Analisi per Analogia: il Myanmar non è la Siria

Tony Cartalucci, LD 27 settembre 2017

U Pe Myint

Molti analisti e commentatori geopolitici hanno notato molte somiglianze valide tra la crisi siriana e quella che si ha nello stato sud-asiatico del Myanmar. Tuttavia, ciò che è diverso in queste due crisi è altrettanto importante quanto ciò che è simile.

Le somiglianze
Particolare attenzione è stata posta sulle prove emerse sull’Arabia Saudita, alleata degli USA, che alimenta il terrorismo nello Stato Rakhine del Myanmar. I terroristi, però, sono assassini armati, finanziati e guidati dall’estero, e sono una minoranza trascurabile della popolazione rohingya che pretendono di rappresentare, non essendo in realtà più rappresentativi dei rohingya dei militanti di al-Qaida e “Stato islamico” verso le popolazioni sunnite di Siria e Iraq. Mentre è fondamentale sottolineare la natura eterodiretta del terrorismo che cerca di cooptare la minoranza rohingya in Myanmar, è altrettanto importante capire esattamente dove tale terrorismo serva i piani dell’Arabia Saudita e, quindi, dei mandanti statunitensi. Un’altra similitudine sottolineata dagli analisti è l’uso di facciate finanziate da statunitensi e europei che si presentano come organizzazioni non governative (ONG), tra cui Amnesty International e Human Rights Watch, nonché organizzazioni locali finanziate da National Endowment for Democracy (NED) e varie filiali come Istituto Internazionale Repubblicano (IRI), Istituto Nazionale Democratico ( NDI), Freedom House, USAID e Open Society. Tali organizzazioni cercano intenzionalmente di controllare l’informazione, infiammando piuttosto che riducendo le tensioni per creare un pretesto per l’intervento diretto nella crisi in Myanmar delle nazioni occidentali. Tuttavia, analisti e commentatori non possono fermarsi qui. Devono impegnarsi con la dovuta diligenza ad individuare i responsabili nel governo del Myanmar, messi al potere nelle elezioni del 2016, costruendo proprie reti politiche nel Paese nel corso di diversi decenni, e quale ruolo giochino nei piani occidentali per il prossimo e medio futuro della nazione.

Le differenze
Il governo siriano è la creazione e perpetuazione di interessi locali, sostenuti dalla varie alleanze che vanno dall’ex-Unione Sovietica in passato, a Russia, Iran e misura minore Cina. Stati Uniti e loro partner arabi, in particolare l’Arabia Saudita, hanno creato il terrorismo in Siria dal 2011 allo scopo esplicito di rovesciare il governo siriano e dividere ciò che rimane della nazione tra fantocci e regimi clienti controllati da Washington, Londra e Bruxelles. In Myanmar, se Stati Uniti e partner sauditi chiaramente alimentano il terrorismo tra la popolazione rohingya, furono gli Stati Uniti che per decenni crearono le reti politiche dell’attuale regime di Aung San Suu Kyi, creatura del sistema dei media occidentali, con finanziamenti e sostegno politico immensi e una facciata accuratamente creata per ingannare il pubblico, per decenni, sulla vera natura nazionalista e persino genocida della base “nazionalista buddista” che sostiene Suu Kyi. Un ampio rapporto del 2006 della UK Burma Campaign intitolato “In assenza del popolo di Birmania”? (PDF), rivela come virtualmente ogni aspetto del governo attuale del Myanmar sia una creazione del sostegno politico e finanziario occidentale. (Nota: Stati Uniti e Regno Unito ancora si riferiscono al Myanmar col nome coloniale inglese di “Birmania”). La relazione indica in dettaglio: “Il ripristino della democrazia in Birmania è uno degli obiettivi prioritari degli Stati Uniti nel Sud-Est asiatico. Per raggiungerlo, gli Stati Uniti hanno sostenuto costantemente gli attivisti democratici e i loro sforzi all’interno che all’estero della Birmania… affrontare tali esigenze richiede flessibilità e creatività. Nonostante le sfide sorte, le ambasciate degli Stati Uniti a Rangoon e Bangkok, nonché il consolato generale di Chiang Mai sono pienamente impegnati negli sforzi democratici. Gli Stati Uniti sostengono anche organizzazioni come National Endowment for Democracy, Open Society Institute (alcun sostegno dato dal 2004) e Internews, che lavorano all’interno e all’estero della regione su un’ampia gamma di attività per la promozione della democrazia. Le emittenti statunitensi forniscono notizie e informazioni ai birmani che non dispongono di stampa libera. I programmi statunitensi finanziano anche borse di studio per i birmani che rappresentano il futuro della Birmania. Gli Stati Uniti si sono impegnati a lavorare per una Birmania democratica e continueranno ad impiegare una varietà di strumenti per aiutare gli attivisti della democrazia”. Il rapporto di 36 pagine enumera dettagliatamente i programmi statunitensi ed europei che vanno dalla creazione e dal finanziamento dei media all’organizzazione di partiti politici e alla definizione di strategie elettorali e persino borse di studio all’estero per indottrinare un’intera classe di ascari politici da utilizzare in futuro per trasformare la nazione in uno Stato-cliente. Praticamente ogni aspetto della vita in Myanmar è preso di mira e rovesciato dalle reti occidentale per diversi decenni col notevole importo finanziario estero. Prove simili dimostrano che molti dei cosiddetti gruppi nazionalisti “buddisti” godono anche di stretti rapporti con gli interessi europei e statunitensi, che hanno svolto un ruolo fondamentale per portare Suu Kyi al potere. Inoltre, l’attuale governo di Suu Kyi riceve istruzione finanziata dagli Stati Uniti. Le narrazioni sull’attuale crisi dei rohingya sono elaborate dal “ministro delle Informazioni” di Suu Kyi, Pe Myint. Pe Myint fu scoperto, in un articolo del 2016 del Myanmar Times intitolato “Il chi è del nuovo governo del Myanmar”, partecipare all’addestramento finanziato dal dipartimento di Stato USA. L’articolo riporta: “Già medico laureatosi presso l’Istituto di Medicina, U Pe Myint cambiò carriera dopo 11 anni e fu istruito come giornalista presso la Fondazione Memorial Media of Indochina a Bangkok. Poi intraprese la carriera di scrittore di decine di romanzi. Partecipò al Programma di Scrittura Internazionale dell’Università dell’Iowa nel 1998, e fu anche redattore capo del People’s Age Journal. Nato nello Stato Rakhine nel 1949”.
La Fondazione Memorial Media of Indochina fu indicata in un cablo diplomatico statunitense, pubblicato da Wikileaks, come totalmente finanziata dal dipartimento di Stato degli Stati Uniti attraverso vari e noti intermediari. Il cablo intitolato “Una panoramica delle organizzazioni mediatiche del Burma nord-orientale”, dichiara esplicitamente: “Altre organizzazioni, alcune in ambito estero alla Birmania, inoltre, aggiungono opportunità educative per i giornalisti birmani. Per esempio, la fondazione Memorial Media of Indochina di Chiang Mai, ha completato lo scorso anno corsi di formazione per i reporter del sudest asiatico che includevano partecipanti birmani. I principali finanziatori dei programmi di formazione giornalistica nella regione sono NED, Open Society Institute (OSI) e diversi governi e enti caritativi europei”. Molti delle “ONG” finanziate dagli USA in Myanmar che apparentemente si oppongono il governo di Suu Kyi sono in realtà alunni degli stessi programmi finanziati dagli Stati Uniti, come molti membri dell’attuale governo. In sostanza, la differenza principale tra Myanmar e Siria è che mentre in Siria gli Stati Uniti alimentano il terrorismo per abbattere un governo oltre la loro portata ed influenza, in Myanmar gli Stati Uniti manipolano l’intera nazione attraverso due vettori che controllano interamente, il terrorismo in ascesa da un lato e la dirigenza politica che ha creato interamente dall’altro.

Superare l’analisi per analogia
Aiutare i lettori a comprendere vari aspetti della crisi attuale in Myanmar confrontandola con vari aspetti del conflitto in Siria può essere istruttivo. Tuttavia, trarre conclusioni circa le implicazioni del conflitto di Myanmar semplicemente supponendo che si ripetano gli sforzi occidentali in Siria è fondamentalmente sbagliato. Mentre gli Stati Uniti cercano di dividere e distruggere la Siria, i suoi sforzi in Myanmar sono concentrati sullo Stato di Rakhine, con poca possibilità di diffondersi a causa della demografia di Myanmar. Si tratta anche della Cina che ha investito ampiamente nel progetto One Road (Road One Road, OBOR), con un porto a Sittwe, Rakhine centrale, e progetti stradali, ferroviari e oleogasdotti destinati ad espandersi verso il confine cinese e Kunming. L’opposizione delle ONG locali finanziate con denaro contante degli Stati Uniti, o della violenze sostenute con riserva da Stati Uniti e loro agenti, tentano di distruggere sistematicamente i progetti infrastrutturali cinesi nel mondo, anche in Myanmar. Le dighe costruite dai cinesi in Myanmar sono contrastate dalle ONG finanziate dagli Stati Uniti, da gruppi terroristici che ricevono sostegno statunitense e che hanno attaccato i cantieri cinesi in tutta la nazione, e l’attuale conflitto nel Rakhine alimentato da entrambe le parti dagli Stati Uniti minaccia non solo di sabotare i progetti cinesi, ma anche di essere il pretesto per posizionare forze occidentali in Myanmar, nazione che confina direttamente con la Cina. Piazzare forze statunitensi, e di qualsiasi potenza, ai confini della Cina era un vecchio obiettivo dichiarato dai politici statunitensi. Dalla guerra del Vietnam, dai Pentagon Papers al progetto per un nuovo secolo americano del 2000, “Ricostruire le difese americane”, all’ex-politica del “Pivot to Asia” della segretaria di Stato Hillary Clinton, prevaleva il tema unico era circondare e contenere la Cina con Stati clienti obbedienti a Washington, o creare caos alla periferia della Cina. È evidente che i piani statunitensi in Siria e in Myanmar utilizzano reti e tattiche simili e che entrambi i conflitti s’inseriscano in una grande strategia globale. Ci sono senza dubbio temi familiari in entrambi i conflitti. Tuttavia, ciò che è diverso nei conflitti di Siria e Myanmar è altrettanto importante. Gli analisti e i commentatori devono tenere conto dei decenni di fondi statunitensi ed europei destinati all’attuale governo di Myanmar. Devono considerare la natura chirurgica della destabilizzazione confinata allo Stato di Rakhine del Myanmar, contro la destabilizzazione totale alimentata in Siria. Devono inoltre identificare i motivi alla base dei piani degli Stati Uniti in Myanmar. Evitare semplicemente di supporre che il terrorismo filo-statunitense-saudita sia volto a rovesciare un governo piuttosto che favorire un altro obiettivo più indiretto, che forse persino mira a preservare il governo attuale del Myanmar, piuttosto che a rovesciarlo, accusandone i potenti ed indipendenti militari, aiuterebbe piuttosto che ostacolare l’ingiustizia. Analogie tratte da due conflitti diversi sono utili a semplificare spiegazioni ed analisi tratte dalle conclusioni di una ricerca approfondita.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...