Perché l’Orso è tornato: la presenza militare russa in Vietnam

Rakesh Krishnan Simha Global Research, 15 giugno 2015374974I legami tra Russia e Vietnam, che sembravano raffreddarsi dopo la fine della guerra fredda, sono in fase di rinsaldamento. 20 anni dopo che Mosca aveva abbandonato la maggiore base all’estero, aerei militari russi ritornano a visitare Cam Ranh Bay. La rinnovata presenza russa in Vietnam ha prevedibilmente fatto suonare i campanelli d’allarme del Pentagono, con il comandante dell’esercito degli Stati Uniti nel Pacifico che conferma che i bombardieri strategici russi che volano attorno la massiccia base militare statunitense di Guam vengono riforniti a Cam Ranh Bay. L’11 marzo Washington scrisse a Hanoi chiedendo che le autorità vietnamite non supportassero i voli dei bombardieri russi nella regione Asia-Pacifico. La reazione vietnamita fu rimanere pubblicamente in silenzio. Secondo Nguyen Phuong del Center for Strategic & International Studies di Washington, “Dal punto di vista di molti funzionari vietnamiti che combatterono contro gli Stati Uniti, Mosca ha addestrato generazioni di leader vietnamiti e sostenuto Hanoi durante i decenni d’isolamento internazionale“. Nguyen aggiunge: “Poche cose sono più vitali per il Vietnam della politica estera indipendente. Data la complessa storia del Vietnam, i suoi leader non vogliono che il Paese sia ancora preda delle maggiori potenze. Tutto ciò che ricorda l’interferenza nei rapporti del Vietnam con la Russia potrebbe aggravare inutilmente tale paura“. Anche se i vietnamiti considerano gli Stati Uniti partner sempre più importanti nel sud-est asiatico, la Russia è in cima alla gerarchia. Con un accordo siglato nel novembre 2014, le navi da guerra russe che visitano il porto di Cam Ranh devono solo preavvertire le autorità vietnamite prima di arrivare, mentre tutte le altre marine militari straniere devono limitarsi a una sola visita all’anno nei porti vietnamiti.

Perché il Vietnam è importante
Situato alle porte degli oceani Indiano e Pacifico, il Vietnam è d’importanza cruciale per la Russia. Basandovi permanentemente aerei e navi, il Vietnam aiuta la Flotta del Pacifico russa a risolvere il problema di dover attraversare gli stretti del Mar del Giappone per accedere al Pacifico. A dire il vero, l’attuale presenza russa è minima rispetto agli anni ’80 quando la flotta di Mosca comprendeva ben 826 navi, di cui 133 sottomarini, 190 bombardieri navali e 150 aerei antisom. Sempre allora, la potenza di Mosca non era offensiva. Secondo Alvin H. Bernstein dell’US Naval War College era “improbabile che abbia uno specifico intento regionale aggressivo dato che sarebbe del tutto fuori dal carattere della potenza” che si era rivelata “prudente e non conflittuale”. Tre decenni dopo, la Mosca del Presidente Vladimir Putin ancora una volta cerca di rafforzare il proprio ruolo di potenza asiatica e globale, e come nota Bernstein, vuole essere “pronta ad ogni rischio ed opportunità“. Rientra anche nella politica del Look East del Vietnam. In effetti, molto prima che il presidente statunitense Barack Obama annunciasse il perno in Asia, la Russia già faceva perno a Oriente, con incursioni nei Paesi una volta filo-USA come Indonesia e Malesia. Tuttavia è il Vietnam dove la diplomazia russa prevale. Ma prima un rapido flashback. Il Vietnam è un piccolo Paese con una potenza militare molto più grande del suo peso. Per coloro dalla memoria corta, il Paese del sud-est asiatico ha inflitto sonore sconfitte a Francia e Stati Uniti in guerre continuate. Le coraggiose e stupende tattiche di battaglia intelligenti e spirito indomito furono decisivi per vincere quelle guerre, ma un fattore chiave è che i vietnamiti avevano amici potenti. Durante la guerra del Vietnam, la Russia ebbe un ruolo fondamentale nella difesa del Vietnam, fornendo quantità enormi di armamenti. Nel corso di 21 anni di guerra l’assistenza russa valse 2 milioni di dollari al giorno. In cambio, il Vietnam offrì alla Russia l’uso gratuito della base di Cam Ranh Bay. Nell’ambito dell’accordo, i russi vi stanziarono caccia MiG-23, aviocisterne Tu-16, bombardieri a lungo raggio Tu-95 e aerei da ricognizione marittima Tu-142. Cam Ranh fu la maggiore base navale per la proiezione di Mosca al di fuori dell’Europa. Circa 20 navi erano ormeggiate nella base, insieme a sei sottomarini d’attacco nucleare. La base svolse un ruolo fondamentale nell’aiutare la Russia ad affrontare, durante la guerra fredda, le forze statunitensi in Asia e nel Pacifico. Ad esempio, quando la Settima Flotta degli Stati Uniti navigò verso il Golfo del Bengala per minacciare l’India durante la Guerra con il Pakistan 1971, la Flotta del Pacifico russa poté inviare rapidamente sottomarini e navi da guerra dotati di armi nucleari a difesa dell’India. Nonostante l’importanza geopolitica di Cam Ranh Bay per Mosca e il suo valore come posto di raccolta delle informazioni, la presenza russa praticamente evaporò dopo la disintegrazione dell’Unione Sovietica. Basi militari come quella di Cam Ranh Bay costavano un’enormità e la Russia non aveva più denaro da sprecare. Nel 2001 anche la stazione di ascolto fu abbandonata.

1471845La Cina incastrata
Anche se la presenza militare russa è diminuita, legami forti continuato a legare Russia e Vietnam. Nel contesto dell’aspro battibecco del Vietnam con la Cina per il controllo delle isole Spratly, ricche di petrolio, Hanoi ha ricercato materiale militare avanzato. La leggendaria aeronautica del Vietnam ha acquisito 24 caccia Su-30 dalla Russia, ed entro la fine del 2015 avrà 36 Sukhoj, diventando il terzo operatore di questo avanzato aereo supermaneggevole. Tuttavia, è la Marina militare popolare del Vietnam (VPAN) che va rafforzandosi davvero. Nel 2009 il Vietnam ha firmato un accordo da 3,2 miliardi di dollari con la Russia per sei sottomarini classe Kilo e la costruzione di una base per sottomarini a Cam Ranh Bay. Un’altra grande acquisizione sono i 50 missili da crociera supersonici Klub per i Kilo, facendo del Vietnam la prima nazione del Sudest asiatico ad armare la flotta di sottomarini con un missile d’attacco controcosta. Pesando due tonnellate, il Klub ha una testata di 200kg. La versione antinave ha una gittata di 300 km, ma vola a 3000 km all’ora nell’ultimo minuto di volo. Secondo Strategypage, “la versione d’attacco controcosta non ha la funzione di avvicinamento finale ad alta velocità rendendo possibile una testata di 400kg. Ciò che rende il Klub particolarmente pericoloso, quando attacca le navi, è che durante il suo avvicinamento finale, quando il missile si trova a circa 15 km dal bersaglio, il missile accelera“, riferisce Strategypage. “Fino a questo punto, il missile viaggia ad una quota di circa 30 metri. Questo lo rende difficile da rilevare. Tale approccio finale ad alta velocità significa che copre gli ultimi 15 km in meno di 20 secondi. Ciò rende più difficile alle attuali armi antimissile abbatterlo“. I sottomarini costruiti dai russi e armati con i potenti Klub svolgono un ruolo fondamentale in qualsiasi conflitto nel Mar Cinese Meridionale. Secondo un analista, i missili da crociera controcosta segnano un “massiccio spostamento” a favore della potenza navale del Vietnam. “Dandogli un deterrente molto più potente complica i calcoli strategici della Cina“. Si ritiene che le navi da guerra cinesi non abbiano alcuna difesa efficace contro i missili Klub, motivo per cui si arrabbiarono per la vendita della Russia al Vietnam. Mentre i Kilo sono in costruzione, Russia e India addestrando gli ufficiali vietnamiti che opereranno sui sottomarini.

Ulteriore potenza di fuoco russa
Inoltre, nel 2011 la VPAN ha acquisito dalla Russia due fregate furtive lanciamissili classe Gepard per 300 milioni di dollari, e la flotta di Gepard è destinata ad aumentare a sei entro il 2017. Queste navi versatili sono attrezzate per attacchi di superficie, guerra antisom e difesa aerea. Altre acquisizioni della VPAN includono quattro pattugliatori veloci classe Svetljak dotati di missili antinave; 12 fregate e corvette di origine russa, e due navi lanciamissili d’attacco veloce classe Molnija costruite con l’aiuto della Russia, con altre quattro previste per il 2016. Il Vietnam ha anche acquisito radar avanzati; 40 missili antinave Jakhont e 400 Kh-35 Uran; missili da crociera antinave Kh-59MK; missili aria-aria a corto raggio R-73 (AA-11 Archer); 200 missili superficie-aria SA-19 Grison; due batterie dei leggendari sistemi superficie-aria S-300; localizzatori radiofonici passivi VERA e due batterie di missili da difesa costiera K-300P Bastion.

Aspetto economico
Secondo un documento degli accademici portoghesi Phuc Thi Tran, Alena Visotskaja G. Vieira e Laura C. Ferreira-Pereira, “L’acquisizione di capacità militari è cruciale non solo per la difesa e i calcoli strategici, ma anche per l’importante funzione che svolgono nella tutela degli interessi economici e nella sicurezza delle esplorazioni petrolifere nel Mar Cinese Meridionale. Quest’ultimo aspetto è particolarmente critico dato il ruolo che la Russia vi gioca. Infatti, la parte del leone di tali progetti di sfruttamento intrapresi dal Vietnam è in collaborazione con la Russia“. Mentre la difesa è sempre più seguita nei media, è l’energia il singolo maggiore aspetto della cooperazione tra Mosca e Hanoi. La joint venture tra Russia e Vietnam Vietsovpetro ha generato notevoli dividendi per entrambi i Paesi. L’azienda ha prodotto 185 milioni di tonnellate di petrolio greggio e 21 miliardi di metri cubi di gas dai giacimenti nel Mar Cinese Meridionale. Quasi l’80 per cento del petrolio e del gas vietnamiti proviene da Vietsovpetro, e il reddito corrisponde a circa il 25 per cento del PIL. La Russia ha anche fatto notevoli investimenti su industrie, trasporti, poste, colture e pesca del Vietnam. Questi progetti ne hanno generati altri, per l’impressionante profitto generato dalla cooperazione russa, con una sfilza di altre aziende come Mobil, BP e TOTAL che ampliano gli investimenti in Vietnam. La copertura strategica del Vietnam verso la Russia è strettamente legata alla cooperazione economica nell’esplorazione petrolifera, comportando significativi benefici economici ad entrambe le parti. I forti legami della difesa tra i due Paesi hanno permesso al Vietnam di acquisire moderni equipaggiamenti militari, fornendogli anche avanzate capacità di esplorazione congiunta di petrolio e gas nonostante la crescente opposizione cinese a questi progetti. Allo stesso tempo, la Russia torna a reclamare la sua eredità di grande potenza. Si Offre a Mosca una miriade di opportunità per garantirsi influenza politica ed economica verso varie potenze emergenti, nel cuore della regione più dinamica del pianeta. Ma il Vietnam non è un’eccezione, ma una conferma della regola prevalente in Asia. Come il professore Anis Bajrektarevic dichiara nel suo lavoro eccelso ‘No Asian Century‘: “Ciò che risulta evidente, quasi a prima vista, è l’assenza di qualsiasi struttura multilaterale di sicurezza pan-asiatica. Le prevalenti strutture di sicurezza sono bilaterali e per lo più asimmetriche. Dai trattati di sicurezza e non aggressione chiaramente definiti e duraturi ad accordi meno formali, fino ad accordi di cooperazione ad hoc su temi specifici. La presenza di accordi internazionali multilaterali è limitata a pochissimi punti nel maggiore continente e anche in questo caso sono raramente incaricati della questione (politico-militare) della sicurezza dai loro scopi dichiarati. Un’altra caratteristica sorprendente è che la maggior parte delle strutture bilaterali esistenti vede uno Stato asiatico da un lato, e due Paesi periferici o esterni dall’altro, rendendoli quasi per definizione asimmetriche“.190196963Rakesh Krishnan Simha è giornalista ed analista degli affari esteri della Nuova Zelanda. Rakesh ha iniziato la carriera nel 1995 con la rivista World Business di Nuova Delhi, e poi ha lavorato con varie media importanti come India Today, Hindustan Times, Business Standard e Financial Express, dove è stato redattore dei notiziari.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’Ucraina può occupare la Transnistria?

Valentin Vasilescu ACS-RSSReseau International 12 giugno 2015800px-An-124_RA-82028_in_formation_with_Su-27_09-May-2010In un precedente articolo ho affermato che Poroshenko non aveva alcuna intenzione di applicare l’accordo Minsk 2 nelle regioni di Donetsk e Lugansk e che vi erano prove sufficienti che l’Ucraina pianificasse un attacco alla Transnistria, un cosiddetto Piano Boomerang per cui gli ucraini l’occupavano con una guerra lampo di cinque giorni.
Perché c’è il pericolo che l’esercito separatista di Donetsk e Lugansk, così come la Crimea russa, passino all’offensiva, gli ucraini non possono schierare molte forze per attaccare la Transnistria, potendo creare un dispositivo offensivo costituito da una brigata di carri armati, una meccanizzata, una di artiglieria e una di fanteria motorizzata. Con una forza di 7000 soldati, il 40% riservisti, ma qualitativamente superiore all’esercito della Transnistria, Poroshenko spera, come Saakashvili nel 2008, che ad un certo momento gli statunitensi intervengano in suo favore. Questa speranza è vana perché, come in Ossezia, in Transnistria gli statunitensi vogliono solo far tirare le castagne dal fuoco agli altri senza bruciarsi. La Repubblica di Moldavia non ha i mezzi per partecipare all’attacco alla Transnistria e la Romania non può intervenire per sostenere l’Ucraina sul territorio della Transnistria, per non invalidare l’articolo 5 del Trattato della NATO. Riguardo all’equipaggiamento del suo esercito, rischia anche una catastrofe militare di grandi proporzioni, mentre la vecchia Europa, fatta eccezione delle sanzioni economiche, non è disposta ad opporsi alla Russia. Se mai l’esercito ucraino attaccasse la Transnistria, la Russia reagirà immediatamente e con forza, in modo da non consentire qualsiasi ulteriore mossa degli statunitensi. Nel programma “Diritto di voto” della televisione ucraina, Aleksej Martinov, direttore dell’Istituto Internazionale, ha detto che l’aeroporto di Tiraspol ha la capacità tecnica di accogliere gli aerei da trasporto pesante della Russia. Perciò l’Ucraina attaccherebbe senza preavviso gli aerei da trasporto russi in volo per Tiraspol. Il ministero della Difesa dell’Ucraina citato dalla rivista Timer di Odessa, avrebbe iniziato il dispiegamento di sistemi antiaerei S-300 al confine con la Transnistria. Tuttavia, la prima cosa che farebbe la Russia sarebbe annientare i radar e le batterie di missili antiaerei nel sud dell’Ucraina tramite interferenza, obiettivo piuttosto facile per i 12 aerei specializzati dotati dei nuovi sistemi L-175B Khibinij e Richag-AV.
Dato che vi sono missili antiaerei nell’esercito ucraino guidati da dispositivi ottici, le batterie antiaeree, entro il cui raggio potrebbero passare gli aerei da trasporto russi in rotta per la Transnistria, verrebbero neutralizzate dagli attacchi aerei. Nonostante il disturbo intenso, vi è la possibilità che aerei ucraini decollino e rilevino con mezzi visivi le formazioni di aerei da trasporto russi, che dovrebbero essere accompagnati da aerei da caccia russi.
20150612-TransnistieL’Aeronautica russa dispone di oltre 300 velivoli da trasporto.
• 25 aeromobili An-124, i più grandi aerei cargo del mondo (trasportano 150 tonnellate o 2 carri armati T-90 o 6 veicoli da combattimento della fanteria (MLI)).
• 100 Il-76 (che trasporta 42-60 tonnellate o 4 MLI).
• 50 An-12 (che trasportano 60 paracadutisti o 2 MLI)
• 5 An-22 (che trasportano 80 tonnellate di carico)
• 96 An-24/26 (che trasportano 40 paracadutisti)
• 25 An-72 (che trasportano 52 paracadutisti o 1 MLI).
Se necessario, i gruppi Volga-Dnepr, Polet e altre compagnie russe possono supportare l’esercito russo con altri 100 aeromobili An-124 e Il-76. In dieci ore la flotta di aeromobili della Russia può inviare nel teatro della Transnistria, con un ponte aereo, 18000 soldati con 400 carri armati T-90, 300 obici semoventi 2S3, sistemi lanciarazzi BM-27 Uragan, BM-30 Smerch, 9A52-4 Tornado e 40 elicotteri d’attacco. Il 40% del contingente russo sarebbe paracadutato dietro il dispositivo offensivo ucraino, bloccando le vie di collegamento, rifornimento e ritiro dell’esercito ucraino. Una volta effettuata la manovra dei paracadutisti, l’autostrada M05 nord-sud che collega Kiev a Odessa e l’autostrada M13 ovest-nord, che collega Dubasari a Kirovograd, sarebbero controllate dai russi, e la regione di Odessa verrebbe isolata dal resto dell’Ucraina.
I paracadutisti russi hanno elevata manovrabilità e supporto di fuoco. I loro equipaggiamenti comprendono:
• blindati GAZ Tigr,
• blindati BMD-2 e BMD-3 (con cannone da 30mm e lanciamissili anticarro Kornet nella torretta)
• blindati BTR-MD Rakushka e BMD-4 (con cannoni da 10 mm e 30mm, e lanciamissili anticarro Konkurs nella torretta)
• mortaio semovente 2S9 Nona (8,7 t) da 120mm
• sistemi antiaerei Strela-10 e Verba (gittata 6400 m) portatili o montati su blindati leggeri.
Lo scenario della Georgia nel 2008 non si ripeterà perché il gruppo offensivo ucraino non ha dove ritirarsi, venendo bloccato tra Transnistria, fiume Dnepr, foce del Danubio e truppe russe. Quindi è molto probabile la resa dei militari ucraini entro 24 ore dall’inizio dell’offensiva, mentre le truppe russe si dirigerebbero velocemente su Odessa per catturare il governatore Saakashvili e consegnarlo alla Giustizia della Georgia, per poi ritirarsi in Transnistria. ae811aee8657Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Cina costruirà 415 nuove navi da guerra nei prossimi 15 anni

Valentin Vasilescu, Reseau International 11 giugno 20157o077LVAttualmente, la Cina ha la maggiore Marina dell’Asia con quasi 300 navi di superficie e sottomarini. Un’analisi dei programmi della Marina della Repubblica popolare cinese è stata fatta dall’ex-ufficiale dell’intelligence della US Navy James Fanelli, per il centro di sicurezza su richiesta del Congresso, dimostrando il potenziale di crescita delle forze navali cinesi. La Cina ora punta a sostituire la flotta basata su navi sovietiche con navi più grandi, multiruolo e dotate di sensori di rilevamento e di missili antinave, antisom e antaerei avanzati. Secondo il rapporto, la Cina nel 2030 avrà 99 sottomarini, 4-5 portaerei, 102 cacciatorpediniere e fregate, 73 navi di assalto anfibio e 111 navi lanciamissili. Inoltre, l’università navale dell’US Navy ha analizzato, in un report per il Pentagono, l’operatività della nuova classe di cacciatorpediniere cinesi Luyang III (Tipo 052D), ritenuto capace di modificare l’equilibrio delle forze nel Pacifico occidentale. Il primo cacciatorpediniere Classe Luyang III è entrato in servizio nella Marina cinese il 21 marzo 2014, e altri 11 sono in costruzione nei cantieri in Cina. Il cacciatorpediniere Luyang III, da 7500 tonnellate, con una superficie riflettente radar significativamente ridotta, è considerato il principale concorrente dei cacciatorpediniere AEGIS classe Arleigh Burke dell’US Navy. Il Radar di rilevamento (Tipo 348) è del tipo AESA (Active Electronically Scanned Array) l’equivalente cinese del radar AN/SPY-1 AEGIS, con un raggio di 350 km. Come l’AEGIS delle navi statunitensi, il Tipo 348 può guidare i missili antiaerei a lungo raggio contro missili balistici a medio raggio. Per facilitare l’individuazione di F-22 e F-35 (aerei stealth), il Tipo 348 combina sensori passivi YLC-20 e DWL002. I cacciatorpediniere Luyang III sono dotati di 64 celle (+ 24) dei sistemi di lancio verticali (VLS), di siluri CY-5 propulsi da motori-razzo, missili da crociera CJ-10 (gittata di 2500 km), missili antinave YJ-18 o YJ-83 (gittata di 250-500 km), missili antiaerei a lungo raggio HQ-9 (gittata di 200 km), missili antiaerei a medio raggio DK-10 (50 km) e missili antiaerei a corto raggio HHQ-10. La relazione richiama inoltre l’attenzione su immagini satellitari che mostrano che nel cantiere cinese di Jiangnan Changxing si costruisce una nuova classe di cacciatorpediniere (Tipo 055) dal dislocamento di 13000 t e dotati di 128 VLS. Il Tipo 055 dispone anche di un radar in banda L installato a poppavia della nave, simile al sistema di S1850M dei cacciatorpediniere inglesi Tipo 45. Un’altra preoccupazione per gli esperti dell’US Navy è le capacità crescente dei sottomarini nucleari cinesi Tipo 093 da 11500 t. Ciascuno dei quattro sottomarini esistenti è dotato di 12 missili balistici JL-2, con una gittata di 8000 km. I cinesi hanno elaborato un sottomarino a propulsione nucleare (Tipo 096) ancora più avanzato con a bordo 24 missili balistici a testata nucleare. Il Pentagono ritiene che entro cinque anni, la Cina avrà una flotta di sottomarini grande quanto quella degli Stati Uniti (78 sottomarini).

0552pLa Cina effettua il quarto test di un velivolo strategico nucleare
Sputnik 11/06/2015

97658279La Cina questa settimana ha condotto il quarto test riuscito del nuovo velivolo ipersonico per attacchi nucleari in grado di rendere “obsoleti” i sistemi di difesa antimissile degli USA. Il test del velivolo d’attacco ipersonico Wu-14 è stato effettuato il 7 giugno, lanciato con missile balistico dal centro di prova nella Cina occidentale, segnala il Washington Free Beacon. Il velivolo ha eseguito “manovre estreme” che i funzionari dell’intelligenza affermano abbiano lo scopo di testare la capacità di schivare i sistemi della difesa antimissile degli USA. E’ stato il quarto test in 18 mesi, dopo gli esperimenti di gennaio, agosto e dicembre dello scorso anno, segnala WFB. La frequenza delle prove mostra l’impegno della Cina nel sviluppare la nuova arma. Il Wu-14 vola nell’alta nell’atmosfera ai limiti dello spazio trasportando testate nucleari e convenzionali. Il velivolo high-tech viaggia a una velocità 10 volte superiore a quella del suono. L’intelligence statunitense monitora regolarmente i test, e il 7 giugno è stata la prima volta che il Wu-14 ha mostrato “manovre estreme”, secondo un funzionario. Gli analisti ritengono che le manovre siano volte a schivare i sistemi di difesa antimissile. La commissione del Congresso sulla Cina a novembre aveva pubblicato un rapporto in cui afferma che Pechino lavora alle armi ipersoniche come “componente fondamentale della capacità d’attacco di precisione di nuova generazione“. “I velivoli ipersonici potrebbero rendere meno efficaci od obsoleti i vigenti sistemi di difesa missilistici degli Stati Uniti“, dice il rapporto. Oltre al velivolo, la Cina sviluppa anche una seconda arma ipersonica che utilizza un motore scramjet ad alta tecnologia. “Con quattro test in circa un anno e mezzo, è possibile che la Cina possa sviluppare una prima versione per lo schieramento in uno o due anni”, ha detto nell’intervista a WFB Rick Fisher, esperto di Cina dell’International Assessment and Strategy Center, aggiungendo: “Forse il più importante antidoto USA alla testata ipersonica manovrabile cinese è il programma di armi ad energia”. Fisher ha detto che vi è “necessità urgente” per gli Stati Uniti di dispiegare armi di tipo rail-gun, che sparano proiettili a velocità ipersonica, creando nuvole di pellet che possono danneggiare o distruggere i velivoli ipersonici cinesi. L’ultima versione della Camera del disegno di legge sul bilancio 2016 autorizza la difesa a riconoscere la minaccia delle armi ipersoniche della Cina, e chiede al Pentagono di condurre esperimenti su tali sistemi. Il disegno di legge prevede anche 291 milioni dollari per un sistema di difesa missilistico contro le minacce ipersoniche. Ad oggi, l’esercito statunitense ha condotto soltanto due prove sulla sua arma ipersonica; nell’ultimo test il missile è esploso poco dopo il decollo.

17450588Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

INF minacciato: si torna ai giorni peggiori della guerra fredda?

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 11/06/201519127L’amministrazione statunitense valuta una serie di mosse per contrastare le presunta violazione russa del trattato Intermediate-Range Nuclear Forces (INF), tra cui rafforzare la difesa missilistica o perfino distribuire missili in Europa, secondo AP del 4 giugno. Washington ha accusato la Russia di testare un missile da crociera terrestre in violazione del trattato sul controllo degli armamenti. Il dipartimento di Stato ha detto lo scorso luglio che la Russia aveva testato un missile in violazione dell’INF, che vieta a tempo indeterminato possesso, produzione e test dei missili, nucleari e convenzionali, con gittata tra 500 e 5500 km. Il segretario alla Difesa statunitense Ash Carter espresse preoccupazione a febbraio sulla presunta violazione della Russia dei termini del trattato. L’amministrazione non ha detto se ritiene il missile russo nucleare o convenzionale. Gli Stati Uniti rimuginano una serie di risposte possibili, tra cui schieramento di sistemi missilistici in Europa per un attacco preventivo contro la Russia. Robert Scher, assistente segretario alla Difesa per strategia, piani e capacità, ha detto ai legislatori ad aprile che si potrebbero rinforzare le difese dei potenziali bersagli del missile da crociera russo. Una seconda opzione sarebbe “cercare e attaccare laddove si trova il missile in Russia”, ha detto Scher. E una terza opzione sarebbe “vedere ciò che possiamo ritenere a rischio in Russia”, spiegava. I suoi commenti sembravano segnalare l’impiego di forze per colpire obiettivi militari russi, oltre i missili che presumibilmente violano l’accordo INF. L’Associated Press ha ottenuto la parte non classificata di una relazione dell’ufficio del Generale Martin Dempsey, presidente del Joint Chiefs of Staff, che esamina le armi che gli Stati Uniti potrebbero sviluppare e schierare se liberati dai vincoli del Trattato INF, individuandone quattro che “potrebbero contribuire a colmare… il divario di capacità”. Tra i quattro vi sono missili da crociera lanciati da terra schierati in Europa o in Asia, e missili balistici a medio raggio lanciati da terra, dotati di tecnologia che consente di regolare la traiettoria di una testata rientrando nell’atmosfera e puntando sul bersaglio. Il ministro degli Esteri inglese Philip Hammond dice che il Regno Unito potrebbe ospitare nuovi missili nucleari statunitensi. Tali osservazioni sollevano la prospettiva del ritorno a una corsa agli armamenti da Guerra fredda quando gli alleati di Washington della NATO ospitarono missili da crociera e missili balistici Pershing-2 per contrastare i missili sovietici SS-20. La risposta di Stati Uniti e NATO creò un movimento di protesta europeo, seguito dai negoziati USA-URSS per il Trattato INF, il primo a vietare un’intera classe di missili.

La Russia afferma la sua posizione sulla questione
La Russia ha ripetutamente negato le accuse, e accusa gli Stati Uniti di schierare sistemi di difesa in Romania e Polonia violando il trattato. Il capo del dipartimento di non proliferazione e controllo degli armamenti del Ministero degli Esteri russo Mikhail Uljanov ha descritto le affermazioni di Washington come infondate. “Gli Stati Uniti si rifiutano di fornire dati in supporto delle accuse. O è più probabile che non possano farlo. Si ha l’impressione che il vero obiettivo sia screditare la Russia e farla apparire uno Stato che viola gli obblighi internazionali”, ha detto Uljanov. La Russia è pienamente conforme agli impegni assunti nell’ambito del trattato Intermediate-Range Nuclear Forces (INF) e non vuole ritirarsene, ha detto Viktor Ozerov, presidente del Consiglio della Federazione per la Difesa e la Sicurezza. Tuttavia, se gli Stati Uniti decidono di schierare missili in Europa orientale, la Russia prenderà seriamente in considerazione l’uscita dal trattato, ha aggiunto. Se Washington dispiega missili in Europa orientale, i suoi obiettivi non saranno in Medio Oriente, ma sparare sulla Russia da distanza ravvicinata, ha osservato Ozerov, aggiungendo che in questo caso la Russia dovrà rispondere con la forza. Il Ministero della Difesa russo ha chiesto spiegazioni al Pentagono sulle recenti dichiarazioni del presidente del Joint Chiefs of Staff, Generale Martin Dempsey, sugli Stati Uniti che potrebbero schierare in Europa e Asia missili da crociera e balistici puntati sulla Russia, ha detto il Viceministro della Difesa Anatolij Antonov. “Il Ministero della Difesa russo conduce un’analisi scrupolosa delle informazioni sulla conformità al trattato INF provenienti da fonti diverse. Certo, prendiamo atto di tali pubblicazioni sulla stampa occidentale. Per avere una risposta ufficiale dagli statunitensi, abbiamo inviato una richiesta attraverso i canali militari-diplomatici di spiegazioni sulle posizioni del Pentagono riguardo le dichiarazioni del presidente del Joint Chiefs of Staff, Generale Martin Dempsey. Le misure citate dagli Stati Uniti equivarrebbero a un loro attacco al trattato INF”, ha sottolineato il funzionario. L’estate scorsa il Ministero degli Esteri russo espresse preoccupazione per la violazione degli Stati Uniti del trattato. La dichiarazione dice: “Abbiamo indirizzato molti reclami agli Stati Uniti nel quadro del Trattato. Queste sono le prove sui missili della difesa missilistica, che hanno caratteristiche simili ai missili a medio raggio, e produzione di droni armati statunitensi, che evidentemente rientrano nella definizione di missili da crociera lanciati da terra nel Trattato. Il tema dei sistemi di lancio Mk-41, che gli Stati Uniti intendono schierare in Polonia e Romania nel quadro dell’attuazione dell’“approccio graduale” per il dispiegamento della difesa missilistica globale, è molto attuale ultimamente. Tali sistemi di lancio possono lanciare missili da crociera a medio raggio, ma la loro versione lanciata da terra parrebbe una violazione diretta del trattato INF”.

A cosa porta la mossa degli USA
I piani degli Stati Uniti sono una chiara minaccia per la Russia. Lo schieramento di nuovi missili a medio raggio offensivo sul territorio degli alleati in Europa permette di colpire in profondità nel territorio russo grazie all’allargamento della NATO verso est. Un’arma statunitense a medio raggio lanciata da Polonia o Repubblica Ceca con un volo di breve durata supererebbe gli Urali. Di conseguenza, si avrebbe un grave squilibrio strategico per non parlare dell’inizio di una nuova, che recentemente sembrava dimenticata, fase di confronto con l’occidente. La Russia dovrà rispondere come i suoi funzionari hanno già avvertito. Dato che gli Stati Uniti perseguono i piani per sviluppare lo “scudo” antimissile in Europa, la Russia dovrà schierare missili a corto raggio Iskander nella regione di Kaliningrad e lungo i confini occidentali per acquisire la capacità di colpire in anticipo i mezzi della NATO. Attacchi nucleari statunitensi contro la Russia sono impensabili comunque, perché garantirebbero una disastrosa risposta sul territorio degli Stati Uniti continentali. Il pericolo di errori di calcolo e di fraintendimenti che portino a una guerra sarà immensamente accresciuto. Washington non può presentare prove convincenti della violazione russa, gli Stati Uniti verrebbero visti dal mondo come i rottamatori del Trattato INF. I militari degli USA non dispongono di missili a medio raggio pronti per lo schieramento. Tali missili richiederanno anni per progettazione e costruzione, sottraendo fondi da altre priorità della Difesa. L’attuazione dei piani inevitabilmente creerebbe problemi politici con una forte opposizione nei Paesi che ospiteranno le armi. Sarà un’impresa ardua. Il tutto si collega alla guerra fredda. Sicuramente peggiorerebbe il rapporto USA-Russia, già al minino, destinato a complicare le prospettive di ulteriori riduzioni delle armi nucleari. Tali piani potrebbero ostacolare gli sforzi del presidente Obama nell’avere il sostegno del Congresso nella politica con l’Iran.

Missile-Defense-How-it-would-workLa ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

MiG-31 vs scudo ABM

Valentin Vasilescu ZiaruldegardaReseau International 9 giugno 2015996503In un precedente articolo ho spiegato che lo scudo di Deveselu è un complesso terrestre AEGIS con 24 missili antibalistici SM-3. Il complesso è dotato di missili da crociera BGM-109G Tomahawk, in grado di colpire Mosca e altri obiettivi sul territorio della Russia. I missili da crociera sono meno vulnerabili a missili antiaerei e aria-aria dei missili balistici. La caratteristica del missile da crociera è che può volare a bassa quota. I rilievi e la curvatura della terra riducono la distanza di rilevamento dai radar a terra. I missili da crociera creano grossi problemi ai radar di terra che non possono distinguerli quando volano tra oggetti in rilievo sul terreno come alti edifici e foreste. A differenza dei missili balistici, i missili da crociera possono cambiare rotta in modo da non cadere entro la gittata delle batterie dei missili antiaerei e di accertarsi che sia impossibile prevedere i loro obiettivi. I missili da crociera di nuova tecnologia hanno anche carattere “stealth” avendo una superficie radar riflettente molto bassa (0,1-0,01 mq), che li rende difficili da rilevare, seguire e intercettare. Sono propulsi da piccoli motori a reazione che, anche, lasciano solo una breve firma agli infrarossi rilevabile. Il processore del missile da crociera ha nella memoria una mappa radar dei rilievi delle aree da sorvolare il più vicino alla superficie in modo permanente. Un aereo intercettore dovrebbe conoscere rotta e velocità del missile da crociera per calcolare la possibile zona di lancio dei missili aria-aria, prima che raggiungano l’obiettivo. Pertanto il rilevamento di un missile crociera e la trasmissione dei parametri di volo avviene più facilmente con gli aerei radar che possono distinguere gli oggetti volanti da altri sul terreno e da grande distanza. E’ il ruolo degli aerei di allerta avanzata AWACS. Dal 2008, quando gli Stati Uniti sollevarono la questione dell’installazione dello scudo antimissile in Europa, l’aeronautica militare russa ha creato un caccia a lungo raggio in grado d’intercettare missili da crociera e missili intercontinentali balistici: il MiG-31. Il radar Bars a bordo del MiG-31BM ha nella memoria del microprocessore una mappa digitale del terreno da sorvolare per confrontare e rilevare i missili da crociera rispetto agli oggetti sul terreno. Rileva simultaneamente 24 bersagli aerei a una distanza di 350-400 km. Il processore sceglie i 10 più pericolosi e gli lancia contro i 10 missili a lungo raggio R-33/37 di bordo. Il missile R-33/37 pesa 600 kg, ha 5 m di lunghezza ed è l’unico missile con una gittata di 300-390 km e una velocità di Mach 6. Otto altri obiettivi possono essere inseguiti e distrutti con missili aria-aria a medio raggio R-77 (110 km di gittata). Il carico massimo che un MiG-31 può trasportare è di 9000 kg. Il MiG-31 divenne operativo nell’aeronautica sovietica nel 1981. Prodotto in oltre 500 esemplari ha una velocità massima di 3000 km/h ed una tangenza di 20600 m. E’ stato modernizzato nelle versioni BM/B nell’impianto Sokol di Nizhnij Novgorod per adattarsi alle condizioni del campo di battaglia moderno. L’aeronautica russa avrebbe solo 130 MiG-31 aggiornati fino al 2017. Dal 2013, la società ha iniziato a lavorare sul progetto MiG-41 (con una velocità massima di Mach 4,3), che compirà il primo volo nel 2017. … Il MiG-31 ha alcune limitazioni, non è un velivolo multiruolo capace delle necessarie manovre in combattimento aereo, ma un aereo biposto (pilota ed operatore) che pattuglia ad alta quota per più di due ore. Basta una pattuglia di MiG-31 per impedire la penetrazione dello spazio aereo russo per un’ampiezza di 400 km. Il 28 maggio 2015, nel corso di un’esercitazione nell’Artico, nel poligono Pemboj nella regione di Komi (1500 km a nord-est di Mosca) con 12000 soldati e 250 velivoli, un MiG-31BM ha abbattuto un missile da crociera. Il missile da crociera era stato lanciato da un bombardiere TU-95MS e volava ad una quota inferiore ai 300 m. Fu intercettato 10 km prima di raggiungere il bersaglio.10559743Le forze aeree russe dispongono di 12 squadriglie di MiG-31. La difesa del confine orientale della Russia è assicurata dai MiG-31 della base aerea di Chuguevka nei pressi del Mar del Giappone, dalla base aerea di Petropavlovsk nella Kamchatka, e dalla base aerea di Anadyr nei pressi dell’Alaska. L’intercettazione dei missili da crociera lanciati dai bombardieri strategici dal Polo Nord e dall’Europa occidentale, rientra nel compito dei MiG-31 delle basi aeree di Letneozersk e Talagi nella regione di Arcangelo, della base aerea di Monchegorsk nella regione di Murmansk, della base aerea di Rogachjovo sull’isola di Novaja Zemlja e della base aerea di Tiksi sulle coste del Mare di Laptev in Siberia. La difesa di Mosca contro i missili da crociera lanciati da Deveselu è compito delle basi aeree di Khotilovo e Kubinka intorno Mosca. Alla fine del 2015 quando lo scudo di Deveselu sarà operativo, una pattuglia di quattro MiG-31 verrà schierata a rotazione sulla base aerea di Belbek in Crimea. Esperti militari statunitensi credono che meno del 10% delle migliaia di missili da crociera lanciati da statunitensi e inglesi durante l’invasione dell’Iraq nel 2003, e per l’imposizione della no-fly zone in Libia nel 2011, colpirebbe gli obiettivi se venissero affrontati dai MiG-31BM.


v_dmitrenko_790iap_16

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.896 follower