Novorossia: “Militaristi” contro “operatori di pace”?

Rostislav Ishenko Fort Russ 11 giugno 2015_77157696_ukraine_convoy_20140825_624Leggo ogni giorno del panico su come il governo russo “aiuti il nemico”, di come l’esercito ucraino sia ora incredibilmente potente, “del tradimento della Russia” sostenendo l’equazione tra golpisti di Kiev e Donbas che annega nel sangue. E la domanda: “Perché non fu possibile impedire che la junta arrivasse al potere?“, come si sente costantemente in TV, sui social media anche nelle chiacchiere fra politici. Penso che dovrò scrivere più di un articolo su tale argomento, se non altro perché, con la situazione del Donbass che si aggrava, ancora una volta Kiev fa dichiarazioni aggressive sulla Transnistria, e gli Stati Uniti nemmeno tentano di celare le minacce nei confronti della Russia. La domanda “quanto tempo dovremo sopportare tutto questo?” comincia ad occupare anche gli esperti più riservati e importanti. Dato che i media patriottici hanno inizialmente lanciato Strelkov quale “eroe della resistenza della Novorossia” e ideatore del mito “Surkov il pacificatore“, cominciamo da lui. Inoltre, devo qualificare le mie osservazioni affermando che il confronto tra “militaristi” e “operatori di pace” è ora molto più di un semplice disaccordo personale tra un partigiano carismatico e un assistente presidenziale. Il movimento “militarista” è in opposizione al governo russo su posizioni radicali, e Strelkov da tempo non n’è l’icona, o la sola icona (avendo perso gran parte di autorità e carisma per una campagna di PR assai mal concepita), e non solo Surkov è il bersaglio di critiche non costruttive, ma anche Putin e l’intero governo russo. Più di sei mesi fa avvertii, in un articolo dedicato proprio alla creazione dell'”opposizione militarista”, che costoro, giocando sul desiderio comprensibile della popolazione di vincere rapidamente “con poco spargimento di sangue e altro territorio” criticano lo Stato quale presunto rappresentante degli interessi degli oligarchi cercando di suscitare diffidenza sociale persistente verso Presidente e governo e diffondendo sospetti sul “tradimento nelle alte sfere”, sono molto più pericolosi per la stabilità della Russia dei liberali contro cui i “militaristi” presumibilmente combatterebbero. I liberali sono deboli, emarginati, impopolari, privi di capi seri e la gente non ne sostiene la disponibilità a capitolare nel confronto globale tra Russia e Stati Uniti. I “militaristi” operano in modo simile ai loro predecessori del 1915-1917, quando Nicola II fu deposto a suon di grida sull’incapacità del governo russo di tutelare gli interessi della Russia, un atto che portò al crollo della dinastia, monarchia e Russia stessa che solo negli anni ’40 riuscì, grazie ad una felice coincidenza, a recuperare i territori persi a causa di tale attività “patriottica”.
218071_ns Com’è iniziato tutto ciò nella primavera del 2014? Le autorità russe concentrarono truppe al confine ucraino tra marzo e aprile; una forza sufficiente per l’invasione. Putin ebbe il permesso del Consiglio della Federazione di utilizzare le forze armate fuori dai confini della Russia, e il legittimo presidente dell’Ucraina Janukovich fece appello alla Russia per sopprimere la rivolta. Le dichiarazioni di Putin ai media della Russia, e anche la sicura promessa di Janukovich, nella conferenza stampa di Rostov, di tornare a Kiev in breve tempo, lasciavano pochi dubbi sulla Russia pronta a fornire assistenza militare alla Primavera russa a livelli di gran lunga superiori della Crimea. Ma qualcosa successe a fine aprile. La retorica di governo e media russi cambiò, le forze rientrarono nelle loro basi permanenti e il conflitto divenne prolungato e d’attrito. Secondo i militaristi la “quinta colonna al Cremlino ha costretto Putin a fare concessioni e cercare un accordo con gli Stati Uniti sul Donbas“. Era uno scenario bizzarro buono solo a spaventare le casalinghe. L’esercito russo fu gravemente coinvolto nella crisi ucraina dall’inizio. Per capirne la posizione, è sufficiente ricordare che i generali russi erano ancora scontenti di come nel 2008 “non ebbero il permesso di prendere Tbilisi“. Questo è comprensibile. I militari esistono per vincere, e migliore indicatore di una vittoria è la parata nella capitale nemica catturata. Le posizioni di FSB, SVR, MFA sarebbero un po’ più sofisticate di quelle dei militari, ma non per questo meno patriottiche. L’ala finanziaria-economica del governo potrebbe aver insistito nel ritardare la fase attiva dell’operazione, sostenendo che l’economia russa doveva prepararsi ad eventuali sanzioni, ma la sua posizione sarebbe stata influente solo se le sanzioni erano inevitabili. Tuttavia, furono introdotte solo dopo che il Boeing malese fu abbattuto sul Donbas. Pertanto, il rischio poteva sembrare giustificabile all’inizio della primavera. Ma ciò che fecero i “militaristi” in quel momento fu valutare la situazione come preludio dell’invasione russa dell’Ucraina, ripetendo la provocazione del governo polacco in esilio a Londra la cui direttiva alla rivolta a Varsavia fu lanciata il 1° agosto 1944. I “militaristi” (come scrivono loro stessi) speravano che la Russia avrebbe inviato truppe tra aprile e maggio, quando in Donbas, Odessa, Kharkov, Zaporozhe, Dnepropetrovsk, Kherson, Nikolaev la resistenza della Primavera russa si sviluppava con diversi gradi di intensità e successo. L’esercito ucraino esitava, l’MVD era in attesa ed anche il più americanizzato SBU non godeva della fiducia di Kiev. E poi, all’improvviso, apparve a Slavjansk qualche unità guidata da Strelkov (che si definiva colonnello dell’FSB, anche se Wikipedia ci dice che si è ritirato da sottufficiale, cosa che corrisponde a età, istruzione e durata del servizio). Il 13 aprile l’unità s’impegnò in uno scontro a fuoco in un posto di blocco, che costò la vita ad agenti del SBU. Il 16 aprile attaccò una colonna della 25.ma Brigata aeroportata. Non ci furono vittime, ma i paracadutisti rinunciano a veicoli ed armi personali, alcuni addirittura si unirono alla milizia. Fu proprio il 13 aprile che Kiev annunciò il lancio dell’ATO con partecipazione militare, che portò alle prime schermaglie che costarono la vita a personale militare e dei servizi speciali ucraini, morti che dovevano essere vendicati. Kiev utilizzò la 25.ma Brigata, che fu quasi sciolta e processata quale esempio da mostrare delle conseguenze negative nel dialogare parlare con la milizia. Per inciso, la riformata 25.ma Brigata, ulteriormente rafforzata dai nazisti di Dnepropetrovsk, è una delle formazioni ucraine più pugnaci.
I “militaristi” non volevamo tanto, ma un pezzo di “territorio liberato” dall’invasione russa al fine di diventare parte del nuovo governo. Nemmeno nascosero di sognare di creare in Novorossia uno Stato in cui vedere la Russia che volevano, seguendo l’esempio di Varsavia che iniziò la rivolta in modo che l’Armata Rossa incontrasse un nuovo “governo” nella capitale “liberatasi in modo indipendente”. Ora mettiamoci nella posizione del Cremlino. In una situazione di confronto serio con Washington (e non solo sull’Ucraina), quando va presa una decisione equilibrata e ponderata da cui dipende il destino della Russia, appare improvvisamente l’incertezza nel Donbas sotto forma di gruppo di “militaristi” che inizia una guerra privata e prevede di costruire la “Russia alternativa nella Novorossia”, aspettando Putin che invia truppe, non tanto per sostenere la primavera russa, ma per soddisfare le loro ambizioni politiche. Non esagero. Strelkov ha detto in un’intervista qualche mese dopo aver lasciato il Donbas, che iniziò la guerra aspettandosi che Putin l’avrebbe sostenuto. In generale, non importa quale sia il tuo grado, ma iniziare una guerra nel nome di una superpotenza e ponendo pretese al suo comandante in capo è un reato punibile con il plotone di esecuzione sul posto. Strelkov, per sua stessa ammissione, aveva ucciso persone per assai meno a Slavjansk. Pertanto, i “militaristi” avevano introdotto un elemento di incertezza che potrebbe aver sconvolto i piani del Cremlino. Forse ci furono altri motivi, forse anche una serie di essi tra cui l’impreparazione dell’Europa nel percepire correttamente le azioni della Russia in Ucraina. Ma il fattore “militarista” va anche considerato. Nessun leader responsabile può prendere una decisione che potrebbe avere conseguenze globali, quando in un momento critico è controllato da parvenu incomprensibili che possono essere tanto idealisti quanto dei provocatori. Così i “militaristi”, che ora lamentano il destino del Donbas, dovrebbero anche ricordare che nella primavera 2014 cercarono di usare quella stessa popolazione come materia prima per la propria politica interna russa. In parte ci riuscirono, altrimenti non discuteremmo del problema “militarista” oggi. Come ho già scritto, ciò fa parte del passato, ma dovremo ritornarci per valutare correttamente alcuni miti pseudo-patriottici. L’analisi completa della “posizione militarista” nella guerra Donbas richiederà più di uno o due articoli.

00-donetsk-01-24-05-14Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

SEAL Team 6: storia segreta di omicidi silenziosi e linee confuse

L’unità meglio nota per l’omicidio di Usama bin Ladin è stata convertita in una macchina da caccia all’uomo globale con scarso controllo
Mark Mazzetti, Nicholas Kulish, Christopher Drew, Serge F. Kovaleski, Sean D. Naylor e John Ismay, New York Times, 6 giugno 2015
Matthew Rosenberg e Richard A.Oppel Jr. hanno contribuito alla segnalazione e alla ricerca hanno contributo Kitty Bennet, Alain Delaquérière, Susan Campbell Beachy e William M. Arkin.

Obama e il Generale McChrystal

Obama e il Generale McChrystal

Hanno eseguito missioni mortali da basi segrete nella selvaggia Somalia. In Afghanistan, si sono impegnati in combattimento ravvicinati da cui uscivano coperti di sangue altrui. Nelle incursioni clandestine nel cuore della notte, le loro armi scelte spaziavano dalle carabine personalizzate ai tomahawk primordiali. In tutto il mondo hanno gestito stazioni di spionaggio camuffate da imbarcazioni commerciali, si spacciavano da impiegati di società di copertura e da coppie sotto copertura nelle ambasciate, monitorando chi gli Stati Uniti volevano uccidere o catturare. Tali operazioni fanno parte della storia occulta del Team 6 dei SEAL dell’US Navy, una delle più mitizzate organizzazioni militari più segrete e meno controllate della nazione. Una volta piccolo gruppo riservato a rare missioni specializzate, noto per aver ucciso Usama bin Ladin, fu addestrato per oltre un decennio di combattimenti in macchina per la caccia all’uomo globale. Il ruolo riflette il nuovo tipo di guerra degli USA, in cui il conflitto si distingue non per vittorie e sconfitte sul campo di battaglia, ma dall’uccisione implacabile di sospetti militanti. Quasi tutto ciò che riguarda il Team 6 dei SEAL, indicato come unità per Operazioni Speciali, è avvolto nel mistero, il Pentagono non riconosce pubblicamente neanche quel nome, anche se alcune sue gesta sono emerse in resoconti ampiamente ammirati negli ultimi anni. Ma l’esame dell’evoluzione del Team 6, dovuta a decine di interviste con i membri del team, attuali ed ex, opinioni di altri ufficiali e documenti governativi, si rivela un molto più complesso racconto provocatorio. Mentre si combattevano le guerre di logoramento in Afghanistan e Iraq, il Team 6 effettuò missioni altrove offuscando la separazione tra soldato e spia. L’unità dei cecchini della squadra fu ricostituita per effettuare operazioni d’intelligence clandestine, ed i SEAL si unirono agli agenti della Central Intelligence Agency in un’iniziativa chiamata Programma Omega, che dava carta bianca alla caccia ai nemici. Il Team 6 ha effettuato con successo migliaia di incursioni pericolose che i leader militari ritengono abbiano indebolito le reti militanti, ma le sue attività hanno suscitato preoccupazioni ricorrenti su eccessi omicidi e civili morti. Gli abitanti dei villaggi afgani e un comandante inglese accusano i SEAL di aver ucciso indiscriminatamente in un piccolo villaggio. Nel 2009, i membri del team assieme a CIA e forze paramilitari afghane compì un raid che uccise un gruppo di giovani e infiammò le tensioni tra funzionari afghani e della NATO. Anche un ostaggio statunitense, liberato in un drammatico salvataggio, l’ha messo in discussione perché i SEAL uccisero tutti i suoi rapitori.
seals Quando si ebbero sospetti sulla cattiva condotta, la sorveglianza esterna fu limitata. Il Joint Special Operations Command, che sovrintende alle missioni del Team 6 dei SEAL, condusse delle indagini su oltre mezza dozzina di episodi, ma raramente riferendo agli investigatori dell’US Navy. “Il JSOC indaga il JSOC, e questo è parte del problema“, ha detto un ex-alto ufficiale esperto in operazioni speciali che, come molti altri intervistati per l’articolo, ha parlato sotto anonimato perché le attività del Team 6 sono classificate Anche i sorveglianti civili dei militari non esaminano periodicamente le operazioni dell’unità. “Questo è un settore in cui il Congresso notoriamente non vuole saperne troppo“, ha dichiarato Harold Koh, ex-consigliere superiore legale del dipartimento di Stato, che ha fornito una guida sulla guerra clandestina all’amministrazione Obama. Fiumi di denaro arrivano al Team 6 SEAL dal 2001, consentendogli di espandere significativamente le fila, raggiungendo le 300 truppe d’assalto, chiamati operatori e 1500 personale di supporto, per soddisfare le nuove esigenze. Ma alcuni membri del team si chiedono se il ritmo incessante delle operazioni abbia eroso la cultura d’élite dell’unità e logorato la squadra in missioni di combattimento di poca importanza. Il gruppo è stato inviato in Afghanistan per cacciare i capi di al-Qaida, ma invece ha trascorso anni a condurre battaglie contro taliban di medio e basso livello e altri combattenti nemici. I membri del team 6, ha detto un ex-operatore, erano come “riserve con i fucili”. Il costo era alto: sono morti più membri dell’unità negli ultimi 14 anni che in tutta la storia precedente. Aggressioni ripetute, salti con paracadute, salite scoscese e scoppio di esplosivi hanno lasciato molti malconci, fisicamente e mentalmente. “La guerra non è quella bella cosa che gli Stati Uniti sono arrivati a credere“, ha detto Britt Slabinski, ex-membro del Team 6 e veterano di Afghanistan e Iraq. “E’ emozionante, un essere umano che ne uccide altri a lungo, tirando il peggio fuori di sè, ed anche il meglio di sé“. Il Team 6 e la sua controparte dell’US Army, Delta Force, hanno compiuto azioni così intrepide spingendo i due ultimi presidenti a schierarli sempre più in lontani focolai di crisi, come Siria e Iraq, ora minacciate dallo Stato Islamico, e Afghanistan, Somalia e Yemen, impantanati nel caos. Come la campagna della CIA degli attacchi dei droni, le operazioni speciali offrono ai responsabili politici un’alternativa alle costose guerre di occupazione. Ma il baluardo della segretezza intorno il Team 6 rende impossibile valutare pienamente l’elenco e le conseguenze delle sue azioni, in particolare le vittime civili o il risentimento profondo nei Paesi in cui operano. Le missioni sono entrate nelle operazioni di combattimento statunitensi con poco o senza dibattito pubblico. L’ex-senatore Bob Kerrey, democratico del Nebraska e membro dei SEAL durante la guerra del Vietnam, avvertiva che il Team 6 e le altre forze per Operazioni Speciali sono abusati. “Sono diventati una sorta di numero verde da fare in qualsiasi momento per qualcuno che vuole che qualcosa sia fatto“, ha detto. Ma affidarsi a loro così tanto, ha aggiunto, è inevitabile ogni volta che i capi statunitensi si trovano ad affrontare “una di quelle situazioni in cui la scelta che hai è tra una orribile e una sbagliata, uno di quei casi in cui non si ha altra scelta”. Mentre rifiuta di commentare specificamente sul Team 6 dei SEAL, il Comando Operazioni Speciali degli Stati Uniti ha detto che dall’11 settembre 2001 le sue forze “sono state coinvolte in decine di migliaia di missioni e operazioni in molteplici teatri geografici, e mantenendo coerentemente i più alti standard richiesti dalle Forze Armate degli Stati Uniti“. Il comando ha detto che i suoi operatori sono addestrati ad operare in ambienti complessi e in rapida evoluzione e che ha fiducia in un loro comportamento appropriato. “Le accuse di cattiva condotta sono prese sul serio“, dice la nota, aggiungendo: “Fatti comprovati sono trattati dalle autorità militari o forze dell’ordine“. I fautori dell’unità non hanno dubbi sul valore di tali guerrieri invisibili. “Se vuoi che queste forze facciano cose che a volte violano le regole del diritto internazionale”, ha detto James G. Stavridis, ex-ammiraglio ed ex-comandante supremo alleato nella NATO, con riferimento alle azioni di guerra non dichiarata, “certamente non vuoi che siano pubbliche”, il Team 6 ha aggiunto, “dovrebbe continuare a operare nell’ombra“. Ma altri avvertono la seduzione di una campagna infinita di missioni segrete, lontano dalla vista del pubblico. “Se siete in un inconfessato campo di battaglia“, ha detto William C. Banks, esperto di diritto della sicurezza nazionale presso la Syracuse University, “Non ne siete responsabili“.

Combattimenti ravvicinati
seal-team-6 Durante uno scontro caotico nel marzo 2002 sulla cima del monte Takur Ghar, al confine con il Pakistan, il primo sottufficiale Neil C. Roberts, specialista d’assalto del Team 6 dei SEAL, scese da un elicottero su un terreno tenuto da al-Qaida. I combattenti nemici l’uccisero prima che le truppe statunitensi potessero arrivare, mutilandone il corpo nella neve. Fu la prima grande battaglia del Team 6 in Afghanistan, e il primo membro a morire. Il modo in cui fu ucciso fece rabbrividire la comunità affiatata. La nuova guerra degli Stati Uniti sarebbe stata ravvicinata e brutale. A volte le truppe effettuarono i più orrendi compiti: tagliare dita o pezzi di cuoio capelluto per l’analisi del DNA dai militanti appena uccisi. Dalla campagna del marzo 2002 la maggior parte dei combattenti di Usama bin Ladin fuggirono in Pakistan, e il Team 6 raramente ebbe altri combattimenti in battaglie campali contro la rete terroristica in Afghanistan. Il nemico che si doveva prendere era scomparso. A quel tempo, alla squadra fu vietata la caccia ai taliban ed anche inseguire al-Qaida in Pakistan per la preoccupazione di alienarsi il governo pakistano. Per lo più limitati alla base aerea di Bagram, presso Kabul, i SEAL erano frustrati. La CIA però non aveva restrizioni simili, e il Team 6 alla fine collaborò con l’agenzia di spionaggio e sotto la sua autorità, partecipò a più ampi combattimenti, secondo ex-ufficiali militari e d’intelligence. Le missioni nell Programma Omega, permisero ai SEAL di condurre “operazioni segrete” contro i taliban e altri militanti in Pakistan. Omega era basato sul Programma Phoenix in Vietnam, quando gli ufficiali della CIA e le truppe per Operazioni Speciali conducevano interrogatori ed omicidi per cercare di smantellare la guerriglia Vietcong nel Vietnam del Sud. Ma una vasta campagna di operazioni letali in Pakistan era considerata troppo rischiosa, dicono i funzionari, così il programma Omega si concentrava principalmente sull’impiego dei pashtun afgani per lo spionaggio nelle aree tribali del Pakistan, così come collaborare con le milizie afgane addestrate dalla CIA nei raid notturni in Afghanistan. Un portavoce della CIA ha rifiutato di commentare ciò. L’escalation del conflitto in Iraq attraeva sempre più l’attenzione del Pentagono, richiedendo un continuo accumularsi di truppe, tra cui il Team 6 dei SEAL. Con la relativamente piccola presenza militare statunitense in Afghanistan, le forze taliban si riorganizzarono. Allarmato, il Generale Stanley A. McChrystal, che guidava il Joint Special Operations Command, nel 2006 ordinò a SEAL e truppe di assumere un compito più ampio in Afghanistan: colpire i taliban, portando ad anni di incursioni notturne o scontri del Team 6, scelto come prima forza per le Operazioni Speciali negli anni più violenti di ciò che è la guerra più lunga degli Stati Uniti. L’unità segreta, creata per svolgere le operazioni più rischiose fu invece impegnata in combattimenti pericolosi, ma sempre più di routine. L’ondata di operazioni fu avviata d’estate quando il Team 6 e i Rangers dell’US Army iniziarono a dare la caccia ai taliban di medio livello nella speranza di trovare capi del gruppo nella provincia di Kandahar, il centro dei taliban. Furono usate le tecniche sviluppate dalla Delta Force nelle operazioni uccidi-e-cattura in Iraq. La logica della caccia all’uomo era che le informazioni raccolte da un santuario dei militanti, insieme a quelle raccolte da CIA e National Security Agency, avrebbe portato a una fabbrica di bombe e infine a casa di un comandante dei ribelli. Le truppe per Operazioni Speciali colpirono una serie infinita di obiettivi. Non si hanno dati pubblici sul numero di incursioni che il Team 6 ha effettuato in Afghanistan o il loro prezzo. Gli ufficiali dicono che nessun colpo è stato sparato nella maggior parte dei raid. Ma tra il 2006 e il 2008, gli operatori del Team 6 hanno detto che ci furono intensi periodi in cui, per settimane, la loro unità era coinvolta in 10-15 uccisioni a notte, e talvolta fino a 25. Il ritmo accelerato “fece divenire i ragazzi feroci”, ha detto un ex-ufficiale del Team 6. “Queste stragi erano diventate routine“. I comandanti delle operazioni speciali dicono che i raid smantellarono le reti dei taliban. Ma alcuni membri del Team 6 dubitano fossero di grande utilità. Un ex-membro del SEAL, pressato sui dettagli su una missione, disse, “Era così per molti di questi obiettivi, solo un altro nome. Che fossero fiancheggiatori, subcomandanti, comandanti, finanziatori dei taliban, non era più importante“. Un altro ex-membro del Team 6, un ufficiale, fu ancora più sprezzante su alcune operazioni, “Entro il 2010, i ragazzi divennero dei teppisti di strada“, ha detto. “La forza più altamente qualificata al mondo, seguiva i teppisti di strada“. L’unità fu spinta a compiere operazioni più veloci, silenziose e letali, godendo di un budget gonfiatosi e dei progressi della tecnologia dal 2001, il Team 6 dal blando nome di copertura Gruppo di sviluppo della guerra speciale navale, accennando alla missione ufficiale per sviluppare nuove attrezzature e tattiche per l’organizzazione SEAL, comprendeva anche nove squadre non classificate. Gli armaioli dei SEAL personalizzarono un nuovo fucile di fabbricazione tedesca e dotarono quasi tutte le armi di silenziatori, riducendone suoni e lampi. I laser a infrarossi, che permettono ai SEAL di sparare con maggiore precisione di notte, sono diventati standard, come l’ottica termica per rilevare il calore dei corpi. I SEAL sono dotati di una granata di nuova generazione, un modello termobarico particolarmente efficace nel far crollare gli edifici. Spesso gestiti in gruppi più grandi di quelli tradizionali i SEAL, dotati di armi più letali, lasciano meno nemici fuggire vivi. Alcuni del Team 6 hanno anche usato dei tomahawk realizzati da Daniel Winkler, produttore di coltelli del North Carolina che ha forgiato le lame per il film “L’ultimo dei Mohicani“. Per un periodo, i membri del Team 6, il Red Squadron, con nel logo il volto di un guerriero nativo americano sovrapposto da un tomahawk, ricevettero una scure Winkler nel primo anno in squadra, secondo due membri. In un’intervista, Winkler si rifiutava di discuterne ma ha detto che molti furono pagati da donatori privati. Le armi non sono state solo un ornamento. Diversi ex-membri del Team 6 hanno detto che alcuni uomini andavano in missione con le asce, e almeno uno uccise un combattente nemico con tale arma. Dom Raso, ex-operatore del Team 6, che lasciò l’US Navy nel 2012, ha detto che le accette furono utilizzati “per sfondare porte, manipolare serrature, combattimenti corpo a corpo e altre cose“, aggiungendo che asce e lame furono usate per uccidere quando era nei SEAL. “Qualunque strumento necessario per proteggere te stesso e i tuoi fratelli, se sia una lama o una pistola, viene usata“, ha detto Raso, che ha collaborato con Winkler nella produzione di una lama. Molti operatori SEAL respinsero un qualsiasi uso dei tomahawks dicendo che erano troppo ingombranti per i combattimenti e inefficaci come armi, anche se comprendono il disordine in guerra. “E’ un affare sporco“, ha detto un ex-operatore del Team 6, “Qual è la differenza tra sparargli come mi è stato detto, e tirare fuori un coltello e accoltellarli?”

Dam Neck Annex, la base dei SEAL

Dam Neck Annex, la base dei SEAL

La Cultura
Il quartier generale del Team 6 dei SEAL è un recinto presso il Dam Neck Annex della Naval Air Station Oceana, a sud di Virginia Beach, che ospita una base militare segreta dell’esercito. Lontano dalla vita pubblica, la base ospita non solo i 300 operatori della squadra (che disdegnano il termine “commandos”), i loro ufficiali e comandanti, ma anche piloti, costruttori Seabee, artificieri, ingegneri, medici e un’unità d’intelligence dotata di sofisticati sistemi di sorveglianza e tracciamento globale. I Navy SEAL, acronimo per Sea, Air, Land forces, nascono dai sommozzatori della seconda guerra mondiale. Il Team 6 nacque decenni più tardi, con la fallita missione del 1980 per salvare 53 ostaggi statunitensi sequestrati nell’ambasciata di Teheran. Scarsa pianificazione e errate previsioni costrinsero i comandanti ad abortire la missione, e otto militari morirono quando due aerei entrarono in collisione sul deserto iraniano. L’US Navy poi chiese al comandante Richard Marcinko, un duro veterano del Vietnam, di costituire un’unità SEAL che potesse rispondere rapidamente alle crisi terroristiche. Il nome stesso è un tentativo di disinformazione da guerra fredda: Solo due squadre SEAL erano esistenti al momento, ma il comandante Marcinko chiamò l’unità SEAL Team 6 sperando che gli analisti sovietici sovrastimassero la dimensione della forza. Disattese le regole e favorì l’immagine anticonformista dell’unità. (Anni dopo aver lasciato il comando, fu condannato per frode in un contratto militare). Nella sua autobiografia, “Rogue Warrior“, Marcinko descrive le grandi bevute in solidarietà al Team 6 SEAL; le sue interviste per reclutare spesso erano chiacchiere da ubriachi in un bar. Nel Team 6 vi erano inizialmente due gruppi d’assalto chiamati Blu e Oro, dai colori dell’US Navy. Il Blu della bandiera dei pirati Jolly Roger usata come insegna gli diede subito il soprannome di “Bad Boys in Blue” per la serie di arresti per guida in stato di ubriachezza, tossicodipendenza e incidenti con auto a noleggio nelle esercitazioni, in quasi impunità. I giovani ufficiali a volte furono cacciati dal Team 6 per aver cercato di ripulire ciò che percepivano come cultura dell’incoscienza. L’Ammiraglio William H. McRaven, divenuto capo del Comando Operazioni Speciali e che supervisionò il raid contro Bin Ladin, fu cacciato dal Team 6 e assegnato ad un’altra squadra SEAL quando Marcinko ne era il comandante, dopo le lamentele sulle difficoltà nel mantenere la disciplina delle truppe. Ryan Zinke, ex-ufficiale del Team 6 e ora deputato repubblicano del Montana, ha ricordato un episodio dopo una missione di addestramento della squadra a bordo di una nave da crociera, in preparazione della potenziale liberazione di ostaggi alle Olimpiadi del 1992 a Barcellona, Spagna. Zinke scortò un ammiraglio in un bar nei ponti in basso della nave. “Quando aprimmo la porta, mi sembrò si essere tra i ‘Pirati dei Caraibi‘”, disse Zinke, ricordando che l’ammiraglio era sconvolto da capelli lunghi, barbe e orecchini degli operatori. “La mia Navy?“, l’ammiraglio gli chiese. “Questi tizi sono nella mia Navy?” Fu l’inizio di ciò che Zinke definì “la grande strage”, quando l’US Navy epurò la leadership del Team 6 per professionalizzarla. Attuali ed ex operatori del Team 6 hanno detto che la cultura era diversa da quella di oggi. Ora si è più istruiti, atletici, vecchi e maturi anche se alcuni si spingono ai limiti. “Sono stato buttato fuori dai Boy Scout”, dice un ex-ufficiale. La maggior parte del Team 6 SEAL, ha aggiunto, “era come me“.
I membri della Delta Force, che hanno la reputazione di essere rigidi, spesso iniziano come fanteria regolare per divenire Ranger dell’Esercito ed entrare nelle squadre delle Forze Speciali prima di entrare nei Delta. Ma il Team 6 dei SEAL è isolato dal resto dell’US Navy, con molti degli uomini che passano la brutale trafila dei SEAL esterna a quella militare. Dopo diversi anni nelle squadre regolari SEAL, dai numeri pari in Virginia Beach, dispari a San Diego, e un’unità nelle Hawaii dedita ai mini-sommergibili, i SEAL possono tentare per il Team 6. Molti sono desiderosi di raggiungere l’unità d’élite, ma circa la metà non ci arriva. Gli Ufficiali ruotano nel Team 6, a volte tornando dopo diversi turni, ma i SEAL in genere rimangono molto più a lungo, avendo un’influenza smisurata. “Molti ragazzi arruolati pensano che in realtà daranno spettacolo”, ha detto un ex-membro. “Questo fa parte dello stile Marcinko“. E tendono alla spavalderia, dicono critici e difensori. Mentre le altre squadre SEAL (chiamate “bianche” o “vaniglia” nelle forze armate) compiono attività simili, il Team 6 persegue obiettivi di maggior valore e la liberazione di ostaggi nelle zone di combattimento. Opera di più con la CIA e compie più missioni clandestine fuori dalle zone di guerra. Il Team 6 è l’unica squadra a ricercare le armi nucleari se cadono nelle mani sbagliate. Il ruolo del Team 6 nell’incursione del 2011 contro Bin Ladin ha prodotto un’industria casalinga di libri e documentari, lasciando a denti stretti le Delta Force a roteare gli occhi. I membri del Team 6 sono tenuti a rispettare il silenzio sulle missioni, e molti membri, attuali ed ex, sono arrabbiati dai due che hanno parlato del loro ruolo nella morte del capo di al-Qaida. Matt Bissonnette, autore di due best seller sulla sua permanenza nel Team 6 dei SEAL, e Robert O’Neill, che ha detto in uno special televisivo di aver ucciso Bin Ladin, sono indagati dal Naval Criminal Investigative Service per aver rivelato informazioni classificate. Altri sono stati tranquillamente cacciati per uso di droga o per conflitti d’interesse con aziende militari o lavori collaterali. L’US Navy ha cacciato 11 operatori, nel 2012, per divulgazione su tattiche dei Team 6 o consegna di video classificati per l’addestramento, per promuovere il videogioco “Medal of Honor: Warfighter“. Con diversi schieramenti negli ultimi 13 anni, pochi membri dell’unità sono illesi. Circa tre dozzine di operatori e personale di supporto sono morti in missioni di combattimento, secondo un ex-membro del team, tra cui i 15 membri del Gold Squadron e due artificieri uccisi nel 2011, quando un elicottero con il nominativo Extortion 17 fu abbattuto in Afghanistan, il giorno più devastante della storia del Team 6. Esplosioni per violare edifici nei raid, assalti ripetuti e percosse guidando barche d’assalto ad alta velocità nei salvataggi marittimi o per addestramento, richiedono un prezzo. Alcuni uomini hanno subito lesioni cerebrali traumatiche. “Il mio corpo è finito“, ha detto un operatore da poco in pensione. “Il cervello anche“. “I SEAL sono un po’ come i tizi del NFL, non vogliono mai dire ‘me ne esco’“, ha detto il dottor John Hart, medico direttore scientifico presso il Centro di salute mentale dell’Università del Texas a Dallas, che ha molti pazienti tra i SEAL. “Se rispediscono ragazzi già affetti da commozione cerebrale, non fanno altro che pestare costantemente su una condizione cerebrale già esistente. Il cervello ha bisogno di tempo per guarire“.

Carta bianca per uccidere
seal-team-six-cast-gigandit-rodriguezAll’inizio della guerra in Afghanistan, il Team 6 SEAL fu assegnato a protezione del leader afghano Hamid Karzai; uno fu sfiorato durante un attentato al futuro presidente. Ma negli anni seguenti, Karzai divenne un aspro critico delle truppe per Operazioni Speciali degli Stati Uniti, lamentandosi che abitualmente uccidevano civili nei raid. Considerava l’attività del Team 6 ed altre unità come una manna per il reclutamento dei taliban e infine ha cercato di bloccare del tutto le incursioni notturne. La maggior parte delle missioni non era letale. Diversi membri del Team 6 hanno detto che donne e bambini venivano ammassati insieme e buttavano fuori gli uomini con una spinta o il calcio del fucile, per perquisirne le case. Spesso presero dei prigionieri; numerosi detenuti ebbero il naso rotto dopo che i SEAL li picchiavano per sottometterli, ha detto un ufficiale. Il Team 6 spesso operava sotto gli occhi attenti dei comandanti, ufficiali dei centri operativi d’oltremare e del Dam Neck che di routine sorvegliavano in tempo reale le incursioni con i droni, ma ebbero anche carta bianca. Mentre le truppe per Operazioni Speciali adottano le stesse regole d’ingaggio degli altri militari in Afghanistan, i membri del Team 6 eseguivano missioni notturne, decidendo vita e morte in stanze buie con pochi testimoni e fuori dalla portata di una vieocamera. Gli operatori potevano usare armi silenziate per uccidere tranquillamente i nemici mentre dormivano, un atto che difendono non essere diverso dal far cadere una bomba su una caserma nemica. “Mi intrufolavo nelle case della gente mentre dormiva“, Bissonnette dice nel libro “No Hero“, scritto con lo pseudonimo di Mark Owen. “Se li trovavo con un’arma, li uccidevo, proprio come tutti i ragazzi del commando“. E nelle loro decisioni tendono ad essere netti. Notando che sparano per uccidere, un ex-sottufficiale ha aggiunto che gli operatori sparavano “colpi di sicurezza” su quelli abbattuti, per assicurarsene la morte. (In una missione del 2011 su uno yacht dirottato al largo delle coste africane, un membro del Team 6 accoltellò un pirata 91 volte, secondo un medico legale, dopo che l’uomo e gli altri attaccanti avevano ucciso quattro ostaggi statunitensi. Gli operatori sono addestrati “per tagliare e mutilare tutte le principali arterie“, ha detto un ex-SEAL). Le regole si riducono a questo, ha detto un sottufficiale: “Se nella vostra valutazione vi sentite minacciati, in una frazione di secondo uccidete qualcuno”. Ha descritto come un cecchino dei SEAL uccise tre persone inermi, tra cui una ragazzina, in diversi episodi in Afghanistan, e disse ai superiori che sentiva rappresentare una minaccia. Legalmente ciò bastava. “Ma questo non funziona” nel Team 6, ha detto il sottufficiale. “Bisogna davvero essere minacciati“, aggiungendo che il cecchino fu cacciato dal Team 6. Una mezza dozzina di ex-ufficiali e soldati intervistati ha dichiarato di sapere di civili uccisi dal Team 6. Slabinski, ex-membro del Team 6 dei SEAL, ha detto che ha visto membri del Team 6 uccidere erroneamente civili “probabilmente quattro o cinque volte” durante le sue missioni. Diversi ex-ufficiali hanno detto che gli operatori del Team 6 venivano regolarmente interrogati quando si avevano sospetti su omicidi ingiustificati, ma di solito non ne trovavano chiare prove. “Non c’era alcun incentivo a scavare a fondo”, ha detto un ex-alto ufficiale delle Operazioni Speciali. “Cosa penso quando ci accadono cose brutte?” Chiese un altro ex-ufficiale, “Penso che ci siano state più uccisioni del dovuto? Certo“. “Penso che l’inclinazione naturale era, se si tratta di una minaccia, uccidere e poi controllare. ‘Oh, forse ho esagerato la minaccia’“, ha detto. “Se penso che i ragazzi abbiano intenzionalmente ucciso persone che non lo meritassero? Ho difficoltà a crederlo“. La morte di civili è inevitabile di ogni guerra, ma nei conflitti senza fronti distinti e dove i combattenti nemici sono spesso indistinguibili dai non combattenti, alcuni esperti di diritto militare dicono che le regole tradizionali della guerra sono obsolete e nuovi protocolli per la Convenzione di Ginevra sono necessari. Ma altri sobbalzano all’idea, dicendo che da tempo chiare norme di comportamento dovrebbero governare i torbidi combattimenti moderni. “Sottolineare queste linee e regole diventa ancora più importante quando si combatte un nemico spietato e senza legge“, ha detto Geoffrey S. Corn, ex-esperto di diritto di guerra per l’ufficio del procuratore generale dell’US Army ed ora professore al South Texas College of Law. “Questo è quando l’istinto di vendetta è forte. E la guerra non è vendetta“.
navy-seals-team-6-logo-i12 Verso la fine del dispiegamento afgano del Blue Squadron del Team 6, all’inizio del 2008, degli anziani si lamentarono dal generale inglese le cui forze controllavano la provincia di Helmand. Chiamò subito il capitano Scott Moore, comandante del Team 6 SEAL, dicendo che due anziani avevano riferito che i SEAL avevano ucciso dei civili in un villaggio, secondo un ex-membro del Team 6. Il capitano Moore affrontò i responsabili della missione, che aveva lo scopo di catturare o uccidere una figura dei taliban dal nome in codice Obiettivo Pantera. Quando il capitano Moore chiese cosa fosse successo, il comandante dello squadrone, Peter G. Vasely, negò che gli operatori avessero ucciso dei non combattenti, ma di aver ucciso tutti gli uomini che incontrarono perché erano tutti armati, secondo l’ex-membro del Team 6 e ufficiale. Il capitano Vasely, che ora sovrintende le squadre SEAL regolari della costa orientale, ha rifiutato di commentare. Il capitano Moore chiese al Joint Special Operations Command d’indagare l’episodio. In quel periodo, il comando ebbe rapporti da decine di testimoni su un villaggio in cui le forze statunitensi effettuarono esecuzioni sommarie. Un altro ex-operatore del Team sosteneva che Slabinski, al comando del Blue Squadron, indicò prima della missione che ogni maschio nel mirino doveva essere ucciso. Slabinski l’ha negato dicendo che non c’era una politica del genere. “Non ho mai detto questo ai ragazzi“, ha detto in un’intervista. Disse che nel periodo dell’incursione era turbato dopo aver visto uno degli operatori più giovani tagliare la gola di un talib morto. “Sembrava mutilasse il corpo“, ha dichiarato Slabinski, aggiungendo che subito gridò: “Smettila!” Il Naval Criminal Investigative Service poi concluse che l’operatore potrebbe aver tagliato l’equipaggiamento dal torace del combattente morto. Ma i capi del Team 6 si dissero preoccupati da alcuni operatori fuori controllo, e il protagonista dell’episodio fu rispedito negli Stati Uniti. Slabinski, sospettando che i suoi uomini non avessero seguito le regole d’ingaggio correttamente, li radunò per quello che ha definito un “discorso molto severo“. “Se qualcuno di voi sente il bisogno di punire, mi dovrebbe chiamare“, gli aveva ricordato. “Non c’è nessuno che possa autorizzarlo se non io“, disse che il suo messaggio era volto a comunicare che l’autorizzazione non sarebbe mai arrivata, perché tale comportamento non era appropriato. Ma ammise che forse alcuni dei suoi uomini l’avrebbero frainteso. Il JSOC scagionò lo squadrone dell’operazione Pantera, secondo due ex-membri del team 6. Non è chiaro quanti afghani furono uccisi nel raid o esattamente dove accadde, anche se un ex-ufficiale ha detto di ritenere fosse a sud di Lashkar Gah, capitale della provincia di Helmand. Ma le uccisioni indussero una discussione ad alto livello su come, in un Paese dove molti uomini girano armati, il Team 6 potesse “garantire che siamo solo contro i veri cattivi“, ha detto uno degli ex-capi del team. In altre inchieste, di solito gestite dal JSOC e non da investigatori dell’US Navy, nessuno è stato condannato. In genere, gli uomini venivano rimandati a casa quando preoccupazioni sorgevano; tre per esempio furono rispediti a Dam Neck dopo ilo pestaggio di un detenuto durante un interrogatorio, secondo un ex-ufficiale, così come alcuni membri del team coinvolti in uccisioni dubbi. Più di un anno dopo, un’altra missione creò forti proteste degli afghani. Appena dopo la mezzanotte del 27 dicembre 2009, decine di truppe statunitensi e afghane sbarcarono dagli elicotteri a parecchie miglia dal piccolo villaggio di Ghazi Khan, nella Provincia di Kunar, e camminarono verso i villaggio nel buio. Quando se ne andarono, 10 residenti erano stati uccisi.
Ciò che successe quella notte è ancora discusso. Lo scopo della missione era catturare o uccidere un operativo dei taliban, ma fu subito evidente che nessun capo talib erano presente. La missione si basava su informazioni errate, un problema che ha tormentato le operazioni degli Stati Uniti per anni in Afghanistan. Un ex-governatore della provincia indagò e accusò gli statunitensi di aver ucciso degli studenti. La missione delle Nazioni Unite in Afghanistan rilasciò una dichiarazione dicendo che una prima indagine concluse che “otto delle vittime erano studenti iscritti nelle scuole locali“. Il portavoce militare statunitense inizialmente disse che i morti facevano parte di una cellula di insorti che costruiva ordigni esplosivi improvvisati. Alla fine, abbandonarono tale spiegazione. Ma alcuni militari statunitensi ancora insistono che i giovani erano armati e legati ai taliban. Una dichiarazione della NATO affermò che gli autori del raid “non erano militari”, apparentemente un riferimento alla CIA, a capo dell’operazione. Ma i membri del Team 6 avevano partecipato a quella missione. Nell’ambito del programma segreto Omega, si unirono a una forza d’assalto composta da agenti CIA, paramilitari e soldati afgani addestrati dall’agenzia di spionaggio. Da allora, il programma iniziato con la guerra afghana era cambiato. Le incursioni in Pakistan furono limitate perché difficile operarvi senza essere notati da soldati pakistani e spie, così le missioni furono per lo più limitate alla parte afghana del confine. Nel tempo, il Generale McChrystal, divenuto comandante in capo statunitense in Afghanistan, rispose alle lamentele di Karzai sui morti civili serrando le norme sui raid notturni e ridimensionando il ritmo delle operazioni speciali. Dopo anni di raffinazione delle tecniche per infiltrarsi nelle sedi del nemico, il Team 6 veniva spesso chiamato “per invitare alla resa” prima di attaccare un sito, come lo sceriffo che annuncia con il megafono, “Vieni fuori con le mani in alto“. Slabinski ha detto che le vittime civili si ebbero più spesso durante l'”appello alla resa”, che avrebbe dovuto mitigare proprio tali perdite. I combattenti nemici, ha detto, a volte inviavano i famigliari per poi sparare da dietro di loro, o davano ai civili torce per farsi segnalare posizioni degli statunitensi. O’Neill, ex- membro del Team 6, conveniva che le norme potessero essere frustranti. “Ciò che abbiamo capito era che maggiore è il margine di manovra nei danni collaterali, più efficaci eravamo non perché ce ne avvantaggiavamo, ma sapendo che non ci avremmo ripensato”, ha detto in un’intervista. “Quando c’erano più regole, era più difficile“.

1-93216Missioni di salvataggio
Anni fa, prima dei raid notturni afghani e delle missioni di guerra, il Team 6 dei SEAL si addestrava costantemente nel salvataggio degli ostaggi, missioni pericolose e difficili in cui non ebbero mai la possibilità di esibirsi prima del 2001. Da allora, il gruppo ha tentato almeno 10 salvataggi che furono tra i successi più celebri e i fallimenti più amari. Gli operatori dicono che i salvataggi sono considerati missioni “in cui non si sbaglia”, dove muoversi velocemente ed esporsi a rischi maggiori rispetto a qualsiasi altro tipo di operazione, per proteggere gli ostaggi colpiti o altrimenti feriti. I SEAL spesso finiscono per uccidere la maggior parte dei rapitori. Il primo saavataggio di alto profilo avvenne nel 2003, quando il Team 6 dei SEAL recuperò la soldatessa Jessica Lynch, ferita, catturata e tenuta in un ospedale nei primi giorni della guerra in Iraq. Sei anni più tardi, i membri del Team 6 balzarono da un aereo cargo nell’Oceano Indiano con le loro barche d’assalto appositamente progettate prima della missione di salvataggio di Richard Phillips, il capitano della Maersk Alabama, nave portacontainer dirottata da pirati somali. Gli operatori ripresi da un video mostrato da O’Neill, si paracadutarono con le pinne legate agli stivali dopo aver lanciato le quattro piccole e veloci barche dalle caratteristiche stealth per eludere i radar, legate a più paracaduti. I cecchini dei SEAL infine uccisero tre pirati. Nel 2012, gli operatori si tuffarono dal cielo in Somalia per liberare una cooperante statunitense, Jessica Buchanan, e il collega danese Poul Hagen HALOThisted. Il JSOC considera alte prestazioni come standard per tali missioni. I SEAL usarono una tecnica di paracadutismo a caduta libera chiamata “Haho“, per alta apertura a quota alta con cui, saltando da alta quota e guidati dal vento per molte miglia, si attraversa una frontiera di nascosto, un’azione così rischiosa che negli anni molti uomini sono morti addestrandovisi. Buchanan ha ricordato che quattro dei sequestratori erano a 5 metri da lei, quando il Team 6 si avvicinò col favore delle tenebre. Uccisero i nove rapitori salvando i cooperanti. “Fin quando non si identificarono, non credevo che un salvataggio fosse possibile“, ha detto la signora Buchanan in un’intervista. Nell’ottobre 2010, un membro del Team 6 commise un errore durante il tentativo di salvare Linda Norgrove, cooperante inglese di 36 anni prigioniera dei taliban. Il disastro si ebbe nei primi due minuti dopo che gli operatori erano saltati dagli elicotteri nelle montagne della provincia di Kunar, scivolando giù per 20 metri di corda intrecciata per un ripido pendio, secondo due alti ufficiali. Mentre scendevano nel buio verso la sede dei taliban, il nuovo membro del team si confuse, ha poi detto agli investigatori. La sua arma s’era inceppata. “Pensare a un milione di miglia di un minuto” ha detto, gettò una granata su coloro che credeva fossero dei combattenti nascosti in un fosso. Ma dopo lo scontro a fuoco che uccise diversi taliban, i SEAL trovarono l’ostaggio, con abiti scuri e una sciarpa testa, morta nel fosso. Inizialmente, l’operatore che lanciò la granata e un altro membro dell’unità riferì che Norgrove fu uccisa da un giubbotto esplosivo suicida, ma la storia andò subito a pezzi. Il video di sorveglianza mostra che morì quasi istantaneamente da ferite di frammentazione su testa e schiena causate dall’esplosione della granata, osservava il rapporto investigativo. L’inchiesta congiunta dei governi statunitense ed inglese concluse che l’operatore che aveva gettato la granata aveva violato le procedure per la liberazione di ostaggi. Fu espulso del Team 6, anche se ebbe il permesso di rimanere in un’altra unità SEAL. Un’operazione di salvataggio, due anni dopo, riuscì a liberare un medico statunitense, anche se a caro prezzo. Una notte nel dicembre del 2012, un gruppo di operatori del Team 6 che indossavano occhiali per la visione notturna irruppe in una villetta in Afghanistan, dove i taliban detenevano il dottor Dilip Joseph, che lavorava con un’organizzazione umanitaria. Il primo operatore ad entrare fu abbattuto da un colpo alla testa, gli altri risposero con efficienza brutale, uccidendo tutti e cinque i rapitori. Ma il dottor Joseph e altri ufficiali diedero dei resoconti nettamente diversi sul raid. Il medico ha detto in un’intervista che un 19enne, di nome Wallakah, fu il solo sequestratore a sopravvivere all’assalto. Fu catturato dagli operatori SEAL e si sedette a terra, le mani intorno le ginocchia, la testa in basso, ha ricordato il medico. Wallakah, secondo lui, aveva sparato all’operatore del Team 6. Pochi minuti dopo, in attesa di salire a bordo di un elicottero per la libertà, il dottor Joseph disse a uno dei suoi soccorritori SEAL di riportarlo in casa, dove vide alla luce della luna Wallakah giacere in una pozza di sangue, morto. “Ricordo queste cose chiaramente come il giorno“, ha detto il medico. Ufficiali delle forze armate, parlando solo in base all’operazione classificata, hanno sostenuto che tutti i rapitori furono uccisi subito dopo che la squadra SEAL era entrata e xhw Wallakah non era mai stato fatto prigioniero. Hanno anche detto che il dottor Joseph sembrava disorientato, al momento e non rientrò nella casa, né poteva vedere quello che accadeva nella notte buia. Due anni dopo, il dottor Joseph è grato per il salvataggio e il sacrificio del sottufficiale Nicolas D. Checque, il membro del team ucciso in missione. Ma ancora si chiede cosa sia successo a Wallakah. “Ci misi settimane a venire a patti con l’efficienza del soccorso“, ha detto il dottor Joseph. “Fu così chirurgica“.

new-SEALS-maps-1040Una Forza di Spionaggio Globale
Da una serie di basi lungo il confine con l’Afghanistan, il Team 6 regolarmente invia locali nelle aree tribali del Pakistan per raccogliere informazioni. Il team ha trasformato i grandi e variopinti camion “tintinnanti”, popolari nella regione, in stazioni di spionaggio mobili, nascondendo sofisticate apparecchiature d’intercettazione nei camion, utilizzando dei pashtun per guidarli oltre il confine. Fuori dalle montagne del Pakistan, il team si è anche avventurato nel sud-ovest del deserto del Paese, compresa la regione instabile del Baluchistan. Una missione quasi finì in un disastro quando i militanti spararono una granata a razzo sfondando il tetto della loro villetta e facendo finire la sovrastante squadra di 6 cecchini in mezzo al piccolo gruppo di combattenti, che un cecchino statunitense vicino uccise rapidamente, ha raccontato un ex-operatore. Oltre Afghanistan e Pakistan, i membri del Team 6 Black Squadron sono sparsi in tutto il mondo in missioni di spionaggio. Originariamente l’unità dei cecchini del Team 6, il Black Squadron, fu riconfigurato dopo gli attacchi dell’11 settembre per condurre “operazioni d’avanguardia”, gergo militare per la raccolta di informazioni e altre attività clandestine in preparazione di una missione speciale. Era un concetto particolarmente popolare nel Pentagono dell’ex-segretario alla Difesa Donald H. Rumsfeld. A metà dello scorso decennio, il Generale McChrystal aveva designato il Team 6 a un ruolo più ampio nelle missioni di raccolta a livello mondiale, e gli operatori del Black Squadron sono schierati nelle ambasciate statunitensi dall’Africa sub-sahariana all’America Latina e al Medio Oriente. Il Team 6 dei SEAL usa valigie diplomatiche per inviare regolarmente documenti classificati e altro materiale diplomatico statunitense, e avere le armi per gli operatori del Black Squadron di stanza all’estero, secondo un ex-membro. In Afghanistan, gli operatori del Black Squadron indossano abiti tribali, di nascosto piazzano telecamere e dispositivi di ascolto nei villaggi ed interrogano i residenti nei giorni o settimane precedenti le incursioni notturne, secondo molti ex-membri del Team 6. L’unità adotta società di copertura per gli operatori del Black Squadron in Medio Oriente, e gestisce stazioni di spionaggio galleggianti camuffate da navi mercantili al largo delle coste di Somalia e Yemen. Membri del Black Squadron lavoravano nell’ambasciata statunitense a Sana, capitale yemenita, al centro della caccia ad Anwar al-Awlaqi, il religioso radicale e cittadino statunitense affiliato ad al-Qaida nella penisola arabica. Fu ucciso nel 2011 da un drone della CIA. Un ex-membro del Black Squadron ha detto che in Somalia e Yemen gli operatori non sono autorizzati a sparare, a meno che obiettivi di alto valore siano nel mirino. “Al di fuori di Iraq e Afghanistan non gettiamo alcuna rete“, ha detto l’ex-membro. “Facciamo tutt’altro“. Il Black Squadron ha qualcosa che il resto del Team 6 dei SEAL non ha: le operatrici, donne dell’US Navy ammesse al Black Squadron e inviate all’estero per raccogliere informazioni, di solito nelle ambasciate con controparti maschili. Un ex-ufficiale del Team 6 ha detto che i membri maschili e femminili del Black Squadron spesso lavorano in coppia. Si chiama “profilo d’ammorbidimento”, rendendo la coppia meno sospetta ai servizi segreti ostili o ai gruppi militanti. Il Black Squadron ora ha più di 100 membri, la sua crescita coincide con l’espansione delle minacce percepite nel mondo. Riflette inoltre il cambio tra i responsabili politici statunitensi. Dall’ansioso utilizzo dei guerrieri ombra negli anni seguenti la debacle del 1993, il “Black Hawk Down” di Mogadiscio in Somalia, i funzionari del governo oggi sono disposti a mandare unità come il Team 6 dei SEAL nei conflitti, che gli Stati Uniti ne riconoscano il ruolo o meno. “Quando c’ero io, eravamo sempre a caccia di guerre“, ha dichiarato Zinke, deputato ed ex-operatore del Team 6. “Questi ragazzi le hanno trovate“.

Bing-Map-of-Osama-Compound-Mockup-620x324Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La decennale guerra degli USA contro la Cina

Robert S. Rodvik Rete Voltaire, 13 gennaio 2013

Dopo decenni di azioni segrete destinate a rovesciare il governo comunista della Cina, nel 1989 la CIA lanciò la prima delle sue cosiddette rivoluzioni “colorate” che, fallita, non raggiunse lo scopo, venendo denominata così in un secondo tempo, in Europa orientale e Georgia. L’azione si svolse a Pechino, dove la CIA aveva preparato una consorteria di “studenti” per spodestare il governo.

peaceful-manCon una scoperta fortuita mi è capitato un piccolo articolo sepolto a pagina 20 di The Sun Vancouver del 17 settembre 1992, attribuito all’Associated Press. Fu l’unico pezzo ovviamente sfuggito ai gatekeeper che ci offrono “l’unica notizia adatta alla stampa“. L’articolo era intitolato: “Tiananmen – la reazione dell’uomo della CIA fraintesa, dicono le fonti“. [1] Dimenticate il titolo. Tutti i titoli sono creati da persone diverse dall’autore, e spesso hanno poco senso con il contenuto del pezzo. In questo caso la storia è estremamente indispensabile per la verità, e questa dell’AP è stata una vera rivelazione, per quanto alla verità sia interessata. L’articolo inizia così: “Il capo della stazione della CIA in Cina ha lasciato il Paese due giorni prima che le truppe cinesi attaccassero i manifestanti nella capitale Pechino, nel 1989, dopo la previsione che i militari non avrebbero agito, secondo dei funzionari degli Stati Uniti… La CIA aveva fonti tra i manifestanti, così come nei servizi d’intelligence della Cina con sui è in rapporti dal 1970, hanno detto i funzionari, che parlavano in condizione di anonimato“. Molto più che per le “fonti”, tuttavia, fu per i metodi attuati per rovesciare la leadership comunista del Paese, perseguiti per decenni. L’articolo continua: “Mesi prima dell’attacco contro i manifestanti del 3 giugno, la CIA aveva aiutato gli attivisti a formare il movimento anti-governativo fornendo macchine da scrivere, fax e altre apparecchiature per diffondere i loro messaggi, ha detto un funzionario. La CIA ha rifiutato di rilasciare dichiarazioni“. Un ulteriore articolo su The Vancouver Sun del 31 maggio 1999 e attribuito al Washington Post [2] apparve poco dopo il bombardamento degli Stati Uniti dell’ambasciata cinese a Belgrado, in Jugoslavia. Fu la risposta ufficiale ai continui commenti anti-cinesi degli USA sulla versione occidentale degli eventi di Tienanmen. L’articolo inizia così: “La Cina ha accusato gli Stati Uniti d’incitare le massicce proteste in piazza Tiananmen, che scossero Pechino un decennio fa nell’ambito di una strategia per promuovere il caos politico in Cina“. Il Washington Post indica ciò che pensa di una simile affermazione, dicendoci che proviene dal “parlamento formale” della Cina. Naturalmente siamo d’accordo che tutto ciò che il Post riporta dalla Cina sicuramente dev’essere delirante, mentre ciò che proviene da Washington è senz’ombra di dubbi. L’articolo del Post continua con tale affermazione sulla fonte parlamentare cinese: “Gli Stati Uniti ‘ebbero un ruolo inglorioso’ nelle proteste del 1989 che ‘diressero e pianificarono consegnando denaro e beni a sostegno dei manifestanti’ afferma la dichiarazione… gli USA diffusero anche ‘voci orribili utilizzando i loro media per ingannare la comunità internazionale’ ha detto”. L’articolo del Post sembra deplorare qualsiasi particella d’informazione proveniente dalla Cina, chiudendo dicendo: “Il governo continua la critica implacabile degli Stati Uniti per il bombardamento dell’ambasciata cinese a Belgrado del 7 maggio, secondo cui aveva lo scopo di destabilizzare la Cina“. [3] Immaginate i cinesi protestare solo perché gli USA hanno bombardato la loro ambasciata e ucciso loro funzionari. Immaginate una situazione al rovescio con la Cina che bombarda l’ambasciata degli Stati Uniti dai qualche parte nel mondo. Quanto pensate passerebbe prima che i bombardieri B2 decollino. Il che mi porta a un’altra scoperta sorprendente, le foto dei veri “studenti” della CIA nelle loro “proteste per la democrazia”, ancora scomparse dalla realtà, e poco dopo la rivista che le ha pubblicate, 028China Review, scomparire del tutto dal mondo della stampa. Il numero del luglio 1989 contiene una serie di fotografie delle violenze dei “pacifici” partecipanti, blindati e autocarri militari demoliti e in rovina; “Studenti” con fucili d’assalto, ecc. A quanto pare l’addestramento della CIA andava oltre i telefax. [4] Si dà il caso che vidi il documentario della PBS Frontline del 2006 dal titolo “Tank Man”. Tra i protagonisti vi era il professor Timothy Brook, docente di Storia cinese presso l’Università della British Columbia di Vancouver. Il professor Brook potrebbe aver lavorato per la CIA per quanto si riferisse agli spregevoli (secondo lui) crimini della Cina del docudrama. Riuscì a telefonare al professore Brook, certificando che parlavo con l’uomo giusto, e gli chiesi se sapeva del coinvolgimento della CIA in tutta la dolorosa vicenda e nella distruzione di molte forze dell’EPL. Il professor Brook affermò che tale incidente accadde. Risposi dicendo che gli avrei spedito copie nel mio materiale, come feci. Fu l’ultima volta che sentì il capo del dipartimento cinese dell’UBC, dimostrando che i divulgatori d’informazione nel sistema universitario sono poco più che propagandisti dell’imperialismo occidentale.

Bombardamento dell’ambasciata cinese
Kineska-ambasada-obr La notte del 7 maggio 1999, tre missili della NATO colpirono un punto critico dell’ambasciata cinese a Belgrado, in Jugoslavia, che ospitava la stanza di raccolta di informazioni elettroniche. In un primo momento l’atrocità fu attribuita dagli Stati Uniti a mappe obsolete che non indicavano l’ambasciata nella posizione corretta. Fu patetico e non convinse nessuna, meno di tutti i cinesi che esplosero con reazione furiosa per i 26 feriti e tre uccisi dell’attacco intenzionale. Risulta che la CIA avesse espressamente scelto il bersaglio che, secondo essa, era puramente accidentale dovuto a mappe obsolete. Fu una “pura coincidenza”, ha detto un anonimo funzionario del Pentagono. “L’errore è dovuto ai dati originali. Erano superati. Credo fosse una mappa del 1992, quando avrebbe dovuto essere una mappa aggiornata“. [5] Ulteriore spiegazione della storia, ovviamente fraudolenta, viene offerta al lettore: “Solo dopo il disastro la CIA svelò due mappe che ponevano nel modo accurato l’ambasciata… Un ultimo backup fallì quando diverse banche dati informatizzate dei siti esclusi dai bombardamenti, come ambasciate, ospedali e chiese, non diede la posizione corrente dell’ambasciata cinese“. [6] E se non credi a ciò che vedo, ho un ponte da venderti. I commenti seguirono una pista diversa in seguito, nell’ottobre 1999, quando The Observer di Londra contestò la versione ufficiale degli Stati Uniti con il titolo: La NATO ha bombardato i cinesi deliberatamente, affermando tra l’altro che: “La NATO ha deliberatamente bombardato l’ambasciata cinese a Belgrado durante la guerra in Kosovo, dopo aver scoperto che trasmetteva comunicazioni dell’esercito jugoslavo. Secondo alte fonti militari e d’intelligence di Europa e Stati Uniti, l’ambasciata cinese fu rimossa dalla lista dei bersagli vietati dopo che l’intelligence elettronica (Elint) della NATO rilevò l’invio di segnali militari alle forze di Milosevic. Un ufficiale del controllo del volo della NATO a Napoli, ci ha anche confermato che la mappa dei “non-obiettivi”: chiese, ospedali e ambasciate, tra cui quella cinese, esisteva. Su tale mappa l’ambasciata cinese era correttamente sul sito attuale, e non dov’era fino al 1996, come sostengono Stati Uniti e NATO“. [7]
chinese-ambulance Se, tuttavia, la banda NATO disponeva di un simile elenco di “non-bersagli”, come già citato, allora perché bombardò ospedali, case di riposo, chiese, scuole e altri luoghi civili? Uno studio storico del terrorismo della NATO ne stabilisce senza ombra di dubbio il disprezzo criminale per i civili, ovunque il suo apparato militare si scateni. Lo stesso giorno in cui l’ambasciata cinese fu colpita, i bombardieri della NATO colpirono anche Nis, la terza città della Jugoslavia, bombardando un ospedale e un mercato all’aperto pieno di civili, “uccidendo 15 persone e ferendone 70″. “I giornalisti furono portati a Nis, città industriale a 195 km a sud-est di Belgrado, per mostrare la devastazione dall’attacco con cluster bomb che colpì un mercato e un complesso ospedaliero… Gli edifici furono crivellati dalle bombe con esplosivi a scoppio ritardato (sganciando piccole bombe che si aprono a ventaglio per uccidere su un ampio raggio, spargendo indiscriminatamente esplosivi e trasformando il suolo colpito in un mostruoso campo di sterminio”. [8] Dopo un lungo studio del bombardamento dell’ambasciata, trovo che il resoconto dell’Observer sul perché la NATO colpì l’ambasciata, sia menzognero. Perché i cinesi passavano le comunicazioni dalla capitale alle truppe jugoslave sul campo? Cosa avevano da guadagnarci? Credo che ci sia una spiegazione più credibile. Il motivo reale dell’attacco era insabbiare i crimini di guerra della NATO che si verificavano quasi ogni giorno, e la postazione d’ascolto cinese situata nell’ambasciata bombardata intercettava gli ordini emessi dalla NATO chiaramente rivelandone i crimini. I cinesi dovevano essere messi a tacere e le loro operazioni chiuse, non importando le conseguenze. Prendete, per esempio, la colonna di profughi albanesi del Kosovo su trattori e carretti. La colonna che Stati Uniti e NATO bombardarono uccidendone a decine. Come il Globe and Mail di Toronto: “Le autorità jugoslave hanno detto che aerei della NATO hanno ucciso più di 60 albanesi kosovari in un attacco contro una colonna di profughi. Una strada disseminata dei corpi di rifugiati è stata mostrata alla televisione serba e giornalisti stranieri sono stati accompagnati sul sito a filmare la carneficina. La televisione serba ha rivelato estratti ciò che ha definito conversazione registrata di un pilota della NATO a cui viene ordinato di attaccare un convoglio civile in Kosovo, nonostante vedesse solo auto e trattori. Ha detto che la conversazione era tra il pilota e un aereo radar di allarme precoce (AWACS). L’estratto ha riguardato il momento critico in cui il pilota individuava il convoglio. Alla domanda se ci fossero dei carri armati nel convoglio, ha detto che vedeva solo auto e trattori. Ma l’altro aereo rispose “E’ un obiettivo militare, un obiettivo militare del tutto legittimo. Distruggere il bersaglio…” [9]. Questo, credo, è il motivo per cui il posto di ascolto venne distrutto. La capacità d’intercettare le comunicazioni della NATO era molto più dannosa per la credibilità della NATO di qualsiasi altro motivo presunto. Gli aerei AWACS guidavano tutti i bombardamenti della NATO e la possibilità di registrare le comunicazioni presentava la grave situazione di criminali di guerra che attivamente attaccavano non-bersagli: ospedali, chiese, mercati, ponti, industrie, stazioni televisive e praticamente ogni bersaglio immaginabile. I cinesi, umiliati per l’incapacità di rispondere, prestarono attenzione e si resero conto che Stati Uniti e satrapi partner avvertivano che la Cina era una tigre di carta senza sostanza, e che era la prossima nella lista degli aggressori imperialisti. Da qui, credo, cominciarono a dedicare seriamente un maggiore bilancio per sviluppare le proprie forze militari. Fu, decisero gli analisti cinesi, il campanello d’allarme che li convinse della necessità di una maggiore reattività, sicuramente comprendendo che senza un esercito efficace, le loro economia e sovranità avrebbero subito un attacco comprendente anche armi nucleari. Con il pivot di Obama verso il Pacifico, credo che sia solo questione di tempo!

Note
[1] The Vancouver Sun, “TIANANMEN – CIA man misread reaction, sources say”, 17 settembre 1992, p.A20.
[2] Michael Laris, “Beijing Blames America For Tiananmen Protests“, The Washington Post, 31 maggio 1999.
[3] The Vancouver Sun, “U.S. had ‘inglorious role’ in 1989 protest, China says“, 31 maggio 1999, p.A2.
[4] China Review, luglio 1989, pp. 31-43.
[5] Il presidente della commissione del Senato USA per l’intelligence Richard Shelby, 10 maggio, spiega perché la Central Intelligence Agency diresse la NATO nel bombardare l’ambasciata cinese a Belgrado uccidendo quattro (?) persone. (Altri resoconti parlano di tre uccisi).
[6] The New York Times, “In Fatal Error, C.I.A. Picked a Bombing Target Only Once: The Chinese Embassy“, 23 luglio 1999, p.A9.
[7] The Observer, “NATO bombed Chinese deliberately“, John Sweeney and Jens Holsoe in Copenhagen and Ed Vulliamy in Washington, 17 Ottobre 1999.
[8] The Globe and Mail, “NATO bombs Chinese embassy“, Julijana Mojsilovic, Reuters News Agency, Belgrade, 8 maggio 1999, p.A1.
[9] The Globe and Mail, “Reports on bombing cloud the picture“, 19 aprile 1999, p.A7

wrong-mapIl massacro di piazza Tiananmen è mitologia
Gregory Clark, Global Research, 7 giugno 2015

TS-crIl 4 giugno 2015 per molti segna il 26° anniversario del massacro di piazza Tiananmen. Ciò che in realtà dovrebbe segnare è l’anniversario di una delle più spettacolari operazioni di disinformazione del Regno Unito, quasi come le mitiche armi di distruzione di massa irachene. La storia originale delle truppe cinesi che nella notte del 3 e 4 giugno 1989 mitragliarono centinaia di innocenti studenti che protestavano nell’iconica piazza Tiananmen a Pechino, fu poi completamente screditata da molti testimoni diretti, tra cui una troupe televisiva spagnola, un corrispondente di Reuters e gli stessi manifestanti che dicono che non fosse successo null’altro che un’unità militare arrivare e chiedere a centinaia di presenti di lasciare la piazza a tarda notte. Eppure tutto ciò non ha impedito che il massacro venga riproposto costantemente, e creduto. Tutto ciò che accadde è che la posizione fu modificata, dalla piazza alle strade che portano alla piazza. La storia originale iniziò con un lungo articolo pubblicato sei giorni dopo dal South China Morning Post di Hong Kong su un presunto manifestante la cui sorte non fu mai accertata (E’ il Buazizi cinese. NdT). Spacciare storie anonime è la tecnica preferita dalla disinformazione inglese, ma non ha impedito che apparisse sulla prima pagina del New York Times del 12 giugno, insieme a foto di veicoli trasporto truppe incendiati seguite dalla foto del tankman, il presunto studente solitario che tentava di non fare entrare nella piazza una fila di carri armati dell’esercito. Il mito della strage, da allora ha messo radici. È vero, nessuno nega che numerosi cittadini e studenti furono uccisi nei pressi della piazza dai soldati, apparentemente fuori controllo. Ma perché? Torniamo a quelle foto dei mezzi incendiati. Il punto di vista popolare è che furono incendiati dai manifestanti arrabbiati dopo la sparatoria. In realtà furono incendiati prima. La prova? Rapporti su cadaveri carbonizzati appesi sotto di cavalcavia (quello fotografato dalla Reuters rimane inedito), e di soldati feriti che cercano rifugio nelle case vicine. I soldati in questo tipo di situazione usano le armi, basta chiedere ai buoni cittadini di Falluja, in Iraq. Per fortuna abbiamo anche i rapporti orari dell’ambasciata statunitense a Pechino, disponibili su Internet, che ci dicono cosa realmente accadde. Svelando che in origine le autorità di Pechino avevano inviato truppe disarmate per cacciare dalla piazza gli ultimi studenti mentre le proteste cominciavano a terminare. Bloccati dalla folla, le truppe furono assediate e questa volta bloccate da una folla armata di bombe molotov, con risultati gravi. Anche così, alcune unità cercarono di trattenere i soldati infuriati. Un rapporto dell’ambasciata parla degli studenti che uccisero un soldato che cercava di entrare nella piazza, spiegando la carneficina nei dintorni.
TS-crSul tankman, sappiamo dal cameraman che lo riprese nella foto ampiamente pubblicizzata, presa dalla finestra dell’albergo il giorno dopo gli scontri, che i carri armati stavano andando via e non entrando nella piazza. Un rapporto dettagliato dall’autorevole Columbia Journalist Review, ‘Il Massacro di Tienanmen è un mito e prezzo della stampa passiva‘ allora prese atto della preferenza dei media per il sangue e storie dell’orrore. Ma niente di tutto ciò sembra aver intaccato la credibilità della storia del massacro di Tiananmen. È vero, parte della colpa è anche di Pechino. Le sue campagne contro i capi della protesta e le accuse su complotti antiregime non fecero buona impressione. Ma aveva le sue ragioni. Frustrati, la lunga protesta iniziò a dissiparsi, alcuni dei capi studenteschi chiesero l’intervento di folle inferocite ancora intorno alla piazza. E come fece quella folle ad avere bombe molotov, arma non utilizzata dai rivoltosi cinesi e ritenuta responsabile della distruzione di oltre 400 veicoli? Il regime aveva tollerato i manifestanti, consentendogli di occupare la piazza centrale per sei settimane. Il segretario generale del partito aveva cercato invano di negoziare, e poi rammaricato dalla mancanza di mezzi di controllo della folla, dovette affidarsi a soldati non addestrati. Poi di nuovo, niente di tutto questo sarebbe successo se il regime non avesse avuto colpe in passato. Le parole del noto scrittore di Taiwan Hou Dejian, che fece lo sciopero della fame in piazza per  solidarietà agli studenti, dicono tutto: “Qualcuno ha detto 200 morti in piazza altri numeri più alti come 2000 morti. Ci furono anche storie di carri armati che schiacciavano gli studenti che cercavano di andare via. Devo dire che non ho visto nulla di tutto questo. Io stesso fui in piazza fino alle 6:30 del mattino. “Continuo a pensare, dobbiamo utilizzare le menzogne per attaccare un nemico che mente?

1076535352Gregory Clark è un ex-diplomatico australiano, lettore di cinese e presidente degli universitari in Giappone.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Su-24 contro AEGIS, secondo atto shakespeariano

Dedefensa 5 giugno 2015270524Lo scorso 30 maggio s’è avuto un primo “incidente” tra un cacciatorpediniere lanciamissili dotato del sistema di difesa aerea ABM tipo AEGIS, l’USS Ross (DDG-71) e ‘dei’ (numero non specificato) Su-24 russi. Gli aerei provenivano da una base costiera conducendo una dimostrazione d’interdizione, perché il comando russo credeva che l’USS Ross seguisse una rotta che gli avrebbe permesso di entrare nelle acque territoriali russe. (Due “incidenti” di questo tipo coinvolgenti gli stessi tipi di aerei russi e navi statunitensi, questa volta accompagnate da una nave da guerra ucraina, hanno avuto luogo il 31 maggio e 1° giugno.) I russi affermano di aver costretto la nave a cambiare rotta; l’US Navy ha detto che non è accaduto semplicemente perché l’USS Ross non puntava affatto sulle coste russe. Tutto ciò avviene nel Mar Nero, che bagna sia Ucraina e Russia, divenuto uno dei luoghi preferiti da esercitazioni, manovre e crociere per mostrare bandiera delle navi della Sesta Flotta USA del Mediterraneo. Tali pressioni sono classiche nelle crisi, ma il fatto è che nell’attuale situazione eccezionale, “la crisi” non è più un evento eccezionale che promette di essere riassorbita appena dopo aver raggiunto il culmine, ma piuttosto una volta avviata non si ferma e diventa infrastrutturale (infrastrutture critica).
L’incidente è molto simile a quello dello scorso aprile 2014, che coinvolse un cacciatorpediniere AEGIS della classe Arleigh Burke, l’USS Donald Cook (DDG-75) e un Su-24 russo. (Vedi 23 aprile 2014: “USS Cook vs Su-24″) Un testo di WSWS del 2 giugno 2015, ripreso da Mondialisation il 4 giugno 2015, indica i dettagli del caso, in particolare menzionando anche l’incidente dell’aprile 2014, negli stessi termini di una “fonte militare russa” di RIA Novosti. “Aerei da guerra russi hanno intercettato il 30 maggio il cacciatorpediniere lanciamissili USS Ross, sul Mar Nero al largo delle coste russe, secondo quanto riferito dai media russi. La nave statunitense navigava lungo le acque territoriali russe, e poi prese una rotta che l’avrebbe portata nelle acque territoriali russe, una situazione tale da provocare lo scontro militare tra forze russe e statunitensi. L’equipaggio della nave agiva in maniera provocatoria e aggressiva, preoccupando gli operatori delle stazioni di sorveglianza e delle navi della Flotta del Mar Nero. Un aereo d’attacco Su-24 è decollato su allerta dimostrando la volontà d’impedire con la forza violazioni di confine e di difendere gli interessi del Paese“, ha detto la fonte militare russa all’agenzia RIA Novosti. L’aereo d’attacco Su-24 è decollato per intercettare l’USS Ross che improvvisamente cambiava rotta. “A quanto pare, gli statunitensi non hanno dimenticato l’incidente dell’aprile 2014, quando un Su-24 praticamente ‘mise fuori uso’ tutta l’elettronica avanzata del cacciatorpediniere statunitense Donald Cook”, aggiungeva la fonte.Il significato delle dichiarazioni che l’esercito russo sia pronto ad impedire con la forza la violazione delle acque territoriali russe da parte di navi da guerra degli Stati Uniti è inequivocabile e terrificante allo stesso tempo. Dato che la NATO ha sostenuto il colpo di Stato a Kiev lo scorso anno, l’escalation dei suoi dispiegamenti militari ed esercitazioni al confine con la Russia e sui mari limitrofi, ha portato il mondo sull’orlo di una guerra tra potenze nucleari. La NATO, che mostra incredibile irresponsabilità, dispiega navi e aerei da guerra nel Mar Glaciale Artico, Mar Baltico e Mar Nero, tutti ai confini della Russia. (…) Ciò crea una situazione in cui un piccolo errore di navigazione può affondare una nave da guerra statunitense, innescando un attacco missilistico statunitense sulla Russia e portando all’escalation della guerra tra potenze con arsenali nucleari in grado di distruggere il pianeta più volte. Il Pentagono ha confermato l’incidente nel Mar Nero e che il dispiegamento dell’USS Ross nella regione era stato annunciato pubblicamente. La portavoce del Pentagono Eileen Lainez ha detto che l’USS Ross era “sempre in acque internazionali, per operazioni di routine“. Parlando al forum sulla sicurezza Shangri-La Dialogue di Singapore, il segretario della Difesa russo Anatolij Antonov avvertiva che il dispiegamento di navi lanciamissili statunitensi in prossimità dei confini russi ‘è un pericolo per la stabilità strategica’ tra i due Paesi“. … Ma ciò che è notevole dell’incidente, il cui carattere politico-militare è un alquanto esagerato in relazione alla “routine”, è la precisione della “fonte militare russa” fatta a RIA Novosti secondo cui “gli statunitensi non hanno dimenticato l’incidente dell’aprile 2014, quando un Su-24 praticamente ‘mise fuori uso’ tutta l’elettronica avanzata del cacciatorpediniere statunitense Donald Cook“. In realtà, questa affermazione semi-formale su una rete statale russa, appare come una sorta di conferma o se vogliamo di considerazione semi-ufficiale. “Confermo, anche se non dico nulla ufficialmente” ciò che è solo un apprezzamento non ufficiale. Fu questo l’aspetto dell’incidente dell’aprile 2014 tra il Su-24 e l’USS Donald Cook, riferito nel testo del 23 aprile 2014 nei seguenti termini: “…Poi apparve l’informazione che il Su-24 aveva eseguito una vera e propria dimostrazione “operativa” del sistema d’inganno elettronico che accecò completamente il sistema AEGIS del Donald Cook, il potente sistema elettronico di difesa antiaerea e antimissile che costituisce la maggior parte della difesa aerea della flotta degli Stati Uniti. (Il sistema AEGIS è ancora più importante, essendo anche parte assai importante del grande network ABM che gli Stati Uniti sviluppano da anni, ufficialmente contro l’Iran ma operativamente contro la Russia. Si tratta dell’importanza non solo militare, ma anche politica dell’AEGIS). Il sistema russo in questione viene designato ‘Khibinij’. Dopo l’incidente, l’USS Donald Cook si recò in un porto rumeno apparentemente per riparazioni, e una notizia disse che 27 membri dell’equipaggio si erano congedati. La notizia fu diffusa il 21 aprile 2014 da una radio russa in India, sul sito “Indian.ruvr.ru”, dando la parola a Pavel Zolotarev, vicedirettore dell’Istituto per USA e Canada di Mosca (importante istituto russo che collabora con la leadership russa)“.
nato-ships-black-sea.si Dal punto di vista degli Stati Uniti, cioè dell’US Navy, ritornando all’affare del 30 maggio – 1 giugno, c’è la volontà di essere calmi, flemmatici, del “tutto va come previsto senza alcun incidente e nulla fuori dall’ordinario“, secondo il commento di Shakespeare su Molto rumore per nulla (“Dal nostro punto di vista si tratta di molto rumore per nulla“, ha detto il portavoce dell’US Navy tenente Tim Hawkins all’USNI News). Tuttavia, l’US Navy ha diffuso diversi documenti, tra cui due DVD sul passaggio di un Su-24 il 29 maggio (con tempo parzialmente nuvoloso) e 30 maggio (bel tempo sul Mar Nero), insomma ha parlato molto per qualcosa di poco importante. (Vedasi il testo del 2 giugno 2015 di USNI News, sito ufficiale del servizio informazioni della Marina degli Stati Uniti, che mostra video e testo che forniscono molte informazioni sulla posizione ufficiale della Marina, compreso il richiamo all'”incidente” dell’aprile 2014 con affermazioni dell’epoca sul Su-24, e la precisione che secondo “fonti indipendenti”esse fossero infondate: “diversi esperti di aviazione e radar hanno detto a USNI News che la probabilità che un aereo dalle dimensioni del caccia russo emetta un campo jammer capace di rendere un radar SPY-1D completamente inutilizzabile, come alcune pubblicazioni russe hanno dichiarato, sia estremamente remota“… Per maggiore sicurezza, USNI dovrebbe semplicemente chiederlo all’US Navy). Va aggiunto, per chiarire la storia, che l’USS Donald Cook lasciò il Mar Nero il 3 giugno 2015 dopo una crociera di 11 giorni nel Mar Nero, mentre la Convenzione di Montreux permette una crociera di 21 giorni alle navi da guerra provenienti da Paesi non rivieraschi. Non è molto intelligente dal punto di vista della comunicazione, dopo i tre “incidenti” del 30 maggio-1 giugno, perché la cosa alimenta ulteriormente le argomentazioni di complottisti e rabbiosi antiamericani secondo cui l’USS Donald Cook aveva subito qualche danno rientrando velocemente, mentre aveva ancora dieci giorni per schernire il Su-24 e mostrare le sue perfette condizioni. Un buon assistente all’immagine l’avrebbe effettivamente consigliato (è il suo lavoro) all’US Navy, quando era già passata a giustificarsi con i DVD delle vacanze sul Mar Nero, allungando il brodo della crociera dell’USS Donald Ross nel Mar Nero di almeno una settimana, per dimostrare che tutto andava bene a bordo; ovviamente se fosse così, e questo è il nocciolo della questione per gli osservatori esterni dall’immaginazione fertile e assunzione facile.
In breve, questo nuovo incontro stranamente ricorda (inevitabile avverbio di una mente composita…) l’aprile 2014, in particolare per la presenza dello stesso tipo di cacciatorpediniere statunitense della rete AEGIS costituente parte essenziale della rete BMDE denunciata dai russi come destabilizzante e volta ad affrontare la loro forza nucleare strategica. Le circostanze potrebbero consentire di animare nuovamente la polemica seguita per diverse settimane, nell’aprile-maggio 2014, sulle possibili funzionalità jamming dei russi. L’ipotesi avanzata dalla “fonte militare russa” citata da RIA Novosti, sull’US Navy tornata a verificare questa supposta capacità, da anche spunti di riflessione. In ogni caso, va osservata la capacità di comunicazione dei russi, che senza sembrare attenti e quasi naturalmente, semi-ufficialmente accreditano, senza necessità di avere la benché minima prova, esistenza ed efficacia del sistema Khibinij. Il partito americanista, sempre dal punto di vista della comunicazione, si trova sulla difensiva inviando DVD che non dimostrano nulla se non il tempo sul Mar Nero, ripetendo nei resoconti sull'”incidente” che tutto è andato normalmente e che le affermazioni russe sono contraddette da tonnellate di “esperti”, implicando ulteriore supporto secondo cui le cose sono andate come i russi hanno detto, senza affermarlo in modo efficace ed irremovibile. Sebbene sia un tema così arido come Molto Rumore per Nulla, Shakespeare ne fece una grande opera…

10924209

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Saakashvili, Transnistria e la Terza guerra mondiale

Valentin Vasilescu Reseau International 5 giugno 2015Location_of_Transnistria_in_the_Soviet_Union_(New_Union)_risultatoIl tenore di vita degli ucraini è diminuito drasticamente rispetto a prima di euromajdan. Il fallimento economico del governo Poroshenko finora viene attribuito a guerra civile e operazioni militari, ed è probabile che l’Ucraina sarà teatro di un massiccio sconvolgimento sociale. E’ chiaro che Poroshenko non intende applicare l’accordo Minsk 2 sul decentramento federativo dell’Ucraina nelle regioni di Donetsk e Lugansk, per esempio. Inoltre, se Poroshenko riprende le operazioni militari nel nord del Donbas o da Mariupol, senza controllare completamente il confine con la Russia, l’esercito ucraino rischia di essere sconfitto ancora una volta, come ad agosto e settembre 2014 e marzo 2015. In questo caso, i territori secessionisti supererebbero le regioni etniche di Donetsk e Lugansk. Il parlamento ucraino ha recentemente adottato una legge che abolisce gli accordi di transito in Ucraina per le forze di pace russe in Transnistria. Limanske, a 3 km dal confine della Transnistria, è attualmente utilizzata come base di manovra da 299.ma Brigata aerea (equipaggiata con aerei da attacco al suolo Su-25) e 28.mo Squadrone (dotato di bombardieri Su-24M), entrambe di stanza a Nikolaev (70 km a est di Odessa). Diversi battaglioni della Guardia nazionale ucraina sono dispiegati a Balta, nella regione di Odessa. La città di Balta, a 20 km dal confine con la Transnistria, è un importante centro di comunicazione che collega Kiev a Odessa e Kishinev. Distante solo 70 km e senza alcuna barriera naturale tra Odessa e il confine con la Transnistria, la distanza può essere coperta in meno di due ore dai blindati ucraini. Allo stesso tempo, le unità genieri dell’esercito ucraino della regione di Odessa possono costruire fortificazioni in alcune zone del confine con la Transnistria. Le fortificazioni possono servire all’esercito ucraino come basi di partenza per una possibile offensiva. Sotto tali auspici, Petro Poroshenko ha nominato l’ex-presidente georgiano Mikheil Saakashvili governatore della regione di Odessa, anche se la giustizia georgiana ha emesso numerosi mandati di arresto per casi cui è collegato. In uno è accusato di aver ordinato a Roman Shamatava, direttore del dipartimento per la Protezione della Costituzione del Ministero degli Interni, di organizzare squadroni della morte per liquidare gli oppositori. Con il pretesto della lotta a criminalità organizzata e spie russe, durante il mandato di Saakashvili un centinaio di persone è improvvisamente morto o scomparso (compreso il banchiere Sandro Ghirglviani, il primo ministro Zurab Zhvania e il miliardario Mona Patrakashvilii), cedendo le loro ricchezze al clan di Saakashvili. La stampa georgiana sostiene che Saakashvili avrebbe nelle banche statunitensi ricchezze superiori a quelle complessive degli oligarchi Poroshenko e Igor Kolomojskij (governatore della regione di Dnipropetrovsk). L’unica spiegazione per la nomina di Saakashvili è che la Transnistria (dove il 30% della popolazione si dichiara ucraino) confina con Odessa, e Poroshenko, probabilmente consigliato dalla Casa Bianca, valuta un’operazione militare nella regione. Se non funzionasse, la colpa sarà di Saakashvili che si rifugerà negli Stati Uniti.
Saakashvili si rivelò nell’agosto 2008 un avventuriero senza scrupoli, attaccando l’Ossezia del Sud, nella “guerra dei cinque giorni”. Il primo giorno, l’esercito georgiano attaccò, e negli altri quattro fu inseguito dai russi fino a Tbilisi. L’offensiva georgiana in Ossezia del Sud iniziò la sera del 7 agosto 2008, con l’85% delle truppe di terra dalla Georgia. Il ‘grande stratega’ Saakashvili consigliato dagli Stati Uniti, commise un errore fatale lasciando libero il tunnel del monte Roki, lungo due chilometri, che collega l’Ossezia del Sud all’Ossezia del Nord, cioè alla Russia. Ciò permise, nella giornata dell’8 agosto, alle brigate meccanizzate russe di raggiungere Tskhinvali e inseguire le truppe georgiane. All’inizio di quest’anno l’analista politico ucraino Sergej Gajdaj, direttore del Centro per la Pianificazione Strategica, aveva già descritto l’operazione “Boomerang“, una guerra lampo in cui “omini verdi” ucraini occupano la Transnistria in cinque giorni, catturando i leader della Transnistria e il contingente di 400 peacekeeper russi che vi staziona. I rappresentanti dell’Alleanza politica per l’integrazione europea della Moldavia, che governa il Paese, scoprono con sorpresa che Gagauzia e Transnistria potrebbero tornare all’Ucraina come risarcimento per la perdita della Crimea. La Repubblica di Moldova perderebbe il 30% del territorio.

Tanks of Moldova's self-proclaimed separatist Dnestr region move during a military parade during Independence Day celebration in TiraspolLa Transnistria ha un esercito di 7000 uomini su tre brigate di fanteria meccanizzata (di stanza a Tiraspol, Ribnitsa e Dubasari) equipaggiate con 50 carri armati (T-55 e T-64), 30 veicoli da combattimento per la fanteria BMP-1, 107 blindati (BTR-60/70, BRDM-2), 40 lanciarazzi da 122mm (BM-21 Grad), 73 pezzi di artiglieria D-44 e mortai da 120mm. La difesa antiaerea è costituita da missili portatili Igla, 40 cannoni ZU-23-2 da 23mm (2,5 km di gittata), S-60 da 57mm (6 km) e KS-19 da 100mm (12 km). L’aviazione della Transnistria ha un aereo da trasporto Antonov An-26 e 5 elicotteri da trasporto Mi-8. Se un attacco alla Transnistria da Chisinau è estremamente difficile a causa della barriera naturale formata dal fiume Dniester, un attacco da Odessa per l’esercito ucraino non pone problemi. Il più veloce movimento offensivo comporta la frammentazione del dispositivo militare della Transnistria, suo isolamento e distruzione parziale. I percorsi operativi probabili sono, da Sud Lymanske-Slobozia-Tiraspol-Bender, dal centro Crasii Ocní-Dubasari e da Nord Balta-Ribnitsa. Per sorprendere la Transnistria e conquistare facilmente Tiraspol, unità dell’esercito ucraino dovrebbero attraversare Budjak (centro-ovest della regione di Odessa) per la Gagauzia (territorio moldavo). Di conseguenza, probabilmente non vi passeranno mai.

631223-carte-transnitrie-bonne-version-7ae7fSergej Lavrov ha detto che la Russia reagirà come in Ossezia del Sud, se le sue truppe in Transnistria saranno attaccate. Ma la Russia non confina con la Transnistria e il trasporto aereo implica che gli aerei russi sorvolino il Mar Nero dalla Crimea alla foce del fiume Dniester, e da lì volare nello spazio aereo dell’Ucraina o della Repubblica di Moldova alla Transnistria. I 12 sistemi missilistici antiaerei S-75 Dvina in Moldavia possono essere facilmente eliminati dai russi, come tutti i sistemi missilistici antiaerei dell’Ucraina. È interessante notare che lo stesso giorno in cui l’ex-capo georgiano Mikhail Saakashvili veniva nominato governatore della regione ucraina di Odessa, sul Mar Nero il cacciatorpediniere statunitense USS Ross lasciava il porto di Costanza cercando di avvicinarsi a 25 miglia dalla Crimea. Fu subito messo sotto sorveglianza dagli aerei russi Su-24. Come lo scudo degli Stati Uniti di Deveselu, il cacciatorpediniere USS Ross è armato con missili antiaerei RIM-174/Missile Standard-6 ERAM (370 km di gittata), RIM-156 A/Standard Missile-2 (190 km di gittata) e RIM-7 Sea Sparrow (gittata di 19 km). E come armi offensive è dotato di missili da crociera BGM-109G Tomahawk e missili controcosta RGM-165/Standard Missile-4 (280 km di gittata). E’ probabile che i missili antiaerei statunitensi possano essere annientati dalle interferenze dei russi. Per contrastare il ponte aereo russo con la Transnistria, un cacciatorpediniere AEGIS degli Stati Uniti dovrebbe essere collocato vicino la Crimea, sulla rotta dei velivoli russi, e un altro nelle acque territoriali ucraine, nei pressi della foce del fiume Dnestr. Il cacciatorpediniere posto alla foce del Dnestr potrebbe essere utilizzato per imporre il divieto di accesso ai velivoli militari russi nello spazio aereo di Ucraina, Moldova e Transnistria, e anche per colpire le forze di terra della Transnistria. Un alto funzionario della NATO ha detto all’ex-analista dell’intelligence della NSA e professore presso il Naval War College John Schindler che il mondo sarà probabilmente in guerra questa estate, e se saremo fortunati, non sarà nucleare. In un editoriale sul Quotidiano del Popolo pubblicato nel settembre 2014, l’analista militare cinese Han Xudong avvertiva che Pechino doveva prepararsi alla possibile terza guerra mondiale causata del conflitto tra Stati Uniti e Russia sulla questione ucraina. Poroshenko ha interesse a che la guerra diventi globale. L’amministrazione USA vuole la guerra, ma limitata al continente europeo. La Russia non si ritirerà, e se gli ucraini crollano e gli statunitensi li sosterranno, allora scoppierà. L’Unione europea intende affiancarsi a Ucraina e Stati Uniti in questo “caso” devastante a cui non è assolutamente preparata, dato che l’80% del territorio europeo sarà il terreno di confronto tra statunitensi e russi?

3L’attacco a Tiraspol inizierà da Kotovsk
Svobodnaja Pressa” ha appreso i dettagli della provocazione preparata dai servizi speciali ucraini per innescare la guerra contro la Transdniestria
SVPressa 5 giugno 2015 – Histoire et Societé

Nella regione di Odessa si prepara una grande provocazione che servirà da pretesto per l’invasione ucraina della Repubblica moldava di Transnistria (TMR). Il SBU ha iniziato a reclutare giovani emarginati per inscenare la “cattura” della città di Kotovsk, a 20 km dal confine con lo Stato non riconosciuto. Secondo lo scenario dei servizi di sicurezza ucraini, i giovani prezzolati dovrebbero pretendersi “terroristi” della Transnistria o cittadini di Odessa contrari alla nomina del governatore della regione Mikhail Saakashvili. La cosa importante di tale operazione speciale è creare un’immagine credibile ai media di un attacco alla sovranità dell’Ucraina da parte di attivisti filo-russi. La grande campagna di propaganda deve giustificare presso l’opinione pubblica occidentale l’ingresso delle truppe ucraine in TMR. Il SBU vuole simulare una “rivolta popolare”, tanto più che la nomina di Saakashvili suscita malcontento, ha spiegato il presidente del comitato di sorveglianza della Novorossia Vladimir Rogov. I servizi speciali offrono ai giovani 5-6000 grivna al giorno perché stiano sulle barricate di Kotovsk, una città di 50 mila abitanti. Il SBU promette impunità totale ai partecipanti. L’unica condizione per evitare di essere molestati dalle autorità è non togliersi il passamontagna e sparare con le armi consegnate solo in aria. I servizi segreti dell’Ucraina hanno scelto di reclutare principalmente disoccupati. È chiaro che per loro cinquemila grivna al giorno sono una somma enorme. Anche se quasi nessuno li vedrà, nel caso i giovani verrebbero eliminati, e su cui possibilmente trovare documenti delle forze aeroportate o del GRU russi. Forse i provocatori di Kotovsk proclameranno la Repubblica Popolare di Odessa, dando il segnale per una grande repressione. Ma la cosa principale sarà l’occasione per attaccare la Transnistria e trascinare la Russia in un conflitto militare. Indirettamente, tale scenario è confermato dal fatto che il 4 giugno la Rada Suprema dell’Ucraina ha adottato una legge per l’ammissione di truppe straniere nel Paese, anche confermato dal fatto che le truppe di Nikolaev e Melitopol vengono ora trasferite nella regione di Odessa, direttamente al confine con la Transnistria. Va notato che dall’inizio dell’anno è stato osservato un intenso lavoro nel porto di Ilijchevsk per potere ricevere carichi. A maggio, il porto ha ricevuto numerosi contenitori non controllati dalla dogana…

Odessa-TiraspolTransnistria: Un altro fronte nella guerra civile? Blocco e nomina di Saakashvili
L’analista “Jurasumij” fornisce ragioni di guerra e blocco in Transnistria e nomina di Saakashvili
Jurasumij, Politrussia 3 giugno 2015 – Fort Russ

Victory-Day-Transnistria-3La Transnistria è uno dei più antichi conflitti nel territorio dell’ex-Unione Sovietica. Negli anni ’90 “guerra dell’informazione” e “rivoluzione colorata” non esistevano ancora, ma se si guarda la catena di eventi che portarono la Transnistria allo stato attuale è possibile vedervi molti aspetti familiari, più volte visti in Ucraina, Kirghizistan, Armenia, Azerbaigian. La nuova escalation del conflitto avviene mentre la lotta per l’Ucraina è in fase critica.

La trama
La guerra in Transnistria è già storia. Più di 20 anni fa, questa zona stretta lungo il fiume Dnestr fu  teatro di una guerra in cui i cittadini dell’impero appena crollato cominciarono a uccidersi a vicenda.  A causa della novità non fu capito, ma tutti gli attributi classici delle rivoluzioni colorate nell’ex Unione Sovietica apparvero in Moldova: nazionalismo, questione della lingua, russofobia. Allo stesso modo, i movimenti neo-nazionalisti provarono con prontezza e persino crudeltà a cancellare gli altri. La pulizia delle città (Bender, 19 giugno 1992), l’eliminazione delle famiglie dei miliziani, il tentativo di rumenizzazione violenta, tutto familiare, no? D’altra parte il Voentorg (allora si chiamava 14.ma Armata), cosacchi, volontari e conseguente sconfitta degli aggressori. Anche familiari? Ci fu anche una “Minsk” in Transnistria che congelò la guerra per più di 20 anni. Ma il problema non è stato risolto. La ferita non è mai guarita, e non appena il segnale fu dato dal centro, l’escalation dell’opposizione ricominciava trascinandovi nuovi partecipanti.

Nuove variabili
3217342021_1_3_y0X0JYnRIn Moldova il partito comunista era molto forte, e alla fine degli anni ’90 era una forza influente nel Paese, formando anche un governo nel 2001. Sotto il comunismo, fino al 2009, la Moldavia era calma, ma l’anno scorso il partito comunista ha perso la maggioranza, e il Paese subì una serie di elezioni anticipate, e fino al 2014 era in stato di anarchia. Nel maggio 2014 (coincidenza?), grazie in particolare a massicce interferenze (fin troppo familiare) nelle elezioni, i nazionalisti salirono al potere… volgendosi al confronto, all’ombra degli eventi in Ucraina. Ma per l’osservatore attento le somiglianze nelle situazioni erano chiare a tutti. Il governo nazionalista della Moldova intraprese la via all’unione con la Romania, ma la Transnistria la bloccava. L’arrivo simultaneo al potere a Kiev dello stesso tipo di regime nazionalista in Moldavia e Romania, dava la possibilità di risolvere la questione della Transnistria una volta per tutte, tanto più che rientra assai bene nei piani del loro padrone, gli Stati Uniti. Per Washington restringere i confini della Russia è il compito principale di tutta la sua politica europea. E non usare la Transnistria circondata da nemici sarebbe stato semplicemente stupido, soprattutto perché via ha messo molto impegno e denaro per risolvere la questione della Transnistria. Ci sono due vie per raggiungere tale obiettivo. Per convenzione le chiameremo via della pace e via della guerra. La via pacifica implica la creazione di condizioni non militari che si traducano in rimozione o controllo della Transnistria dalle forze di mantenimento della pace “internazionali”, che porrebbe fine al controllo della Russia sui processi regionali. La Russia chiaramente non può scegliere tale opzione, significherebbe la perdita d’influenza residua nei Balcani e significativo indebolimento della sua posizione nel quadro ucraino.
Militare. Qui è necessario spiegare. Militarmente la Moldova è un Paese abbastanza debole. Le forze armate (esercito) sono costituite da 6-7000 truppe, insomma tre brigate blindate senza divisioni corazzate. L’artiglieria pesante è ridotta a un battaglione di artiglieria di obici trainati Gjatsint, con 3 batterie di 6 cannoni ciascuna, alcuni sistemi lanciarazzi multipli (MLRS) Uragan in deposito, 2 batterie di quattro unità, dal 2014. Le Forze Armate della Repubblica moldava di Pridnestrovia (Transnistria) sono costituite da quattro brigate di fanteria meccanizzata, un battaglione carri armati (18 T-64), grande forza di artiglieria (più di 100 cannoni e MLRS di grosso calibro), più quattro battaglioni di forze speciali. In totale 15mila effettivi e 10mila riservisti. Ma è solo la punta dell’iceberg. Nei depositi della 14.ma Armata in Transnistria vi erano, al momento del crollo dell’Unione Sovietica, 229 carri armati, 305 blindati e veicoli da combattimento della fanteria, 328 cannoni, mortai e MLRS dal calibro di 100 mm in su. Parte significativa di queste armi fu trasferita all’esercito della Transnistria durante la guerra (“catturati”) o è ancora in deposito. Tutte custodite da due battaglioni di fucilieri motorizzati della Federazione russa, oltre a un battaglione di guardie. È interessante notare che sul territorio della Transnistria vi sono 50 mila cittadini russi, alcuni dei quali in servizio in queste unità e nella riserva delle Forze Armate. In tutto, Transnistria e unità russe potranno schierare 30000 effettivi basandosi sui depositi locali della 14.ma Armata: una forza formidabile. Eliminare questa potenza in Transnistria con mezzi militari sarà molto difficile, ma non può rimanervi. Quindi è necessario obbligare queste forze ad agire, lasciandole senza altra scelta…

Il blocco
Era saltuario: da oltre 20 anni ci sono sempre piani “grigi” per fornire i prodotti necessari alla Transnistria, permettendo a mezzo milione di persone di vivere e lavorare nell’economia locale. La PMR sfrutta anche il commercio delle armi. Ma con i nazionalisti al potere a Kiev le nubi  cominciano ad accumularsi sull’enclave. E’ chiaro che Chisinau (la capitale moldova) e Kiev agiscono di concerto secondo i piani degli Stati Uniti. Questo non era difficile capirlo. Forse inizialmente si è ipotizzato che dopo la frantumazione dell’opposizione del Donbas, le unità del regime di Kiev avrebbero aiutato il “fraterno popolo moldavo” a sbarazzarsi di “invasori” e “separatisti”, compito che sarebbe abbastanza fattibile per le Forze Armate ucraine. Ma le unità di Kiev sono state sconfitte due volte nel Donbas, e non si potevano assegnare sufficienti unità combattenti a tale operazione. Ulteriori piani, molto simili, furono redatti nell’autunno-inverno 2014, e con l’avvento della primavera cominciano ad essere attuati. Le Forze Armate ucraine hanno iniziato la costruzione di fortificazioni campali sul confine moldavo, e a maggio iniziato il trasferimento di unità da combattimento sul fronte moldavo. Qual è il senso di tale operazione? Il blocco che ora l’Ucraina attua in debita forma, molto presto potrebbe costringere la Transnistria all’azione, “Fare qualcosa o morire”, cioè la scelta che i “vicini” vogliono lasciare alla Transnistria. Una volta in una situazione del genere, la leadership della repubblica non riconosciuta potrà decidere di fare un passo disperato, attaccare Odessa, permettendo alle unità delle junta, contando sulla fortificazioni edificate, d’intervenire ancora proclamando i transnistriani “aggressori e terroristi”, e Kiev aiuterà l’esercito moldavo ad affrontarli. Perciò, in modo che il blocco sia solido e nessun cittadino di Odessa possa ingannare lo Stato, la supervisione della regione di Odessa doveva essere ferma, senza scrupoli e spietata con la popolazione, trovando l’uomo adatto. Chiunque abbia coinvolto il proprio popolo in una guerra suicida senza tremare alla prospettiva di fare la stessa cosa in terra straniera. Il suo compito è chiarire ai contrabbandieri di non interferire con Kiev nei rapporti con la PMR. E chi non si adegua, essere spogliato. A tal fine si ebbe il decreto sulla sostituzione di quasi tutti i capi locali. Sembra che siano stati sostituiti da certi partecipanti di Maidan. Loro non esiteranno, come hanno più volte dimostrato, tanto più non sono del posto. Infine, due cose (1) la nomina di Saakashvili a capo dell’amministrazione statale della regione di Odessa e (2) la coerenza dei nazionalisti moldavi e ucraini, confermano ancora una volta che non c’è una guerra di liberazione ucraina, moldava e di altri popoli. Invece c’è una grande guerra civile nell’ex-Unione Sovietica che, come la precedente (1917-1921), è stata avviata dall’estero con soldi stranieri e per gli interessi stranieri. Si tratta, infatti, dallo stesso copione.

pridnestrowie_karta
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.903 follower