Le operazioni di elisbarco siriane a Dayr al-Zur

Valentin Vasilescu, Algora, 29 gennaio 2017syaaf-mi-17-2Il 9 dicembre 2016, le colonne di autoblindo dello Stato islamico lasciavano Mosul entrando in Siria. I terroristi lanciavano un feroce assalto al presidio dell’Esercito arabo siriano di Palmyra occupandola. Lo SIIL impiegò 4000 terroristi in questa operazione, giunti su pick-up Toyota armati di mitragliatrici, blindati, artiglieria e carri armati. Il 14 gennaio 2017, parte del gruppo dalla zona di Palmyra viaggiò per 100 km ad est per unirsi al gruppo dello Stato islamico che attaccava la città di Dayr al-Zur. In un paio di giorni, i 7000 terroristi riuscirono a spezzare in due le difese dell’Esercito arabo siriano di Dayr al-Zur. La situazione era critica per i difensori e gli aerei russi della base di Humaymim compirono 80-100 missioni al giorno per fermare lo Stato Islamico. Anche così, il quartier generale dell’Esercito arabo siriano decise che fosse necessario integrare il contingente che combatteva l’accerchiamento di Dayr al-Zur. Non fu possibile far atterrare aerei da trasporto siriani nell’aeroporto di Dayr al-Zur, potendo essere vulnerabili a MANPADS (sistema di difesa aerea spalleggiabili) e mitragliatrici dei terroristi, in particolare nel decollo e nell’atterraggio, e mentre rullavano a terra. Quindi si decise d’inviare solo soldati, senza armi e munizioni, con gli elicotteri da trasporto. Il primo gruppo di soldati siriani arrivò il 23 gennaio a Qamishli, nel governatorato di Hasaqah (nel nord-est della Siria) utilizzando 4 aerei da trasporto militari Il-76. L’aeroporto di Qamishli, con la sua pista di 3615×46 metri e i suoi sistemi di navigazione aerea, è protetto dal 154.mo Reggimento dell’Esercito arabo siriano. Un rischio era che il governatorato di Hasaqah è controllato quasi interamente dal braccio armato dell’Unione Democratica curda (YPG), supervisionati da istruttori militari statunitensi. L’aeroporto di Qamishli si trova a 50 km a nord-ovest di Rumaylan, dove sono schierati dal 19 gennaio 2016 3 plotoni (100 uomini) della 101.ma Divisione aeroportata degli Stati Uniti. L’esercito statunitense vi ha costruito una pista lunga 700 metri e una piattaforma utilizzata da elicotteri MH-60 e convertiplani MV-22 utilizzati nella lotta allo SIIL nel governatorato di Raqqa in Siria e nell’assedio di Mosul in Iraq.
942304 La notte del 23/24 gennaio, dall’aeroporto di Qamishli le unità siriane furono trasferite a bordo di 20 elicotteri Mi-8/17 siriani. Altri 2 elicotteri Mi-8/17 furono prelevati dalla riserva per svolgere missioni di ricerca e soccorso, se necessarie. Molti degli elicotteri avevano esperti equipaggi russi e volarono in formazioni di quattro o cinque alla volta, mantenendosi a una distanza di 4 km tra esse. Volando sul territorio occupato dallo Stato islamico, la loro rotta di 250 km evitava le aree controllate dai terroristi, compiendo diversi cambi di rotta per evitare di far comprendere la destinazione finale. Lungo il volo Qamishli-Dayr al-Zur gli elicotteri non utilizzarono le luci di posizione e venivano seguiti dai controllori del traffico aereo militare russo affinché le formazioni non scendessero al di sotto dei 2500 metri di quota. Gli elicotteri Mi-8/17 comparivano anche sugli schermi dei radar dell’Esercito arabo siriano. Si presume che un Il-20M1 ELINT volasse nello spazio aereo della Siria orientale, monitorando le formazioni e altri aerei nella zona. L’Iljushin Il-20M1 è dotato del radar Kvalat-2, che segue mezzi aerei e terrestri fino a 300 km di distanza. Dato che la rotta degli elicotteri Mi-8/17 era attraversata dalle rotte utilizzate dai cacciabombardieri della coalizione anti-SIIL degli Stati Uniti, 2 caccia Su-35 russi fornivano la copertura aerea.
Tra i mezzi utilizzati per proteggere la zona di atterraggio vi furono, ancora una volta, gli aviogetti da supporto ravvicinato russi Su-25. Dispiegati nella zona di servizio su Dayr al-Zur, la loro missione era colpire i terroristi dello Stato islamico che si avvicinavano alla zona di sbarco. Nel caso in cui uno degli elicotteri da trasporto Mi-8 venisse abbattuto o danneggiato, la missione dei bombardieri russi era provvedere alla copertura aerea dei due elicotteri di riserva che avrebbero svolto la missione di ricerca e soccorso. Altre missioni di supporto sulla base aerea di Dayr al-Zur furono svolte dai droni da ricognizione russi che monitoravano l’atterraggio degli elicotteri da alta quota, trasmettendo immagini in diretta, con cui i coordinatori della missione presso la base aerea di Humaymim avevano il quadro completo ed essere così pronti ad intervenire in qualsiasi caso. Gli elicotteri Mi-8/17 scesero rapidamente dai 2500 metri, volando in stretti cerchi sulla base aerea di Dayr al-Zur, coperti dai soldati siriani. Gli equipaggi degli elicotteri avevano visori notturni e la base aerea aveva equipaggiamenti laser russi che tracciavano dei rettangoli per indicare i siti per l’atterraggio agli elicotteri. Il laser era invisibile ai terroristi ma visibile dal cielo agli equipaggi degli elicotteri dotati di visori notturni. Una volta a terra avevano 30-50 secondi per sbarcare le truppe. Il distaccamento trasportato dagli elicotteri Mi-8/17 era composto da circa 500 soldati siriani, in altre parole, un battaglione della 153.ma Brigata della 1.ma Divisione corazzata (senza i carri armati) e due compagnie di Forze speciali (senza armi e munizioni). Le difesa di Dayr al-Zur conta 4000-5000 soldati della 137.ma Brigata meccanizzata (blindati BMP-1, carri armati T-55 cannoni antiaerei semoventi ZSU-23-4 Shilka), della 104.ma Brigata Aeroportata, del 121.mo Reggimento d’artiglieria (cannoni M-46, obici D-30, lanciarazzi multipli BM-21) e i riservisti delle Forze di difesa nazionale. I difensori di Dayr al-Zur hanno il vantaggio di possedere grandi scorte di armi e munizioni. Dayr al-Zur è la sede della 17.ma Divisione meccanizzata formata durante questa guerra per difendere il nord-est della Siria. La 93.ma Brigata corazzata (100 carri armati T-55 e 40 blindati BMP-1) e la 154.ma Brigata delle Forze speciali sono dotate dei mezzi immagazzinati nei depositi di Dayr al-Zur, ma non degli uomini per usarli.
Conseguenza dell’operazione di rinforzo, i soldati siriani eseguivano con successo la controffensiva ripristinando il collegamento tra le due aree nel nord e sud di Dayr al-Zur.3331Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...