Quali lezioni da trarre dalle esplosioni in Texas e Giappone?

Avic – Reseau International, 24 agosto 20152015-08-14-Chem-plant-explosion-in-Texas-10Per ora, queste sono solo ipotesi, ma ammettono che la serie di esplosioni non è dovuta al caso. Coincidenze da un po’ di tempo, ma si arriva al punto in cui si dice: il troppo è troppo, soprattutto per le ultime quattro esplosioni che danno l’impressione del ping pong, suggerendo una finale tra cinesi e statunitensi, dati i quattro siti.
• 12 agosto: doppia esplosione in un impianto chimico a Tianjin, Cina: Stati Uniti 1 – Cina 0
• 15 agosto, tre giorni dopo un’esplosione in un impianto chimico in Texas: Stati Uniti 1 – Cina 1
• 22 agosto, esplosione in un impianto chimico nel Shandong: Stati Uniti 2 – Cina 1
• 23 agosto, il giorno dopo diverse forti esplosioni nella base statunitense nella prefettura di Kanagawa, Giappone: Stati Uniti 2 – Cina 2
Chiuso il gioco, la prima osservazione è la velocità della risposta cinese s’è accelerata; da tre giorni si è arrivati a uno. Una così pronta risposta significa che non ci sono stati lunghi preparativi per tali operazioni. Ciò richiede l’attuazione delle risposte sul posto, o più probabilmente l’uso di nuove tecnologie, a distanza, come una testata che non verrebbe rilevata da alcun sistema ultra-sofisticato statunitense. Potrebbe anche essere che l’attacco sia stato condotto da satelliti. Questo ovviamente non ce lo diranno i signori del Pentagono, ma hanno ricevuto il messaggio. Ciò porta a una seconda osservazione. Finora ci siamo abituati a vedere gli Stati Uniti fare quello che volevano in qualsiasi parte del mondo. A quanto pare anche i cinesi possono, anche presso gli stessi statunitensi, potenza militare mondiale, se tale termine ha ancora senso. Buone notizie per gli USA, non sono più su un continente isolato. Finora gli Stati Uniti sono stati un attore importante nel mondo, ma solo recitante. Ora saranno una spalla, e cambierà tutto. La terza osservazione è che abbiamo appena assistito, con le ultime esplosioni in Giappone, a un’escalation e sorta d’inasprimento. Non solo gli impianti chimici vengono colpiti, ma anche le basi militari. Finché sono i civili ad essere scossi o dei beni ad essere distrutti, è ancora possibile chiudere un occhio e nascondersi sotto delle eufemisticamente “ostilità” sempre reversibili e diplomaticamente regolabili. Ma quando l’esercito comincia ad essere colpito, non c’è più lo scambio di convenevoli, si avanza verso la guerra. Ultima osservazione, infine Cina (e Russia) chiaramente non cerca la guerra, al contrario. Le risposte di questi due Paesi sono sempre misurate e strettamente corrispondenti agli attacchi subiti. Ogni risposta ha lo scopo di scoraggiare e avvertire coloro che si credono invulnerabili perché hanno mezzi che credono inarrestabili. Dimostrare al nemico l’obsolescenza dei suoi mezzi è proprio il modo migliore per attenuarne la bellicosità. Sembra che ciò fu svolto fa Russia e Cina nell’agosto-settembre 2013, quando il primo Tomahawks statunitense per la Siria precipitò nel Mediterraneo orientale. Questi messaggi che russi e cinesi inviano agli Stati Uniti sono riassunti così: “quando la smetterete?

Kanagawa-explosion-460858

L’esplosione nella base USA di Kanagawa

La Cina mostrerà armamenti mai visti nella Parata per la fine della Seconda Guerra Mondiale
Sputnik 23/08/2015

1026067262La Forza strategica missilistica della Cina, la Forza della Seconda Artiglieria (SAC) esporrà sette nuovi missili nella parata militare del 3 settembre. Organizzati in sei formazioni, gli armamenti includono missili a lungo raggio, medio raggio e corto raggio, così come missili convenzionali e nucleari, secondo una fonte militare di Xinhua. “Il nostro armamento missilistico ha visto grandi progressi, in termini di gittata, metodi d’attacco, precisione e mobilità“, ha detto la fonte. Sfileranno 12000 soldati, 500 mezzi e 200 aerei, ha detto Qu Rui, vicedirettore dell’Ufficio del team leader della Parata e Vicecapo del Dipartimento Operazioni del Comando Generale dello Stato Maggiore. Presumibilmente, l’84 per cento degli armamenti che sfileranno nella parata militare non è mai stato visto in pubblico prima. Per celebrare il 70° anniversario della vittoria della guerra di resistenza del popolo cinese contro l’aggressione giapponese e della guerra mondiale antifascista, 50 formazioni sfileranno su piazza Tiananmen, tra cui 11 formazioni in marcia, due formazioni di veicoli veterani, 27 formazioni di armamenti e 10 aeree. La dimostrazione dei nuovi sistemi d’arma è una pratica internazionale delle parate militari. “La sfilata ha lo scopo di ricordare la storia, custodire la memoria dei nostri soldati rivoluzionari caduti, sostenere la pace e inaugurare il futuro, senza prendere di mira altri Paesi“, ha detto Qu.

1026067041Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’Iran annuncia che avrà sottomarini simili a quelli della NATO

Valentin Vasilescu, Reseau International 22 agosto 20155mkcb7La marina iraniana prevede d’introdurre una serie di nuove navi entro marzo 2017, ha detto l’Ammiraglio Habibollah Sayyari, comandante della marina iraniana. La dichiarazione è stata fatta nel corso di una visita ai cantieri Shiraz. Sayyari ha indicato un elenco di cacciatorpediniere, navi lanciamissili e soprattutto sottomarini d’attacco di produzione nazionale. La principale forza di superficie della Marina dell’Iran si compone di 3 fregate classe Alvand da 1540 t (anni ’70) e delle nuove fregate classe Moudge di cui 2 attualmente in servizio e altre 5 in costruzione. Il primo cacciatorpediniere iraniano (Sahand) in costruzione è già completo al 70%. Tutti armati di cannoni, siluri e missili antinave cinesi YJ-83 dalla gittata di 180 km. Inoltre, la Marina iraniana ha 4 corvette e 200 imbarcazioni costiere molto veloci e armate di due missili.
Fateh (Conqueror)Perché l’annuncio del comandante della Marina iraniana è così importante? L’arma più pericolosa della Marina iraniana sono i sottomarini e riguarda gli Stati Uniti perché alcun Paese del Golfo (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Oman, Bahrayn, Qatar, Quwayt e Iraq) ne ha. E anche se acquistassero sottomarini, non hanno l’esperienza necessaria per operarli nelle condizioni specifiche del Golfo Persico. Negli anni ’80 l’Iran importò 4 sottomarini classe Yugo da 90 tonnellate dalla Corea democratica. Dagli Yugo l’Iran sviluppò propri sottomarini di piccole dimensioni producendo così i primi 21 sottomarini da 120 t classe Ghadir. In parallelo, gli iraniani hanno creato una classe di sottomarini costieri, i Nahang da 400 tonnellate. Uno di essi è operativo nel Mar Caspio, e il secondo è in costruzione. Questi sottomarini sono estremamente agili in acque poco profonde, e sono utilizzati per minare i porti e infiltrare forze speciali subacquee. Il programma di ricerca per sviluppare un sottomarino potente quanto quelli occidentali iniziò con l’imposizione delle sanzioni internazionali nel 2006. Dopo sette anni, nel 2013, i primi sottomarini da 600 tonnellate classe Fateh divenivano operativi. A differenza dei sottomarini precedenti, i Fateh sono sottomarini d’attacco che possono immergersi fino a oltre 200 metri di profondità e rimanere in immersione per 35 giorni, con a bordo 4 siluri, mine e 2 missili antinave C-802 (gittata di 80-120 km). Alla fine del 2015, i primi 2 sottomarini veramente competitivi costruiti dall’Iran saranno operativi. Questi sono i sottomarini della classe Besat, dal dislocamento di 1200-1500 tonnellate e dotati del moderno sistema AIP (Air Independent Propulsion), simile a quelli della classe Tipo 212 tedeschi e degli Scorpène franco-spagnoli. Il sistema, secondo alcune fonti, è dovuto a trasferimento segreto di tecnologia russa. Nelle prove in mare, il primo sottomarino iraniano della classe Besat ha navigato immersione per 68 giorni consecutivi.
13920916000616_PhotoI L’Iran nel prossimo futuro vuole implementare nello Stretto di Hormuz una squadra di 10-20 sottomarini classe Besat, rappresentando una vera minaccia per le navi di superficie della V Flotta, di stanza nel Bahrayn. Questa minaccia è ancora più grave dato che i sottomarini Besat dovrebbero essere dotati dei missili supersonici antinave russi 3M-54E (Klub-S) o delle controparti cinesi YJ-18 dalla gittata di 220-300 km. Ciò che preoccupa gli statunitensi è che i missili Klub-S/YJ-18 sono dotati, tra gli altri, di una testata EMP (impulso elettromagnetico) del peso di 300 kg, in grado di produrre effetti simili a quelli del fulmine. La detonazione emette in una frazione di secondo impulsi elettromagnetici di elevata potenza, agendo a breve distanza direttamente sulle antenne della nave bersaglio. La testata EMP si diffonde sulla nave bruciando le antenne e mettendo fuori servizio per ore le apparecchiature elettroniche, del controllo del tiro e di navigazione. Questo tipo di arma è efficace contro gli incrociatori AEGIS classe Ticonderoga e i cacciatorpediniere AEGIS classe Arleigh Burke, appartenenti al gruppo d’urto delle forze di spedizione statunitensi formate intorno a una portaerei e una nave d’assalto anfibio (portaelicotteri). I sottomarini Besat potrebbero essere armati di siluri-razzi copiati dal modello sovietico VA-111 Shkval che navigano a una velocità di 370 chilometri all’ora e hanno una gittata di 15-25 km. I siluri-razzo hanno un’alta probabilità di distruggere incrociatori e cacciatorpediniere AEGIS, se i sensori elettronici per rilevare e controllare gli armamenti vengono eliminati dalle testate EMP dei missili Klub-S/YJ-18. Un episodio ancora incerto accadde il 2 aprile 2014 al cacciatorpediniere statunitense AEGIS Donald Cook nel Mar Nero, quando 2 aerei da combattimento Su-24 della Marina russa sorvolarono la nave, le dotazioni elettroniche smisero di funzionare. L’Iran ha anche tre sottomarini russi classe Kilo da 2325 t, con 6 tubi lanciasiluri e missili antinave Klub-S.

Iran-carrier-attack-SOHTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia cerca di annientare una possibile “no fly zone” sulla Siria

Valentin Vasilescu – Reseau International 20 agosto 2015a_melihov_mig-31_76_1200Nel luglio 2015 le forze militari curde nel nord-est della Siria decisero di supportare l’esercito siriano nella lotta ai ribelli islamici, operando con il supporto aereo siriano durante offensive contro i mercenari islamici riforniti dalla Turchia. La Turchia ha risposto immediatamente, ricordandosi improvvisamente l’esistenza del PKK curdo vietato in Turchia, convocando una riunione della NATO, a seguito di presunte minacce alla propria sicurezza, ed avviando inoltre attacchi aerei contro i curdi nel nord-est di Siria e Iraq (gli unici che hanno avuto vittorie concrete sul SIIL, ultimamente). Gli Stati Uniti, che hanno speso 500 milioni l’anno scorso per reclutare, addestrare e armare i ribelli “moderati” in Siria, minacciano l’esercito siriano e i combattenti iracheni e curdi, cioè coloro che realmente combattono il SIIL, di attacchi aerei se il loro “protetti” venissero attaccati. Inoltre, con sfacciata ipocrisia, Ahmet Davutoglu, primo ministro della Turchia, ha esortato le Nazioni Unite ad imporre una no-fly zone nel nord della Siria, “per proteggere i civili curdi nella zona di guerra tra SIIL ed esercito siriano”, cioè coloro presi di mira dai bombardamenti aerei dell’aeronautica turca. Quanto e come Stati Uniti ed alleati combattono il ISIS è stato ampiamente indicato in un precedente articolo. La Russia ha capito completamente il gioco torbido degli Stati Uniti. Con i sistemi missilistici antiaerei assicura la difesa degli Stati che combattono veramente contro il SIIL (Iraq, Siria, Iran). Si tratta dei sistemi S-300 e Pantsir-S1 che pongono problemi reali all’US Air Force e ai suoi satelliti di NATO e Golfo.
In questo contesto di tensioni e falsa lotta al SIIL intesa a creare le condizioni per dei bombardamenti massicci contro le truppe dell’esercito siriano e sostituire Bashar al-Assad al vertice della Siria, la Russia ha compiuto una mossa che ha sorpreso tutti. Il 16 agosto 2015, l’agenzia turca BGN annunciava che la Russia aveva consegnato all’aeronautica siriana 6 MiG-31, già in servizio nella base aerea di Maza, nella periferia sud-occidentale di Damasco. In realtà, si tratta di un contratto del 2007 di oltre 1 miliardo di dollari per 8 MiG-31 e 16 MiG-29M sospesa nel 2009 su pressione d’Israele. Il MiG-31BM ha alcune limitazioni. Non è un velivolo multiruolo capace di manovre di combattimento aereo, ma è un aereo biposto (pilota e operatore) che pattuglia ad altissima quota per oltre due ore. Basta una sola pattuglia di MiG-31 per impedire la penetrazione dello spazio aereo russo per 400 km. La consegna dei MiG-31 della Russia non è diretta contro il SIIL, ma contro i radar a bordo dei Boeing 737 (AEW&C) e E-3 Sentry (AWACS), spina dorsale della no-fly zone. Ma il MiG-31 è efficace anche contro i missili da crociera degli USA. Uno o due AWACS turchi e statunitensi possono coprire tutto lo spazio aereo siriano. Grazie alle apparecchiature SIGINT a bordo, l’AWACS controlla il traffico radio ed intercetta le relazioni radio dei piani di volo degli aerei da combattimento siriani che decollano. Così gli AWACS possono rilevare i bersagli aerei nemici a 350-450 km di distanza. Dirigono l’intercettazione delle formazioni degli aerei da combattimento degli alleati degli Stati Uniti che operano sulla Siria. Tutti gli aerei AWACS possono individuare le colonne corazzate che si muovono in territorio siriano, e dirigervi velivoli armati con missili e bombe per l’attacco al suolo. Abbattere uno o più AWACS modifica significativamente la capacità operativa della “no fly zone”.
Il MiG-31 è propulso da due motori Solovev D-30F6, ognuno da 15500 kg/s di spinta, consentendo un rateo di salita di 208 m/s. Il tempo impiegato per raggiungere la quota di 10000 m dalla pista di decollo è due/tre minuti. In pratica, se il MiG-31 non viene rilevato, entra in regime supersonico, ricevendo da terra le coordinate dell’AWACS ed occupando la posizione migliore per abbatterlo. Il MiG-31 è armato di missili BVR (oltre l’orizzonte) R-33, R-37 e Novator KS-172S-1, con gittata di 300-420 km, appositamente progettati per abbattere gli AWACS. Il profilo di volo di questi missili è stato progettato in modo che salgano a una quota di crociera di 30000 metri, dove accelerano fino a Mach 4. Questo profilo impedisce l’intercettazione durante il volo sul bersaglio, consentendo un rapporto consumo/km dimezzato rispetto al volo a 8-14000 m di quota. L’attacco all’AWACS avviene dall’alto, dov’è il punto cieco dell’antenna radar.

20150820-83-0008-41-1728x800_cChi combatte sul serio lo Stato islamico?
Valentin Vasilescu Reseau International 8 agosto 2015

IRGC-Su-25-IraqGli attacchi aerei della NATO contro l’esercito serbo bosniaco ebbero luogo tra il 30 agosto e il 20 settembre 1995, e furono eseguiti da 400 aerei e missili da crociera Tomahawk, in sostegno dei mercenari musulmani inviati da Stati Uniti, Iran, Arabia Saudita e Turchia a combattere contro i serbi. L’operazione raggiunse l’obiettivo con la distruzione di 338 obiettivi terrestri serbi (carri armati, batterie di artiglieria, colonne di fanteria motorizzata in movimento, ecc..). Il bombardamento NATO della Jugoslavia fu effettuato dal 24 marzo al 10 giugno 1999 e uccise da 5 a 10000 militari e civili jugoslavi, neutralizzò il 40% delle armi dell’esercito jugoslavo e distrusse il 60% della capacità industriale del Paese, centrali termoelettriche che riscaldavano la popolazione, ponti sul Danubio e nodi ferroviari. L’operazione raggiunse l’obiettivo evacuando l’Esercito jugoslavo dal Kosovo ambito dagli statunitensi. Ciò che sorprende è che per più di un anno, Stati Uniti e NATO (Turchia, Canada, Gran Bretagna, Francia, Germania e Paesi Bassi), così come Emirati Arabi Uniti, Bahrayn, Qatar, Giordania e Australia, hanno condotto attacchi aerei contro il SIIL senza esito. Ciò è tanto più sorprendente dato che le forze del SIIL, da 5 a 7000 combattenti, agiscono in aree rigorosamente definite e scoperte (per lo più in zone desertiche), dove sorveglianza e attacchi sono molto più facili che nella ex-Jugoslavia. Il SIIL è organizzato in distaccamenti dalla grande mobilità tattica composti da sub-unità da ricognizione con blindati leggeri (Hummer), subunità blindate con carri armati, IFV e APC, subunità di artiglieria trainata, subunità da trasporto con autocarri (per munizioni, cibo, carburante, ecc), subunità da difesa aerea con cannoni o mitragliatrici montati su autoveicoli, ecc. Alcuni video occidentali mostrano solo bersagli statici, tipo bunker, durante gli attacchi aerei statunitensi. E’ molto strano che non ci siano mai auto, blindati e combattenti del SIIL in prossimità dei bersagli. Potrebbero essere falsi per il semplice motivo che non ci sono più bunker in Iraq. I media occidentali che trasmettono tali video sembrano aver dimenticato che con l’occupazione dell’Iraq da parte dell’esercito degli Stati Uniti, i genieri statunitensi fecero saltare tutti i bunker costruiti da Sadam Husayin. Dove il SIIL trova i bunker indicati nei video? L’occupante statunitense, dal 2003, ha demolito tutti gli aviogetti supersonici o d’attacco al suolo (Su-25) di produzione sovietica dall’esercito iracheno, sostituendoli con velivoli ad elica Cessna 208 Caravan, Cessna 172 e Beechcraft T-6 Texan. La stessa cosa avvenne con gli elicotteri d’attacco iracheni, sostituiti con Bell 206, Bell UH-1, Bell OH-58C, Bell 407, senza blindature ed equipaggiamento per combattere i mezzi corazzati. Gli Stati Uniti hanno ripetutamente rinviato la consegna di 36 F-16 Block 52, pagati dall’Iraq nel 2011. I primi 4 F-16 sono arrivati in Iraq, nella base aerea di Balad, solo a luglio, e gli altri arriveranno nel 2018. Idem per i 36 Apache AH-64E che l’Iraq ha acquistato dagli Stati Uniti e che non sono ancora stati consegnati. Obbligato a combattere il SIIL, l’Iraq aveva cercato aiuto dalla Francia che, seguendo il modulo delle Mistral, s’è rifiutata di fornire l’elicottero d’attacco Tiger per non offendere gli Stati Uniti.
Perché gli Stati Uniti fanno di tutto affinché l’Iraq, in prima linea nella lotta al SIIL, non abbia aerei da combattimento? Semplicemente perché sanno che gli aerei dell’Iraq neutralizzerebbero il SIIL in due mesi, svelando il bluff degli Stati Uniti e dei loro alleati sul SIIL. La Russia ha capito le reali intenzioni degli Stati Uniti ed è stato l’unico Stato a sostenere realmente le forze che lottano contro il SIIL firmando subito un accordo con l’Iraq per la consegna di 56 elicotteri d’attacco Mi-28 e Mi-35NE (24 elicotteri russi sono già operativi). Un video iracheno dimostra come oggi si svolge la vera lotta tra una colonna del SIIL e i Mi-35 iracheni. La Russia ha anche consegnato all’Iraq 12 aerei Su-25 pilotati da iraniani. Inoltre, grazie ad un accordo mediato dalla Russia, 7 altri aerei Su-25 dell’Iran sono ritornati in Iraq per combattere il SIIL, arrivando sulla base aerea di Balad il 13 luglio 2015.19_2Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La guerra finisce in Vittoria

Kungurov, Fort Russ 15 agosto 2015
Dato che i media governativi usano in modo improprio il termine Vittoria (ad esempio, i continui rapporti sulla distruzione di decine di carri armati T-90, mai realmente visti nel Donbas), è diventata una barzelletta. L’articolo del noto blogger Kungurov spiega le ragioni reali dello scarso rendimento delle forze maidaniste nei primi mesi. Da segnalare che è stato scritto un anno fa, ad aprile-luglio 2014, quando il coinvolgimento russo era inesistente e coperto.0_93277_bc75f1f3_XXLGuardiamo alla guerra civile in Ucraina da posizioni distorte: qui ci sono i nostri (Pro-USA/Pro-Russia, scegliete), sono bravi ragazzi, la loro causa è giusta e quindi vincerà; i nemici (terroristi/neo-nazisti, scegliete) sono orchi e quindi destinati alla sconfitta, così tutti presto moriranno e bruceranno all’inferno. Ma in realtà vittoria o sconfitta sul campo di battaglia dipendono poco dall’ideologia e da cosa dice il presentatore in TV (tanto più che si può sempre capovolgere una terribile sconfitta in grande vittoria). Propongo quindi di guardare la situazione in modo imparziale, tenendo conto soltanto dei fattori militari ed economici. Se si guarda alla situazione superficialmente, le milizie del Donbas (separatisti) erano senza speranza: l’esercito governativo li superava 5-1 in blindati, 3-1 negli uomini e 10-1 in artiglieria, con l’enorme vantaggio della superiorità aerea (la milizia non aveva aerei). In termini operativi, c’erano due sacche di resistenza, Lugansk e Donetsk, tra cui non vi era alcun collegamento. Strutturalmente gli insorti, a differenza delle forze ATO, non avevano una struttura unificata di comando, riserve o un sistema di rifornimento. Allora la domanda sorge spontanea: come mai le forze governative non rasero al suolo le difese dei ribelli? Per rispondervi va considerata la situazione: quattro mesi prima le milizie erano equipaggiate con fucili da caccia e pistole rubate ai poliziotti. Non avevano artiglieria o blindati e di numero erano trascurabili. Tuttavia, le forze governative, con un vantaggio di 20-50 a 1 sulla carta, non colsero alcun successo tangibile. Sì, Kiev subì una sconfitta politica in primavera quando la Crimea fu abbandonata senza un colpo; i politici litigavano per occupare il potere e non si preoccupavano dei movimenti separatisti nel Donbas. Tuttavia, il problema poteva essere facilmente risolto con la forza, se l’Ucraina avesse avuto un esercito. Ma il nocciolo della questione è che a marzo-aprile 2014 Kiev non l’aveva. C’erano persone in uniforme, armi nei magazzini, carri armati arrugginiti nelle basi, aerei al suolo in file ordinate (alcuni anche splendidamente dipinti). Ma non c’erano forze armate in grado di svolgere compiti assegnatigli. In poche parole, non c’era assolutamente nessuno da inviare in battaglia e nulla con cui combattere. Mentre i soldati ebbero fucili e gli si mostrava come sparare (nel caso in cui non lo si sappia, i militari raramente vedono le armi in tempo di pace, e certamente non questi, e non sanno come usarle), mentre gli APC uscivano dagli hangar capaci, teoricamente, di essere guidati fino alla stazione ferroviaria, e mentre tende e munizioni venivano ricevute dai magazzini, tutto si svolgeva con grande confusione, caricandoli sui treni e inviandoli da qualche parte, perdendo irrimediabilmente tempo. Ma anche dopo l’arrivo nel teatro, queste migliaia di uomini armati in uniforme non erano un esercito ma una marmaglia disorganizzata simile alla milizia del Donbas, e in questa fase la superiorità numerica dell’esercito governativo non era un vantaggio, ma uno svantaggio. L’assioma degli affari militari dice: più truppe, più dannose sono le conseguenze della disorganizzazione. In realtà, non è necessario impegnarsi in battaglia con il nemico affinché le truppe perdano la capacità di combattere. Non dategli da mangiare per tre giorni, e l’esercito fugge, i soldati vagheranno in giro barattando armi per cibo e vestiti caldi. E così è accaduto, quindi nelle forze governative la diserzione è forse la ragione prima delle perdite di effettivi.
w3aBGB2xqpgPer la milizia tutto questo era molto più facile. Innanzitutto, il loro numero era molto piccolo, quindi poterono organizzarsi assai rapidamente. Pertanto, furono i separatisti che inizialmente presero l’iniziativa e bloccarono il nemico con agguati, e avendo il vantaggio data conoscenza del terreno e mobilità superiore. Sì, nonostante le truppe governative avessero un numero considerevole di corazzati e persino aerei, le milizie avevano una assai maggiore mobilità. Usavano veicoli civili, mentre i blindati del governo erano al meglio usati come postazioni fisse per mancanza di carburante, pezzi di ricambio, autisti e ordini. Beh, a volte avrebbero guidato i carri armati per i negozi del paese per comprare vodka. Un fattore importante era la presenza di comandanti incompetenti. L’esercito governativo aveva molti tizi in sovrappeso con grandi stelle sulle spalline e grandi barboni per esser stati seduti troppo a lungo, ma nessuno con competenze nella pianificazione militare. Non conta il fatto che l’esercito ucraino non abbia mai combattuto. In tempo di pace, gli esperti militari mantengono la forma professionale con addestramento al combattimento, manovre, esercitazioni dello Stato Maggiore e così via. L’esercito ucraino non ha mai svolto esercitazioni a livello di battaglione, e persino respinse le esercitazioni tattiche di compagnia per mancanza di fondi (va notato che l’esercito ucraino aveva più effettivi dell’esercito nigeriano, ma un budget molto più piccolo). L’addestramento al combattimento fu sostituito con compiacenti “esercitazioni in aula”. Beh, l’addestramento al combattimento fu sostituito da rapporti su come le esercitazioni in aula si erano svolte, mentre in realtà nessuno ci andava data la loro inutilità. Nella migliore delle ipotesi, furono effettuate per formalità. Quindi gli ufficiali dell’esercito non conoscevano le cose più elementari come leggere una mappa, utilizzare la radio, organizzare pattuglie, avamposti, interagire con altre unità e attività di supporto. Ovviamente condurre operazioni significative era proprio fuori questione. Naturalmente l’inutilità dei comandanti aumentò con l’anzianità e la carriera. Nei 23 anni dalla sparizione dell’Unione Sovietica, la generazione degli ufficiali sovietici che aveva esperienza sparì quasi completamente. I generali di oggi erano giovani tenenti durante la perestrojka. Mentre salivano la vetta dimenticarono completamente ciò che gli fu insegnato nelle accademie militari sovietiche, e nuove competenze non furono acquisite per le suddette ragioni.
1924369 La milizie del Donbas furono anche molto fortunate, dato che comandanti come Igor Girkin/Strelkov (che combatté in Transnistria, Serbia e in Cecenia) avevano più esperienza dell’intero Stato Maggiore ucraino. Un altro uomo al posto giusto era l’ex-Tenente-Colonnello dell’Esercito russo Igor Bezler (“Bes“), trasferitosi in Ucraina dieci anni prima, così come Aleksej Khodakovskij (ex-comandante della squadra SWAT di Donetsk). Un ruolo fondamentale fu svolto dai volontari russi, molti veterani della guerra in Cecenia. Infine, tra i miliziani locali vi era una percentuale molto elevata di 50enni, e anche più, che avevano esperienza in combattimento nella guerra in Afghanistan. Così alle fasi iniziali del confronto armato le forze delle milizie volontarie, sotto il comando di comandanti esperti, non solo inflissero sconfitte morali, ma anche rifornirono notevolmente i loro arsenali con attrezzature e armi catturate. Parlo dello stallo a Slavjansk nell’aprile-luglio 2014. Naturalmente, la propaganda del governo di Kiev strillava disperatamente di colonne di carri armati russi in aiuto dei separatisti e orde di mercenari di GRU e FSB che insieme a bande di teppisti ceceni, ogni giorno attraversano il confine a migliaia ingrossando i ranghi dei terroristi, ma sul serio tale diarrea verbale non va per nulla considerata. Fino a maggio 2014 il confine era generalmente controllato delle guardie di frontiera governative. Il numero di volontari russi che combatteva nel Donbas era stimato a circa 500 persone in totale, un battaglione secondo gli standard militari. Kiev fece l’errore enorme di decidere di combattere l’insurrezione senza un esercito efficiente. Di conseguenza, l’esercito inetto fu la principale fonte di armi e munizioni dei ribelli. Beh, qualcosa naturalmente fu preso dai magazzini e dalle unità militari di stanza nelle regioni di Donetsk e Lugansk, ma quelle armi, francamente, non erano moderne. Tuttavia, anche le carabine SKS progettate nel 1944 trovarono buon uso (da immagini e filmati, sembra che un terzo di miliziani ne siano armati, dei fucili a tiro lento ma accurati e affidabili). E i fucili anticarro PTR, dichiarati obsoleti nella seconda guerra mondiale, in effetti inutili contro i carri armati, perforano però i blindati leggeri abbastanza facilmente. Perciò, nel conflitto s’è visto lo stesso schema: numeri, formazione e attrezzature della milizia aumentavano rapidamente, mentre l’efficienza delle forze governative diminuiva. Frenetici tentativi di aumentare il numero di truppe ATO (ATO = Operazione antiterrorismo, dato che il governo di Kiev non può chiamarla “guerra” o non avrà prestiti dal FMI necessari per continuarla) causarono maggiore inefficienza per le ragioni suddette, i rinforzi, forzatamente instradati, giunsero a un esercito incompetente e demoralizzato, aumentandone il caos. Le forze maidaniste urlarono al “tradimento del quartier generale”, ma è una tradizione vecchia, è facile spiegare codardia e stupidità come tradimento. Le unità quadro che potevano divenire la spina dorsale dell’esercito furono inviate all’offensiva, venendo circondate e distrutte. La maggior di coloro che sfuggirono all’accerchiamento finirono negli ospedali psichiatrici, proprio adatti considerando ciò che passarono. “Riservisti” 40enni e militari di leva 20enni inviati a rinforzare unità decimati erano più scarsi di coloro che sostituivano. Pensateci un secondo, le forze di autodifesa del Donbas che iniziarono quattro mesi prima con blocchi stradali goffi, piccole imboscate e raid notturni, ora contestavano il campo a un esercito regolare, organizzavano accerchiamenti, mantenevano capisaldi e tagliavano le comunicazioni nemiche contrattaccando con gruppi corazzati! Almeno la metà dei velivoli da combattimento del governo fu distrutta. La dinamica di ciò non era buona per le forze ATO. Sì, la maggior parte del territorio di RPD e RPL è controllata dalle forze governative, ma dal punto di vista militare ciò comporta solo problemi. In primo luogo, si allungano le linee di rifornimento in territorio nemico, e mentre le forze disponibili sono legate alla prima linea, i sabotatori della milizie attaccano obiettivi militari nelle regioni di Zaporozhe e Kharkov. In secondo luogo, spingendo gli insorti in una piccola area se ne aumenta la densità creando un fronte continuo. E se le vostre truppe non hanno lo stomaco per combattere a piedi, incontrare grosse formazioni nemiche ovunque è una brutta cosa, ovviamente! Entro gli archi autostradali che attraversano Donetsk e Lugansk, le milizie manovrarono molto più velocemente delle forze che si opponevano dall’esterno. Perciò, il governo tentava di prendere una qualsiasi città lungo questa linea, venendo però impedito da contrattacchi tempestivi ed efficaci. Il governo poteva muovere più rapidamente le forze, per esempio, da Debaltsevo ad Amvrosevka per salvare le forze circondate a sud, ma si trattava di un percorso lungo e difficile da rifornire, e da quando la prima linea fu creata, divenne impossibile anche dal punto di vista propagandistico. Nessuno sapeva cosa sarebbe successo se Strelkov rispuntava riprendendosi Slavjansk, sarebbe stato un colpo enorme. Così il comando ucraino non aiutò le forze accerchiate, non perché fosse crudele e spietato, ma perché le operazioni di soccorso avrebbero comportato una sconfitta ancora più terribile. Nel frattempo, mentre le forze accerchiate venivano lentamente polverizzate, si coagulavano le notevoli forze della milizia, permettendo alle truppe governative di fare piccoli progressi altrove, trasformandoli in vittorie propagandistiche.
10518681Dal punto di vista operativo, invece di espellere la milizia da zone periferiche sarebbe stato molto più efficace circondare le sacche di resistenza e distruggerle una per una. A dire il vero, è così che l’esercito russo agì in Cecenia bloccando gruppi di separatisti e distruggendoli accerchiandoli. Se fossero stati stupidamente scacciati in montagna, la guerra nel Caucaso probabilmente si trascinerebbe ancora. Ma l’esercito Kiev non poté svolgere una cooperazione anche tattica sul campo di battaglia, tanto meno risolvere correttamente i problemi operativi. Le forze governative lasciarono che gli uomini di Strelkov violassero l’accerchiamento di Slavjansk praticamente incontrastati, e idioti gioirono con una bandiera blu-gialla sul municipio, ma dal punto di vista operativo fu una sconfitta. Fu dopo che gli uomini di Strelkov si trasferirono a Donetsk, unendosi ai gruppi armati locali, che la RPD iniziò la guerra mobile a cui l’esercito governativo era totalmente impreparato, portando ad una serie di disastri come la distruzione di quattro brigate al confine meridionale. Le forze governative non riuscirono a distruggere la forza di Slavjansk con una superiorità numerica di 10-1. Cosa possono sperare ora, quando l’equilibrio delle forze è passato a 3-1?
Il vecchio detto militare dice che la vittoria non va a chi combatte bene, ma a chi combatte meglio. Uno dei miei amici, colonnello e capo del Dipartimento di Tattica di un’accademia militare, l’ha riformulato così: la cosa più importante è essere meno fesso del nemico. Per lui, persona che ha vissuto la guerra, la stupidità è un fattore strategico. La stupidità degli strateghi ucraini è probabilmente senza precedenti nella storia. Se tatticamente i soldati filogovernativi agiscono maldestramente, e operativamente in modo dilettantesco, strategicamente le loro azioni sono assolutamente folli, ne parleremo più avanti…14deb825e2ffTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La flotta segreta artica della Russia

Alessandro Lattanzio, 14/8/2015Russian-Arctic-Military-Map-final-version-smallLa Marina russa possiede numerosi sottomarini top secret progettati per svolgere compiti specifici altamente qualificati, posti sotto la Direzione Generale della Ricerca Sottomarina (CDDR) del Ministero della Difesa, comprendente sottomarini che fungono da stazioni base (BS) e da stazioni atomiche per le profondità marine (ADS).1803009720922fd744e83fd49b3Proekt 1910 Kashalot
I sottomarini Proekt 1910 sono la prima generazione di minisottomarini da ricerca atomici progettati per operate a grandi profondità. I sottomarini sono equipaggiati con tecnologie robotiche, bracci manipolatori e altri mezzi, e sono utilizzati per ricognizione, ricerca scientifica e trasporto di mezzi subacquei da combattimento.

wJ6XOProekt 1851 Paltus
Il Proekt 1851 è l’ulteriore sviluppo del Proekt 1910 per operazioni speciali da ricognizione, disturbo delle attività sulle rotte di pattugliamento dei sottomarini della Marina russa, recupero di oggetti dal fondo del mare e di navi affondate, attività scientifica e tecnica. Per le piccole dimensioni, possono essere usati nelle operazioni di sabotaggio navali.

b6YkGProekt 10831 Losharik
Il Proekt 10831 è un ulteriore sviluppo dei Proekt 1851 e 1910. Solo un sottomarino (AS-12) è stato costruito ed è considerato uno dei più singolari e segreti della Marina russa. Lo scafo è in titanio, come le zampe del personaggio dei cartoni animati sovietico Losharik, da cui il sottomarino prende il nome. Caratteristiche e capacità del Losharik sono segrete, ma trasporta attrezzature speciali per operare a grandi profondità e per “penetrare” le telecomunicazioni di acque profonde, recidendo i cavi sottomarini e può recuperare equipaggiamenti segreti dalle profondità di mari e oceani. Nell’autunno 2012, appoggiandosi al battello a propulsione nucleare Orenburg, l’AS-12 partecipò alla spedizione nell’Artico del 2012, perforando un pozzo profondo 2500-3500 metri.

ZOBw35GProekt 09786 BS-136 Orenburg
Il BS-136 Orenburg è un sottomarino a propulsione nucleare progettato per trasportare minisottomarini nelle zone operative. Il minisottomarino “salpa” da questo sottomarino una volta giunto nella zona delle operazioni speciali. Il battello si basa su un ex-SSBN Proekt 667BDR, trasformato nel 2002 nell’ambito del Proekt 09786. Durante la conversione, il vano missili fu sostituito dal vano per il trasporto dei minisottomarini. Nel 2012, l’Orenburg fu la base galleggiante per le operazioni del Proekt 10831 nella spedizione scientifica artica del 2012.09774-line1Inoltre, nel 2016 la Marina russa sostituirà i suoi veicoli telecomandati di origine inglese Tiger, utilizzati per operazioni di ricerca e soccorso, con 5 robot subacquei Marlin-350 russi, prodotti dalla Tetis Pro. “Abbiamo in programma di consegnare cinque veicoli nel 2016. Mezzi simili sono già previsti dal programma statale per il 2017“, affermava il Direttore Generale di Tetis Pro Aleksej Kajfazhjan. Kajfazhjan aveva detto che un altro micro-sottomarino, il primo veicolo autonomo di ricerca russo Concept-M che può compiere immersioni fino a 1000 metri, entrerà in produzione. Il Concept-M sostituirà i microsottomarini Islandic Gavia utilizzati dal Ministero della Difesa russo per il rilevamento in acque profonde. Il Marlin-350 è un Veicolo Tele-Comandato (ROV) progettato per monitorare aree protette, per la ricerca di intrusi nelle zone controllata e per impedire l’infiltrazione in strutture protette. Il Marlin-350 ha quattro motori orizzontali vettoriali e due motori verticali. E’ dotato di un sistema di guida e stabilizzazione in profondità, un braccio meccanico, due telecamere analogiche e due fari LED. Il modulo di superficie comprende l’unità di controllo con tre monitor per visualizzare le informazioni video e idro-acustice, un alimentatore per il veicolo, una unità di registrazione digitale e un computer integrato, e può operare fino a 350 metri di profondità. 1025666989_risultatoLa Marina russa riceverà 17 navi da guerra, oltre a 52 navi di supporto, nel 2015, tra cui la nave da ricognizione Admiral Jurij Ivanov, che può tracciare e localizzare il sistema di difesa missilistica degli Stati Uniti, in particolare il sistema AEGIS. La nave infatti, può “inseguire” le navi da guerra statunitensi equipaggiate con il sistema da combattimento AEGIS creato per intercettare i missili balistici. La nave, che ha un’autonomia di 8000 miglia, è stata consegnata alla Marina russa il 26 luglio durante le celebrazioni del Giorno della Marina. La Jurij Ivanov si occupa delle telecomunicazioni della flotta, della guerra elettronica e dell’intelligence radio-elettronica. La seconda nave della classe, l’Ivan Khurs, è in costruzione dal 2013 e sarà pronta nel 2016. In totale, la Marina russa disporrà di 4 navi Classe Jurij Ivanov entro il 2020.Yury Ivanov-class intelligence ship (Project 18280) begins sea trials 1_risultatoSecondo la nuova dottrina marittima della Russia, “Vedendo negli ultimi anni i molti nuovi sviluppi sull’Antartide, essa è diventata una regione molto importante per la Russia“, dichiarava il Viceprimo ministro Dmitrij Rogozin. “Per quanto riguarda l’Artico, è diventato più importante per diverse ragioni, dovute alla crescente importanza della rotta del Mare del Nord… Inoltre, l’Artico ci offre libero accesso ad Atlantico e Pacifico, che nulla può bloccare. Poi c’è l’assai ricco piattaforma continentale, che richiede particolare attenzione quando si parla di sviluppo. Negli ultimi 10-15 anni la cantieristica nel nostro Paese, che comprende quella militare, è cresciuta ed e ora può soddisfare le esigenze del Paese ad un livello paragonabile al periodo sovietico. La Federazione russa, agendo sulla base della dottrina nazionale marittima, è decisa a rafforzare coerentemente e fermamente la propria posizione sugli oceani del Mondo“. La piattaforma artica è uno dei motivi per cui gli Stati Uniti tentano di destabilizzare la Russia. L’Artico ha il 30 per cento del petrolio e del gas del mondo e con l’avanzate delle tecnologie, gli idrocarburi sono sempre più alla portata delle trivelle. L’Artico presenta anche nuove rotte commerciali tra Asia, America ed Europa. Perciò Washington militarizza la regione artica a danno della Russia, che controlla 6200km di coste artiche per una profondità di 500 chilometri dal confine; cioè 3100000 kmq di territorio estremamente inospitale da proteggere. Nel 2014, il Comando Strategico interforze dell’Artico “Nord” veniva istituito includendovi la Flotta del Nord e unità dei Distretti militari occidentale, centrale e orientale di stanza nelle zone circumpolari, ed ha ai suoi ordini 80000 truppe, 220 aerei, 69 navi e 44 sottomarini. La Russia ha anche costruito 10 basi aeree, tra cui la base di Tiksi, che ospiteranno intercettori a lungo raggio come il MiG-31BM, aerei da ricerca e soccorso, anti-sottomarina, di primo allarme ed elicotteri, e una rete di 13 stazioni radar per la difesa aerea nelle isole Novoribirskij, Franz Josef, Novaja Zemlja e Artico russo. Le forze di terra comprendono 2 brigate di fanteria motorizzata dotate di sistemi di difesa aerea Pantsir-S1; il Gruppo Indipendente delle Forze Aerospaziali nella regione artica, attivato il 3 agosto 2015, fondendo unità delle forze aeree russe (VVS) e delle Forze della Difesa Aerospaziale (VKO), responsabili della Difesa aerea della Russia contro forze convenzionali e nucleari; del supporto aereo alle altre forze armate; della difesa antimissili balistici; del primo allarme e dei satelliti da ricognizione militari, e della difesa della Russia dalle minacce spaziali.
Infine, la Flotta del Nord dispone di 1 Portaerei, 4 incrociatori, 9 fregate, 10 pattugliatori, 11 cacciamine, 4 navi d’assalto anfibio, 4 mezzi da assalto anfibio, 10 SSBN (sottomarini a propulsione nucleare lanciamissili balistici), 4 SSGN (sottomarini a propulsione nucleare lanciamissili da crociera), 14 SSN (sottomarini a propulsione nucleare d’attacco), 7 AGS (minisottomarini a propulsione nucleare per operazioni a grande profondità), 8 SSK (sottomarini d’attacco a propulsione diesel-elettrica), 1 sottomarino sperimentale, 13 navi-officine, 7 navi cisterna, 3 da ricerca scientifica e 3 navi da ricognizione.
Nel 2014 ridiventava operativo il rompighiaccio a propulsione nucleare Sovetskij Sojuz, della classe Arktika, dotato di due reattori nucleari e di un elicottero. Il rompighiaccio Sovetskij Sojuz, lungo 150 metri e con un equipaggio di 138 persone, entrò in servizio nel 1989, terza nave della classe. Il Sovetskij Sojuz sarà utilizzato sulle rotte artiche, che negli ultimi anni ha visto aumentare di 40 volte il traffico merci (da 100000 tonnellate nel 2010 a 4 milioni di tonnellate nel 2015), operando nel Mare di Kara e nel Golfo di Ob, nell’ambito del megaprogetto Jamal LNG accompagnando le navi cisterne che trasporteranno il gas condensato. Così dei 6 rompighiaccio classe Arktika, 3 sono in servizio: Jamal, 50 Let Pobedij e Sovetskij Sojuz. Queste navi rompighiaccio sono dotate di radar per il controllo del tiro e sezioni per l’installazione di armamenti. Infine, la Russia sta costruisce 14 nuovi rompighiaccio, tra cui le 3 navi rompighiaccio a propulsione nucleare LK-60 che i Baltijskij Zavod di San Pietroburgo completeranno nel 2020.icebreakersovetskysoyuz-rosatomflotFonti:
Global Research
RBTH
RBTH
RBTH
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
The Saker

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.990 follower