Le 10 vittorie del Presidente Maduro

Ignacio Ramonet, Gennaio 2017, Direttore dell’edizione spagnola di Le Monde Diplomatique – Histoire et SocietéNel 2016, per le autorità di Caracas la situazione era molto complicata. Per tre ragioni principali: 1) L’opposizione neoliberale aveva vinto le elezioni parlamentari nel dicembre 2015 e controllava l’Assemblea Nazionale. 2) Il prezzo del petrolio, principale risorsa del Venezuela, era sceso al minimo per un lungo periodo. 3) Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama aveva firmato un decreto in cui il Venezuela veniva presentato come “minaccia non convenzionale e straordinaria per la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti” (1). In altre parole, la rivoluzione bolivariana sembrava essere sulla difensiva su tre settori chiave: politica, economia e geopolitica, mentre la controrivoluzione, sia interna che estera, aveva finalmente il potere in Venezuela. Tutto ciò in un contesto di guerra mediatica contro Caracas, iniziata con l’avvento al potere di Hugo Chavez nel 1999, intensificatasi dall’aprile 2013, raggiungendo nuovi livelli di violenza dall’elezione di Maduro. L’atmosfera aggressiva dei media si traduce in disinformazione insidiosa sul Venezuela facendo vacillate molti amici della rivoluzione bolivariana. In questa epoca di “post-verità”, mentire, frodare e ingannare spudoratamente non viene sanzionato da eventuali conseguenze negative per credibilità ed immagine. Tutto serve in questa “epoca di relativismo post-fattuale”. Anche i fatti e i dati più oggettivi non sono considerati. Non si accetta l’argomento, evidente nel caso del Venezuela, della cospirazione. Il nuovo discorso dei media dominanti denuncia in anticipo e ridicolizza il “presunto complottismo” includendo una ‘narrazione banale’ che non può che essere respinta con disprezzo. Nel 2016, tutto sembrava così difficile per il presidente del Venezuela. Al punto che l’avversario, il duro neoliberista Henry Ramos Allup, ebbro per la maggioranza parlamentare, poté dire al primo discorso nel gennaio 2016 da Presidente dell’Assemblea Nazionale, che avrebbe abbattuto Maduro “in non più di sei mesi”. Ispirato forse dal golpe istituzionale contro Dilma Roussef in Brasile, scommise sulla vittoria al referendum per le dimissioni del presidente. Le cose erano così quando il Presidente Maduro sorprese tutti con una serie magistrale di mosse scacchistiche che nessuno previde, perfettamente legali per la Costituzione. Rinnovò, in quanto consentitogli, i membri del Tribunale Supremo della Giustizia (TSJ), l’ente massimo della magistratura, dove la “Sala Costituzionale” ha l’ultima parola sull’interpretazione della Costituzione.
Accecata dalla superbia, l’opposizione commise due gravi errori: decise d’ignorare gli avvertimenti del TSJ, accettando tre deputati dello Stato di Amazonia la cui elezione nel dicembre 2015 fu sospesa per irregolarità. Dato l’affronto, il TSJ poté dichiarare la presenza di questi tre deputati “non regolarmente eletti” privava di poteri decisionali l’assemblea. Il TSJ infatti decise che l’Assemblea disobbediva allo Stato e che quindi, “tutte le decisioni saranno considerato nulle”. A causa dei propri errori, non solo l’Assemblea Nazionale non riuscì a legiferare o a controllare il governo ma, come riconosciuto da prestigiosi specialisti in diritto costituzionale, essa si annientò sprecando forze e difatti autodissolvendosi (2). Fu la prima grande vittoria Nicolas Maduro nel 2016. Ossessionata dal desiderio di rovesciare il presidente, l’opposizione decise anche d’ignorare le legge (sezione 72 della Costituzione), in questo caso, i passi dettati dal regolamento, quando volle lanciare nel 2016 il referendum per la rimozione del presidente (3). Un altro fallimento clamoroso, e un’altra vittoria di Nicolas Maduro. Anche così, nel marzo-aprile 2016 tutto era enormemente complicato. Alle manovre delle forze ostili alla rivoluzione bolivariana si aggiunse una siccità eccezionale, la seconda peggiore dal 1950, accompagnata da temperature estreme a causa di El Niño. In Venezuela, il 70% dell’energia elettrica è fornita dalle dighe, la centrale idroelettrica principale è quella di Guri, il cui livello si abbassò per la siccità. La controrivoluzione cercò di approfittare della situazione per sabotare il potere, cercando di creare il caos energetico, disordini sociali e proteste. Il pericolo fu particolarmente grave, al problema elettrico, a causa della persistente siccità, si aggiunse la mancanza di acqua potabile. Il Presidente Maduro però ancora una volta agì rapidamente adottando misure drastiche: decise di sostituire milioni di lampadine ad incandescenza con altre dal minor consumo; ordinò di sostituire i vecchi condizionatori d’aria con quelli nuovi, che consumano di meno; decretò la mezza giornata nella pubblica amministrazione e un piano speciale per limitare il consumo elettrico ed idrico. Riuscì con questi passi audaci ad evitare una grave crisi energetica (4), ottenendo una delle vittorie più popolari del 2016.

Cambio di paradigma
Un altro problema importante, forse il più grave, che affrontò il governo, in parte a causa della guerra economica contro la rivoluzione bolivariana, era il rifornimento di cibo. Ricordate che prima del 1999 il 65% dei venezuelani viveva in povertà. Su dieci venezuelani, solo tre mangiavano regolarmente carne, pollo, caffè, latte… Negli ultimi sedici anni, il consumo di cibo è esploso, crescendo dell’80% grazie alla massiccia partecipazione sociale alla rivoluzione. Questo cambiamento strutturale si spiega da sé, perché la produzione alimentare interna, molto più importante di quanto si dice (5), risultò essere insufficiente. La domanda aumentò in maniera massiccia, la speculazione si scatenò. Di fronte a forniture strutturalmente limitate, i prezzi salirono precipitosamente, facendo letteralmente esplodere il mercato nero. Molti compravano prodotti sovvenzionati dal governo per venderli a prezzi molto più alti (il “bachaqueo”). Alcuni addirittura li “esportavano” nei Paesi vicini (Colombia, Brasile) dove li vendevano per due o tre volte il prezzo sovvenzionato, privando così di questi prodotti i più umili, e il Paese dei dollari, diventati più rari con il crollo dei prezzi del petrolio. Tale scandalo non poteva durare. Ancora una volta, il Presidente Maduro decise di agire con fermezza. Inizialmente, cosa molto importante, cambiò la filosofia dell’assistenza sociale, corresse un grave errore commesso in Venezuela da anni. Decise che lo Stato invece di sovvenzionare i prodotti, sovvenzionasse le persone, in modo che i poveri, chi ne avesse veramente bisogno, fossero gli unici ad accedere ai prodotti sovvenzionati. Per tutti gli altri, i prodotti si vendono a prezzo di mercato. Questo evitò la speculazione e il “bachaqueo” (6). Il secondo passo decisivo fu l’annuncio del presidente che tutto doveva essere fatto per cambiare il carattere economico del Paese, in modo da passare da un “modello di rendita” a uno “produttivo”. Definì allo scopo “cinque motori” (7) per rilanciare l’attività economica sia privata che pubblica dell’economia comunitaria. Queste due decisioni fondamentali si concretizzarono con i CLAP (Comitati locali di offerta e produzione), una nuova forma di organizzazione popolare. I rappresentanti delle comunità organizzate fornivano, a un prezzo regolato, pacchetti di prodotti alimentari. Molti di nuova produzione nazionale. I CLAP dovrebbero, nel 2017, rifornire circa quattro milioni di famiglie povere. Possiamo vedere qui un’altra grande vittoria del Presidente Maduro.

Investimenti sociali
Una un’altra vittoria, non meno importante, nel difficile 2016, fu il record degli investimenti sociali, che raggiunse il 71,4% del bilancio del Paese. Un record mondiale. Nessun altro Paese al mondo spende quasi tre quarti del bilancio per gli investimenti sociali. Per quanto riguarda la salute, ad esempio, il numero di ospedali aumentò di 3,5 dal 1999. Gli investimenti nel nuovo modello umano di salute pubblica aumentò di dieci volte. La Misión Barrio Adentro (“missione al cuore dei quartieri”), mira a curare i malati nelle aree urbane più umili, con quasi 800 milioni di visite e salvando la vita a un milione e mezzo di persone. Otto Stati ne furono coperti al 100% nel 2016, mentre l’obiettivo era di sei. Un’altra vittoria sociale fondamentale, non menzionata dai media, sono le pensioni. Prima della rivoluzione, solo il 19% dei pensionati riceveva una pensione, gli altri rimanevano in condizioni di povertà o a carico delle famiglie. Nel 2016, la percentuale di pensionati che riceveva la pensione, anche se non avevano versato contribuiti nel corso della vita lavorativa, raggiunse il 90%. Un record in Sud America. Un’altra vittoria nello stesso ordine, e che i grandi media evitano anche solo di citare, fu ottenuta dalla Missione Alloggio, responsabile della costruzione di alloggi sociali a prezzi regolati per le famiglie povere. Nel 2016 costruì 359000 abitazioni; in confronto, un Paese sviluppato come la Francia ha costruito nel 2015 109000 alloggi sociali. Vanno aggiunte 335000 unità riabilitate dalla Mision Barrio Nuevo Tricolor, elogiata dal famoso architetto Frank Gehry, autore tra l’altro del Museo Guggenheim di Bilbao e del Museo Louis Vuitton di Parigi. Al punto che chiese di parteciparvi. Quasi 700000 gli alloggi sociali costruiti o ristrutturati nel 2016. Un numero unico al mondo. Fin dall’inizio del mandato nel 2013, il Presidente Maduro ha consegnato case a quasi un milione e mezzo di famiglie a basso reddito. Un record mondiale ignorato da tutti i media ostili alla Rivoluzione Bolivariana. E molti dei suoi amici a volte dimenticano di menzionare.

Collegamenti internazionali
Ricordiamo, infine, alcune brillanti vittorie geopolitiche. Hanno impedito, ad esempio, all’Organizzazione degli Stati Americani (OAS), dominata da Washington, di condannare Caracas come voluto dal suo segretario generale Luis Almagro, che invocava la “Carta democratica” contro il Venezuela. O il successo del XVII vertice del Movimento dei Paesi Non Allineati (NAM) del settembre 2016 nel Centro Congressuale Hugo Chavez sull’isola Margarita, alla presenza di molti capi di Stato e di governo, rappresentanti di 120 Paesi che espressero solidarietà al Venezuela. Infine, si ricordi il ruolo importante del Presidente Maduro, con numerosi viaggi internazionali, in questo contesto, e l’inaspettato successo dell’accordo tra Paesi OPEC e non OPEC per la riduzione concertata delle esportazioni di petrolio. Accordo firmato a fine novembre 2016, frenando il calo del prezzo del petrolio, a 24 dollari a gennaio, saliti oltre i 45 nel dicembre 2015.Note
1. Si veda Ignacio Ramonet, “Il Venezuela candente“, Le Monde diplomatique en español, gennaio 2016.
2. Vedasi BBC Mundo, 24 ottobre 2016
3. “L’articolo 72 della Costituzione del Venezuela afferma che il referendum revocatorio può avvenire dopo la prima metà del mandato presidenziale. Nel caso del mandato di Maduro, iniziato il 10 gennaio 2013 e che finirà il 10 gennaio 2019, il medio termine è 10 gennaio 2016. La confusione sulla data di convocazione del referendum può avvenire a causa del fatto che Hugo Chavez morì il 5 marzo 2013, prima di essere sostituito da Maduro. Ma secondo l’articolo 231 della Costituzione, il periodo presidenziale iniziò il 10 gennaio 2013 e non il 19 aprile. Vedasi la dichiarazione di Tibisay Lucena, Presidente del Consejo Nacional Electoral (CNE) il 9 agosto 2016.
4. Con l’arrivo graduale delle piogge a fine maggio, il livello della diga di Guri risalì e il presidente decretò, il 4 luglio, la fine del razionamento della luce.
5. Dal 1999, il governo bolivariano ha investito come nessun altro nell’agricoltura, con la priorità di aumentare la produzione locale. Il Venezuela è autosufficiente in patate, peperoni, pomodori, cipolle, aglio, sedano, yuca, auyama, lattuga, cavolo, coriandolo, limone, melone, quayaba, banane e altri. L’80% del riso è di origine nazionale. L’85% del formaggio e delle salsicce. Per quanto riguarda le importazioni di pollo e manzo sono solo il 24%. Sono il 15% per carote, lenticchie e ceci.
6. Vedasi Pasqualina Curcio Curcio, “La Mano visibile del Mercato. Guerra economica in Venezuela”, Nosotros Mismos Editorial, Caracas, 2016.
7. I 15 motori sono 1. Cibo. 2 Farmaci. 3 Industria. 4 Esportazioni. 5 Comunità economica, sociale e socialista. 6 Idrocarburi. 7 Petrolchimico. 8 Prodotti minerari. 9 Turismo nazionale ed internazionale. 10 Costruzioni. 11 Prodotti forestali. 12 Industria militare. 13 Telecomunicazioni e Informatica. 14 Banche pubbliche e private. 15 Industria di base.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...