L’operazione “impensabile”: la pugnalata alla schiena degli alleati

Pavel Krasnov RusprojectReseau International 22 aprile 2015

Impensabile, anzi. C’è da chiedersi se Hitler non fosse un primo Poroshenko. Come è altrettanto impensabile una menzogna mantenuta da oltre 70 anni, sepolta negli archivi segreti della Difesa.Soviet_influence_in_europeEventi e fatti in questo articolo sembrano inconcepibili, difficili da credere per una persona normale che non avrebbe creduto nella possibilità del tradimento di coloro che vede come alleati e amici. Eppure è vero. Questa informazione fu a lungo tenuta segreta ed è disponibile solo di recente. È il piano di un attacco lampo contro l’Unione Sovietica nell’estate del 1945, messo a punto dagli alleati, e sopseso quasi all’ultimo momento. La terza guerra mondiale avrebbe dovuto cominciare il 1° luglio 1945 con un attacco a sorpresa delle forze combinate imperialiste contro le truppe sovietiche… oggi è poco nota, come anche Stalin poté sventare i piani dei “probabili alleati” accelerando l’assalto su Berlino contro cui gli istruttori inglesi addestrarono le divisioni tedesche che gli si erano arrese e che non furono smobilitate, del perché Dresda venne distrutta nel febbraio 1945 con crudeltà inumana e, infine, chi volessero intimidire gli anglosassoni con tale massacro. Secondo i modelli storici ufficiali nell’ultimo periodo dell’Unione Sovietica, ciò non veniva spiegato nelle scuole; era il periodo della “lotta per la pace”, del “nuovo pensiero” già maturato in alto, dell’assai onorata leggenda degli “onesti alleati Stati Uniti e Gran Bretagna”. E pochissimi documenti furono pubblicati, nascondendo tale periodo per molte ragioni. Poi gli anglosassoni cominciarono ad aprire parzialmente gli archivi, non avendo nulla da temere, l’Unione Sovietica non esiste più.
Cab.120.691.a All’inizio dell’aprile 1945, prima della fine della Grande Guerra Patriottica, Winston Churchill, primo ministro della nostra alleata Gran Bretagna, ordinò ai suoi capi di Stato Maggiore di pianificare un attacco a sorpresa contro l’Unione Sovietica chiamato Impensabile. Il piano di 29 pagine fu presentato il 22 maggio 1945. Il piano era volto a scatenare l’assalto all’Unione Sovietica seguendo i principi di Hitler, con un attacco a sorpresa. Il 1 luglio 1945, senza alcuna dichiarazione di guerra, 47 divisioni inglesi e statunitensi dovevano infliggere un colpo fatale agli ingenui russi che non si aspettavano tale cattiveria dai loro alleati. 10-12 divisioni tedesche, tenute intatte dagli “alleati” in Schleswig-Holstein e Danimarca meridionale, dovevano sostenere l’attacco. Istruttori inglesi li addestravano ogni giorno per la guerra contro l’Unione Sovietica. Secondo il piano, sarebbe stata la guerra delle forze congiunte della civiltà occidentale contro la Russia; successivamente altri Paesi sarebbero stati coinvolti nella “crociata”, come Polonia, Ungheria… La guerra doveva portare alla disfatta completa e alla capitolazione dell’URSS. L’obiettivo finale era far terminare la guerra laddove Hitler aveva previsto secondo il piano Barbarossa, sulla linea Arcangelo-Stalingrado. Gli anglosassoni si preparavano a spezzarci con il terrore, con la distruzione selvaggia delle grandi città sovietiche: Mosca, San Pietroburgo, Vladivostok, Murmansk e altre, con devastanti colpi dalle ondate di “fortezze volanti”. Diversi milioni di russi sarebbero stati uccisi nella “tempesta di fuoco” pianificata con grande dettaglio, così come furono distrutte Amburgo, Dresda, Tokyo… Ora erano pronti a farlo sui loro alleati. É una cosa normale: tradimento più atroce, estrema cattiveria e crudeltà selvaggia caratterizzano la civiltà occidentale, soprattutto gli anglosassoni che massacrarono più persone di qualsiasi altra nazione nella storia umana. Tuttavia, il 29 giugno 1945, un giorno prima del previsto inizio della guerra, l’Armata Rossa cambiò disposizione, inaspettatamente per il nemico infido. Un passo decisivo che mutò la bilancia della storia: l’ordine alle truppe imperialiste non fu dato. La presa di Berlino, città considerata inespugnabile, aveva dimostrato la potenza dell’esercito sovietico, e gli esperti militari nemici volevano annullare l’attacco. Fortunatamente Stalin era al timone dell’URSS. Le forze navali di Gran Bretagna e Stati Uniti avevano al momento la superiorità assoluta sulla Marina sovietica: cacciatorpediniere per 19 volte, corazzate e incrociatori per 9 volte, sommergibili per 2 volte. Oltre un centinaio di portaerei e diverse migliaia di aerei imbarcati contro zero dell’Unione Sovietica. Gli “alleati probabili” avevano 4 armate aeree di bombardieri pesanti che avrebbero assestato colpi devastanti. I bombardieri sovietici a lungo raggio erano pochissimi. Nell’aprile 1945 gli alleati immaginavano le nostre truppe esaurite e gli equipaggiamenti militari usurati al massimo. Gli esperti militari furono assai sorpresi della potenza dimostrata dall’esercito sovietico nella cattura di Berlino che consideravano inespugnabile. La correttezza della conclusione dell’eminente storico sovietico V. Falin è indubbia: la decisione di Stalin di assaltare Berlino ai primi di maggio 1945 evitò la terza guerra mondiale. Ciò è confermato da documenti recentemente declassificati. In caso contrario, Berlino sarebbe stata consegnata agli “alleati”, senza lottare, e le forze combinate di tutta Europa e Nord America avrebbero assaltato l’Unione Sovietica. Anche dopo la cattura di Berlino continuarono a sviluppare a ritmo crescente piani insidiosi. Si fermarono quando si resero conto che i loro piani furono scoperti poiché i calcoli strategici dimostravano che, senza un attacco a sorpresa, sarebbe stato impossibile sconfiggere l’Unione Sovietica. Ci fu un altro motivo importante per cui gli Stati Uniti si opposero agli inglesi, l’URSS doveva schiacciare l’armata del Kwantung in Estremo Oriente, altrimenti la vittoria degli Stati Uniti sul Giappone sarebbe stata incerta. Stalin non poté evitare la seconda guerra mondiale, ma poté impedire la terza. La situazione era assai grave, ma l’Unione Sovietica vinse ancora una volta senza batter ciglio.
unthin14 Oggi l’occidente cerca di seguire il piano di Churchill in “risposta” alla “minaccia sovietica”, cioè Stalin che tentava d’invadere l’Europa. “I leader sovietici avevano piani d’attacco fino alle coste atlantiche e per l’invasione delle isole britanniche? Tale domanda ha una risposta negativa. Ciò è confermato dalla legge sulla smobilitazione dell’esercito e della marina, adottata dall’URSS il 23giugno 1945, e la successiva trasformazione delle loro strutture in forza lavoro per il tempo di pace. La smobilitazione iniziò il 5 luglio 1945 e fu completata nel 1948. L’esercito e la marina furono ridotti da 11 milioni a meno di 3 milioni di persone, il Comitato della Difesa dello Stato e il Comando Supremo furono aboliti. Il numero di distretti militari nel 1945-1946 diminuì da 33 a 21. Il numero di truppe in Germania orientale, Polonia e Romania fu notevolmente ridotto. Nel settembre 1945 le truppe sovietiche furono ritirate dal nord della Norvegia, a novembre dalla Cecoslovacchia, nell’aprile 1946 dall’isola di Bornholm (Danimarca) e nel dicembre 1947 dalla Bulgaria… Forse la leadership sovietica sapeva dei piani di guerra inglesi contro l’Unione Sovietica? Su questa domanda si può rispondere probabilmente sì… indirettamente confermata da John Erickson, professore dell’Università di Edimburgo, noto esperto della storia delle forze armate sovietiche, secondo cui il piano di Churchill spiega “perché il Maresciallo Zhukov improvvisamente decise di raggruppare le sue forze nel giugno 1945, dopo aver ricevuto l’ordine da Mosca di rafforzare la difesa e studiare in dettaglio il dispiegamento delle truppe occidentali. Ora le ragioni di questa mossa sono chiare: Mosca sapeva del piano di Churchill e lo Stato Maggiore di Stalin adottò misure appropriate per affrontarlo“. (O. A. Rzheshevskij, Ricerche storico-militari)

Friends._But_for_how_longTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

12 aprile – Giornata nera per la Storia dell’aviazione degli Stati Uniti

Nikolaj Malishevskij Strategic Culture Foundation 12/04/2015
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora45-a-128046813Ci sono due ragioni per cui il 12 aprile è considerato un giorno nefasto nella storia dell’aviazione degli Stati Uniti. E’ il giorno in cui la capsula Vostok guidata dal cosmonauta Jurij Gagarin, il primo uomo a viaggiare nello spazio, completò un’orbita attorno alla Terra nel 1961. L’altro evento non fu molto noto. Esattamente dieci anni prima del volo di Gagarin, gli assi sovietici al comando di Ivan Kozhedub, tre volte Eroe dell’Unione Sovietica e comandante della 324.ma Divisione caccia, dissipò il mito dell’invulnerabilità del B-29 Superfortress, bombardiere pesante quadrimotore. Il B-29 sganciò le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki e faceva parte dei piani per attaccare decine di città sovietiche (secondo i piani operativi nucleari Totality, Pincher, Dropshot, Broiler/Frolic, Charioteer, Halfmoon/Fleetwood, Trojan, Off-Tackle e altri che regolarmente si succedevano dal 1945, le cui missioni cambiavano con l’aumentare del potenziale nucleare statunitense). In un giorno i piani furono frustrati con la nascita dell’espressione “Mig Alley” o “Giovedì Nero”. L’evento ebbe luogo il 12 aprile 1951 durante la guerra in Corea. Quel giorno tre squadroni di B-29 Superfortress (36 aerei) protetti da un centinaio di caccia F-80 Shooting Star e F-84 Thunderjet furono attaccati da MiG sovietici. Gli statunitensi erano sicuri della loro invulnerabilità e vittoria finale. I piloti sovietici trovarono il modo di contrastare la superarma volante che annichilì Hiroshima. I piloti dei MiG poterono assaltare le formazioni statunitensi con attacchi coordinati da diverse direzioni, utilizzando sia la quota che l’alta velocità in loro favore. Una tangenza alta e una velocità di ascesa superiore diedero ai MiG un vantaggio su tutte le versioni dei Sabre permettendo di colpire dall’alto. La tattica fu utilizzata solo una volta, ma fu abbastanza. L’effetto superò tutte le aspettative. 12 su 21 Superfortress furono abbattute. Le restanti nove, considerate invulnerabili prima, rientrarono danneggiate e con perdite. Qualcuno in ogni equipaggio fu ucciso o ferito. Anche quattro caccia degli Stati Uniti furono colpiti. Se gli statunitensi non si fossero ritirati, o se fossero stati inseguiti dai caccia sovietici oltre la linea che non era permesso attraversare, le perdite sarebbero state superiori. I MiG sovietici non subirono perdite. Gli statunitensi, storditi, non compirono missioni nei tre giorni successivi. Poi fecero decollare tre B-29 con una forte scorta per una missione di sondaggio. Tutti gli aerei furono abbattuti. Successivamente le Superfortress volarono solo di notte. Con 170 Superfortress perdute, il B-29 non fu più utilizzato.sergei-kramarenkoEcco come lo scontro fu descritto dall’asso Maggiore-Generale Sergej Kramarenko, veterano della Grande Guerra Patriottica (andò al fronte nell’agosto 1942, lui e i suoi gregari abbatterono 13 aerei tedeschi e un pallone utilizzato per la sorveglianza e la guida. Durante la guerra di Corea compì 149 sortite dall’aprile 1951 al febbraio 1952, abbattendo 13 aerei nemici). Si ricorda, “stavo guardando giù. Stavamo sorvolando i bombardieri. I nostri MiG aprirono il fuoco contro le “Superfortezze volanti”. Una perse un’ala, l’aereo cadeva a pezzi. Tre o quattro aerei presero fuoco. Gli equipaggi lasciavano gli aerei. Decine di paracaduti apparvero in aria. L’impressione fu che uno sbarco aereo fosse in atto. Il combattimento era appena iniziato… alcuni equipaggi si catapultarono, altri rientrarono. Altre quattro “fortezze volanti” caddero, non riuscendo a rientrare, altri si schiantarono cercando di atterrare. Circa 100 piloti statunitensi furono fatti prigionieri. Dopo lo scontro, fori di proiettili furono trovati su tutti gli aerei. Un aereo aveva un centinaio di buchi. Ma non c’era nessun danno serio, non un solo proiettile colpì la cabina di pilotaggio. Gli statunitensi chiamarono il 12 aprile “Giovedi Nero” e non volarono nei tre mesi successivi. Tentarono una sortita, ma persero 12 B-29 nel primo combattimento e 16 nel secondo. In tutto gli Stati Uniti persero 170 bombardieri B-29 durante la guerra di Corea, e persero la maggior parte della loro aviazione strategica nel teatro di operazioni sud-orientale. Non volarono di giorno passando alle operazioni notturne. Ma subirono perdite anche di notte. Gli statunitensi ne furono scioccati per molto tempo. Gli aerei che sembravano essere così potenti e invulnerabili divennero impotenti contro i caccia sovietici. I militari sovietici iniziarono a chiamare le “fortezze volanti” “granai volanti”, perché prendevano subito fuoco bruciando assai brillantemente”.MiG 15 derriba un B-29 - Valery PetelinPer la prodezza che Sergej Kramarenko dimostrò in questo combattimento e la riuscita esecuzione delle missioni assegnategli, il Presidente del Presidium del Soviet Supremo dell’URSS lo nominò Eroe dell’Unione Sovietica conferendogli l’ordine di Lenin e la Stella d’Oro il 10 ottobre 1951.

namsiroutetotarget0917019La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

All’estrema sinistra di Gladio: i cosiddetti “trotskisti”

Alessandro Lattanzio, 10 aprile 2015

Assalto all'ambasciata libica di Roma, nel febbraio 2011. I 'comunisti' italiano erano in prima fila nell'aggressione alla Jamahiriya Libia.

Assalto all’ambasciata libica di Roma, nel febbraio 2011. I ‘comunisti’ italiano erano in prima fila nell’aggressione alla Jamahiriya Libia.

I “trotskisti” attuali, ovvero coloro che si propagandano eredi del fondatore dell’Armata Rossa Lev Davidovich Bronshtejn (Lev Trotzkij), in realtà non portano avanti un programma legato alla Rivoluzione d’Ottobre del 1917, ma difatti sostengono il programma di distruzione della Russia (sotto qualsiasi forma, impero zarista, Unione Sovietica o Federazione russa) ideato e messo in pratica da un personaggio opportunamente occultato dai vari “storici” di destra o sinistra: Alexander Parvus, vero nome Izrail Gelfand, intellettuale ebreo ucraino germanizzato e quadro della socialdemocrazia tedesca. Un cialtrone come Hobsbawm, propagandato dal lercio salottino socialcolonialista parigino de “Le Monde Diplomatique”, non ne ha mai fatto cenno nelle sue ‘opere’, e con lui la massa di pseudo-storici i cui ‘scritti’ intasano gli scaffali di librerie-osterie ‘impegnate’, come quelle del non compianto Giangiacomo Feltrinelli, ricco utile idiota manipolato da Gladio.
Parvus fu una delle menti che posero le basi della geopolitica moderna; fu l’ispiratore della famosa ferrovia Berlino-Baghdad, mini-versione tedesca anti-mackindriana dei piani anti-egemonici del Primo Ministro russo Witte, ideatore e promotore della ferrovia Transiberiana. Parvus si arricchì quando fu consigliere del governo dei giovani turchi, a Istanbul, durante le guerre balcaniche e la Prima Guerra Mondiale; difatti organizzò i sistemi di comunicazione e trasporto turchi, e probabilmente fu uno dei responsabili del genocidio armeno del 1915-1919. Ciò in linea con il fondatore del ‘socialismo scientifico’ Karl Marx. Curiosamente, andrebbe spiegato agli imbecilli che schiamazzano ai lupi ‘rosso-bruni’ dall’alto della loro presunta ‘purezza’ ideologica, che il primo rosso-bruno della Storia fu proprio Carletto Marx, quando si alleò con un vecchio lord inglese, un depravato reazionario filo-ottomano, per un’oltraggiosa campagna di propaganda contro l’impero russo e a sostegno del marcio impero ottomano. Checché ne dicano colti salottieri sinistri, subumani casapoundini e altro pattume nazi-centrosociale, Marx era un russofobo scatenato, odiava Mosca, disprezzava la Prussia (definiva, giustamente, Federico il Grande, vecchio sodomita), e non riteneva degni di considerazione i popoli slavi, tranne i polacchi, ma solo per odio russofobo. Il primo ‘rosso-bruno’ della Storia, Carletto Marx appunto, aveva una sua precisa geopolitica, che guarda caso corrispondeva con quella di Londra, dove visse gli ultimi suoi 30 anni di vita; alla faccia delle scimmiette urlatrici islamo-sinistre che ululano contro il “geopoliticismo”, ma solo per giustificare la loro subordinazione strumentale, da ultra-sinistra, all’aggressione islamista-atlantista contro le repubbliche socialiste panarabe di Libia, Algeria, Siria; contro l’asse rivoluzionario sciita di Iran-Iraq-HezbollahAnsarullah; contro i governi anti-islamisti egiziano e tunisino. Così supportando l’imperialismo e i suoi ascari regionali: fratellanza musulmana, Hamas, primavere arabe, “rivoluzionari” siriani, egiziani, algerini, tunisini, cirenaici, wahhabiti, salafiti, petromonarchie, qaidisti, sinistra sionista, milizie curde filo-sioniste e filo-statunitensi, fino ai taqfriti e allo Stato islamico, ecc. Tutta una panoplia di organizzazioni settarie e integraliste supportate, in Italia, dal variegato zoo della sinistra-sinistra, trotskita, post-trotskista, pseudo-trotskista, condita con varie salse: parigina, londinese, buenosairese, newyorkese, berlinese, ma sempre coerentemente russofoba, sinofoba, anti-BRICS, anti-ALBA, anti-bolivariana, contro i governi socialdemocratici di Brasile, Bolivia, Argentina, Ecuador, contro Cuba, e ovviamente contro Siria baathista, Libia jamahiriyana, Iran, ecc. Il tutto giustificato con la lotta a “rosso-brunismo”, eurasiatismo o “geopoliticismo”. Uno sfoggio di neofraseologia adottata dal trotskistume su esempio del loro maestro in confusione semantica, l’agente della CIA George Orwell.
twitpic liberationTornando a Parvus, egli promosse il viaggio di Lenin, e di parte dei vertici del Partito Operaio Socialdemocratico Russo (POSDR) – Bolscevico, dalla Svizzera alla Russia post-zarista, dove dopo il febbraio 1917 si era insediato un governo massonico ispirato dalle centrali imperialiste anglo-statunitensi. Parvus, che in quanto socialdemocratico era russofobo, ma era anche un agente attivo dell’impero tedesco, comprese che per sottrarre la Russia dal fronte anti-Berlino, costituito dall’Intesa tra Londra, Parigi, Roma e Washington, doveva inviare qualcuno che avrebbe potuto contrastare l’influenza imperialista anglo-sassone a Mosca, rafforzatasi dopo la rivoluzione del febbraio 1917, quando fu insediato un governo di massoni legati alle logge di Londra e Parigi. Perciò Parvus contattò l’unico uomo che avrebbe potuto guidare una rivoluzione antimperialista in Russia, Lenin, a cui Parvus in seguito cercò di strappare delle concessioni dalla Russia sovietica, quale ricompensa per il suo aiuto alla Rivoluzione d’Ottobre; ma Lenin divenne duro d’orecchi, sapendo quale individuo infido e pericoloso fosse Parvus.
Parvus morì nel 1925, la sua eredità intellettuale, un’enorme archivio di studi e documenti politici internazionali e geografici, fu disperso, ma anche assai sfruttato, tra Unione Sovietica (il primogenito di Parvus era un impiegato del ministero degli Esteri sovietico), Germania nazista (dove probabilmente Himmler impiegò i testi e gli scritti di Parvus per cercare di distruggere gli Stati-nazione dell’Europa orientale e risuscitare l’impero panturanista, vecchia idea dei generali turchi della prima guerra mondiale, adottata per dare una copertura ideologica al loro imperialismo regionale, e probabilmente su ispirazione dei piani antirussi concepiti da Pravus medesimo) e NATO. I documenti nazisti caddero in mano agli statunitensi, ed assieme ai quadri dell’intelligence del Terzo Reich, costituirono la base delle operazioni di destabilizzazione contro l’Unione Sovietica (Baltico, Caucaso, Ucraina), il Comecon (ustascia, rivolta di Budapest, sovversione della DDR, Solidarnosch e altri “dissidenti”, quasi tutti di ascendenza fascista e integralista), la Repubblica Popolare di Cina (Xinjiang, Tibet), ecc. A tale gigantesca operazione di disinformazione e propaganda antisovietica, anticomunista, russofoba, sinofoba e quant’altro, si allineò la cosiddetta IV internazionale, ovvero il movimento trotskista, che nelle sue risoluzioni programmatiche ha sempre dichiarato apertamente, sotto la scusa della “liberazione dei popoli” e della “democrazia operaia”, lo smantellamento del Patto di Varsavia, del Comecon, della Jugoslavia, dell’Unione Sovietica, della Repubblica Popolare cinese (tacciata di sciovinismo grande-Han…); tutto ciò fin dal 1948, nel pieno della Guerra Fredda. I “trotskisti” invocavano la distruzione dell’unico blocco che si opponeva all’imperialismo atlantista; un fulgido esempio di disfattismo collaborazionista, vizio acquisito durante la seconda guerra mondiale, che sebbene sempre ammantato di fraseologie ultra-rivoluzionarie. Nel nome della lotta al “dominio burocratico”, nel caso dei Paesi socialisti, o al nazionalismo borghese, nel caso dei Paesi anti-coloniali, veniva adottato dalla IV Internazionale sempre e comunque il sostegno all’imperialismo, in ogni occasione: Afghanistan, Polonia, Jugoslavia, “eltsinismo”, Tien an Men, ecc.
Difatti, fino al 1989 bersaglio principale della propaganda rivoluzionaria “antiburocratica” fu il blocco sovietico e i suoi alleati. I “trotskisti” salutarono la rivolta a Berlino nel 1953, quella ungherese del 1956, nascondendone i tratti reazionari, ignorando od occultando il sabotaggio operato dalla NATO e dalle sue agenzie segrete, ed esaltandone un’inesistente anima “rivoluzionaria e socialista” e, come nel caso ungherese, arrivando ad inventarsi comitati operai rivoluzionari mai rintracciati a 25 anni dal collasso del blocco sovietico. L’avvento al potere del movimento sciovinista, settario, integralista ed atlantista Solidarnosch in Polonia, e di organizzazioni simili nel resto del Comecon, così come l’aggressione della CIA in Afghanistan, furono tutti salutati e celebrati dal variegato zoo “trostkista”. E quando il blocco sovietico collassò, nel 1989-1991, il movimento “trotskista” svelò la sua vera natura di raggruppamento settario e senza seguito. In effetti, dopo il crollo del “Muro di Berlino” avrebbe dovuto raccogliere qualche briciola, anche elettorale, per il suo “successo”, invece nulla, anzi; dopo che per quarant’anni la IV Internazionale aveva goduto di mezzi e risorse per poter stampare pubblicazioni anche a livello mondiale, organizzare convegni internazionali, inserire i suoi massimi dirigenti e intellettuali nelle accademie, università e nei più prestigiosi mass media occidentali, all’improvviso tutto ciò finì: il movimento si contrasse, si ridussero drasticamente pubblicazioni e stampa, scomparvero molte organizzazioni e i convegni internazionali si diradarono. La loro funzione era cessata, finita la Guerra Fredda, i “trotskisti” venivano riposti nell’armadio delle anticaglie dell’antisovietismo, pronti ad essere tirati fuori di nuovo, dai loro finanziatori atlantisti, al momento opportuno, come in Jugoslavia, Libia, Iran, Siria, Cina, Russia di nuovo, Venezuela, Argentina. Ogni volta allineati contro il governo bersaglio dell’aggressione imperialista. Sull’esempio del Manifesto, “giornale comunista”, che supporta sempre gli interventi della NATO nel modo infingardo che sa fare, promossero diverse campagne denigratorie contro i leader e i governi dei Paesi presi di mira dagli USA e dalla NATO: un esempio su tutti, la Serbia e Miloshevich, le guerre in Bosnia e il terrorismo dell’UCK in KosMet. Sempre operazioni di disinformazione e propaganda svoltesi con l’attiva collaborazione di figuri titolati. In Italia con i Dinucci, Calchi-Novati o Parlato, solo per il caso della ‘Primavera araba’. Il movimento trotskista ha sempre operato così, da un lato avanzava blande critiche al militarismo occidentale, ma dall’altra promuoveva campagne mediatiche militanti volte a danneggiare e colpire i Paesi bersaglio dell’intervento occidentale, dalla Jugoslavia di Miloshevich alla Cina di Deng, dal Brasile di Rousseff alla Russia di Putin, o per giustificare il rovesciamento e l’assassinio di leader antimperialisti: Najibullah in Afghanistan, Gheddafi in Libia, Assad in Siria, Janukovich in Ucraina, Kirchner in Argentina.
arab-spring1Come già indicato, tutto ciò non è casuale, il movimento trotskista ha seguito e segue il programma di Parvus, la distruzione dell’URSS fino al 1989; la distruzione dei Paesi antimperialisti negli anni ’90-2000′ e, dalla nascita dei BRICS e del blocco eurasiatista, il movimento “trotskista” ha ripreso gli scritti di Parvus per allinearsi alla NATO e seguirla passo dopo passo nelle sue avventure, affiancando il neo-ottomansimo turco contro Libia, Iran e Siria, e il neonazismo di Gladio a Kiev, in Ucraina, contro i russofoni e i patrioti antifascisti ucraini; tutto ciò riprende il cammino parvusiano volto a distruggere la Federazione russa. Non è un caso, quindi, che i vari santoni e guru del “trotskismo” italiano: Moscato, Ricci, Massari, Ferrando, Ferrero, Ferrario, Grisolia, ilManifesto, Pasquinelli, Salucci, Falcemartello e tutti gli altri pagliacci di tale miserabile circo di piattole e zecche, nonostante l’autopromozione della propria fantasmatica purezza “rivoluzionaria proletaria”, si affianchino sempre e comunque ai settari islamisti in Medio Oriente e Nord Africa, ai neonazisti in Europa orientale e alle oligarchie compradores in America Latina. Tutto ciò viene coperto dalla suddetta fraseologia pseudo-rivoluzionaria, e quando scoperto, giustificato con frasi inani sulla lotta al “rosso-brunismo”, al “geopoliticismo”, alla “subordinazione a burocrazie e regimi nazionalisti borghesi” (il cosiddetto “campismo”) ed altro mefitico blabla vario e avariato.
Il DNA dei “trotskisti” non è stato scritto da Trotzkij, ma da Parvus, il cui spettro appesta il mondo tramite questi suoi malvagi spiritisti suoi evocatori.

siriaRiferimenti:
Dai processi di Mosca alla caduta di Krusciov, a cura di Livio Maitan, Bandiera Rossa, 1965
Il grande Parvus, Pietro A. Zveteremich, Garzanti, 1988
Karl Marx. Una vita, Francis Wheen, Isbn, 2010
Manoscritti sulla questione polacca (1863-1864), Karl Marx, La Nuova Italia, 1999

Arab-Sprong-650x317

Il padre dei russofobi contemporanei: Parvus
Alessandro Lattanzio, 7/9/2014

d0bfd0b0d180d0b2d183d181Alexander Parvus, ovvero Izrail Lazarevic Gelfand, nacque a Berezino, oblast di Minsk, e studiò a Odessa. Divenuto marxista socialdemocratico, nel 1891 si recò in Germania, dove lavorò come giornalista per diversi giornali di sinistra. In Svizzera, incontrò Lenin, Trotzkij e altri rivoluzionari russi. Nelle fila del Partito socialdemocratico di Germania fu redattore dell’Arbeiter-Zeitung Sächsische dove scriveva articoli sull’economia mondiale. Nel 1905 tornò in Russia dove partecipò alla prima rivoluzione, scrivendo sui giornali menscevichi e chiedendo ai socialdemocratici russi di partecipare alla Duma di Stato in collaborazione con altri partiti. Arrestato fu esiliato in Siberia da cui fuggì per ritornare in Germania, dove in seguito s’impossessò di forti somme destinate ai partiti socialdemocratici russo (POSDR) e tedesco (SPD), tra cui i diritti dell’opera di Gorkij “I bassifondi”. Perciò, nel gennaio 1908, il tribunale del partito russo l’espulse dal movimento socialdemocratico. Dopo la condanna ma in possesso del “patrimonio” saccheggiato, Parvus partì per l’impero ottomano in fermento per l’azione dei Giovani Turchi. Ad Istanbul, Parvus rimase per cinque anni divenendo un tramite utile e potente del governo dei Giovani Turchi con la Germania. Lì organizzò il sistema dei trasporti e comunicazioni ottomano, permettendo ad Istanbul, nel 1915, di resistere all’assalto anfibio anglo-francese a Gallipoli. Fu anche l’ideatore della strategica ed anti-mackinderiana ferrovia Berlino-Baghdad.
Alexander Parvus essendo un marxista per formazione, ma non per convinzione, voleva guidare una rivoluzione per inserirsi nel grande gioco; simili personalità ambiziose sono apprezzate dai servizi segreti. Perseguendo l’idea di far crollare un grande Paese, con l’aiuto della “grande” rivoluzione democratica, come vantava nell’epoca napoleonica lo statista inglese William Pitt, Parvus cercava “una situazione in cui fosse possibile acquisire facilmente un Paese”. A tal proposito, scrisse un memorandum intitolato “Preparazione dello sciopero politico di massa in Russia“, che presentò al governo imperiale di Berlino il 9 marzo 1915, per abbattere l’impero russo.
Il programma prevedeva l’organizzazione di:
– scioperi nazionali con slogan “Libertà e Pace” a San Pietroburgo e che riguardassero le fabbriche di armi e le ferrovie.
– distruzione dei ponti ferroviari, paralizzando i rifornimenti e il trasporto di truppe e attrezzature per il fronte, provocando proteste di massa.
– congresso dei leader russi socialdemocratici in Svizzera, per presentare l’invito unanime all’azione contro il regime zarista.
– agitazione tra gli operai nelle città portuali (Odessa, Sebastopoli), cantieri navali (Nikolaev), raffinerie (Baku e Rostov), inviando pubblicazioni da Romania e Bulgaria.
– organizzazione di scioperi e rivolte regionali con slogan politici ed incendio di depositi petroliferi.
– supporto alle pubblicazioni estere e locali dei partiti, creando un’atmosfera ovunque contraria al regime zarista.
– sostenere lo slogan del POSDR “rovesciare il governo e rapida conclusione della pace”
– incitare sentimenti anti-russi in Ucraina, Finlandia e Caucaso.
– organizzare i prigionieri politici facendoli fuggire dalla Siberia e inviandoli come agitatori rivoluzionari a Pietrogrado.
“…Tutte queste azioni coordinate creerebbero il caos contro la monarchia, imponendo un nuovo governo pronto a concludere un trattato di pace con la Germania”. Parvus stilò una serie di misure finanziarie e tecniche connesse, come la fornitura di materiali esplosivi, mappe ferroviarie, corrieri da inviare presso i rivoluzionari in esilio in Svizzera, finanziamento dei media radicali. Per queste ed altre attività, Parvus chiese al governo tedesco 5 milioni di marchi, e il 17 marzo 1915, il segretario di Stato del Ministero degli Esteri tedesco Jagow telegrafò al Tesoro: “per sostenere la propaganda rivoluzionaria in Russia necessitano due milioni“. La risposta positiva arrivò un paio di giorni dopo. Parvus ebbe un milione che trasferì in un conto a Copenaghen, dove aveva sede la casa editrice che aveva fondato e che pubblicava testi e bollettini di politica internazionale, geoeconomia e geopolitica. Inoltre, vi aveva anche creato un impero commerciale che si occupava di operazioni commerciali, anche illegali, per acquisire all’estero carbone, metalli, armi per la Germania.
Infatti, Parvus nel marzo 1915, in qualità di “consigliere principale del governo tedesco sulle questioni rivoluzionarie in Russia”, disse all’ambasciatore tedesco a Costantinopoli: “Gli interessi del governo tedesco coincidono con gli interessi dei rivoluzionari socialdemocratici russi, raggiungendo il suo obiettivo solo con la completa distruzione dell’impero zarista. D’altro canto, la Germania non potrebbe uscire vittoriosa da questa guerra se non provocasse una rivoluzione in Russia. Ma anche dopo la rivoluzione, la nostra patria (si riferisce alla Russia) sarebbe di grande pericolo per la Germania, se non venisse suddivisa in un certo numero di Paesi indipendenti. Gruppi separati di rivoluzionari russi già lavorano in questa direzione...” Parvus inoltre finanziò l’organizzazione separatista ucraina Spilka e tesse una rete di contatti con le logge massoniche, preparando il futuro governo provvisorio del primo ministro filo-alleato Aleksandr Kerenskij, all’epoca politico laburista russo e segretario del Consiglio Supremo massonico dell’impero russo.
ArmisticebrestlitovskIl piano di Parvus intaccava un Paese, la Russia, che nella primavera 1916 era gravemente indebolito dalla guerra imperialista e da disorganizzazione e incompetenza del corrottissimo governo zarista. Inoltre, Parvus voleva creare un ampio fronte di partiti di sinistra, mentre Lenin era contrario a confondere con le forze di sinistra i rivoluzionari bolscevichi. E aveva ragione, poiché i partiti della sinistra russa avrebbero sostenuto le richieste avanzate dalle potenze occidentali Regno Unito, Francia e USA per continuare la guerra.
Nel maggio 1915, in Svizzera, Parvus incontrò Lenin. Lenin aveva sempre saputo con chi aveva a che fare: un individuo a cui non chiedere mai un rublo. Si può fantasticare su cosa i due avessero “concordato” a Zurigo, ma resta il fatto che l’unico a parlarne fu Alexander Parvus. Il 9 marzo 1915 disse al segretario di Stato tedesco Jagow che non concordava con Lenin, ma che i piani non cambiavano e che avrebbe realizzato il progetto della “grande rivoluzione” in Russia per conto proprio. Parvus, quindi, dopo aver ricevuto il primo anticipo di 1 milioni di marchi, si recò a Berna da Lenin per metterlo a parte del piano. Ma Lenin fu estremamente cauto, anche se Parvus comprò i biglietti da Zurigo per Lenin e la moglie. Ma i tedeschi decisero che dovevano partire tutti gli esuli politici russi, ovvero decine di rivoluzionari. Infine, prima che arrivasse a Pietrogrado Parvus voleva discutere con Lenin e così decise di organizzare una sosta del treno a Berlino, per far incontrare Lenin con dei dirigenti sindacali tedeschi, ma Lenin si rifiutò di incontrare anche Parvus. Già nel dicembre 1915 Parvus ricevette dal governo tedesco 15 milioni di marchi per organizzare l'”Ufficio di Cooperazione Economica Internazionale”, copertura per finanziare i partiti socialisti europei. Sempre nel 1915 pubblicò la rivista “Die Glocke“, dedicata alle analisi politico-economiche internazionali (qualcosa che ricorda Lotta Comunista di oggi).
Nel 1918, il Capo di Stato Maggiore generale tedesco, generale Ludendorff, ammise lamentandosi: “Abbiamo la grave responsabilità di aver portato Lenin in Russia, ma doveva essere fatto per far cadere la Russia“. Infatti “la rivoluzione ha le sue leggi. Dopo il fiasco dei negoziati segreti, Parvus si agitò, accusando ed insultando Lenin”. Fu lui che diffuse la leggenda di un Lenin agente dell’imperialismo tedesco; le sue pubblicazioni urlavano che Lenin “lecca gli stivali di Hindenburg“.
Deluso, Parvus si ritirò in Svizzera, ma il governo svizzero l’espulse dal Paese. Tornato in Germania, visse in una villa nei pressi di Berlino. Parvus era considerato da molti suoi sodali un brillante rivoluzionario, ma senza scrupoli ed individualista. Avanzò assieme a L. D. Trotzkij “la teoria della rivoluzione permanente”, sulla base della quale Trotzkij, all’epoca, si scontrò con Lenin. Deceduto a Berlino nel 1925, Parvus lasciò una grande fortuna, finanziaria e documentaria, che in parte andò in eredità al primogenito, all’epoca un funzionario sovietico.
Nei suoi scritti teorici, Parvus ad esempio parlava di prendere il controllo del mondo occupando il sistema finanziario mondiale. “L’idea non era nuova, ma i metodi e le tecniche sì; richiamando i dettagli di un sordido e lucido anti-leninismo, puntavo a soggiogare la coscienza delle popolazioni con gli utili idioti dei sostenitori della democrazia”. Parvus inviando diversi memorandum all’alto comando imperiale tedesco e al ministero degli Esteri di Berlino, suggerendo di frantumare l’impero russo facendo ricorso alla propaganda rivoluzionaria democraticista e alle sollevazioni etnico-nazionaliste, è divenuto il mentore tanto dei russofobi nazisti Rosenberg, Himmler e Lipa quanto dei russofobi imperialisti Kennan, Soros e Brzezinski.
Alla luce di questi aspetti di tale frazione della storia politica del socialismo europeo, si ha una chiave di lettura maggiormente chiara su regioni e motivazioni delle svolte e azioni politiche che influenzarono i momenti cruciali della storia della Russia sovietica, da Brest-Litovsk alla guerra polacco-russa alla repressione della rivolta di Khronshtadt, dalle lotte interne al PC(b)R alla NEP, fino alla collettivizzazione forzata, al Grande Terrore e al Patto Molotov-Ribbentrop. Inoltre, la documentazione presente al riguardo, smentisce l’ennesima bufala di un Lenin agente prima della Germania imperiale (Lenin dovette piegarsi al trattato di pace del 1918, essenzialmente perché non c’era ancora un’Armata Rossa e per la stupidità di Berlino), e soprattutto manda al macero la bufalissima di Lenin agente delle grandi banche americane, non a caso spacciata proprio da ambianti estremisti americanisti, come Ford e Churchill, cha da sostenitori del capitalismo selvaggio bancarottiere del 1929, si opponevano alle misure interventiste di Roosevelt, accusato di essere un bolscevico che attentava allo “spirito autentico dell’America”. Accuse, queste ultime, riprese in toto dalle varie attuali fazioni signoraggiste e auritiste spronanti a un ritorno al ‘sano’ capitalismo (anglosassone) di inizio secolo… XX.

UKR 1918
Fonti:
Survincity
New History
Narpolit

Il crollo dell’Unione Sovietica: la storia del tradimento di Gorbaciov e Eltsin

Sevnews Reseau International 13 marzo 2015

L’URSS non è crollata perché il suo sistema non funzionava o perché economicamente indebolita, tanto meno per la guerra in Afghanistan e altre stronzate che la propaganda continua a spacciare anche dopo la fine del blocco sovietico. La seguente testimonianza ci dice dall’interno ciò che è realmente accaduto.gorbachev_solarconferenceQuest’anno (2011) vi segnalo due eventi correlati: il 20° anniversario del crollo dell’Unione Sovietica e l’anniversario del suo primo e ultimo presidente Mikhail Gorbaciov. Come considerare tali date? Per alcuni, il crollo dell’Unione Sovietica fu la maggiore catastrofe geopolitica del secolo. Altri, vincendo contro ogni probabilità l’indipendenza nel 1991, parlano del trionfo di democrazia ed autodeterminazione nazionale dei popoli, osservandone pomposamente i giorno dell’indipendenza. “Il crollo dell’Unione Sovietica non fu causata da incoerenza interna, dice Aleksandr Zinoviev, filosofo e scrittore ben noto. È una sciocchezza: il sistema sovietico era praticabile, poteva durare per sempre. Fu una grande attività sovversiva occidentale. Ho studiato tale operazione sovversiva per 20 anni, conosco la tecnica e come fu attuata. E il passo finale di tale deviazione portò Gorbaciov a segretario generale del partito. Fu un diversivo, non fu solo eletto, fu messo al potere e tutte le azioni di Gorbaciov e poi Eltsin furono un tradimento, distrussero l’apparato del partito, il partito e l’apparato statale“. Secondo i rapporti, Gorbaciov e sua moglie furono già reclutati dalla CIA nel 1966 durante il loro viaggio in Francia. Le allusioni al riguardo furono fatte dal noto Zbigniew Brzezinski, ai vertici degli Stati Uniti. In ogni caso, l’attività antisovietica di Gorbaciov iniziò subito dopo l’ascesa al potere, come indicano le sue istruzioni. Prendete, per esempio, le elezioni a segretario generale… Il fatto che fossero chiaramente parte delle operazioni dei servizi degli Stati Uniti, molti lo capirono, anche in occidente. Tutto fu pianificato affinché solo 8 persone decidessero le elezioni. Si ritardò, con dei pretesti, la partenza dagli Stati Uniti del membro del Politburo Shherbitskij, che avrebbe sicuramente votato contro Gorbaciov. Fu impedito nelle elezioni un altro membro del Politburo, che era in congedo, Romanov, che avrebbe certamente votato contro Gorbaciov. Se solo questi due avessero votato, Gorbaciov non sarebbe diventato segretario generale, eletto per un voto! Alla fine degli anni ’80, tra gli esperti della socialdemocrazia europea apparve il termine “incubatore” in relazione all’ascesa al potere di capi filo-statunitensi. Questo sistema per creare capi controllabili fu particolarmente sviluppato negli anni ’90… tale “incubatore” seleziona in continuo personale relativamente giovane che non occupa posizioni elevate e che deve soddisfare due requisiti fondamentali. Primo l’ambizione, poter attrarre l’attenzione e compiacere il pubblico. Secondo, essere manipolabili, ad esempio, ricattabili con atti compromettenti o vizi nascosti, in modo che, se necessario, si possano controllarne le azioni. Nell'”incubatore” la CIA comunica attraverso canali stabiliti con i prescelti, quindi coordina gli sforzi per promuovere i suoi candidati ed eliminarne i rivali. L’intera operazione può essere effettuata in modo discreto, ma la persona scelta vince. C’è sempre una scelta. La creazione di capi filo-USA non lascia prove dirette. Così vengono creati i collaborazionisti degli Stati Uniti disposti a vendere il proprio popolo per vantaggi personali… L’ideatore del sistema “incubatore” fu un alto ufficiale, Allen Dulles. Il sistema fu testato sull’URSS…
gorbaciov-eltsin-infophoto Far nominare Gorbaciov Segretario generale del Comitato Centrale del PCUS fu infatti il primo passo per l’attuazione della controrivoluzione in URSS. Gorbaciov fu semplicemente comprato, oltre a una somma di 80 miliardi di dollari saccheggiata dalla sua amministrazione, una strana storia spunta quando il cancelliere Kohl suggerì di versare all’URSS 160 miliardi di marchi per il ritiro delle truppe sovietiche dalla Germania. Gorbaciov ne accettò 16 miliardi… anche Bush lo richiese. E’ difficile credere che il resto del denaro non sia stato versato. Inoltre fu creata un’immagine incredibilmente positiva nei media occidentali. Fu riferito che nel corso della riunione di Malta furono “offerti” a Gorbaciov 300 milioni di dollari e 75 milioni a Shevardnadze. Innumerevoli università e fondazioni gli diedero bonus, premi, diplomi, titoli onorifici. Più Gorbaciov vendeva il Paese, più veniva affittato. Ricevette anche il Premio Nobel per la Pace, durante le operazioni militari in Afghanistan. Dopo il famoso incontro a Malta nel dicembre 1989, il Segretario Generale Mikhail Gorbachev e il presidente degli USA George Bush (senior) annunciarono che i loro Paesi non erano più avversari. Alla vigilia della storica visita una terribile tempesta scoppiò in mare, come se la natura stessa si ribellasse cercando di evitare una tragedia terribile. Ma quale? Persone informate dicono che al momento di negoziare, uno stupito giornalista statunitense apparve sul ponte della nave sovietica e disse ai colleghi in perfetto russo: “Ragazzi, questa è la fine del vostro Paese...” Se si ricorda ciò che Gorbaciov fece concretamente, è ovvio che le sue azioni furono una pianificata e deliberata distruzione dell’apparato del PCUS. Dopo di che, il processo di distruzione di tutto il sistema statale sovietico andò con stupefacente rapidità. E un fulmine colpì l’intera società: comunità di base, economia, ideologia, cultura, ecc. Questo non potrebbe accadere naturalmente. Fu possibile perché la sconfitta dello Stato sovietico fu attuata dai propri dirigenti su dettatura dei manipolatori occidentali. Certamente Gorbaciov conosceva le istituzioni speciali per la preparazione di agenti d’influenza, ed anche i loro “laureati”. Ma dopo aver ricevuto dalla direzione del KGB informazioni su tali agenti e sull’impatto della loro influenza, Gorbaciov vietò al contro-spionaggio di adottare misure per reprimere i loro crimini. Gorbaciov ed Eltsin, anche se ufficialmente avversari politici, ricevevano denaro dalla stessa fonte, la Fondazione Hugo Humphrey degli USA.

Mikhail Gorbachev and Rajiv GandhiQuando Rajiv Gandhi incontrò Gorbaciov ed espose un piano per il rilancio strategico dell’Unione Sovietica in Oriente e rafforzare il rapporto URSS-India, Gorbaciov riferì ai suoi padroni tale iniziativa pericolosa. I suoi padroni decisero la liquidazione totale della famiglia Gandhi.

Mikhail_Gorbachev_nobel_prize_1990Nel dicembre 1989 Gorbaciov personalmente contribuì a creare a Mosca, Vilnius, Riga, San Pietroburgo, Kiev, Odessa e Nizhnij Novgorod le filiali della loggia massonica “B’nai B’rith” (Figli del Testamento). Tutti, compreso Gorbaciov, sapevano cosa fosse. Qui, per esempio, le dichiarazioni di alcuni capi della loggia. Henry Kissinger: “Preferisco il caos e la guerra civile in Russia alla riunificazione in uno Stato unito, forte e centralizzato“. Zbigniew Brzezinski: “La Russia sarà frammentata e controllata“. A. Dulles: “La nozione di “popolo russo” dovrebbe sparire del tutto“. B. Didenko ha assolutamente ragione quando scrisse nel suo libro “La civiltà dei cannibali”: “La perestrojka fu un approccio astuto e lungimirante del potere rapace. Impedendo deliberatamente all’Unione Sovietica di prendere la direzione giusta, sull’esempio della Cina“. La confessione di B. Clinton: “Utilizzando gli errori della diplomazia sovietica, l’estrema infatuazione di Gorbaciov e del suo entourage, anche di coloro che apertamente assunsero una posizione filo-USA, abbiamo ottenuto nell’Unione Sovietica ciò che il presidente Truman stava per avere con la bomba atomica“. Prima della perestrojka l’Unione Sovietica non aveva praticamente alcun debito. I mutui contratti durante la perestrojka furono concessi con “denaro del partito”, ma in realtà furono utilizzati dai capi “democratici” provenienti dalla direzione del PCUS degenerato: Gorbaciov, Jakovlev, Shevardnadze… Il paradosso è che il denaro preso in prestito fu utilizzato per distruggere il Paese, saccheggiarne le ricchezze e deviarne la ricchezza nazionale, da parte di coloro che andarono al potere in Russia e dei loro padroni stranieri. Il denaro fu anche utilizzato per organizzare l’estinzione della popolazione russa e creare una cortina fumogena mediatica. Fu la più grande rapina nella storia dell’umanità. Il danno totale nella distruzione del potenziale del Paese, del saccheggio della sua ricchezza, dell’espatrio di fondi supera il trilione di dollari. Alla fine del luglio 1991 Bush padre visitò Mosca. Durante la visita ebbe un incontro informale con Gorbaciov, che riferì al padrone gli eventi nel Paese. Ciò tre settimane prima il 19 agosto 1991. I padroni internazionali di Gorbaciov organizzarono un colpo di Stato. L’obiettivo occulto era creare lo stato di emergenza e la dittatura. Il ruolo di Gorbaciov da “povera vittima” del colpo di Stato divenne improvvisamente sospetto. Una volta disse alla stampa che non avrebbe detto la verità a nessuno. Fu lo scenario fornito dalla mafia mondiale. Ma il piano fallì. Tuttavia, i mondialisti non mettono mai “tutte le uova nello stesso paniere”. Nel maggio 1993, durante la sua visita privata in Francia, Gorbaciov rispose alle domande sul ruolo degli “aiuti esteri” nella liquidazione dell’URSS. In primo luogo disse che le influenze estere esistevano, ma come elemento oggettivo, dato che le tendenze di fondo erano nel Paese. Tuttavia, alla fine si lasciò sfuggire una parola, permettendo al quotidiano Le Figaro d’intitolare l’intervista a Gorbaciov in modo assai strano: “Dobbiamo rendere omaggio a Ronald Reagan”. “In questa intervista, al corrispondente di Figaro, Gorbaciov riconosce per la prima volta che durante l’incontro con Reagan a Reykjavik effettivamente mise l’URSS alla mercé degli Stati Uniti. Ecco le sue parole: “…Reykjavik era in realtà un dramma, un grande dramma. Scoprirete presto perché. Credo che senza una forte personalità, come Ronald Reagan, il processo potesse non continuare… Durante il summit, come si vede, spingemmo le cose fino al punto in cui era impossibile tornare…
Eltsin-Clinton L’occidente non abbandona il suo eroe. Gorbaciov, responsabile della morte e la distruzione di milioni di persone, vive felice con il denaro di varie organizzazioni occidentali, anche statunitensi e tedesche. È costantemente “finanziato” dagli onorari per interventi ovunque e in qualsiasi momento. Il 25 dicembre 1991 Gorbaciov si dimise da Presidente dell’Unione Sovietica. Ebbe per compenso per la sua dipartita una lista di provvidenza. Pensione da presidente indicizzata al costo della vita, appartamento presidenziale, villa, auto per la moglie e se stesso, ma cosa principale, il fondo… l’ex-Accademia delle scienze sociali. In quel momento, per i “democratici” e i loro padroni occidentali Gorbaciov divenne roba usurata. Infine, nel crollo dell’Unione Sovietica fu trovata una nuova figura. Eltsin. Demagogo, incapace di dire tre frasi coerenti, creativo per istruzione e distruttivo per natura, democratico aspirante alla dittatura personale, alcolizzato e afflitto da molti altri difetti, Eltsin era il burattino perfetto. Poteva adattarsi a nuovi ambienti e dire le cose più assurde, ma seguendo gli ordini senza obiezioni del Politburo (Washington). La stampa democratica, critica con zelo del culto della personalità di Stalin, aveva infatti creato un culto della personalità di Eltsin. Per aumentarne la popolarità, i democratici non esitarono nelle falsificazioni. Un testo fittizio del cosiddetto discorso di Eltsin dell’ottobre 1987 al plenum del Comitato centrale del PCUS fu ampiamente pubblicizzato. Il risultato della propaganda fu spettacolare: Eltsin divenne inattaccabile. Nessun politico occidentale poteva risalire dal buco nero in cui era finito Eltsin. Non appariva nei dibattiti televisivi con gli altri candidati alla presidenza, come sarebbe avvenuto negli altri Paesi; esempio di disprezzo per gli elettori. Nella Russia a metà 1991 lo zimbello degli elettori non faceva attenzione a tali dibattiti. Inoltre, Eltsin non aveva alcun programma se non argomentazioni demagogiche sulla sua lotta ai privilegi della nomenklatura di partito e slogan volutamente vaghi sulla sovranità della Russia. Tuttavia, il referendum sull’Unione Sovietica del 17 marzo 1991 dimostrò che la maggioranza dei cittadini dell’URSS voleva ancora vivere in uno Stato unito. Inoltre, nella primavera 1991 apparve chiaro che negli ultimi anni emergeva un movimento patriottico, anche se ancora frammentato nonostante le difficoltà causate dalla pressione dei media liberali, chiaramente guadagnandosi la fiducia delle masse. Le elezioni presidenziali della Federazione Russa del 12 giugno 1991 lo dimostrarono chiaramente. La campagna elettorale in Russia durò solo 15 giorni! Un record. Ma ritenere che tutto andò liscio per Eltsin è un errore. In quelle elezioni praticamente incontrastate, Eltsin ebbe 45552041 voti su 106484518 di elettori. La sensazione principale delle elezioni presidenziali non fu la vittoria di Eltsin, attesa da tutti, ma l’emergere di Zhirinovskij. La cosa principale che attirava la simpatia di Zhirinovskij del 7,8% degli elettori fu una frase: “Io difenderò i russi”. Nonostante la vittoria di Eltsin e tutta la confusione dei media, i russi erano pronti a difendere la Russia storica. In tali circostanze, i pupari occidentali e la loro marionetta russa organizzarono la grande provocazione nota come “putsch di agosto”.
Infine, una domanda: perché Boris Eltsin firmò la famigerata “Dichiarazione di sovranità della Russia” esattamente il 12 giugno 1990? Perché esattamente un anno dopo vi furono le elezioni, quel giorno, dall’esito scontato, di Eltsin a presidente della Russia, e perché quel giorno divenne festa nazionale per i cittadini della Russia? La risposta è semplice e praticamente indiscutibile. Il 12 giugno è il compleanno di George Bush, presidente degli Stati Uniti, vicepresidente di Ronald Reagan ed ex-capo della CIA, il cui ruolo nella distruzione dell’URSS è assai maggiore di quelli di Eltsin o perfino Gorbaciov. Così i tutor statunitensi, nel giugno 1991, con fermezza e senza imbarazzo, misero al potere Eltsin per due volte in un anno, immortalandone il ruolo di capo della vittoriosa “crociata” contro l’URSS. E allo stesso tempo, marchiando in modo indelebile (come bestiame) la struttura dello Stato fantoccio della Russia.

OLYMPUS DIGITAL CAMERATraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Uno squadrone di MiG nell’Area 51

Jaime Noguera, RBTH, 3 settembre 2014

Durante la Guerra Fredda l’US Air Force creò una squadriglia segreta formata da aerei sovietici ottenuti nei modi più diversi, molti grazie alla defezione dei piloti. Gli Stati Uniti hanno esaminato attentamente tutti gli aerei dell’URSS caduti nelle loro mani. Alcuni fuggiti da Cuba.

4477th_Test_and_Evaluation_Squadron_MiG-21_Red_85La 4477.ma squadriglia di valutazione (4477 TES) fu creata dal Comando aereo tattico dell’Aeronautica militare degli Stati Uniti per apprendere le caratteristiche di volo degli aeromobili utilizzati dall’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda. Lo scopo di questo progetto segreto, chiamato Constant Peg, era addestrare i piloti e gli addetti alle armi dell’Aeronautica militare e del Corpo dei marines degli Stati Uniti contro i velivoli nemici. La novità di questa iniziativa fu l’impiego diretto di tecnologia sovietica. L’informazione pubblica su tale unità soprannominata Red Eagles fu declassificata di recente, nel 2006. Così si apprese che tra il 1977 e il 1988 operava da basi nel deserto del Nevada, nel complesso denominato “Area 51″, con aeromobili MiG-15, MiG-17, MiG-21 e MiG-23, anche se non fu ufficialmente sciolta prima del 1990. Come dicono gli specialisti Steve Davies e Gaillard R. Peck Jr nei loro rispettivi libri sul 4477 TEST, la maggior parte dei velivoli fu ottenuto con prestiti o acquisizioni da Paesi come Israele (esemplari catturati nelle guerre con i Paesi arabi) o Indonesia, ma nella prima fase di Constant Peg, furono anche usati velivoli consegnati dai disertori. Come nel caso del caccia Jakovlev Jak-23 del pilota rumeno Mihail Diaconu che volò nel 1953 in Jugoslavia e che i servizi segreti statunitensi ebbero dall’Aeronautica del Maresciallo Tito. L’aereo arrivò disarmato e fu inviato al centro di test e valutazione dell’US Air Force di Wright Airfield, presso Dayton, Ohio, dove fece diversi voli di prova, riconosciuti negli Stati Uniti. Per mantenere segreto il possesso del velivolo, lo Jak-23 fece le prove di volo nelle prime ore del mattino. Dopo aver completato tutti i test, il velivolo fu smontato e rimandato in Jugoslavia con l’araldica originale. Gli statunitensi conclusero che, nonostante fosse superato dai caccia di nuova generazione, lo Jak-23 era ancora una minaccia per i bombardieri che conducessero missioni sul territorio dell’URSS.


Video in inglese su test condotti dall’USAF con lo Jak-23, declassificato nel 1994.

In realtà, gli Stati Uniti erano ansiosi d’avere un MiG-15, l’aereo che gli causava gravi perdite nella guerra di Corea, quindi optarono per l’uso del denaro offrendo 100000 dollari e asilo politico ai piloti che disertavano su uno di questi velivoli. L’Operazione Moolah portò dei risultati la mattina del 5 marzo 1953, con l’atterraggio sull’isola danese di Bornholm del polacco Franciszek Jarecki a bordo dell’aereo desiderato. Gli esperti dell’USAF approfondirono il velivolo, che fu restituito via nave alla Polonia secondo gli standard internazionali. Tuttavia, gli Stati Uniti fecero volare sul deserto del Nevada l’aereo con cui il tenente nordcoreano No Kum-Sok cercò di divenire cittadino statunitense, fuggendo in aereo in Corea del Sud, il 21 settembre 1953.


Valutazione del MiG-15 da parte dell’USAF.

Quando aerei volarono da Cuba in quel periodo, alcuni di tali velivoli non aggiunsero tecnologicamente nulla agli Stati Uniti, come l’addestratore Zlin 326 dell’istruttore cubano Jose Diaz Vásquez che volò un anno dopo la crisi dei missili di Cuba, a Key West. O l’elicottero Mil Mi-4 fuggito nel 1964 dopo che Santos Guillermo Izaguirre e Andrés Izaguirre ne uccisero in volo il comandante José García inviando il velivolo da Cuba alla stessa destinazione scelta da Diaz Vasquez. Secondo lo storico Ruben Urribarres, forse fu molto interessante ricevere sul proprio territorio un MiG-17 cubano del reggimento di Santa Clara, pilotato dal tenente Eduardo Jiménez Guerra, passato al blocco occidentale il 5 ottobre 1969 volando sulla Homestead Air Force Base di Miami e creando grande allarme, dato che all’atterraggio il caccia sovietico parcheggiò vicino al Boeing 707 del presidente Lyndon B Johnson, evidenziando i problemi del sistema di difesa aerea degli Stati Uniti. L’aereo sarebbe tornato a Cuba che dieci anni dopo.
Il vero oggetto del desiderio dell’USAF in quegli anni era il MiG-21 che creava molti problemi in Vietnam. Ne ottenne un esemplare, più due MiG-17 siriani, attraverso Israele. In particolare, il MiG-21 era l’aereo con cui aveva disertato nel 1966, con l’Operazione Diamante del Mossad, il capitano dell’Iraqi Air Force Munir Radfa. Gli statunitensi condussero dei test tra gennaio e aprile 1968. I loro piloti in Nevada lo descrissero come “un aereo buono ed onesto”. Dei MiG-17, i dirigenti del programma notarono con preoccupazione che nei primi test contro gli F-4 Phantom, questi venivano sconfitti più e più volte dai piccoli e agili aerei sovietici. Tra l’altro, grazie al materiale sovietico, fu facilitato l’invio ad Israele dei Phantom. Negli anni ’70, il raffreddamento delle relazioni tra l’Unione Sovietica e l’Egitto fornì aerei più avanzati all’unità segreta. Il presidente Anwar Sadat diede al suo potente alleato occidentale due cacciabombardieri MiG-23 Flogger che furono esaminati e valutati nelle installazioni militari preferite dagli ufologi di tutto il mondo.
L’ultima defezione di un aereo sovietico da Cuba risale al 1993, quando un MiG-21bis cubano pilotato dal capitano Enio Ravelo Rodriguez atterrò negli Stati Uniti e il 20 marzo 1991, quando il maggiore Oreste Lorenzo Pérez apparve sull’US Naval Air Station di Boca Chica su un cacciabombardiere MiG-23, il modello più moderno che disertò negli Stati Uniti da Cuba. Né i radar statunitensi né cubani rilevarono l’intruso. Fu uno scandalo che dimostrò la vulnerabilità di entrambi i Paesi agli attacchi aerei. Il velivolo fu restituito e Lorenzo chiese asilo politico, ma la famiglia rimase a Cuba (moglie e due figli). Come racconta il blog Baracutey Cubano, Oreste (veterano dell’Angola) volò segretamente su un piccolo aereo nell’isola, atterrando su una strada a Varadero, a 150 km ad ovest di L’Avana, ingannando le nuove difese aeree cubane e rientrando in sicurezza all’aeroporto di Marathon, Florida Keys, Florida.
Ufficialmente, il programma dei test con aeromobili “stranieri” fu chiuso dopo la caduta dell’URSS. Tra tre e cinque piloti statunitensi morirono negli incidenti durante Constant Peg. Il 4477 fu disattivato e i loro aerei conservati come pezzi da museo o nei cimiteri aeronautici. Tuttavia, un nuovo squadrone erede del 4477 fu creato, il 57.th Wing di Nellis che apparentemente utilizza aerei “non americani”. Ciò è suggerito dall’avvistamento di un caccia Sukhoi Su-22 nel marzo 1994 a Groom Lake (foto pubblicata sulla rivista Popular Science) e da un Su-27 Flanker nell’ottobre 1994 (secondo la rivista Aerospace Daily). Il 10 ottobre 1997 l’Arms Control Association riferì che gli Stati Uniti avevano comprato quell’anno quattordici caccia moldavi MiG-29C, sei MiG-29A e Mig-29B, 500 missili aria-aria, apparecchiature diagnostiche e ricambi immagazzinati nella base moldava degli aerei. Gli statunitensi presentarono la scusa che l’acquisto fu fatto per impedire la vendita del materiale all’Iran. La Moldova ricevette 40 milioni di dollari in “aiuti umanitari e armi non letali” come veicoli per la repressione delle manifestazioni. I MiG furono trasportati al National Air Intelligence Center (NAIC) di Wright Patterson, Ohio, da aerei da trasporto C-17.


Video del 2003 che assicura di mostrare MiG-29 e Sukhoj Su-27 sorvolare Groom Lake.

L’agenzia RIA Novosti riferiva il 5 dicembre 2009 l’acquisto di 2 Sukhoj Su-27 dagli Stati Uniti da un’impresa privata ucraina. RIA Novosti aveva anche citato fonti statunitensi che sostenevano che i due caccia erano privi di armi e venivano rivisti e modificati dalla società Pride Air.


Video della Consegna dei 2 Sukhoi Su-27 ucraini agli USA

Alcune fonti hanno indicato che quest’anno il Combat Command Air Force (ACC) ha avuto regolare accesso a velivoli MiG-29 Fulcrum e Sukhoj Su-27 a Groom Lake (Nevada) dove volano nelle esercitazioni contro gli istruttori della Scuola aerea e dello squadrone di valutazione 422 di Nellis. Si presuppone che siano velivoli dell’aeronautica ucraina che si esercitano con gli omologhi statunitensi.

j7ii-mig21-4477-red-eagle-squadron-Per ulteriori informazioni:
Red Eagles: America’s Secret MiGs (Steve Davies)
America’s Secret MiG Squadron: The Red Eagles of Project CONSTANT PEG (Gaillard R. Peck. Jr.)

4477th_Test_and_Evaluation_Squadron_MiG_23_Red_49Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 531 follower