Il rafforzamento della Russia terrorizza la NATO

Salman Rafi Sheikh, New Eastern Outlook 03/02/2017MONTENEGRO-US-RUSSIA-POLITICSProprio mentre appare il “filo-russo” Donald Trump, che rende incerto il futuro della NATO, l’ascesa della Russia e la sua massiccia avanzata militare ed economica aggrava i “timori” degli alleati europei degli Stati Uniti, portando questi ultimi ad inviare, il 30 gennaio, migliaia di truppe e armi pesanti in Polonia, Stati baltici ed Europa sud-orientale, in ciò che appare essere il maggiore concentramento dalla guerra fredda. Il dispiegamento di una brigata corazzata, che riporta i carri armati statunitensi in Europa per la prima volta dal 2013, rassicura sul supporto di Washington agli alleati europei che, per interesse, continuano a mostrare la Russia come il “cattivo” pronto ad attaccarli e distruggerli. Perciò la presenza di 3500 soldati statunitensi, affiancati da altri 1600 con elicotteri ed aerei, il prossimo mese. Se ciò rientra nel dispiegamento multinazionale della NATO, il tenente-generale Ben Hodges, alto comandante dell’esercito degli USA in Europa, ha detto che il dispiegamento è anche una rassicurazione di Donald Trump ai capi di Gran Bretagna, Germania e Francia sulla continua importanza della NATO. Mantenere viva la NATO è, quindi, sul tavolo. Mentre Stati Uniti ed alleati inviano soldati e armi in Europa, la questione del futuro raffreddamento dell’isteria anti-Russia inizia ad avere un senso. In realtà, tale processo indica che l’isteria anti-Russia probabilmente resta la logica ultima degli alleati europei degli Stati Uniti, affinché sostengano una posizione dura verso la Russia, per esempio imponendo sanzioni e mantenendo la NATO come prima forza di difesa e attacco. Pertanto, ciò che si vede oggi non accadeva dalla fine della guerra fredda. In parte, tale nuovo rafforzamento militare, di fatto, non s’è mai visto dalla seconda guerra mondiale. Circa 300 marines statunitensi sono sbarcati in Norvegia per restarci sei mesi, la prima volta dalla seconda guerra mondiale che truppe straniere sono autorizzate a stazionarvi.
Tale militarizzazione massiccia è una reazione alla rinascita della Russia ad importante attore mondiale, capace d’influenzare definizione e determinazione delle questioni geopolitiche. Nient’altro dimostrerebbe la rinascita russa se non il successo in Siria contro “ribelli” e terroristi eterodiretti. Considerando che questo successo militare è un riflesso della ripresa economica della Russia dopo la disintegrazione dell’Unione Sovietica, indica anche la velocità con cui la Russia si ricostruisce. Ciò che ha particolarmente allarmato l’occidente è la riapertura delle basi aeree e radar militari ex-sovietiche abbandonate sulle isole artiche e la costruzione di nuove della Russia. L’Artico, secondo l’US Geological Survey, ha riserve di petrolio e gas per 412 miliardi di barili di petrolio, circa il 22 per cento del petrolio mondiale ancora da scoprire e di gas, che recuperati ed impiegati nell’economia della Russia, l’aiuteranno a ridurre notevolmente l’onere economico causato dalle sanzioni occidentali, permettendo di rafforzarne la posizione nella regione e nel mondo, cosa che l’occidente non sopporta e neanche accetta come dato di fatto. L’espansione ha vaste implicazioni finanziarie e geopolitiche. L’Artico avrebbe più riserve di idrocarburi dell’Arabia Saudita e Mosca già traccia un serio confine militare nella competizione sul Grande Nord con i rivali di sempre, Canada e Stati Uniti. A tal fine, neutralizzare il dominio di Stati Uniti e alleati, la Russia costruisce tre rompighiaccio nucleari, i più grandi del mondo, per supportare la flotta di circa 40 rompighiaccio, 6 dei quali nucleari. Nessun altro Paese ha una flotta nucleare così grande, usata per aprire le rotta a navi militari e civili. La Flotta del Nord della Russia, basata a Murmansk nelle acque ghiacciate della Baia di Kola, ha ricevuto il proprio rompighiaccio, il primo, e due corvette rompighiaccio armate di missili da crociera. `Sotto Gorbaciov e Eltsin, le nostre aree artiche furono smantellate’, affermava il Professor Pavel Makarevich, membro della Società Geografica Russa,`Ora vengono restaurate‘.
Il rafforzamento artico della Russia ha ovviamente allarmato Washington dove, come per molte altre importanti questioni di politica estera, l’ufficio Artico del dipartimento di Stato rimane vuoto. E mentre il nuovo segretario alla Difesa degli USA James Mattis ha descritto i passi russi come “aggressivi” nell’audizione di conferma, tale posizione appare sconnessa col quadro politico complessivo che Trump sembra tracciare in questi giorni. Ciò era chiaramente evidente dalle dichiarazioni di Washington e Mosca dopo che Putin e Trump ebbero la loro conversazione telefonica. Né Cremlino, né Casa Bianca menzionavano la parola “sanzioni”, sostenendo che l’argomento semplicemente non figurasse. Eppure, come affermano i russi, i leader “sottolineavano l’importanza di ricostruire rapporti commerciali ed economici reciprocamente vantaggiose per le comunità imprenditoriali dei due Paesi‘, potendo dare ulteriore impulso allo sviluppo di solide relazioni bilaterali”. Corollario di questa lettura è l’annuncio del Fondo Investimenti Diretti del governo russo su vari progetti volti ad attrarre investimenti statunitensi in Russia. Tuttavia, la domanda chiave è: può avvenire con le sanzioni ancora incombenti sulla Russia? Oppure, come alcuni esperti sostengono, Trump e Putin sono arrivati a una “comprensione” sulla possibile revoca delle sanzioni nel prossimo futuro. Con Trump che indica costantemente la prospettiva di “rapporti migliori” con la Russia, il dispiegamento di truppe statunitensi in Europa, decisione presa dal presidente uscente Obama, sembra essere più una tattica dell’amministrazione Trump per tranquillizzare i ‘timori’ degli ‘alleati europei’ sulla spinta reale al ‘contenimento’ della Russia in Europa/Baltico. In caso contrario, l’umore ‘anti-sanzione’ di Trump è ben visibile. Infatti, se Trump rifiutava di escludere di togliere le sanzioni alla conferenza stampa con la prima ministra inglese Theresa May, a Washington, May insisteva, “riteniamo che le sanzioni debbano continuare“. Anche in questo caso non vi è alcun riferimento alle sanzioni nella dichiarazione congiunta rilasciata dopo la chiamata di Trump alla cancelliera tedesca Angela Merkel, anche se quest’ultima s’è dichiarata fortemente a sostengo delle sanzioni.
Il triangolo politico è quindi chiaramente visibile, Trump ed Europa non sono allineati sulla Russia. Mentre gli Stati Uniti non possono permettersi politicamente e strategicamente di ‘abbandonare’ l’Europa, il danno che l’amministrazione Obama ha inflitto alla posizione statunitense in Medio Oriente, in particolare, e a livello internazionale, in generale, richiede il ripristino dei rapporti con la Russia. Ciò che rende Trump diverso da Obama, in questo contesto, è che invece di cercare la vittoria assoluta sulla Russia, Trump vuole riavvicinarla e riaffermarsi su parte dello spazio perso negli ultimi 3 anni. In parole semplici, mentre il dispiegamento della NATO è debitamente sostenuto dagli Stati Uniti, assicurando l’Europa del sostegno degli Stati Uniti, serve anche da carta di scambio degli Stati Uniti per accordarsi con la Russia sul suo rafforzamento nell’Artico e nel Medio Oriente, dove ha già acquisito una presenza militare solida. Pertanto, se la Russia si ricostruisce, la NATO affila le armi e Trump affila la sua ascia della contrattazione. Il triangolo assume una forma definita!tumblr_mi2qomgiwf1qd7ygho1_1280Salman Rafi Sheikh, analista di relazioni internazionali e degli affari esteri e nazionali del Pakistan, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

One Response to Il rafforzamento della Russia terrorizza la NATO

  1. Io penso che il problema della Russia, essendoci stato, non sia la Nato, ma la Vodka che credo in grado di far più danni . Dopo le esperienze di Napoleone e Hitler, nessuno al mondo può avere la minima voglia di conquistarla.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...