La Russia testa il nuovo sistema strategico mobile

Il presidente Trump può impedire una nuova corsa agli armamenti
Peter Korzun, Strategic Culture Foundation 24 /11/2016

bjrk_301214-tGli Stati Uniti rimuginano una profonda revisione della triade nucleare. L’Air Force lavora ad una nuova versione del missile intercontinentale balistico (ICBM) e al programma Long Range Strike-Bomber (LRS-B). La Navy studia i piani per sostituire i sottomarini classe Ohio. Secondo il Centro di valutazioni e bilancio strategici, i piani per aggiornare la triade nucleare costeranno più di 700 miliardi di dollari nei prossimi 25 anni. L’ex-segretario alla Difesa William Perry ha avvertito che gli Stati Uniti sono “sull’orlo” di una nuova corsa agli armamenti nucleari, elevando il rischio di un’apocalisse nucleare come nella Guerra Fredda. Mosca non ha altra scelta che rispondere. La Russia ha condotto con successo il primo test del missile balistico intercontinentale (ICBM) progettato per il futuro sistema strategico nucleare offensivo ferroviario Barguzin. Si trattava dell’“eiezione” del missile dal contenitore di lancio. Le prove sono state effettuate presso il cosmodromo di Plesetsk, due settimane fa, aprendo la via ad ulteriori prove da effettuare nel 2017. Il Colonnello-Generale Sergej Karakaev, comandante delle Forze missilistiche strategiche della Russia, ha detto ai giornalisti che il nuovo sistema missilistico ferroviario sarò pronto nei primi mesi del 2017. In precedenza, Jurij Solomonov, capo-progettista dell’Istituto di Tecnologia Termica di Mosca (MITT), promise che il primo test di espulsione si sarebbe avuto “all’inizio del quarto trimestre del 2016”. I primi cinque sistemi ferroviari Barguzin diverrebbero operativi entro il 2020, rimanendo in servizio fino al 2040. Mosca ha intenzione di schierare cinque treni Barguzin nel 2019. Ogni treno Barguzin trasporterà sei ICBM RS-24 Jars pronti a lancio in pochi minuti. La gittata dei missili è di 11000 km, con almeno 4 testate MIRV da 150-250 kiloton. La velocità è superiore a Mach 20 (24500 km/h o 6806 m/s). Il sistema di guida è inerziale e via GLONASS. La precisione è di 150-200 m. Camuffata da treno merci, la piattaforma mobile non può essere individuata da satellite o sorveglianza elettronica. Va ricordato che le ferrovie russe sono le seconde più lunghe del mondo. In generale, il sistema di combattimento può percorrere 1000 chilometri al giorno, ed è estremamente difficile individuarlo. Con i relativamente leggeri missili Jars a bordo, non ci saranno le firme rivelatrici delle locomotive dei vecchi sistemi ferroviari, dismessi nel 2005. Il sistema è stato creato in risposta alla difesa antimissile balistico della NATO (BMD), che può lanciare missili da crociera a lungo raggio Tomahawk, oltre a missili intercettori. Il dispiegamento del sistema è anche la risposta al concetto Prompt Global Strike (PGS) degli USA, che prevede la capacità di attacco convenzionale di precisione su qualsiasi obiettivo nel mondo entro un’ora, usando armi ipersoniche. BMD e PGS sono considerati destabilizzanti dalla Russia. Il Barguzin è una risposta che non viola le disposizioni del nuovo trattato START del 2010. Vi è un altro importante rafforzamento del deterrente strategico nucleare russo. L’ottavo sottomarino a propulsione nucleare Knjaz Pozharskij, della classe Borej, sarà impostato nel cantiere Sevmash nella città di Severodvinsk, il 23 dicembre. Il Knjaz Pozharskij sarà l’ultimo degli otto sottomarini classe Borej e il quinto della versione avanzata Borej-A. Il sottomarino trasporta 16 missili balistici intercontinentali Bulava. Un missile MIRVizzato con 6 veicoli di rientro dalla potenza di 150 kiloton ciascuno e dalla gittata di 8300 km. Questi sviluppi ricordano che Russia e Stati Uniti, le due nazioni che rappresentano oltre il 90% della potenza nucleare strategico mondiale, devono prendere una decisione molto importante sul futuro del controllo degli armamenti. Il nuovo Trattato START scade nel 2021 senza prospettive per un nuovo accordo. Il Presidente Putin e il Presidente Trump devono correggere la situazione. Vi sono molte cose che complicano un problema già complesso: il futuro del Trattato INF, la superiorità d’attacco convenzionale degli USA, le armi tattiche della NATO (B61-12) in grado di colpire il territorio russo come le armi strategiche, il rifiuto degli altri Stati nucleari ad aderire al processo di controllo degli armamenti, sono noti.
Da quando gli Stati Uniti si ritirarono dal Trattato ABM, la difesa antimissile balistico è diventata il principale ostacolo a un accordo. La capacità BMD renderebbe il deterrente russo meno credibile, perché gli Stati Uniti potrebbero degradare la capacità di rappresaglia del secondo colpo russo. Il nuovo START menziona l’interazione tra armi offensive e difesa, ma non contiene limitazioni. Senza dubbio, la Russia solleverà la questione quale prerequisito a qualsiasi discussione sul controllo degli armamenti. Il nuovo presidente degli Stati Uniti dovrà pensare a lungo e molto se procedere con tale sistema altamente destabilizzante, che può rovinare i futuri sforzi per accordarsi. Gli Stati Uniti hanno una riserva di testate inattive da poter rendere operative entro 6-24 mesi. Le testate da aggiornare possono essere attivate da 24 a 60 mesi. E conserva parte di tale funzionalità per i propri vettori strategici. Questo è un problema che il nuovo START non affronta. Nel 2002 gli Stati Uniti si ritirarono dal trattato ABM creando un precedente, essendo la prima volta che una superpotenza si ritirava da un accordo sul controllo degli armamenti. E se gli Stati Uniti decidono di ritirarsi dal nuovo START o da qualsiasi altro trattato con la Russia? Se accadesse potranno riattivare sui missili le testate depositate (capacità di riarmo), e costruirsi un potenziale strategico da diverse migliaia di testate in qualche mese. Le apprensioni della Russia sono giustificate. La nuova amministrazione degli Stati Uniti considererà le preoccupazioni dell’altra parte? Secondo le disposizioni, il nuovo trattato START può essere esteso per 5 anni, ma dal punto di vista della Russia ci sono preoccupazioni che dovrebbero essere prese in considerazione prima che il problema arrivi all’agenda del controllo degli armamenti. Con i militari russi e statunitensi che non hanno contatti regolari, vi è il pericolo di incidenti, un altro problema che le due nazioni affrontano.
Entrando in carica il 20 gennaio, Donald Trump erediterà la crisi nelle relazioni Russia-Stati Uniti e le crescenti tensioni nucleari e il futuro incerto sul controllo degli armamenti. Trump ha detto molte cose positive e vi è motivo di sperare nel progresso su questioni come la Siria, per esempio. E’ logico aspettarsi che l’attuale flessione del rapporto bilaterale s’inverta. Ma finora nulla è stato detto da Donald Trump e dalla sua squadra sul rilancio della cooperazione nucleare. Forse gli accordi vincolanti sui sistemi BMD o le limitazioni esistenti ed emergenti sulle armi offensive convenzionali a lungo raggio e la riduzione delle armi nucleari di teatro, potranno contribuire a compiere progressi graduali. “Il rischio di un conflitto nucleare sarebbe superiore oggi rispetto agli anni 1980”, avverte Andrew Kuchins, esperto di Russia presso la Georgetown University di Washington ed ex-capo del Carnegie Moscow Center, in una prossima relazione sui rapporti USA-Russia. “Purtroppo, società ed istituzioni politiche… sembrano inconsapevoli che tale minaccia esistenziale possa veramente ritornare”. Ci sarà cooperazione in alcuni settori di reciproco interesse, ma alcuna inversione da una crisi pericolosa senza progressi sul controllo degli armamenti. Con la nuova amministrazione statunitense sarebbe opportuno per gli esperti prendere il toro per le corna ed iniziare le discussioni. Con la vittoria di Trump c’è una possibilità che non va persa.f1406c28eda1d71a2da51894bd344d2eLa ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

IL PRIMO RAGGIO – L’arsenale strategico di Mosca 1943-2013

One Response to La Russia testa il nuovo sistema strategico mobile

  1. roberto176 scrive:

    Da quando ho l’uso della ragione( e sono passati 60 anni) sento parlare di Armageddon nucleare tra il paese dei cow-boys e la Russia. Ho il sospetto, piccolo piccolo, che mi abbiano preso per le natiche fin da allora. Finch’è il Pil degli States, per il 60%, sarà dovuto al complesso militar-industriale, credo che la corsa agli armamenti ci sarà sempre. Perchè sono posti di lavoro e guadagno e salari.
    Saluti

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...