Operazioni dell’Esercito arabo siriano: 1-10 agosto 2017

Alessandro LattanzioIl 1° agosto, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL nelle province di Homs, Hama e Raqqa, presso Humimah, al-Suqanah, Mushayrafah, Jub al-Jarah e al-Rabiyah, infliggendo gravi perdite ai terroristi. Le truppe dell’Esercito arabo siriano liberavano Arhabi, al-Sharidah, Qabli, al-Sabaqah, Qanam al-Ala, Wadi al-Qarar e Sabayat, tra Raqqa e Dair al-Zur, avanzando su Zur Shamir, Abu Salim Hamad, Wadi al-Hama e Huayja Ashraf. Gli aerei da guerra statunitensi uccidevano o ferivano oltre 80 civili ad al-Shuayt, al-Duayar e al-Asharah, ad est di Dair al-Zur. 4 capi del SIIL venivano eliminati dall’Esercito arabo siriano ad al-Salamiyah, tra cui Abu al-Hanaya, liquidato con la distruzione del suo autoveicolo. La SAAF bombardava la base del SIIL tra Salba e Uqayrabat, distruggendola. La SAAF bombardava le posizioni del SIIL presso Salamiyah, a Juruh, Salba, Qulayb al-Thur, Jana al-Albuyi, Daqilah Shamaliyah, Daqilah Janubiyah e al-Azib, distruggendo almeno 5 tecniche. Nella base aerea di Humaymim risultavano schierati 22 velivoli tattici delle VKS: 11 bombardieri tattici Sukhoj Su-24, 3 aerei d’attacco Sukhoj Su-25SM, 3 caccia-intercettori Sukhoj Su-27SM3, 6 caccia-intercettori Sukhoj Su-35, 4 cacciabombardieri Sukhoj Su-30SM e 6 bombardieri tattici Sukhoj Su-34. Il governo russo aveva stipulato un contratto di 49 anni per la gestione della base aerea di Humaymim. Erano presenti anche 1 aereo da ricognizione Iljushin Il-20M e 1 aereo-radar Beriev A-50U. Nel sud-ovest del governatorato di Raqqa, la Quwat al-Nimr avanzava su Madan e il triangolo Bishri, al confine tra Raqqa e Dair al-Zur, mentre a sud di Ithriyah, Quwat al-Nimr, Liwa al-Quds, Dar al-Qalamun, 11.ma Divisione corazzata, NDF e Suqur al-Zuba avanzavano verso Suqanah isolando i terroristi nella regione di Uqayribat, ad est di Hama. Tali terroristi erano all’estremità occidentale di un grande saliente al centro della Siria tra Homs e Hama. Dair al-Zur riceveva rinforzi e rifornimenti da Qamishli, permettendo ai difensori della 104.ma Brigata aeroportata dell’EAS, a Dair al-Zur, un’azione offensiva contro i terroristi. Utilizzando un tunnel, distruggevano una linea dei rifornimenti del SIIL ad al-Maqabar. La Russia dispiegava 400 truppe nei governatorati di Dara e Qunaytra. Gli aerei da guerra degli Stati Uniti bombardavamo Busaraya, al-Qashqiyah, al-Qashma, al-Shuayt, al-Duyir e al-Asharah, tra Raqqa e Dair al-Zur, uccidendo e ferendo 90 civili.
Il 2 agosto, l’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco del SIIL su Dair al-Zur, presso la caserma del 137.mo Reggimento e al-Baqaliyah. L’Esercito arabo siriano respingeva un pesante attacco di Jabhat al-Nusra su Marimin e Qurmus, presso Homs, mentre le unità d’artiglieria dell’EAS bombardavano le basi di Jabhat al-Nusra a Tibah al-Qarbi, Qafr Laha, Taldu e Tal Zahab. La SAAF bombardava le posizioni del ISIL a sud-est di Raqqa, a Madan, al-Qamisah, al-Jabar, Maqala Qabir, Maqala Saqir e Qanam al-Ala distruggendo diversi depositi di armi e munizioni ed eliminando numerosi terroristi. L’Esercito arabo siriano liberava Jabal al-Tunutur, ad ovest di Suqanah, entrando da sud-ovest nella città, catturando diverse fortificazioni del SIIL. Le forze governative siriane hanno liberavano a sud di Raqqah la regione di Sabaqah e i villaggi Huija Shanan, Rahbi, Sabaqah, Jabaliya e Rabiyah, sul fiume Eufrate, eliminando 330 autoveicoli, 3 carri armati, 11 pezzi d’artiglieria, 12 centri di comando e 3 depositi di armi del SIIL.
Il 3 agosto, Esercito arabo siriano e forze curde creavano un centro operativo congiunto per coordinare le operazioni antiterrorismo a Raqqa e Dair al-Zur. Rizan Hadu, politico curdo-siriano, osservava che i colloqui tra il governo siriano e le forze curde, “Avranno un effetto positivo sul coordinamento militare in diversi centri e ci accompagneranno nell’avventurosa avanzata per liberare dal SIIL Raqqa e spezzare l’assedio di Dair al-Zur“. Secondo il giornale “al-Aqbar”, diverse questioni contribuivano all’accordo, come le tensioni con i turchi ad Ifrin e le differenze tra statunitensi e curdi su al-Tanaf. Nel frattempo un altro gruppo del Jaysh Muquir al-Thura dell’esercito libero siriano, si consegnava all’Esercito arabo siriano presso la regione al-Tanaf, a sud di Homs. Le forze siriane attaccavano le posizioni del SIIL presso Dair al-Zur, ad al-Baqaliyah e Tal Alush, distruggendo diverse posizioni ed eliminando numerosi terroristi. Nel frattempo, l’artiglieria dell’Esercito arabo siriano bombardava la base del SIIL nel quartiere al-Rasafah di Dair al-Zur, distruggendola. Alcuni capi del SIIL venivano eliminati da ignoti nel quartiere al-Susah di Dair al-Zur e ad al-Buqamal, tra essi Abu Safiyah al-Qundari e Faysal al-Shamari. I soldati siriani respingevano diversi attacchi del SIIL nei pressi del Jabal al-Shumariyah, ad est di Homs, e nei pressi di Maqsar al-Hasan, Tal Hua e Jub al-Jarah. Le forze armate siriane avanzavano di 30 km lungo le rive meridionali del fiume Eufrate, a sud-est di Raqqa, liberando al-Ziyabiyah, al-Mastahah, Shamarah e Islam. Il gruppo terroristico Jabhat al-Nusra lasciava il Jarud al-Arsal mentre Hebzollah liberava Hasan al-Qarbah, Musharaf, Aqabah Nuh Asanayn e Wadi al-Zahr. L’esercito turco e i gruppi terroristici affiliati attaccavano le SDF a Tal Rafat, Shahba, Samuqah, Tal Maziq, Harbal e Tal Jihan, a nord di Aleppo.
Il 4 agosto, negli scontri tra i terrori del SIIL ad al-Buqamal, a sud-est di Dair al-Zur, venivano eliminati numerosi terroristi, tra cui Abu Shadi al-Jilani, un noto capo del SIIL. 2 capi di Ahrar al-Sham venivano eliminati a sud-ovest di Aleppo, Abu Uthman al-Hamwi e Abu Shuayb al-Hamwi, mentre l’EAS liberava Tal Sanubarat, Tal Mahruqat e al-Amara, presso Aleppo, e distruggeva 2 carri armati dei terroristi presso Tal Bazu, nella periferia sud-occidentale di Aleppo. Le truppe dell’Esercito arabo siriano e la SAAF bombardavano le linee del SIIL a Panorama, al-Umal e al-Ayash, a Dair al-Zur, eliminando decine di terroristi, e liberavano la regione di al-Maqabar, tagliando le linee dei rifornimenti dei terroristi tra Jabal al-Thardah e caserma Junayd. Nel frattempo, l’artiglieria dell’EAS bombardava le posizioni del SIIL nel Wadi al-Thardah, Huayja Saqr, al-Marayah, Tal Alush e al-Baqaliyah, eliminando numerosi terroristi e loro mezzi.
Il 5 agosto, l’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco di Hayat Tahrir al-Sham ed Esercito libero siriano (ELS) su Dahrat al-Aliya, a nord di Hama, distruggeva 1 carro armato e 1 blindato dei terroristi presso Tal Bazam, e bombardava le posizioni dei terroristi presso Man, Muraq e Lahaya. L’Esercito arabo siriano liberava al-Dubaiya e Wadi al-Sut al confine siriano-giordano. Hezbollah annunciava che i terroristi di Hayat Tahrir al-Sham aveva lasciato il Jarud al-Arsal. La SAAF bombardava le posizioni del SIIL a Qatamal e Um Tuayna, ad est di Homs, distruggendo 2 depositi di droni da ricognizione, autoveicoli, armi, carri armati, razzi e proiettili di artiglieria. Le unità dell’EAS respingevano l’attacco del SIIL su al-Maqabar, e bombardavano le fortificazioni dei terroristi a Tal Baruq, al-Qanamat e Tal Alush, a Dair al-Zur. L’Esercito arabo siriano liberava al-Hajanah, ad ovest di al-Suqanah, e bombardava le posizioni del SIIL presso al-Hayl, infliggendo notevoli perdite ai terroristi. I soldati dell’EAS entravano ad al-Suqanah liberando il Jabal al-Tantur, a nord-est della città, il Bazar al-Suqanah e la strada al-Suqnah-Ruz al-Wahash, dopo aver respinto l’attacco del SIIL distruggendo 3 loro autoveicoli. Il capo della sicurezza del SIIL ad Uqayrabat, ad est di Hama, Abu Qays al-Salbui, veniva eliminato da sconosciuti, mentre le truppe dell’Esercito arabo siriano e la Liwa al-Quds avanzavano ad est di al-Salamiyah, eliminando numerosi terroristi, e la SAAF bombardava le fortificazioni del SIIL a Junb al-Albui, Abu Hanaya, Salba e Abu Habilat. L’Esercito arabo siriano avanzava su Ayn Tarma e Jubar, ad est di Damasco, liberando diversi edifici ad est di piazza al-Manashir, mentre la SAAF effettuava 16 attacchi aerei contro le fortificazioni di Faylaq al-Rahman e Hayat Tahrir al-Sham, bombardate anche da più di 60 razzi Burqan, distruggendo diversi tunnel, 1 centro di comando vicino la scuola al-Qansa e 1 deposito di armi dei terroristi. L’Esercito arabo siriano liberava Hardan, Salam al-Hamad, al-Atashana, Maqalat Qabir, Maqalat Saqir e al-Dama, a sud-ovest di Raqqa. L’Esercito arabo siriano e le Forze Nazionali di Difesa liberavano al-Suqanah, mentre la Quwat al-Nimr e le forze tribali governative liberavano Abu Hamad e Salim Hamad sull’Eufrate, a sud di Raqqa. Il 5.to Corpo dell’Esercito arabo siriano era entrato ad al-Suqanah da tre assi, sud, sud-ovest e sud-est, costringendo i terroristi dello Stato islamico a ritirarsi, mentre nei combattimenti veniva eliminato l’emiro del SIIL Muaiya al-Hadirimi al-Zabarjandi, facendo crollare le linee dei terroristi nella città. Nel frattempo gli aviogetti statunitensi effettuavano 44 incursioni su Raqqah, uccidendo almeno 90 civili, mentre le SDF bombardavano i quartieri Hisham ibn Abd al-Maliq, Nazlat al-Shahada e Masqan al-Saqar. el frattempo, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL ad Humimah, infliggendo gravi perdite ai terroristi.
Il 6 agosto, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL a Tal Alush, Tal Baruq, al-Qanamat, al-Maqabar, al-Tabani, al-Shamitiyah, al-Umal e al-Hamidiyah, a Dair al-Zur, eliminando numerosi terroristi e distruggendo 1 deposito di munizioni. Le truppe dell’esercito libanese liberavano diverse colline alla frontiera con la Siria, tra cui Tal Abu Ali e Tal Zalil al-Aqra, a Ras Balbaq, oltre a Tal Najasah e Tal Zanar nel Wadi Shabib. L’esercito libanese bombardava le posizioni del SIIL a Qirbat Davud, Ras al-Qaf, al-Washal, Jabal al-Muqayramah, Shamis al-Ash e Darb al-Arab, nel Ras Balbaq. Le truppe dell’Esercito arabo siriano eliminavano ad est di Hama, numerosi terroristi, tra cui Abu Isa al-Salbui, capo della sicurezza del SIIL di Uqayrabat, e liberavano Marimin, a sud-est di Ithriya. Le forze governative siriane liberavano Tal Abu Qulah, Zuhur Rasm al-Qun e Tul Milih, presso Suqanah.
Il 7 agosto, l’Esercito arabo siriano bombardava le posizioni del SIIL a Dair al-Zur, nelle regioni di al-Maqabar, Panorama, al-Baqaliyah, al-Mamal, Junayd, caserma Tamim, al-Umal, al-Hamidiyah, al-Tabani, al-Shamitiyah e al-Buytiyah, distruggendo un grande deposito di armi del SIIL ad al-Masrab. La SAAF bombardava le posizioni del SIIL ad Um Sahriaj, al-Tibah, Tuaynan e Humimah, al confine delle province di Dair al-Zur ed Homs, distruggendo diversi centri di comando, autoveicoli ed attrezzature dei terroristi. Inoltre, venivano bombardati i concentramenti del SIIL ad al-Qashabiyah, al-Fasadah, Abu Habilat, Jani al-Bui, Daqilah al-Shumali e Salba, ad est di Hama. L’Esercito arabo siriano liberava Sharidah Sharqi e Tishrin 6, sull’Eufrate, e bombardava le posizioni dei terroristi sul Jabal al-Buliyah, a Madan, al-Qamisah, al-Jabar e al-Namisahin, distruggendo diversi centri di comando del SIIL. Le truppe dell’Esercito arabo siriano liberava Manuq, a sud-est della regione di Jub al-Jarah, distruggendo diversi autoveicoli dei terroristi del SIIL. Le truppe dell’Esercito arabo siriano, respingevano gli attacchi del SIIL su Dair al-Zur, infliggendo notevoli perdite ai terroristi presso al-Baqaliyah, al-Maqabar e caserma del 137.mo Reggimento. Nel frattempo, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL nel quartiere al-Sinah, a Tal Alush e al-Jafrah. I gruppi terroristici dell’esercito libero siriano Jaysh al-Asuad al-Sharqi, Jayh Maquir al-Thura, Ahrar al-Sharqi e Jaysh al-Sharqi formavano un comitato che invocava l’attacco su Dair al-Zur da Shadadi, a sud di Hasaqah, e chiedeva agli Stati Uniti di sostenerli in una guerra contro le forze siriane e le Unità di protezione del popolo (YPG) curde. L’Esercito arabo siriano liberava al-Duayqilah, presso la stazione di pompaggio T2 e al-Humimah, nel sud-est della provincia di Dair al-Zur. Il SIIL poche ore dopo la liberazione di al-Suqanah, attaccava la città, ma veniva respinto con perdite pesanti, lasciando all’Esercito arabo siriano il pieno controllo della città. Il 5.to Corpo dell’Esercito arabo siriano avanzava a nord di al-Suqanah, verso al-Qum e Tibah, ed eliminando numerosi terroristi. Nel frattempo, la SAAF bombardava le posizioni del SIIL a Um Sahrij, Um Tuayinah, Tuyinan e al-Shandaqiyah, distruggendo 1 centro di comando. Le truppe dell’Esercito arabo siriano liberavano 100 kmq nella provincia di Suwayda, tra cui Tal Asadi, Tal Jarin, Tal Rayahin e Bir al-Sabuni, avanzando su Bir al-Sut.
L’8 agosto, diversi terroristi venivano eliminati a Dara dall’esplosione di in un deposito di armi a Qatibah al-Mahjurah. Ad Ayn Tarma e Jubar, ad est di Damasco, il Faylaq al-Rahman attaccava le posizioni di Ahrar al-Sham ed occupava Mudira. Inoltre, Faylaq al-Rahman scacciava Ahrar al-Sham da Irbin e dalle posizioni a Qafr Batayna e Saqaba, oltre ad attaccare le posizioni dell’Hayat Tahrir al-Sham a Qafr Batayna, Hazah e al-Ashari. Il Jaysh al-Islam attaccava le posizioni del Faylaq al-Rahman ad al-Ashari, Bayt Sua e al-Aftaris. Nel frattempo, l’Esercito arabo siriano liberava piazze Manashir e Jaha, a Jubar. Le truppe dell’Esercito arabo siriano a Dair al-Zur distruggevano 2 centri di comando del SIIL nel quartiere al-Qasarat e bombardavano le posizioni del SIIL presso Panorama e nel Wadi al-Thardah. Aerei militari siriani e russi bombardavano le fortificazioni del SIIL ad est di Aqarib, eliminando decine di terroristi, mentre l’EAS respingeva l’attacco dell’Hayat Tahrir al-Sham ad ovest di al-Salamiyah, tra al-Satahiyat e Aydun. 5 autobombe di Jabhat al-Nusra venivano distrutte dall’EAS presso Jurin, a nord-ovest di Hama. L’Esercito arabo siriano accerchiava da ovest e da sud Madan, liberando diverse aziende agricole e insediamenti ad ovest della città, nel sud-est della provincia di Raqqa. Oltre 70 civili venivano uccisi o feriti dagli attacchi aerei degli Stati Uniti nella provincia di Dair al-Zur e a Raqqa.
Il 9 agosto, le truppe dell’Esercito arabo siriano respingevano l’attacco del SIIL sul Badiyah, tra le province di Homs e Dair al-Zur, nella regione di Humimah, distruggendo 11 autoveicoli. Terroristi del Faylaq al-Sham attaccavano le posizioni della liwa al-Huriyah dell’ELS sul Jabal al-Aqrad, a nord-est di Lataqia, uccidendone il capo Ahmad Jasam. Presso Humimah, nell’est della provincia di Hama, le forze siriane respingevano l’attacco del SIIL da tre direzioni su T2, eliminando almeno 80 terroristi ed 11 loro autoveicoli. L’Esercito arabo siriano liberava Qarab al-Qatana, a sud di Ithryia, sempre nell’est della provincia di Hama, eliminando 10 autoveicoli e 30 terroristi del SIIL, e a sud-est di Raqqa, gli aerei da combattimento siriani e russi bombardavano 5 posizioni del SIIL ad al-Suayda e a Madan. L’EAS bombardava le posizioni dei terroristi nei pressi di al-Daqilah, distruggendo 3 autoveicoli del SIIL. Le unità siriane respingevano i terroristi del SIIL da al-Muazafin, Panorama, Maqabar e al-Thardah, a Dair al-Zur, distruggendo le basi della ‘polizia islamica’ ad al-Qasarat e presso il vecchio aeroporto. Nel frattempo, l’artiglieria dell’Esercito arabo siriano bombardava le posizioni del SIIL ad al-Sinah, al-Jabilah e al-Maqabar, eliminando numerosi terroristi. La SAAF bombardava le posizioni del SIIL a Panorama e al-Baqiliyah. L’Esercito arabo siriano liberava Qa al-Sarat, Wadi al-Shab e le caserme della 133.ma, 143.ma e 154.ma Guarnigione, presso la frontiera con la Giordania, avanzando di 57 km nella provincia di Suwayda e quindi liberando l’intero confine Governatorato di Suwayda-Giordania. La base aerea di Jarah, ad est di Aleppo, veniva riattivata dalla SAAF che vi dispiegava gli aerei militari siriani e russi che effettuavano le diverse operazioni contro il SIIL ad est di Hama e a sud di Raqqa. L’Hayat Tahrir al-Sham radunava diverse organizzazioni terroristiche ad Idlib, tra cui Hizb al-Islami al-Turqistani e Suqur al-Sham. Gli attacchi degli aerei da combattimento degli USA uccidevano 36 civili nelle province di Raqqa, Dair al-Zur e Hasaqa. Nel frattempo, i terroristi del SIIL rimasti ad est di Salamiyah, fuggivano per evitare di essere accerchiati dall’Esercito arabo siriano che avanzava nelle province di Homs e di Hama. “Fuggono perché saranno presto senza dubbio circondati dalle nostre forze, che si collegheranno a Rasafah, tagliando le loro linee di rifornimento ad est di Salamiyah“.
Il 10 agosto, le forze armate siriane liberavano 20 isolati a Jubar e bombardavano le posizioni dei terroristi ad Ayn Tarma.

Unità di mobilitazione popolari: istituzione, guerra allo SIIL e ruolo nel futuro dell’Iraq

South FrontNel giugno 2014, il cosiddetto Stato islamico (SIIL) occupava circa un terzo del territorio iracheno, tra cui la seconda città più grande dell’Iraq, Mosul. Ciò significava che gli islamisti erano vicini a catturare Baghdad e imporre la propria autorità su tutto l’Iraq. A quel punto il governo iracheno riconobbe il reale pericolo della situazione e iniziò a creare unità militari per liberare il Paese dallo SIIL. Le Unità di mobilitazione popolare (PMU) hanno svolto un ruolo decisivo in questo processo. Le PMU (Hashd al-Shabi) sono forze pro-governative che operano sotto la guida formale dell’esercito iracheno e sono costituite da circa 70 fazioni, formatisi su direttiva delle autorità religiose irachene, dopo che lo SIIL occupò ampi territori in diverse province a nord di Baghdad, nel 2014.

Storia della creazione
Uno dei fattori politici interni che portarono all’apparizione delle PMU in Iraq fu il fallimento dello Stato nella sicurezza nazionale, in controtendenza con l’aumento dell’influenza dello SIIL. La caduta di Mosul causata dalla corruzione e dell’incapacità dell’esercito iracheno di svolgere i compiti chiave, portò l’allora Premier Maliqi a perdere fiducia nelle forze armate. Secondo l’ex-Ministro degli Interni Muhamad al-Ghaban, “Le PMU sono un’esperienza unica, di successo e necessaria prodotta dal periodo“. Le milizie leali sciite, contrariamente alle unità multietniche dalla dubbia affidabilità, si rivelarono molto più efficaci nel ripristinare l’ordine. Il 15 giugno 2014, il capo della Shia irachena, l’ayatollah Ali al-Husayni al-Sistani, emise una fatwa che invocava la lotta contro lo SIIL e la creazione delle PMU. Bisogna notare che Sistani non limitò la fatwa all’Iraq, ma insistette nel caratterizzare le forze di mobilitazione nazionali come istituzione nazionale dalla partecipazione di tutti i gruppi etnici, religiosi e sociali.Composizione
Il nucleo delle PMU sono le formazioni sciite armate irachene come Organizzazione Badr, Asayb ahl al-Haq, Qataib Hezbollah, Qataib Sayid al-Shuhada, Haraqat Hezbollah al-Nujaba, Qataib al-Imam Ali e Qataib Jund al-Imam. Queste unità collaborano con alcune tribù sunnite nelle province di Salahudin, Niniwa e Anbar occupate dallo SIIL. Inoltre, le PMU comprendono unità costituite da cristiani, turcomanni, curdi e yazidi.
Organizzazione Badr. Questa formazione fu creata nel 2003 dalle Brigate Badr, l’organizzazione paramilitare del partito islamico sciita “Consiglio Supremo Islamico dell’Iraq” (ISCI). Il suo leader è Hadi al-Amiri. Al momento non è solo un’organizzazione militare ma anche un partito politico con 22 seggi nel parlamento iracheno. Le sue unità militari radunano 10-15 mila soldati. Le sue unità sono state viste in ogni operazione delle PMU contro lo SIIL.
Asayb ahl al-Haq (Lega dei Giusti). Questo gruppo fu formato nel 2006 ed è strettamente legato ad Hezbollah libanese. La sua ideologia supporta la linea ufficiale del leader iraniano Ayatollah Khamenei. Il suo capo è Qays al-Qazali. Dal 2016 ha circa 10 mila soldati. La sua subunità, Brigata Haydar al-Qarar, opera in Siria.
Qataib Hezbollah (battaglioni del Partito di Dio). Questa organizzazione fu costituita nel 2003 per resistere all’invasione statunitense dell’Iraq. Guidata da Abu Mahdi al-Muhandis, ha 30 mila soldati. I suoi combattenti sostengono anche le forze governative in Siria.
Qataib Sayid al-Shuhada (Battaglione del Principe dei Martiri). Milizia militare sciita irachena. Formata nel 2013 per difendere “i luoghi santi sciiti in tutto il mondo” e preservare l’unità del Paese. Guidata da Abu Mustafa al-Shaybani già aderente al Consiglio supremo islamico dell’Iraq. Queste unità combattono anche in Siria a sostegno del governo, soprattutto nella provincia di Damasco. Nessuna informazione sul numero di effettivi.
Haraqat Hezbollah al-Nujaba (Movimento del Partito dei Fratelli di Dio). Formato nel 2013 in risposta alla guerra in Siria e alla contestazione alla leadership di Asayb ahl al-Haq. I due gruppi mantengono ancora stretti legami e spesso cooperano sul campo di battaglia. Guidato da Shayq Aqram al-Qabi, la cui ideologia è coerente con quella di Ayatollah Khamenei. Nessuna informazione sugli effettivi. Questa unità opera anche in Siria.
Qataib al-Imam Ali (Battaglioni dell’Imam Ali). Ramo armato del movimento islamico iracheno. Formato nel giugno 2014 in risposta all’aggressività dello SIIL. Guidato da Shibil al-Zayd che precedentemente combatté nell’esercito del Mahdi di Muqtada al-Sadr. La sua caratteristica distintiva è un’unità formata dai cristiani, i Battaglioni dello Spirito di Dio e Gesù Figlio di Maria. Nessun dato sugli effettivi. Le sue unità hanno partecipato alla liberazione di Tadmur, e alle battaglie di Tiqrit e Mosul.
Qataib Jund al-Imam (Battaglioni dei Soldati dell’Imam). Il suo leader “Abu Jafar” Ahmad al-Asadi è il segretario stampa delle PMU. La sua ideologia è coerente con quella di Khamenei. Nessun dato sugli effettivi. Le sue unità parteciparono alla liberazione di Baiji (2014-15).
Secondo diverse stime, le PMU contano 60-90 mila effettivi. La riserva della mobilitazione nazionale sul territorio iracheno arriva a 3 milioni, comprese le donne. Le forze di mobilitazione nazionali includono anche unità di supporto (genieri, medici, logistica, media). La maggior parte dei combattenti delle PMU ha significativa esperienza in combattimento accumulata durante l’invasione statunitense dell’Iraq. Le PMU sono dirette da Falih al-Fayad, il cui vice e comandante militare è Abu Mahdi al-Muhandis, ingegnere. Per quanto riguarda l’aspetto militare, le PMU sono subordinate all’esercito iracheno e all’autorità esecutiva. Va anche aggiunto che le PMU hanno diversi uffici a Baghdad e Najaf. Il governo iracheno sostiene le PMU militarmente e finanziariamente. Il suo budget è di circa 1,16 miliardi di sterline iracheni. La popolazione irachena versa grandi contributi finanziari per le PMU. Armi e munizioni provengono principalmente dall’Iran. Il governo dell’Iran, Hezbollah e l’Esercito arabo siriano hanno inviato gli ufficiali più qualificati presso le PMU per aumentarne l’efficienza.

Armi ed equipaggiamenti
Le PMU hanno numerosi blindati sovietici forniti dall’esercito iracheno, e anche molti blindati riparati e revisionati. Blindati forniti dall’Iran (come BMP-1, carri armati T-55 e T-72 e loro copie) si trovano nelle PMU. Inoltre, nelle PMU sono stati visti blindati degli Stati Uniti (M1 Abrams, M113, Humvee, MRAP). Le PMU producono e utilizzano notevolmente razzi e munizioni improvvisate e svolgono anche importanti preparativi ingegneristici sul campo di battaglia, tra cui superamento di fiumi, fortificazioni e piste aeree.Operazioni
Dalla creazione, le PMU hanno condotto numerose operazioni difensive e offensive contro lo SIIL. Il primo grande successo fu la fine del blocco di Amirli, nella provincia di Salahudin, nel giugno-agosto 2014. Le unità turcomanne e dell’Asayb Ahl al-Haq vi si distinsero particolarmente. Nell’ottobre-dicembre 2014, le PMU liberarono Dhuluiya e Jurf al-Saqar. Nel novembre 2014 fu lanciata l’operazione per liberare la capitale della provincia di Anbar Ramadi, portando a una vittoria decisiva delle Forze di mobilitazione popolare e dell’esercito iracheno. Gli islamisti uccisero brutalmente oltre 1200 abitanti, i cui corpi furono ritrovati in città e nella periferia. Questa vittoria ebbe un grande impatto psicologico rivelando il vero volto degli aderenti al “vero Islam”. L’operazione per liberare Baiji avvenne tra dicembre 2014 e ottobre 2015. La città ospitava una grande raffineria di petrolio e anche una fabbrica di materiali da costruzione. Parteciparono a questa battaglia Asayb Ahl al-Haq, Qataib Hezbollah, organizzazione Badr e altri. La strada che collega Baiji a Baghdad fu liberata dalle forze governative permettendogli di utilizzare la città come trampolino per l’offensiva su Mosul. La battaglia per la capitale della provincia di Salahudin, Tiqrit, si svolse nel marzo-aprile 2015, con il sostegno delle PMU. Questa operazione vide la partecipazione di Asayb ahl al-Haq, Qataib al-Imam Ali, Qataib Sayid al-Shuhada, subunità dell’organizzazione Badr, formazioni turcomanne (16.ma Brigata) e la milizia sunnita dei Martiri di Salahudin (5000 combattenti). All’inizio di marzo 2016, l’operazione Imam Ali al-Hadi fu avviata per liberare Samara nella provincia di Salahudin. Tutte le unità PMU parteciparono sostenendo la polizia federale e l’esercito iracheno. Questa operazione ebbe diversi obiettivi: liberare le province di Baghdad e Salahudin, assicurare l’accesso alle tombe dei due imam militari, circondare la provincia di Anbar e liberare Samara. Il 23 maggio 2016, il Primo ministro iracheno Haydar al-Abadi annunciò l’Operazione Distruzione del Terrorismo per liberare Faluja. Questa operazione vide la partecipazione di esercito iracheno, polizia federale, Divisione d’oro, unità delle PMU e milizie locali. La partecipazione delle PMU fu limitata a combattere i terroristi dello SIIL nella periferia di Faluja e sull’isola Qaldiya. La città fu liberata il 26 giugno. È possibile che il successo più importante delle PMU sia il contributo alla liberazione di Mosul, iniziata il 17 ottobre 2016. Le PMU non parteciparono direttamente all’assalto, ma svolsero un ruolo importante assediando la città da Tal Afar. Queste operazioni interruppero la via di ritirata ai terroristi dello SIIL verso la Siria e bloccarono eventuali rinforzi dalla Siria. Mosul è ora sottoposta al controllo delle forze governative, ma l’operazione continua poiché non tutti i terroristi sono stati eliminati. Inoltre, le PMU lanciarono un’azione per raggiungere il confine con la Siria, ad ovest di Tal Afar. I combattenti delle PMU liberarono una vasta area, tra cui al-Baj, al-Qayruan e Hatar, e arrivarono al confine con la Siria. Controllando una parte del confine siriano-iracheno, le PMU hanno nuovamente confermato un ruolo importante nell’operazione anti-SIIL in Siria e Iraq creando un punto d’appoggio per ulteriori operazioni nella zona di confine. Le PMU svolgono anche un importante ruolo umanitario, impiegando propri volontari per raccogliere contributi, distribuire aiuti umanitari e fornire assistenza medica ai civili costretti a lasciare le case per i combattimenti. Le PMU hanno drammaticamente trasformato il campo di battaglia poiché hanno minato la presa dello SIIL. Possono concentrare rapidamente un gran numero di truppe in un determinato settore e schierare unità senza la necessità di coordinarsi con gli uffici al vertice. Va anche notata la componente mediatica delle operazioni delle PMU, che utilizzano un’arma propria dello SIIL contro di esso. I media sono utilizzati per organizzare la copertura obiettiva delle operazioni badando alle critiche dal pubblico.Ruolo nella futura vita politica dell’Iraq
La liberazione di Mosul, le sconfitte militari dello SIIL in Siria e la morte annunciata del suo capo, hanno posto una nuova domanda all’ordine del giorno: chi governerà l’Iraq. I media occidentali diffondono informazioni sui sunniti iracheni che preparano una nuova insurrezione. Tariqat Naqshbandi, Brigate rivoluzionarie del 1920 e baathisti della città di Quija, nella provincia di Qirquq, hanno dichiarato l’intento di combattere contro l’attuale governo iracheno dopo che lo SIIL sarà distrutto. L’Esercito dell’Ordine dei Naqshbandi, ramo armato dell’ordine sufi Tariqat Naqshbandi. Secondo alcune stime, per dimensione ed influenza è secondo solo allo SIIL. Ha circa 5 mila combattenti e guidò la guerra contro le forze statunitensi e le forze governative irachene. Nel giugno 2014 partecipò all’assalto di Mosul con lo SIIL. Il suo capo Izat Ibrahim al-Duri, fu vicepresidente del Consiglio dei Comandanti Rivoluzionari dell’Iraq tra il 1979 e il 2003, e fu uno massimi funzionari di Sadam Husayn ricercato dagli Stati Uniti. Quindi la sconfitta dello SIIL gli sarà di vantaggio, in quanto eliminerà il principale concorrente e, inoltre, dopo il terrore dello SIIL, qualunque altro gruppo sembrerà più attraente ai sunniti. Inoltre, con la sconfitta dello SIIL, al-Qaida potrebbe reinventarsi, anche se sembra improbabile. Il crollo dello SIIL potrebbe mostrare agli islamisti che la strategia di al-Qaida di creare un califfato solo nella fase finale della jihad, quando l’intera popolazione già condivide in modo incondizionato l’ideologia jihadista, è più produttivo di un califfato creato con la violenza. Tuttavia, al-Qaida attualmente non gioca il ruolo nel mondo dell’Islam radicale che ebbe 10-15 anni prima. Non va altresì dimenticato lo SIIL. La soppressione fisica dello SIIL e le celebrazioni della Shia non avranno effetti positivi su fasce sunnite irachene e siriane. Non si possono escludere nuovi gruppi terroristici sunniti. Dall’inizio della battaglia di Mosul, i terroristi dello SIIL poterono effettuare diversi attacchi terroristici sanguinosi in varie parti dell’Iraq, tra cui Qirquq, Tiqrit, Samara e Baghdad. Con il passaggio alla guerriglia dopo la sconfitta militare in Iraq e Siria, ci si può aspettare altro e sarà difficile determinare chi, radicali sunniti o superstiti dello SIIL, vi sia dietro. Si può trarre la conclusione dal caos in Medio Oriente che le politiche statunitensi hanno completamente fallito. Ma sarebbe errato. Gli Stati Uniti continueranno ad esercitare un’influenza notevole sui processi politici. Se si dovesse lasciare tutto così com’è, l’Iran riempirebbe il vuoto creato usando le milizie sciite esistenti in Libano, Siria e Iraq. Ciò minaccia le posizioni di Paesi come Israele e Giordania. Le relazioni tra i curdi iracheni e il governo sono complesse. Il Kurdistan iracheno è un’entità autonoma con amministrazione, economia, polizia ed esercito propri. Inoltre, il 25 settembre 2017 è previsto un referendum sull’indipendenza del Kurdistan iracheno, che non può che creare tensioni con il governo federale dell’Iraq e le minoranze che vivono nel territorio curdo (turcomanni, arabi). Le relazioni arabo-curde sono peggiorate dal ricordo delle repressioni di Sadam Husayn durante la guerra Iran-Iraq e dal sostegno attivo ai curdi degli Stati Uniti durante l’occupazione dell’Iraq.
Sul futuro delle PMU vi sono diverse sfumature. Le PMU non hanno un unico leader politico perché sono un’entità militarizzata. Vi sono attriti attuali e potenziali nelle PMU per via della concorrenza fra tre fazioni: Khamenei, Ali al-Sistani e Muqtada al-Sadr. La fazione Khamenei comprende diverse realtà relativamente piccole formate dall’Iran. I suoi leader sono orgogliosi di questa affiliazione, sottolineando la loro obbedienza religiosa a Khamenei. Questi gruppi includono, ad esempio, Saraya Qurasani e Qataib Abu Fadhl al-Abas. Questa fazione promuove gli interessi iraniani in Siria e protegge le frontiere dell’Iran. Queste formazioni militarizzate sono partiti politicamente interamente formati o lo diventano in previsione delle previste elezioni provinciali e parlamentari del 2018. Questi gruppi sono vicini all’ex-premier Maliqi, che li convinse ad aderire alla coalizione del Dominio del Diritto durante le elezioni parlamentari del 2014. Sebbene inizialmente formatesi come organizzazioni militari, queste formazioni sono diventate veri partiti politici sotto la guida dell’ex-premier. La seconda fazione delle PMU comprende diverse formazioni militari che hanno giurato fedeltà al leader supremo della Shia irachena Ayatollah Sistani, e i cui interessi non sono politici. Sono state formate esclusivamente dalla fatwa di Sistani per proteggere i luoghi santi e liberare l’Iraq dallo SIIL. Nel 2014, c’era la minaccia reale che lo SIIL potesse distruggere i luoghi santi della Shia a Baghdad e in altre province. Le formazioni principali di questa fazione sono Saraya al-Ataba al-Abasiya, Saraya al-Ataba al-Husayniya, Saraya al-Ataba al-Alawiya e Liwa Ali al-Aqbar. Ognuno di questi nomi corrisponde a una delle quattro moschee sacre di Qadhimi, Qarbala e Najaf. Secondo alcuni leader e aderenti di questi gruppi, saranno sciolti non appena la minaccia dello SIIL sparirà. Questa concezione si basa sulla fatwa di Sistani emessa in risposta a una minaccia specifica e avente carattere temporaneo. La loro missione fondamentale è proteggere le zone sciite e obbedire agli ordini di Sistani. Significa che i gruppi di questa fazione potrebbero essere sciolti o integrati nei militari iracheni. I Reggimenti della pace (Saraj al-Salam) furono formati dal leader radicale della Shia Muqtada al-Sadr subito dopo il massacro islamista nel 2014 di Camp Speicher. Ciò consistette nel rinominare l’esercito del Mahdi sciolto nel 2008, ma che mantenne il nucleo dei comandanti e specialisti, facilmente rimobilitati quando Sadr ebbe maggiore esperienza lavorando con le formazioni militarizzate di altri leader. Secondo alcune stime, Saraj al-Salam potrebbero mobilitare rapidamente fino a 100000 uomini. Secondo i leader della fazione, il suo potere non è limitato dal numero di volontari ma dalla carenza di risorse, in particolare denaro e attrezzature militari. Questo perché, a differenza delle altre fazioni, il gruppo di Muqtada al-Sadr è in gran parte escluso dai finanziamenti iraniani. Il movimento e il suo carattere semi-militare sono popolari in Iraq per le sue attività prima dell’invasione statunitense nel 2003. A differenza di altri partiti e gruppi militari, i sadristi non facevano parte dell’élite tornata in Iraq dopo l’invasione degli Stati Uniti. Il movimento fu creato da comuni cittadini e non da élite. Sadr tracciò il proprio percorso, con disappunto dei leader iraniani che finanziarono l’esercito del Mahdi nel 2003-10. Oggi Sadr e le sue formazioni militarizzate hanno una forte posizione pro-nazionale, respingono la politica di Khamenei e sono contro la presenza di truppe straniere in Iraq. Questa posizione ha introdotto confusione sul ruolo dei Saraj al-Salam nelle PMU. Di tanto in tanto, i sostenitori di Sadr sostengono di far parte delle PMU, ma in altri casi affermano il contrario. Ciò è in parte dovuto al fatto di non riconoscere la fazione di Khamenei come parte delle PMU e dal rifiuto ancora maggiore dell’influenza iraniana e dell’ex-premier Maliqi in Iraq. Tuttavia, questa fazione trova utile dichiararsi parte delle PMU per la loro popolarità tra gli iracheni.Questioni contese nelle PMU
Coinvolgimento negli affari siriani. La fazione di Khamenei rimane vicina all’Iran e favorisce l’aiuto al governo di Assad. Molti di questi gruppi, in particolare il nucleo delle sette formazioni militarizzate, sostengono ancora il legittimo governo della Siria e sono pronti a contribuire a difendere Damasco. Ma i sostenitori di Sistani e di Sadr erano contrari a farsi coinvolgere. Sadr ha anche criticato Hasan Nasrallah ed Hezbollah per il loro coinvolgimento ufficiale in Siria nel 2014, sostenendo che movimenti e partiti sciiti dovrebbero rispettare le proprie giurisdizioni e non complicarsi la politica intervenendo negli affari di altri Paesi. Ha anche criticato i miliziani sciiti iracheni per la loro presenza in Siria. Inoltre, molti dei comandanti delle unità di Sistani sono più preoccupati di proteggere il territorio sciita e i luoghi sacri in Iraq che d’intervenire in Siria. L’integrazione delle PMU nelle istituzioni di sicurezza irachene è un’altra questione controversa. La fazione di Khamenei è preoccupata di essere integrata nell’esercito e nella polizia iracheni, dato che sono ancora troppo deboli. Da parte loro, la maggior parte dei gruppi legati a Sistani e Sadr ha espresso disponibilità ad integrarsi nelle istituzioni statali o addirittura sciogliere le proprie formazioni militari. Se le PMU saranno integrate nelle forze armate o conservate come ramo distinto delle forze armate, ciò avrà conseguenze non solo per la sicurezza dell’Iraq ma anche in politica. Se il primo ministro Abadi può integrare in modo efficace e indolore le PMU nei militari iracheni, sarà un argomento convincente a favore della sua leadership. Ma il fatto che Abadi impedisse alle PMU di partecipare all’assalto a Mosul inviandole in un fronte secondario, anche se l’esercito iracheno mostrava debolezze, e le PMU avrebbe potuto essere utilizzate in modo efficace lungo l’asse dell’avanzata, dimostra che continueranno ad avere un ruolo decisivo influenzando l’equilibrio del potere politico in Iraq. Così l’anno prossimo, le PMU diverranno inevitabilmente uno strumento politico utilizzato da tutte le parti per prendere il potere in Iraq.Conclusioni
Le PMU possono essere considerate una delle più grandi organizzazioni militari e civili del Medio Oriente. Sono il centro probabile e desiderabile del potere politico in Iraq. Le PMU uniscono numerose formazioni armate sunnite, sciite, cristiane, yazidi, turcomanne e curde, il che significa che malgrado i disaccordi interni, costituiscono una piattaforma per il dialogo su questioni militari e politiche e anche una garanzia contro le minacce esterne dell’islamismo. Attualmente, solo le PMU hanno l’esperienza per condurre operazioni militari, lavorare con la popolazione locale e assicurare una copertura obiettiva mediatica. La maggior parte degli iracheni ordinari crede che le PMU debbano avere un futuro politico, perché hanno spezzato lo SIIL in Iraq e sono pronte ad aiutare la Siria. Affinché l’Iraq possa affrontare i propri problemi, dovrebbe rafforzare le istituzioni locali e federali per combattere i terroristi e raggiungere un’intesa tra le comunità etno-religiose. Solo allora l’Iraq potrà tradurre le vittorie militari in dividendi politici a lungo termine e garantire pace e stabilità nella regione.

Falih al-Fayad e Bashar al-Assad

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Aspetti politici dell’esercitazione navale russo-cinese

Vladimir Terehov New Eastern Outlook 30.07.2017L’esercitazione congiunta navale tra navi russe e cinesi a fine luglio è senza dubbio uno degli eventi più importanti della moderna politica internazionale. Anche se le dimensioni di queste esercitazioni erano notevolmente inferiori a quelle statunitensi-nippo-indiane Malabar, tenutesi nello stesso tempo nella baia del Bengala. L’esercitazione navale nel Mar Baltico è particolarmente importante per numerosi fattori, inclusi gli Stati che vi hanno partecipato, lo sfondo politico che le accompagnava e regione e momento in cui si svolgevano. In termini di produzione la Cina è già leader globale. Nel gennaio 2017, al Forum economico mondiale di Davos, il Presidente cinese Xi Jinping annunciava pubblicamente la disponibilità ad assumersi il ruolo di motore dell’economia mondiale. La sua visione del progetto One Belt, One Road (OBOR) è già la base della politica estera cinese. L’emergere della Cina a nuova superpotenza globale è percepita a Washington come principale minaccia al suo dominio incontestato nel mondo. Oggi si nota la stessa situazione verificatasi all’inizio del XX secolo, quando la lotta tra la vecchia superpotenza (Gran Bretagna) e quelle emergenti (USA, Germania) si concentrò sul controllo delle rotte commerciali marittime. Tuttavia, questo aspetto particolare rimane l’elemento più vulnerabile del pianto cinese per diventare il nuovo leader mondiale. Pertanto, non sorprende che lo sviluppo di una Marina sia una priorità della Cina. Oggi, le navi militari cinesi non solo controllano le acque nazionali, ma pattugliano anche Oceano Indiano e Mar Mediterraneo. Tuttavia, il viaggio dall’altra parte del globo, dalle basi in Patria al Mar Baltico, intrapreso dal gruppo di navi militari cinesi allo scopo di condurre le esercitazioni congiunte con le forze navali russe, è un evento senza precedenti. Dimostra le capacità della moderna Marina cinese assieme all’importante ruolo che la Russia svolge nei piani globali di Pechino. Un altro motivo dell’apparizione inaspettata di navi militari cinesi nel Mar Baltico è il ritmo estremamente lento con cui i rapporti tra Pechino e Bruxelles evolvono. Insieme ai problemi sulle relazioni tra Stati Uniti e Cina, questo argomento passa gradualmente verso il piano centrale della geopolitica globale.
Un elemento importante di questo processo è l’idea che la Cina presentò a un gruppo di Stati dell’Europa dell’Est per creare infrastrutture dei trasporti dalla Grecia alla Polonia. Nel 2012, questa idea fu discussa in un forum speciale con la partecipazione di Pechino e di 16 Paesi dell’Europa orientale. Tuttavia, Washington ha cercato di trascinare lo stesso gruppo di Paesi nei propri progetti sfruttando la Polonia. La “proiezione di potenza” cino-russa nella regione può mettere fine a tali giochi. È probabile che la Germania sia disposta a contribuire in silenzio in ciò. Per la Russia, è curioso che, proprio come cento anni fa, sia percepita da “certe forze” come l'”anello più debole” (questa volta in tandem con la Cina) e pertanto sia divenuta obiettivo di ogni attacco. Pertanto, sullo sfondo dei noti eventi recenti, il sostegno politico della Russia alla seconda potenza mondiale tramite le esercitazioni congiunte nel Baltico si rivela estremamente tempestivo. Tuttavia, le stesse esercitazioni possono essere considerate in modo diverso, come il tentativo di Mosca di sostenere politicamente la Cina, dato che l’esercitazione Malabar sopra citata mira a contrastare l’avanzata della Cina. Mentre subiscono la stessa pressione politica, economica e militare-strategica da un gruppetto di Stati, è naturale che Cina e Russia espandano ed approfondiscano la partnership strategica. Tuttavia, non trasformano tali legami in un’alleanza militare-politica, mantenendo così libertà di manovrare nei rapporti con l’occidente. Tuttavia, queste manovre vanno molto meglio quando si sa che qualcuno copre la schiena. È perciò che nel corso dell’esercitazione navale nel Mar Baltico, il Segretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa Nikolaj Patrushev incontrava l’aderente al Consiglio di Stato della Repubblica popolare cinese Yang Jiechi nell’ambito del 13° giro di consultazioni russo-cinesi sulla stabilità strategica. Secondo i media, i colloqui riguardavamo una vasta serie di questioni legate a sicurezza e cooperazione militare.

Vladimir Terekhov, esperto di questioni della regione Asia-Pacifico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Washington perde la Guerra Mondiale Economica

Alessandro Lattanzio, 31/7/2017

Come sapete, ci stiamo trattenendo, con molta pazienza, ma a un certo punto dovremo rispondere, è impossibile tollerare l’arroganza verso il nostro Paese per sempre“,
Vladimir Putin

Il 20 luglio, il Presidente Vladimir Putin ordinava la riduzione del personale diplomatico statunitense in Russia da 1200 a 455 individui, dopo aver interdetto allo stesso personale l’accesso al magazzino dell’ambasciata degli Stati Uniti a Mosca e al complesso diplomatico di Serebrjanj Bor, a nord-ovest di Mosca. Il Presidente Putin dichiarava, “gli statunitensi hanno fatto una mossa che, ed è importante notarlo, non è stata provocata, peggiorando le relazioni tra Russia e Stati Uniti. Ciò include restrizioni illegali, tentativi d’influenzare altri Stati del mondo, anche nostri alleati, interessati a sviluppare e mantenere rapporti con la Russia. Aspettavamo da tempo che forse qualcosa cambiasse in meglio, abbiamo sperato che la situazione cambiasse. Ma sembra che non cambierà nel prossimo futuro… quindi ho deciso che è giunto il momento di dimostrare che non lasceremo nulla impunito“. L’espulsione del personale degli Stati Uniti presso ambasciata e consolati in Russia, pari a 755 effettivi, è senza precedenti; l’espulsione più grande di diplomatici nella storia moderna. Il personale statunitense entro il 1° settembre sarà ridotto a 455 elementi, pari al personale diplomatico della Russia presente negli USA. Inoltre, la decisione stabilisce il principio che il numero del personale presso ambasciate e consolati statunitensi in Russia sarà pari al numero del personale presso ambasciate e consolati russi negli Stati Uniti. Ciò significa che qualsiasi futura espulsione di diplomatici russi dagli Stati Uniti, e qualsiasi rifiuto di visto dagli USA nei confronti di diplomatici russi, verrà seguita da pari provvedimenti contro diplomatici degli Stati Uniti in Russia. È un colpo pesante per gli Stati Uniti, che avevano personale diplomatico in Russia triplo rispetto al numero di diplomatici russi negli Stati Uniti; senza dubbio molti, se non la maggior parte di essi, sono agenti dell’intelligence e d’influenza di Washington, impegnati in attività di raccolta di informazioni e “promozione della democrazia” in Russia. Ma tutto questo non è la sola risposta alle sanzioni approvate dal Congresso degli Stati Uniti contro la Russia e i suoi alleati. Mosca potrà attuare anche dure sanzioni economico-commerciali contro gli USA, ad esempio la JSC Techsnabexport (TENEX) ha 25 contratti dal valore complessivo di 6,5 miliardi di dollari con 19 società statunitensi, per fornire uranio russo. La VSMPO-AVISMA è il maggiore produttore mondiale di titanio, venduto alle aziende aerospaziali statunitensi per una quantità pari alla metà del titanio importato dagli Stati Uniti. La Boeing inoltre aveva annunciato investimenti in Russia per 27 miliardi di dollari, soprattutto con la VSMPO. VSMPO-AVISMA ha sostanzialmente il monopolio della produzione di titanio, e l’embargo dalla Russia potrà danneggiare l’industria della difesa statunitense. Anche Caterpillar potrebbe perdere gli ordini per attrezzature pesanti da impiegare per costruire oleodotti. E alle compagnie informatiche statunitensi viene già impedito di operare in Russia (e Cina).
Il Presidente Vladimir Putin firmava a fine giugno una legge che vieta l’uso delle tecnologie di accesso a siti bloccati in Russia, introducendo anche il divieto ai motori di ricerca di permettere collegamenti sul territorio della Federazione russa a risorse bloccate. Il capo della commissione per la Politica dell’Informazione della Duma, Leonid Levin, osservava che la legge vieta l’uso di servizi per l’accesso a contenuti illegali. In sostanza viene proibito in Russia l’utilizzo del VPN (Virtual Private Network) e proxy statunitensi. Anche in Cina vengono proibiti i servizi VPN, come ExpressVPN e StarVPN, che consentivano di violare il “Great Firewall” regolato dal Partito Comunista Cinese (CCP), visualizzando siti web proibiti in Cina. “Apple Inc. (AAPL.O) rimuove i servizi VPN virtuali dal suo store app in Cina, secondo i fornitori di servizi VPN che accusano il gigante tecnologico statunitense d’inchinarsi alla pressione di Pechino per conformarsi a un rigoroso regolamento del cyberspazio”. Alti lai da parte degli stessi che impongono la cyber-caccia alle streghe su internet con la scusa delle “Fake News”, regolarmente spacciate invece dai mass media atlantisti e globalisti.
Va ricordato che il 25 luglio il Congresso USA approvava sanzioni economiche contro le industrie russe, iraniane e nordcoreane, danneggiando anche quelle europee. Ciò nell’ambito della legge Contro l’influenza russa in Europa e Eurasia, del 2017, per promuovere “la sicurezza energetica in Ucraina” e tentare d’isolare la Russia. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker reagiva alle sanzioni statunitensi, “Il disegno di legge prevede l’imposizione di sanzioni per qualsiasi società (incluse europee) che contribuisca a sviluppo, manutenzione, ammodernamento o riparazione di gasdotti per l’esportazione di energia dalla Federazione russa (influendo sulle infrastrutture energetiche dell’Europa), colpendo i progetti cruciali per la diversificazione dell’UE, come il progetto sul gas naturale liquefatto baltico. Perciò la Commissione ha concluso che se le nostre preoccupazioni non sono sufficientemente prese in considerazione, siamo pronti ad agire in modo appropriato entro pochi giorni. Gli USA soprattutto non possono mettere gli interessi dell’Europa all’ultimo posto”. Infatti, a luglio la compagnia energetica russa Gazprom e la società petrochimica tedesca BASF negoziavano il completamento del Nord Stream-2, “nella prima metà del 2017 Gazprom ha fornito alla Germania 26,5 miliardi di metri cubi di gas, con un incremento di 3,8 miliardi di metri cubi (+16,7 per cento) dai primi sei mesi del 2016. Le parti hanno sottolineato l’importanza della tempestiva attuazione del progetto”. Secondo Wolfgang Ischinger, presidente della Conferenza della sicurezza di Monaco, queste sanzioni, “non raggiungeranno gli obiettivi e creeranno invece nuovi problemi. A meno di una revisione significativa, comprometteranno la sicurezza energetica europea e le relazioni statunitensi con l’Europa. Il beneficiario di ciò sarà la Russia”. Secondo Ischinger, il Nord Stream-2,non è questione che va decisa a Washington. È una questione europea, decisa dagli europei secondo leggi e regolamenti europei. Questa legge favorisce chi vuole por fine alla partecipazione dell’Europa all’attuale approccio transatlantico sulla Russia, comprese le sanzioni. Se il presidente firma il disegno di legge nella forma attuale, alienerà gli USA complicando la nostra alleanza in un momento critico”.
Inoltre, il conglomerato petrolifero francese Total entrava nel progetto iraniano South Pars 11, che alimenterà il gasdotto iraniano-iracheno-siriano. Total firmava l’accordo con la National Oil Company iraniana (NIOC) per lo sviluppo del Blocco 11 del South Pars, il più grande giacimento di gas mondiale dalla prevista capacità estrattiva di 1,8 miliardi di metri cubi al giorno. Aziende francesi, iraniane e cinesi finanzieranno l’intero progetto South Pars: con il 50,1% per Total, il 19,9% per NIOC e il 30% per CNPC, aggirando le sanzioni degli Stati Uniti. Inoltre, “con le sanzioni statunitensi ancora attive che vietano negoziati con l’Iran in dollari, Total finanzierà il progetto in euro“. Al Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo (SPIEF), il CEO di Total Patrick Pouyanne assicurava, “Vale la pena rischiare (…) perché apre un mercato enorme. Siamo perfettamente consapevoli di certi rischi. Abbiamo preso in considerazione le sanzioni, come evitarle e come cambiare i regolamenti“. South Pars è la sezione iraniana del più grande giacimento di gas del mondo, condiviso con il Qatar, sotto embargo da parte dell’Arabia Saudita. Inoltre, in cambio della cooperazione su South Pars 11, le Zagros Airlines iraniane ordineranno alla Francia 20 aerei di linea Airbus A320 e 8 Airbus A330 e l’Iran Airtour 45 Airbus A320. Infine, la francese AREP e le Ferrovie dello Stato firmavano accordi con l’Iran per espandere e modernizzare il sistema ferroviario dell’Iran. In relazione a ciò, “il presidente francese s’impegnava a fare del suo meglio per approfondire le relazioni economiche, scientifiche e culturali con l’Iran durante il suo mandato”. “È nostro obiettivo e nostra volontà normalizzare i legami bancari con l’Iran anche se non può essere fatto tutto subito”, dichiarava il ministro francese Sapin.Nel frattempo, la Cina esibiva il materiale militare più avanzato in occasione della parata dedicata al 90° anniversario della fondazione dell’Esercito di Liberazione Popolare, il 30 luglio, presso la base militare di Zhurihe nella Regione Autonoma della Mongolia Interna. Alla parata partecipavano 12000 militari, 129 aeromobili e 571 mezzi militari, tra cui carri armati Tipo 99A, veicoli da combattimento della fanteria ZBD-04, blindati ZBL-08, semoventi d’artiglieria PLZ-89 e PLZ-05, sistemi missilistici anticarro HJ-10, due gruppi di 17 e 24 elicotteri da combattimento Z-19, cacciabombardieri Shenyang J-16 e caccia furtivi Chengdu J-20, caccia navali J-15 imbarcati sulla portaerei Liaoning, caccia multiruolo J-10B e J-11B, bombardieri H-6K, aerei da guerra elettronica KJ-2000 e KJ-500, velivoli da trasporto multiruolo Y-9, velivoli da trasporto militare pesante Y-20, missili antiaerei HQ-9B e HQ-22, missili da crociera supersonici YJ-12A e subsonici YJ-62A e YJ-83K, missili balistici a medio raggio DF-16 e DF-26, oltre al “killer di portaerei”, il missile balistico a medio raggio DF-21D, e al nuovo missile balistico intercontinentale DF-31AG dalla gittata di oltre 10000 chilometri. Nell’occasione, il Presidente Xi Jinping dichiarava che, “Il mondo oggi non è del tutto in pace ed essa va salvaguardata. Oggi siamo più vicini all’obiettivo della grande rinascita della nazione cinese che in qualsiasi altro momento della storia e dobbiamo costruire una forza militare più forte di quanto mai prima nella storia. Soldati e ufficiali devono rispettare rigorosamente i principi e il sistema di assoluta leadership del Partito sull’esercito, ascoltare e obbedire sempre agli ordini del partito ed eseguirli per qualsiasi scopo che gli mostrerà. Credo fermamente che le nostre forze armate hanno coraggio e capacità di battere qualsiasi invasore, il nostro esercito ha determinazione e capacità di proteggere la sovranità nazionale, la sicurezza e gli interessi del Paese“.Lo stesso giorno, nella Federazione Russa si svolgeva la giornata della Marina militare, che per la prima volta in assoluto, vedeva svolgersi le parate navale in tutte e cinque le flotte della Marina Militare russa. A Kronshtadt, San Pietroburgo, presenziava il Presidente Putin, mentre la parata navale veniva trasmessa sui principali canali televisivi russi. Alla parata a largo di San Pietroburgo partecipavano anche l’incrociatore da battaglia a propulsione nucleare Pjotr Velikij e il sottomarino lanciamissili balistico Dmitrij Donskoj, il più grande del mondo, oltre a 2 navi da guerra cinesi che avevano partecipato alle manovre navali russo-cinesi Sea Joint-2017 nel Mar Baltico. La Giornata della Marina Militare russa aveva una sua sfilata anche al largo di Tartus, dove manovravano le unità russe dispiegate a supporto della Siria; le otto navi della Marina russa comandate dal Capitano di Primo Rango (Capitano di Vascello) Pavel Jasnitskij: le fregate Admiral Essen e Pytlivjy, il sottomarino della Flotta del Mar Nero Krasnodar, il cacciamine Valentin Pikul, la nave da ricognizione della Flotta del Baltico Vasilij Tatishev, il rimorchiatore SB-739 e la nave di supporto Kil-158.

Fonti:
Buryat
Buryat
Fort Russ
Global Times
MTT
Orientalist
Sputnik
SCF
The Duran
The Duran
The Duran

La tradizione vittoriosa della RPDC resterà per sempre

Kim Jong Un dirige il secondo lancio dell’ICBM Hwasong-14
Rodong 29 luglio 2017Il secondo lancio di prova dell’ICBM Hwasong-14 è stato eseguito con successo la notte del 28 luglio, Juche 106 (2017) sotto la supervisione di Kim Jong Un, Presidente del Partito dei lavoratori della Corea, Presidente della commissione degli Affari di Stato della RPDC e Comandante supremo dell’Esercito popolare coreano. Kim Jong Un ha guidato il lancio di prova sul posto. Guidando sempre a miracoli e vittorie continue, imbarazza l’immaginazione dei popoli del mondo con la sua rara saggezza militare e grande strategia, ha posto l’obiettivo militare nella ricerca missilistica guidando un altro test di lancio simulante la massima gittata dell’Hwasong-14 nel primo mattino per dimostrare ancora una volta l’affidabilità del sistema missilistico. Scienziati e tecnici dell’industria della Difesa, fedeli al partito che condividono intenzioni, aspirazioni e passi del leader con l’assoluta fiducia in lui, completavano prima del previsto i preparativi per il secondo lancio dell’Hwasong-14, con decise fiducia e volontà di dimostrare pienamente la potenza della forza nucleare strategica della RPDC. Durante i preparativi, il rispettato leader supremo Kim Jong Un riceveva una relazione e forniva istruzioni dettagliate ogni giorno. La notte del 28 luglio visitava il sito di lancio per guidare il test sul posto. Il test di lancio era volto a confermare definitivamente le specifiche tecnologiche complessive del sistema d’arma Hwasong-14 capace di trasportare testate nucleari pesanti e di grandi dimensioni anche alla massima gittata. Per ordine del leader supremo, il missile balistico intercontinentale Hwasong-14 carico della tremenda potenza della Corea eroica ruggiva nello spazio, lasciandosi una colonna di fiamme dietro. Il missile decollò dalla parte nordoccidentale della RPDC raggiungendo la quota di 3724,9 km e volando per 998 km, per 47 minuti e 12 secondi, prima di atterrare nelle acque del bersaglio in mare aperto. Il test è stato eseguito al massimo angolo di lancio imitando la gittata massima e non avendo effetti negativi sulla sicurezza dei Paesi limitrofi. La prova ha anche riconfermato le caratteristiche specifiche del sistema missilistico, come distacco del missile dalla piazzola di lancio, distacco degli stadi, sistema strutturale, ecc., confermati dal primo test, confermando le caratteristiche operative dei motori il cui numero è aumentato per garantire la massima gittata nella fase attiva della traiettoria, nonché precisione e affidabilità del sistema di guida e stabilizzazione migliorato. Sono state riconfermate le caratteristiche del controllo della testata pesante nella fase di volo centrale dopo la separazione della testata bellica, e la precisione del controllo di guida e puntamento della testata bellica al rientro atmosferico, con un lancio angolare maggiore rispetto alla gittata effettiva. La stabilità strutturale della testata bellica resisteva e il sistema di detonazione della testata bellica mostrava un funzionamento regolate anche a migliaia di gradi centigradi.
Esprimendo grande soddisfazione per i risultati del lancio di prova dell’ICBM, rivelatosi un successo perfetto ed enorme senza il minimo errore, Kim Jong Un elogiava scienziati, tecnici ed ufficiali nel campo della ricerca missilistica consegnandogli un ringraziamento speciale a nome del Comitato Centrale del Partito. Il test di lancio ha riconfermato l’affidabilità dell’ICBM, dimostrando la sorprendente capacità di lanciare ICBM in qualsiasi regione e in qualsiasi momento, e chiarendo che tutto il continente statunitense rientra nella gittata dei missili della RPDC, ha detto con orgoglio. Il lancio di prova simulante la gittata massima dell’ICBM effettuato dalla RPDC oggi, è destinato a inviare un grave avvertimento agli Stati Uniti per le loro osservazioni insensate e irrazionali, aggiungendo che ciò chiarirà facilmente ai responsabili politici degli Stati Uniti che gli Stati Uniti, Stato aggressivo, non la passeranno liscia se provocassero la RPDC. Le fanfaronate degli Stati Uniti su guerra, sanzioni e minacce estreme alla RPDC incoraggiano e offrono la migliore opportunità per accedere al nucleare, affermava osservando: al popolo coreano che ha vissuto i disastri della guerra in questa terra per mano dalla bestialità degli imperialisti statunitensi, la potente deterrenza della Difesa dello Stato è un’opzione strategica inevitabile ed è un prezioso patrimonio strategico che non può essere scambiato con nulla. Se gli yankees brandiscono nuovamente il bastone nucleare su questa terra, nonostante i nostri ripetuti avvertimenti, gli mostreremo chiaramente l’uso della forza strategica nucleare che abbiamo dimostrato ogni volta, sottolineava. Kim Jong Un si è congratulato calorosamente con gli scienziati e i tecnici della ricerca missilistica che hanno dimostrato ancora una volta prestigio e dignità della potenza nucleare indipendente e potenza missilistica mondiale del Juche, effettuando con successo il secondo lancio dell’ICBM Hwasong-14. Abbracciandoli, aveva una sessione fotografica con loro che resterà nella storia. La Corea democratica avanza lungo la nuova linea del grande Partito dei Lavoratori della Corea, sviluppando simultaneamente economia e difesa, e svilupperà altre armi strategiche più potenti, le armi del Juche che dimostreranno al mondo la potenza invincibile della Corea e la sua inesauribile potenza di sviluppo, finché Stati Uniti e forze vassalle che tentano di sconvolgere la dignità della Corea e il suo diritto all’esistenza, saranno eliminati conseguendo la vittoria finale nello scontro con gli imperialisti e gli USA.
Erano presenti Ri Pyong Chol, Kim Rak Gyom, Kim Jong Sik, Jang Chang Ha, Jon Il Ho, Yu Jin e Jo Yong Won.

La tradizione vittoriosa della RPDC resterà per sempre
Ri Hyo Jin Rodong 29 luglio 2017

Il successo del test di lancio dell’ICBM Hwasong-14 che ha stupito il mondo comprova la tradizione sempre più viva della Corea del Juche, contro la tradizione statunitense dell’inevitabile sconfitta e l’inevitabilità della vittoria finale della grande nazione del Paektusan. La vittoria dello Stato Maggiore e del personale della RPDC nella guerra di liberazione della Patria è l’orgoglio con cui inflissero una sconfitta vergognosa agli imperialisti statunitensi secondo i metodi di guerra orientati dal Juche, fedeli all’idea militare e alla strategia eccezionali del Presidente Kim Il Sung. Ogni offensiva militare degli USA non ha potuto evitare la sconfitta per via dei metodi di guerra orientati dal Juche. Il successo della RPDC nel lancio di prova dell’ICBM Hwasong-14 ha reso ancora una volta verità storica la guerra avviata dal nemico il 25 giugno, sicuramente seguita dalla vittoria del 27 luglio. Se l’impero USA sfida il potente esercito rivoluzionario del Paektusan dalle invincibili tattiche orientate dal Juche e dall’inesauribile deterrenza nucleare, non potrà sfuggire alla rovina definitiva. Ciò significa il “pacchetto di doni” inviato dalla RPDC agli Stati Uniti il “Giorno dell’Indipendenza” di questi ultimi. L’ICBM della RPDC mira al cuore degli Stati Uniti. C’è solo un’opzione chiara per gli Stati Uniti. Non esiste altro modo per gli Stati Uniti che sradicare la propria politica ostile e la minaccia nucleare verso la RPDC. La vittoria finale attende l’eroico popolo coreano che vinse la guerra il 27 luglio.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora