I velivoli ipersonici di Russia e Cina spezzeranno l’ABM statunitense

Sputnik, 30/04/2016

128424395Russia e Cina hanno testato di recente con successo i loro velivoli ipersonici, in grado di violare il sistema THAAD (Terminal High Altitude Area Defense) che gli USA vorrebbero schierare in Corea del Sud; il test è un “avvertimento agli Stati Uniti“, secondo gli esperti militari cinesi. “I test ipersonici di Cina e Russia hanno lo scopo di minacciare gli Stati Uniti che vorrebbero piazzare un sistema di difesa missilistico in Corea del Sud“, scrive The South China Morning Post, giornale in lingua inglese di Hong Kong citando il professor Lui Qisong, specialista della politica della difesa presso l’Università di Scienze politiche e Giurisprudenza di Shanghai. Il commento si riferisce ai recenti test riusciti dei due Paesi sui velivoli ipersonici. L’osservazione fa eco a quelle dell’esperto militare di Pechino Li Jie, che ha detto che la Cina cerca d’impiegare l’ultimo test del DF-ZF per avvertire gli Stati Uniti che l’EPL (Esercito Popolare di Liberazione cinese) ha “un’altra potente arma capace di contrastare il sistema THAAD“. Gli Stati Uniti si propongono di mobilitare il sistema Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) in Corea del Sud, sostenendo sia necessario per proteggere gli alleati regionali dalla Corea democratica. La proposta è stata condannata da Cina e la Russia quale aggravamento della situazione nella penisola coreana. Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, insieme all’omologo cinese Wang Yi, ha messo in guardia dall’uso delle attività di Pyongyang, come ad esempio il recente test nucleare e i vari lanci di missili, come pretesto per porre la presenza militare degli Stati Uniti nella regione. La settimana precedente Pechino aveva condotto il settimo test riuscito del velivolo DF-ZF progettato per violare le difese missilistiche.
Il DF-ZF è un missile iperveloce che può viaggiare velocità tra Mach 5 e Mach 10, 5-10 volte la velocità del suono, e può penetrare i sistemi di difesa aerea degli Stati Uniti basati sui missili intercettori. Il velivolo d’attacco ipersonico (denominato in codice dal Pentagono Wu-14) è costituito da un missile che raggiunge l’atmosfera superiore che poi rilascia un velivolo che raggiunge velocità ipersoniche discendendo. Il missile balistico vettore veniva lanciato dal centro spaziale di Wuzhai nella Cina centrale. Trasportava l’HGV (velivolo ipersonico) DF-ZF al limite dell’atmosfera, al confine tra spazio e atmosfera terrestre a 100 km di altitudine, separandosi dal vettore e quindi planando per qualche migliaio di chilometri prima d’impattare, secondo il Washington Free Beacon. Una volta che l’HGV raggiunge tale quota, comincia a planare su una rotta relativamente piatta eseguendo manovra di frenata e accelerazioni fino alla velocità di Mach 10. La sua velocità può variare tra i 6400 e gli 11200 chilometri all’ora. La fase di volo planato permette al velivolo non solo di manovrare aerodinamicamente, compiendo azioni evasive eludendo l’intercettazione, ma anche d’estendere la gittata del missile. Le manovre in volo, viaggiando a diverse migliaia di chilometri all’ora, venivano tracciate dai satelliti mentre volava verso ovest lungo il limite atmosferico, verso la zona d’impatto nella parte occidentale della Cina. Resta ancora da chiarire se l’HGV DF-ZF sarà armato con testate nucleari o convenzionali. L’HGV DF-ZF potrebbe anche essere lanciato con un missile balistico antinave contro mezzi navali. Ad esempio, un DF-21 armato con un HGV DF-ZF estenderebbe la gittata da 2000 a oltre 3000 km. Secondo i funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti, il DF-ZF potrebbe essere utilizzato nell’ambito di un sistema d’arma d’attacco strategico convenzionale capace di colpire bersagli in tutto il mondo nel giro di un’ora. Il Pentagono ha seguito da vicino lo sviluppo del DF-ZF da quando è stato testato la prima volta nel gennaio 2014. La Commissione di revisione economica e militare USA-Cina del Congresso ha affermato nell’ultima relazione annuale che il programma del velivolo ipersonico “progredisce rapidamente” e che la nuova arma offensiva potrebbe essere schierata entro il 2020. Una versione più potente è in fase di sviluppo e potrebbe essere operativa nel 2025, ha scritto. Il Ministero della Difesa cinese ha confermato un altro rapporto del Beacon secondo cui Pechino ha testato il nuovo missile balistico intercontinentale DF-41 dalla gittata di almeno 12000 chilometri, il 12 aprile.
Sempre ad aprile, la Russia ha effettuato il secondo test di volo di un rivoluzionario velivolo ipersonico noto come 3M22 Tsirkon. Il velivolo ipersonico è stato lanciato con un missile balistico strategico RS-18A (UR-100N, designazione NATO SS-19 Stiletto) dalla Russia orientale, ed è stato un successo. Tuttavia non sono stati forniti dettagli su velocità o gittata raggiunte dal velivolo. Il velivolo 3M22 della Russia dovrebbe entrare in produzione nel 2018.WU-14_HGVTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Modernizzazione militare della Russia: cosa dopo?

Il processo di modernizzazione sferraglia abbastanza bene
Samuel Bendett, Russia Insider13041288Dopo anni di voci e la presenza alla parata militare a Mosca l’anno scorso, il nuovo carro armato russo Armata continua a fare notizia. La fabbrica Uralvagonzavod che dovrebbe produrre il mezzo annuncia che potrà produrre un Armata senza equipaggio, definendolo il carro armato del futuro. Il famoso impianto di produzione militare ha esperienza con i mezzi senza equipaggio, producendo l’autopompa robot basata sul carro armato T-72. Secondo il direttore dell’impianto, la produzione in massa dei nuovi cari armati Armata con equipaggio potrebbe iniziare alla fine dell’anno, i test sul campo sono avanzati. Uralvagonzavod sarà impegnata nei prossimi anni a rispondere ai numerosi ordini del governo per produrre, ammodernare e aggiornare l’ampia dotazione di equipaggiamenti militari. Gli ordini includono carri armati T-72B3, blindati BTR-82AM e BMP-2, sistemi d’artiglieria semoventi 2S19M1 Msta, veicoli da combattimento aviolanciati e altri mezzi; in tutto la fabbrica consegnerà più di 1400 mezzi alle Forze Armate russe.
Negli ultimi decenni, i blindati Humvee statunitensi, HMMWV, sono lo standard su cui gli altri veicoli militari vengono giudicati, dopo aver servito in tutti i conflitti degli USA nel globo, sopportando ogni clima e terreno immaginabili. L’Esercito russo ha lavorato duramente per sviluppare una propria alternativa, infine mettendo in campo il blindato Tigr nel 2006. Da quel momento, l’impianto GAZ e il Ministero della Difesa russo hanno lavorato per portare la progettazione russa agli standard nazionali e internazionali, offrendo aggiornamenti e spingendo il veicolo a competere con i progetti similari occidentali e statunitensi. Nel 2010, la polizia brasiliana puntava al Tigr da utilizzare nelle squadre SWAT, e nel 2013 completò test e valutazione del veicolo per le grandi manifestazioni sportive nel 2014 e 2016. Nella prossimo parata militare del 9 maggio per il 71° anniversario della vittoria sovietica sulla Germania nella Seconda guerra mondiale, l’esercito russo presenterà la nuova versione del veicolo, il Tigr-M equipaggiato con il sistema d’arma telecomandato DM Arbalet (Balestra). Secondo Sergej Suvorov, portavoce ufficiale della società che produce il Tigr, il veicolo avrebbe dovuto essere dotato di un sistema d’arma italiano, ma poi le sanzioni contro la Russia resero impossibile l’operazione. Inoltre, la “tecnologia italiana si è rivelata troppo fragile per il nostro clima”, mentre Arbalet otteneva buoni risultati a temperature comprese tra -50C e + 50C. Secondo Suvorov, l’Arbalet è completamente stabilizzato e il suo sistema di puntamento ha la funzione di acquisizione ed inseguimento automatici del bersaglio, consentendo all’operatore un tiro efficace fermo o in movimento, e può anche essere azionato a distanza se necessario. Arbalet ha due tipi di mitragliatrici e un lanciagranate automatico, e l’operatore può passare tra i diversi tipi di armi con il sistema di puntamento computerizzato. Il futuro uso dei Tigr recentemente adottati viene supposto dal loro posto nella sfilata del 9 maggio, accompagnando i complessi missilistici strategici mobili Jars, che suggerisce che le Forze strategiche missilistiche russe saranno le prime a ricevere questi veicoli, a guardia dei complessi missili balistici mobili.

Armi ad alta istruzione
Indicando come la famosa arma semiautomatica Kalashnikov diventi una piattaforma di produzione e di esportazione, la società Kalashnikov, della società statale Rostec, aprirà la propria Corporate University. Secondo Mikhail Nenjukov, vicedirettore per la qualità e lo sviluppo in fabbrica, questa decisione garantirà lo sviluppo della gestione delle competenze del personale aziendale, dichiarando che l’università sarà “un sistema unificato di sviluppo della leadership e della gestione di talenti e competenze nella produzione” dei dipendenti della Kalashnikov, dagli addetti al montaggio ai vertici. Igor Korotchenko, direttore della rivista russa Difesa Nazionale, ritiene necessario creare strutture educative nelle grandi aziende del complesso militare-industriale nazionale: “Non abbiamo quasi nessuna altra forma di addestramento dei lavoratori qualificati, di conseguenza, tali iniziative sono benvenute. L’Industria della Difesa oggi è la locomotiva dell’economia russa, ed è necessario formare personale, soprattutto perché c’è un continuo ampio ammodernamento nella produzione, si usano macchinari moderni dai controlli digitali, nuove tecnologie e materiali“. Va notato che in epoca sovietica, il complesso militare-industriale del Paese attraeva i migliori e più brillanti operai e progettisti, offrendo alti e stabili salari e un sistema senza precedenti di prestazioni sociali. L’Industria della Difesa russa di oggi ha subito gravi usure e la fuga di cervelli verso il settore privato, e il governo russo cerca di assicurarsi la formazione della prossima generazione di lavoratori qualificati.13029696

Il ‘Cigno Bianco’ della Russia: un nuovo bombardiere strategico
Nikolaj Litovkin, RIR, 27 aprile 2016

I progettisti russi lavorano su un bombardiere strategico supersonico “di transizione” basato sul Tupolev Tu-160. Gli esperti militari dicono che il nuovo Tu-160M2 ‘Cigno Bianco’ potrà battere la difesa aerea e i sistemi di difesa missilistici attuali dei possibili nemici, dando ai progettisti più tempo per sviluppare la nuova generazione di aeromobili dello stesso tipo.12004049Il Ministero della Difesa della Russia ha deciso di sviluppare un sostituto a medio termine per il velivolo del ‘Futuro Sistema Aereo a Lungo Raggio’ (PAK-DA, un bombardiere lanciamissili strategico di nuova generazione) dato il ritardo che il programma affronta. Il bombardiere strategico di nuova generazione si baserà sul velivolo sovietico Tupolev Tu-160. Una fonte dell’Industria della Difesa ha detto che il programma potrebbe diventare uno dei più costosi del Ministero della Difesa nel 2020. La fonte afferma che il costo del programma è paragonabile al programma Borej per sviluppare i nuovi sottomarini a propulsione nucleare lanciamissili dotati del Bulava: 5-7 miliardi di dollari. “Al momento, non è chiaro quanto l’aggiornamento interesserà l’intero velivolo: sarà solo dell’avionica ad essere aggiornata, o anche motori, armamento e sistema di navigazione? Il programma Tu-160M2 varia a seconda di questi aspetti, e potrebbe raggiungere i cinque – sette miliardi di dollari“, ha detto la fonte.

Che tipo di velivolo sarà il nuovo Tu-160M2?
Il Tu-160, il ‘Cigno Bianco’ come i piloti lo chiamano, è il più potente bombardiere lanciamissili supersonico nella storia dell’aviazione militare. Valerij Solozobov, Vicedirettore Generale del programma di ricerca della Tupolev, ha detto che il Tu-160M2 avrà una soluzione ingegneristica rivoluzionaria, anche se apparirà simile alla versione precedente. “In particolare, il velivolo avrà elettronica avanzata e sarà anche dotato di innovativi sistemi di guerra elettronica e puntamento“, secondo Solozobov, il velivolo sarà migliorato secondo le esigenze contemporanee e avrà sistemi per rendersi invulnerabile ai sistemi di difesa aerea missilistici del possibile nemico, che siano operativi o in fase di sviluppo. “Nell’aspetto il ‘Cigno Bianco’ manterrà la configurazione ad ala bassa integrale (l’ala attraversa la fusoliera), con ali a geometria variabile, carrello triciclo e piano di coda e timoni integralmente mobili“, ha detto. Solozobov ha spiegato che tutti i componenti del Tu-160M2 saranno costruiti da società russe e le sanzioni contro la Russia non avranno alcun effetto sulla produzione del nuovo velivolo. Viktor Bondarev, Comandante in capo delle Forze Aeree russe, ha detto che il velivolo compirà il primo volo nei primi mesi del 2019, e la produzione in massa probabilmente inizierà nel 2023. Il Ministero della Difesa, ha detto, prevede di acquistare almeno 50 Tu-160M2.

Che tipo di armi potrà trasportare il nuovo Tu-160M2?
Il termine ‘lanciamissili’ evidenzia la capacità del bombardiere d’impiegare missili da crociera nucleari e convenzionali, come i missili da crociera a lungo raggio di nuova generazione Kh-101 e Kh-555“, secondo la fonte dell’Industria della Difesa, e il velivolo trasporterà anche i missili da crociera a guida inerziale Kh-55SM. “Il Tu-160 può essere dotato di ogni tipo di bombe nucleari e convenzionali: perforanti, anti-bunker, a grappolo, mine navali, ecc. Il carico combinato di queste armi può arrivare a 40 tonnellate“, ha detto la fonte, un esperto militare. Il nuovo velivolo potrà colpire obiettivi al di fuori della portata dei sistemi di difesa aerea e antimissili esistenti. Il Tu-160M2, secondo la fonte, sarà uno dei pochi velivoli capaci di circumnavigare la Terra rifornendosi in volo per due volte.DY4MTQ0MzI4MzM1OV9Specifiche “base” del Tu-160
Equipaggio: 4
Lunghezza: 54,10 m
Altezza: 13,10 m
Apertura alare: 35,60m/55,70 m
Peso a vuoto: 110000 kg
Peso massimo al decollo: 275000 kg
Peso del carburante: 148000 kg
Velocità massima:
2200 km/h a 10 km di quota
1030 km/h a 3 km di quota
Autonomia senza rifornimento: 18950 km
Raggio operativo: 6000 km
Quota operativa: 22000 mphien-ban-may-bay-tu160m2-co-gi-khac-biet_131722636

Arriva il nuovo Su-25: il ‘carro armato volante’ potenziato della Russia
Riceverà le difese anti-MANPAD già presenti sugli elicotteri d’attacco russi
Dave Majumdar, The National Interest, 28 aprile 2016 – Russia Insider

rbk-500spbe-dL’Aeronautica aerea russa iniziava a testare ad aprile la versione aggiornata del velivolo da supporto aereo Sukhoj Su-25SM3 Grac. Supponendo che gli aviogetti modernizzati vengano impiegati sul campo, il primo Su-25SM3 operativo dovrebbero entrare in servizio entro la fine dell’anno. L’Aeronautica russa dovrebbe aggiornare oltre 40 Su-25 nel 121.mo Impianto di riparazioni aeronautico di Kubinka, vicino Mosca. “Il test completo dei Su-25SM3 iniziava ad aprile“, aveva detto un ufficiale delle Forze Aerospaziali russe al quotidiano Izvestija. “Ci aspettiamo che il primo velivolo d’attacco modernizzato arrivi in prima linea alla fine dell’anno“. Il Su-25SM3 modernizzato adotta una serie di sensori e sistemi difensivi aggiornamenti che secondo i militari russi consentiranno al carro armato volante di operare sul moderno campo di battaglia. Al centro della modernizzazione vi è la suite avionica Vitebsk, sviluppata dall’Istituto di Ricerca della Difesa di Samara. Il Vitebsk incorpora un ricevitore di allarme radar, un sistema di allarme missilistico agli ultravioletti e una potente suite di disturbo. Secondo le fonti citate da Izvestija, la suite delle contromisure difensive comprende non solo un jammer radar, ma anche un sistema per accecare i missili a guida agli infrarossi, come nel caso delle Contromisure congiunte agli infrarossi della Northrop Grumman, otre ai bengala. Il sistema è progettato per proteggere il Su-25SM3 da tutti missili antiaerei, dagli Stinger portatili alle batterie di Patriot. Secondo Izvestija, il Vitebsk è inoltre progettato per identificare automaticamente e geo-localizzare con precisione gli emettitori delle minacce. Tali coordinate possono essere trasmesse a un sistema d’arma, come un missile antiradar Kh-58, per eliminare la minaccia, potendo fornire al Grac modernizzato la capacità di compiere missioni di soppressione delle difese aeree nemiche, se necessario.
Viene anche migliorata la capacità offensiva del Su-25SM3. I russi dotano il velivolo del nuovo sistema di puntamento optronico SALT-25. Il nuovo sensore permetterà al pilota del Su-35SM3 di rilevare e tracciare le forze terrestri nemiche ad una distanza di “diversi chilometri” di giorno e di notte, in ogni condizione meteo. Secondo le Izvestija, i russi sembrano aver dotato il Su-25SM3 della capacità di caricare video via datalink in tempo reale, dando all’aviogetto capacità simili al sistema ROVER del Pentagono, adottato sui più aggiornati caccia di 4.ta generazione degli USA. L’aviogetto modernizzato adotterà anche una serie di nuove armi, tra cui le armi a guida di precisione russe di nuova generazione, come la RBC SPBE 500-D recentemente utilizzata in Siria dai bombardieri supersonici Su-24 Fencer. Si tratta di una bomba a grappolo da 500kg dotata di submunizioni intelligenti SPBE-D. Ogni submunizione è una piccola bomba anticarro a guida agli infrarossi con testata penetrante esplosiva capace di perforare 150-160mm di corazza omogenea o il tetto di un carro armato. Ogni RBC SPBE 500-D è dotata di sei submunizioni SPBE-D.
Quindi, l’aviogetto sovietico Grac opererà ancora nel 21° secolo, mentre la controparte statunitense Fairchild Republic A-10 Warthog sarà gradualmente ritirata dall’US Air Force entro il 2022.d0b0d180d0bcd0b8d18f-26

La Cina testa con successo la testata manovrabile ipersonica
South Front, 27/04/2016

La Cina ha sperimentato con successo un velivolo iperveloce presumibilmente dalle capacità nucleari e veloce 10000 km/h, secondo i funzionari degli Stati Uniti. Funzionari del Pentagono correlati ai rapporti sul test militare della Cina, hanno detto al Washington Free Beacon che il lancio, il settimo dal 2014, ha avuto luogo in Cina il 22 aprile. Il velivolo DF-ZF fu rilevato dai satelliti dopo il lancio con un missile balistico da un centro militare nella Cina centrale, hanno hanno detto i funzionari. Il velivolo avrebbe volato lungo il limite dell’atmosfera prima di colpire un bersaglio nella Cina occidentale. Secondo i funzionari dell’intelligence, il velivolo verrebbe utilizzato come arma nucleare o convenzionale capace di colpire ovunque nel mondo nel giro di un’ora.878623539202457521Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il moltiplicatore di forza segreto di Putin: le Forze Speciali

Roger McDermott, Jamestown, 26 aprile 2016, Modern Tokyo Timesspecnaz_rossiiUna ogni tre domande poste al Presidente Vladimir Putin durante la sua ultima annuale diretta telefonica riguardava la sicurezza nazionale. L’interesse del pubblico sul Donbas si è apparentemente ridotto notevolmente, e le uniche preoccupazioni sullo Stato Islamico (IS) si sono limitate alle preoccupazioni per i terroristi che eventualmente ritornano in Russia. Putin ha chiarito che il rientro dalla Siria non era mai volto al ritiro completo di tutte le forze russe, aggiungendo che l’Esercito arabo siriano (EAS) coglierà ulteriori successi. Il livello della potenza aerea che la Russia dispiega e usa in Siria dipende dal successo dei consiglieri militari nel programma di addestramento ed equipaggiamento intenso dell’EAS. Alcuni dei consiglieri appartengono all’organizzazione militare più segreta della Russia: il Comando delle Forze per la Operazioni Speciali (Komandovanie Sil Spetsialnykh Operatsij – KSSO). Queste forze sono acclamate per il loro ruolo in Crimea e, più recentemente, per le operazioni in Siria. Costituiscono un importante moltiplicatore di forza nell’azione del Cremlino, impiegando pochi militari e risorse ottenendo il massimo impatto sugli obiettivi politico-militari (Voenno Promyshlennij Kurer 19 aprile). Il KSSO, probabilmente non conta più di 1000 effettivi in totale, è una relativamente nuova organizzazione militare della Russia, ma un recente articolo del Voenno Promyshlennij Kurer getta nuova luce su origine, sviluppo e scopo. La narrazione sulla creazione del KSSO ne attribuisce la formazione alla nuova leadership della Difesa nel primi mesi del 2013: il Ministro della Difesa Generale Sergej Shojgu, e il Capo di Stato Maggiore Generale (CGS) Generale Valerij Gerasimov. Infatti, annunciando la creazione del KSSO nel marzo 2013, Gerasimov confermava che era il risultato di un ampio studio dell’esperienza delle strutture delle forze speciali straniere, e il Ministero della Difesa russo formava il comando oltre alle varie forze speciali dei ministeri della sicurezza. Tuttavia, il predecessore di Gerasimov, Nikolaj Makarov, espresse questo interesse molto prima, con un esperimento nel 2009 per creare un ufficio per le operazioni speciali direttamente subordinato al CGS. All’inizio del 2012, Makarov parlava della formazione del KSSO, con i piani per nove brigate speciali e l’espansione del sistema delle forze speciali dell’intelligence militare (GRU Spetsnaz) (RIA Novosti 6 marzo 2013). In effetti, i piani originali per formare il KSSO erano volti ad integrare i centri delle forze speciali esistenti, formando un unico comando responsabile verso il Ministro della Difesa. Questi piani furono elaborati dallo Stato Maggiore e dal GRU e presentati all’allora Ministro della Difesa Anatolij Serdjukov, nell’ottobre 2012, che lo respinse categoricamente. Le proposte furono poi ripresentate dopo il cambio della leadership della Difesa, con argomentazioni volte a ottimizzare e riorganizzare le strutture esistenti (Izvestia 27 novembre 2012).
d6t1IV_06Ls E’ proprio questo contesto che viene affrontato da Aleksej Mikhailov nell’articolo sul Voenno Promishlennij Kurer. Mikhailov sottolinea il ruolo svolto da queste forze per le operazioni speciali in Siria: guidare e correggere gli attacchi aerei, anche dei missili da crociera, e agire in altri campi. Il punto di partenza nel rintracciare le origini del KSSO non è il 2009 e l’interesse di Makarov, ma piuttosto un decennio prima, sottolineando diversi sviluppi dovuti al CGS Anatolij Kvashnin. Mikhailov osservava che nel 1999 un centro di addestramento specializzato fu costituito a Solnechnogorsk, dipendente direttamente dal CGS. Il centro era noto come “Senezh“, e gli agenti indicati come “podsolnukhami“. Verteva pesantemente sull’esperienza delle operazioni contro-insurrezionali e speciali in Cecenia (Voenno Promyshlennij Kurer 19 aprile). Mikhailov parla del fatto che fin quando il KSSO ha risolto questi problemi, c’erano difatti quattro aree distinte e diverse nell’addestramento delle forze speciali, dal reclutamento al tipo di missione. Le forze aviotrasportate si esercitavano in lanci difficili per svolgere ruoli speciali nelle operazioni. Altri erano addestrati nella guerra in montagna, con formazione specialistica presso il centro di addestramento “Terskol” sul monte Elbrus. Ulteriori requisiti erano collegati alla necessità di assaltare edifici o obiettivi nemici in condizioni o terreni difficili. Infine, l’addestramento navale per compiti speciali era necessario per le forze operanti in mare per catturare o sabotare navi nemiche o impianti off-shore. Alcuni ebbero esperienza in Cecenia creando un ulteriore settore per le Forze Speciali, la protezione dei comandanti, ma ciò non fu mai veramente concluso. In altre parole, i riformisti dello Stato Maggiore erano giunti ad identificare i problemi nell’uso delle forze speciali, radicati nella preparazione di specialisti altamente qualificati operanti in vari ambiti. Nonostante questo, il Centro Senezh era volto a costruire una cultura di squadra tra gli allievi, e questo è stato sempre un fattore del reclutamento, cioè la capacità di ciascun candidato di lavorare in squadra. Secondo gli interlocutori di Mikhailov, questo principio è strettamente seguito dal KSSO (Voenno Promyshlennij Kurer 19 aprile). I “Podsolnukhami” del “Senezh” sono stati ampiamente impiegati in Cecenia e recentemente nelle operazioni anti-pirateria nel Corno d’Africa; comprensibilmente le loro attività sono classificate top secret. Tuttavia, sembra che l’esperienza delle operazioni in Cecenia e all’estero abbia rivelato che la subordinazione degli operatori di Senezh non fosse ottimale. Serdjukov attuò dei cambiamenti portando alla creazione del KSSO. Il Centro Operazioni Speciali Senezh del Ministero della Difesa riferiva direttamente al CGS, mentre Serdjukov visitava spesso il centro interessandosi del suo sviluppo. Gli fu accreditato, per esempio, la disponibilità 24×7 dei velivoli da trasporto Il-76 (Voenno Promyshlennij Kurer 19 aprile).
Dal 2010, il Ministero della Difesa russo ha un secondo Centro per Operazioni Speciali a Kubinka, subordinato al direttore del GRU, creazione supervisionata dall’aiutante di Serdjukov Tenente-Generale Aleksandr Miroshnichenko, che aveva in precedenza diretto il Centro Operazioni Speciali del Servizio di Sicurezza Federale (FSB) (Tsentr Spetsjalnogo Naznachenija – TsSN FSB). I rapporti tra questi centri presto si deteriorarono nel promuovere idee in competizione su come le forze speciali dovessero svilupparsi. Suggerendo che l’approccio “Alfa” del FSB si concentrava sulla promozione dell’individualismo, in contrasto col Centro Senezh (Voenno Promyshlennij Kurer, 19 aprile). La risoluzione del conflitto avvenne nel marzo 2013, con la creazione formale del KSSO. E con esso, le strutture furono subordinate in modo più coerente. Il Maggiore-Generale Aleksej Djumin fu nominato comandante del KSSO, visto da molti come figura di compromesso. Miroshnichenko continua ad attrarre nella nuova struttura i suoi ex-subordinati del TsSN FSB (Voenno Promishlennij Kurer, 19 aprile). Sembra, quindi, che le sue reclute siano soprattutto una miscela di ex-Spetsnaz del GRU ed ex-Alfa del FSB.

Zolotov e Djumin

Zolotov e Djumin

Con la benedizione di Putin, Kadyrov continua ad espandere la missione delle Forze Speciali cecene
Mairbek Vatchagaev Jamestown Modern Tokyo Times

2007-9-11-rmamn74111884-copyIl notevole interesse di Ramzan Kadyrov nello sviluppo delle forze speciali cecene è stato già notato prima (vedasi EDM 27 marzo 2015). Il governante della Cecenia cerca di ritrarre queste unità come modello delle Forze Armate russe. Un ex-ufficiale del gruppo Alfa, le unità di élite delle forze speciali russe, è coinvolto nell’addestramento dei militari ceceni, il che significa che Mosca è abbastanza consapevole degli sforzi militari di Kadyrov. Per addestrare le sue forze speciali, Kadyrov ha costruito un grande moderno centro addestramento nella zona di Gudermes. Il centro, a differenza di altri centri simili in Russia, è un’impresa privata (Rbc.ru 11 febbraio). Kadyrov progetta di costruire un’intera città nel centro di addestramento, includendo una scuola, un carcere, stazione ferroviaria e metropolitana e una pista aerea. Il governatore della Cecenia ha anche annunciato alle autorità che uno dei più grandi centri di paracadutismo della Russia sarà costruito in Cecenia. L’impianto sarà presso il Centro Internazionale di addestramento delle Forze speciali, tra il villaggio di Tsentoroi e la città di Gudermes (Vestnik Kavkaza 2 marzo). Secondo il consigliere di Kadyrov per l’addestramento delle forze speciali, Danil Martinov, oltre a fornire servizi di addestrativi alle forze speciali, il centro sarà aperto alle visite del pubblico ceceno e dei turisti. Il pubblico russo ha iniziato a prestare maggiore attenzione alle Forze speciali cecene dopo l’ammissione di Kadyrov che suoi agente eraono coinvolti nel conflitto siriano (Russia.tv 7 febbraio, a un 1 ora e 18 minuti). L’affermazione di Kadyrov contraddice la posizione russa ufficiale secondo cui alcuna forza di terra russe era dispiegata in Siria. Le autorità cecene hanno poi corretto la dichiarazione, dicendo che non c’erano unità di forze speciali cecene in Siria, ma piuttosto un’unità militare federale russa, non interessata alle operazioni terrestri nel Paese (Dp.ru 8 febbraio). L’anno scorso, le autorità cecene propagandarono le vittorie delle forze speciali ceceni in una competizione internazionale di forze speciali tenutasi in Giordania nella primavera del 2015, descrivendole come un “trionfo” (RIA Novosti 24 aprile 2015). Groznij decise di creare un’altra unità militare che operi in condizioni estreme. Alla fine di marzo di quest’anno, le autorità cecene programmavano l’invio di unità delle Forze speciali della repubblica al Polo Nord. I paracadutisti di Kadyrov vi compiranno operazioni di combattimento in clima rigido (Vesti.ru 20 marzo).
Sul suo account personale su Instagram, Kadyrov ha dichiarato che il suo aiutante, l’ex-ufficiale delle forze di sicurezza russe Danil Martinov, supervisionerà l’invio delle forze speciali cecene nel Polo Nord (Instagram.com 20 marzo). Tale operazione richiederà spese significative per assicurare le comunicazioni e la sicurezza del gruppo nel duro ambiente del Polo Nord, il che significa che saranno sostenute dallo Stato russo. Gli specialisti si sono chiesti perché le forze speciali cecene sono stati creati quando l’esercito russo aveva già l’Alfa e altre unità di elite. Diversi anni fa, il giornale di opposizione Novaja Gazeta stimava che le forze di Kadyrov fossero abbastanza consistenti, da 10000 a 30000 uomini (Onkavkaz.com, 21 marzo). Cecenia è l’unica regione della Russia che ha il permesso di avere proprie forze armate regionali. Ma perché Mosca non permettere ad altre regioni del Caucaso del Nord di avere proprie forze speciali? La situazione della sicurezza nel vicino Daghestan, per esempio, era assai peggiore che in Cecenia almeno dal 2008-2010.
Le manovre delle forze cecene assomigliano sorprendentemente alle esperienze dell’impero russo. A quel tempo, i montanari del Caucaso del Nord facevano parte delle guardie personali dello zar, mentre gli alpinisti ne proteggevano la vita in eventuali tentativi di golpe. Attualmente, con Mosca che spende notevoli risorse per l’addestramento dei ceceni fedeli alla Russia, le analogie con il passato imperiale russo sono abbastanza forti. Consentendo a Kadyrov di perseguire questo programma, il Presidente Vladimir Putin crea l’unica unità etnica delle forze speciali della Russia. Sarebbe logico se il presidente russo infine concedesse alle Forze speciali ceceno lo Status federale facendone la personale unità di Forze speciali, anche se in effetti, ciò contrasterebbe con le leggi russe. In un primo momento, sembrava che le autorità preparassero le forze speciali cecene per lo schieramento nel Caucaso del Nord, perché i ceceni conoscono la zona meglio delle forze russe, nonostante la preparazione di queste ultime presso i centri di addestramento di Nalchik e Makhachkala (Thequestion.ru, 16 gennaio). Tuttavia, il previsto sbarco dell’unità cecena al Polo Nord dimostra che Mosca considera le forze cecene uno strumento utilizzabile non solo nell Caucaso, ma anche nel più ampio spettro nazionale.
Nei passati sei mesi, non un mese è passato senza esercitazioni militari tattiche in Cecenia (Regnum, 22 marzo). Funzionari del Cremlino a quanto pare credono che la situazione in Cecenia rimanga instabile e richieda Forze federali russe sul terreno, come ad esempio le unità di polizia provenienti da altre regioni della Federazione Russa. La Regione di Tula, della Russia centrale, per esempio, ha recentemente inviato 80 agenti di polizia in Cecenia (Mk.ru, 22 marzo). Altre regioni russe, da Kaliningrad a Sakhalin, hanno anche inviano regolarmente rinforzi in Cecenia. Così, Mosca non considera la situazione nel Caucaso del Nord come del tutto stabile. Resta del tutto plausibile che il governo prepari le forze speciali cecene per svolgere compiti nella regione, nel prossimo futuro, se la situazione peggiorasse in qualche modo.maxresdefaultTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

I militari degli Stati Uniti sfidano le rivendicazioni territoriali di India e Cina

Modi allontana dai pericoli i rapporti con la Cina
MK Bhadrakumar, Indian Punchline, 25 aprile 2016

135298255_14611964567461nIl governo ha fatto solo la cosa giusta rivedendo la decisione di concedere il visto a un attivista uiguro che la Cina ha definito ‘terrorista’. Se fosse stato altrimenti, ci sarebbero state gravi ricadute negative sul rapporto con la Cina. (Indian Express) Tutto ciò che si può dire a questo punto (prima di sapere ulteriori dettagli) sarebbe se vi sia stata una decisione politica, in teoria al vertice, per cambiare la decisione della dirigenza in politica estera e sicurezza sul rilascio del ‘visto elettronico’ all’esiliato uiguro Dolkun Isa, che vive in Germania. Il senso di tale sviluppo non prometteva bene al Primo ministro Narendra Modi, perché i nostri falchi avevano appena stappato lo champagne per festeggiare l’alta probabilità di un brutto scontro India-Cina in qualsiasi momento, nei prossimi giorni o settimane, quando si resero conto che la bottiglia era vuota. Comprensibilmente, sono lividi di rabbia e frustrazione ed esploderanno. La cosa giusta da fare è ignorarli e lasciarli vivere nella loro miseria. Questi stessi falchi, che vivono in torri d’avorio, si sono sempre opposti alla normalizzazione delle relazioni India-Cina (e India-Pakistan). Cosa vogliono? La guerra con la Cina e/o il Pakistan? La decisione di concedere il visto ai separatisti uiguri era un grave errore per i seguenti motivi:
– Sarebbe stata una provocazione ingiustificata verso la Cina, interferendo negli affari interni del Paese;
– L’India non aveva nulla da guadagnarci nel far entrare un terrorista uiguro;
– L’India non cerca il confronto con la Cina;
– L’India dovrebbe fare di tutto per preservare pace e tranquillità al confine conteso con la Cina;
– Nel momento in cui lo spettro della fame aleggia su ben oltre 300 milioni di indiani che chiedono l’urgente aiuto per la siccità, la priorità nazionale è chiara, e Paese e governo devono concentrarvisi;
– Una buona politica estera è sempre la propaggine delle priorità nazionali, e i falchi che vogliono il confronto con la Cina indulgono in un comportamento infantile completamente alienato dalla nuda realtà del Paese;
– L’India assai difficilmente avrebbe un qualsiasi sostegno o incoraggiamento dalla comunità internazionale, promuovendo il separatismo uiguro;
– Gli Stati Uniti al momento ospitano una delegazione di deputati e funzionari del partito comunista del Tibet, sottolineando, per usare un eufemismo, come i falchi in India siano uomini del passato, che vivono in un paradiso fatuo, avendo irrimediabilmente perso il contatto con la realtà della politica internazionale;
– Non converrebbe a un Paese maturo gestire i rapporti più conseguenti sull’arena mondiale senza una prospettiva a medio e lungo termine.
Se Modi non avesse ordinato il rovesciamento della decisione, le relazioni India-Cina sarebbero entrate in un periodo di incertezza. Una volta deragliato, il processo di normalizzazione avrebbe richiesto anni per riprendere. È nell’interesse del Paese? La visita del Ministro della Difesa Manohar Parikkar e del consigliere della Sicurezza Nazionale Ajit Doval in Cina sembra sia andata bene. Doval è stato ricevuto ad altissimo livello, sottolineando l’interesse della Cina ad avanzare la cooperazione con l’India. Il nostro obiettivo dovrebbe essere sostenere questi impulsi positivi. Modi dovrebbe incontrare il Presidente cinese Xi Jinping in due occasioni quest’anno. L’India dovrebbe avvalersi della finestra di opportunità per dare nuovo slancio alla cooperazione economica. La Cina è l’unico ed insostituibile partner per lo sviluppo dell’India. La creazione di un clima favorevole per la promozione del commercio e degli investimenti dalla Cina dovrebbe essere l’obiettivo principale della diplomazia indiana nel breve termine. Pace e tranquillità al confine saranno la piattaforma necessaria per la diplomazia economica. Tutto indica che questa sia l’intenzione del Premier Modi. In ultima analisi, è imperativo che l’India conduce una politica estera multi-vettoriale, non allineata. L’attuale situazione internazionale lo richiede. Qualsiasi indebolimento di qualsiasi aspetto della politica estera, come ad esempio i legami con la Cina, priverebbe l’India della capacità di navigare al meglio seguendo la propria rotta nell’ordine mondiale attuale. A dire il vero, Modi lo comprende. Da qui l’intervento per garantirsi che le differenze tra India e Cina siano adeguatamente trattate. C’era bisogno del coraggio politico del premier per attuare tale intervento nella fase attuale in cui la linea dura prevale nei discorsi della politica estera sui media indiani e, purtroppo, le voci sane, le voci della ragione e della moderazione, sono in gran parte silenziose.135290725_14610214266761n

I militari degli Stati Uniti sfidano le rivendicazioni territoriali di India e Cina
The BRICS Post, 26 aprile 2016

200px-Huangyan_Island_(黄岩岛)Un nuovo rapporto del Pentagono ha rivendicato ai militari statunitensi la “libertà di navigazione” con esercitazioni in sfida alle rivendicazioni territoriali di Cina e India nel 2015. 13 Paesi furono presi di mira dai militari degli Stati Uniti. Il Ministero della Difesa Nazionale della Cina rispondeva alla notizia che sei aerei dell’US Air Force avevano eseguito una missione di volo nello “spazio aereo internazionale” nelle vicinanze dell’isola di Huangyan nel Mar Cinese Meridionale, il 19 aprile. “Abbiamo notato tali relazioni e va sottolineato che gli Stati Uniti sostengono la militarizzazione del Mar Cinese Meridionale, in nome della ‘libertà di navigazione“, dichiarava l’Ufficio Informazioni del Ministero. La Cina è preoccupata e si oppone a tali azioni che minacciano sovranità e sicurezza dei Paesi del Mar Cinese Meridionale e minano pace e stabilità regionale, osservava. Aerei e navi militari degli Stati Uniti effettuarono tali operazioni contro Cina, India, Indonesia, Iran, Libia, Malesia, Maldive, Oman, Filippine e Vietnam, secondo il rapporto del Pentagono. Lo scopo presunto di tali missioni assertive degli Stati Uniti è dimostrare che Washington non accetterà la giurisdizione di questi Paesi sulle zone contese.
I funzionari indiani non hanno ancora reagito al rapporto del Pentagono. Il dipartimento della Difesa degli Stati Uniti indicava “il previo consenso necessario a esercitazioni o manovre militari nella ZEE” quale “credito marittimo eccessivo” di New Delhi che Washington sfidava nel 2015. Il Ministero della Difesa cinese dichiarava sul sito web d’essere profondamente preoccupato da tali operazioni. “Gli Stati Uniti militarizzano il Mar Cinese Meridionale in nome della libertà di navigazione e di sorvolo minacciando sovranità e sicurezza delle nazioni costiere e distruggendo pace e stabilità regionale“, dichiarava il ministero.
India e Cina sono indicate dal rapporto del Pentagono Paesi contro cui i militari degli USA effettuarono molteplici manovre tra ottobre 2014 e settembre 2015.china - philippinesTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Cina testa con successo il nuovo ICBM DF-41 sul Mar Cinese Meridionale

La Cina invia un avvertimento a Washington?
Brian Kalman, Southfront
Brian Kalman è un professionista del trasporto marittimo. Ex-ufficiale della Marina degli Stati Uniti per undici anni, attualmente risiede e lavora nei Caraibi.Dong Feng 41 DF-41 intercontinental ballistic missile (ICBM) Chinese Nuclear Second Artillery Corps (SAC) 2nd  multiple independently targetable re-entry vehicle (MIRV) (2)La Cina ha condotto un test di lancio del nuovo ICBM DF-41, il 12 aprile. Il missile è stato lanciato da un autoveicolo di lancio. Due veicoli di rientro a puntamento indipendente (MIRV) dal lancio furono monitorati dai satelliti statunitensi. Alcune fonti sostengono che i MIRV disarmati si tuffarono nel Mar Cinese Meridionale, ma né i funzionari cinesi né quelli statunitensi l’hanno confermato. In risposta alle domande riguardanti la posizione dell’impatto delle testate fittizie, il Ministero della Difesa cinese aveva risposto cripticamente che, “E’ normale per la Cina compiere esperimenti scientifici nel proprio territorio, e questi esperimenti non sono destinati contro un Paese specifico”, ammettendo solo che il missile è stato lanciato “presso il Mar cinese meridionale il 12 aprile”. La Cina aveva condotto un test di espulsione dal contenitore del DF-41 da un veicolo di lancio su rotaia, il 5 dicembre 2015. Il DF-41 è progettato per essere lanciato da veicoli di lancio su rotaia o strada, invece che dai silo fissi, in modo da massimizzare la difficoltà di rilevamento della posizione e migliorarne le possibilità di sopravvivenza a un primo attacco. Il DF-41, o Dong Feng (Vento dell’Est) 41, ha una gittata effettiva compresa tra 14000 e 20000 km, permettendogli di colpire qualsiasi punto degli Stati Uniti continentali entro 30 minuti dal lancio. L’ICBM può anche trasportare 10 MIRV. Il test più recente ha dimostrato la capacità del DF-41 di trasportare almeno 2 MIRV. La Cina molto probabilmente non ha testato il missile con il massimo carico di MIRV, mantenendo i servizi d’intelligence esteri nel dubbio sull’esatta capacità del DF-41. La Cina si propone di schierare i DF-41 sia su veicoli stradali che su veicoli su rotaia entro il 2020, e sembra che l’ICBM sia in avanzata fase di sviluppo. La Cina ha compiuto notevoli progressi negli ultimi dieci anni nello sviluppo di avanzati ICBM a testata MIRV per la neodenominata Forza Missilistica dell’Esercito di Liberazione Popolare, e per la flotta di sottomarini lanciamissili balistici a propulsione nucleare della Marina dell’Esercito di Liberazione Popolare. I cinesi sviluppano anche i veicoli di rientro manovrabile (MARV) per i missili balistici intercontinentali. Questi MARV rendono le testate molto più difficili da intercettare una volta separatesi dall’ICBM, durante il rientro. Il DF-41 molto probabilmente avrà testate MARV nell’eventuale schieramento nella Forza Missilistica dell’ELP nei prossimi anni.
Nel momento in cui i capi di Congresso, gruppi di pressione ed analisti militari mettono in discussione età e sostenibilità del deterrente nucleare degli Stati Uniti, Cina e Russia potenziano quantitativamente e qualitativamente la propria deterrenza nucleare. La Cina ha almeno 4 SSBN Tipo 094 classe Jin in servizio di pattugliamento di deterrenza, con quattro ulteriori battelli previsti dal 2020. Il Tipo 094 trasporta 12 SLBM JL-2 dotati di 2-3 MIRV ciascuno e hanno una gittata efficace di circa 7000 km. La Russia ha similmente fatto progressi negli ultimi anni aggiornando la flotta sottomarina del deterrente nucleare varando 3 degli 8 previsti SSBN classe Dolgorukij (denominazione NATO Borej), altrimenti noti come Proekt 955. SSBN di 4.ta generazione dallo scafo che ospita 16 pozzi di lancio per gli SLBM RSM-56 Bulava. Il Bulava ha una gittata effettiva di 10000 km e può trasportare 6-10 MIRV. I 5 sottomarini da completare sono stati ridisegnati per accogliere 20 SLBM Bulava. L’ICBM di quinta generazione russo RS-24 Jars è in servizio dal 2010 con 63 unità stradali e 10 unità su silo operativi a gennaio di quest’anno. Lo Jars ha una gittata effettiva di 12000 km e può trasportare 10 MIRV. Ogni testata è dotata di avanzate contromisure anti-ABM, rendendo molto difficile ai sistemi missilistici antibalistici distruggerla. La Russia prevede di sostituire tutti i vecchi missili balistici intercontinentali con lo RS-24 Jars e il Topol-M. Il più avanzato ICBM RS-28 Sarmat è in avanzata fase di sviluppo e dovrebbe sostituire l’SS-18 Satan nell’arsenale deterrente nucleare russo. L’RS-28 Sarmat dovrebbe avviare la fase dei test avanzati questa estate, per essere operativo dal 2018. La Russia attualmente sviluppa veicoli di rientro ipersonici per le 10 testate che l’RS-28 dovrà trasportare. I MARV ipersonici non sono solo in grado di cambiare rotta, ma viaggiano anche a una velocità tale che sarà virtualmente impossibile intercettarli.
Se l’ultimo lancio di prova dell’ICBM cinese DF-41 aveva lo scopo d’inviare vari avvertimenti a Washington o meno, va interpretato. Se viene confermato che le testate fittizie sono finite nel Mar Cinese Meridionale pochi giorni dopo che il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Ashton Carter aveva visitato il CSG dell’USS John C. Stennis nella regione, il 16 aprile, il messaggio per gli Stati Uniti sarà abbastanza chiaro. La Cina avverte che non solo può ed è disposta a combattere gli Stati Uniti nel proprio cortile, ma che rapidamente avrà la capacità di colpirli nel loro cortile.1326285393_57421Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.254 follower