La battaglia di Mosul, l’inganno di Washington e Ankara

Mouna Alno-Nakhal, Mondialisation, 23 ottobre 2016frappes-usa-2Il 3 ottobre, spiegando l’isteria occidentale sull’avanzata dell’Esercito arabo siriano ed alleati ad Aleppo, il Generale Amin Hutayt aveva detto: “Se gli Stati Uniti avevano la minima speranza che Aleppo non venisse liberata dai terroristi entro almeno i prossimi due mesi, avrebbero agito in modo diverso. Ma è chiaro che la Siria e i suoi alleati, come la Russia, hanno deciso diversamente. Da qui il “Piano C” avviato a Dayr al-Zur, prendere in ostaggio la città e raggiungere tre obiettivi:
– Delimitare un’area aperta in Iraq per isolare la Siria, perciò impedivano l’avanzata dell’Esercito arabo siriano distruggendo i ponti, proprio come Israele fece in Libano quando invase il sud, demolendo quattro ponti per isolarlo dal resto del Paese e farne una zona spopolata e controllata dalle Nazioni Unite.
– “Liberare Mosul”, secondo il piano degli Stati Uniti e non degli iracheni. In altre parole, nel modo con cui i turchi avrebbero liberato Jarablus, in Siria, sfruttando l’inganno della mano destra che guida lo SIIL passando alla mano sinistra che guida al-Nusra. La questione è questa: dove gli USA porteranno i terroristi di Mosul? Risposta: a Dayr al-Zur.
– Attenuare la vittoria della Siria ed alleati ad Aleppo, una vittoria certa tra poche settimane e che a nostro avviso silurerà definitivamente il piano di spartizione staunitense della Siria, da cui gli attacchi su Dayr al-Zur ridotti a mera vendetta…“[1].
Ora, Dayr al-Zur è situata sulle rive dell’Eufrate, per lo più invase dallo SIIL. I raid aerei della coalizione internazionale contro lo SIIL, guidata dagli Stati Uniti, hanno distrutto il ponte al-Mayadin il 28 settembre e il ponte al-Ashara il giorno successivo, dopo aver bombardato “per errore” le postazioni dell’Esercito arabo siriano vicino all’aeroporto della città, il 17 settembre, uccidendo 82 soldati e ufficiali e ferendone gravemente più di un centinaio; un “errore” che richiese 2 giorni di preparazione con osservazione sul campo e 50 minuti di attacchi aerei continui, come dimostrarono la Russia e il Dottor Bashar al-Jafari al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Da allora, sette ponti sono stati distrutti sui fiumi Eufrate e Qabur, più altri due secondo SANA (Agenzia Nazionale d’Informazione Siriana) il 20 ottobre. [2] Ma nel discorso dell’11 ottobre, Sayad Nasrallah era ancora più esplicito del Generale Hutayt: “Sull’Iraq, si va di vittoria in vittoria grazie ai sacrifici dei suoi figli, del suo esercito, delle sue forze di mobilitazione popolare e delle sue tribù sunnite, sciite e curde, che affrontano i takfiriti dello SIIL. Oggi, le forze irachene avanzano su Mosul… Mi appello ai leader iracheni, ai combattenti dell’esercito iracheno e dell’Hashd al-Shabi, affinché stiano attenti ai piani degli USA. Gli Stati Uniti vogliono aprire la via ai takfiriti dello SIIL che fuggono in Siria. Vogliono “stipare” lo SIIL nella Siria orientale, da cui poter condurre nuovi attacchi sul territorio iracheno…” [3].
E’ da metà settembre che gli Stati Uniti annunciano, con piagnistei, la battaglia per Mosul, la seconda città dell’Iraq caduta nelle mani dello SIIL nel giugno 2014, grazie a un’operazione fasulla su cui non torneremo. Ma Erdogan ne annunciava la data il giorno dopo. Così, il 25 settembre, RT arabic e altre fonti riferivano: “Il presidente turco ha detto: abbiamo informazioni che indicano che l’operazione del governo centrale iracheno per liberare Mosul da elementi armati dello SIIL potrebbe iniziare il 19 ottobre, e dobbiamo essere pronti… i peshmerga collaboreranno con gli arabi nell’operazione… Riferivano anche che avesse detto ai giornalisti, a bordo dell’aereo che lo riportava da New York dopo aver frequentato l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e incontrato Joe Biden, vicepresidente degli Stati Uniti, che il suo ministro degli Esteri studiava la questione di Raqqa con gli Stati Uniti, e la Turchia gli aveva informati delle condizioni. Le condizioni riportate dal canale privato NTV si riducono alla Turchia che aderiva a un’operazione degli Stati Uniti per espellere lo SIIL dalla roccaforte di Raqqa, Siria, quando saranno esclusi i combattenti curdi…” [4].
Si comprenda: il curdo buono non è né turco né siriano, ma è quello del “clan Barzani” apertamente alleato ad Israele, motore e complice delle violazioni dei confini Sykes-Picot, che non soddisfano più Erdogan, i loro creatori, le grandi potenze estromesse e neanche i piccoli satrapi regionali che gli devono l’esistenza. E poi, il curdo buono è sunnita. Infatti, in un’intervista al canale saudita Rotana Qalijia, Erdogan diceva che non avrebbe tollerato l’insediamento di un “potere settario” a Mosul, implicando che: “Mosul appartiene al popolo di Mosul come Tal Afar al popolo di Tal Afar. Nessuno ha il diritto di entrare in queste zone… Solo gli abitanti arabi, turcomanni e curdi sunniti dovrebbe rimanere a Mosul .. Hashd al-Shabi non deve entrare a Mosul… Turchia, Stati Uniti, Arabia Saudita e la coalizione internazionale dovrebbero collaborare in questa direzione. Faremo del nostro meglio per liberare Mosul. Dovremo installare un tavolo dei negoziati e non solo osservare ciò che accade“. [5] Tal Afar è una piccola città a maggioranza turcomanna e Hashd al-Shabi è una delle forze paramilitari irachene a guida sciita che raggruppa combattenti di tutte le fedi ed etnie, la cui partecipazione alle battaglie dell’esercito iracheno ha sempre portato alla sconfitta dello SIIL, come a Ramadi, Tiqrit, nella provincia di Anbar e nella provincia di Salahudin. Quanto a Mosul, non bada mai agli abitanti cristiani, che non avrebbero cittadinanza in questa città. Erdogan e i suoi alleati wahhabiti pensano probabilmente d’impedirne il ritorno, erdoganmentre si preparano, gioiosamente, a recarsi a Qaraqush [6], interamente liberata il 22 ottobre. Ma Erdogan usa solo il proprio dizionario: rifiutare il settarismo è rifiutare tutto ciò che non gli è uguale, come dice questa immagine terribile della nuova Turchia presentata su Facebook da un anonimo. Detto ciò, in cosa Erdogan sarebbe più o meno riprovevole dei capi degli Stati Uniti che invasero l’Iraq con una menzogna, seminando caos e fingendo di ritirarsi dopo un accordo di latente partenariato strategico e una costituzione settaria ed etnica, con il pretesto di fare giustizia presso sciiti e curdi, per poi ritornare in forze oggi creando il cosiddetto preteso “piano inclusivo”, questa volta per rendere giustizia ai sunniti presuntamente minacciati da sciiti e Iran? In cosa sarebbe più o meno condannabile dei capi occidentali a rimorchio degli Stati Uniti, ma che corrono in avanti per strappare la loro parte, nascondendo l’avidità dietro presunte preoccupazioni umanitarie? Il mondo intero sa che Erdogan maltratta i suoi cittadini e violenta particolarmente i curdi, che il suo estremismo non hanno nulla da invidiare allo SIIL. Ma silenzio! La posizione strategica ne fa un ricattatore ancor più pericoloso; ciò probabilmente spiega come anche Vladimir Putin sistemi la “pugnalata alla schiena”, ma non spiega l’inganno condiviso tra Washington e Ankara.

Ankara vuole cambiare il trattato di Losanna del 1923
Cosa vuole Erdogan, a parte il fatto che assieme all’amministrazione degli Stati Uniti e all’alleato Adil al-Jubayr, ministro degli Esteri saudita, urli per scacciare l’Hash al-Shabi dalla Battaglia di Mosul, in assenza di ciò, ricorrendo a figure sunnite che ne condividano la mentalità, come i fratelli al-Najifi: uno, ex-capo del parlamento iracheno; l’altro, prefetto della provincia di Niniwa, di cui Mosul è la capitale? Alla conferenza stampa del 4 ottobre, il primo ministro iracheno Haydar al-Ubadi ne fustigava il settarismo e l’occupazione illegale da parte del suo esercito di Bashiqa, città yezidita, affermando: “Oggi il Consiglio dei Ministri ha discusso purtroppo delle dichiarazioni provocatorie della presidenza turca, dicendo come siano inaccettabili e destinate a seminare discordia tra gli iracheni… Invitiamo il presidente turco a concentrarsi sulla situazione nel suo Paese, dove esistono problemi reali per i cittadini turchi. Mentre esorto tutti noi a collaborare nell’interesse del nostro popolo, non il contrario… Il concetto di sovranità non tollera che certi iracheni supportino forze straniere che minacciano la situazione interna del Paese. È vietato. Non vi è alcuna forza straniera in campo che combatta lo SIIL in Iraq, non lo permetteremo. Abbiamo la coalizione internazionale ed esperti internazionali che guidano le forze irachene, ma non combattono. Addestrano, armano e forniscono copertura aerea, sì! Ma forze straniere non combattono al posto o a fianco dell’esercito iracheno! Non vogliamo alcuna forza straniera e la presenza di forze turche in territorio iracheno, contro la volontà irachena, non è accetta. Gli abbiamo chiesto più volte di ritirarsi… Tutti i leader dei trenta Paesi che si sono incontrati, sono d’accordo con l’Iraq: rispetto della sovranità e rifiuto delle interferenze da qualsiasi Paese negli affari iracheni… “[7]. Tuttavia, secondo la dichiarazione del 19 ottobre dell’ex-Generale libanese Muhamad Abas alla TV al-Mayadin [8], le forze pronte all’offensiva accerchiavano Mosul:
– sud e sud-est: forze dell’esercito iracheno e dell’Hash al-Shabi;
– est e nord-ovest: forze dell’esercito iracheno e peshmerga;
– est: forze di al-Najifi filo-turche a sostegno dei piani di Erdogan e degli alleati sauditi.
Ad ovest Mosul rimane aperta ai terroristi dalla Siria, come previsto degli osservatori, mentre nell’ultima edizione di “60 Minuti” del 21 ottobre, Nasir Qandil presentava il piano di Hashd al-Shabi che doveva entrare dalla riva ovest del Tigri per bloccare i terroristi a Mosul e impedirgli di fuggire nella provincia quasi disabitata, dove sarebbe stato facile disperdersi in attesa di giorni migliori, continuando la guerra di logoramento in Siria. Ma il governo iracheno era costretto a trattare con quello statunitense… e il 19 ottobre intervistato dalla televisione di Stato siriana, l’ex-Generale siriano Turqi al-Hasan testimoniò come circa 800 terroristi fossero arrivati a Raqqa da Mosul, dove i cittadini siriani venivano espulsi dalle case per installarli, aggiungendo che le forze irachene avevano colpito un convoglio di una trentina di veicoli, proveniente da Mosul, al confine con la Siria. Sul piano di Erdogan, il Generale al-Hasan spiegava che le ultime dichiarazioni, sue e delle élite politiche turche, finalmente smascheravano il perché cercassero d’invadere Siria e Iraq. In sintesi: “Il Trattato di Losanna del 1923 [9] che ha definito i confini del nuovo Stato turco e organizzato lo scambio di popolazioni, afferma che potrebbe essere rivisito 100 anni dopo, cioè nel 2023. Ed Erdogan vuole questa revisione per espandere, non ridurre o dividere la Turchia. Pertanto, nella sua mente, se il governo iracheno non libera Mosul, potrebbe tornare alla Turchia. Potrebbe quindi creare l’enclave sunnita, invocandone l’adesione alla Turchia, in una forma o nell’altra, unione o federazione. Purtroppo, l’attuale costituzione irachena imposta dagli Stati Uniti gli permette di provarci. Di qui gli sforzi per minare il governo centrale iracheno“. [10]
Lo scrittore palestinese Rasim Ubaydat conferma il Generale al-Hasan. In un articolo del 21 ottobre sul quotidiano libanese al-Bina, aggiunge: “La Turchia, che insiste a partecipare alla liberazione di Mosul nonostante il rifiuto del governo centrale iracheno, dopo aver occupato Jarablus e Dabiq in Siria e Bashiqa in Iraq con una messa in scena con lo SIIL, sostiene di difendere la propria sicurezza nazionale. In realtà, il sogno espansionista turco di oggi è rioccupare Mosul, Irbil, Qirquq in Iraq e Aleppo in Siria, città liberate dal giogo dell’impero ottomano sconfitto nel 1918. Ciò dimostra che la Turchia di Erdogan è complice del terrorismo e della guerra di aggressione contro Siria e Iraq per annettersi altri territori, come i curdi che cercano di annettersi parte della provincia di Niniwa, in riconoscimento della partecipazione alla liberazione di Mosul“[10]. Ubaydat probabilmente parla dei peshmerga curdi o comunque curdi iracheni. Ma ora Salah Muslim, il leader del Partito dell’Unione Democratica (PYD, partito siriano curdo) annuncia il censimento della popolazione nel governatorato di Hasaqah, [11] ricordando un altro censimento in tempi caotici, manipolato dai turchi per appropriarsi del Sangiaccato di Alessandretta, che non faceva parte dello Stato turco, nel 1923, ma della Siria…rrss3Washington vuole il Sunnistan tra Eufrate e Tigri
La maggior parte degli osservatori della regione sottolinea che gli Stati Uniti hanno deliberatamente ritardato la liberazione di Mosul, l’ultima grande città irachena occupata dallo SIIL, a sua volta controllato dagli Stati Uniti, ed hanno assicurato il loro sostegno all’esercito iracheno e dato il via all’operazione solo in prossimità delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Questo per accreditare la candidata democratica e aumentarne le possibilità di vittoria di Hillary Clinton. Ma Nasir Qandil dettagliando i piani C, D o Z del governo degli Stati Uniti, sottolineava che la liberazione di grandi città non significa assolutamente eliminare lo SIIL dalle enormi aree circostanti scarsamente popolate ma ricche di petrolio e superfici coltivabili, e studiando la posizione delle città su cui gli Stati Uniti cercano di mantenere la loro influenza, si nota che sono tutte situate tra il Tigri e l’Eufrate, territorio già noto come “terra dei due fiumi” e culla di molte grandi civiltà, ed ora riservato al loro mostruoso Frankenstein. In sintesi: “Non si deve pensare che la vittoria dell’esercito iracheno, sostenuta dalla coalizione internazionale guidata da Washington, significhi eliminare lo SIIL dall’Iraq. Certo, Ramadi e Tiqrit sono state liberate, ma la prima è sulle rive dell’Eufrate e la seconda e Mosul sulle rive del Tigri. Tuttavia, metà della provincia di al-Anbar (al-Ramadi), due terzi della provincia di Salahudin (Tiqrit) e tre quarti della provincia di Niniwa (Mosul) sono ancora occupate dallo SIIL dalla liberazione di Mosul. Così il triangolo di circa 70000 Kmq, definito da confine con la Siria, riva orientale dell’Eufrate e riva occidentale del Tigri, resteranno allo SIIL. Perché le aree popolate nel triangolo, pari a sette volte il Libano, si limitano a Sinjar e Tal Afar, il resto è deserto o è occupato da aziende agricole o installazioni petrolifere, dove potranno facilmente nascondersi, riprendersi e riarmarsi per gli obiettivi in sospeso di Washington. Allo stesso modo in Siria, la liberazione di Raqqa, Tabaqa, Dayr al-Zur e Buqamal non significa l’eliminazione dello SIIL. Si avrà anche una striscia di territorio di 70000 kmq ad est dell’Eufrate, dove le aree abitate solo sono Hasaqah e Qamishli. Ciò spiega perché gli statunitensi non siano preoccupati dalla liberazione di Mosul, essendo evidente che le loro tattiche usano lo SIIL per fare pressione su Siria e Russia per avere accordi adatti. Ciò spiega anche la linea rossa imposta dalla Turchia ad est dell’Eufrate, che vuole la sua parte in Siria ad ovest del fiume. Gli statunitensi si riservano il diritto di suonare la ritirata dello SIIL a piacimento, proprio come nella regione del Waziristan, dove la situazione è simile a ciò che accade nella “terra tra i due fiumi”, e dove i droni sciamano sugli obiettivi che hanno deciso di colpire, per via degli accordi con il governo afgano con il pretesto della guerra al terrorismo, dove il governo è in una situazione analoga a quella in cui è incastrato quello iracheno. Infine, con il pretesto della lotta al terrorismo, i calcoli statunitensi sono gli stessi ovunque: tale lotta richiede accordi militari, su energia, materie prime e così via, per mantenere l’egemonia, nonostante i fiumi di sangue e distruzione…“[12].
Alla luce di quanto accade ad Aleppo, va ritenuto che i piani di divisione degli uni e di espansione degli altri siano probabilmente pronti, ma l’isteria occidentale, spinta dalla determinazione di Siria ed alleati a ripulire Aleppo dai terroristi, significa che hanno capito che né Siria né Russia cederanno al ricatto e, soprattutto, che lo Stato siriano ha categoricamente rifiutato qualsiasi accordo in stile afgano o iracheno.capture-decran-2016-10-23-a-20-56-48Note:
[1] Generale Amin Hutayt, al-Alam TV
[2] L’aviazione della coalizione internazionale ha distrutto due ponti sull’Eufrate e sul Qabur
[3] Iraq: USA prevede di stipare lo SIIL nell’est della Siria
[4] Erdogan: i Peshmerga dovrebbe partecipare alla battaglia di Mosul
[5] Dichiarazioni di Erdogan sul futuro di Mosul fanno infuriare Baghdad
[6] I cristiani della piana di Niniwa celebrano la liberazione delloro aree dallo SIIL per opera dell’esercito iracheno
[7] Conferenza stampa del primo ministro iracheno Haydar al-Ubadi
[8] Generale Muhamad Abas, al-Mayadin TV
[9] Trattato di Losanna del 1923-SDN
[10] Generale Turqi al-Hasan, al-Iqbariya TV
[11] Gli approfittatori della battaglia di Mosul
[12] Il censimento a Qamishli
[13] 60 minuti con Nasir Qandil, 21 ottobre 2016

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...