La Russia ha testato il suo primo missile ipersonico

Pravda 29 ottobre 2016

59134Il 25 ottobre il velivolo ipersonico chiamato “dispositivo 4202” o “15U71” superava il test di lancio nel distretto Dombar (regione di Orenburg) centrando il poligono di Kura in Kamchatka. Equipaggiamento, avionica e sistema di controllo del volo del velivolo erano di fabbricazione russa. Secondo il periodico Izvestija, quando l’unità raggiunse la tangenza massima, la velocità passava a 15 Mach, cioè a 7 km/sec. L’arma è destinata ai nuovi missili balistici intercontinentali, sostituendo le testate convenzionali. Il “4202” entra in regime operativo a una quota di 100 km, sganciandosi dal missile vettore per volare a una velocità di 5-7 km/sec. Prima di entrare nell’atmosfera e puntare sul bersaglio, il missile ipersonico esegue una manovra complessa per contrastare la difesa antimissile.
Si noti che il progetto “Albatros” nacque negli anni ’80, durante l’era sovietica, per contrastare il nuovo concetto delle Star Wars. Tuttavia, il programma fu chiuso per difficoltà tecniche. Negli anni ’90, l’unità di ricerca e produzione dei macchinari e degli utensili riprese i lavori, modificando il nome in codice in “4202”. Secondo le fonti, di Roscosmos, i recenti successi furono preceduti da un lungo e costoso programma di sostituzione delle parti importate organizzandone la produzione nazionale. Si è abbandonato il sistema di guida prodotto a Kharkov (Ucraina) e certe componenti. Il successo ottenuto autorizza l’avvio del programma dei test. Secondo Dmitrij Kornev, redattore capo della pagina web MilitaryRussia, fin dall’origine il “4202” aveva poche componenti importate. Ma il sistema di guida, pietra angolare di qualsiasi avionica responsabile delle manovre ipersoniche e del puntamento, era di produzione ucraina. Nel 2014 l’unità di ricerca e produzione delle macchine utensili avviò la produzione del nuovo sistema per sostituire quello importato. E’ probabile che le prime prove risalgano al 2015, ma furono senza successo. Tuttavia, il 25 ottobre è stato raggiunto il successo. Recentemente, Pravda ha scritto sulle armi ipersoniche da sviluppare entro il 2020 e dello sviluppo dei sistemi di difesa aerea per abbattere ogni possibile bersaglio, aereo o drone, a qualsiasi quota. Quindi l’unico metodo è creare mezzi più veloci dei missili intercettori. Ecco perché i Paesi più avanzati tecnicamente, Russia, Stati Uniti e Cina, hanno iniziato a testare velivoli ipersonici di diverse tipologie e specializzazioni. La gara tra “scudo e la spada” iniziava.
La Cina, già il 9 gennaio 2015 testava l’aliante ipersonico WU-14 lanciato nello spazio con un missile balistico intercontinentale. L’aliante si sganciava dal vettore e raggiungeva una velocità di Mach 10, vale a dire 12,3 chilometri all’ora, puntando sul bersaglio. I moderni sistemi di sorveglianza e difesa aerea non possono fermare un missile di questo tipo. Così la Cina è diventata il terzo Paese dopo Russia e Stati Uniti a controllare la tecnologia ipersonica. In altre parole, i cinesi hanno creato una testata con ali a freccia che può effettuare manovre rimanendo invulnerabile. Ma il velivolo cinese non ha propulsori, classificandosi automaticamente “arma dei poveri”. La Russia lavora su velivoli ipersonici con propulsori “ramjet” da lanciare da piattaforme fisse, mobili, navali e aeree.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...