La vittoria ad Aleppo terrorizza l’occidente

Martin Berger New Eastern Outlook 03/12/2016

civilizationjihadFino alla fine di novembre, UE e Washington hanno cercato di convincere la comunità internazionale che alcuna delle parti nel conflitto siriano fosse abbastanza forte da imporsi sull’avversario nel campo di battaglia. Allo stesso tempo, gli ambienti politici occidentali presero tutte le misure possibili per impedire a Damasco e alla Russia d’intensificare l’offensiva contro lo SIIL in Siria, in particolare ad Aleppo. A tal fine, il segretario di Stato degli USA John Kerry intensificò gli sforzi diplomatici per accordarsi con la Russia sulla Siria, prima che l’amministrazione finisca, e secondo il Washington Post, il segretario di Stato non si preoccupava della presunta “crisi umanitaria” ad Aleppo, ma temeva che l’amministrazione Trump stipulasse un diverso accordo con Mosca, in sostanza affiancando gli Stati Uniti a Bashar al-Assad. E’ curioso che i funzionari dell’UE abbiano eccitato la loro propaganda, costringendola a pubblicare ogni falsa accusa a Mosca e Damasco, dicendo di aver bombardato scuole e ospedali in particolare. Eppure, ci fu il blackout mediatico totale sulle centinaia di civili ad Aleppo massacrati dai terroristi che impedivano alla popolazione di fuggire dai territori che occupavano attraverso i corridoi umanitari aperti dal governo. Eppure, hanno fatto credere che gli islamisti sono degli eroi, mentre chi rischia la vita per eliminare dalla città tale “peste nera” veniva dipinto come un criminale. A questo punto le Nazioni Unite furono usate dai governi di Gran Bretagna, Francia e Germania per chiedere a Damasco una “pausa umanitaria” ad Aleppo. Tuttavia, ciò non fu utilizzato per aiutare gli abitanti della città assediata, dato che l’occidente non ha neanche inviato un solo convoglio umanitario ad Aleppo. I rappresentanti dei suddetti tre Paesi, proprio come i rappresentanti degli Stati Uniti, non avevano nemmeno il coraggio di guidare i convogli della Russia in città, per impedire che gli tendessero un’imboscata. Al contrario, l’occidente usò tali pause per inviare altri islamisti ad Aleppo assieme ad altro materiale. Varie pubblicazioni dimostrano che in quel periodo furono consegnati ai terroristi di Ansar al-Islam armi antiaeree, quando massicci invi di armi furono effettuati dall’Europa orientale e dall’Ucraina, contrabbandando grandi quantità di armi di fabbricazione sovietica in Siria. Tuttavia, finora le truppe siriane riuscivano a liberare Aleppo, portando Washington a trovarsi in una posizione abbastanza particolare. Il Financial Times ha già riferito che i capi dell’opposizione siriana sono impegnati in colloqui segreti con la Russia per porre fine alle ostilità in Aleppo. Ciò può scacciare gli Stati Uniti dalla gestione dei conflitti chiave in Medio Oriente, come in Siria. Il concetto di Washington di “opposizione moderata” viene privato di qualsiasi voce in Siria, dato che i militanti “moderati” si sono rivelati estremisti di Jabhat al-Nusra.
Stati Uniti ed UE sono in preda al panico da quando gli sviluppi in Siria possono svelare il vero ruolo che Stati Uniti ed alleati europei hanno avuto creando lo SIIL. Il portavoce del dipartimento di Stato Mark Toner l’ha indicato pubblicamente invitando ad impedire che la Russia lotti contro il terrorismo internazionale in Siria. Subito dopo tale affermazione, i rappresentanti di Francia, Gran Bretagna e Germania hanno cercato di fare pressione sulla Russia dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il delirio delle élite dominanti europee s’è svelato pubblicamente quando il Guardian ha pubblicato la loro ultima pretesa: “I capi europei, in particolare francesi, avvertono privatamente Vladimir Putin che se permette al Presidente siriano Bashar al-Assad di mutare la liberazione di Aleppo nella grande vittoria militare nel Paese, spetterà alla Russia pagarne la ricostruzione”. Sembra che i potenti a Londra, Parigi e Berlino siano cerebralmente morti dato che non si ricordano chi abbia distrutto Iraq, Libia, Siria, Afghanistan e numerosi altri Paesi. Gli Stati Uniti, con l’appoggio appassionato dell’UE, hanno ucciso centinaia di migliaia di civili, distruggendo case e infrastrutture dei sopravvissuti e provocando l’esodo dei migranti da Medio Oriente e Africa in Europa. Così, forse dovrebbero pagarne i costi invece di costringere i Paesi europei più piccoli a dare riparo ai rifugiati che loro hanno creato. E riguardo la responsabilità di Washington?4122016Martin Berger è un giornalista freelance e analista geopolitico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

2 Responses to La vittoria ad Aleppo terrorizza l’occidente

  1. Pingback: La vittoria ad Aleppo terrorizza l’occidente — Aurora – katniss2016

  2. Pingback: La vittoria ad Aleppo terrorizza l’occidente | Guard for Angels

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...