Nel 1942, il Giappone ordinò due gigantesche corazzate

Ma non furono mai costruite. Perché?
Robert Farley National InterestNel gennaio 1936 il Giappone annunciò l’intenzione di ritirarsi dal Trattato Navale di Londra, accusando Stati Uniti e Regno Unito di negoziare in malafede. I giapponesi volevano l’uguaglianza formale sui limiti delle costruzioni navali, qualcosa che le potenze occidentali non avrebbero concesso. Sulla scia di questo ritiro, gli ingegneri navali giapponesi si gettarono nella progettazione di nuove navi. La prima classe che apparve fu la Yamato, con cannoni da 460mm, le più grandi navi da guerra mai costruite. Tuttavia, le Yamato non posero fine alle ambizioni giapponesi. La Marina Imperiale Giapponese (IJN) previde la costruzione di un’altra classe di ancor più grandi navi da battaglia e aveva dei piani per navi ancora più grandi successive a questa classe. La guerra l’impedì, ma se il Giappone avesse attuato i suoi piani avrebbe dispiegato nel Pacifico navi da battaglia mostruose, più grandi delle superportaerei.

Super-Yamato
La classe A-150 avrebbe sostituito le Yamato, seguendone l’esperienza producendo navi da battaglia più formidabili e flessibili. Insieme alle Yamato, queste navi avrebbero dato all’IJN una linea da battaglia imbattibile a protezione del proprio patrimonio nel Pacifico, insieme ai nuovi territori acquisiti nel Sud-Est asiatico e in Cina. Le A-150 avrebbero teoricamente avuto sei cannoni da 510mm in tre torrette binate, anche se si fossero avuti problemi nella costruzione dei cannoni, avrebbero avuto lo stesso armamento principale delle Yamato. I cannoni da 510mm avrebbero causato danni a qualsiasi nave da battaglia statunitense o inglese esistente (o pianificata), ma avrebbero anche causato notevoli danni alle parti più delicate della nave. Le A-150 avrebbero avuto corazzature più pesanti delle cugine più piccole, più che sufficienti a proteggerle dalle armi più pesanti degli arsenali statunitensi o inglesi. L’armamento secondario avrebbe compreso un numero considerevole di cannoni a doppio impiego da 100mm, un calibro relativamente piccolo che suggeriva che le A-150 si sarebbero affidate a navi di scorta per proteggersi da incrociatori e cacciatorpediniere nemici. I compromessi nella progettazione limitarono l’efficienza delle Yamato riducendone velocità e autonomia; non riuscivano a stare al passo con le portaerei più veloci dell’IJN e consumavano troppo carburante per l’economia d’impiego nelle operazioni come a Guadalcanal. Le A-150 sarebbero state più veloci (trenta nodi) delle Yamato, con un’autonomia maggiore, più adatta alle missioni a lungo raggio nel Pacifico. La costruzione delle Yamato sfidò la capacità delle industrie siderurgiche e cantieristiche giapponesi, e le A-150 le avrebbero stressate ancor di più. Per esempio, produrre la piastra della corazzatura necessaria per proteggere una corazzata da cannoni da 510mm semplicemente andava oltre la capacità industriale del Giappone e avrebbe richiesto gravi compromessi. Inoltre, l’IJN avrebbe circondato le A150 di unità di scorta. Mentre l’USN s’impegnò nella costruzione di un enorme numero di incrociatori pesanti e leggeri, e di portaerei, oltre alla linea di corazzate, il Giappone completò solo una manciata di queste navi durante la guerra. Non si sa molto dei successori della classe A-150, che sarebbero state più grandi, veloci ed armate. Potenzialmente avrebbero dislocato centomila tonnellate e sarebbero state armate con 8 cannoni da 510mm in quattro torrette binate; anche la sola idea di tali navi avrebbe richiesto una seria revisione della realtà economica dell’Asia orientale. In ogni caso, i cambiamenti nella tecnologia navale resero obsoleta la corazzata e ciò sarebbe stato evidente prima che uno di questi mostri potesse entrare in servizio.

Follia strategica ed economica
Il Giappone ordinò due corazzate A-150 nel programma di costruzione del 1942. La prima avrebbe sostituito la HIJMS Shinano nel cantiere, e la seconda la quarta gemella mai denominata della classe Yamato. Tuttavia, le richieste in guerra per navi più piccole (eventualmente portaerei) richiesero che alcuna di tali navi venisse mai impostata. La guerra espose solo la realtà economica; non le avrebbe permesse. Il Giappone aveva la capacità industriale per costruire le prime Yamato, oltre alle navi di supporto che la flotta richiese. Questo era il piccolo segreto del sistema del trattato navale di Washington; il Regno Unito poteva superare le costruzioni giapponesi con un ampio margine e gli Stati Uniti potevano superare entrambe, se avessero voluto. Il sistema dei trattati impedì la corsa agli armamenti che il Giappone non poteva vincere, sia nel 1921 che nel 1937. Il PIL giapponese all’inizio della Seconda guerra mondiale era poco più della metà di quello della Gran Bretagna e meno di un quarto di quello degli Stati Uniti. Il successo navale del Giappone all’inizio della guerra del Pacifico fu dovuto ai trattati, nonostante questi. L’IJN li usò molto bene, ma in qualsiasi ampia competizione navale contro Stati Uniti, Regno Unito o loro combinazione, non poteva essere vinta. Dopo aver scoperto l’esistenza di queste navi, gli Stati Uniti avrebbero costruito navi da battaglia ancora più grandi, così come altri mezzi per affondarle. Infatti, nel 1952 gli Stati Uniti impostarono l’USS Forrestal, la prima della classe di quattro portaerei sostanzialmente più grandi delle corazzate classe A-150.

Conclusione
Se la guerra non ci fosse stata, il Giappone sarebbe fallito per la spesa su queste navi colossali. Il Giappone non aveva la capacità industriale per competere con gli Stati Uniti; anzi, anche se fosse riuscito ad occupare e mantenere una larga fascia dell’Asia orientale, non avrebbe raggiunto la produzione industriale statunitense per decenni. Gli Stati Uniti avrebbero risposto alle costruzioni giapponesi con navi ancora più grandi ed efficaci e, naturalmente, con sottomarini, aerei e missili. Le navi da guerra sono il riflesso (imperfetto) delle realtà economiche. Tempistica, tecnologia e grande strategia, in una cruda concorrenza su tecnologie mature, la forza economica superiore finirebbe per prevalere. L’economia giapponese poteva competere con quella del Regno Unito e persino degli Stati Uniti, ma ciò solo in un contesto commerciale aperto con accesso ai mercati europei e americani. Nessuna nave da battaglia avrebbe avuto armi sufficienti per ottenere tale risultato.Robert Farley, autore di The Battleship Book. Senior Lecturer presso la Patterson School of Diplomacy and International Commerce dell’Università del Kentucky. Le sue opere riguardano dottrina militare, sicurezza nazionale e affari marittimi. Ha blog su Avvocati, armi e denaro, Diffusione delle informazioni e The Diplomat.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Giappone: Shinzo Abe segna una grande vittoria elettorale

Andrej Akulov, SCF, 26.10.2017Dalla seconda guerra mondiale, il Giappone è noto come Paese orientato al pacifismo, che ha negato la guerra come strumento della politica nazionale. Ciò potrebbe cambiare presto. Il 22 ottobre il Primo ministro giapponese Shinzo Abe segnava una vittoria importante nelle elezioni nazionali. Il suo Partito Democratico Liberale e il Partito Komeito, piccolo partito di coalizione, si sono assicurati almeno 312 seggi nella camera bassa da 465 seggi, superando i 310 seggi della maggioranza dei due terzi. L’esito delle elezioni ne continuerà le politiche perseguite dall’incarico nel 2012; linea dura sulla Corea democratica e stretti legami con Washington, specialmente sulla cooperazione nella Difesa. La vittoria aumenta anche le possibilità del primo ministro di vincere il prossimo turno, a settembre, come leader del Partito Liberale Democratico. Questo potrebbe estenderne la premiership al 2021. Adesso Abe è in procinto di diventare il più longevo primo ministro del Giappone dalla Seconda guerra mondiale. Il successo elettorale dà anche al premier più tempo per l’attuazione dei piani per rivedere la costituzione pacifista del Giappone, prerequisito per aumentare capacità ed opzioni militari del Giappone. “Questa è stata la prima elezione in cui abbiamo fatto della trasformazione costituzionale il pilastro della nostra piattaforma politica”, aveva detto il 23 ottobre. La costituzione rinuncia all’uso della forza nei conflitti internazionali, proibendo atti di belligeranza. Mentre l’articolo 9 vieta tecnicamente il mantenimento di forze armate permanenti, è stato interpretato dai successivi governi giapponesi per permettere le forze di autodifesa, come sono note le forze armate, per scopi esclusivamente difensivi. I cambiamenti storici del 2015 consentono una limitata autodifesa collettiva e di aiutare un alleato attaccato. Qualsiasi cambiamento nella costituzione del Giappone, che non è mai stata modificata, richiede l’approvazione innanzitutto di due terzi del parlamento e poi un referendum pubblico. La coalizione di Abe e del partner ha tale maggioranza. Con la “supermaggioranza” in entrambe le camere, il premier ha mano libera legislativa. La modifica costituzionale sarà ancora una dura battaglia, dato che l’opinione pubblica si oppone all’emendamento. Attualmente, la spesa militare del Giappone ammonta a circa l’1% del PIL. La più alta dal 1945. Alcuni legislatori spingono per aumentarla di un 20%, soprattutto alla luce delle preoccupazioni sull’impegno statunitense nella regione. Uno degli obiettivi della sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Trump è spingere gli alleati a contribuire maggiormente alla propria difesa. Trump deve visitare il Giappone all’inizio di novembre. Circa 50000 truppe statunitensi sono sul suolo giapponese, tra cui la Settima Flotta, un considerevole contingente dei Marines e il più grande stormo dell’US Air Force. Ogni anno il Giappone spende 2 miliardi di dollari per ospitarli. In futuro, probabilmente sarà possibile introdurre nuove capacità difensive coi sistemi Aegis Ashore o Terminal High Altitude Area, dato che il LDP ha sostenuto ulteriori spese per la difesa a tali scopi.
La coalizione di governo discute la necessità che il Giappone schieri missili superficie-superficie per migliorare la deterrenza nei confronti della Corea democratica, compresa la capacità di neutralizzare i missili balistici nordcoreani sui siti di lancio. Il Giappone ha finora evitato di prendere il controverso e costoso passo di acquisire bombardieri o missili da crociera dal raggio abbastanza ampio da colpire altri Paesi, affidandosi invece agli Stati Uniti per combattere i nemici. Ma la crescente minaccia posta dalla Corea democratica aggiunge peso all’argomento secondo cui il Giappone ha bisogno di una propria capacità di attacco. Sembra che Tokyo cerchi di procurarsi missili da crociera Tomahawk dagli Stati Uniti. I missili sarebbero utilizzati per attaccare lanciamissili e strutture di lancio nordcoreani. I Tomahawk sarebbero probabilmente dispiegati a bordo dei cacciatorpediniere equipaggiati col sistema di lancio verticale Aegis e Mark 41. Significherebbe che il Giappone potrebbe attaccare bersagli situati sul gran parte della massa terrestre. Il Giappone analizza molto attentamente l’acquisto degli Aegis Ashore con capacità di difesa missilistica fissa a terra. Aegis Ashore utilizza lo stesso sistema di lancio verticale Mark 41 (VLS) dei cacciatorpediniere dell’US Navy usati per sparare i BGM-109 Tomahawk. Proprio come i cacciatorpediniere e gli incrociatori statunitensi, che utilizzano il sistema di combattimento Aegis e il suo sistema di Mark 41 VLS, il Giappone potrebbe integrare i Tomahawk nelle proprie strutture Aegis Ashore. Ciò dimostra che la preoccupazione della Russia sulla capacità dei Mk-41 di lanciare missili da crociera in Europa, violando il trattato INF, è giustificata. Se i VLS possono farlo in Giappone, potranno farlo in Romania e Polonia. Dopo l’attacco missilistico, i 42 F-35A Joint Strike Fighters del Giappone potrebbero attaccare per degradare la rete radar e le difese aeree della Corea democratica. Il Giappone potrebbe anche acquistare missili ad alta precisione, come il Joint Air-to-Surface Standoff Missile (JASSM) della Lockheed Martin Corp o il Missile Joint Strike a corto raggio. Il Giappone attualmente prevede di acquistare 3 droni a lunga autonomia RQ-4 dagli Stati Uniti. Ciò consentirebbe all’aviazione delle forze di autodifesa giapponesi di effettuare simultaneamente operazioni di ricerca, tracciamento e valutazione dei danni su tutta la Corea democratica e altrove.
La vittoria elettorale non significa che l’aumento della potenza militare abbia il sostegno pubblico. In questo momento l’opposizione è debole, avendo la maggiore forza d’opposizione, il Partito Democratico, nel caos. L’affluenza del voto è stata del 53,68 per cento, la seconda più bassa dal dopoguerra. La Corea democratica è un pretesto per i piani militari, che altrimenti avrebbero poche possibilità di passare. La posizione dura sulla Corea democratica non è l’unico elemento della politica estera del premier. Gli elettori hanno evidentemente sostenuto la sua politica di confronto con la Cina. La politica sulla Russia è ampiamente sostenuta. Dall’incarico, il premier ha attuato la politica del ravvicinamento con la Russia. Durante la visita ufficiale a Mosca nell’aprile 2013, Russia e Giappone stipularono la dichiarazione congiunta per avviare la cooperazione multilaterale, tra cui la riunione regolare dei ministri degli Esteri e della Difesa per consultazioni nel formato “2+2”. Russia e Giappone si sono riuniti regolarmente. Al vertice di Sochi, nel maggio 2016, Abe annunciò il “nuovo approccio” verso la Russia. Nel settembre 2017, riunitisi al Forum Economico Orientale, i leader discussero la questione delle isole Kurili. Il Presidente Putin incontrerà Shinzo Abe al Vertice Asia-Pacifico (APEC) in Vietnam, nel novembre 2017. Un ulteriore miglioramento delle relazioni Russia-Giappone è cruciale per la politica estera di Shinzo Abe che ha il sostegno degli elettori, rafforzando la posizione del premier prima delle elezioni vinte in modo così spettacolare.Il Giappone indice elezioni parlamentari straordinarie
Vladimir Terehov, New Eastern Outlook 27.10.2017

Come previsto, le elezioni straordinarie alla Camera bassa del Parlamento, tenutesi in Giappone il 22 ottobre, sono culminate nella vittoria del Partito Democratico Liberale. Dal 23 ottobre, sul totale di 465 seggi parlamentari, il destino di due non è ancora chiaro. Tuttavia, non importa dato il risultato delle elezioni, ossia il LDP che insieme al suo “partner minore” Komeito, ottiene la maggioranza qualificata nella camera bassa del Parlamento giapponese. A sua volta, basandosi sui dati della distribuzione dei seggi nel nuovo parlamento, il Primo ministro Shinzo Abe (che aveva avviato le elezioni straordinarie) ha ragione di parlare della forte fiducia che il popolo giapponese gli ha espresso, sia personalmente che sulla politica estera e interna perseguita dal suo governo. Conseguenza importante del risultato delle elezioni è il forte calo del peso degli scandali che si sono moltiplicati intorno al Gabinetto dei Ministri guidato da Abe, e degli attacchi correlati dell’opposizione. Durante una conferenza stampa sui piani immediati, svoltasi il giorno dopo le elezioni, Abe chiariva che non ha intenzione di “perdere tempo” nell’attuale sessione straordinaria del parlamento per esaminare la sostanza delle accuse rivoltegli dall’opposizione, ma che invece la questione sarà rinviata alla prossima sessione regolare, che avrà inizio il prossimo gennaio. Nei prossimi mesi non vuole “perdere troppo tempo” scontrandosi coi parlamentari dell’opposizione.
Con alcuni importanti dubbi, il Primo Ministro riceve carta bianca nell’attuazione di determinate misure in economia, sicurezza e cambiamenti costituzionali. Tuttavia, giudicando dal discorso post-elettorale, Abe non intende escludere la discussione sui cambiamenti costituzionali con l’opposizione, nonostante l’esistenza della maggioranza necessaria al parlamento. Le dimensioni del successo del primo ministro e del LDP che guida, superano le previsioni più ottimistiche degli esperti alla vigilia delle elezioni. Questo successo è particolarmente significativo nel contesto della partecipazione alle elezioni dei 18enni, ammessi per la prima volta al voto elettorale. L’attuale premier è particolarmente popolare tra i giovani. Tuttavia, alcuni esperti concordano sul fatto che la vittoria del LDP sia associata alle peculiarità del sistema elettorale e generalmente mettono in dubbio l’interpretazione dei risultati delle elezioni passate come espressione di sostegno incondizionato della popolazione alla coalizione al governo. La sconfitta dell’opposizione è dovuta al caos completo in cui si trovava alla vigilia delle elezioni. Il partito della Speranza, particolarmente ottimista, formato un mese prima delle elezioni dalla governatrice di Tokyo Yuriko Koike, ha ottenuto solo 50 seggi classificandosi al terzo posto tra i partiti parlamentari. In retrospettiva, si potrebbe sostenere che questo fosse prevedibile tenendo conto della “natura secondaria” del programma del partito della Speranza rispetto al LDP. Per esempio, Yuriko Koike ha cercato di lanciare il termine “giurisprudenza” nell’arena dei meme politici. Ma tale meme però si riferisce direttamente all’originale “abenomics”, la cui apparizione nel 2013 (dopo il ritorno del LDP al potere alla fine del 2012) non era altro che una sintesi giornalistica del nuovo corso economico proclamato da Abe. Contro lei personalmente e il partito che guida, vi è stato anche il rifiuto di Yuriko Koike di lasciare il posto di governatrice di Tokyo per concentrarsi completamente sulle elezioni, alla cui vigilia si recò (citando qualche scusa dignitosa) a Parigi. A giudicare dai risultati delle elezioni, l’elettore valutò negativamente le sue “previsioni”. Yuriko Koike, “stella” ascesa all’improvviso l’anno scorso (nelle elezioni parlamentari locali e a governatore di Tokyo), dopo solo un anno si ferma. Lo dimostra la sua “delusione” per i risultati del proprio partito nelle elezioni nazionali. Ancora meno ottimista è il destino dell’altro aspirante politico Seiji Maehara. Asceso assai giovane agli inizi del Partito Democratico all’opposizione, il 1° settembre ne diventava il leader, avendo così l’occasione unica per affermarsi al vertice politico del Paese. Tuttavia, già a fine settembre, apparentemente influenzato (ancora esistente al momento) dal “fenomeno Yuriko Koike”, invitò i membri del DP a votare il partito della Speranza nelle imminenti elezioni. Tuttavia, Koike, situata politicamente ancora più a destra di Abe, è accetta solo all’ala destra del Partito Democratico. Di conseguenza, il partito di opposizione principale s’è diviso, ed era improbabile che il nuovo leader potesse salvarsi da tale naufragio. Tuttavia, da una situazione così cattiva può nascere una fenice. Questa è il caso del frammentato centro-sinistra dell’ex-DP, denominato Partito Democratico Costituzionale, che ha ottenuto il secondo posto alle elezioni con 55 seggi. Un altro risultato significativo di queste ultime elezioni. Il centro di gravità dell’opposizione sarà ora il CDP e il suo leader, il 53enne Yukio Edano (che ha avuto diversi posti ministeriali nel governo di centro del 2010-2012), diventerà la nuova “stella in ascesa” che rimarrebbe nel cielo politico giapponese molto più a lungo dell’altra “stella”, Yuriko Koike. Tutto sarà deciso dalle prospettiva del “vento di destra” dominante nella politica estera giapponese. La sua forza e durata sono significativamente (e oggi, forse semplicemente decisamente) dipendenti dallo stato delle relazioni cino-giapponesi. Se la relazione tra le due maggiori potenze asiatiche migliora, la “stella” Yukio Edano inevitabilmente continuerà a salire.
Infine, va osservato che il rafforzamento delle posizioni nazionali dell’attuale primo ministro ha avuto luogo durante la preparazione di diversi importanti eventi in politica estera. Tra i più importanti, la visita del presidente degli Stati Uniti Donald Trump a Tokyo, il 5 novembre, e la successiva partecipazione di Abe a una serie di forum dell’ASEAN. I principali temi politici dei prossimi colloqui statunitensi-giapponesi e il lavoro dei forum dell’ASEAN includeranno le questioni della penisola coreana e del Mar Cinese Meridionale, così come le relazioni con la Cina. Nel complesso, la valutazione degli esperti giapponesi sull’attuale primo ministro come politico di maggior successo del Paese negli ultimi decenni va riconosciuta corretta. Ciò è confermato dal completo successo del nuovo attacco da samurai intrapreso da Abe nella lotta politica interna. L’attacco è stato condotto in condizioni di elevate incertezze e rischi che hanno accompagnato la decisione delle elezioni parlamentari straordinarie.Vladimir Terekhov, esperto della regione Asia-Pacifico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

La Cina invita il Giappone a dialogare con la Corea democratica

Chika Mori e Lee Jay Walker, MTT, 23 settembre 2017

Compra le mie armi sofisticate. Distruggiamolo!

Cina e Federazione Russa sono sempre più preoccupate dalla retorica bellica e dalle azioni dei leader di Stati Uniti e Corea democratica. Allo stesso modo, le élite politiche di Pechino invitano il Giappone a concentrarsi sul dialogo anziché ossessionarsi sulle sanzioni. Pertanto, la Cina spera di frenare la diffidenza regionale cercando un approccio al “doppio congelamento”, in tandem con la Federazione russa. Il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha nettamente chiarito all’omologo giapponese Taro Kono che solo puntare sulle sanzioni, senza concentrarsi sul dialogo, aggrava la situazione. Infatti, la Cina teme che il Primo ministro Shinzo Abe giochi la carta anti-coreana in affinità con il presidente Donald Trump, a causa delle ultime debolezze della sua amministrazione. Allo stesso tempo, la Cina fa pressione sulla Corea democratica ad allontanarsi dall’abisso. Dopo tutto, è altrettanto indispensabile che le élite politiche di USA e Corea democratica riducano le rispettive retoriche. Allo stesso modo, entrambe le nazioni devono astenersi dall’assumere fino alla fine il piano militare, perché tale approccio comporterebbe solo morte e distruzione. Wang aveva detto all’omologo giapponese: “Se i giapponesi parlano solo di sanzioni e non badano ai colloqui, o addirittura li rigettano, sarebbe come se violassero le risoluzioni del Consiglio di sicurezza“. Cina e Federazione Russa comprendono l’approccio internazionale alla Corea democratica secondo le sanzioni ancora più severe dalle Nazioni Unite (ONU). Nonostante ciò, entrambe cercano il ritorno ai colloqui tra tutte le parti interessate e al “doppio congelamento” per calmare la situazione. Pertanto, la Cina vuole che il Giappone svolga un ruolo costruttivo nonostante i maldestri test militari nordcoreani sul nord del Giappone. Quindi, la Cina vuole che l’amministrazione Abe cerchi un approccio considerando quello di Cina e Federazione Russa, altrimenti la Corea democratica agiterà l’ascia di guerra verso tutte le nazioni considerate ostili, anche se il Giappone non è apertamente ostile militarmente, a parte le basi statunitensi.
Modern Tokyo Times aveva riferito: “Questo “doppio congelamento” è un piano formulato da Cina e Federazione Russa, secondo cui gli attori interessati rispettano le condizioni che riducano le tensioni. In altre parole, le élite politiche e militari di Pyongyang rispetterebbero il blocco dei test missilistici, mentre i governi di USA e Corea del Sud sospenderebbero le grandi esercitazioni militari imponendovi una moratoria”. Sergej Lavrov, Ministro degli Esteri della Federazione Russa, affermava: “Se questo doppio congelamento avrà finalmente luogo, possiamo sederci e iniziare da subito a firmare un documento che sottolinei il rispetto per la sovranità di tutte le parti coinvolte, compresa la Corea democratica“.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La Corea democratica umilia la difesa missilistica degli Stati Uniti

Sputnik 02.09.2017L’osservatore militare russo Aleksandr Khrolenko spiega come il test dei sistemi missilistici sempre più sofisticati della Corea democratica manda in bancarotta i costosi sistemi di difesa missilistica degli USA. La settimana scorsa, la Corea democratica lanciava il nuovo missile balistico Hwasong-12 che sorvolava il Giappone prima di cadere nell’Oceano Pacifico, a 1133 chilometri ad est dell’isola settentrionale di Hokkaido. Diversi giorni dopo, il Ministero della Difesa giapponese chiedeva un bilancio per la difesa record per l’anno fiscale 2018, da 5,25 trilioni di yen (48,6 miliardi di dollari) per i nuovi missili antiaerei terrestri e navali, caccia, pattugliatori e un sottomarino. La richiesta del ministero include la grande modernizzazione della rete della difesa aerea e delle capacità di missilistiche anti-superficie e antinave del Paese. Commentando il test del missile e la risposta del Giappone, l’osservatore militare di RIA Novosti Aleksandr Khrolenko scriveva che l’ultima prova di Pyongyang dimostra oltre ogni dubbio che i sofisticati sistemi di difesa missilistica degli Stati Uniti in Asia sono inutili. “Oggi“, spiegava l’analista, “la difesa missilistica del Giappone è fornita da navi dotate del sistema Aegis (che comprende il missile SM-3 per l’intercettazione esoatmosferica). Inoltre, il Giappone ha i Patriot PAC-3 per la distruzione dei missili entro l’atmosfera“. “Tuttavia tali mezzi si sono rivelati inutili il 29 agosto, quando il missile balistico nordcoreano sorvolò il territorio giapponese cadendo a 1180 km da capo Erimo, nell’Hokkaido. In 14 minuti il missile coprì 2700 km raggiungendo la quota massima di 500 km“. Anche se il Giappone non riportava danni dalla prova, Khrolenko osservava che era estremamente curioso che non avessero nemmeno tentato di abbattere il missile. “Avrebbero almeno tentato di abbatterlo, anche se solo per addestramento“, scriveva l’analista. “La comunità mondiale non l’avrebbe condannato e Washington avrebbe sicuramente sostenuto Tokyo, ma i sistemi di difesa missilistici statunitensi e giapponesi hanno solo seguito la traiettoria dell’Hwaseong-12“. “Ancora più interessante è come il Giappone potrebbe abbattere il missile nordcoreano che vola ad una quota di 550 km, quando il più potente missile SM-3 statunitense raggiunge una quota di 250 km. Con un raggio di 500 km, il sistema Aegis non potrebbe raggiungere il missile neanche durante la discesa, tanto più che l’obiettivo si separava in tre parti (forse tre testate)“. Ricordando questi fatti, Khrolenko suggeriva che la “richiesta record del Ministero della Difesa giapponese riflette il panico tra gli alleati degli statunitensi, dopo tutto non era la prima volta che una ragione per dubitare dell’onnipotenza delle armi statunitensi, e in particolare dei loro sistemi ABM, si presenta“. Il mese scorso, ad esempio, a seguito delle minacce di Pyongyang disposta ad attuare un attacco missilistico massiccio su Guam, il Pentagono rispose che qualsiasi lancio di tali missili sarebbe stato individuato in pochi minuti e avrebbe portato alla prospettiva di una guerra totale. È interessante però, secondo Khrolenko, notare che il Pentagono “non precisò se i missili nordcoreani sarebbero stati intercettati e questo è fondamentalmente importante per prevedere perdite ed esito di una guerra (che non lascerebbe il Giappone inalterato)“. Inoltre, secondo l’analista, il lancio del missile nordcoreano si è dimostrato particolarmente umiliante alla luce del fatto che nello stesso giorno in cui avveniva, le truppe giapponesi svolgevano esercitazioni di difesa aerea presso la base di Yokota, Tokyo occidentale, dove schieravano intercettori Patriot-3. “Dalla prospettiva militare, le esercitazioni coincisero con la riuscita prova del nuovo missile balistico nordcoreano. Pyongyang ‘ha giocato a palla’, ma Washington non accettava l’inatteso ‘passo’, continuando installazione e preparazione dei componenti del PAC-3, come se l’azione fosse più importante del risultato”.
In realtà, scriveva Khrolenko, la vera efficacia dei numerosi e costosi sistemi di difesa missilistica statunitense va ancora dimostrata in condizioni operative. “Solo una volta, nel febbraio 2013, un intercettore SM-3, lanciato dall’incrociatore USS Lake Erie, distrusse l’USA-193, un satellite difettoso ad un’altitudine di 247 km. Il bersaglio simulava un missile balistico a medio raggio (anche se questi ultimi non vanno in orbita) Il test fu semplificato il più possibile, i parametri di volo erano noti in anticipo, così come il settore del bersaglio. La designazione del bersaglio fu fornita dal satellite da ricognizione STSS-D, che non può essere utile in una vera situazione operativa“. “Un altro esempio: i test del sistema di difesa missilistico statunitense durante le esercitazioni della Difesa Missilistica del Teatro Marittimo, del 2015, mostrarono che… numerose navi dell’alleanza equipaggiate con il sistema di gestione delle informazioni in combattimento Aegis poterono eliminare solo un missile balistico Terrier Orion, che probabilmente volava a una velocità subsonica. Il grado di efficacia di tali difese antimissile in caso di attacco massiccio non è noto, ma il grado di semplificazione implicato nei test suggerisce che è piuttosto basso“. In effetti Khrolenko osservava che l’ultima prova del missile nordcoreano “creava una paradossale parità di forze nel confronto del Paese con gli Stati Uniti“. In queste circostanze, osservava, Washington farebbe bene ad evitare di sottoporre gli alleati regionali a un pericolo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Missili sul Giappone: risposta della Corea democratica a sanzioni ed esercitazioni statunitensi

Amitié France-CoreeIl 29 agosto 2017, la Repubblica popolare democratica di Corea procedeva al lancio missilistico che sorvolava il Giappone. Questa nuova iniziativa, dopo tre lanci di missili a corto raggio del 26 agosto, sembra la risposta di Pyongyang all’intensificarsi delle sanzioni internazionali contro la RPDC e le manovre belliche USA-Corea del Sud Ulji Freedom Guardian del 31 agosto. La scommessa dell’amministrazione Trump di piegare la Repubblica Democratica Popolare di Corea (RPDC) si è dimostrata ancora una volta errata, non sorprendentemente in quanto la RPDC ha sempre risposto alle ostilità di Stati Uniti e alleati coi programmi nucleari e balistici. Più che mai, l’Associazione Amicizia Francia-Corea vorrebbe che gli Stati Uniti avanzino un’offerta seria di dialogo, con un gesto significativo che dimostri buona volontà, la sospensione delle manovre militari e almeno soppressione parziale delle sanzioni in cambio della ripresa dei negoziati, che potrebbe assumere la forma di un appello a Kim Jong-un e Donald Trump a porre fine a tensioni e sanzioni, costantemente rinnovate.
Col lancio del missile (che non è chiaramente un ICBM, a differenza di luglio), presso Sunan, sede dell’aeroporto di Pyongyang, la RPC dimostra l’operatività dei lanci su tutto il suo territorio al fine di dissuadere gli Stati Uniti da colpi mirati su alcune installazioni militari. Il missile ha percorso 2700 chilometri in 15 minuti a una quota massima di 550 chilometri, prima di cadere in mare a 1180 chilometri dalle coste giapponesi. In precedenza, missili che trasportavano satelliti, non balistici, avevano più volte sorvolato il Giappone fin dal 1998. Come nei precedenti lanci, il Giappone denunciava, col Primo ministro Shinzo Abe, “una minaccia grave e senza precedenti“. Dato che il lancio è in contrasto con le risoluzioni, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) si riuniva urgentemente il 29 agosto su richiesta di Washington, Tokyo e Seoul. Donald Trump e Shinzo Abe parlarono al telefono per 40 minuti. La Cina invitava le parti a frenare: il portavoce del Ministero degli Esteri Hua Chunying dichiarava che “la Cina invita tutte le parti interessate a non intraprendere azioni che potrebbero spingere ad altre aumentando le tensioni nella regione“. Dopo aver promesso alla RPDC “fuoco e furia” come reazione tale che il mondo non ha mai visto, il presidente Donald Trump intende esercitare una “pressione pacifica” sulla Corea democratica.
Se Tokyo minacciava di distruggere il missile nordcoreano che sorvolasse il suo territorio, non adottava alcuna iniziativa. Gli abitanti dell’isola di Hokkaido, sorvolata per due minuti, ricevevano il messaggio di mettersi al riparo. Joshua Pollack, ricercatore presso il Centro James Martin per gli Studi sulla non proliferazione, dichiarava alla CNN che la traiettoria seguita (ad est della Corea, non verso Guam) era una “misura per mitigare i rischi” verso le aree popolate, supponendo che il tiro subisse problemi. La scelta della traiettoria sul Giappone può anche essere legata alle esercitazioni militari congiunte statunitensi-giapponesi Northern Viper ad Hokkaido. Poi le autorità coreane chiarivano di esser intervenute in occasione dell’anniversario dell’entrata in vigore del Trattato di annessione della Corea al Giappone del 29 agosto 2010. Un portavoce del Ministero della Difesa degli Stati Uniti aggiungeva che il lancio non “rappresenta una minaccia per l’America del Nord”. Anche se non minacciata, la Repubblica di Corea (Corea del Sud), poche ore dopo effettuava esercitazioni di bombardamento con quattro F-15K che sganciavano otto bombe da una tonnellata Mk-84 nei pressi della RPDC, per dimostrare la “capacità di distruggere la leadership nordcoreana” in caso di “emergenza”. Tale iniziativa rende improbabile la ripresa del dialogo inter-coreano, sacrificato alla speranza di Seul, finora delusa, di poter pesare sugli orientamenti strategici di Washington ponendosi da alleato più fedele nell’Asia del Nordest.
Mentre è sempre più improbabile che la RPDC rinunci volontariamente alle armi nucleari alla luce dei progressi compiuti, i negoziati, unico risultato credibile e desiderabile alla crisi attuale, si concentreranno sulla non proliferazione e il possibile congelamento dei programmi nucleari e balistici nordcoreani. Inoltre, come osserva CNN, riflettendo il consensuale punto di vista degli esperti statunitensi, una forza dissuasiva nucleare per le autorità nordcoreane è garanzia di non seguire il destino di Iraq e Libia; gli esperti (anche consiglieri governativi occidentali) non credono nel primo uso della forza militare della Corea democratica: “Perché la Corea democratica vuole armi nucleari e missili
La Corea democratica sviluppa da tempo armi nucleari e missili a lungo raggio per dissuadere gli Stati Uniti dal tentativo di rovesciare il regime di Kim Jong Un. Pyongyang ritiene che i leader di Paesi come l’Iraq, dove l’ex-dittatore Sadam Husayn fu rovesciato dagli Stati Uniti, e la Libia, il cui ex-leader abbandonò le ambizioni nucleari per eliminare le sanzioni e avere aiuti, furono rovesciati e uccisi dall’intervento statunitense in un contesto d’instabilità interna, e ritiene che solo la minaccia di colpire il territorio statunitense con una forza di ritorsione nucleare impedirà l’intervento militare statunitense. Molti esperti ritengono che la Corea democratica non utilizzerà per prima le sue armi. Secondo gli esperti, Kim Jong Un pone la sopravvivenza del suo regime al di sopra di tutto e sa che l’uso di un’arma nucleare innescherebbe una guerra che non può vincere”. D’altra parte, il rischio che una guerra sia scatenata dagli Stati Uniti dell’imprevedibile Donald Trump è più elevato: questo è il rischio che va eliminato.

Fonti:
Pentagono: La Corea democratica ha lanciato un missile che ha sorvolato il Giappone
Il lancio dei missili nordcoreani vi spaventa?

Zjuganov consiglia gli USA di lasciare in pace la Corea democratica
Gennadij Zjuganov Histoire et Societé 29 agosto 2017

Gennadij Zjuganov, presidente del Partito Comunista della Federazione Russa, ha invitato gli Stati Uniti a lasciare in pace la Corea democratica, che ha diritto alla propria versione dello sviluppo, secondo Interfax.
Lasciate in pace la Corea democratica. Lasciatela crescere come ritiene opportuno. Conta sulle proprie forze creando una tecnologia moderna, costruendo strade e abitazioni. Ha diritto al proprio sviluppo“, dichiarava Gennadij Zjuganov a una conferenza stampa a Mosca. “In geopolitica gli statunitensi s’intromettono dovunque, hanno 800 basi. Non è un caso che la leadership nordcoreana sia obbligata a creare armi di distruzione di massa, missili e tecnologie spaziali“, ha detto il leader del Partito Comunista, secondo cui se queste armi le avesse avute la Jugoslavia, Milosevic non sarebbe stato trattato in quel modo. “Se le avesse avute l’Iraq, Sadam Husayn non sarebbe stato impiccato. Se le avesse avute la Libia, Gheddafi non sarebbe stato linciato per strada“, affermava Gennadij Zjuganov, secondo cui ogni volta che c’è una leadership, un pensiero nazionale indipendente, inizia il sabotaggio degli Stati Uniti, la provocazione. “D’altra parte, questa situazione è così tesa che ci vuole poco per fare esplodere la regione“, e ha detto che si era recato nella Corea democratica, vedendo il rafforzamento dei sistemi d’arma, tra cui artiglieria dalla gittata di 40 km. “Ho visto e capisco che è obbligata a farvi fronte, perché saranno obbligati a partecipare a questo conflitto. C’è un’enorme armata statunitense in Corea del Sud, persone che cercano di proteggersi dalle altre. Così smettete di minacciare, di violare lo spazio di questo Paese, di passare leggi contro la Federazione Russa“, dichiarava il leader del Partito Comunista.

Hwasong 12
Cassad 29 agosto 2017

La RPDC ha nuovamente ignorato le minacce di Washington e le sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU lanciando un missile balistico Hwasong-12 che sorvolava il Giappone verso l’Oceano Pacifico e raggiungeva 550 km all’apogeo volando per 2700 km prima di cadere nell’Oceano Pacifico, ad est dell’Hokkaido. Fonti giapponesi affermano che prima della caduta il missile balistico andava in pezzi. In occasione del lancio, Giappone e Corea del Sud hanno protestato, e inoltre il primo ministro giapponese dichiarava di lamentarsi all’ONU aspettandosi un’azione dagli Stati Uniti, finora limitata a dichiarazioni minacciose, cui Kim Jong-un non bada.
Il missile è denominato KN-17 dagli Stati Uniti e dal punto di vista degli specialisti statunitensi, è dotato di un motore nordcoreano, versione modernizzata di alcuni sviluppi sovietici (eventualmente della Juzhmash esportati dall’Ucraina). Un’importante differenza del missile è l’assenza di “pinne” di stabilizzazione esterne, presenti sulle versioni precedenti dei missili balistici della RPDC; ciò è considerato un progresso significativo del programma missilistico nordcoreano. I potenziali parametri della testata nucleare del missile sono sconosciuti, ma ufficialmente la RPDC dichiara che il missile può trasportare una grande testata nucleare. Non ci sono informazioni sulla capacità del missile di violate gli elementi del sistema ABM. Il missile lanciato non è il più avanzato disponibile della RPDC: non molto prima veniva testato un missile Hwasong-14 più lungo, che può colpire Guam e teoricamente l’Alaska, cosa che non impedisce alla propaganda nordcoreana di dire che gli Stati Uniti continentali possono essere colpiti. Ma anche nella forma attuale, Hwasong-12 e Hwasong-14 garantiscono pienamente alla RPDC l’opportunità di colpire obiettivi in Giappone, Corea del Sud e Guam, base della dissuasione nucleare con cui la RPDC può danneggiare i vicini in modo inaccettabile, in caso di aggressione. Naturalmente, Pyongyang non rinuncerà mai a ciò, il che significa che nel prossimo mese vi saranno diversi test simili, soprattutto dato che Kim Jong-un già indica apertamente “ad approfondire e velocizzare”. Si può dire con sicurezza che finché gli Stati Uniti continueranno le esercitazioni e a mantenere il THAAD in Corea del Sud, Pyongyang continuerà i lanci in modo che nessuno pensi che si possa costringerla ad abbandonare il proprio programma sui missili nucleari.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora