via di coloro che appaiono sempre al momento giusto nel posto giusto con le videocamere, come i rappresentanti dell’organizzazione dei ‘caschi bianchi’ vicini a Jabhat al-Nusra”, osservava il portavoce del Ministero della Difesa russo, che concludeva, “La sera del 19 settembre, su quella regione, un drone della condizione internazionale, decollato dalla base aerea di Incirlik in Turchia, volava a 3600 metri di quota e alla velocità di circa 200 chilometri all’ora. L’oggetto era nella zona della città di Urum al-Qubra, dove era arrivato il convoglio pochi minuti prima che prendesse fuoco. se ne andava dopo circa 30 minuti. Solo i suoi proprietari sanno cosa esattamente stesse facendo il drone in quella particolare zona in quel momento preciso”.

14425327Allarmato dai governi europei, come quello tedesco, che non si erano precipitati a sostenere le accuse fasulle degli Stati Uniti alla Russia di aver bombardato il convoglio, oltre al fatto che l’ONU non riprendeva più l’accusa che il convoglio fosse stato bombardato da aerei russi o siriani, il segretario di Stato degli USA John Kerry pretendeva che gli aerei siriani non bombardassero più le aree occupate da al-Qaida (Jabhat al-Nusra/Jabhat Fatah al-Sham) in Siria, arrivando ad invocare ancora la No Fly Zone sulla Siria, per permettere agli alleati della NATO e degli USA, i terroristi islamisti wahhabiti e taqfiriti coordinati ed addestrati dalle forze speciali statunitensi e occidentali (Gladio-B), di perseguire il cambio di regime in Siria. Difatti, Washington getta via ogni ritegno, puntando apertamente al sostegno diretto militare delle organizzazioni terroristiche finanziate e armate da sauditi e turchi. Tale passo è una reazione all’attacco missilistico russo a un centro di coordinamento tra terroristi e specialisti atlantisti (ufficiali di Gladio) sul jabal al-Saman, presso Aleppo, che guidava gli attacchi terroristici nelle provincie di Aleppo e di Hama. Va ricordato che tale accelerazione è anche dovuta al disgregarsi delle fortune della candidata guerrafondaia Hillary Clinton, espressione dell’alleanza tra Pentagono, industria bellica, neocon, sinistra socialimperialista e radicalismo islamico sponsorizzato da Arabia Saudita, Qatar, Quwayt e Turchia*. Infine, non è un caso che il segretario di Stato degli USA evitasse di dire, al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che Jabhat al-Nusra è il ramo in Siria di al-Qaida, organizzazione terroristica ufficialmente accusata dagli USA degli attacchi dell’11 settembre 2001, proiezione armata regionale del clan dei Saud. E che il nodo siriano in realtà riguardi i rapporti tra Washington e Ryadh, emerge dalla posizione di Obama (e del clan clintoniano-bushita che rappresenta), volta a porre il veto a una legge (lo JASTA) che permetta alle famiglie delle vittime dell’11 settembre di citare in giudizio i sauditi per il finanziamento del terrorismo. “Il Regno di Arabia Saudita è l’incubatore della jihad globale. I sauditi costruiscono madrasah dove imam incendiari… predicano odio, stampano e distribuiscono libri di testo che insegnano la violenza contro gli infedeli, e versano ingenti somme a terroristi come Usama bin Ladin. In particolare, il ruolo saudita nella jihad radicale non si ferma al finanziamento del terrorismo, ma arriva al supporto logistico dei singoli attentai. Tale è il ruolo dei sauditi collegati agli attacchi dell’11 settembre. Contrariamente a quanto dice il presidente Obama sulle “28” pagine vi è abbondanza di “qui” scoperti che si chiamano prove del sostegno finanziario e logistico saudita al dirottatori dell’11 settembre stabilisti negli Stati Uniti… Incredibilmente, fatti e prove nelle 29 pagine non furono esaurientemente studiati perché al momento (2002-2004), secondo il vicepresidente Dick Cheney, eravamo una nazione in guerra e non potevamo distogliere risorse vitali indagando sul ruolo saudita negli attacchi dell’11 settembre”. Inoltre, Obama persisteva nel dire che la Commissione sull’11 settembre aveva esonerato i sauditi. Invece la commissione concluse che, “L’Arabia Saudita era da tempo considerata la principale fonte di finanziamento di al-Qaida… enti di beneficenza dalla notevole sponsorizzazione governativa saudita inviavano fondi ad al-Qaida, che trovava terreno fertile nella raccolta di fondi in Arabia Saudita, dove religiosi estremisti sono la norma e finanziarli è essenziale per soggetti e cultura limitati. Forse, se il presidente Obama avesse avuto il tempo di leggere le 29 pagine, avrebbe capito la saggezza e la necessità dello JASTA. Il presidente potrebbe anche comprendere meglio il motivo per cui il 100 per cento del Congresso l’ha approvato…. Il presidente Obama dice che si oppone allo JASTA perché aprirà negli Stati Uniti cause che costerebbero miliardi di dollari. Ciò che il presidente Obama non menziona è che nazioni ed individui straniere possono già citare in giudizio gli Stati Uniti attraverso leggi come ATA (Alien Tort Statute, 28 USC s. 1350) e ATS (Anti-Terrorism Act, 18 USC s. 2333). La ATS è in vigore dal 1789 e l’ATA dal 1990. Nessuno dei due ci è costato miliardi. Nessuno dei due ha aperto le cateratte del contenzioso. Nessuno dei due ha messo in pericolo i nostri soldati né ostacolato la nostra capacità di effettuare attacchi coi droni, movimenti di truppe o torture”.
La vera ragione per cui Washington continua ad interferire pesantemente in Siria, è non solo impedire la vittoria del fronte della Resistenza e del mulitpolarismo, ma anche impedire una frattura totale con Ryadh, cercando di permetterle una vittoria regionale, in Siria in questo caso, per cercare di attutire l’impatto sulle relazioni saudite-statunitensi che avrà la posizione del Congresso degli USA sullo JASTA. Non va dimenticato che assieme al disastro politico-militare saudita in Iraq e nello Yemen, la definitiva disfatta dei terroristi-mercenari wahhabiti in Siria, con il conseguente rafforzamento dell’Asse della Resistenza e dell’Iran, indebolirà in modo imprevedibile il dominio dei Saud nella penisola arabica, mettendo in discussione la base economica del predominio statunitense, il petrodollaro, arma geo-finanziaria ideata dal connubio tra Washington e il clan dei Saud.1-white-helmets-aleppo-syria* Nelle macchinazioni concepite dalla Turchia a danno della Repubblica Araba Siriana, rientrano il golpe fasullo del 15 luglio, in Turchia, e l’attivazione di una rete di disinformazione e propaganda anti-russa, anti-BRICS e anti-eurasiatico alla cui guida si trova il cosiddetto geo-filosofo Aleksandr Dugin (in realtà paragonabile a uno sciamano satanista), collegato tramite figure intermedie, come Andrew Korybko ed altri autori statunitensi (che adottano pseudonimi russi), a una rete di propaganda neonazista statunitense e all’intelligence turca. L’obiettivo di fondo è denigrare e sabotare sul piano mediatico le alleanze di Mosca; da un lato denigrando tradizionali Paesi amici della Russia come India, Vietnam, Serbia, ecc., perfino la Cina, e dall’altro esaltando dichiarati nemici della Russia come la Turchia neottomana di Erdogan o fazioni revansciste e militariste giapponesi (come la Conferenza giapponese). La rete di Dugin conta un’ampia influenza sui social media, grossolanamente sottovalutata, perciò oltre a siti che controlla (Katehon, Gpolit) è riuscita ad influenzarne diversi altri, come Indian Punchline, Dedefensa, Russia Insider, Fort Russ, ecc.obama-saudi-princesRiferimenti:
Consortium News
Fort Russ
The Duran
The Duran
The Duran
The Duran

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...