Medio Oriente in movimento, l’Asse della Resistenza si amplia all’Egitto

Mentre l’Asse della Resistenza si amplia all’Egitto, consolidando la lotta al terrorismo islamista, Renzi sbarca in Libia, a soccorrere gli islamisti di Misurata
Alessandro Lattanzio, 28/10/2016mosul-23-oct-2016-2abanIl 26 ottobre, oltre 100 velivoli e più di 130 centri di comando e controllo venivano allertati in Russia, Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan nell’ambito di una grande esercitazione nella difesa da “violazioni dello spazio aereo, tra cui da aerei dirottati” e nell'”assistenza agli equipaggi di aerei in difficoltà“. Tra i velivoli interessati vi erano aerei da combattimento Su-27, MiG-29 e MiG-31, cacciabombardieri Su-24 e Su-34, aerei d’attacco al suolo Su-25, elicotteri da combattimento, unità missilistiche superficie-aria e da guerra elettronica. Bombardieri Tu-160, Tu-95MS e Tu-22M3 svolgevano il ruolo di aggressori negli spazi aerei europei e dell’Asia centrale ed orientale. Tutte le unità si coordinavano con il centro di comando dell’Aeronautica russa di Mosca. Il sistema di difesa aerea congiunto della CIS, istituito nel 1995, è dedicato alla protezione dello spazio aereo delle repubbliche ex-sovietiche, oltre al compito di primo allarme su un attacco missilistico ed aereo, e al coordinamento della risposta.
Il 28 ottobre, il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ospitava gli omologhi iraniano e siriano Mohammad Javad Zarif e Walid al-Mualam, a Mosca, per discutere dell’intensificarsi delle operazioni antiterrorismo in Siria. L’ambasciatore iraniano a Mosca Mahdi Sanayi sottolineava la stretta cooperazione tra Iran e Russia con la Siria nella guerra ai gruppi terroristici, “In generale, Iran e Russia collaborano sulla questione siriana. Ora non ci sono problemi, e consultazioni regolari sulla soluzione della questione siriana sono in corso tra Iran e Russia a diversi livelli”. L’ambasciatore russo a Teheran Levan Jagarjan aveva sottolineato. “I nostri amici iraniani sono informati dei dettagli di ciò che negoziamo con gli Stati Uniti sulla Siria. Tutto è trasparente e i funzionari iraniani ne sono informati”. Queste osservazioni avvenivano dopo che un alto ufficiale delle forze alleate del governo di Damasco aveva ammonito la Turchia a sospendere le incursioni a nord di Aleppo, avvertendo che, “Affronteremo con decisione l’esercito turco che avanza a nord-est di Aleppo. Non permetteremo mai che la Turchia si avvicini alle linee di difesa delle nostre forze alleate con il pretesto di combattere il gruppo terroristico dello SIIL”. Anche l’ex-Generale siriano Haysam Hasun aveva affermato, “Vedremo l’inizio di operazioni militari verso il nord e il nord-est della provincia di Aleppo, presso al-Bab, per bloccare l’avvicinarsi dell’esercito turco e dei terroristi filo-turchi. L’Esercito arabo siriano ha inviato forze verso al-Bab, ad est di Aleppo, tre mesi fa, ma rinviava ulteriori progressi per aiutare le altre unità dell’esercito a consolidare le posizioni a sud e a sud-est di al-Bab e Dabar. Forze siriane e curde hanno avviato il 24 ottobre un’operazione per respingere l’esercito turco nel nord“. Inoltre, l’analista siriano Qamal Fayadh dichiarava che dopo la “Fine della battaglia di Aleppo ci si concentrerà su al-Bab, la più importante ed ultima base dello SIIL nel nord della provincia di Aleppo, una città in cui, nonostante i duri scontri, né i curdi, né le forze turche e i loro alleati dell’ELS avranno il coraggio di entrare, dati gli avvertimenti di Russia e Iran ai turchi“.
qassemsoleimani Il comandante della Forza al-Quds del Corpo delle Guardie della Rivoluzione islamica (IRGC) Maggiore-Generale Qasim Sulaymani, giungeva nel centro operativo dell’Hashd al-Shabi di Mosul, per svolgere il ruolo di consigliere dell’operazione anti-SIIL, “Hashd al-Shabi inizierà presto le operazioni ad ovest di Mosul per tagliare le vie di rifornimento dello SIIL con la Siria e sventare i piani degli Stati Uniti di rinviare la partecipazione delle forze popolari nell’operazione, e il Generale Soleimani vi ha aderito in qualità di consigliere militare“, affermava al-Aqbar. Il portavoce delle forze popolari irachene Ahmad al-Asadi aveva confermato che “La presenza del Generale di Brigata Sulaymani nelle operazioni per liberare Mosul e la provincia di Niniwa è necessaria, essendo il più importante consigliere che abbia aiutato il governo iracheno nella guerra contro lo SIIL. Hajj Qasim Sulaymani è uno dei più importanti consiglieri militari della Repubblica islamica dell’Iran, ed è in Iraq su invito, domanda e accordo del governo iracheno“. A giugno, il Ministro degli Esteri iracheno Ibrahim al-Jafari aveva sottolineato che il “Generale Sulaymani è in Iraq su invito del governo iracheno per consigliare le forze irachene” e il comandante dell’Hashd al-Shabi, Abu Mahdi al-Muhandas, a sua volta sottolineava che i “consulenti iraniani, guidati dal caro fratello Qasim Sulaymani, sono al nostro fianco dall’inizio della guerra, e la loro presenza è richiesta dal governo ed è in accordo con il comandante in capo delle Forze Armate irachene“. Inoltre, l’esercito iracheno chiedeva a Mosca di fornire intelligence sui terroristi dello Stato Islamico (IS) attivi a Mosul e dintorni, secondo il quotidiano Izvestija. “Usando l’intelligence elettronica, gli iracheni hanno già intercettato i segnali di chiamata dei comandanti sul campo e sono riusciti a determinare quali unità dello SIIL operano nella zona di Mosul, e attraverso il Centro di coordinamento congiunto di Baghdad richiedevano informazioni su formazioni, consistenza, armi e tattiche dello SIIL. I russi hanno risposto positivamente e preparano i dati che saranno presto consegnati ai militari iracheni”. Il presidente del Consiglio del Comitato della Federazione per gli Affari Esteri, Konstantin Kosachev, confermava che “Russia e Iraq perseguono gli stessi obiettivi nel contesto della lotta al terrorismo, in questo caso sul territorio dell’Iraq. E non vedo alcun ostacolo allo scambio d’intelligence senza alcuna restrizione“, e secondo un rappresentante dell’Hashd al-Shabi (le Forze di mobilitazione del popolo iracheno), “La condivisione dell’intelligence sulle posizioni dei terroristi in Iraq, si svolge ad alto livello fra Baghdad e Mosca. La Russia è un alleato affidabile e supporta l’Iraq inviando armi e munizioni per la lotta ai terroristi dello SIIL. Usiamo elicotteri militari russi. C’è il pericolo di movimenti dei terroristi dall’Iraq alla Siria, e faremo tutto il possibile per eliminare i terroristi qui, sul suolo iracheno“. Gli esperti militari osservavano che l’aiuto russo a Mosul è di fondamentale importanza, e la Russia, in risposta, avrà le informazioni necessarie sui movimenti di terroristi verso il territorio della Siria. Mosca controlla la situazione a Mosul, e come aveva dichiarato il Capo di Stato Maggiore russo Generale Valerij Gerasimov, i militari russi controllano ciò che accade in tempo reale tramite satelliti da ricognizione e velivoli senza equipaggio (UAV). Secondo l’analista militare iracheno Safa al-Asam, “Turchia e Arabia Saudita cercavano di portare al-Baghdadi in Turchia, via Mosul e Qirquq, oppure via al-Qaim, al-Rataba a Dayr al-Zur in Siria, e quindi in Turchia, per poi trasferirlo in Libia. Lo SIIL ora cerca una nuova via attraverso i confini tra Iraq e Siria per portare al-Baghdadi in Turchia e poi in Libia o altrove”. Una fonte irachena aveva detto che “al-Baghdadi era stato gravemente ferito nella battaglia di al-Anbar, nell’ovest dell’Iraq, a settembre, e che le ferite erano tali che non poteva affatto muoversi liberamente“. Secondo altre fonti, invece al-Baghdadi e tre collaboratori erano stati avvelenati, e quindi trasferiti in un luogo sconosciuto. Nel maggio 2016, secondo fonti irachene, al-Baghdadi era rientrato in Iraq dalla Siria, “al-Baghdadi e un gruppo di capi dello SIIL sono tornati di nascosto nella provincia di Niniwa, in Iraq“. Nel novembre 2015 al-Baghdadi si era trasferito a Mosul dalla città siriana di al-Buqamal, dove si era rifugiato ad ottobre, dopo che aerei iracheni ne avevano bombardato il convoglio presso al-Qarablah, eliminando 25 terroristi nell’operazione organizzata dal Centro di condivisione dell’intelligence di Baghdad, gestito delle agenzie d’intelligence iraniane, russe, irachene e siriane. Al-Baghdadi, ferito nel raid aereo iracheno, fu trasferito a Raqqa, dove i chirurghi riuscirono a salvargli la vita, ma senza potersi ristabilire completamente.
isis_egypt_libya Il politologo del Centro studi politico-strategici egiziano Atif al-Sadawi dichiarava “Gli sviluppi internazionali, specialmente sull’Arabia Saudita, hanno costretto l’Egitto a cambiare diplomazia e a ricercare nuovi alleati nei Paesi come Iran, Venezuela e Russia per aiutarlo in tutti i campi. Il ripristino dei legami Cairo-Riyadh è un lavoro molto complicato e difficile in questo momento“, ostacolato dalla posizione dell’Egitto sulla crisi siriana e dalla sconfitta saudita nello Yemen. Ai primi di ottobre, il consigliere del Parlamento iraniano Hossein Amir Abdollahian definiva “costruttiva e utile” la posizione dell’Egitto su crisi siriana e lotta al terrorismo, ed incontrando il rappresentante egiziano Yasir Uthman a Teheran, affermava “Iran ed Egitto sono due grandi e influenti Paesi che possono svolgere un ruolo costruttivo cooperando nella regione per attenuare le tensioni“. Uthman sottolineava che “L’incremento delle consultazioni tra funzionari dei due Paesi sarà efficace nel migliorare la situazione regionale“. In precedenza il Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi aveva dichiarato che la “Posizione dell’Egitto sulla situazione in Siria si basa su cinque semplici principi: rispetto dell’integrità territoriale e della volontà del popolo siriani, soluzione politica pacifica della crisi, disarmo degli estremisti, recupero della Siria e ripristino delle istituzioni statali“. L’Egitto, è consapevole di essere obiettivo del jihadismo sponsorizzato dagli Stati Uniti, e la guerra civile in Libia, dove lo SIIL ha il sostegno degli Stati del Golfo, è una minaccia immediata. La Libia con un governo fantoccio controllato dalle potenze del Golfo, potrebbe destabilizzare l’Egitto, e ciò significa che Cairo è interessata ad influenzare l’esito della guerra civile libica. In tale quadro, la Russia è essenziale per l’Egitto, potendo riempire il vuoto causato dall’azione occidentale e potendo difendere l’integrità politica e territoriale dell’Egitto contro ogni minaccia, come ha dimostrato in Siria. Perciò l’Egitto cerca una stretta cooperazione con la Russia. Sul piano militare, ad esempio le navi Mistral acquisite dall’Egitto riceveranno equipaggiamento elettronico ed elicotteri russi, mentre la Marina Militare egiziana aveva già ricevuto una corvetta lanciamissili classe Molnija. Per Mosca, l’Egitto è un baluardo contro l’invasione occidentale ed islamista, una risposta simmetrica all’espansione della NATO e alle rivoluzioni colorate della CIA.
E concludendo proprio sulla Libia, il governo Renzi ha stanziato per la missione Ippocrate, a Misurata, e per la partecipazione italiana ad UNSMIL (United Nations Support Mission in Libya), 17,39 milioni di euro per le spese entro il 31 dicembre 2016. Il contingente Ippocrate, già operativo, comprende 300 militari: 65 per l’ospedale da campo, 135 per il comando e la logistica, e 100 della forza di protezione del 186.mo Reggimento della Brigata paracadutisti Folgore.libya_egypt_mapFonti:
FARS
FARS
FARS
FARS
FARS
Global Research
RID
RussiaToday
South Front

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...