La multipolarità di Putin mette ordine al caos

Denis Churilov, Forte Russ 13 marzo 2017Recentemente, i capi israeliani e turchi si sono recati a Mosca per incontrare Putin e discutere con lui di Siria e affari del Medio Oriente in generale. Interessante. Di cosa hanno discusso? Di ciò di cui ognuno è preoccupato? Diamo un rapido sguardo alla situazione in Medio Oriente.
Attualmente, i turchi sono preoccupati dai curdi, con gli Stati Uniti che puntano su di loro nella lotta allo SIIL (fornendogli armi e altro), quindi il fattore curdo cresce per dimensioni e influenza (potendo anche trasformarsi in possibile pericolo per Assad, con certi gruppi curdi nel nord della Siria che lavorano per l’indipendenza). Israele, a sua volta, è estremamente preoccupato dal rafforzamento iraniano in Medio Oriente. La situazione con l’Iran è più che esilarante. Uno Stato sciita controbilanciato dall’Iraq sunnita, quando Sadam Husayin era al potere (fantoccio degli Stati Uniti negli anni ’80, in realtà, credette di essere il padrone del proprio gioco; poveretto). Ma dato che gli Stati Uniti distrussero il governo di Sadam nel 2003, l’Iraq ha perso peso geopolitico nella regione. Ora i suoi leader ufficiali sono filo-sciiti, e piuttosto vicini all’Iran. Così questa configurazione s’è ritorta, l’Iran sciita è in buoni rapporti con il governo iracheno, nonché con il governo siriano di Assad, anche sciita (beh, proviene dalla dirigenza alawita, vista come ramo dell’Islam ma, per scopi politici, classificata come sciita negli ultimi 10-15 anni; in ogni caso trovando terreno comune con l’Iran). Ciò che si vede è già un notevole conglomerato sciita, con i gruppi principali, iraniani e arabi, andare d’accordo sul piano socio-religioso. E questo conglomerato è sostenuto dalla Russia, in una certa misura. Un incubo per Israele e Stati Uniti con i loro neoconservatori (e neanche la Turchia ne è contenta). A parte l’Iran, Israele teme e odia, più o meno, tutti nella regione. Ma Israele è uno Stato in buoni rapporti con gli Stati Uniti, ed anche con la Russia.
La Turchia è stata strategicamente ambivalente negli ultimi anni. Era pro-USA e anti-russa dall’inizio della primavera araba alla metà del 2016, e poi compì una svolta di 180 gradi, divenendo anti-USA e amichevole verso la Russia, con il tentato colpo di Stato che Erdogan ha rumorosamente imputato alla CIA; cosa piuttosto interessante, considerando che la Turchia fa ancora parte della NATO, organizzazione guidata dagli Stati Uniti, soprattutto alla luce dei recenti eventi nei Paesi Bassi. (Erdogan fa ancora il doppio gioco?) Come restare a galla in una situazione così appiccicosa con i curdi, mentre si ricatta l’Unione europea con i flussi migratori, con la Siria enormemente irritata e la Russia che non si fida completamente, dopo quello che successe nel novembre 2015, mentre si subisce anche il dramma politico nazionale? Il tempo lo dirà. E poi ci sono anche questi Stati meravigliosi come Arabia Saudita e Qatar, completamente coperti dagli Stati Uniti, entrambi sunnisti (radicali, anche) e che vogliono vedere la Siria bruciare e il suo governo sparire o decapitato, in modo che il Qatar trasporti a buon mercato gas attraverso il territorio siriano fino all’UE, la maggior parte dei cui membri sono anche membri della NATO. Ma tali aspirazioni sui gasdotti non si accordano alla visione strategica della Russia e, paradossalmente, gli Stati Uniti non sono molto interessati a vedere il Qatar riuscire nel suo progetto gasifero, perché renderebbe Qatar e UE economicamente indipendenti dagli Stati Uniti. Beh, almeno la Russia è tornata nel gioco globale, con i capi di Stati chiave che vanno a Mosca e parlano con Putin. Avendo un mondo multipolare, ancora una volta, si spera nell’equilibrio e infine stabilizzazione mondiale.
Comunque, non è un mese noioso per il Medio Oriente.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’Iran e il mondo nuovo multipolare

James O’Neill New Eastern Outlook 28/02/2017Nell’ultima campagna presidenziale, il candidato repubblicano Donald Trump fece varie affermazioni suggerendo un cambiamento nella politica estera degli Stati Uniti, promettendo, tra l’altro, non più tentativi di cambio di regime, una lotta efficace contro l’organizzazione terroristica SIIL e migliori relazioni con la Russia. Belle parole ma, come si dice, “non ascoltare quello che dico, guarda ciò che faccio“. Quello che fanno è sostanzialmente invariato almeno dalla fine della seconda guerra mondiale. L’obiettivo geopolitico centrale è mantenere lo status degli Stati Uniti di unica superpotenza mondiale. Non lo sono almeno nell’ultimo decennio, ma ciò non ha impedito agli USA di agire in modo tale da far credere che sia ancora così. Le sfide a tale status unipolare non sono tollerate. Paesi cadono in disgrazia o meno in base alla loro conformità alle pretese statunitensi. Ciò è assai chiaramente dimostrato nel caso dell’Iran. L’esperienza dell’Iran con il concetto di democrazia occidentale si ebbe con il governo quasi-secolare di Mohammad Mossadegh. Nel 1952 Mossadegh nazionalizzò la compagnia petrolifera anglo-statunitense (la BP) in modo che i benefici della sua notevole ricchezza fossero raccolti dal popolo iraniano. Ciò fu intollerabile per statunitensi ed inglesi, quest’ultimi controllavano il petrolio iraniano dal 1913. Un colpo di Stato organizzato da MI6 e CIA rovesciò il governo Mossadeq restaurando il regime brutale della dinastia Pahlavi. La democrazia non fu più presa in considerazione, un punto da ricordare sempre quando si sente la propaganda occidentale su USA e Regno Unito dalla missione di portare la democrazia nel mondo. Nei seguenti 25 anni, l’Iran ebbe un buon rapporto con gli Stati Uniti, conclusosi bruscamente con la rivoluzione islamica del 1979. Da allora l’Iran è oggetto di sanzioni che ne paralizzano importanti settori economici. Fu oggetto di attentati, soprattutto dei Mujahidin e-Khalq (MeK), organizzazione terroristica non considerata tale dagli Stati Uniti. Nel 1980, quando sanzioni e altre misure non piegarono l’Iran agli USA, fu attaccato dall’Iraq e la conseguente guerra di otto anni costò un milione di vite. Gli iracheni furono armati e sostenuti dagli Stati Uniti. Misura dell’incostanza e dell’opportunismo del sostegno statunitense fu che due anni dopo la fine della guerra, l’Iraq venne attaccato dagli Stati Uniti, essendo stato attirato nella disavventura del Quwayt.
Altre continuità appaiono nelle dichiarazioni pubbliche dei funzionari della nuova amministrazione Trump. Il segretario della Difesa James Mattis, il temporaneo consigliere della sicurezza nazionale Michael Flynn e Trump hanno tutti ripetuto la solita accusa statunitense che l’Iran sia “il maggiore sponsor del terrorismo” nel mondo. Mettendo da parte l’ironia di tali dichiarazioni da funzionari dello Stato che ha attaccato più Paesi e ucciso più persone negli ultimi 70 anni di tutte le altre nazioni del mondo messe insieme, è un’accusa che, come ha sottolineato Gareth Porter, fu mossa contro l’Iran dall’amministrazione Clinton. Nel 1995 Clinton impose un ulteriore vasta serie di sanzioni all’Iran. Nel suo discorso sullo Stato dell’Unione nel gennaio 2002, il presidente George Bush nominò l’Iran nell’ambito dell'”asse del male” (insieme a Iraq e Corea democratica). Certe cose non cambiano mai. Anche in questo caso, citando Porter, l’accusa contro l’Iran non aveva basi se non il continuo principio della politica estera statunitense. Nel 2007 l’allora vicepresidente Richard Cheney voleva attaccare l’Iran e ne fu dissuaso solo dal segretario alla Difesa Gates e dal Joint Chiefs of Staff, non per principio, ma per i rischi che avrebbe posto alla presenza militare degli Stati Uniti nella regione. Nell’ultima campagna presidenziale, la candidata democratica Hillary Clinton minacciò di attaccare l’Iran, se eletta, un’azione che avrebbe sicuramente scatenato una grande guerra. La sua belligeranza promise più stretti rapporti degli USA con Israele e Arabia Saudita, di quanto abbia fatto qualsiasi denuncia legittima verso la Repubblica islamica.
A gennaio Trump usò la scusa dei test di missilistici iraniani per imporre ulteriori sanzioni all’Iran. L’ha fatto con la palese falsa affermazione che i test violassero il Piano congiunto d’azione globale (JCPOA) stipulato il 14 luglio 2015. Tale piano fu negoziato su iniziativa della Russia per scongiurare ciò che sembrava un probabile attacco all’Iran per il presunto programma di armi nucleari. La risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza approvò all’unanimità il JCPOA. Trump denunciò l'”accordo” come “stupido” e minacciò d’ignorarlo. E’ improbabile che Trump abbia mai letto la risoluzione di 108 pagine, tanto meno capito le disposizioni dettagliate che non vietano i test missilistici dell’Iran. Anche se l’avesse fatto non avrebbe avuto importanza, perché un’altra continuità della politica estera statunitense è ignorare semplicemente il diritto internazionale quando si capisce che non è nell’interesse della sicurezza nazionale. Nonostante sanzioni e altri ostacoli, l’Iran ha comunque migliorato significativamente vari indicatori sociali dalla rivoluzione del 1979. L’aspettativa di vita è aumentata da 55 anni a 71 anni; i tassi di mortalità infantile sono diminuiti del 70%; il congedo di maternità retribuito supera gli standard dell’OIL; e il 60% degli studenti universitari sono donne libere di studiare qualsiasi materia. Su tutti i principali indicatori sociali, la condizione delle donne supera notevolmente quella di tutti gli altri Paesi della regione. Si può prevedere che questa tendenza continui con grande dispiacere dei peggiori nemici regionali dell’Iran, Israele e Arabia Saudita. Anche se Trump ha imposto unilateralmente ulteriori sanzioni all’Iran, è improbabile abbiano lo stesso impatto dei precedenti tentativi di minare la Repubblica islamica, per un motivo molto significativo. L’Iran ha ora due potentissimi amici, Russia e Cina, che per vari motivi vedono l’Iran componente essenziale del progetto infrastrutturale più grande del mondo, la Fascia e Via cinese (OBOR). Entrambe le nazioni sono anche acutamente consapevoli dei pericoli dell’estremismo islamico ai confini. L’Iran, contrariamente alla propaganda occidentale, è visto in contrappeso alla natura sunnita delle violenze che sconvolgono il Medio Oriente. Uno sguardo alla mappa mostra la posizione strategica dell’Iran. Fulcro logico dei grandi progetti di sviluppo eurasiatico, componente centrale dell’OBOR. Uno dei collegamenti ferroviari ad alta velocità dalla Cina all’Europa transiterà per l’Iran. Un’ulteriore linea ferroviaria ad alta velocità collegherà l’Iran al corridoio economico Cina-Pakistan che termina a Gwadar, sul Golfo Persico. Un altro sviluppo è il Corridoio dei Trasporti Internazionale Nord-Sud (INSTC) di 5600 chilometri, da Mumbai in India via Iran e Azerbaijan fino alla Russia. Prove furono condotte nel 2014. INSTC a sua volta si collega alla componente marittima dell’OBOR e all’accordo di Ashgabat firmato da India, Iran, Kazakhstan, Oman, Turkestan e Uzbekistan nel 2015. L’obiettivo dell’accordo è facilitare gli scambi commerciali tra Asia centrale e Stati del Golfo Persico. OBOR si sviluppa intorno a numerose strutture commerciali e finanziare, uno dei più importanti è la Shanghai Cooperation Organisation (SCO), la cui composizione si estende dalla Cina all’Asia centrale fino alla Russia. L’Iran è un membro associato della SCO e la sua piena adesione è fortemente sostenuta dalla Russia. La Russia è anche l’elemento chiave dell’Unione economica eurasiatica (EEU). L’Armenia, altro aderente dell’UEE ha recentemente dichiarato sostegno all’accordo di libero scambio tra Iran e UEE. Il 21 febbraio 2017, il primo vicepremier russo Igor Shuvalov visitava l’Iran per discutere di un simile accordo di libero scambio. Alcuno di questi sviluppi è gradito a Washington che monta una contro-strategia, l’obiettivo principale è rompere la sempre più forte relazione tra Russia e Cina, usando l’Iran come una pedina nella manovra geopolitica.
I resoconti sugli obiettivi geopolitici degli Stati Uniti sono soprattutto voci dall’amministrazione Trump (molto contraddittorie) sulla normalizzazione delle relazioni con la Russia. Non c’è nulla di sottile o altruistico in tali mosse. Le osservazioni di Trump riflettono probabilmente il consiglio di Henry Kissinger che vede il riavvicinamento degli USA con la Russia come cuneo contro la Cina. Dalla Russia ci si aspetterebbe che sacrifichi i rapporti con l’Iran in cambio di concessioni ai confini europei, in particolare in Ucraina. Il Presidente russo Putin è troppo astuto per cedere a tali lusinghe. Anche se i media occidentali in gran parte l’ignorarono al momento, Putin spiegò la sua idea di un mondo molto diverso nel discorso alla conferenza sulla sicurezza di Monaco del febbraio 2007. Putin indicò la natura “perniciosa” del mondo unipolare. Tale sistema in ultima analisi, si distrugge dall’interno. Putin disse che il “modello unipolare non solo è inaccettabile, ma è anche impossibile nel mondo di oggi“. Il modello “è viziato perché alla base non ci sono, né possono esserci i fondamenti morali della civiltà moderna. Oggi”, disse, “assistiamo all’iperuso incontrollato della forza, della forza militare, nelle relazioni internazionali, forza che spinge il mondo nell’abisso dei conflitti permanenti. Assistiamo”, continuò, “a un maggiore disprezzo dei principi fondamentali del diritto internazionale… Uno Stato, in primo luogo gli Stati Uniti, hanno oltrepassato i propri confini nazionali in ogni modo. Ciò è visibile nelle politiche economiche, culturali ed educative che impone alle altre nazioni. Bene, a chi piace?” Le osservazioni premonitrici di Putin furono ignorate dagli occidentali. Se l’avessero ascoltato, le osservazioni del Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov alla stessa conferenza, dieci anni dopo, nel febbraio 2017, non li avrebbero scioccati. Lavrov chiede un “ordine post-occidentale”, come il governo russo percepisce il futuro. Il discorso di Lavrov ha confermato che la Russia non è interessata a tornare sulla via filo-occidentale perseguita da Boris Eltsin nei disastrosi anni ’90. Dice all’occidente, in effetti, che se pensa di poter usare la Russia per “contenere” la Cina o imporre un cuneo tra questi due grandi poli del nuovo mondo multipolare, allora non ha fatto attenzione. Lo stesso vale per le speranze occidentali di utilizzare le concessioni alla Russia (nella misura in cui ci si può fidare) per imporre un cuneo tra Russia e Iran. Lungi dall’indulgere su ciò che Putin ha descritto come “personali pazzie” sulla Russia che attacca la NATO o altri, la Russia ha priorità più importanti, come aiutare e tutelare gli interessi sovrani degli amici, come l’intervento su richiesta del governo siriano. Un’altra manifestazione di questo nuovo orientamento è lo sviluppo di commercio, comunicazioni e legami nella difesa con l’Iran. Ciò ha incluso l’invio del sistema anti-missile S-300 all’Iran e l’eventuale potenziamento dell’Aeronautica iraniana con caccia Sukhoj Su-35. Un possibile ritorno delle forze russe sulla base aerea di Hamdan in Iran, viene anche discusso. Ancora più importante, come già osservato, la Russia aderisce con la Cina alla vincente strategia del Presidente Xi per lo sviluppo pacifico dell’Eurasia, che trasformerebbe la struttura geopolitica mondiale. Ironia della sorte, il geografo inglese Sir Halford Mackinder per primo espresse questa grande visione, nel 1904, ma sono i cinesi, in collaborazione con i partner della SCO e delle strutture finanziarie alleate, che avverano la visione di Mackinder.
Sarebbe ingenuo pensare che gli statunitensi accettino pacificamente la loro detronizzazione da unica potenza egemone del mondo. Senza dubbio s’impegneranno in ciò che Andrew Korybko descrive “guerre ibridi”, e ci si può aspettare che l’Iran ne sia l’obiettivo primario precisamente per le ragioni che ne fanno componente chiave dell’OBOR e relativi sviluppi. La SCO ha già una contro-strategia con la sua struttura regionale antiterrorismo, una forza di reazione rapida progettata per contrastare le minacce poste dalle strategie della guerra ibrida degli USA come terrorismo, rivoluzioni colorate e guerra economica per il cambio di regime. L’eliminazione progressiva del dollaro come mezzo principale del commercio internazionale, già a buon punto con BRICS, SCO e OBOR, fornirà ulteriori meccanismi di difesa, integrando le strategie militari attuare. Il mondo va creandosi intorno al triangolo Cina-Iran-Russia, offrendo una prospettiva molto diversa dalla guerra perpetua imposta dall’ordine mondiale anglo-statunitense. Il futuro del mondo dipende da questo successo.James O’Neill, legale australiano, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Altre informazioni sulla seconda liberazione di Palmyra

Rappresentanti del Ministero della Difesa russo e dei servizi speciali raccontano l’operazione per la seconda liberazione della città siriana di Palmyra
South Front

L’operazione per la liberazione della città di Palmyra fu avviata a metà gennaio ed attuata in più fasi. Furono necessarie cinque settimane per aprirsi un corridoio per Palmyra. Le truppe siriane si muovevano da una località all’altra lungo l’autostrada M20. I terroristi effettuarono la cosiddetta difesa manovrata utilizzando attivamente gruppi mobili su fuoristrada dotati di mitragliatrici. Perciò fu necessario pensare non solo ad avanzare, ma anche a coprire i fianchi. Secondo il quotidiano Izvestija, citando una fonte vicina al Ministero della Difesa russo, a dicembre non c’erano forze sufficienti per la controffensiva. “La maggior parte delle unità e dei distaccamenti operativi partecipava alle battaglie per Aleppo. Quando i militanti dello Stato Islamico (SIIL) rioccuparono Palmyra avanzando ad ovest, furono fermati con grande difficoltà. La situazione fu salvata dai soldati della 104.ma Brigata della Guardia Repubblicana siriana. Fermarono i terroristi e stabilizzarono la prima linea nella zona. Solo allora, nel corso della liberazione di Aleppo, fu avviato il trasferimento di alcune unità e distaccamenti. Ora liberano Palmyra“, citava il quotidiano. Come notato dalle Izvestija, il ruolo principale dell’offensiva fu svolto dalla 18.ma Divisione corazzata e dal 5.to Corpo, recentemente formato da volontari col supporto attivo della Russia. L’Aeronautica siriana e le Forze Aerospaziali russe supportavano le truppe dal cielo. Il lavoro di squadra degli aerei d’attacco Su-25 Grach e degli elicotteri Ka-52 Alligator, che indirizzavano i velivoli d’attacco, ha dato buoni risultati. Secondo la fonte del giornale, vicino alle azioni delle Forze aerospaziali russe in Siria, gli Alligator utilizzavano attivamente i missili anticarro Vikhr, in grado di colpire bersagli ad una distanza di 10 km. I nuovi robot da combattimento russi Uran sarebbero stati visti vicino Palmyra. Insieme all’offensiva su Palmyra, le truppe siriane liberavano i giacimenti di gas e petroliferi nel deserto. Il giornale osservava che queste strutture sono molto importanti per la Siria, che soffre di carenza di carburante.
Il 23 febbraio, l’Esercito arabo siriano arrivava alla periferia occidentale della città. Dopo di che, alle unità avanzanti fu necessaria una settimana per liberare le alture dominanti e prendere la città avvolgendola, aggirandola da nord. “Nel primo assalto a Palmyra e la conseguente controffensiva dei terroristi, le parti operarono principalmente a sud“, osservava una delle fonti del giornale. “C’erano più strade e più terreni di manovra per le forze mobili. Inoltre, era più conveniente entrare in città da sud e prendere immediatamente il centro di Palmyra. Perciò, la difesa della città da nord di solito si limitava a diversi posti di blocco. Prima della liberazione di Palmyra, la ricognizione operò molto bene. Le posizioni dei terroristi e della loro difesa furono rivelati verso nord“. Il 1° marzo vi fu la svolta. Il Jabal Qayal, che domina Palmyra, fu preso e la lotta per i quartieri settentrionali e occidentali della città iniziò. La sera, i terroristi capirono l’insensatezza di un’ulteriore resistenza e si ritirarono precipitosamente verso est. Attentatori suicidi e cecchini ne coprirono la ritirata. Le rovine e i cigli della strada furono densamente minati. “Come previsto, unità e distaccamenti siriani attaccarono da nord“, dice una delle fonti del giornale. “Compirono brillantemente il compito assegnato, scacciando subito i terroristi dalle loro posizioni e prendendo le strutture designate. Ma era solo metà della battaglia. Ci si aspettava che i terroristi iniziassero immediatamente la controffensiva. È la loro solita tattica, contrattaccare immediatamente e non dare nessuna possibilità di creare le difese. Ma inaspettatamente, il gruppo attuò una serie di piccoli attacchi su Palmyra, e le unità dei terroristi semplicemente fuggirono dalla città“. Il 2 marzo, i terroristi lanciarono l’ultimo serio contrattacco per guadagnare tempo per fuggire. Tuttavia, alla fine della giornata, la maggior parte della città fu liberata. Non solo la forza aerea russa, ma anche i soldati del Comando delle Forze Speciali russi parteciparono attivamente alla battaglia per Palmyra. Il 3 marzo, l’aeroporto alla periferia orientale di Palmyra fu liberato.
Nella seconda liberazione di Palmyra fece il debutto il nuovo distaccamento d’élite siriano denominato Cacciatori del SIIL. Secondo i media, i “cacciatori” sono stati addestrati ed equipaggiati dalle Forze per le Operazioni Speciali russe. Il compito principale della nuova formazione è proteggere Palmyra e i suoi campi gasiferi. Concludendo, la liberazione di Palmyra fu un test della forza del rinnovato Esercito arabo siriano, creato con il sostegno attivo della Russia. I siriani dimostrano di poter combattere contro i più forti gruppi terroristici che, nella lotta per Palmyra, sono fuggiti per la prima volta dall’inizio della guerra.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il bombardiere strategico furtivo russo

TASS SouthfrontIl 1° marzo, fonti del complesso militare-industriale dichiaravano che la Russia ha prodotto un modello in scala del futuro bombardiere strategico pesante d’interdizione (PAK-DA). Secondo TASS, l’aereo è progettato per le Forze aerospaziali russe dal Tupolev Design Bureau. Si prevede che il primo prototipo voli nel 2025-2026. Inizialmente, tuttavia, s’ipotizzò che il primo aereo sarebbe stato consegnato alle Forze aerospaziali russe nel 2023-2024, mentre i primi voli di prova erano previsti per il 2019-2020. Secondo la fonte di Gazeta.ru presso il complesso militare-industriale della Russia, finora una modello in legno in scala reale del PAK-DA, senza ali, è stato costruito. Il disegno della cabina, così come l’integrazione tecnologica, vengono progettati con l’ausilio del modello in scala. Inoltre, vi è un modello in materiali compositi in scala 1:10 che può volare.

Data del primo volo
Nel gennaio 2016, il Comandante in capo delle Forze aerospaziali russe, Colonnello-Generale Viktor Bondarev, riferì che un prototipo di PAK-DA avrebbe volato prima del 2021. “I lavori per il PAK-DA sono attualmente in corso ad una velocità sufficiente. Il nostro compito rimane: far decollare il prototipo entro il 2021. Ma se lo sviluppo procede al ritmo attuale, sarà pronto anche prima” aveva detto. Nell’autunno 2016, il Viceministro della Difesa della Federazione Russa Jurij Borisov riferì che il PAK-DA sarebbe stato presentato già nel 2018, e le sue specifiche avrebbero superato nettamente quelle dei bombardieri strategici esistenti. In seguito si seppe che lo sviluppo del nuovo bombardiere fu ritardato dalla ripresa della produzione in serie del Tu-160 modificato: il Tu-160M2. Secondo gli ultimi rapporti, il primo prototipo del PAK-DA volerà nel 2025-2026.

Non è il ‘Cigno Bianco’
Il PAK-DA non sarà un’evoluzione del Tu-160 (ufficiosamente ‘Cigno Bianco’), ma piuttosto un nuovo aereo. Il Tu-160 avrebbe dovuto essere prodotto separatamente dal PAK-DA, prima ancora che si sapesse che la produzione del Tu-160 sarebbe ripresa con la versione modernizzata Tu-160M2. Si prevede che il PAK-DA impieghi le tecnologie per la massima riduzione radar (‘invisibilità’). Inoltre, sarà fabbricato in materiali radar-assorbente e tutti i sistemi d’arma saranno ospitati all’interno della cellula. Secondo il progetto, il velivolo avrà una velocità di crociera subsonica, rendendolo più silenzioso e meno vulnerabile alla sorveglianza a raggi infrarossi. Inoltre, il PAK-DA sarà equipaggiato con i più recenti strumenti da guerra elettronica, senza equivalenti nel mondo. Secondo l’esperto militare della TASS Viktor Murachovskij, l’aereo sarà un elemento della deterrenza strategica con mezzi convenzionali. Secondo l’industria della difesa, si prevede nel 2025 che il PAK-DA sia un elemento della deterrenza strategica convenzionale, o in altre parole: un sistema d’arma ad alta precisione d’interdizione strategica. Il PAK-DA sarà un elemento prezioso di questa deterrenza. Viktor Murachovskij afferma che opererà secondi le nuove modalità dei velivoli d’interdizione pesante, comprendenti missili da crociera a lungo raggio e con ogni probabilità modalità d’attacco ipersoniche. Secondo gli esperti, ciò richiede lo sviluppo non solo nella progettazione dell’aeromobile, ma anche dell’avionica e della capacità d’attacco di cui sarà dotato. Le aziende militari-industriali hanno il compito di condurre tale lavoro.Risultati dell’Istituto Centrale di Aeroidrodinamica
Secondo le informazioni disponibili, vi sono dieci diverse opzioni per il futuro progetto, ma il primo modello del PAK-DA si baserà sul progetto ad ‘ala volante’. La ricerca alla base di questo progetto è in corso dalla fine degli anni ’80 presso l’Istituto Centrale di Aeroidrodinamica denominato Zhukov (TsAGI). Essenzialmente, il progetto consiste nella riduzione della fusoliera dell’aeromobile nell’ala, all’interno del quale tutti gli apparati e sistemi di bordo, comprese le armi, sono contenuti. L’“ala volante” non avrà stabilizzatori di coda orizzontali, anche se potrebbe avere uno o due gondole. Questo design permette al velivolo di raggiungere specifiche dalla maggiore efficienza aerodinamica, peso inferiore al decollo, miglioramento materiale ed efficienza del consumo di carburante del velivolo. L’esperienza del TsAGI avrà un ruolo. Naturalmente, tutto si basa sull’enorme capacità tecnologica e scientifica accumulata nei decenni. Ma è giunto il momento d’intraprendere nuovi progetti, iniziando con il nuovo bombardiere strategico. Viktor Murachovskij sostiene che il lavoro di produzione inizierà solo dopo il completamento dei risultati della progettazione e la comparsa del prototipo. Nel 2014, in una mostra internazionale, un rappresentante dell’United Engine Corporation annunciò che il motore del PAK-DA si sarebbe basato sull’evoluzione del motore HK-32, derivato dal motore del bombardiere strategico Tu-160. La Radioelectronic Technology Corporation (KRET) già lavora sui sistemi avionici del futuro velivolo. La KRET insieme con Tulopev ha già intrapreso il lavoro di ricerca e sviluppo. Il velivolo sarà dotato di una serie completamente nuova di sistemi da guerra elettronica. Secondo il direttore generale della società, l’aereo utilizzerà nuove e consolidate tecnologie aerospaziali. Alcuni sistemi deriveranno da sistemi aerospaziali collaudati che hanno già dimostrato affidabilità ed efficienza.

Negli Stati Uniti
Il più moderno bombardiere strategico negli Stati Uniti è il B-2 Spirit, basato sempre sul concetto di ‘ala volante’ e dall’insolito aspetto esterno, spesso paragonato a una navicella aliena. Voci circolarono che fosse stato progettato e sviluppato nell’Area 51, da relitti alieni. Il B-2 è l’aereo più costoso dell’United States Air Force. Nel 1998 il prezzo di un B-2 Spirit era di 1,16 miliardi di dollari, e dell’intero programma fu di 45 miliardi di dollari. Allo stesso modo, enormi somme di denaro vengono spese per mantenere il programma B-2. Inoltre, solo hangar speciali dal clima artificiale possono ospitarlo. Ciò per impedire che gli ultravioletti danneggino il rivestimento radar-assorbente del velivolo. L’ultima evoluzione del programma è l’NGB (Next Generation Bomber) B-3. Secondo il programma, entro il 2020, una gara d’appalto sceglierà il futuro bombardiere strategico dell’United States Air Force, e la sua produzione in serie inizierà nel 2035. Si prevede che 80-180 velivoli entrino in servizio. Secondo fonti disponibili, il costo di un singolo aeromobile sarà di 500-550 milioni di dollari. “Non solo non seguiamo gli Stati Uniti, ma seguiamo decisamente la nostra via. Non produciamo il PAK-DA per inseguire le strategie statunitensi, ma per sviluppare le nostre industrie e scienze aeronautiche“. Secondo il commentatore militare della TASS Viktor Litovkin, il nuovo velivolo sarà il culmine di questo progresso nella scienza, tecnologia e operatività militare.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Disavventure statunitensi e vittorie russe

La strategia di Obama con i Fratelli musulmani, il gioco del generale Flynn con la Russia e la debacle di Trump
Gordon M. HahnL’ascesa e caduta del Generale Michael Flynn non dovrebbe sorprendere. Mentre una politica realista di ricerca di accordo con gli interessi russi nella politica estera degli USA ha senso, la portata di tale sistemazione e i metodi utilizzati per realizzarla non devono compromettere la sicurezza nazionale degli USA. Flynn ha dimostrato per diversi anni ambizioni che eccedono la sua comprensione dello stato di diritto e le esigenze di garantire l’interesse nazionale statunitense di grande livello. Il suo approccio arbitrario alla politica burocratica rivaleggia con l’irresponsabilità e la negligenza dell’interesse per la strategia ideologicamente filo-Fratelli musulmani di Obama nella regione MENA. Tale strategia ha contribuito all’inverno arabo, al caos catastrofico e al fallimento generale della politica in Egitto, Libia Siria e Iraq e all’ulteriore deterioramento nelle relazioni USA-Russia. Come osservato nella seconda parte di “La Strategia dei Fratelli musulmani di Obama”, Flynn e altri al vertice di JCS e DIA avevano stabilito, entro e non oltre il 2013, che la politica di Obama di armare i ribelli radicalizzati in Siria diveniva un errore irreversibile. Inoltre, fu dettata soprattutto dalla malsana fissazione del governo degli Stati Uniti su Putin e la Russia come nemici incalliti dell”ordine democratico liberal’ degli Stati Uniti, un termine diverso per liberali, conservatori e libertari statunitensi, che sospinse gran parte delle politiche verso la Russia.

La strategia dei Fratelli musulmani di Obama in Siria
Data l’inclusione di Obama di filo-fratelli musulmani come consulenti della sua amministrazione e il suo entusiasmo per la primavera araba e il dominio della fratellanza in Egitto, non è irrazionale concludere che la simpatia di Obama per la fratellanza ne abbia formato direttamente la politica verso il jihadismo. Anche se la fratellanza è di solito non violenta nell’approccio rivoluzionario rispetto alla maggioranza del movimento rivoluzionario islamico globale, c’è una linea sottile tra i pacifici islamisti e i jihadisti violenti che spesso viene attraversata da individui e talvolta intere organizzazioni. Il coinvolgimento della fratellanza in Siria era probabilmente una, se non la ragione principale del sostegno di Obama alle forze rivoluzionarie anti-Assad in Siria, fornendo un’altra opportunità dopo il fallimento egiziano di dimostrare che l’islamismo moderato o Islam politico può essere moderato e motivato. L’invio illegale di armi in Siria dal porto libico di Bengasi fu opera di gruppi che si sovrapponevano tra fratellanza e al-Qaida, quest’ultima divenuta centro di reclutamento principale dello Stato islamico o SIIL. Ritirando quasi tutte le forze statunitensi dall’Iraq, che semplicemente ‘contenevano’ lo SIIL e la minaccia jihadista globale in Siria e in Iraq, invocando la distruzione dell’unico apparato statale in grado di contenere la minaccia jihadista in Siria, il regime di Assad e il suo esercito, e realizzando una campagna aerea limitata contro lo SIIL in Iraq, l’amministrazione Obama ha lasciato i jihadisti globali nella regione liberi di agire ed avanzare in Iraq e in Siria, permettendogli di prendere Mosul e utilizzarne l’esportazione di petrolio che la ‘campagna aerea’ di Obama si rifiutava d’interdire finché non lo fece la Russia, così finanziando le armate ribelli e gli attentati terroristici, come quelli che recentemente colpirono Russia, Francia, Libano, Belgio, quindi Turchia, e presto Stati Uniti. Dopo aver inviato illegalmente armi ad al-Qaida e SIIL, rafforzando così la peggiore minaccia terroristica della storia da un attore non statale, l’amministrazione Obama permise il finanziamento dello SIIL, omettendo di bombardarne i pozzi di petrolio e i lunghi convogli di autocisterne di petrolio che attraversavano il deserto aperto alla luce del giorno. Anche se nell’ottobre 2014 la vicesegretaria per gli affari europei ed eurasiatici del dipartimento di Stato, Julieta Valls Noyes, sostenne che la vendita di carburante fosse una delle “preoccupazioni principali” degli USA e che gli attacchi aerei contro di essa fosse “una valida opzione”, non fu mai fatto nulla. Secondo la dichiarazione del’ex-direttore della CIA di Obama, Mike Morell, del 24 novembre, l’amministrazione si rifiutò di bombardare i pozzi di petrolio che lo SIIL aveva occupato a causa del possibile danno ambientale. Uno dei motivi rivendicati per non attaccare i convogli era che gli autisti trasportavano petrolio da Mosul, in Iraq, al confine turco per venderlo, (altro sul ruolo del membro della NATO Turchia più avanti) non fossero membri dello SIIL ma civili. Solo dopo l’intervento militare della Russia e i bombardamenti dei convogli di petrolio, insieme alla Francia dopo gli attentati del 13 novembre a Parigi, gli Stati Uniti avviarono le prime sortite contro i convogli di autocisterne dello SIIL, il 17 novembre 2015. Prima del primo degli attacchi degli Stati Uniti contro i convogli, le forze statunitensi lanciarono volantini di avvertimento ai camionisti (ed eventuali mujahidin che li accompagnassero) del raid imminente. Resta oscuro come gli Stati Uniti sapessero che i camionisti non fossero membri dello SIIL e, se questo fosse vero, se li esonerasse e se fosse possibile sconfiggere una rivolta estremista con tali regole giuridiche. Tuttavia, la perfidia della politica filo-fratellanza mussulmana di Obama è andata ben al di là della solita correttezza politica e del dilettantismo della sua amministrazione. Guardando dall’altra parte e anche facilitando il flusso di armi ai ribelli, l’amministrazione Obama flirtò con la violazione delle leggi antiterrorismo degli Stati Uniti. L’amministrazione si ostinava a convogliare armi alla fratellanza e ad altri elementi ‘moderati’, quando era evidente a qualsiasi analista moderatamente informato, che sarebbe stato impossibile controllare il flusso di armi in ambiti e reti oscure che di frequente s’intrecciano con organizzazioni islamiste e jihadiste. Eppure la risposta di Flynn, scansare il presidente condividendo in modo indipendente l’intelligence degli Stati Uniti con la Russia, non era meno irresponsabile e illegale.Il Generale Flynn, la rivolta dell’intelligence e l’intervento della Russia in Siria
Ciò che Flynn e il JCS/DIA fecero, se il resoconto di Hersh è corretto, getta nuova luce sulla decisione di Putin d’intervenire in Siria. Dato che sfidare direttamente la politica di Obama non aveva possibilità di successo, nell’autunno 2013 si decise di agire contro gli estremisti della Siria senza passare dai canali ufficiali. Secondo un articolo investigativo di Seymour Hersh del gennaio 2016, alcuni capi dell’intelligence degli USA, con Flynn che ebbe un ruolo di primo piano, decisero di opporsi alla politica siriana di Obama nell’estate 2013. Questa resistenza emerse dopo più di un anno da quando CIA, Regno Unito, Arabia Saudita e Qatar iniziarono ad inviare armi e merci dalla Libia attraverso la Turchia e il mare in Siria, per raggiungere l’obiettivo dell’amministrazione Obama di rovesciare Bashar Assad e installarvi l’ala islamista dominata dalla Fratellanza musulmana dell’opposizione siriana. Un rapporto congiunto JCS-DIA (Defense Intelligence Agency) “altamente classificato e proveniente da ogni fonte dell’intelligence” prevedeva che la caduta del regime di Assad avrebbe portato il caos e molto probabilmente all’occupazione della Siria da parte dei jihadisti, come accaduto in gran parte della Libia. La fonte di Hersh, un ex-alto consigliere del JCS, dice che il rapporto “diede un pessima opinione dell’insistenza dell’amministrazione Obama nel continuare a finanziare e armare i cosiddetti gruppi ribelli moderati“. La valutazione designava la Turchia “grande ostacolo” alla politica, essendo Ankara stata “cooptata” nel “programma segreto degli Stati Uniti per armare e sostenere i ribelli moderati che combattono Assad“, e che “era divenuta la retrovia del programma per dare mezzi, armi e logistica a tutta l’opposizione, compresi Jabhat al-Nusra e Stato islamico“. I moderati “evaporarono” e l’Esercito libero siriano fu “un gruppetto di stanza in una base aerea in Turchia“. Concludeva il rapporto, secondo Hersh e la sua fonte, che “non vi era opposizione ‘moderata’ ad Assad, e gli Stati Uniti armavano gli estremisti“.
Poi il direttore della DIA (2012-14) Tenente-Generale Michael Flynn confermò che la sua agenzia aveva sempre inviato avvertimenti alla “leadership civile” sulle “conseguenze disastrose nel rovesciare Assad” e “sull’opposizione controllata dai jihadisti”. La Turchia non era decisa ad arginare il flusso di combattenti stranieri e armi dai suoi confini e “guardava dall’altra parte quando avanzò lo Stato Islamico in Siria“, dice Flynn. “Se il pubblico statunitense vedesse l’intelligence che producevamo ogni giorno, al minimo s’infurierebbe“, disse Flynn ad Hersh. Ma l’analisi della DIA dice che “ricevette un netto rifiuto” dall’amministrazione Obama: “Capivo che non volevano sentire la verità“. L’ex-consigliere del JCS di Hersh era d’accordo, dicendo: “La nostra politica per armare l’opposizione ad Assad era un fallimento e in realtà ebbe un impatto negativo”. “I Joint Chiefs credevano che Assad non andava sostituito da fondamentalisti. La politica della amministrazione era contraddittoria. Volevano cacciare Assad, ma l’opposizione era dominata da estremisti. Allora, chi lo doveva sostituire? Dire Assad deve andarsene va bene, ma se dopo nessuno era meglio. E “nessun altro è meglio” fu la questione che il JCS pose alla politica di Obama“.
Nel settembre 2015 più di 50 analisti dell’intelligence presentarono al Comando Centrale delle forze armate degli Stati Uniti una denuncia formale sulle loro relazioni riguardo lo SIIL e il ramo di al-QaidaJabhat al-Nusrah‘, alcune delle quali, relazionate al Presidente, venivano modificate impropriamente dai vertici del Pentagono. In alcuni casi, “elementi chiave dei rapporti d’intelligence furono rimossi” per alterarne il senso. La denuncia degli analisti del CENTCOM fu inviata a luglio al dipartimento della Difesa, scatenando un’indagine dell’ispettore generale del dipartimento della Difesa. Questa fu probabilmente la risposta alle richieste esplicite, o almeno la segnalazione implicita dai funzionari della Casa Bianca su cosa fosse o meno politicamente corretto secondo il presidente. Così, la denuncia degli analisti sulle relazioni modificate per rappresentare i gruppi jihadisti più deboli di quanto gli analisti valutavano, fu un tentativo degli ufficiali del CENTCOM di adeguarsi alla linea dell’amministrazione Obama, secondo cui gli Stati Uniti vincevano la battaglia contro SIIL e Jabhat al-Nusra. Ciò in correlazione alle motivazioni dell’insabbiamento del caso di Bengasi, nonché degli attacchi terroristici avvenuti al culmine della campagna presidenziale del 2012, quando il presidente impose la parola d’ordine di aver distrutto al-Qaida. Forse in risposta alle crescenti tensioni, il presidente Obama scaricò le agenzie d’intelligence nel settembre 2014, pochi giorni dopo aver autorizzato gli Stati Uniti a bombardare la Siria. Affermò che furono i servizi segreti che “sottovalutarono ciò che avveniva in Siria“, un eufemismo per l’avanzata dello SIIL. Lo fece ad agosto e di nuovo a settembre. A sua volta, la Camera dei Rappresentanti controllata dai repubblicani avviò un’indagine e delle udienze sui rapporti dell’intelligence. Flynn, ormai ex-capo della DIA di Obama, sollecitò affinché l’indagine iniziasse “dall’alto”. Inoltre, secondo Hersh, altri funzionari dell’intelligence degli USA, oltre a Flynn, forse fornirono intelligence a Germania, Israele e Russia, sapendo che sarebbe stata trasmessa all’Esercito arabo siriano, con cui i militari dei tre Stati erano in contatto e avevano una certa influenza, per usarla contro Jabhat al-Nusra e Stato islamico.
Un suggerimento che la storia di Hersh sia accurata verrebbe dall’apparizione del Tenente-Generale Flynn a Mosca, alla celebrazione dell’organo principale in lingua inglese delle comunicazioni strategiche del Cremlino Russia Today. Nel dicembre 2015, Flynn partecipò ai festeggiamenti di RT seduto al tavolo a fianco del Presidente Putin, e diede un’intervista a RT. Chiaramente, le azioni di Flynn furono guidate principalmente dalla ragionevole convinzione che i russi fossero importanti per la costruzione di un’alleanza anti-jihadista. Prima di partire per Mosca, firmò un contratto per un libro di prossima pubblicazione, Il campo di battaglia: come possiamo vincere la guerra contro l’Islam radicale globale e i suoi alleati. Nell’annunciare il libro, Flynn disse, “Sto scrivendo questo libro per due motivi: in primo luogo, per dimostrare che la guerra è condotta contro di noi dai nemici che questa amministrazione proibisce di descrivere: gli islamisti. In secondo luogo, tracciare una strategia vincente che non faccia passivamente affidamento a tecnologia e droni per operare. Potremmo perdere questa guerra; infatti, oggi stiamo perdendo. Il campo di battaglia indicherà il mio punto di vista su come vincere“.
Con l’aiuto di Flynn, Putin probabilmente comprese che “l’amministrazione Obama sapeva che Turchia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti versavano centinaia di milioni di dollari e migliaia di tonnellate di armi a tutti coloro che lottavano contro Assad, tra cui Jabhat al-Nusra, al-Qaida, AQI/SIIL e altri jihadisti estremisti provenienti da altre parti del mondo“. L’amministrazione Obama controllava lo spazio aereo dell’Iraq e di parte della Siria e i suoi caccia, bombardieri, droni e altri mezzi di sorveglianza osservavano, ma non interrompevano il flusso di denaro turco per il petrolio dello SIIL. Inoltre, l’amministrazione Obama contribuì o inviò direttamente armi dalla Libia alla Siria e all’opposizione, sapendo dalle proprie agenzie d’intelligence che l’opposizione siriana era dominata sempre da Jabhat al-Nusra, al-Qaida, SIIL e altri gruppi radicali. Allo stesso tempo, cercò di nascondere tale attività illegale mentendo al popolo statunitense e al mondo, nascondendo intelligence e fatti sulla forza del movimento globale jihadista e di gruppi come lo SIIL, con l’effetto di permetterne l’irresponsabile e fallimentare politica. Così, l’amministrazione Obama estirpò l’intelligence che non concordava con la sua immagine preferita del jihadismo e della guerra contro lo SIIL, e allo stesso tempo accusò i servizi segreti di non riuscire a scoprire ciò che negava di esistere, la crescente minaccia del movimento jihadista globale e dello SIIL. Quale fu la risposta della Russia a tutto questo?
Questa falsificazione dell’intelligence e dei fatti, e la possibilità che i servizi segreti stranieri, come SVR o GRU della Russia, sapessero del traffico illegale di armi di Washington con i jihadisti, per rovesciare il regime di Bashar al-Assad, fu disastrosa per la percezione all’estero degli Stati Uniti sia per affidabilità quale partner e garante della sicurezza internazionale che per la sua tesi di essere il faro della democrazia nel mondo. Putin sicuramente fu informato sulle altre rivelazioni, ed accusò l’amministrazione Obama prima e dopo le stesse accuse sui media statunitensi. L’immagine che lui e molti altri trassero dai rapporti e altre prove era che l’amministrazione Obama non poteva o non voleva assumersi la guida della lotta al jihadismo; almeno se non spronata. Ciò spiega la decisione di Putin d’intervenire in Siria e della Turchia di abbattere l’aviogetto da combattimento russo nel 2016. Putin poté proteggere non solo la Russia dall’imminente ritorno dei jihadisti di SIIL e al-Qaida nel Caucaso settentrionale dall’Iraq e dalla Siria, ma riaffermare gli interessi russi nella regione, denunciando la doppiezza della politica in Siria degli Stati Uniti, quindi salvando il regime di Assad vicino alla Russia. I turchi abbatterono l’aviogetto russo che combattendo i jihadisti aveva solo brevemente violato lo spazio aereo, per via della ricognizione russa che raccolse i dati sul traffico di petrolio del membro della NATO Turchia con lo SIIL. L’area a nord di Lataqia dove l’aereo fu abbattuto non era solo il luogo in cui si trovavano i mujahidin dal Caucaso settentrionale; ma anche il luogo dove si svolgeva il traffico di petrolio Turchia-SIIL. Così, il Ministro degli Esteri della Russia Sergej Lavrov e lo Stato Maggiore Generale russo decisero che l’azione turca fosse una provocazione pianificata. La Russia alla fine avrebbe portato la Turchia al suo fianco nelle guerre concorrenti russa e statunitense contro lo SIIL. Ankara ora coordina le operazioni militari con Mosca e si è unita con Mosca e Teheran nel mediare la guerra civile siriana.
Così, l’amministrazione Obama e le politiche e azioni irresponsabili del Generale Flynn hanno portato alla vittoria di Putin e alla sconfitta degli interessi degli Stati Uniti nella regione MENA e nel mondo, nella reputazione di alleato affidabile capace di attuare una politica di sicurezza ben coordinata.La debacle di Trump
Il comportamento di Flynn prima ancora di essere nominato consigliere per la sicurezza nazionale da Trump, facendo trapelare segreti statunitensi alla Russia su politica e operazioni in Siria e cenando con Putin all’anniversario di RT, dovevano essere noti a Trump. Ora si scopre che Flynn aveva anche conversato prima della nomina con funzionari russi, forse da solo e apparentemente mettendo in moto la nuova politica degli Stati Uniti verso la Russia prima che la nuova amministrazione avesse il tempo di revisionarla e di sviluppare il proprio approccio. Trump non poteva apparire disposto a permettere a Flynn di decidere, visto che avrebbe dovuto sapere dei flirt incauti con Mosca. Trump decise di dimettere Flynn e di apparire mentre adotta la linea dura nei confronti della Russia, almeno temporaneamente. Le azioni di Flynn hanno danneggiato le prospettive di un riavvicinamento USA-Russia. Trump fu costretto a rilasciare una dichiarazione dura che intimava alla Russia di cedere la Crimea all’Ucraina. Può benissimo essere che la dichiarazione di Trump fosse destinata a coprire o compensare lo scandalo che denunciava il Generale Flynn seguire un’agenda filo-russo. Se così, tuttavia, qualsiasi legame statunitense tra la pretesa cessione della Crimea all’Ucraina e il miglioramento delle relazioni russe con Washington, limiterebbe davvero la possibilità di qualsiasi riavvicinamento. Non è realistico aspettarsi che il Presidente russo Vladimir Putin o quasi qualsiasi altro presidente russo immagini di restare al potere a Mosca cedendo la Crimea all’Ucraina. Ci sono diverse ragioni. In primo luogo, non sarebbe nella natura del comportamento politico russo fare marcia indietro o invertire in quel modo. In secondo luogo, il Cremlino e la maggioranza dei russi vedono la riunificazione della Crimea con la Russia non solo secondo motivi legali, ma certamente secondo motivi storici, in particolare la lunga storia della penisola come territorio russo conquistato e difeso a costo di molto sangue, il modo ingiusto con cui il territorio fu dato all’Ucraina dal regime sovietico, e il modo disonesto con cui le politiche occidentali hanno cercato di strappare l’Ucraina e quindi la Crimea dall’orbita russa, avallando e sostenendo chi ha preso il potere a Kiev, per cui l’acquisizione russa della Crimea è stata una risposta. In terzo luogo, la Crimea è di grande importanza geostrategica per Russia ospitando la sua Flotta del Mar Nero. In quarto luogo, la Crimea è principalmente di etnia russa e la popolazione preferisce far parte della Russia e sarebbe minacciata da Kiev, in particolare data la natura anti-russa del regime galiziano di Kiev, che include molti neofascisti antirussi. Quindi, non sorprenderebbe se Trump, da uomo d’affari che si vanta di fare accordi, proponga un compromesso in cui la Russia compensa l’Ucraina per la perdita della Crimea e del valore di qualsiasi interesse commerciale presente, in termini di entrate fiscali, in sostanza ripagandola della penisola.
Più in generale, l’intera disavventura Obama-Flynn-Trump suggerisce che gli USA hanno abbandonato la loro tradizionale cultura politica radicata nella costituzionalità e nello stato di diritto, rivelandosi sempre più difficile avere una politica estera efficace. In effetti, un punto sorprendentemente trascurato nella polemica è che i servizi d’intelligence degli Stati Uniti ascoltano le telefonate e forse altre comunicazioni non solo dei funzionari russi, ma anche dei collaboratori di Trump e dei suoi agenti elettorali.
Così, l’eredità dell’arbitrarietà dell’esecutivo di Obama al servizio di una visione ideologica di sinistra, seguita dalla presidenza Trump e dall’altrettanto peculiare, anche se meno ideologico, populismo personalistico, potrebbero portare gli Stati Uniti a un approccio ancora più arbitrario in politica interna ed estera. La frattura tra il presidente e l’intelligence degli Stati Uniti è ormai quasi pari a una purga. Tutto ciò complicherà la politica estera e la sua attuazione e potrebbe rendere il ricorso alla guerra più probabile, anche se solo come ultima risorsa, per evitare l’impeachment.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora