Se i terroristi puntano la Russia, chi c’è dietro?

Tony Cartalucci, LD 5 aprile 2017

Undici uccisi e decine di feriti in quello che è un apparente attacco terroristico alla metropolitana di San Pietroburgo. Gli analisti occidentali ne accusano i terroristi che operano nella regione russa della Cecenia e gruppi terroristici affiliati possibilmente ai fronti che combattono in Siria. Gli analisti occidentali inoltre cercano di cementare la narrazione che minimizza l’importanza degli attentati e invece cercano di sfruttarli politicamente contro Mosca. Un pezzo sul Sydney Morning Herald intitolato “I timori di un giro di vite di Putin dopo l’attacco terroristico alla Metro di St Pietroburgo“, rivendicava: “Allora, di chi è la colpa? Nessuno ufficialmente. Frank Gardner della BBC dice che i sospetti s’incentreranno su ceceni nazionalisti o un gruppo dello Stato islamico intento a ripagare gli attacchi aerei di Putin in Siria. O una combinazione di entrambi. Putin ha in passato giustificato giri di vite sulle proteste civili citando la minaccia del terrore. Ma lo farà questa volta, e funzionerà? Almeno un commentatore pro-Cremlino ha collegato l’attentato alle recenti manifestazioni di massa organizzate dall’avversario politico di Putin”. In realtà, le manifestazioni e i gruppi terroristici sono implicati condividendo un significativo denominatore comune, sono apertamente destinatari di continui aiuti euro-statunitensi, con il secondo gruppo che riceve un significativo sostegno materiale dagli alleati di Stati Uniti-Europa nel Golfo Persico, in primo luogo Arabia Saudita, Qatar ed Emirati Arabi Uniti (EAU). Il sostegno di Stati Uniti-Unione europea ad organizzazioni dai finanziamenti esteri che posano da “organizzazioni non governative” (ONG), eseguendo sforzi paralleli con le organizzazioni terroristiche che minano il controllo di Mosca sulla Cecenia, dura da decenni. Oltre alla Cecenia, la Defense Intelligence Agency degli Stati Uniti (DIA) ammise in un memo del 2012 (PDF) che: “Se la situazione si dipana v’è la possibilità di stabilire un principato salafita dichiarato o non dichiarato nella parte orientale della Siria (Hasaqa e Dayr al-Zur), e questo è esattamente ciò che le potenze che supportano l’opposizione vogliono, al fine d’isolare il regime siriano considerato profondità strategica dell’espansione sciita (Iraq e Iran)”. Il memo della DIA spiega poi esattamente chi siano tali sostenitori “del principato salafita” (e i suoi veri nemici ): “Occidente, Paesi del Golfo e Turchia sostengono l’opposizione; mentre Russia, Cina e Iran sostengono il regime”. In sostanza, il “principato” (stato) “salafita” (islamico) è una creazione degli Stati Uniti nel perseguimento del programma di cambio di regime in Siria. L’attuale sedicente “Stato Islamico” si trova proprio in Siria orientale, dove secondo il memo della DIA i suoi Stati sponsor hanno cercato di mettere. Il suo ruolo nel minare Damasco e i tentativi degli alleati di riportare la pace nello Stato siriano sono evidenti. Il fatto che l’agente della NATO Turchia sia il centro logistico, addestrativo e finanziario non solo dello Stato islamico ma anche degli altri gruppi terroristici, tra cui la filiale regionale di al-Qaida, al-Nusra, implica inoltre non solo il possibile coinvolgimento di al-Qaida e Stato islamico nell’attentato di San Pietroburgo, ma anche degli Stati sponsor di tali organizzazioni, quelli che ‘sostengono l’opposizione’ in Siria. Che gli Stati Uniti abbiano svolto un ruolo diretto nell’esplosione di San Pietroburgo o no, è irrilevante. Senza la massiccia sponsorizzazione di Washington e alleati europei e del Golfo Persico a tali gruppi, la diffusione del caos globale sarebbe impossibile. Il fatto che gli Stati Uniti cerchino di minare la Russia politicamente, economicamente e in molti modi militarmente, istigando le recenti piazzate nelle strade della Russia, finanziate da USA-UE, significa che è probabile non sia una coincidenza che ora venga impiegata la violenza nel territorio russo.
I politici degli Stati Uniti documentano le proprie macchinazioni, come nel rapporto 2009 della Brookings Institution ‘Quale percorso per la Persia?: Opzioni per una nuova strategia americana verso l’Iran’ (PDF), la componente terroristica viene prescritta come assolutamente essenziale per il successo di qualsiasi movimento di piazza che Washington riuscisse a suscitare contro gli Stati presi di mira. Il documento della Brookings Institution dichiara in modo inequivocabile riguardo al rovesciamento del governo iraniano, che: “Di conseguenza, se gli Stati Uniti riuscissero mai a scatenare una rivolta contro il regime dei mullah, Washington dovrebbe considerare l’invio di qualche forma di sostegno militare per evitare che Teheran la spezzi. Tale requisito significa che una rivoluzione popolare in Iran non sembra adatta al modello delle “rivoluzioni di velluto” verificatesi altrove. Il punto è che il regime iraniano non sarebbe disposto ad ammorbidirsi in una notte; invece, a differenza di tanti regimi dell’Europa orientale, sceglierebbe di combattere fino alla morte. In tali circostanze, se non v’è l’assistenza militare estera ai rivoluzionari, potrebbero non solo fallire, ma essere massacrati. Di conseguenza, se gli Stati Uniti perseguono tale politica, Washington deve considerare tale eventualità. Aggiungendo alcuni requisiti molto importanti: o la politica comprende come indebolire l’esercito iraniano o la volontà dei leader del regime d’inviare i militari, o gli Stati Uniti devono essere pronti ad intervenire per sconfiggerlo“. Il documento politico cospirerebbe apertamente nel finanziare ed armare note organizzazioni terroristiche come i famigerati Mujahedin-e Khalq (MEK). Il documento afferma: “Gli Stati Uniti potrebbero collaborare con gruppi come il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI) in Iraq e la sua ala militare, i Mujahedin-e Khalq (MEK), aiutando le migliaia di membri che, sotto il regime di Sadam Husayin, erano armati e conducevano guerriglia e terrorismo contro il regime dei mullah. Anche se il CNRI è presumibilmente disarmato, oggi, potrebbe rapidamente cambiare”. Inoltre ammetteva: “Nonostante le affermazioni dei difensori, il MEK rimane nell’elenco del governo degli Stati Uniti delle organizzazioni terroristiche straniere. Nel 1970, il gruppo uccise tre ufficiali statunitensi e tre appaltatori civili in Iran. Durante la crisi degli ostaggi del 1979-1980, il gruppo elogiò la decisione di prendere gli ostaggi statunitensi ed Elaine Sciolino riferì che se i leader dei gruppi condannarono pubblicamente gli attacchi dell’11 settembre, nel gruppo le celebrazioni furono diffuse. Innegabilmente, il gruppo ha compiuto attacchi terroristici, spesso giustificati dai sostenitori del MEK perché diretti contro il governo iraniano. Ad esempio, nel 1981, il gruppo bombardò il quartier generale del Partito della Repubblica Islamica, l’allora principale organizzazione politica della leadership clericale, uccidendo circa 70 alti funzionari. Di recente, il gruppo rivendicò oltre una dozzina di colpi di mortaio, omicidi e altri attacchi ad obiettivi civili e militari iraniani, tra il 1998 e il 2001. Per lavorare a stretto contatto con il gruppo (almeno in modo palese), Washington dovrebbe rimuoverlo dalla lista delle organizzazioni terroristiche straniere”.
Se i politici statunitensi hanno apertamente cospirato per armare e finanziare organizzazioni terroristiche note e colpevoli dell’omicidio non solo di civili in nazioni come l’Iran, ma anche di cittadini degli Stati Uniti, perché esiterebbero nel fare altrettanto in Russia? Mentre gli Stati Uniti si spacciano come impegnati nella lotta al cosiddetto “Stato islamico” in Siria, ne hanno lasciato i noti Stati sponsor indenni politicamente e finanziariamente. Se il bombardamento di San Pietroburgo è collegato al terrorismo sponsorizzato da Stati Uniti, Europa e Golfo Persico, sarà solo l’ultimo della lunga e sanguinosa tradizione dell’uso del terrorismo come strumento geopolitico. Gli Stati Uniti, dopo essere stati frustrati in Siria e non avendo più una leva al tavolo dei negoziati, probabilmente cercano di “mostrare” a Mosca che possono ancora creare il caos in Russia e tra i suoi alleati, indipendentemente da quanto i russi si siano temprati a tali tattiche in passato.Tony Cartalucci, ricercatore e scrittore geopolitico di Bangkok.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

2 Responses to Se i terroristi puntano la Russia, chi c’è dietro?

  1. dadim says:

    Ciao Alessandro, hai visto l’invito del disgustoso Voerzio al Parlamento Italiano? Sarebbe interessante rispolverare ed aggiornare il relativo articolo sui nazipiddini, visto che sono stati loro ad invitarlo a parlare. Saluti. D.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...