Le basi militari russe in Siria

Alexander Mercouris, The Duran 9/2/2017khmeimin-air-baseCome risultato della guerra in Siria la Russia costruisce un complesso di basi in Siria, per la prima volta in competizione con gli Stati Uniti nel Mediterraneo orientale.
Un motivo spesso dato dai commentatori occidentali del sostegno della Russia al Presidente Assad è il supposto desiderio della Russia di proteggere la base navale di Tartus in Siria. Alcuni commentatori hanno suggerito al contrario che una delle ragioni della guerra siriana era cacciare i russi dalla Siria. A mio avviso alcuna di tali affermazioni è vera, ma non c’è dubbio che conseguenza della guerra è che sia enormemente aumentata la presenza militare della Russia in Siria, oltre qualsiasi idea concepibile nel 2011, quando il conflitto iniziò. La Russia ora ha due grandi basi in Siria, sicuramente note, e una terza la cui esistenza viene solo accennata, ma mai confermata.

1) Base navale di Tartus
La Marina militare russa ha una presenza nel porto siriano di Tartus dagli anni ’70 (alcuni rapporti sostengono dal 1971, altri dopo). Anche se l’impianto di Tartus è stato spesso chiamato base, fino a poco prima era meglio descritto come piccola struttura logistica per supportare lo schieramento nel Mediterraneo della Marina militare russa. La struttura non poteva che ospitare piccole navi, mai nulla di più grande delle corvette. A quanto pare era gestita da appaltatori civili. Allo scoppio del conflitto siriano nel 2011 era apparentemente in rovina e a malapena in uso. La Russia ora ha stipulato un contratto di affitto di 49 anni della base, che dovrà ampliarla. L’obiettivo è ampliarla in modo che ospiti contemporaneamente 11 navi da guerra, anche nucleari. A quanto pare i lavori sono già iniziati. Quando i lavori saranno completati, diverrà una grande base navale paragonabile a quelle di Stati Uniti e NATO in altre regioni del Mediterraneo.siria-tartus-filchenkov-agos-2015-22) Base aerea di Humaymim
Non esisteva prima del settembre 2015, ed è un adattamento frettoloso di una parte dell’aeroporto Basil al-Assad. Dispone di una pista asfaltata di 2979m, attivata dalla forza aerea russa nel settembre 2015 per consentirle di condurre la campagna aerea contro i jihadisti in Siria. La Russia ha ora un contratto di affitto di 49 anni della base. Sarà anch’essa ampliata con la costruzione di una seconda pista in cemento, più grande e più adatta ai velivoli ad alte prestazioni, come caccia e bombardieri. Anche questo trasformerebbe la base in una struttura simile alle basi statunitensi, come Incirlik in Turchia. Inoltre, alla seconda pista vi saranno presumibilmente aggiunte anche strutture permanenti per il personale della base, insieme alle necessarie attrezzature standard per la base.122133234683) Stazione di ascolto di Lataqia
Di tanto in tanto le notizie parlano della grande stazione di ascolto (SIGINT) russa nella provincia di Lataqia in Siria, anche se i dettagli che ne confermano l’esistenza sono scarsi. Nell’ottobre 2014 i jihadisti invasero una postazione di ascolto ad al-Hara, nel sud-ovest della Siria vicino alle alture del Golan occupate. Questa sembrava essere una presunta piccola postazione di ascolto dal nome in codice “Centro S”. Forse si trattava di un ramo del molto più grande complesso situato all’interno della Siria, nella provincia di Lataqia, si diceva. Assumendo che questa struttura esista, certamente sarà stata interessata dalla rivoluzione dell’intelligenza elettronica e dei segnali avutasi dopo la fine della guerra fredda. Questo ha reso più facile monitorare il traffico dei segnali dalla Russia, riducendo la necessità di stazioni di ascolto all’estero come quella presunta di Lataqia. Detto questo, è probabile che la struttura esista e sia ancora attiva. Rapporti russi a volte danno l’impressione che il traffico dei segnali in Siria sia monitorato da una struttura che si troverebbe nella base aerea di Humaymin. Forse la stazione di ascolto vi è stata trasferita, o più probabilmente, viene detto questo per nasconderne la vera posizione.
Le tre strutture sono protette da una cintura di complessi integrati di sistemi di difesa comprendente i potenti sistemi missilistici antiaerei S-400 e S-300VM Antej 2500 schierati in Siria lo scorso anno, i sistema di difesa missilistica di punto missilistico-artiglieristico Pantsir-S1, giunti con la forza russa in Siria nel settembre 2015, l’avanzato sistema di guerra elettronica Krasukha-4 (che disturberebbe velivoli AWACS e satelliti) e le batterie di missili supersonici antinavi Bastion schierati sulle coste della Siria alla fine dello scorso anno. Ora vi sono rapporti secondo cui la Russia invierebbe batterie di missili tattici Tochka-U in Siria, anche se il Cremlino non conferma. Inoltre dato che queste strutture si trovano su una piccola area nella provincia di Lataqia, possono cooperare come un unico gigantesco complesso aeronavale, possibilmente sotto la supervisione di un solo comandante.
Che il sostegno degli Stati Uniti ai jihadisti in Siria era motivato dal desiderio di cacciare i russi dalla Siria è dubbio, ma se fosse, allora va concluso che non solo è fallito, ma ha ottenuto l’effetto contrario. Non solo la Siria ora è più vicina alla Russia rispetto al passato, ma come diretta conseguenza della guerra, i russi costruiscono un complesso di basi aeronavali in Siria mai avuto prima nel Mediterraneo, rendendo possibile per la prima volta ai loro velivoli di pattugliare il Mediterraneo orientale, e alle loro navi di operarvi senza affidarsi sui distanti porti in Russia. Inoltre, è il primo grande complesso di basi aeronavali nel Mediterraneo dalla seconda guerra mondiale non controllato dagli Stati Uniti o da un loro alleato, ma da un rivale invece. Non ultima conseguenza della guerra alla Siria, è che non solo s’è indebolita la posizione degli Stati Uniti in Medio Oriente, ma anche, per la prima volta dalla seconda guerra mondiale, ha scosso la finora ferrea presa degli Stati Uniti sul bacino del Mediterraneo.showimage-ashxTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...