La farsa mediatica sulla Corea democratica

Le truppe russe che si schierano al confine della Corea democratica sono reali quanto la bacchetta magica di Harry Potter. La “crisi” nordcoreana è una bufala
Russia Insider, 22/4/2017

Continuiamo ad avvertirvi ma non ascoltate mai, vero? “L’escalation” con la Corea democratica non esiste. È una distrazione. Gli stessi media che dicevano che una potente armata statunitense era ancorata al largo della Penisola coreana, affermano che la Russia ammassa truppe al confine della Corea democratica e caccia cinesi sono in allerta compiendo “manovre inusuali”. Panzane spettacolari ed esilaranti. La “crisi” della Corea democratica è talmente falsa da rimbambire. Cominceremo con l’affermazione che i russi preparano qualcosa di grande al confine con la Corea democratica. Citando video sgranati, twitter, tabloid ed altri prestigiosi media, si sostiene che le truppe russe si preparano agli sconvolgimenti nella Corea democratica. Un esempio:
Bene. In realtà, Interfax citava Aleksandr Gordeev, portavoce del Distretto Militare dell’Estremo Oriente, che affermava che il movimento di armi pesanti, descritto dai social media, faceva parte di “esercitazioni assolutamente programmate”. Gordeev aveva detto che il materiale militare rientrava dalle esercitazioni e negava ogni connessione con le tensioni sul programma nucleare della Corea democratica. Secondo l’Associated Press, il Vicepresidente del comitato di difesa del Consiglio Federale Frants Klintsevich aveva detto a RIA Novosti che il movimento era programmato e respinse le notizie che suggerivano che la Russia si preparava a un possibile attacco statunitense sulla Corea democratica. Proprio come sull’invasione dell’Ucraina, se la Russia inviasse l’esercito al confine con la Corea democratica, fidatevi, lo sapreste.
I bombardieri cinesi in allerta che compiono “manovre insolite”? Probabile allo 0%. Il solito sospetto, un anonimo ufficiale statunitense, aveva detto ai media che la Cina ha temporaneamente messo i bombardieri lanciamissili in “stato di allerta”.Poco dopo, Donald Trump annunciava che la Cina si preparava a qualcosa di grande e che “aveva fatto alcune mosse assai insolite nelle ultime due-tre ore“. Sono passate più di tre ore da quando l’ha detto e fidatevi, non c’è alcuna guerra con la Corea democratica. Come ha riferito un corrispondente dell’ABC: “Perché ha parlato di tali nuove mosse nelle ultime due o tre ore? L’abbiamo chiesto allo staff della Casa Bianca, al Pentagono, al dipartimento di Stato. Nessuno ha potuto dircelo”. Sono forse stronzate? Permetteteci di segnalarvi questo, però:Ecco uno scambio interessante da un briefing per la stampa del Ministero degli Esteri cinese:
D: Ieri, il presidente Trump ha elogiato la Cina per le mosse insolite sulla questione nucleare nella penisola. Potreste dirci quali sono? I funzionari del ministero della Difesa degli Stati Uniti hanno dichiarato che numerosi bombardieri cinesi avevano compiuto manovre insolite. Sapete cosa significa?
R: Risponderò per primo alla seconda domanda. Non ne ho sentito parlare, e v’invito a chiedere al Ministero della Difesa. Sulla prima domanda, i presidenti cinese e statunitense hanno avuto una discussione approfondita sulla questione nucleare nella penisola coreana, durante la riunione a Mar-a-Lago in Florida. Vi abbiamo anche informato sulla situazione pertinente. Vorrei ancora ribadire che sulla questione nucleare nella penisola la Cina è impegnata nella denuclearizzazione, preservando pace e stabilità della penisola e risolvendo correttamente la questione con il dialogo e la consultazione. La comunità internazionale riconosce gli sforzi per la pace che la Cina ha compiuto dall’inizio della questione per una buona sistemazione. Abbiamo scoperto che dopo una comunicazione approfondita tra le parti a vari livelli, anche ai vertici, gli Stati Uniti hanno ora una comprensione più completa e accurata delle politiche e posizioni della Cina, nonché una migliore comprensione degli sforzi compiuti dalla Cina. A proposito, il Ministero della Difesa cinese ha negato qualsiasi “manovra insolita”.
Ci permettiamo di ripetere ciò che Pechino ha detto 10000 volte: non esiste un'”opzione militare” nel “trattare” con la Corea democratica. Ci ripetiamo come un registratore. Un pensiero finale su tale farsa. Alcuni giorni prima i media spacciarono la storia delle navi russe e cinesi che seguivano la potente armata statunitense in viaggio verso la Corea. Possiamo ora dire con nettezza che tale storia non è per nulla vera, considerando che la flotta statunitense è solo a 6500 km di distanza. Tale storia, di aria fritta, fu spacciata per prima dal Japan Times per poi diffondersi come un incendio. Finitela di ascoltare i media occidentali sulle disposizioni militari russa e cinese. Sono merda.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

One Response to La farsa mediatica sulla Corea democratica

  1. Quando “l’occidente” parla, pensa all’incontrario che non sbagli MAI.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...