Trump continua l’azione di Bush e Obama verso la Corea

Tony Cartalucci New Eastern Outlook 13.08.2017Gli Stati Uniti hanno minacciato in modo provocatorio la Corea democratica con “fuoco e furia”. Dopo di che, The Guardian riferiva nell’articolo “Trump sulla Corea democratica: forse “fuoco e furia” non sono una minaccia abbastanza dura“, di ulteriori minacce: “Donald Trump ha rilasciato un altro avvertimento provocatorio alla Corea democratica, suggerendo che la sua minaccia di scatenare “fuoco e furia” sul Paese non fosse “abbastanza dura”. Il presidente statunitense ha detto ai giornalisti che la Corea democratica “farebbe meglio a collaborare o sarà in difficoltà come poche nazioni lo furono in questo mondo”.The Guardian non indaga su esattamente quale “difficoltà” si riferisse o sulle “poche nazioni” che gli Stati Uniti suggerivano. Tuttavia, le minacce avvenivano nel noto sbarramento di frasi, terrorismo e fabbricazioni tipiche di ogni aggressione militare degli USA nel mondo, in particolare l’Iraq dove l'”intelligence” fu fabbricata intenzionalmente per trascinare gli statunitensi e il mondo in una guerra devastante che costò oltre 1 milione di vite, trilioni di dollari e i cui effetti si sentono ancora in Iraq e in Medio Oriente.

Il conflitto con la Corea non è iniziato con Trump
The Guardian e gli altri media occidentali non inquadrano le ultime minacce degli Stati Uniti alla Corea democratica nel contesto delle relazioni tra Stati Uniti e Corea risalenti alla seconda guerra mondiale e alla guerra di Corea che, ufficialmente, si chiuse con un armistizio fragile, ma da risolvere a pieno. Il governo della Corea del Sud, come osserva l’articolo di The Week, “E’ il momento per le forze armate statunitensi di lasciare la Corea del Sud“, sfrutta appieno la presenza militare degli USA che utilizzano le proprie risorse per influenzare l’Asia anziché per la difesa dalle minacce, reali o immaginarie, del vicino del nord. Probabilmente, l’accordo è preferito dagli Stati Uniti che usano il regime cliente che occupa Seoul come agente d’influenza e della politica statunitense in Asia, come manipola e interferisce in Medio Oriente attraverso ascari come Arabia Saudita, Qatar, Israele e Turchia. Per giustificare e perpetuare la presenza degli USA non solo sulla penisola coreana, ma in tutta l’Asia, Stati Uniti e i partner della Corea del Sud hanno ripetutamente ed intenzionalmente provocato la Corea democratica, non solo con la retorica e le manovre militari, ma attraverso tentativi d’infiltrare e rovesciare il governo.

Tentativi di destabilizzazione e cambio di regime
Il dipartimento di Stato USA attraverso facciate che si spacciano da organizzazioni non governative (ONG), tentò d’inondare la Corea democratica di media intenti a minarne la stabilità politica. Secondo il programma denominato “Flashdrives for Freedom“, governo e Fondazione per i diritti umani finanziata dalle aziende assieme al Forum280, una facciata guidata da ex-membri del dipartimento di Stato USA, contrabbandarono 20000 USB in Corea democratica. Come osservato dal Guardian nell’articolo, “Flashdrives per la libertà? 20000 USB contrabbandati in Corea democratica“, non era il primo programma del genere intrapreso dal governo degli Stati Uniti attraverso diverse facciate. Mentre le mere accuse a nazioni come Russia o Cina che tenterebbero d’influenzare il quadro politico negli Stati Uniti sono state etichettate come minacce chiari e attuali alla sicurezza nazionale degli USA, essi attuano apertamente operazioni simili in tutto il mondo, anche contro la Corea democratica. Quando tali nazioni reagiscono, gli Stati Uniti parlano di aggressione non provocata, alimentando ulteriormente le sovversione dall’estero. Poiché la sovversione si espande fino alla sanzioni economiche paralizzanti, la crisi umanitaria risultante viene sempre attribuita alla nazione presa di mira, aprendo nuovi “pretesti” per l’intervento statunitense. Le attività che interessano la Corea democratica sono in corso da anni, ben prima dell’amministrazione Trump. Le aspirazioni statunitensi a sconvolgere e rovesciare l’ordine politico della Corea democratica possono essere citate in un documento del 2009 del Consiglio sulle Relazioni Estere (CFR), un think tank politico statunitense che rappresenta gli interessi di alcune delle più potenti aziende del mondo. Il documento del 2009, “Preparazione del cambiamento improvviso nella Corea democratica“, esplorava la possibilità di invadere e occupare la Corea democratica, se si potesse creare caos tra la leadership militare e civile della nazione. Arrivando a proporre il dispiegamento di 460000 soldati e un ambizioso programma socioeconomico e politico per integrare la Corea democratica al regime cliente degli Stati Uniti nella vicina Corea del Sud. Si tratta di un programma che dava una straordinaria opportunità non solo alle imprese sudcoreane, ma anche a Wall Street, che finanzia le attività del CFR. Un’occasione per trasformare la Corea democratica in un’altra economia asiatica forte, ma in cui le barriere commerciali tra imprese coreane e statunitensi sarebbero state impedite dall’occupazione militare immensa e permanente degli Stati Uniti, secondo i tentativi degli Stati Uniti dopo l’invasione ed occupazione dell’Iraq nel 2003, nell’ambito dell’autorità provvisoria della coalizione (CPA). Presso il presidente statunitense Donald Trump, la retorica non è frutto di una conclusione indipendente che egli e il suo governo hanno tratto legittimamente su minacce alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, bensì della continuazione dei vecchi obiettivi, precedenti la sua amministrazione, decisi da interessi speciali non elettivi che perseguono il cambio di regime nella Corea democratica da decenni.

Continuità dell’agenda
È chiaro che sin dalla seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno cercato di ristabilire la propria presenza e influenza in tutta l’Asia e persino di ampliarle. La guerra del Vietnam combattuta tra gli anni ’50 e ’70 non fu solo il tentativo di mantenere l’egemonia occidentale sull’Indocina, ma fu certo un tentativo per circondare e contenere la Cina. Sui cosiddetti “Pentagon Papers” pubblicati nel 1969 fu rivelato che il conflitto faceva parte di una grande strategia intesa a contenere e controllare la Cina. Tre citazioni importanti da questi documenti lo rivelano, dichiarando innanzitutto che: “…la decisione di febbraio di bombardare il Vietnam del Nord e l’approvazione a luglio dell’avvio della Fase I hanno senso solo se sostengono la politica a lungo termine degli Stati Uniti per contenere la Cina”. Sostenendo inoltre: “La Cina come la Germania nel 1917, come la Germania in occidente e il Giappone in Oriente alla fine degli anni ’30, e come l’URSS nel 1947, è una grande potenza minacciosa che riduce nostre importanza ed efficacia nel mondo e, più avanti ma più minacciosamente, di organizzare tutta l’Asia contro di noi”. Infine, delineava l’immenso teatro regionale che gli Stati Uniti ingaggiarono contro la Cina all’epoca, affermando: “…ci sono tre fronti dello sforzo a lungo termine per contenere la Cina (rendendosi conto che l’URSS “contiene” la Cina a nord e nord-ovest): a) il fronte Giappone-Corea; b) il fronte India-Pakistan; e c) il fronte sud-est asiatico”. I Pentagon Papers, infatti, forniscono oggi il contesto per tener conto correttamente delle tensioni attuali in Asia Pacifico. Gli Stati Uniti sono attualmente e profondamente impegnati in ogni fronte descritto nei documenti del Pentagono. Vi sono forze militari che occupano l’Afghanistan, confinante con la Cina ad occidente; che occupano e provocano conflitti ad est della Cina sul fronte Giappone-Corea; e sono profondamente coinvolte nei tentativi di rovesciare e sostituire gli ordini politici nel Sud-Est asiatico per creare un fronte unito contro Pechino. Nel Sud-Est asiatico, gli sforzi statunitensi sono più importanti in Myanmar, dove l’agente statunitense Aung San Suu Kyi ha già assunto il potere; in Thailandia, dove gli Stati Uniti sono coinvolti nei tentativi di rovesciare e sostituire l’intero ordine politico nazionale con un regime cliente; nelle Filippine, dove i terroristi sponsorizzati da USA e sauditi creano una crisi sfruttata per espandere la propria presenza militare nella nazione. Complessivamente, gli Stati Uniti hanno tentato di manipolare l’Asia sud-orientale, innanzitutto attraverso la crisi del Mar Cinese che hanno prodotto e tentato di perpetrare, e quindi importando terroristi dalla Siria per minacciare e ricattare la regione, similmente a come le Filippine sono ora minacciate e ricattate. I media occidentali tentano d’inquadrare l’attuale crisi che gli Stati Uniti creano con la Corea democratica come lotta dell’ego tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il Presidente nordcoreano Kim Jong-un. In realtà la crisi è stata prodotta in decenni, e non è guidata dai presidenti statunitensi ma da interessi speciali oscuri che promuovono i think tank politici che, a loro volta, generano la politica per i governanti e dibattiti sui media. Comprenderlo permette ad osservatori ed attivisti di vedere le trame dei politici e denunciare gli interessi che guidano la politica che spacciano al pubblico. Denunciare tali interessi permette di prendere decisioni più coscienziose su come affrontarli, deviando il denaro da tali grandi imprese finanziarie verso alternative locali, sottraendo potere e influenza di Wall Street e Washington nel trascinare gli statunitensi in guerre distruttive e costose all’estero, per reinvestirle su comunità più forti e resilienti in patria.Tony Cartalucci, ricercatore e autore geopolitico di Bangkok, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

One Response to Trump continua l’azione di Bush e Obama verso la Corea

  1. Pingback: Trump continua l’azione di Bush e Obama verso la Corea |

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...