Trump cambia passo, e si avvicina alla Cina

Zerohedge620796d0-1744-11e6-bd42-dc82dcee8964_1280x720Con un’importante inversione dal dichiarato quadro di politica estera verso la Cina, nella prima telefonata con il Presidente cinese Xi Jinping, il 9 febbraio notte, il Presidente Donald Trump accettava di onorare la politica su “una sola Cina”, riducendo una delle principali fonti di tensione diplomatica tra le due maggiori economie del mondo. La telefonata s’è avuta il giorno dopo che Trump inviò a Xi una lettera che affermava di volere un “rapporto costruttivo” con la Cina, e poche ore dopo che un tribunale d’appello degli Stati Uniti si pronunciava contro l’ordine esecutivo dell’Amministrazione Trump sull’immigrazione, e poco prima della prima riunione ufficiale di Trump con il premier del Giappone Shinzo Abe. A dicembre, il neopresidente Trump irritò Pechino parlando con il presidente di Taiwan e dicendo che gli Stati Uniti non dovevano attenersi alla politica secondo cui Washington riconosce la posizione cinese su una sola Cina e che Taiwan ne fa parte. Trump poi disse che la politica è “oggetto di trattativa”, ponendo ulteriore pressione sulle relazioni USA-Cina. Alcun problema è più sensibile per Pechino di Taiwan. “I due leader hanno discusso diversi argomenti e il Presidente Trump ha deciso, su richiesta del Presidente Xi, di onorare la nostra politica su ‘Una sola Cina’“, affermava la Casa Bianca in una dichiarazione del 9 febbraio notte. “Hanno anche esteso l’invito ad incontrarsi nei rispettivi Paesi. Il Presidente Trump e il Presidente Xi non vedono l’ora di ulteriori colloqui con esiti di grande successo”. La dichiarazione della Casa Bianca ha descritto la telefonata come “lunga” ed “estremamente cordiale”, fornendo ulteriori dettagli su cosa si sia discusso. I rappresentanti di entrambe le parti si incontreranno in futuro per discutere e negoziare su “varie questioni di reciproco interesse“, aveva detto. La telefonata avveniva dopo che aerei militari cinesi e statunitensi ebbero un incontro “ravvicinato” sulla parte contestata del Mar Cinese Meridionale, il primo incidente confermato pubblicamente da maggio. I due aerei da ricognizione volarono a meno di 300 metri di distanza, sopra le scogliere Scarborough, rivendicate dalla Cina e dalle Filippine, alleate degli Stati Uniti. Xi aveva detto che era necessario aumentare la cooperazione, parlando alla China Central Television. Il presidente cinese ha detto che il suo Paese è disposto a rafforzare i legami con gli Stati Uniti su commercio, investimenti, tecnologia, energia e infrastrutture. Xi aveva anche detto che i due Paesi dovrebbero migliorare le comunicazioni sulle questioni militari internazionali e regionali. “Di fronte a una situazione globale estremamente complicata e all’aumento delle sfide c’è maggiore necessità di continuare a rafforzare la cooperazione tra Cina e Stati Uniti”, aveva detto Xi, secondo la CCTV.
Cina e Stati Uniti indicano che, una volta risolta la questione su “una sola Cina”, potrebbero avere relazioni normalizzate. Di seguito la cronologia completa della posizione di Trump sulla politica su “una sola Cina”, per gentile concessione della Reuters.
2 dicembre, Trump parla per telefono con il presidente Tsai Ing-wen, di Taiwan, una mossa che fece infuriare la Cina, che considera l’isola auto-governata come propria, complicando i rapporti degli Stati Uniti con Pechino. La Cina avanzava subito una protesta, accusando Taiwan di mosse meschine.
11 dicembre, Trump dice che gli Stati Uniti non dovranno necessariamente attenersi alla vecchia posizione che Taiwan sia parte di “una sola Cina”, mettendo in discussione quasi quattro decenni di politica degli Stati Uniti.
12 dicembre, la Cina esprimeva “seria preoccupazione” dopo che Trump disse che gli Stati Uniti non devono necessariamente attenersi alla vecchia posizione su Taiwan quale parte di “una sola Cina”.
14 dicembre, con un avvertimento velato a Trump, l’ambasciatore cinese negli Stati Uniti diceva che Pechino non potrà mai negoziare con Washington su questioni che ne interessano sovranità nazionale ed integrità territoriale.
11 gennaio, Taiwan lanciava aerei e navi dopo che un gruppo di navi da guerra cinesi, guidato dal una portaerei, attraversava lo Stretto di Taiwan, ultimo segnale dell’acuita tensione tra Pechino e l’isola.
12 gennaio, l’allora candidato di Trump a segretario di Stato, Rex Tillerson, diceva che alla Cina va negato l’accesso alle contestate isole costruite nel Mar Cinese Meridionale, descrivendone la collocazione di mezzi militari come “simile alla sottrazione russa della Crimea” all’Ucraina.
3 febbraio, il capo della diplomazia cinese Yang Jiechi diceva a Michael Flynn, consigliere della Sicurezza Nazionale di Trump, che la Cina spera di poter lavorare con gli Stati Uniti su gestione e controllo di dispute e problemi sensibili.
9 febbraio, Trump rompe il ghiaccio con Xi con una lettera in cui dice che non vede l’ora di collaborare per sviluppare le relazioni.
9 febbraio, Trump cambia rotta e s’impegna ad onorare la politica su “una sola Cina” nella telefonata con Xi.
Mentre il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Lu Kang affermava che la conversazione era “molto buona” ed “ampia”, osservava che “il rispetto della politica su una sola Cina è d’obbligo per gli Stati Uniti“. I rapporti con Taiwan devono avvenire entro tale quadro, aveva detto alla conferenza stampa quotidiana del ministero a Pechino. “Il principio di una sola Cina è il fondamento politico delle relazioni Cina-USA“. “Dalla telefonata tra i due presidenti, possiamo vedere che il governo statunitense s’impegna nella politica su una sola Cina, e l’apprezziamo“. Lu aggiungeva che “garantirsi che la base politica non vacilli è di vitale importanza per la salute e lo sviluppo stabile delle relazioni Cina-USA“. Un portavoce del presidente di Taiwan Tsai Ing-wen affermava, in una dichiarazione, che era nell’interesse di Taiwan mantenere buone relazioni con Stati Uniti e Cina.
I leader di Stati Uniti e Cina non avevano parlato per telefono da quando Trump si era insediato il 20 gennaio. Secondo Reuters, fonti diplomatiche a Pechino affermavano che la Cina temeva che Xi venisse umiliato nel caso che la telefonata con Trump fosse andata storta e i dettagli trapelati sui media. In una dichiarazione al Ministero degli Esteri cinese, Xi affermava che la Cina apprezzava la prosecuzione di Trump della politica su “una sola Cina”. “Credo che Stati Uniti e Cina siano partner cooperativi e attraverso sforzi comuni si possano elevare le relazioni a un nuovo massimo storico“, affermava la citazione della dichiarazione di Xi. “Lo sviluppo di Cina e Stati Uniti si completa assolutamente e progredisce in modo comune. Le parti possono diventare degli ottimi partner nella cooperazione“, aveva detto Xi. Il vertice politico di Taiwan, il Consiglio degli Affari Continentale, aveva detto di sperare nel continuo sostegno dagli Stati Uniti ed invitava Pechino ad adottare un “atteggiamento positivo” e una “comunicazione pragmatica” nel risolvere le differenze con Taiwan. La Cina è profondamente sospettosa verso Tsai, il cui Partito Democratico Progressista patrocina l’indipendenza formale dell’isola, una linea rossa per Pechino, ed ha eliminato il meccanismo di dialogo formale con l’isola. Tsai dice che vuole la pace con la Cina. In una dichiarazione alla Reuters, l’avvocato James Zimmerman, ex-capo della Camera di commercio Statunitense in Cina, ha detto che Trump non avrebbe dovuto mai toccare la politica di “una sola Cina”. “C’è sicuramente un modo di negoziare con i cinesi, ma le minacce agli interessi fondamentali sono controproducenti“, aveva scritto in una e-mail. “Il risultato finale è che Trump ha appena confermato al mondo di essere una tigre di carta, una ‘zhilaohu’. Qualcuno che sembra minaccioso, ma è del tutto incapace di affrontare una sfida“. Jia Qingguo, decano della Facoltà di Studi Internazionali all’Università di Pechino e consigliere del governo in politica estera, ha detto che Trump aveva creato molta incertezza, ma ora era di nuovo in pista. “Trump ha rassicurato che sarà un presidente responsabile“, ha detto a Reuters. “...è una buona notizia per la Cina, perché stabili relazioni USA-Cina sono buone per la Cina. Ora possiamo fare affari“.
La Casa Bianca ha descritto la telefonata, poche ore prima che Trump ospitasse il primo ministro giapponese Shinzo Abe, come “estremamente cordiale” con entrambi i leader esprimere i migliori auguri ai rispettivi popoli. Non vi fu menzione delle dichiarazioni cinesi o statunitensi su altre questioni controverse, commercio e Mar Cinese Meridionale contestato, e che alcuna questione era stata avanzata. La Cina registrava un surplus commerciale di 51,35 miliardi di dollari a gennaio, di cui più di 21 con gli Stati Uniti.virtual14-clinton-vs-trumpTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

One Response to Trump cambia passo, e si avvicina alla Cina

  1. Pingback: Trump cambia passo, e si avvicina alla Cina |

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...