Flynn mette Trump al passo con la storia degli USA

Alessandro Lattanzio, 15/2/2017lizza-michael-flynn-white-house-1200Le dimissioni dell’ex-Generale Michael Flynn sono un duro colpo per Erdogan, di cui era un lobbista a Washington. Quest’aspetto viene convenientemente ignorato, sebbene dimostri la realtà della frattura nella dirigenza militar-spionistica-strategica, che va amplificandosi. La Russia non perde nulla dalle sue dimissioni, poiché Flynn è un radicale oppositore dell’Iran. Tutto ciò è solo l’ulteriore chiarimento e dimostrazione che Mosca deve continuare a consolidare i rapporti con i suoi veri alleati: Cina, India, Iran, Vietnam, Iraq, Siria.
La Turchia erdoganista invece esce assai indebolita, nella sua rivolta contro Gladio-B (alias Stato islamico), con le dimissioni del suo referente nell’amministrazione Trump. E, di riflesso, ne esce distrutta anche la delirante posizione dei duginisti. Infatti, a fine gennaio, Dugin aveva invocato un’alleanza con l’America di Trump per procedere allo smembramento della Cina popolare. Quindi, non solo la pretesa di Washington verso Mosca, di consegnare la Crimea al regime di Kiev (espressione di Gladio-A, ovvero sempre della NATO), scredita l’attrattiva dei pericolosi deliri anti-eurasiatici del ‘geofiloso’ russo innamorato di Himmler e Crowley, ma svela la trama intessuta da Erdogan che si estende fin negli USA, dove Flynn era un suo referente, connettendo in modo occulto il ‘geofilosofo’ e la sua cerchia, presente anche in Italia, ai servizi segreti neo-ottomani, che hanno stabilito proprie filiazioni ideologiche ed operative anche in Italia, fazioni della CIA e del Pentagono, alla junta di Kiev e alle bande nazislamiste collegate a Kiev e Ankara, ramificate dal Donbas alla Siria, sempre passando per le aree geografiche, mediatiche e sociali dominate dal PD in Italia.
Il gigantesco apparato mediatico-spionistico, costruito in oltre 25 anni di guerra neo-imperialista perpetua da Washington e accoliti (UE, Regno Unito, petromonarchie), si è anche posto delle salde radici nelle società occidentali, allevandone una esigua frazione, ma ponendola al centro dell’“egemonia culturale” di tutta la società capitalistica occidentale. Riunendo varie forme di minoritarismo, ideologico, sociale, economico o culturale; associando le frattaglie del settarismo ideologico di sinistra, anarchismo e neonazismo, coltivati da sempre dalle intelligence della NATO, alle microfrazioni sociali costruitesi nei 50 anni successivi al ’68: minoratismo sessuale, ecologismo fringe, veganismo, genderismo, devianze varie; collegando e connettendo ideologicamente il tutto tramite le centrali culturali occidentali: la rete accademica occidentale, prima, negli anni ’60-’90, e poi, negli ultimi 20 anni, i mass media oramai apertamente schierati nel supportare l’ideologia dell’imperialismo ultraliberale: una sorta di condiscendenza violenta globale, le cui armi vanno applicate contro tutti i refrattari, che siano dentro la società occidentale (aperta imposizione del silenzio o sfacciata aggressione mediatica), o esterne al mondo occidentale (sanzioni, sovversione colorata eterodiretta, guerre interventiste).
franklin-roosevelt-biography-color Davanti a un tale complesso bellico-mediatico-terroristico (Pentagono, Gladio, Massmedia), vitalmente alleato al suo unico vero referente, la finanza internazionale e la sua ideologia, il “finanziarismo” (con le sue varie declinazioni, non ultimo l”europeismo’ della sinistra liberale e della destra massonica), anche un presidente degli USA relativamente autonomo avrà gravi difficoltà, tanto più se le sue fila sono composte da frammenti e derivazioni del complesso ideologico-operativo avverso. I presidenti ‘pro-attivi’ degli USA soffrono del complesso di inferiorità verso la figura di Franklin Roosevelt, ma lui, all’epoca, nel 1932-1945, poté contare su potenti forze: un’industria metalmeccanica che guardava avanti e non temeva i patti sociali con la massa della società, composta dai lavoratori organizzati, la classe operaia industriale, all’epoca guidata sul serio dal Partito Comunista degli USA. Un movimento supportato da un ceto intellettuale di prim’ordine, che fosse un Upton Sinclair o un Nicholas Spykman, sui vari fronti ideologico-culturali dell’epoca. Non a caso, furono le sette trotskiste ad organizzare il sabotaggio di questo ampio fronte di rinnovamento sociale, aizzandovi contro una frazione semiautonoma dei lavoratori statunitensi, i camionisti. Furono al solito l’avanguardia; pochi anni dopo, subito dopo l’assassinio di Roosevelt (avvelenato), le forze neoliberiste avviarono la lunga revanche culminata nel ventennale monopolarismo mondiale degli USA, e questo grazie all’epurazione nella società statunitense e occidentale, contro la solidità delle organizzazioni operaie, inoculando il virus della frammentazione socio-culturale (settarismo politico, cultismi, tossicodipendenze, mafie, promozione delle devianze e della confusione) e costruendo una potente macchina propagandistica, che vede lo stretto connubio tra mass media (disinformazione), intelligence (propaganda) e accademie (settarismo culturale). Tutto ciò ha distrutto quel tessuto socio-culturale ed economico che permise agli USA di Roosevelt di vincere la Seconda guerra mondiale e di avviare la corsa al nucleare, allo spazio, all’informatica e il 30ennio di crescita economica (1945-75), conclusosi con l’ascesa al potere del neoliberismo settario. Perciò, tutti i presidenti che hanno tentato di scimmiottare il rooseveltismo, come Kenendy, Johnson (comunque il migliore), Clinton, Obama e forse Trump, hanno fallito e falliranno perché la macchina di cui o sono espressione o che pretendono di combattere, ha inghiottito quelle forze con cui potevano permettersi di riformare e sanare gli USA. Difatti, davanti alle promesse avanzate, costoro non hanno mai concluso di fatto nulla. Perché? Perché le forze sociali capaci di tanto sono state distrutte, poiché avrebbero anche ostacolato i deliri monopolari del “finanziarismo” occidentale e del suo complesso bellico-mediatico. Tanto più che tale Idra è capace solo di produrre devastazioni, ma mai di risolverle, lampante dimostrazione di come il coagulo economico-sociale liberista, e la sua promanazione ideologica, il liberalismo anarcoide, oggi dominanti in occidente, siano difatti un fallimento storico, epocale, esistenziale.
Riassumendo: le dimissioni di Flynn ridimensionano una fazione interventista (atlantista-fratellanzamussulmana) rispetto a un’altra (atlantista-wahhabita). E il riflesso operativo, sul campo, di tali scontri di vertice nel centro dell’imperialismo, Washington, sono gli scontri armati tra le varie bande terroristiche che appestano la Siria. Lotte intestine che solo il 14 febbraio hanno visto almeno 70 terroristi eliminarsi amorevolmente a vicenda.
La Russia ha un’ulteriore conferma in tutto ciò: proseguire nel consolidamento dei rapporti con i veri alleati, neutralizzando od abbandonando ai loro deliri i sabotatori infiltrati tra le file amiche.ISRAEL-PALESTINIAN-CONFLICT-KIDNAPPING-SAFETYRiferimenti:
FNA
Daily Caller
Haaretz
South Front
The Hill

Annunci

One Response to Flynn mette Trump al passo con la storia degli USA

  1. Pingback: Flynn mette Trump al passo con la storia degli USA |

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...