Il presidente cipriota a Mosca: la crescente presenza della Russia nel Mediterraneo

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 26/02/2015BN-HC911_ruscyp_J_20150225112340Il 25 febbraio, Russia e Cipro hanno firmato un accordo di cooperazione tecnico-militare in occasione della visita ufficiale del presidente cipriota Nicos Anastasiades in Russia. In particolare, si prevede l’utilizzo di aeroporti e porti della Repubblica da parte di aerei da guerra e navi da guerra russi nelle operazioni umanitarie e di emergenza, nonché di operazioni antiterrorismo. L’Aeronautica russa utilizzerà la base aerea Andreas Papandreou, insieme all’aeroporto internazionale di Paphos a sud-ovest dell’isola. La Marina russa potrà utilizzare in modo permanente la base di Limassol, porto confinante con la base aerea inglese di Akrotiri, utilizzata per le operazioni della NATO, oltre che nodo importante nel sistema di sorveglianza elettronico militare dell’alleanza. Limasol ha già ospitato navi da guerra russe dal 2013, comprese quelle che partecipano all’operazione per eliminare le armi chimiche siriane e alle missioni nel Golfo di Aden e al largo delle coste della Somalia. Ora gli scali saranno effettuati regolarmente secondo norme. L’accordo militare è di particolare importanza da quando giacimenti di gas sono stati recentemente scoperti nel Mediterraneo orientale. La Russia partecipa ad esplorazione e produzione. Israele (che ha categoricamente rifiutato sanzioni anti-Russia), Libano, Cipro, Turchia e Siria sono tutti interessati al progetto e hanno corrispondenti problemi di sicurezza da affrontare. Per la Russia, è solo l’ultima notizia di un’alleanza militare in crescita. In un anno la Russia ha aumentato la cooperazione militare con Paesi non-NATO, tra cui Cina, India, Corea democratica e Iran. Ma la regione mediterranea ha acquisito particolare importanza di recente.
Il 3 febbraio, il ministro della Difesa della Grecia e schietto “euroscettico” Panos Kammenos annunciava l’invitato a Mosca per incontrare l’omologo russo Sergej Shojgu nel prossimo futuro, con data da fissare al più presto. La Grecia è membro della NATO, un’organizzazione che percepisce la Russia quale potenziale minaccia. Eppure, Atene e Mosca sembrano essere sulla via per formare un’alleanza. Il 3 febbraio, Kammenos ha incontrato l’ambasciatore russo in Grecia. “La discussione con l’ambasciatore russo Maslov era anche sugli accordi sospesi tra i Ministeri della Difesa di Grecia e Russia, cooperazione strategica, organizzazione dell’anno dell’amicizia greco-russa nel 2016, in Grecia e Russia. Ho ricevuto un invito dal Ministro della Difesa della Russia a visitare Mosca prossimamente“, ha scritto Kammenos sul sito web del Ministero della Difesa. Il nuovo governo greco occasionalmente ha apertamente criticato UE e NATO. La Grecia è oggetto di dure critiche da parte di alcuni partner europei sulla sua posizione verso la Russia in un momento di crescente tensione per l’Ucraina. Il 10 febbraio, Russia ed Egitto hanno firmato diversi accordi per rafforzare i legami militari ed economici. Gli accordi hanno coronato la visita del presidente russo Vladimir Putin. L’uso di strutture navali, probabilmente ad Alessandria, da parte di navi russe è un problema all’ordine del giorno. Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha menzionato tale possibilità nell’intervista al quotidiano Rossijskaja Gazeta. Mentre il ramo libico dello Stato Islamico decapitava egiziani a metà febbraio, il presidente russo Vladimir Putin inviava un messaggio di condoglianze all’omologo egiziano e ribadiva che “la Russia è pronta a una stretta cooperazione con l’Egitto nella lotta ad ogni forma di terrorismo“. Vitalij Churkin, rappresentante permanente della Russia nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, non esclude la partecipazione della Russia a una coalizione internazionale in Libia. (3) Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, in una conversazione telefonica con l’omologo egiziano Samah Shuqry il 16 febbraio, confermava la disponibilità di Mosca ad agire di concerto con Cairo per contrastare la minaccia del terrorismo. Così la possibilità di un coinvolgimento della Russia negli sforzi internazionali per contrastare l’organizzazione radicale non è effimera, ma reale. Le forze collegate allo Stato islamico in Libia hanno intensificato le attività di recente. Il gruppo ha suoi agenti tra i rifugiati verso le coste italiane (solo 350 chilometri da attraversare). Non senza ragione questo Paese chiede uno sforzo internazionale per intervenire in Libia. Il premier italiano Matteo Renzi visiterà Mosca ai primi di marzo. L’adesione della Russia alla coalizione internazionale contro lo Stato islamico è all’ordine del giorno. L’Italia vuole che la Russia vi partecipi. Le sanzioni anti-russe dell’UE sono intempestive e inutili per dialogare su tale questione scottante. In teoria il contributo della Russia potrebbe essere di grande valore, senza esagerazione. Mosca potrebbe fornire intelligence, addestramento e armi, tanto più che il governo libico riconosciuto a livello internazionale ha chiesto alle Nazioni Unite aiuti militari. La Russia ha una squadra navale nel Mediterraneo, che potrebbe portare a termine la missione di pattugliamento delle coste libiche per impedire l’invio illegale di armi ai terroristi.
C’è qualcosa di molto importante che la Russia ha già fatto concretamente. Il 12 febbraio, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione 2199 sulla repressione delle entrate che i gruppi terroristici in Siria e in Iraq ricavano dal commercio di petrolio e prodotti petroliferi. Il documento contiene disposizioni volte a contenere altre fonti di reddito del terrorismo, tra cui traffico di metalli preziosi, antichità e valori culturali da Iraq e Siria. Il progetto di risoluzione è stato avviato dalla Federazione Russa ed è stato co-sponsorizzato da più di 50 Stati. La Russia spera che tutti i membri della comunità internazionale faranno rispettare rigorosamente le disposizioni della risoluzione, con una cooperazione internazionale basata su norme giuridiche internazionali. La visita del presidente cipriota ha dimostrato ancora una volta che le affermazioni sulla Russia isolata a livello internazionale fanno acqua, non sono altro che chiacchiere. Al contrario, la politica estera della Russia ha ottenuto importanti successi come la visita del Presidente Putin in Ungheria il 16-17 febbraio o in Egitto il 9-10 febbraio, per citarne alcune. La Russia ha un ruolo molto importante da svolgere nel garantire la sicurezza nel Mediterraneo e nel Medio Oriente. Chiunque sia imparziale può vedere che la grave situazione attuale rende il suo ruolo sempre più cruciale per affrontare gli scottanti problemi regionali che raggiungono l’Europa e coinvolgono gli Stati Uniti. È il momento per un dialogo intenso e costruttivo, non per la guerra delle sanzioni.

Cyprusoil2La ripubblicazione è gradita con riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia sbarca nella tenda dell’UE

MK Bhadrakumar Indian Punchline 26 febbraio 2015

WireAP_22239a7bc3094190bd426dca41294cb2Il significato dell’accordo firmato a Mosca che consente alle navi della Marina russa si sostare nei porti a Cipro si può prestare a nozioni esagerate su un patto militare tra i due Paesi, certamente non è così. D’altra parte, il profondo significato dell’accordo in termini politici, e la visita del presidente cipriota Nicos Anastasiades a Mosca, non può essere trascurato a Washington e capitali europee, in particolare Bruxelles dove ha sede l’Unione europea. In termini strategici, l’accordo non significa che la Russia stabilisce basi navali a Cipro. L’accordo prevede solo supporto giuridico alle navi della Marina russa che fanno scali regolari a Cipro. In termini militari, tuttavia, la Marina militare russa avrà sempre garantito tale accesso quando la sua unica base di manutenzione sembra essere Tartus, in Siria, coinvolta nel profondo continuo travaglio. In poche parole, le operazioni nel Mediterraneo della Flotta del Mar Nero avranno solide basi, con il sostegno di Cipro. Allo stesso modo, la Russia crea la cooperazione militare con un Paese in cui la Gran Bretagna ha una base militare. Ci sono notizie secondo cui anche la Cina parlerà con Cipro per avere strutture simili a quelle che la Russia si è assicurata. Tuttavia, molto più della cooperazione militare russo-cipriota è presente. La visita di Anastasiades a Mosca ha anche un enorme aspetto geopolitico in cui molte correnti trasversali operano. Per cominciare, Cipro è un Paese membro dell’UE che rafforza i legami con la Russia, attualmente bersaglio delle sanzioni dell’UE. Anastasiades, infatti, ha provocatoriamente messo in discussione la logica delle sanzioni occidentali contro la Russia.
Negli ultimi quindici giorni Cipro è diventato il secondo Stato membro dell’Unione europea, dopo la visita del Presidente Vladimir Putin in Ungheria, a mostrare pubblicamente dissenso e risentimento verso le sanzioni occidentali, sponsorizzate dagli USA, contro la Russia. Come l’Ungheria, anzi, molto più dell’Ungheria, Cipro ha forti ragioni per assicurarsi la cooperazione con la Russia. Circa l’80% degli investimenti esteri a Cipro è russo. Mosca ha dato un grosso aiuto a Cipro nel superare la crisi finanziaria, fornendo un prestito di 2,5 miliardi di euro nel 2011 (e questa settimana ha tagliato il tasso di interesse annuo dal 4,5% al 2,5%, oltre a prorogare il periodo di riscatto dal 2016 al 2018-2021), oltre ad aiutare Cipro ad organizzare con successo la sua prima emissione di Eurobond sovrani, dopo la crisi, per 750 milioni di euro. Si stima che il denaro che fluisce dalla Russia a Cipro superasse i 200 miliardi di dollari nel periodo 1994-2011. La qualità del rapporto russo-cipriota appare evidente nei commenti di Putin ai media a Mosca, mentre dava il benvenuto ad Anastasiades. In fondo sarà dura per Washington, nel prossimo periodo, radunare i Paesi dell’UE nella strategia di contenimento degli Stati Uniti contro la Russia. L’emergere del governo di sinistra in Grecia (mentore di Cipro), accreditato di forti legami con ideologi russi, già irrita Washington. Ungheria e Grecia sono anche membri della NATO. Così in effetti anche la Turchia, che si è anche avvicinata a Mosca negli ultimi anni quasi in proporzione diretta con le tensioni apparse nel rapporto tra Washington e Ankara. In effetti, ad uno sguardo più attento, un ambito di grande complessità compare, suggerendo che tagliare il cordone ombelicale che lega la Russia ‘post-sovietica’ all’Europa sarà un compito titanico per la diplomazia degli Stati Uniti. Ma non per questo mancano tentativi, come testimonia l’ultimo sforzo della burocrazia dell’UE, sostenuto dagli Stati Uniti, d’integrare il mercato energetico del blocco con il singolare intento di ‘centralizzare’ e controllare i legami energetici della Russia con i singoli Stati membri. Ma il punto è che la Russia diventa un attivo globalizzatore, battendo gli Stati Uniti nel loro gioco, ed intende continuarvi.
Tornando alla partnership russo-cipriota, alcuni altri modelli di politica regionale vanno notati. Innanzitutto i legami energetici. Cipro possiede vasti giacimenti di gas naturale offshore non sfruttati nel Mediterraneo orientale. Le compagnie petrolifere russe sperano di entrate nel settore energetico di Cipro, attualmente dominato da aziende statunitensi. Anastasias ha chiaramente invitato le aziende energetiche russe a parteciparvi. Ora, i giacimenti di gas di Cipro sono contigui alla zona economica della Siria, che ha anche giacimenti di idrocarburi non sfruttati. I giacimenti di gas ciprioti e israeliani s’intersecano, come per Qatar e Iran. L’esportazione del gas di Cipro in Europa sarebbe una priorità statunitense con l’obiettivo di ridurre la dipendenza dell’Europa dalla Russia. D’altra parte, il tracciato del gasdotto ideale da Cipro passerebbe per la Turchia, con cui Cipro non ha rapporti dall’occupazione del nord di Cipro da parte turca nel 1974. Washington incoraggia profondamente la riconciliazione turco-cipriota, i colloqui sono ripresi all’inizio di febbraio dopo due anni di pausa, ma l’opinione pubblica cipriota è fortemente contraria ad accettare la presenza della Turchia nel nord di Cipro. La situazione di stallo è difficile da rompere. Ciò richiederà alla Russia d’intervenire come partner energetico di Cipro. La Russia inoltre sostiene i colloqui con la Turchia sul nuovo gasdotto dal Mar Nero (sostituendo il South Stream, che Mosca ha sommariamente abbandonato) ai Paesi dell’Europa sud-orientale. Chiaramente, la politica energetica della regione del Mediterraneo orientale avanza e la Russia vi è presente quasi ovunque. Tutto sommato, dopo essersi assicurato una posizione di forza in Ucraina, la Russia torna sulla scena mondiale raccogliendo i fili tralasciati. La visita di Putin in Egitto e quella di Anastasiades a Mosca indicano che la diplomazia russa non è sulla difensiva, né che la Russia sia impantanata in Ucraina.TURKEY-RUSSIA-SYRIA-CONFLICT-DIPLOMACYTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La balcanizzazione dell’Ucraina

Miroslav Lazanski, Rete Voltaire Internazionale, Belgrado (Serbia) 25 febbraio 2015

La guerra che devasta l’Ucraina s’internazionalizza. Le divisioni che compaiono nei Balcani non sono nuove, c’erano durante la disgregazione della Jugoslavia e in precedenza durante la Seconda Guerra Mondiale. Per Miroslav Lazanski, una vecchia divisione si riproduce.

Nikolaj Vasilevich Ogarkov

Nikolaj Vasilevich Ogarkov

Lav Tolstoj scrisse in Guerra e Pace, che “alla vigilia del 1812 c’era una concentrazione di potere in Europa occidentale, dall’ovest all’est, ai confini della Russia“. Non so cosa questo grande scrittore e pensatore direbbe oggi se vedesse i primi anni del 21° secolo. E’ come se avesse già previsto l’attuale accerchiamento NATO della Russia e la pressione politica e psicologica sugli Stati neutrali per aderire all’alleanza, avviate in Europa nel 1999, con i bombardamenti della Repubblica Federale di Jugoslavia, e che prosegue oggi con la tragedia ucraina. Le immagini di edifici e ponti distrutti sono incredibili; case bruciate, cadaveri per le strade. Tutto nel 21° secolo! e non è un film, ma la cruda realtà. L’Europa politica rimase in silenzio sulle stesse immagini in Jugoslavia nel 1999, e oggi è indifferente alla sofferenza umana in Ucraina. L’Europa politica ha imposto al popolo ucraino una scelta e quindi la guerra. Dopo gli accordi Minsk 2 [1], certuni ancora pensano, in Europa e anche negli Stati Uniti, che inviare aiuti militari a Kiev potrebbe cambiare la situazione militare. Ma i missili anticarro occidentali non cambieranno l’equilibrio di potere, perché i soldati di Kiev non sono stati addestrati ad usarli e avrebbero bisogno di almeno sei mesi di addestramento. I sistemi di artiglieria della NATO non sono compatibili con quelli dell’esercito ucraino. L’occidente può fornire all’Ucraina semplici blindati per il trasporto di fanteria, ciò che gli inglesi hanno fatto, elettronica per le comunicazioni radio e radar per l’artiglieria, già consegnati a Kiev. Tuttavia, se la NATO consegna a Kiev altri tipi di armi, o se invia propri specialisti per l’addestramento militare, potremmo vedere nel Donbas carri armati T-80 e T-90 invece che T -72. Vedremo poi se i missili sarebbero efficaci con essi. L’ingresso di unità della NATO in Ucraina potrebbe causare l’ingresso dell’esercito russo nel teatro delle operazioni. In un conflitto convenzionale in questo campo, nessun esercito occidentale, neppure quello degli Stati Uniti, potrebbe sconfiggere l’esercito russo, poiché i generali occidentali dimenticano ovviamente la dottrina del Maresciallo Ogarkov, sempre attuale nell’esercito russo: la sconfitta nella prima fase di un conflitto convenzionale con la distruzione degli obiettivi chiave in profondità del territorio nemico, nei primi momenti della guerra, e conquistare rapidamente territorio nemico facendo avanzare l’esercito. La vittoria totale nella prima fase della guerra, senza l’uso di armi nucleari tattiche. La strategia offensiva, con l’obiettivo di una profonda penetrazione nel territorio nemico senza usare armi nucleari, era l’essenza della visione sovietica della guerra in Europa. Gli statunitensi cercarono di fare di meglio con la dottrina della “Battaglia aero-terrestre 2000″.
Questo è precisamente il motivo per cui né Stati Uniti né NATO inviano forze in Ucraina, perché non hanno alcuna possibilità di vincere una guerra convenzionale. Infatti, se le truppe NATO o degli Stati Uniti subissero la sconfitta affrontando l’esercito russo in Ucraina, Bruxelles e Washington dovrebbero ammettere la sconfitta con tutte le conseguenze politiche e militari, o utilizzare armi nucleari tattiche. In tale situazione, sapendo che i Tomahawk possono raggiungere gli obiettivi russi in cinque o sei minuti, il Cremlino avrebbe poco tempo per decidere ed eseguire una diretta risposta nucleare, che avverrebbe in tre minuti al massimo, altrimenti non potrebbe lanciare controffensive se i missili statunitensi colpissero gli obiettivi russi. In altre parole, il confine tra uso tattico e strategico delle armi nucleari è pericoloso. Il rischio di conflagrazione è spaventoso, le parti potrebbero interpretare l’uso di armi nucleari tattiche come introduzione all’uso delle armi nucleari strategiche. In questo caso, solo Dio potrebbe salvare il pianeta. Secondo il parere del professor Lowell Wood del Livermore National Laboratory (USA), nel 1982, tra 500 milioni e 1,5 miliardi di persone morirebbero. Ed essendo la tecnologia nucleare progredita nel frattempo, il numero dei morti sarebbe molto più alto. Chi vorrebbe internazionalizzare il conflitto ucraino, ci pensa?
L’opinione pubblica in Russia in questi giorni non è sorpresa dall’arrivo di cittadini croati in rinforzo all’esercito di Kiev, Pravij Sektor e Guardia nazionale ucraina. Solo coloro che non conoscono la storia ne sono sorpresi. I soldati dello Stato indipendente di Croazia combatterono durante la seconda guerra mondiale a fianco di Hitler a Stalingrado, mentre sul fronte orientale non c’erano serbi. Lo Stato indipendente di Croazia inviò la sua aviazione sul fronte orientale. Il generale Franjo Dzal fu uno dei piloti che abbatté aerei russi. Nell’ex-Jugoslavia, la Croazia ha ottimi rapporti con l’Ucraina e la Serbia con la Russia. In che misura la religione ha influenzato ciò (in Ucraina ci sono cattolici e uniate) è una lunga storia. In ogni caso, i croati fiancheggiano l’Ucraina, e i serbi, seguendo i volontari, sostengono il Donbas. Balcanizzando l’Ucraina, si continua la guerra sospesa nel 1945…

6[1] “Pacchetto di misure per l’attuazione degli accordi di Minsk”, Rete Voltaire, 12 febbraio 2015.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Si rafforza la cooperazione tecnico-militare russo-indiana

Alessandro Lattanzio, 21/2/20151447585Sebbene il caccia francese Rafale avesse vinto il concorso per un nuovo caccia per l’IAF, vi è la possibilità di eventuale abbandono del contratto d’acquisto del Rafale, “Al momento, la situazione non si sviluppa nel migliore dei modi per l’aeronautica militare indiana“, afferma Konstantin Makienko, vicedirettore del Centro per l’analisi delle strategie e tecnologie (CAST), “Anche se il contratto per la fornitura del Rafale viene infine concluso, rischia di comportare costi enormi per l’India, circa 20 miliardi di dollari e forse più, mentre la flotta potrebbe rivelarsi obsoleta al momento della consegna. Nel 2015, la scelta di una piattaforma di quarta generazione può essere visto solo come una soluzione temporanea. L’obiettivo a lungo termine deve essere una piattaforma di quinta generazione“, su cui lavora il programma congiunto russo-indiano del caccia di quinta generazione (FGFA).
Nel 2012, il Ministero della Difesa indiano scelse il Rafale della Dassault per il programma Medium Multi-Role Combat Aircraft (MMRCA), ma l’accordo andava subito in stallo sulla questione della produzione su licenza presso l’Hindustan Aeronautics Limited (HAL), una richiesta di Delhi che Dassault si rifiutava di accettare. La Russia propone una soluzione migliore, Jurij Sljusar, Direttore dell’United Aircraft Corporation, il 19 febbraio a Bangalore dichiarava “Quali aeromobili sarebbero più adatti alle esigenze del cliente? Il nostro evidente vantaggio competitivo è che l’India già produce questi aerei proprio qui, in questo momento. Le fabbriche sono state costruite, la tecnologia fornita, i documenti trasmessi, piloti, ingegneri e tecnici addestrati“. Il direttore della RSK MiG Sergej Korotkov annunciava l’intenzione di proporre la versione aggiornata del MiG-35, se l’India rigetta il Rafale. “Abbiamo tutte le possibilità di competere per il contratto. Non abbiamo perso la speranza che una futura gara sia annunciata“. Esternamente, il MiG-35 non è diverso dal MiG-29, ma la cabina di pilotaggio è dotato di sistemi digitali e pannelli LCD che visualizzano tutti i dati di volo e combattimento. E’ il prototipo del cockpit del caccia di quinta generazione, afferma Givi Janjgava a capo dello Technocomplex, la società che sviluppa avionica russa. Il secondo aggiornamento è il nuovo motore RD-33OVT del Klimov DB. L’ugello può ruotare in qualsiasi direzione sia durante il volo di crociera che in postcombustione. Questa caratteristica rende il MiG-35 assai maneggevole e controllabile in tutte le modalità, dall’alta velocità allo stallo. Il MiG-35 è in grado di ingaggiare bersagli aerei, terrestri e marittimi essendo dotato del radar Zhuk-ME con modalità di mappatura del terreno. La gittata dell’armamento aria-aria è stata largamente ampliata. Il caccia può trasportare 6 tonnellate di carico bellico invece delle 4 delle versioni precedenti. Infine il MiG-35 può essere utilizzato non solo dagli aeroporti ma anche dalle portaerei.
1_o_2 Ruslan Pukhov, direttore del Centro per l’Analisi delle strategie e tecnologie di Mosca, affermava, “La Russia ha fatto del suo meglio per spiegare all’India, come riguardo all’Eurofighter, che è completamente senza senso acquistare una piattaforma progettata negli anni ’80 per una tale enorme somma di denaro, soprattutto perché la flotta completa sarà pienamente operativa, diciamo, tra 10 anni“. Con tale denaro l’India invece di comprare i Rafale, potrebbe acquistare un prodotto che già sa gestire, e le cui capacità operative sono superiori a quella di qualsiasi altro velivolo dell‘Indian Air Force. Inoltre, Dmitrij Shugaev, Vicedirettore per gli affari internazionali presso la Rostec, indicava i problemi del Rafale anche nella riluttanza di Francia a consegnare le navi Mistral, le cui motivazioni sarebbero fonte di preoccupazione per l’India riguardo l’accordo. Shugaev affermava, “Oggi, vendere un prodotto particolare all’India è piuttosto problematico, dato che il Paese vuole anche costituire joint venture e laboratori congiunti. Tutti vogliono armi moderne, armi di nuova generazione, nuove tecnologie, essendo una tendenza globale“. Il prezzo elevato, e in qualche misura, il rifiuto di trasferire le tecnologie di produzione, così come la reputazione minata dalla Francia per il suo accordo mancato con la Russia per la fornitura delle navi Mistral, motiverebbero l’India ad abbandonare il contratto per l’acquisto dei caccia Rafale, a favore dei russi Su-30MKI. Infatti, secondo l’esperto Victor Murakhovskij, “Prima di tutto questo jet da combattimento è davvero troppo caro. In secondo luogo, i francesi non sarebbero d’accordo a trasferire alcune tecnologie che consentano l’assemblaggio parziale e poi la produzione di componenti presso società indiane. Mosca ha proposto una versione modernizzata del Su-30MKI, in cui una percentuale significativa di componenti sarebbe prodotta in India, e in futuro, l’assemblaggio organizzato presso le compagnie indiane. Questo interessa il nuovo governo, e il nuovo ministro della Difesa“. Secondo l’esperto la Dassault Aviation Company, è una “società francese è molto inflessibile e anche, forse, un partner arrogante, cosa che ha già creato molti problemi all’azienda“, mentre “gli indiani sono negoziatori molto difficili, spingendo il venditore a ridurre i prezzi, ma Dassault, da parte sua, non è incline a cedere, e col passare del tempo, i prezzi continuano a salire“. Per Makienko, l’IAF dovrebbe abolire la gara per l’acquisizione del MMRCA dopo di che, acquistare di 60-70 Su-30MK, e ulteriori MiG-29 nella nuova configurazione UPG, degli aerei di nuova costruzione, e anche acquisire alcuni Mirage-2000 di seconda mano dagli Emirati Arabi Uniti. Ciò permetterebbe all’India di risolvere i suoi problemi spendendo circa 10 miliardi di dollari.
Gli istituti di ricerca e le industrie indiane saranno coinvolti nel programma di modernizzazione del Su-30MKI, rafforzandone le capacità di combattimento. I progettisti lavorano per armare il Su-30MKI con il missile supersonico da crociera russo-indiano BrahMos, che ne migliorerà significativamente le capacità di combattimento, ciò in stretta collaborazione con la Corporation Irkut OJSC, dell’United Aircraft Corporation. Gli aviogetti Su-30MKI costituiscono la spina dorsale della forza da combattimento dell’Indian Air Force. Le Hindustan Aeronautics Ltd (HAL) assemblano oltre l’80% dei caccia Su-30MKI in servizio presso l’Indian Air Force, mentre la successiva fase della produzione su licenza prevede il ciclo di produzione completo del velivolo. Per garantire tale programma l’Irkut OJSC ha trasferito alle HAL tutta la tecnologie necessarie e l’esperienza nella produzione in serie dei Su-30MK. Il programma di produzione coinvolge oltre 150 imprese industriali indiane e i prodotti high-tech locali vengono installati sugli aerei da combattimento indiani. Secondo il rappresentante dell’Irkut, HAL ora revisiona completamente i cacciabombardieri Su-30MKI, il primo dei quali è stato consegnato all’IAF a gennaio. Infatti, finora l’Irkut aveva consegnato alle HAL 41 cacciabombardieri Su-30MKI, previsti dal nuovo contratto, di cui 14 già operativi presso l’IAF. “L’Irkutsk Aviation Plant ha iniziato la collaborazione con l’India più di 30 anni fa, con la produzione su licenza dei caccia-bombardieri MiG-27. Collaborando abbiamo raggiunto ottimi risultati nel programma del Su-30MKI“, dichiarava Oleg Demchenko, presidente dell’Irkut Corporation, che ha anche espresso fiducia sulla cooperazione nei nuovi programmi, come l’aereo di linea MS-21.
Secondo Sergej Goreslavskij, capo della delegazione della Rosoboronexport all’AeroIndia 2015, nel caso l’India, invece dei caccia francesi Rafale, acquistasse dalla Russia altri cacciabombardieri Su-30MKI, la Russia sarebbe pronta a lavorare a tale accordo, inoltre riguardo al programma congiunto russo-indiano del caccia di quinta generazione (FGFA), di cui è stata completata la prima fase che prevede lo sviluppo di modelli concettuali e tecnici, passando alla fase di progettazione, costruzione dei prototipi e relativi prove e certificazioni. Anche riguardo la progettazione dell’aereo da trasporto multiruolo MTA, UAC-TA OJSC e HAL sono entrati nella seconda fase progettuale, passando dalla progettazione preliminare per identificare i requisiti chiave dei sistemi, al loro sviluppo. Il Multirole Transport Aircraft, è un aereo da trasporto leggero biturbina con un peso massimo al decollo di 65 tonnellate, destinato a sostituire il BAe 748 e l’Antonov An-26, attualmente in servizio in India. L’attuale programma di cooperazione tecnico-militare tra Russia e India prevede la realizzazione di 200 progetti. Secondo il vicedirettore del Servizio federale russo per la cooperazione tecnico-militare, Anatolij Punchuk, “La Russia ha fornito all’India armi e attrezzature militari del valore di 4,7 miliardi di dollari nel 2014“. Secondo l’ambasciatore russo in India, Aleksandr Kadakin, l’80 per cento degli equipaggiamenti della Marina indiana e il 70 per cento di quello dell’aeronautica indiana sono russi. Anche il ministro degli Esterni indiano V K Singh aveva notato l’attrattiva di prezzi e affidabilità dei caccia multiruolo russi Su-30 prodotti su licenza in India, rispetto al Rafale francese. Il Ministro degli Esterni indiano VK Singh aveva notato l’attrattiva di prezzi e affidabilità dei caccia multiruolo russi Su-30 prodotti su licenza in India, rispetto al Rafale francese.

fgfa_wip_by_parijatgaur-d3e4fgrFonti:
RBTH
RBTH
RBTH
Russia Insider
Sputnik

Sputnik

Niente limiti ai legami nella Difesa tra India e Russia

Debidatta Aurobinda Mahapatra, RIR 24 febbraio 2015

La recente mostra Aero India 2015 ha sottolineato la particolare natura dei rapporti nella difesa tra India e Russia, che possono essere descritti come “senza limiti”, in quanto i due Paesi godono di un elevato livello di fiducia strategica e collaborazione nella produzione di armamenti ad alta tecnologia.

Indians make debut at Red FlagLa recentemente mostra Aero India 2015 nella base aerea di Yalahenka, vicino la città di Bangalore, ha rafforzato la Russia nella preminenza nel rispondere alle crescenti esigenze della difesa dell’India. La complementarietà di India e Russia nella Difesa è ben nota, e gli sviluppi nella mostra hanno illustrato che con l’ordine mondiale in evoluzione, e nonostante l’evoluzione della concorrenza sui mercati indiani, la Russia continuerà ad essere la principale fornitrice di armi dell’India. C’è un gran dibattito sul Rafale, l’aereo da caccia francese. Alcuni analisti sostengono che il Rafale sia il meglio per l’aeronautica militare indiana. Ma non pare essere così. Il comandante dell’IAF ha sottolineato che se l’India è interessata ad avere un Velivolo medio multiruolo (MMRCA), il Rafale non può essere il sostituto del Sukhoj Su-30, in quanto hanno capacità diverse. Anche se l’accordo sul Rafale è sulla carta negli ultimi tre anni, non c’è stata conclusione avendo India e Francia approfondito le differenze, in particolare sull’escalation dei costi e il trasferimento di tecnologia. Il Ministero della Difesa indiano probabilmente prenderà una decisione il mese prossimo, e finora non c’è stato alcun segnale che indichi che l’accordo andrà avanti. Ciò contrasta con la politica russa “senza limiti” con l’India, nel contesto della progettazione e costruzione congiunta di prodotti per la Difesa. Parlando ad Aero-2015, il direttore del Dipartimento della Compagnia per la Cooperazione Internazionale russa Rosetec, Viktor Kladov, ha dichiarato che la Russia è molto ansiosa di soddisfare le esigenze dell’IAF sugli aeromobili all’avanguardia. Il partner tradizionale non è puramente motivato da profitti o scambi. Piuttosto, è interessato a cooperare pienamente a sviluppare l’industria degli armamenti indiana. “Non vendiamo come le altre nazioni. Abbiamo un rapporto molto speciale… Quando si tratta di India non abbiamo limiti… Non siamo inclini a dire all’India cosa fare perché siamo amici e partner“, ha detto Kladov. E’ dubbio che gli altri fornitori, attivi o potenziali, possano adottare un approccio di questo tipo con l’India.
India e Russia presto concluderanno l’accordo FGFA. Vi sono alcuni problemi nella trattativa che i leader di entrambi i Paesi attivamente stanno appianando. Dopo la visita del presidente russo Vladimir Putin lo scorso anno, e del ministro della Difesa Sergej Shojgu il mese scorso, i leader hanno deciso di accelerate i contratti per la Difesa. Quest’anno India e Russia probabilmente finalizzeranno molti accordi, tra cui la consegna di 71 elicotteri da trasporto Mi-17V-5 dalla Russia all’India. La Russia è interessata a trovare un accordo su un altro ordine di elicotteri Mi-17V-5. Mosca è pronta a fornire a Nuova Delhi gli elicotteri Kamov Ka-31 (Helix) per le portaerei classe Vikrant. La Russia cerca di fornire anche i Sukhoj Superjet-100, aerei di linea da 108 posti, all’India. Entrambi i paesi dovranno probabilmente concludere un accordo sul secondo lotto di 29 MiG-29K/KUB, caccia da imbarcare sulle portaerei entro il 2016. L’accordo principale riguardante il Caccia di Quinta Generazione (FGFA) sarà probabilmente ultimato quest’anno. Il FGFA è cruciale per ‘la capacità futura’ dell’Indian Air Force ed è cruciale per la sua struttura in evoluzione, ha rivelato il comandante dell’Aeronautica indiana. Quest’anno, entrambi i Paesi svilupperanno un dettagliato piano di cooperazione per lo sviluppo del velivolo. Un accordo riuscito sul FGFA non solo rafforzerà l’arsenale indiano, ma sarebbe un altro punto di riferimento nella cooperazione nella Difesa. Le società russe che partecipavano alla mostra Aero-2015 hanno vigorosamente sostenuto la politica del ‘Fai in India’ del governo indiano per rafforzare l’industria della difesa locale. Il direttore dell’United Aircraft Corporation (UAC) russa Jurij Sljusar ha emesso una nota ottimista sulle prospettive della costruzione congiunta tra India e Russia del motore per il Su-30MKI, il principale velivolo da combattimento dell’IAF. Tra i fornitori dell’India, la Russia è la più vicina a condividere la tecnologia con l’India, contribuendo a un duplice scopo: oltre che rafforzare difesa e sicurezza dell’India, ne consente la crescita tecnologica. L’azienda bellica della Russia sembra aver preso atto del mondo che cambia, in cui emergono molti fornitori per la Difesa. I nuovi attori cercano di corteggiare il mercato indiano e di beneficiare della rapida crescita economica del Paese. La Russia sembra pronta a giocare in questo nuovo quadro. Kladov ha sottolineato questa realtà mutevole sostenendo che la Russia non ha alcun problema se l’India acquista da altri fornitori. A differenza degli anni della guerra fredda, quando l’India era considerata un pesciolino in politica internazionale, nel dopo-guerra fredda l’India è cresciuta rapidamente con un’economia che supera i 2000 miliardi di dollari. La robusta economia indiana e l’ascesa del suo potere di acquisto sono adeguate alle esigenze per la sicurezza e difesa. La Russia non solo è la prima fornitrice di armi dell’India, ma anche sua partner tradizionale. Gli sviluppi durante Aero India 2015 hanno mostrato che la partnership nella Difesa tra India e Russia sembra destinata a rafforzarsi nei prossimi mesi.

Mig29-static-P1020894Dr. Debidatta Aurobinda Mahapatra è un commentatore indiano. I suoi interessi includono conflitti, terrorismo, pace e sviluppo in Asia meridionale, e aspetti strategici della politica eurasiatica.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 469 follower