La vittoria della Russia in Siria: il vero significato della tragedia dell’ospedale ad Aleppo

Ruslan Ostashko, Fort Russ, 8 dicembre 2016

Le dottoresse Nadezhda Durachenko e Galina Mikhajlova, assassinate dai terroristi filo-occidentali ad Aleppo. Nessuna Boldrini o affine, ha pigolato sul femminicidio.

Le dottoresse Nadezhda Durachenko e Galina Mikhajlova, assassinate dai terroristi filo-occidentali ad Aleppo. Nessuna Boldrini o affine, ha pigolato di femminicidio.

Non sono sorpreso dai doppi standard dei media e dei capi occidentali che non riconoscono il fatto che i nostri medici militari sono stati uccisi o dichiarano che “gli sta bene”. Sono ancor meno sorpreso dall’assenza di condoglianze di “circostanza” offerte in occasione dell’omicidio dei nostri consiglieri militari. Dirò qualcosa di cinico: sarei molto preoccupato se i media e i politici occidentali improvvisamente facessero altrimenti. Il punto è che la cavalleria è un lusso che solo i vincitori possono permettersi, e le forze globaliste in Siria subiscono una gravissima sconfitta dalle conseguenze di vastissima portata. Pertanto, quando il Pentagono sorride e la Croce Rossa Internazionale sputa sulla memoria dei nostri medici, significa che tutto è in ordine. Questo vuol dire che facciamo ciò che è necessario e che le nostre truppe sono dalla parte giusta della storia e sono vicinissime alla vittoria. I nostri nemici sputano da sempre sulle tombe dei morti quando non riescono a sconfiggere i vivi. Questo è un segno sicuro che perdono e noi vinciamo. La situazione per i globalisti che coordinano i terroristi dell'”opposizione siriana” è così disperata che faranno qualsiasi cosa per rovinare la vicina vittoria delle truppe russe in Siria. La catastrofe incombe sui globalisti e si avvicina il momento in cui saranno privati della leva finanziaria, come la leva del controllo di certe risorse militari statunitensi. Un comandante prudente ora negozierebbe con calma con Mosca il ritiro degli istruttori militari statunitensi da Aleppo dove coordinavano i terroristi. Ma invece, i globalisti sparano coi mortai su un ospedale russo come addio, sapendo perfettamente che la risposta sarà il massimo spargimento di sangue. Le probabilità che gli istruttori occidentali escano da Aleppo vivi è ormai zero. E’ evidente che non si preoccupano della sorte dei loro istruttori e che non gliene potrebbe fregare di meno, proprio perché il Pentagono finirà presto nelle mani di Trump. Non potranno utilizzare più tali istruttori. Allora, perché proteggerli? Secondo la logica del team di Clinton in uscita, è molto più importante e interessante rovinare la festa e far costare ancora di più la vittoria russa. Non c’è nulla di sorprendente, la logica dei globalisti, per i quali siriani e statunitensi sono carne da cannone per le loro guerre personali, si riflette cristallina in questa situazione. Non so voi, ma mi ricorda l’aprile 1945, quando affrontammo un maniaco che si comportò in modo simile, finendo molto male.
Seguo da vicino le guerre di informazione contro la Russia, e ricordo molto bene come ci dicessero ad ogni passo che la Siria sarà il nuovo Afghanistan della Russia. Ricordo come specialisti sul Medio Oriente ci hanno detto che Assad era segnato in ogni caso. Ricordo come ci dissero che Aleppo è inespugnabile e che Turchia e Stati Uniti avrebbero lottato fino alla fine per proteggere i loro terroristi in Siria. In sostanza c’invitavano a riconciliarsi con tali “fatti” e a non cercare d’interferire nei piani dei clintoniani per rimodellare il Medio Oriente, pensando ai gasdotti del Qatar verso l’Europa e trasformando la regione in una fabbrica di terroristi da usare per attaccare la Russia. Ma cosa vediamo ora? Assistiamo non solo alla battaglia finale per Aleppo, ma al trionfo delle Forze Armate e dei consiglieri militari russi. Abbiamo imparato a combattere con la massima preoccupazione per la vita dei nostri soldati. Ecco perché i casi in cui non riusciamo a salvare i nostri medici o consiglieri militari, sono così dolorosi. Si può già dire che la loro morte non è stata vana. Oltre agli ovvi vantaggi geopolitici ora in gioco e alla drastica riduzione dei terroristi che potrebbero, in altre circostanze, presentarsi in Russia, l’operazione in Siria ha mostrato a noi stessi e al mondo che la Russia può difendere i propri interessi geopolitici oltre i propri confini, anche meglio di quanto facesse l’URSS. 25 anni fa, l’operazione in Afghanistan permise alla società d’essere indifferente o perfino d’accettare il crollo dell’Unione Sovietica. Ma ora la nostra operazione in Siria fa il contrario: rafforza la nostra fiducia nella nostra forza e nel nostro Paese. Questo va molto bene. Forse 25 anni fa imparammo a trarre le giuste conclusioni dagli errori del passato.

Funerali del pilota Oleg A. Peshkov, del velivolo abbattuto a tradimento dai turchi, nel novembre 2015

Funerali del pilota Oleg A. Peshkov, del velivolo abbattuto a tradimento dai turchi, nel novembre 2015

Come i commando russi liquidano i terroristi ad Aleppo
Rusreinfo 9 dicembre 2016

97540_800Il successo dell’Esercito Arabo Siriano ad Aleppo deve molto alle operazioni delle Forze Speciali russe nella regione, che disturbano i gruppi terroristici liquidandone i comandanti.
Nelle ultime settimane nella regione di Aleppo decine di capi di vari gruppi sono stati eliminati da cecchini e operazioni aeree mirate basate sulle informazioni trasmesse da infiltrati e forze speciali russe sul campo. Questo è il metodo che Israele segue contro i gruppi terroristici: gli infiltrati individuano i capi dei terroristi, forse mettono un GPS sulle loro auto, e poi un drone o aviogetto lancia un missile sul bersaglio. L’assenza di coordinamento dei comandi provoca sbandamento e fuga nei gruppi terroristici, e l’Esercito arabo siriano può quindi facilmente neutralizzarli. Secondo informazioni riservate, molti cittadini statunitensi, inglesi e tedeschi, mercenari o ufficiali agli ordini dei loro governi, sarebbero caduti sotto le pallottole dei cecchini o degli attacchi mirati. Questo è probabilmente uno dei motivi dell’attuale isteria a Washington e Berlino sull'”aggressione russa in Siria” e dei tentativi disperati di raggiungere una tregua, giustamente respinta dalla Russia che nota come i precedenti cessate il fuoco, quando rispettati dai terroristi, furono utilizzati per consentirgli di riorganizzarsi. Senza pregiudicare gli ordini che il presidente Trump darà a gennaio, è chiaro che Obama s’imbarca in una corsa sfrenata di cui va chiesto quale sia il vero obiettivo: rendere la situazione il più difficile possibile per Trump, o innescare un’escalation con la Russia prima del giuramento di Donald Trump? Tutto è possibile nelle prossime settimane.
spetz-1728x800_cTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

2 Responses to La vittoria della Russia in Siria: il vero significato della tragedia dell’ospedale ad Aleppo

  1. Dai Clinton Obama e amici satanisti ci si può solo aspettare una guerra sfrenata per mettere in fiamme parte del pianeta. Noi ci auguriamo che con Trump le cose cambiano e che inizia una dialettica collaborativa contro il terrorismo con Mosca.
    Sarebbe interessante catturare gli istruttori statunitensi ed offrili a Trump come omaggio di amicizia. Gli istruttori – se vivi – potrebbero raccontare molte cose alla pubblica opinione statunitense e internazionale.
    Nessuna meraviglia se i lacchè della cosiddetta Sinistra e gli organi di informazioni ad essa omologati tacciono su ciò che avviene in Siria. Si sono legati mani e piedi agli ambienti elitari che danno voce ai Clinton Obama ed oggi rischiano la pazzia per i piani falliti in Siria e per Trump alla Casa Bianca

  2. Pingback: La vittoria della Russia in Siria: il vero significato della tragedia dell’ospedale ad Aleppo | Guard for Angels

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...