Siria: la disfatta dell’alleanza neocon-socialimperialisti

Alessandro Lattanzio, 23/11/2016Members of a Female Commando Battalion which is part of the Syrian Army, sit atop of a tank in the government-controlled area of JobarIl 15 novembre, il Congresso degli USA, dove in realtà pochi congressisti neocon e sionisti erano presenti, approvava la Risoluzione 5732, o Caesar Syria Civilian Protection Act, che chiede di valutare ‘con urgenza’, ancora una volta, la “No Fly Zone” sulla Siria, basandosi sulla nota frode del caso “Caesar”, un’operazione di guerra psicologica della CIA finanziata dal Qatar per sabotare i negoziati di Ginevra nel 2014. Si tratterebbe di 55000 foto di 11000 presunte vittime del governo siriano, ma nel 2015, perfino l’ONG del Pentagono Human Rights Watch, che vide tutte le foto, affermò che esse testimoniavano non vittime delle torture dello Stato siriano, ma al contrario, illustravano le foto di soldati e civili siriani morti negli attacchi dei terroristi. La storia di “Caesar”, ampiamente pubblicizzata dalla variegata sinistreria italiana, dai nazipiddini, passando per Giggino Demagistris (magistrato per eredità di posto pubblico), alle varie sette pseudo-marxiste galleggianti nell’orizzonte islamista d’Italia, è una bufala propagandistica fabbricata all’inizio dell’aggressione alla Siria. Tra l’altro, la Risoluzione 5732 lamenta l’“inattività” dell’amministrazione Obama verso la Siria, come se gli Stati Uniti non avessero attivamente coordinato, addestrato e rifornito i gruppi terroristici attivi in Siria da ben prima del 2011. Nell’autunno 2011, la CIA inviò in Siria le armi su cui i terroristi avevano messo le mani in Libia, iniziando a rifornire direttamente i loro camerati presenti in Siria, come documentato dalla Defense Intelligence Agency nell’ottobre 2012. Enormi rifornimenti di armi ai terroristi che continuano ad oggi. Nella primavera 2016, Janes’ Defence riferì dell’invio dagli Stati Uniti di 2200 tonnellate di munizioni ed armi ai terroristi, per non parlare dell’attacco statunitense del 17 settembre contro le linee dell’Esercito arabo siriano a Dayr al-Zur, a sostegno dello Stato islamico. Il tutto per influenzare una guerra dove i terroristi hanno assassinato 90000 civili e 65000 soldati e miliziani del Governo Siriano, mentre i gruppi islamo-atlantisti hanno subito la perdita di almeno 200000 terroristi, da ciò le coincidenti lamentazioni al riguardo sia dei neocon statunitensi, che parlano di “mezzo milione di siriani uccisi”, e di Erdogan, principale sponsor del terrorismo islamista in Siria e Iraq, che sproloquia di 600000 morti per mano di Assad e dei Russi. E tutto ciò mentre Erdogan e il suo partito-setta AKP ricevevano il loro agente d’influenza Aleksandr Dugin, presunto consigliere di Putin e ‘geo-filosofo’ eurasiatista. In realtà Dugin è un nemico del processo di compattamento multipolare avviato da Mosca e Beijing. Infatti, il sito Katehon, voce ufficiale dell’universo duginista, fa chiaramente propaganda negativa contro gli alleati della Russia, come India e Vietnam, e in modo velato anche contro Armenia, Grecia, Iran, Siria, Iraq e Cina. In compenso, Dugin e la sua squadra di attacchini internettiani, propone improbabili e suicide alleanze con la Turchia neo-ottomana e revanscista del megalomane Erdogan, e perfino un’alleanza con un’altra setta reazionaria e revanscista giapponese, e diretta contro la Repubblica Popolare di Cina…
995876Tornando al Congresso degli USA, gli sponsor della Risoluzione 5732 non si vergognano dal ricorrere ai famigerati “caschi bianchi” per giustificare l’ennesimo tentativo dei neocon di entrare in guerra in Siria, prima che s’insedi l’amministrazione di Trump, odiato dalla fighetteria alter-alternativa, pseudo-antimperialista e finto-marxista, ben rappresentata da soggettoni come Sanders, Chomsky, e più modestamente Dreitser e Chandant nell’anglosfera, e pecorecciamente, nell’italosfera, dai seguaci di Saker, Dugin e Giulietto Chiesa. Una poltiglia di casinismo infernale. Difatti, per i neocon è cruciale, nella loro propaganda di guerra, “la testimonianza di Raid Salah, a capo dei Caschi Bianchi siriani. Questi sono medici, infermieri e volontari che quando le bombe arrivano, corrono verso le aree colpite per curare i civili feriti… Hanno perso più di 600 medici e infermieri“. Difatti, non ci sono infermieri o medici tra i caschi bianchi; l’organizzazione è stata creata nel Regno Unito da una “oscura società di PR” ed è attiva esclusivamente nelle zone controllate dai gruppi terroristici di al-Qaida, al scolo scopo di perseguire la guerra d’informazione contro la Siria. E casualmente, i “caschi bianchi” promuovono attivamente l’intervento della NATO in Siria, in parallelo con il sinistrume filo-islamista ed immigrazionista attivo in Italia, rappresentato, come detto, dal variegato ed avariato fronte che va dall’associazionismo cattolico, soprattutto padano ed emiliano, al PD con annessi arnesi sindacali e centrosociali; si pensi a Wu Ming/Wuminkia, bimbiminkia pensionati che si atteggiano a studentelli in assemblea permanente coi soldi di papà, cioè delle amministrazioni piddine, passando per i “reporter” neonazisti e filo-terroristi inviati in Libia e Iraq, le ONG finto-umanitarie o i cosiddetti ‘cacciatori di bufale’ su internet, questi ultimi tutti militanti e troll del PD. Tutte queste realtà fiancheggiano allegramente le reti islamiste e terroristiche operative in Italia, protette dai servizi segreti italiani. I “caschi bianchi” sono l’unica e sola fonte delle pretese stragi di innocenti che sarebbero commesse ad Aleppo est dagli aerei russi e siriani. Il nome ufficiale di tale fonte è l’Aleppo Media Center, che non si trova ad Aleppo, ma nella K-Street di Washington DC; si tratta sempre di un’operazione di propaganda degli interventisti statunitensi.
L’agitazione dei ‘falchi-pollo’ neocon è dovuta ovviamente al fatto che l’aggressione contro la Siria è oramai fallita e gli sponsor di tale guerra, cioè le petromonarchie wahhabite, iniziano a chiedere conto ai loro barboncini mannari neocon, se di destra, e dirittumanitaristi bombaroli, se di sinistra (si pensi a sicari come Paolo Ferrero o Gino Strada, da subito in prima linea ad invocare la “rivoluzione colorata” della CIA in Egitto, Libia, Siria e Ucraina). L’ondata della rivoluzione in ciabatte, ovvero i terroristi jihadisti taqfiriti che accendono di passione i vecchi rottami bertinottiani, ‘trotskisti’ ed ultrasettari, va calando. Le Forze della Resistenza (Russia, Iran, Siria, Iraq, Libano, Yemen) a cui vanno aderendo l’Egitto neo-panarabo e le forze nazionaliste anti-islamiste libiche, ha il sopravvento man mano che smantellano lo Stato-fantoccio terroristico dello SIIL, creazione della rete terroristico-spionistica della NATO, ovvero Gladio/StayBehind, con il cruciale apporto delle forze armate di USA, Regno Unito, Francia, Turchia, Arabia Saudita, Italia e Qatar. Va ricordato che il Qatar, la Turchia e la loro longa manus, le forze islamiste-taqfirite della Fratellanza mussulmana, hanno raccattato tutto quello che potevano raccattare nello spregevole e miserabile milieu accademico-partitico d’Italia, ramazzando financo le più microscopiche psico-sette radicali, sovraniste, ‘auritifere’ o ‘antimperialiste’ che fossero. Ma, ahimè, come nel caso di Hillary Clinton, anche qui petroemiri e petroscecchi hanno gettato via qualche spicciolo. Le marcette pro-terrorismo delle varie sigle psicosettarie e ONGiste hanno raccolto più sigle che manifestanti effettivi. I travet dei petroscecchi devono essere rimasti molto delusi dalla milizia islamista della belluina accozzaglia cattosinistra social-imperialista, filo-islamista, filo-sionista e filo-atlantista d’Italia. Mentre, ad Aleppo, le forze siriane annichiliscono il fortilizio islamista nei quartieri est, dove per anni trafficavano ONG e ‘spiriti umanitari’, anche italiani, che camuffati da aiuti umanitari, trasportavano armi e rifornimenti ai terroristi stranieri che occupavano quei quartieri. Ma oggi, la liquidazione di tale zona-franca del terrorismo islamo-atlantista suscita la disperazione della NATO e degli accoliti locali, che vedono il governo del Baath siriano finalmente eliminare i gruppi terroristici che l’occidente e le monarchie wahhabite hanno promosso per più di cinque anni, almeno da quando nel 2010 la segretaria di Stato degli USA Hillary Clinton, la beniamina della sinistra anarco-capitalista occidentale e italiana, esortasse la Siria a rompere i rapporti con Hezbollah e l’Iran e accomodasse i desiderata d’Israele, Arabia Saudita e Qatar, grandi sponsor della suddetta megera pazza. E il rifiuto siriano di tali pretese resero la megera ancora più pazza, e Washington più ostile. Non volevano che si mancasse di rispetto verso i loro padroni di Ryadh e Doha. E che la risoluzione del Congresso HR 5732 sia volto contro il Fronte della Resistenza viene chiarito dagli stessi autori: “Russia ed Hezbollah sono i motori principali di morte e distruzione… come i combattenti della Guardia Rivoluzionaria Islamica dell’Iran… Sì, vogliamo attaccare i complici di Assad nelle violenze… insieme alle forze iraniane e di Hezbollah”. E l’ambasciatore israeliano Michael Oren, disse: “Abbiamo sempre voluto che Bashar Assad cadesse, abbiamo sempre preferito i cattivi che non sono guidati dall’Iran che i cattivi guidati dall’Iran… il peggior pericolo per Israele è l’arco strategico che si estende da Teheran a Damasco a Beirut. E vediamo il regime di Assad come la chiave di volta di quell’arco“. E ciò dovrebbe bastare a spiegare la convergenza ideologica ed operativa delle varie psico-sette filo-islamiste e filo-taqfirite con le varie psicosette sioniste e ultratlantiste esistenti nel vario e avariato quadro della sinistra italiana, dalla galassia piddina e dell’associazionismo cattolico fino alla nebulosa dei centrisociali sorosiani e delle psico-sette fringe trotskiste, anarco-liberali ed anarco-capitaliste (camuffate da finte organizzazioni ultra-rivoluzionarie).
In sostanza, di fronte alla determinazione dei neo-con e dei loro mandanti e relativi barboncini mannari associati, a perseguire ancora il “Cambio di regime” in Siria e ad intensificarvi l’aggressione di Stati Uniti e NATO, si erge la Grande Muraglia dell’Arco della Resistenza e del Polo multipolare dell’Eurasiatismo autentico (l’alleanza che comprende Russia, Iran, India e Cina, e che tiene a bada USA, Arabia Saudita e Turchia). Un fronte anti-egemonico efficace, non a caso osteggiato attivamente dalla setta duginista ed affini (il circo delle pulci di Saker e di Chiesa). Tale fronte anti-egemonico si fa ben sentire, non ultime con le dichiarazioni del Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, e del Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi, non casualmente oggetto della meschina operazione di disinformazione del sinistrume filo-taqfirita, agli ordini delle intelligence anglo-statunitensi irritate dallp scacco del 2013, quando i militari patrioti nasseriani egiziani sbarazzarono la dittatura oscurantista e retrograda dell’agente della CIA Muhamad Mursi e della sua Fratellanza mussulmana, strumento dell’imperialismo anglosassone. L’irritazione occidentale è acuta, ed è dovuta alla consapevolezza che quel golpe popolare, in Egitto, fu la svolta che mandò all’aria per sempre i deliranti piani imperialistici dei neocon e dei loro sodali wahhabiti, assistiti dalla teppa social-imperialista semiborghese occidentale.
f2229479-a4c9-4724-bd35-6d27a60ed675_w640_r1_s_cx0_cy3_cw0Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha dichiarato che l’inviato delle Nazioni Unite in Siria, Staffan de Mistura, “sabota” da sempre una risoluzione del conflitto sostenuta dai colloqui di pace tra Damasco e gruppi anti-governativi siriani: “Le Nazioni Unite nella forma del loro rappresentante speciale Staffan de Mistura, sabotano da più di sei mesi la risoluzione” del conflitto in Siria. “La risoluzione richiede colloqui tra tutti i siriani e senza precondizioni. Ma sembra che non vi sia altro modo per l’opposizione e il governo che prendere l’iniziativa da sé e organizzare il dialogo“. Va ricordato che Staffan de Mistura (o Staffan de Lordura che sia), è un cittadino italiano. La Farnesina è da sempre una cloaca di nobili decaduti e corrotti, di cui Gentiloni è l’emblema, e da ciò ne derivano le ovvie conseguenze.
Ed ecco cosa ha detto il Presidente egiziano Abdalfath al-Sisi, inviso al putrido ambiente della sinistra islamista e atlanista italiana: Il Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi ha espresso sostegno agli eserciti siriano, libico e iracheno nella battaglia contro i terroristi, in un’intervista televisiva ha detto, “ci dovrebbe essere il sostegno internazionale agli eserciti nazionali libico, iracheno e siriano che garantiscono la sicurezza dei loro Paesi. E’ meglio che l’esercito nazionale di un qualsiasi Paese garantisca sicurezza e stabilità da sé. La Siria da cinque anni soffre una crisi profonda. La nostra posizione è che rispettiamo la volontà del popolo siriano“, ed esortava a trattare seriamente i gruppi terroristici in Siria, e a disarmarli, per preservare l’unità della Siria e poterla ricostruire.
Concludendo, una nota per la quinta colonna disfattista neo-ottomana e pseudo-filorussa formata dai seguaci di Dugin, Saker e Chiesa: “Secondo il quotidiano libanese al-Safir, la Russia ha inviato un ultimatum alla Turchia informandola che la città di al-Bab sta per ritornare al governo siriano. L’avviso s’è avuto durante le discussioni che si svolgono in questi giorni sugli accordi tra le parti relativi alla zona di occupazione turca nel nord della Siria, in occasione dell’offensiva turca ‘Scudo dell’Eufrate’, secondo una fonte militare siriana che assicura che la città di al-Bab non vi rientra. Si è deciso che i turchi si devono fermare a non più di 12 km da Jarabulus, per permettergli d’impedire il collegamento tra le regioni prese dai curdi di Ayn al-Arab e Ifrin, e di monitorare le operazioni delle forze democratiche siriane curde sostenute dagli statunitensi. Gli iraniani sono d’accordo a che i turchi si fermino a 12 km. Ma, non solo i turchi hanno violato i loro impegni, ma hanno anche deciso di collocare la regione ad ovest dell’Eufrate tra i loro obiettivi, ed hanno violato l’accordo con i russi a non sostenere più i gruppi armati che cercano d’infiltrarsi ad Aleppo. Secondo la fonte siriana di al-Safir, ai turchi s’è fatto capire che l’Esercito arabo siriano punta sulla città di al-Bab. Siriani e russi hanno avvertito i turchi di fermare la loro avanzata, e i siriani minacciano che qualsiasi avanzata verso al-Bab sarà considerata un’invasione, facendo intervenire l’esercito. Secondo fonti siriane e turche, uno squadrone di caccia MiG-31 ne ha inquadrato uno di aerei turchi sopra la regione. I turchi hanno schierato, a 30 km da al-Bab, 250 blindati, 5500 soldati e le milizie dei loro ascari locali. Inoltre, presso l’aeroporto militare di Quwayris, ad est di Aleppo, l’Alto Comando delle Forze Armate siriane ha attivato la nuova 5.ta Armata dell’Esercito arabo siriano, composta da 3 divisioni d’assalto, e posta in attesa dell’ordine di avanzare su al-Bab. Infine, a Safira, a sud-est di Aleppo, giungeva il battaglione corazzato di Hezbollah, formatosi ad al-Qusayr, la città che aveva liberato nel 2013”.cxkl1jfwiaamgdfFonti:
al-Manar
FARS
FARS
Syrian Perspective
The Duran

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...