Amnesty International ammette che la relazione sulla Siria è stata fabbricata nel Regno Unito

Tony Cartalucci, LD, 9 febbraio 201716487178Il rapporto di 48 pagine di Amnesty International intitolato “Siria: massacri umani: impiccagioni di massa e sterminio nella prigione di Saydnaya”, vanta affermazioni estreme concludendo: “… le violazioni delle autorità siriane a Saydnaya sono crimini contro l’umanità. Amnesty International chiede con urgenza un’inchiesta indipendente e imparziale sui crimini commessi a Saydnaya”. Tuttavia, anche a uno sguardo superficiale, prima ancora di leggere il testo della relazione, nella sezione intitolata “Metodologia” Amnesty International ammette di non aver alcuna prova fisica che dimostri ciò che sono solo le testimonianze di presunti detenuti ed ex-impiegati della prigione, così come i dati dell’opposizione in Siria. Nella sezione “Metodologia”, il rapporto ammette: “Nonostante le ripetute richieste di Amnesty International di accedere in Siria, e in particolare nelle strutture di detenzione gestite dalle autorità siriane, le è stato impedito dalle autorità siriane di svolgere una ricerca nel Paese e di conseguenza non ha avuto accesso alle zone controllate dal governo siriano dall’inizio della crisi nel 2011. Altri gruppi di monitoraggio dei diritti umani indipendenti hanno incontrato ostacoli simili”. In altre parole, Amnesty International non ha avuto accesso alla prigione, né nessuno dei testimoni che presumibilmente intervista ha prove rilevanti o foto della prigione. Le uniche foto della prigione sono immagini satellitari, e quelle contenute nella relazione sono di tre uomini che sostengono di ave perso peso in prigione e di uno degli otto presunti certificati di morte dati ai familiari dei detenuti morti a Saydnaya. I presunti certificati non rivelano nulla sulle accuse di tortura o esecuzione.
Se articoli come “Hearsay Extrapolated – Amnesty Claims Mass Executions In Syria, Provides Zero Proof“, esaminano in dettagliato le “statistiche” di Amnesty, e articoli come, “Amnesty International “Human Slaughterhouse” Report Lacks Evidence, Credibility, Reeks Of State Department Propaganda” svelano la natura politica di Amnesty International e la tempistica della promozione del rapporto sui media occidentali, vi è un altro aspetto della relazione che rimane inesplorato, Amnesty International ha ammesso apertamente che il rapporto è stato fabbricato nel Regno Unito presso la locale filiale, con un processo che chiamano “architettura forense”, cioè in mancanza di prove reali, fisiche, fotografiche e video, si ricorre ad animazioni 3D ed effetti sonori ideati da creativi assunti da Amnesty International.

Esperti in effetti speciali assunti di Amnesty per fabbricare “prove”
In un video di Amnesty International che accompagna la relazione, dal titolo “Dentro Saydnaya: la tortura nella prigione della Siria”, il narratore ammette in apertura che Amnesty International non ha alcuna prova reale sulla prigione. Il video ammette: “Non ci sono immagini esterne (tranne quelle satellitari) ed alcuna interna. E ciò che vi accade era avvolto nel segreto, finora”. Gli spettatori sono inizialmente portati a credere a delle prove che svelano ciò che avverrebbe nel carcere, ma il narratore continua spiegando: “Abbiamo ideato un modo unico di rivelare la vita nella prigione della tortura. E l’abbiamo fatto parlando con persone che vi erano e sono sopravvissuti ai suoi orrori … utilizzando i loro ricordi e testimonianze, abbiamo costruito un modello 3D interattivo che vi porterà per la prima volta all’interno di Saydnaya”. Il narratore spiega poi: “In modo unico, Amnesty International ha collaborato con “Architettura forense” della Goldsmiths University of London, ricostruendo suono e architettura della prigione di Saydnaya, utilizzando un’avanzata tecnologia di modellismo”. In altre parole, la presentazione di Amnesty International non presenta fatti e prove raccolte in Siria, ma è realizzata esclusivamente a Londra utilizzando modelli 3D, animazioni e software audio, secondo resoconti infondati di presunti testimoni che affermano di esser stati in un modo o nell’altro nella prigione. Eyal Weizman, direttore di “Architettura forense”, ammette che la “memoria” si basa sulla sua collaborazione con Amnesty Internationa e sia quindi alla base delle 48 pagine di Amnesty: “La memoria è l’unica risorsa da cui possiamo cominciare per ricostruire ciò che è avvenuto. Cosa si prova ad essere un prigioniero a Saydnaya?” L’organizzazione di Weizman, “Architettura forense”, sul sito web descrive le proprie attività: “Architettura forense è un’agenzia di ricerca della Goldsmiths University of London. Comprende un team di architetti, studiosi, registi, designer, avvocati e scienziati che fanno ricerche e presentano analisi spaziali nei forum giuridici e politici. Forniamo prove alle squadre di persecuzione internazionale, organizzazioni politiche, organizzazioni non governative e Nazioni Unite in vari processi nel mondo. Inoltre, l’agenzia s’impegna in esami storici e teorici delle pratica nella medicina legale, in particolare sulle nozioni di verità pubblica”. In altre parole, gli esperti di effetti speciali e i loro strumenti, impiegati nella realizzazione di film per l’industria dello spettacolo o per studi di architettura per proporre progetti futuri, ora vengono impiegati per fabbricare prove su un contesto politico di cui nessuno conosce la realtà. Mentre il lavoro di “Architettura forense” può essere utile a sviluppare teorie, non lo è affatto per fornire prove, intese come fatti o informazioni concreti che indicano se una credenza o proposizione sia vera o valida, non fatti fabbricati o informazioni supposte.
Il lavoro di “Architettura forense” e le testimonianze raccolte da Amnesty International, certamente raccolte non in Siria, sarebbe la base di una richiesta iniziale, non una relazione finale né una conclusione secondo cui le violazioni dei diritti umani ci sono state, costituendo un crimine contro l’umanità e richiedendo l’immediato ricorso internazionale. Il rapporto di Amnesty International non ha alcuna prova concreta e la sua presentazione consiste nella dichiarata fabbricazione di immagini, suoni, mappe e diagrammi. Amnesty, senza prove, abusa della propria reputazione e delle classiche tecniche per manipolare il pubblico sul piano emotivo. Ciò che Amnesty International fa non è “difendere i diritti umani”, ma piuttosto propaganda di guerra politicamente motivata, e lo fa semplicemente nascondendosi dietro la propria missione. Esponendo apertamente e spudoratamente tale tecnica nel fabbricare un rapporto internazionale, promosso in modo asinino da giornali occidentali e piattaforme multimediali come BBC, CNN, Independent ed altri, si permette ad Amnesty e altre organizzazioni simili di continuare a proporre al pubblico, sotto gli orpelli della scienza, bugie mostruose.

Wayzman, un mome, una garanzia

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...