UEE: nuovo passo verso l’integrazione eurasiatica

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook” 06/05/2017L’Unione economica eurasiatica (UEE) è una delle alleanze economiche più giovani e promettenti del mondo. In un periodo relativamente breve, l’unione ha raggiunto un notevole successo divenendo un partner attraente per molti Stati vicini. L’UEE si concentra principalmente sul consolidamento della cooperazione economica dei Paesi orientali, e su questa base è già stata creata un’area di libero scambio (FTA) con il Vietnam e, entro la fine del 2017, dovrà essere firmato un accordo FTA con Singapore. Sono in corso negoziati con Iran, Thailandia, India e altri Stati. Nonostante l’obiettivo principale dell’UEE sia l’integrazione economica dei Paesi eurasiatici, l’influenza dell’associazione si diffonde sulla regione. Ad esempio, l’Egitto, uno degli Stati più sviluppati dell’Africa, mostra grande interesse a una cooperazione con l’UEE, che comprende cinque Paesi (Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Russia e Kirghizistan), ricchi di risorse naturali e con una popolazione totale di circa 184 milioni di persone. Nei primi mesi operativi dell’UEE, nel 2015, la cooperazione economica tra i suoi membri è cresciuta in modo esponenziale, attirando l’interesse di altri Paesi. Nel maggio 2015 la Repubblica araba d’Egitto, importante partner dei Paesi dell’UEE, presentava domanda ufficiale per la creazione di un accordo di libero scambio con l’UEE. Il 26 dicembre 2016, il Consiglio Economico Supremo Eurasiatico (SEAEC) riunendosi decise “l’avvio dei negoziati con la Repubblica araba d’Egitto per concludere l’accordo su uno spazio di libero scambio“. Secondo il documento, tutti gli Stati membri dell’UEE dovrebbero avviare negoziati con l’Egitto, con l’agevolazione della Commissione economica eurasiatica (CEE). Nel marzo 2017, una delegazione del Consiglio della Federazione Russa guidata dalla presidentessa Valentina Matvienko visitò l’Egitto. A Cairo, la signora Matvienko venne accolta dal Presidente egiziano Abdulfatah al-Sisi con cui discusse i dettagli dell’accordo UEE-Egitto, quindi affrontando la stampa, la Presidentessa del Consiglio della Federazione Russa affermò di affidarsi alla rapida istituzione dell’accordo, che porterebbe all’espansione della cooperazione economica e commerciale tra Egitto, Russia e i Paesi dell’UEE.
Un altro Stato vicino alla creazione di un accordo di libero scambio con l’UEE è la Repubblica Islamica dell’Iran, dai numerosi legami nei progetti economici congiunti con Russia e Armenia. Nel febbraio 2017, il Primo Viceprimo ministro russo Igor Shuvalov visitò la capitale iraniana. Uno degli argomenti principali nei colloqui con il Ministro dell’Industria, Miniere e Commercio Mohammad Reza Nematzade ed altri importanti esponenti del governo iraniano fu l’istituzione di un FTA. Nel marzo 2017, il Presidente iraniano Hassan Rouhani visitò la Russia. Durante l’incontro con il Presidente Vladimir Putin ricordò che nel 2016 il fatturato commerciale russo-iraniano era cresciuto del 70%. Con tale commercio intenso, la creazione di un FTA sarà probabilmente estremamente vantaggiosa per entrambe le parti. Il leader iraniano osservò anche che la cooperazione economica russo-iraniana aveva raggiunto nuovi vertici e che un accordo di libero scambio con l’UEE permetterà all’Iran di espandere il commercio con i Paesi dell’Unione e creare nuove condizioni regionali. Tuttavia, l’ora esatta dell’istituzione del FTA tra UEE e Iran va ancora annunciata. Nell’aprile 2017, il Consiglio Economico Supremo Eurasiatico si riunì e Shuvalov osservò che l’accordo non era ancora stato ultimato e che sarebbero necessari ulteriori lavori per la conclusione e la firma. Tuttavia, è improbabile che il progetto FTA UEE-Iran affronti seri ostacoli. Va ricordato che oltre al commercio intenso, l’Iran collabora con la Russia (che svolge un ruolo chiave nell’UEE) sull’energia nucleare. Alcun altro Paese ha dato tanto assistenza al programma nucleare iraniano come la Federazione Russa. Attualmente gli specialisti russi continuano la costruzione della centrale nucleare di Bushehr. Inoltre Russia e Iran cooperano anche nell’industria petrolifera, spina dorsale dell’economia iraniana. Infine, Iran e Federazione Russa collaborano anche in ambito politico. Ecco, è importante ricordare il ruolo della Russia nell’abolizione delle sanzioni imposte all’Iran per il suo programma nucleare. In questa prospettiva, la creazione di un FTA tra UEE ed Iran sarà probabilmente realizzata nel prossimo futuro.
Le zone di libero scambio tra UEE ed Egitto e Iran porteranno indubbiamente all’aumento degli scambi tra tutti i Paesi protagonisti. Secondo le previsioni degli esperti, le esportazioni di carbone, metalli ferrosi, automobili, prodotti alimentari e tabacco dai Paesi UEE all’Egitto dovrebbero aumentare notevolmente. Con l’Iran non solo aumenterebbe il fatturato commerciale, ma anche la cooperazione nella produzione petrolifera. Tuttavia, la creazione di un FTA con questi Paesi può avere un risultato diverso, molto più significativo, influendo sull’economia dell’Eurasia. Dopo tutto, l’Egitto è lo sbocco sul Mar Mediterraneo attraverso cui, fin dai tempi antichi, avveniva il commercio marittimo tra Europa e Africa, e verso cui arrivavano le vie terrestri dall’Asia. Il territorio egiziano è importante anche per la presenza del famoso Canale di Suez che collega Mar Mediterraneo con Mar Arabico e Oceano Indiano. Il canale di Suez è una delle vie più importanti del pianeta, attraverso cui praticamente passa tutto il traffico marittimo tra Europa e Asia. L’Iran ha anche accesso diretto al Mar Arabico.
Come già detto in precedenza, un FTA tra UEE e Singapore dovrebbe essere stabilito nel 2017. Singapore è vicino allo stretto di Malacca, altro porto attraverso cui avviene il traffico tra Sud-Est asiatico e resto del continente eurasiatico. Quasi tutti i collegamenti marittimi tra est ed ovest dell’Eurasia attraversano le due strettoie dello Stretto di Malacca e del Canale di Suez, e l’UEE ha accesso a entrambi attraverso Singapore ed Egitto. Inoltre, l’UEE sarà al centro di questa rotta con l’Iran. A questo punto, va ricordato che dopo l’accordo dell’UEE con l’Iran è possibile aggiornare e completare il corridoio ferroviario internazionale “Nord-Sud” che collega Golfo Persico e UE attraverso Azerbaigian e Russia, ed utilizzarlo ampiamente. Così, creando un accordo di libero scambio con i Paesi elencati, l’UEE avrà accesso ad una delle più importanti rotte marittime del pianeta, con diversi importanti punti di collegamento ferroviari. Va anche aggiunto che questa rotta marittima tra Europa e Asia è la base del programma infrastrutturale cinese del 21.mo secolo della Via della Seta. L’integrazione con la “Nuova Via della Seta” della Cina è un passo importante sulla via dell’integrazione economica eurasiatica ed è uno dei compiti più importanti dell’UEE, che appare avvicinarsi all’attuazione.Dmitrij Bokarev, esperto politologo, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

2 Responses to UEE: nuovo passo verso l’integrazione eurasiatica

  1. Pingback: Cosa è la UEE – Ambiente futuro

  2. Pingback: UEE: nuovo passo verso l’integrazione eurasiatica - Guard for AngelsGuard for Angels

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...