Il partito fascista russo

OrientalistI termini “Harbin russa” e “russi di Harbin” si riferiscono a diverse generazioni di russi che vissero ad Harbin, fulcro della principale ferrovia orientale cinese (KVZhD) dal 1898 al 1960. I primi russi di Harbin erano per lo più operai e impiegati della KVZhD che si trasferirono a Harbin per lavorare nella ferrovia. Harbin (Sungari, la prima stazione) in realtà fu costruita dai primi coloni, che si portarono mobili ed effetti personali dalla Russia. Dopo la guerra russo-giapponese molti lasciarono la Manciuria, ma chi viveva ad Harbin da tempo decise di restare. Nel 1913 Harbin era in realtà una colonia russa addetta a costruzione e riparazione della KVZhD. La popolazione era di 68549 persone, in gran parte russi e cinesi. Il censimento registrava la presenza di cittadini di 53 Paesi. Oltre a russo e cinese si parlavano altre 45 lingue. Solo l’11,5% dei residenti era nato ad Harbin. In conseguenza della rivoluzione e della guerra civile, circa 100-200000 emigrati si stabilirono ad Harbin. Erano soldati e ufficiali del movimento bianco, quadri e dipendenti dei governi della Siberia e dell’Estremo Oriente, intellettuali e gente comune. La popolazione russa di Harbin era la più grande al di fuori della Russia. L’8 settembre 1920 la Repubblica di Cina annunciò che non riconosceva più le legazioni russe in Cina, e il 23 settembre ruppe le relazioni con l’impero russo rifiutandosi di riconoscere i diritti extraterritoriali dei suoi cittadini. Così all’improvviso i cittadini russi in Cina divennero apolidi. Dopo di che, il governo cinese occupò le istituzioni di Harbin come tribunali, polizia, carcere, ufficio postale ed istituzioni scolastiche e di ricerca. Nel 1924 Pechino firmò l’accordo tra Cina e Unione Sovietica che decise lo status giuridico della KVZhD. In particolare, fu permesso di lavorarvi ai soli cittadini sovietici e cinesi. Così, la maggior parte dei russi di Harbin, per non perdere il lavoro, accettò la cittadinanza sovietica associata ad una precisa identità politica. Molti russi di Harbin lo fecero anche per motivi patriottici. Altri rimasero apolidi e senza lavoro. A poco a poco, la questione della cittadinanza ed identità politica divise la popolazione russa di Harbin, portando a una forte presenza sovietica. Nel 1924-1962 Harbin ospitò il Consolato Generale dell’URSS. Nel periodo del Manchukuo, il Console Generale dell’Unione Sovietica fino al 1937 fu Mikhail Slavutskij.
Negli anni ’30, il Giappone occupò la Manciuria e impose lo Stato fantoccio del Manchukuo. Nel 1935 l’Unione Sovietica vendette la sua quota della KVZhD a tale Stato. Nella primavera-estate del 1935 migliaia di russi di Harbin, cittadini sovietici. rientrarono con le loro proprietà nell’URSS. Buona parte fu arrestata immediatamente o successivamente con l’accusa di spionaggio e attività controrivoluzionarie, in particolare, secondo l’ordine 00593 del NKVD del 20 settembre 1937. Molti russi di Harbin inizialmente reagirono positivamente all’occupazione giapponese, nella speranza che il Giappone li aiutasse nella lotta all’influenza sovietica in Cina, che cercava di ripristinare la sovranità su Harbin. Tuttavia, molti di loro lasciarono Harbin per altre città cinesi, come Shanghai, Pechino, Tianjin e Qingdao. Nel 1945, dopo che l’Esercito sovietico entrò ad Harbin, tutti coloro identificati come membri del movimento bianco e collaborazionisti delle truppe di occupazione giapponesi, finirono nei Gulag.
Negli anni ’20 e ’30 la “peste fascista” non risparmiò i russi, in particolare gli emigranti. I fascisti nella comunità russa rimasero al potere dai primi anni ’20 al 1943; tempi d’oro in cui vi erano più di 30000 membri, e le unità militari, che ne contavano circa 5000, causarono gravi difficoltà alle unità dell’Armata Rossa che coprivano il confine dell’Estremo Oriente dell’URSS. L’uomo che guidò i fascisti russi di Harbin e si propose di lottare contro i sovietici, organizzò varie azioni, anche criminali. Fino a poco tempo fa era noto a pochissimi. Kostantin Rodzaevskij, nato a Blagoveshensk l’11 agosto 1907. La famiglia Rodzaevskij apparteneva alla piccola e fragile borghesia siberiana, completamente rovinata dalla rivoluzione. Durante la guerra civile, i bianchi e i rossi si scontrarono continuamente a Blagoveshensk, ma la famiglia del notaio riuscì a superare in silenzio i tempi difficili. Forse Rodzaevskij sarebbe cresciuto nel sistema socialista, se nel 1925 non fosse fuggito in Manciuria. Nel 1945 scrisse a Stalin che la causa della fuga fu il risentimento per il fatto che in patria non poté entrare all’università, nonostante l’appartenenza alla Lega della Gioventù Comunista. Ma due anni prima della lettera, intelligence giapponese sospettò che la fuga di Rodzaevskij fosse un’infiltrazione dell’OGPU. Comunque, le circostanze della fuga attraverso l’Amur rimangono sconosciute. Si sa solo che la madre si recò ad Harbin per convincere il figlio a tornare nel 1926, ma non ci riuscì.
Il 26 maggio 1931 ad Harbin fu aperto il primo congresso dei fascisti russi, che annunciò la creazione del Partito Fascista russo (PFR). Il suo presidente fu un ex-generale ed organizzatore di attività sovversive sul territorio dell’URSS, Vladimir Kosmin. Ma guidò il partito nominalmente. Le redini del potere erano nelle mani del comitato centrale, guidato dagli stessi giovani che stilarono il deprecato programma del PFR, scritto da Rodzaevskij ad aprile, in cui profetizzava la morte imminente del regime sovietico affermando, “i governanti del Cremlino si isolano dalla gente comune che geme con la collettivizzazione forzata. Arriverà il grande risveglio nazionale che inevitabilmente diverrà una rivoluzione nazionale anticomunista e anticapitalista“. Sottolineando la natura nazionale del fascismo, gli ideologi del PFR cercarono nella storia russa dei predecessori. Il principe moscovita Ivan Kalita fu salutato come il fondatore della tradizione fascista russa, così come del centro religioso di Mosca; l’ex-generale della gendarmeria A. Spiridovich sostenne che l’idea di Mussolini sui sindacati controllati dallo Stato fu formulata già nel 1901 del capo della polizia di Mosca Sergej Zubatov. La Russia fascista, secondo Rodzaevskij. sarebbe salita a benessere ed equità sociale inediti con benefici per i Paesi vicini (Finlandia, Lettonia, Polonia, Romania, Bulgaria, Persia, Afghanistan e Mongolia), che si sarebbe impegna a comporre per creare un grande impero eurasiatico. Il programma del PFR era completamente permeato di antisemitismo. I nazisti di Harbin chiamavano l’OGPU “nido sionista”, e Stalin, difficilmente sospettabile di giudeofilia, “concubino di capitalisti americani ed ebrei”.
Il 18 febbraio 1932, i collaborazionisti cinesi su ordine del Kwangtung in Manciuria dichiararono la secessione dal governo di Nanchino di Chang Kaishek, e dichiararono ufficialmente lo Stato indipendente del Manchukuo. Per dare una parvenza di legittimità a tale atto, i giapponesi recuperarono una reliquia politica, l’ultimo imperatore cinese Xuan-tun, noto anche come Henry Pu Yi. Tuttavia, i giapponesi avevano piani anche per i fascisti russi. La “Tokumu-kikan” o “società veicolo” del dipartimento d’intelligence dello Stato maggiore generale giapponese era utilizzata per spionaggio e sabotaggio nell’URSS. La “Kempeitai” o polizia militare, alle dipendenze del comandante dell’Armata del Kwantung, li riteneva invece una mera banda di delinquenti. Di conseguenza, alcuni “camerati”, invece di essere preda del delirio rivoluzionario nazionale, s’immischiarono in traffico di droga, prostituzione ed estorsione. Nel settembre 1936, Rodzaevskij si rivolse al maggiore Suzuki della “Tokumu-kikan” e propose la creazione di un’unità di combattimento del PFR, che i giapponesi dovevano addestrare ed equipaggiare per svolgere propaganda e sabotaggio nella Siberia orientale. Nelle aree delle operazioni dovevano creare una rete clandestina fascista. A fine ottobre, Suzuki e Rodzaevskij reclutarono decine di “camerati”, che rapidamente appresero le competenze di base nel tiro, uso di radio e lavoro clandestino. Ai primi di novembre, il distaccamento fu diviso in diversi gruppi che dovevano organizzare disordini nel territorio sovietico per l’anniversario della Rivoluzione d’Ottobre. Un gruppo attraversò l’Amur a nuoto verso Blagoveshensk, e lungo le rive del Zeya tagliò fili del telegrafo e attaccò operai sovietici. Un altro completò la missione penetrando nella regione del Bajkal, in prossimità della stazione di confine dove finiva la ferrovia Nord della Manciuria e iniziava un ramo della Transiberiana. Sei terroristi del PFR marciarono lungo i binari per 400 chilometri fino a Chita. Il 7 novembre, s’infiltrarono tra i manifestanti e improvvisamente gettarono sulla folla volantini che denunciavano i crimini di Stalin. Fu arrestato chi raccolse i volantini, ma i sabotatori riuscirono a scappare. Tuttavia, inaspettatamente l’atteggiamento su Rodzaevskij dei capi giapponesi cominciò a cambiare in peggio.
I dubbi su Rodzaevskij furono ispirati dagli eventi in Germania, dove la Gestapo arrestò Boris Tedli e alcuni altri membri del PFR quali spie sovietiche. Le autorità giapponesi temevano agenti sovietici mascherati da fascisti o nazisti. Poco più di un anno prima, il giornalista tedesco Richard Sorge fu scoperto essere un ufficiale dell’intelligence sovietica. Sfruttando una confusa documentazione d’impeccabile nazista e sofisticato europeo, Sorge per diversi anni sfruttò con successo i suoi numerosi contatti giapponesi. Nel maggio 1943, Rodzaevskij fu arrestato dalla “Kempeitai” e sottoposto a gravi interrogatori. Furono anche arrestati Nikolaj Kipkaev (ex-rappresentante del PFR a Tokyo) e Gennadij Taradanov (capo del ramo di Shanghai del PFR e autore de “L’ABC del fascismo“). Tutti poterono scagionarsi e un mese dopo furono rilasciati. Mentre le vittorie sovietiche si moltiplicavano, come le sconfitte dei giapponesi nell’Oceano Pacifico, l’Armata del Kwangtung iniziò puntualmente a rispettare il patto del 1941 sulla neutralità. Volendo a tutti i costi evitare tensioni con Mosca, l’Armata del Kwangtung nell’estate del 1943 intraprese un’azione decisiva contro le organizzazioni antisovietiche. La prima vittima della nuova politica fu il PFR, la cui fine fu improvvisa. Il 1° luglio la missione militare di Harbin me annunciò l’eliminazione degli uffici in Manchukuo, Giappone e Cina. Lo stesso giorno furono chiusi i giornali “La nostra via” e “Nazione“. Inoltre furono proibiti riunioni, uniformi, canzoni ed emblemi del PFR. Una volta che si capì che il Manchukuo sarebbe stato occupato dalle truppe sovietiche, gli emigrati cominciarono a pensare sul da farsi. I pessimisti sostennero che, avendo ottenuto un grande vittoria sulla Germania, Stalin non si sarebbe vendicato degli ex-compatrioti. Queste speranze furono sostenute dal consolato sovietico di Harbin, che in ogni occasione dichiarò che non vi erano sovietici ed emigrati, ma solo il popolo russo. L’Armata Rossa avrebbe liberato i fratelli russi dal giogo giapponese e accolto con favore il loro ritorno in patria. L’esca fu tirata, ma Rodzaevskij non seguì l’esempio dell’Ataman Semjonov e di altre figure di spicco del movimento bianco, che stoicamente aspettarono l’arrivo degli agenti di sicurezza. Fuggì dal Manchukuo il 17 agosto 1945, il giorno in cui l’Armata del Kwangtung ricevette da Tokyo l’ordine del cessate il fuoco, e i sovietici liberavano Xinjing e Mukden. Arrestato a Tianjin, scrisse due lettere, al comandante del Fronte di Trans-Bajkal Maresciallo Rodjon Malinovskij, e l’altra a Stalin. Rodzaevskij descrisse la sua svolta spirituale, riconoscendo la continuità di base della storia russa. Il suo più grande errore fu l’incomprensione che l’Unione Sovietica, infatti, si evolva in direzione fascista. “Lo Stalinismo, scrisse Rodzaevskij, è solo ciò che erroneamente chiamammo fascismo russo, il nostro fascismo russo purificato da estremismi, illusioni e delusioni”.
Le lettere a Malinovskij e Stalin arrivarono all’ambasciata sovietica di Pechino, nelle mani dell’addetto Ivan Timofeevich Patrikeev, che immediatamente invitò il “duce” per un incontro personale. A Patrikeev Rodzaevskij fece una buona impressione. Assicurò che l’ex-“duce” era necessario alla patria. La Russia si trovava ad affrontare nuove e ancora più gravi prove. Gli ex-alleati, inglesi e statunitensi, vogliono approfittare delle perdite umane e della devastazione economica covando piani imperialisti. Rodzaevskij aveva informazioni utili al popolo, agendo da giornalista-agitatore. Su dove inviarlo, Patrikeev fu evasivo: Khabarovsk o Vladivostok “per rivedere il contratto con i giornali sovietici“. Per ambientarsi, sarebbe stato inviato in qualche giornale o alla radio della regione del Paese che desiderasse. Tuttavia, una volta decollato da Changchun, invece di atterrare a Vladivostok, arrivò a Chita, e da lì Rodzaevskij finì a Mosca, dove fu incarcerato assieme al suo nemico implacabile l’Ataman Semjonov, che fu catturato da un distaccamento di paracadutisti dello Smersh il 19 agosto, nella casa di Dairen. Si dice che prima dell’arresto, l’NKVD preparò pasti sontuosi dove brindò alla vittoria russa sulla Germania, dicendo che se aveva malgiudicato Stalin, non si considerava colpevole. Il 26 agosto 1946, il Colonnello-Generale del Collegio militare di giustizia Vasilij Ulrich aprì la sessione della Corte Suprema dell’URSS. Semjonov, protagonista del processo, testimoniò per primo e non nascose il fatto che con il comando dell’Armata del Kwantung voleva occupare la parte asiatica della Russia sovietica. Tuttavia, alla fine del discorso, con l’Ataman, ancora una volta espresse gioia per la vittoria sovietica sulla Germania. Semjonov, “in quanto peggior nemico del popolo sovietico” fu condannato a morte per impiccagione, Rodzaevskij alla fucilazione.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...