Verso la dissoluzione del globalismo atlantista

Alessandro Lattanzio, 1/6/2017Il blocco atlantista-globalista si disintegra sprofondando nel caos. Da un lato la cancelliera tedesca Angela Merkel, a capo delle residue forze atlantiste-globaliste (vecchio sogno dei circoli rhodesiani, imperialisti e socialcolonialisti anglofoni), in rotta con Trump e la Brexit, veniva aspramente rimproverata dalla stessa bibbia del globalismo, il Financial Times, “E’ facile dare la colpa al presidente Trump per questo stato di cose. Ma anche la Merkel si è comportata in modo irresponsabile con una dichiarazione che rischia di allargare la pericolosa spaccatura nell’alleanza atlantica con una frattura permanente… Se il governo della Merkel persegue i negoziati sulla Brexit con l’attuale spirito conflittuale, chiedendo al Regno Unito di sborsare cifre enormi, anche prima di discutere di un accordo commerciale, rischia di creare una profezia che si autoavvera e un antagonismo duraturo con Gran Bretagna e Stati Uniti...” Non va escluso che l’accanimento di Berlino verso Londra sia il riflesso di una rivalsa che cova in Germania fin dalla conferenza di pace di Versailles del 1919, quando Francia e Regno Unito imposero alla Germania di pagare una cifra spropositata per risarcire le potenze rivali per le perdite subite durante la Prima Guerra Mondiale (la cui responsabilità, tra l’altro, veniva interamente imputata a Berlino). Dall’altra parte si assiste al consolidamento di una rinata “anglosfera”, il globalismo incentrato sulla vecchia partnership speciale tra Washington e Londra e priva della palla al piede dell’utopia burocratica dell'”europeismo” bancariocratico e pure massone. E’ in tale scontro emergente tra le due fazioni imperialiste atlantiste che andrebbe inquadrato l’incontro tra il presidente francese Macron e il Presidente Putin (e si noti bene, a Versailles), celebrata dalla stessa macchina mediatica che getta fango sulla Russia, mentre la macchina mediatica tedesca minaccia Londra e Washington proponendo, tramite l’editorialista dello Spiegel Henrik Müller, un appello al partenariato strategico UE-Cina contro Trump scrivendo, “che gli Stati Uniti non sono più un partner affidabile… Le altre due grandi economie, Stati Uniti e Cina, cercano nuovi partner per risolvere i problemi internazionali. Le aree più significative per un’intensa cooperazione europea-cinese sono politica globale, commercio e cambiamento del clima. Gli Stati Uniti, da potenza guida dell’occidente, sostenevano le istituzioni economiche globali del dopoguerra come Fondo Monetario Internazionale Banca Mondiale, Organizzazione mondiale del commercio. Ora è necessario per Europa e Cina colmare congiuntamente il vuoto normativo generale“.
La stampa francese celebrava Macron e il suo vertice con il Presidente Putin al mero scopo di sollevare l’immagine di un presidente francese insignificante, in vista del vuoto nell’Unione Europea che si apre e che rischia di essere colmato solo da Berlino, aumentando le possibilità di frattura non solo verso l’anglosfera, ma anche verso l’Europa Balcanica-Danubiana e del Gruppo di Vishegrad, poco disposta a farsi schiacciare, come nel caso della Grecia, solo per compiacere istituzioni e politiche tedesche camuffate da “europee”. Quindi, l’arroganza verso il Presidente Putin mostrata dall’edipico Macron è volta anche a far calzare zeppe più alte al piccolo ‘Bobobankster‘ francese fabbricato dai mass media bancariocratici e dai circoli tardoimperialistici e massonici di Parigi. Tali zeppe dovrebbero permettere a Parigi di affrontare nell’arena europeista la cancelliera tedesca, il cui Paese ha ora mano libera nel dirigere la barca della cosiddetta “integrazione europea”. “Macron ha chiaramente sfidato Putin: o seguite le nostre regole, perché abbiamo le redini dopo la sconfitta della Clinton, o non vi riconosceremo dei nostri”. Anche se poi le “redini” in realtà le tiene Berlino. Ma nell’incontro di Versailles, Macron era costretto comunque, nonostante la spacconeria da bimbominkia, a riconoscere che in Siria, “l’obiettivo finale è la lotta al terrorismo, sradicare i gruppi terroristici, in particolare lo SIIL. Ho indicato la nostra linea rossa in modo molto chiaro: l’uso di armi chimiche da parte di chiunque sarà oggetto di ritorsioni e risposte immediati“. Chiaro riconoscimento che l’attacco di Qan Shayqun era una montatura dei terroristi. Il Presidente Putin a sua volta osservava, riguardo la lotta al terrorismo, “La Francia, naturalmente, contribuisce alla lotta al terrorismo in Siria nell’ambito della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti. Non sappiamo quanto sia indipendente la Francia quando si tratta di questioni operative, perché vi sono accordi tra alleati di cui siamo consapevoli”. Sull’Ucraina parlava invece solo il Presidente Putin, indicando che per Kiev si tratta di una questione interna e che solo essa è responsabile delle violazioni dell’accordo di Minsk, senza che il Bobobankster pigolasse nulla in contrario.
Non è che nell’“anglosfera” sia tutto rose e fiori, comunque; nel Regno Unito i liberaldemocratici si sono alleati ai conservatori chiedendo in cambio, tra l’altro, un’inchiesta sui finanziamenti ai terroristi locali. Tuttavia, tale indagine viene occultata dalla prima ministra Theresa May, visto che implica l’Arabia Saudita, grosso partner politico-economico di Londra. Anche dopo l’attentato di Manchester, May cercava di nascondere i gravi risultati dell’indagine. May, come Trump, Merkel e Centiloni, inseguono i petrodollari delle monarchie wahhabite, e quindi tollerano e supportano il terrorismo salafita, la cui matrice è il wahhabismo la cui diffusione viene finanziata da Riyad e Doha. Tim Farron, attuale capo dei liberaldemocratici, affermava: “Se i conservatori cercano davvero di fermare il terrorismo sulle nostre coste, devono finirla con questo stallo e riaprire l’inchiesta sui finanziamenti esteri all’estremismo nel Regno Unito“, denunciando May di voler insabbiare l’inchiesta. “Tale approccio a breve termine deve cambiare. È fondamentale che queste idee estreme e rigide siano affrontare e chi le finanzia sia denunciato pubblicamente”. L’unità di analisi dell’estremismo dell’Home Office aveva trasmesso a Downing Street le indagini sui finanziamenti esteri ai gruppi estremisti nel Regno Unito, ma il portavoce per gli affari esteri dei liberalemocratici Tom Brake dichiarava: “Come segretario degli interni al momento, il suo dipartimento era uno dei relatori del rapporto. Diciotto mesi dopo, e dopo due terribili attentati ai cittadini inglesi, tale rapporto rimane ancora incompleto e inedito“. Ciò perché le tracce del finanziamento al terrorismo portano all’Arabia Saudita. Questioni simili riguardano l’Europa, come ad esempio in Germania, Francia e Italia.
La sconfitta inflitta dall’Asse della Resistenza alle forze islamo-atlantiste (Gladio-B), si ripercuote nei Paesi finanziatori del terrorismo islamo-atlantista, La TV saudita al-Arabiya criticava il Qatar per i suoi rapporti con Azmy Bishara, membro della Knesset israeliana e consigliere della famiglia regnante qatariota degli al-Thani. Un fatto noto da anni, ma sempre nascosto dai media wahhabiti come al-Jazeera e gli altri media della sovversione islamista della “primavera araba”. Al-Arabiya accusava anche Arabi al-Jadid, quotidiano e TV qatarioti con sede a Londra, e Huffington Post, di avere rapporti con la Fratellanza mussulmana e di supportare il terrorismo islamista, sebbene anche al-Arabiya stessa supporti il salafsmo in Siria, Iraq e Yemen. Ciò riflette la frattura nel Consiglio di cooperazione dei Paesi del Golfo, acceleratasi dopo la visita del presidente degli Stati Uniti Trump a Riyadh, dove il Qatar usciva ancor più emarginato. E nel mentre gli USA devono abbandonare Siria e Iraq anche per l’aggravarsi della situazione in Afghanistan. Il segretario alla Difesa degli USA James Mattis volava in Afghanistan, preda di una serie di gravi sconfitte, non ultimo l’attentato presso l’ambasciata tedesca di Kabul che causava 80 morti il 31 maggio. In precedenza oltre 200 soldati del 209.esimo Reggimento dell’esercito afghano erano stati uccisi nella provincia di Balkh, la peggiore sconfitta delle forze di sicurezza afghane dal 2001. Il presidente afghano Ashraf Ghani aveva fatto dimettere il ministro della Difesa Abdullah Habibi e il Capo di Stato Maggiore Qadam Shah Shahim. Nella riunione congiunta a Kabul con il generale John Nicholson, comandante delle forze statunitensi in Afghanistan, Mattis dichiarava di essere “sotto l’illusione” delle varie minacce che rendono fragile la sicurezza del Paese. In precedenza anche il consigliere della sicurezza nazionale di Trump, McMaster, aveva visitato Kabul, nel primo viaggio del genere dal 2009. I generali Nicholson e Joseph J. Votel, a capo del CentCom, chiedevano l’invio di altre forze statunitensi e della NATO in Afghanistan, per rafforzare le 8500 truppe statunitensi presenti. Ciò dovrebbe mettere a tacere per sempre gli isterismi continui sulle inesistenti “incursioni” di forze anglo-statunitensi-norvegesi in Siria. Si tratta di incursioni di poche decine di elementi delle forze speciali occidentali, che di certo non possono invadere mezza Siria come vaneggiano finti media pro-siriani o pro-russi, come i siti statunitensi al-Masdar e South Front, così generosi nel riportare la propaganda dei curdi filo-statunitensi e delle organizzazioni terroristiche. Inoltre, il generale Nicholson accusava la Russia di rifornire i taliban, ma al solo scopo di nascondere l’inefficienza delle forze statunitensi.Ad illustrazione del sempre più grande divario tra egemonia statunitense in disgregazione e multipolarità in ascesa, se nella Kabul occupata dalla NATO morivano decine di persone in un attentato, in Kenya veniva inaugura la rete ferroviaria Standard Gauge Railway (SGR) costruita dalla Cina. La SGR, lunga 480 km, dal porto di Mombasa alla capitale del Kenya Nairobi, è costata un investimento di 3,8 miliardi di dollari e costituisce il maggiore progetto infrastrutturale del Kenya, essendo cruciale per la modernizzazione della nazione africana. Il progetto SGR ha creato più di 46000 posti di lavoro ed ha permesso di qualificarne altri 45000, acquisendo le competenze tecniche necessarie per mantenere la linea. Il progetto SGR dovrebbe apportare l’1,5% di crescita del PIL del Kenya, secondo il suo governo.

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta con diplomatici e manager cinesi sul superponte sul Tsavo, Kenya, 26 maggio 2015

Fonti:
Algerie Patriotique
Chroniques du Grand Jeu
Dedefensa
Covert Geopolitics
Modern Tokyo Times
Russie Politics
The Duran
Washington Times

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...