Trump-pam-pam e le nostre grandi bombe

Il nostro osservatore militare sul motivo per cui il presidente degli Stati Uniti gonfia il bilancio militare e come la Russia risponderà
Viktor Baranets – KP

Gli Stati Uniti sono l’immutabile “campione del mondo” in bilancio militare, quasi 600 miliardi di dollari, 10 volte quello della Russia. Anche se si sommano i bilanci militari dei primi dieci Paesi del mondo, non si arriva a quello statunitense! E si scopre che per Donald Trump non basta. Intende aumentare la spesa per la difesa di altri 54 miliardi di dollari, sufficienti a mantenere cinque eserciti polacchi, o dieci ucraini. Gli statunitensi già mormorano su Trump che preferisce i cannoni al burro. Ma la sua astuzia è capire quale sia l’asso nella manica: si “compra” le simpatie dell’esercito e, allo stesso tempo, delle aziende militari-industriali.
L’ex-Capo di Stato Maggiore della Federazione Russa, Generale Jurij Baluevskij, è convinto “che l’idea di aumentare la spesa per la difesa di Trump è stata suggerita dai militari, che chiacchierano tanto sulla potenza dell’esercito russo, sapendo che si tratta dell’opportunità di avere altro denaro“. Ma come Mosca reagirà al crescente budget militare degli Stati Uniti? Baluevskij risponde: “…La Russia non farà a gara con gli Stati Uniti sulla spesa per la difesa. Abbiamo diverse categorie di peso, la questione è come garantire la difesa della Russia con meno costi. Sono sicuro: abbiamo già le risposte asimmetriche, e non credo sia un grosso problema“.
Quali sono queste misteriose “risposte asimmetriche” di cui i nostri politici e generali parlano spesso? Forse è un mito o una frase a effetto? No! La nostra risposta asimmetrica sono le testate nucleari che manovrano in volo, naturalmente in modo che alcun computer possa calcolarne la traiettoria. Se gli statunitensi posizionano i loro carri armati, aerei, battaglioni di forze speciali ai confini con la Russia, noi in silenzio abbiamo “minato” le coste degli Stati Uniti con mine nucleari, delle talpe (sepolte e “addormentate” in precedenza da squadra di combattimento). Oh, penso di aver detto troppo. Meglio trattenersi.
In breve, abbiamo la risposta “asimmetrica” (e meno costosa) agli statunitensi. Ma se Trump ha soldi in più, li spende in armi di cui gli Stati Uniti non avranno mai bisogno. E poi dicono che sia un buon uomo d’affari…

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Advertisements

2 Responses to Trump-pam-pam e le nostre grandi bombe

  1. Pingback: la liberazione di aleppo e i compiti dei socialisti rivoluzionari antimperialisti 2017/03/08/ | Socialist Fight

  2. roberto176 says:

    Mai dimenticare che il complesso militar-industriale Usa contribuisce per più del 50% al Pil degli States.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...