Perché il Chavismo vince?

Marco Teruggi, Hasta el Nocau, 14 dicembre 2017Il Chavismo ottiene la terza vittoria elettorale in meno di quattro mesi. Ancora una volta, nettamente. Prima le elezioni per l’Assemblea nazionale costituente (ANC), il 30 luglio, poi i governatori, il 15 ottobre, e infine il 10 dicembre, dove, come ha detto il Presidente Nicolás Maduro 300 su 335 i municipi sono stati conquistati. La mappa conferma la correlazione dei voti con la grande maggioranza chavista, aggiungendovi un nuovo governatorato, per un totale di 19 su 23. Come vengono spiegati questi risultati? L’argomentazione dell’opposizione e dei suoi alleati internazionali è sempre la stessa: frode. È l’automatismo che usano davanti ad ogni risultato avverso. La mancanza di credibilità di tale accusa proviene dalla verifica del meccanismo elettorale, e da loro stessi, quando una parte della destra, che vince, riconosce i risultati e l’altra, che perde, no. È così dimostrato nelle dinamiche del conflitto venezuelano che tale affermazione è infondata. Le risposte vanno cercate nel modo in cui ciascuna delle forze arriva alle elezioni. L’opposizione l’ha fatto con diversi elementi contrari, e la capacità unica di spararsi ai piedi. La prima cosa è che una parte importante, in particolare i partiti principali, decise di non parteciparvi. Ciò non significa che la destra non fosse presente, ci sono municipi in cui ha vinto che lo dimostra. Ci sono molte loro note figure che si combattono e si accusano di tradimento, diversi candidati nello stesso comune. L’immagine è quella di una forza in crisi, di generali che si scontrano. Questo scenario è nato dopo la sconfitta subita all’elezione dell’ANC, che ha provocato sia il collasso dell’assise dell’unità democratica, sia la demoralizzazione della sua base sociale che comincia ad accusare i capi di essere dei traditori. Ciò ha portato alla sconfitta nelle elezioni per i governatori, fallimento politico ad effetto domino, accentuando la già evidente sconfitta strategica. I principali partiti hanno trascorso quattro mesi a chiedere di abbattere il governo con le violenze di strada, e presentarsi alle elezioni per astenersi. Il risultato era quindi prevedibile. Ciò conferma l’incapacità dell’opposizione di aprire una prospettiva sullo sviluppo sul conflitto venezuelano, dopo diciotto anni di processo rivoluzionario non ha acquisito il diritto di essere un’alternativa per la maggioranza della popolazione. La mancanza di credibilità ora è evidente al massimo. Ha perso in sei mesi il capitale politico accumulato, che aveva raccolto. Alle presidenziali erano disuniti, con tre inutili tentativi insurrezionali e quattro elezioni sotto il mandato di Nicolas Maduro. Hanno vinto una sola tornata elettorale, nel dicembre 2015, che non sono riusciti a gestire. La situazione in cui si trova l’opposizione è il prodotto dei propri errori, che sono anche, in alcuni casi, dovuti agli ordini dagli Stati Uniti, e dalla capacità politica del chavismo che è uscito dallo stallo mettendoli sulla difensiva.
La ripresa dell’iniziativa, materializzata con questo terzo risultato elettorale in 133 giorni, ha diverse ragioni. Una è che l’unità persiste, mentre l’opposizione è sempre più divisa. Il chavismo ha accettato Nicolás Maduro come leadership consolidata, e presentò candidature unitarie nella maggior parte delle elezioni regionali e municipali. Un’altra ragione è la coerenza. Il chavismo non ha mai ceduto all’appello allo scontro di piazza con cui la destra, tra aprile e luglio ha tentato di trascinarlo. La proposta era sempre la soluzione elettorale, e così è stato possibile contenere l’escalation e mantenere il potere politico. Unità e strategia di fronte a lotte interne e delusioni strategiche. Un’altra ragione va ricercata nei risultati della rivoluzione. Anche se la destra non riesce a consolidarsi come alternativa per la maggioranza, il chavismo trova la sua forza nella dimensione identitaria delle classi subalterne. Il chavismo non è solo leadership e varie mediazioni con successi e fallimenti, è un’esperienza politica di organizzazione della vita, che riguarda una parte del popolo venezuelano e può affrontare queste giostre elettorali con una base che la destra non ha. C’è la consapevolezza del momento storico, di ciò che è in gioco, di ciò che può essere perso in caso di sconfitta elettorale.
Ci possono essere vari motivi per questa terza vittoria elettorale in una fase in cui molti analisti avevano affermato e ribadito, nonostante i sondaggi, che il processo avrebbe inevitabilmente portato alla sconfitta del chavismo. Un trionfo che si verifica nel momento di maggiori difficoltà economiche nel Paese. Una situazione che non va considerata solo dal quadro politico: l’approfondirsi dell’attacco all’economia che cerca di condizionare il voto, per generare scenari contrari, che crollano sotto il proprio peso. Vi sono relazioni dirette tra dollaro illegale, aumento dei prezzi, penuria e risultati elettorali. Ciò che segue è un’enorme e urgente sfida per il chavismo: stabilizzare l’economia, rallentare la ritirata fisica che da l’immagine di un Paese in cui le azioni quotidiane sono una lotta per la maggior parte della popolazione. Ciò significa approfondire le partnership internazionali, le vie per evitare lo strangolamento che il governo degli Stati Uniti e i suoi alleati cercano d’imporre, e recuperare la capacità di governance dell’economia e di affrontare i nemici interni della rivoluzione. Uno di essi è la corruzione che avviluppa l’industria petrolifera e le importazioni, polmoni dell’economia. Le elezioni vincenti sono la possibilità di continuare il progetto storico. Un nuovo passo è stato preso in questo senso, e non solo in un contesto di avversità interne, ma in un momento in cui la destra nel continente, subordinata agli Stati Uniti, cerca di illustrare, come nel caso delle frodi elettorali in Honduras, dove è capace di arrivare. La nuova vittoria elettorale è quindi immensa, è una lezione di politica, un esempio che la rivoluzione venezuelana può dare.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Le ragioni occulte per l’ambasciata degli USA a Gerusalemme

Wayne Madsen, SCF 11.12.2017

Irving Moskowitz

La decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme capitale d’Israele e spostarvi l’ambasciata da Tel Aviv, abbandonando completamente l’impegno a una soluzione a due Stati, ha radici nella politica religiosa di Jared Kushner, consigliere sul Medio Oriente e genero di Trump. Kushner, uno dei preferiti dal primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu e dal magnate statunitense pro-Netanyahu Sheldon Adelson, ha inserito nel suo team da “inviato” del Medio Oriente due ideologi rabbiosamente filoisraeliani, l’ambasciatore statunitense in Israele David Friedman e il “rappresentante speciale per i negoziati internazionali” Jason Greenblatt. Friedman era un avvocato dello studio legale Kasowitz, Benson, Torres & Friedman, che rappresentava la Trump Organization e Greenblatt era il capo legale della Trump Organization. Kushner, ebreo ortodosso, insieme a Friedman e Greenblatt, rappresenta la cabala sionista di estrema destra che rifiuta sia lo Stato palestinese che la nazione israelo-palestinese che accorderebbe ai palestinesi la cittadinanza in uno Stato israeliano laico. Kushner, Friedman e Greenblatt favoriscono l’apartheid in cui i palestinesi sono cittadini di seconda classe. Oltre a Netanyahu e Adelson, ci sono altre ragioni occulte dietro il riconoscimento degli Stati Uniti di Gerusalemme a capitale israeliana. Nel 2009, il Federal Bureau of Investigation (FBI) fermò un gruppo di rabbini ebraico-siriani di New Jersey e New York che organizzava raccolte fondi per il partner della coalizione di Binyamin Netanyahu, il partito degli ultra-ortodossi Shas. Il legame tra rabbini statunitensi e il flagello della corruzione Netanyahu evidenziò il finanziamento segreto dell’espansione delle costruzioni ebraiche a Gerusalemme Est. Le Nazioni Unite non riconoscono Gerusalemme Est parte d’Israele e la Palestina la considera come capitale “de jure” dello Stato di Palestina. Un finanziere chiave delle costruzioni a Gerusalemme Est è il ricco ebreo-statunitense magnate del gioco d’azzardo Irving Moskowitz. Noto neo-conservatore, Moskowitz sostiene operazioni neocon come Hudson Institute, Istituto ebraico per gli affari di sicurezza nazionale (JINSA), American Enterprise Institute e Center for Security Policy (CSP). Frank Gaffney, controverso islamofobo ed ex-consigliere per la sicurezza nazionale della campagna presidenziale di Trump, è a capo del CSP. Moskowitz acquistò terre dagli arabi, soprattutto a Gerusalemme Est, per farne una città esclusivamente ebraica. Più preoccupante per le prospettive di pace del Medio Oriente è il finanziamento di Moskowitz del movimento di destra Ateret Cohanim, che cerca di demolire la moschea al-Aqsa di Gerusalemme, il terzo santuario islamico, noto anche come Cupola della Roccia, per ricostruire il tempio degli ebrei. Di maggiore interesse, tuttavia, fu l’acquisto di Moskowitz dello Shepherd Hotel di Gerusalemme Est, che si affaccia sul Monte Scopus. L’hotel, considerato legalmente proprietà del regno hascemita di Giordania, fu sequestrato come “bottino di guerra” dopo la guerra israelo-araba del 1967. L’hotel era al centro della controversia sull’espansione tra amministrazione Obama e governo di Netanyahu, e riguardava i piani per trasformare l’hotel in appartamenti esclusivamente per ebrei. In un editoriale del 27 luglio sul Jerusalem Post di Jeff Baraq, ex-caporedattore del giornale, si afferma: “Il fatto è che mentre gli ebrei statunitensi come Irving Moskowitz possono acquistare terreni nei quartieri arabi di Gerusalemme Est, un residente palestinese di, ad esempio, Shayq Jarah (dove si trova l’Hotel Shepherd) non può acquistare un appartamento in molte parti di Gerusalemme Ovest, perché l’amministrazione delle terre israeliane, che possiede i terreni, stipula contratti sulla cittadinanza israeliana con persone aventi diritto secondo la legge sul ritorno”. Notando l’instabilità politica del governo Netanyahu, Baraq intitolava l’editoriale “Il governo traballante di Netanyahu, la crisi che gli USA si autoinfliggono“.
Col partner di coalizione di Netanyahu, il Shas, al centro dello scandalo dei rabbini ebraico-siriani di New Jersey e New York, e la famiglia Kushner legata a crimini in entrambi gli Stati, l’influenza dei sostenitori di destra d’Israele sull’amministrazione Trump appare ovvia. L’FBI usò un testimone per identificare numerosi rabbini ebraico-siriani di New Jersey e New York che usavano sinagoghe e yeshivas per il riciclaggio di denaro dalla vendita illegale di borse firmate e persino di organi umani. Il testimone Solomon Dwek, è un importante immobiliarista e proprietario di una barca da gioco, arrestato nel 2006 per aver tentato di passare un assegno a vuoto per frodare la PNC Bank per 25 milioni di dollari. Dwek è anche una figura chiave del potente clan ebraico-siriano di New Jersey e New York, soprannominato “SY Empire” e “clan Dwek”. Tale clan ha anche legami con la società di Kushner, una società immobiliare con importanti partecipazioni nel New Jersey e a New York. Jared Kushner e Trump Organization sono indagati dal Consigliere speciale del dipartimento della Giustizia Robert Mueller per riciclaggio di denaro che coinvolge le famiglie Trump e Kushner. Secondo quanto riferito, l’indagine riguarda il riciclaggio di denaro estero attraverso l’acquisto di proprietà immobiliari, compresi i condomini degli edifici Trump e Kushner a Manhattan e New Jersey. Il riciclaggio di denaro era al centro dell’inchiesta sul sindacato ebraico-siriano durante il mandato di Mueller a direttore dell’FBI. Il seguente estratto dell’atto d’accusa federale spiega il tipo di riciclaggio di denaro effettuato dagli agenti dello Shas. Nella denuncia penale contro il rabbino Eliahu “Eli” Ben Haim della congregazione Ohel Yaacob di Deal, New Jersey, un co-cospiratore identificato solo come “IM”, residente in Israele e principale fonte del denaro per Ben Haim, viene citato, “L’imputato BEN HAIM ha detto al CW (testimone confidenziale) che “clienti di due, tre anni fa mi chiamano” e dichiarava che “viene segnalato che il mercato è stretto”. L’accusato BEN HAIM aveva anche parlato della fonte del denaro, il co-cospiratore IM, e dichiarava di avergli parlato ogni volta a giorni alterni. Riferendosi al co-cospiratore IM, l’accusato BEN HAIM poi chiese al CW: “Tu sai che mi ha mandato negli ultimi 4 anni a tendere fili ogni volta in un posto diverso nel mondo, con un nome diverso? È incredibile. Non ho mai visto niente del genere. Quando CW chiese se l’accusato BEN HAIM si riferisse a luoghi diversi solo in Israele, l’accusato BEN HAIM rispose “no, in tutto il mondo… In tutto il mondo, dall’Australia alla Nuova Zelanda all’Uganda. Tu e io [incomprensibile] ogni Paese immaginabile. La Turchia, non puoi crederci… Tutti nomi diversi. Mai lo stesso nome… Svizzera, ovunque, Francia, ovunque, Spagna… Cina, Giappone’. L’imputato BEN HAIM aveva anche spiegato che il mercato del contante era stretto ‘solo all’inizio dell’anno e alla fine dell’anno’“. La dichiarazione indica quanto persone coinvolte nel riciclaggio di denaro a sostegno della costruzione illegale israeliana sul territorio palestinese cancellino le proprie tracce. Il 26 luglio 2009, il quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth riferì che il rabbino David Yosef, figlio del capo spirituale del Shas ed ex-rabbino capo d’Israele, il rabbino Ovadia Yosef, lasciò Long Branch, nel New Jersey, residenza di Ben-Haim, per Israele poche ore prima del raid dell’FBI che fermò Ben-Haim. Nel maggio 2009, Aryeh Deri visitò la comunità ebraico-siriana di New York-New Jersey alla ricerca di fondi per un nuovo partito politico. Il successore di Deri a capo dello Shas, Eliyahu “Eli” Yishai, che lasciò per formare il partito di estrema destra Yachad, fu ministro degli Interni e viceprimo ministro di Israele. Yishai impedì alla Santa Sede di controllare le proprie proprietà a Gerusalemme e in Cisgiordania.
Ovadia Yosef aveva anche condannato il presidente Obama per aver spinto Israele a congelare gli insediamenti. Yosef chiese anche la ricostruzione del tempio ebraico sul sito della moschea di al- Aqsa a Gerusalemme, lamentandosi del fatto che lì “ci sono arabi”. È con tale sfondo arabofobo che Trump, al servizio degli interessi della cabala Kushner-Moskowitz-Adelson, ha ribaltato 70 anni di politica statunitense riconoscendo Gerusalemme capitale israeliana.

Eliyahu “Eli” Yishai

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Lo Yemen s’impone su Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti

Ibrahim Saraji, Yemen Press 12 dicembre 2017Non è possibile limitare le ripercussioni negative per le forze dell’aggressione saudita-statunitense sullo sfondo dell’eliminazione della sovversione a Sana’a e altre province a tempo di record; perché tale scommessa era l’ultima, arrivata alla resa dei conti eliminando ogni speranza per l’aggressione, oggi più che mai fallita. Nel momento in cui questi Paesi, in particolare Arabia Saudita ed Emirati Arabi, scoprono molto sugli “scudi” difensivi che dovrebbero affrontare i missili balistici o il nuovo missile da crociera che ha colpito gli Emirati Arabi Uniti, secondo il New York Times. Negli ultimi giorni, diversi giornali importanti riferendosi ai governanti dell’Arabia Saudita e alla loro assoluta fiducia nel passaggio ai successori, indicano che l’instabilità nello Yemen significa stabilità di Arabia Saudita e Stati del Golfo, e crescenti attacchi dell’esercito e delle commissioni popolari, compresi i missili contro Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti; e la stabilità dello Yemen controllato da esercito e comitati popolari, costituisce una minaccia alla loro stabilità, innescando così la sovversione a Sana e in altre province, il cui obiettivo principale era portare il caos in queste aree, in modo che divenissero difficili o danneggiassero le operazioni dell’esercito, dei comitati popolari e della forza missilistica yemeniti. Con l’improvviso fallimento della sedizione, il tentativo si ritorse nel contrario, stabilizzando Sana, e un missile da crociera colpiva Abu Dhabi per la prima volta dopo un lancio di prova. Quindi il leader della rivoluzione, Abdulmaliq al-Huthi, apparve in seguito al crolla della sedizione parlando di tradimento. Per qualsiasi Paese, ad eccezione di Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, completamente entro la gittata dei missili yemeniti, questa è una nuova situazione che danneggia i governanti del regime saudita, poiché Arabia Saudita ed EAU non saranno stabili finché continuano l’aggressione allo Yemen. La stabilità dello Yemen in cambio della stabilità di Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, e stabilità nella capitale Sana, in cambio della stabilità a Riyadh e Abu Dhabi.

Missili rilevatori
Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, insieme agli Stati Uniti, incontreranno altri disastri collegati al crollo del muro difensivo di Riyadh e Abu Dhabi e alla fine del mito dei sistemi di difesa degli Stati Uniti, che sponsorizzano l’aggressione allo Yemen. In tale contesto, quando la forza missilistica yemenita lanciò il missile da crociera sulla centrale nucleare di Abu Baqra ad Abu Dhabi, svelò il primo obiettivo nella capitale dell’aggressione e il sistema missilistico da crociera che si univa a quelli balistici. Da qui, le fonti confermano che il missile colpì il bersaglio con precisione. Il regime degli EAU, pur di non riconoscere la sconfitta strategica, affermava che alcun missile aveva raggiunto la sua capitale, sottolineando che la centrale nucleare era protetta da sistemi difensivi; affermazioni “inavvertitamente” smentite dalla Casa Bianca. Il missile da crociera yemenita colpiva una serie di obiettivi, danneggiando la centrale degli Emirati. L’obiettivo strategico era privare la capitale dell’aggressione della stabilità e quindi minacciarne economia ed investimenti, riflesso dai timori degli investitori. La Casa Bianca, nel contesto della “rabbia” derivante dal fallimento dell’ultima trama dell’aggressione, con la fine delle milizie della sedizione, dichiarava di condannarne l’uccisione dei capi; chiara condanna del fallimento della sedizione su cui aveva scommesso per salvare l’aggressione dalla sconfitta che subisce da tre anni, e allo stesso tempo chiedere una soluzione politica, frase disfattista comunemente usata dalla Casa Bianca e dal Consiglio di sicurezza. La dichiarazione della Casa Bianca condannava anche ciò che definiva “sconsiderati attacchi missilistici degli huthi” contro Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. La condanna delle forze armate e delle commissioni popolari non manca, ma succede che così i funzionari della Casa Bianca svelano che i loro sistemi di difesa negli Emirati Arabi Uniti sono stati violati da un missile yemenita, e quindi la dichiarazione dimostrava che il missile da crociera yemenita ha adempiuto alla propria missione.

Il Burqan pone fine al Patriot
Nel contesto dei disastri racimolati dalle forze dell’aggressione, c’è il disastro che terrorizza gli Stati Uniti d’America e getta dubbi sui loro alleati nel mondo che puntano alla loro protezione. Gli importanti esperti militari che lavorano nel dipartimento investigativo militare del New York Times rivelavano che il Patriot Pack 3 degli Stati Uniti non intercettò il missile balistico Burqan-2H che era riuscito a colpire l’aeroporto Re Qalid nella capitale saudita Riyadh, anche se il sistema di difesa impiegò cinque missili inutilmente. Sulla base dei risultati, il quotidiano statunitense pubblicava un articolo tradotto dal collega Ahmad Abdurahman dal titolo “Le difese missilistiche statunitensi hanno fallito in Arabia Saudita?”, con disegni dettagliati, videoclip e immagini dell’aeroporto Re Qalid, dei missili intercettori e delle colonne di fumo innalzarsi dall’aeroporto. “Il nostro sistema di difesa missilistica è partito“, diceva il giornale, “Ma l’analisi delle immagini e dei video pubblicati sui vari media indica che è falso. In contrasto con quanto detto, le prove analizzate da un gruppo di esperti missilistici dimostrano che la testata del missile non fu intercettata dalle difese saudite prima dell’obiettivo, spaventando i passeggeri nella sala d’aspetto”. I funzionari sauditi si sono rifiutati di rispondere alle domande e i funzionari statunitensi “hanno messo in dubbio che i sauditi fossero effettivamente riusciti a colpire qualsiasi componente del missile, dicendo che non ci sono prove“. Secondo il giornale, gli esperti conclusero che i cosiddetti “huthi” sono “riusciti a sviluppare abbastanza forze per colpire obiettivi importanti in Arabia Saudita“. “Il governo ci mente sull’efficacia di questi sistemi, o sono state fornite informazioni false e fuorvianti“, secondo Jeffrey Lewis, l’esperto che ha guidato la ricerca. “Dobbiamo essere molto, molto preoccupati“. “Mantenendo il missile in rotta per quasi 600 miglia, è stato certamente progettato per dividersi in due quando è vicino al bersaglio. Il missile percorse la maggior parte della rotta e la testata esplosiva continuò verso l’obiettivo evitando i missili della difesa“. Gli Stati Uniti dovrebbero preoccuparsi molto del fallimento dell’avanzato sistema di difesa antimissile Patriot Pack 3 perché significa “che pone fine alla sua vita operativa“, secondo gli esperti. “Potete immaginare il lancio di cinque missili difensivi contro questo missile,  fallendo tutti“, affermava uno dei quattro esperti. “Questo è scioccante. Questo è terribile perché questo sistema missilistico dovrebbe riuscirci“.

Lo Yemen impone le sue regole
Sauditi ed emirati sapevano più di altri che il Patriot non riuscì ad intercettare il Burqan che colpì l’aeroporto Re Qalid e che il missile da crociera aveva colpito l’obiettivo ad Abu Dhabi nonostante i falsi resoconti forniti sui due sistemi. Tuttavia, gli attacchi coincidono con la scommessa sul successo della sovversione programmata a Sana, che al culmine fece sperare ai regimi di poter evitare i missili yemeniti. Col più espressivo fatto compiuto, il segretario di Stato degli USA Rex Tillerson affermava che l’amministrazione statunitense aveve detto all’alleato saudita di cambiare la sconsiderata politica nella regione, in particolare su Yemen e Libano, e di attenuarla prima di prendere misure, nella prima acuta critica statunitense all’alleato saudita dell’era Trump. Alla luce di questi cambiamenti, appare chiaro che lo Yemen, rappresentato dalle forze armate, dai Comitati popolari, dalla forza missilistica, dal popolo e dalle tribù, impone le proprie regole alle forze dell’aggressione, sotto la guida del leader della rivoluzione Abdulmaliq al-Huthi.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La dichiarazione di vittoria di Putin in Siria apre la via agli attacchi russi in Libia

La notizia della Russia che negozia l’uso delle basi egiziane ha molto più senso
Marko Marjanovic, Checkpoint Asia 12 dicembre 2017Se la Russia dichiara vittoria sullo SIIL in Siria e chiede basi in Egitto, si preparebbe a colpire lo SIIL in Libia.
Quando due settimane fa il Cremlino ordinò pubblicamente al Ministero degli Esteri di negoziare l’accordo dell’Aeronautica della Russia per l’utilizzo delle basi militari egiziane, confesso che non sapevo di cosa si trattasse. Pensai alla possibilità che fosse il preludio al coinvolgimento militare della Russia in Libia, ma poi dissi che non credevo che accadesse con l’intervento della Russia in Siria ancora in pieno svolgimento: “Ammetto che onestamente non lo so. L’Egitto è troppo lontano per essere direttamente utile all’intervento russo in Siria. L’uso delle basi egiziane sarebbe necessario se Mosca avesse intenzione di combattere lo SIIL nel Sinai egiziano o d’intervenire in Libia, ma non vedo alcun segno che la Russia sia interessata ad ulteriori avventure prima che la Siria sia chiusa”. Beh indovinate? Putin ha appena dichiarato vittoria in Siria, affermando che gli obiettivi dell’intervento russo sono stati ampiamente raggiunti e ordinava il massiccio ritiro che vedrà il grosso delle forze russe lasciare il Paese: “Forze speciali, polizia militare, squadre di genieri e 25 aeromobili russi lasceranno la Siria e l’ospedale da campo sarà rimosso. Consiglieri, difese aeree e alcuni velivoli rimarranno”. Avevo ragione nel dire che Putin non vorrebbe essere visto aumentare portata e dimensioni dell’intervento militare della Russia all’estero, soprattutto a pochi mesi dalla rielezione. Quello che non avevo previsto era che avrebbe usato la sconfitta dello SIIL come opportunità per dichiarare la vittoria in Siria e ritirarvi la maggior parte delle truppe. Le avventure estere chiaramente infinite sono una cosa. Ma dopo aver dato il benvenuto alla maggior parte delle truppe dalla Siria, il pubblico russo ha la prova che possono finire. Il massiccio ritiro dalla Siria che Putin ha ordinato elimina il problema chiave che l’intervento in Libia dovrebbe affrontare, la percezione in Russia che si c’impantani in infinite avventure estere. Inoltre il fatto che Mosca abbia annunciato pubblicamente di negoziare l’uso delle basi militari egiziane dice due cose:
I negoziati sono una mera formalità, tutt’al più per risolvere problemi tecnici. La Russia ha già assicurazioni che l’Egitto firmerà.
Il Cremlino testa e gradualmente prepara il pubblico a qualcosa di più serio a cui pensa.
Bene, cosa potrebbe essere? Cosa richiederebbe basi egiziane e attenta preparazione e misurazione del polso del pubblico russo? Un altro intervento militare pare adattarvisi. In effetti, c’è chi crede che l’esercito russo sia già presente nell’Egitto occidentale da cui colpisce lo SIIL in Libia assieme all’Egitto. Se è così, i negoziati annunciati pubblicamente sulla concessione dell’accesso alla Russia sono semplicemente kabuki per regolarizzare una situazione già esistente. Mosca e Cairo hanno già svolto un teatro simile. Nel 1972 l’Egitto di Sadat e l’Unione Sovietica inscenarono l’espulsione rabbiosa dall’Egitto dei consiglieri sovietici. Di fatto, l'”espulsione” fu pianificata con l’Unione Sovietica per coprire il ritiro segreto di migliaia di truppe sovietiche regolari e non riconosciute dall’Egitto. I veri consiglieri intanto rimasero in Egitto fino alla fine della guerra dello Yom Kippur del 1973. In ogni caso, appare chiaro che la Russia consideri l’intervento militare aperto in Libia, che potrebbe essere annunciato dopo le elezioni di marzo. Ciò che si vede ora è il Cremlino gettare le basi necessarie per l’intervento, se vi optasse.
Nell’ottobre 2015 un aereo di linea russo fu abbattuto da una bomba dello SIIL in Egitto, uccidendo 224 russi. La Russia perseguirà lo SIIL per questo fino in Libia? Tale intervento sarebbe molto più piccolo rispetto a quello in Siria, semplicemente perché lo SIIL non è così potente in Libia. Ritirandone la maggior parte dopo la vittoria sullo SIIL, penso che Putin abbia dimostrato in modo conclusivo che non è interessato ad avere personale militare russo combattere tutti i nemici di Assad (come le SDF sostenute dagli Stati Uniti) e acuire il confronto con gli Stati Uniti. SIIL, al-Qaida e loro alleati sono gli unici che la Russia ritiene di combattere direttamente in Siria. Allo stesso modo, penso che Mosca non abbia alcun interesse a decidere il vincitore tra i due governi rivali in Libia, coi quali ha contatti, e almeno uno è sostenuto dalla NATO. Invece sarebbe un intervento contro SIIL e gruppi di al-Qaida, che verrebbe pubblicizzato come “conclusione del lavoro” per non permettere allo SIIL di fuggire, evidenziando il fatto scomodo che dove l’occidente semina caos e distrugge Paesi, la Russia invece raccoglie i cocci per stabilizzarli. Per inciso, subito dopo la proclamazione della vittoria dalla base aerea russa in Siria, Putin saliva sull’aereo per giungere in… Egitto. L’astuto MK Bhradakumar pensa che il viaggio sia incentrato sulla creazione di qualcosa per la Libia: “Il punto è che il “dossier libico” è stato riaperto. Lo Stato islamista vi si trasferisce dopo la schiacciante sconfitta in Iraq e Siria. Russia ed Egitto avvertono l’imperativo di mobilitarsi rapidamente e affrontare i gruppi estremisti in Libia. Entrambi appoggiano il comandante dell’Esercito nazionale libico Qalifa Haftar, trincerato a Bengasi, che (giustamente) vedono come baluardo all’estremismo in Libia. Il vuoto di potere in Libia e la crescente insicurezza nell’Egitto occidentale minacciano la stabilità dell’Egitto e il prestigio del Presidente Sisi è in gioco. D’altra parte, il coinvolgimento egiziano in Libia influisce sugli equilibri di potere in Medio Oriente. È interessante notare che le monarchie del Golfo sono coinvolte anche nella crisi libica. Per prima cosa, Mosca si rivolge all’ONU su questioni chiave e contatta anche il governo di Saraj a Tripoli. Il che suggerisce che Mosca potrebbe agire da intermediaria tra i partner rivali della Libia Saraj e Haftar, ed infine a manovrare per compensare le perdite finanziarie subite nel 2011 a seguito del cambio di regime, stimate oltre 10 miliardi di dollari in contratti ferroviari, progetti di costruzione, accordi energetici e vendite di armi”.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Gli USA si arrendono sulla Siria, la Resistenza punta ad Israele

Moon of Alabama 12 dicembre 2017L’articolo del New Yorker è noto per il titolo arrogante e varie falsità, necessari a distrarre dal vero messaggio, la resa degli Stati Uniti sulla realtà in Siria: Trump permette ad Assad di rimanere fino al 2021, mentre Putin dichiara la vittoria in Siria, “L’amministrazione Trump ora è pronta ad accettare il governo del Presidente Bashar al-Assad fino alle prossime presidenziali programmate in Siria nel 2021, secondo funzionari statunitensi ed europei. La decisione sovverte le ripetute dichiarazioni degli Stati Uniti secondo cui Assad deve dimettersi nell’ambito del processo di pace… L’amministrazione Trump dice di voler ancora un processo politico con la prospettiva della partenza di Assad. Ma conclude che potrebbe volerci il 2021, quando è prevista la prossima elezione… I funzionari degli Stati Uniti temono che Assad possa vincere le elezioni siriane del 2021 e rimanere al potere in futuro”. Gli Stati Uniti “lasciano che Assad rimanga” perché semplicemente non c’è altro che possano fare senza affrontare una grande guerra. Hanno provato tutto il resto, perdendo. Nel 2012 tentarono di assassinare Assad, ma non era presente alla riunione che la CIA fece saltare in aria. Inviarono 100000 terroristi da tutto il mondo in Siria spedendogli decine di migliaia di tonnellate di armi e munizioni. La propaganda anti-siriana globale a favore dei terroristi non ha precedenti. Cercarono di costruire un’opposizione politica sponsorizzandola con centinaia di milioni. Alla fine invasero il Paese cercando di dividerlo con la forza. Fallirono su tutti i fronti. “La decisione degli Stati Uniti riflette le opzioni limitate dell’amministrazione, la realtà militare sul campo e il successo degli alleati siriani, russi, iraniani e di Hezbollah nel sostenere l’assediato regime di Assad…. L’opposizione siriana sostenuta dagli Stati Uniti è inutile. Era litigiosa e si è divisa in fazioni… Diplomaticamente, Washington è emarginata dalla potente troika Russia, Iran e Turchia che ora domina il processo di pace”.
Nel 2013 l’autore del pezzo, Robin Wright, presentò il sogno israeliano della divisione del Medio Oriente. Era il remake della mappa “Blood Borders” diffusa nel 2006 dal neocon Colonello Ralph Peters, a sua volta versione aggiornata della mappa del “Nuovo Medio Oriente” di Bernhard Lewis pubblicata da Foreign Affairs. Tali mappe furono cestinate quando gli Stati Uniti dovettero lasciare l’Iraq. L’espressione cartografica dell’arroganza imperiale di Wrigth ci finirà pure. Wright è pesantemente colluso a Washington, essendo il borg che detiene posizioni presso Institute of Peace degli Stati Uniti (che pianifica guerre), Wilson Center, Brookings e Carnegie Endowment. Che ora abbia rinunciato alla sua ridicola mappa rifletterà le opinioni di tali istituzioni. Ci si chiede se la giunta militare alla Casa Bianca ne sia d’accordo, continuando a sognare di aver il controllo di Siria e Iraq: “Il colonnello John Thomas, portavoce del Comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), affermava che le forze della coalizione internazionale sarebbero rimaste in Siria a sostenere le operazioni delle “forze democratiche siriane” arabo-curde fino alla conclusione dei negoziati sulla soluzione politica a Ginevra. Aggiungeva che le forze USA continueranno a combattere le organizzazioni terroristiche vicine ad al-Qaida in Siria, come Jabhat al-Nusra, “indipendentemente dalla presenza dello SIIL”.” Continua a sognare.
Putin visitava la Siria, dichiarando la vittoria e annunciando che parte delle truppe russe in Siria ritornerà a casa. Si assicurava che tutti, Stati Uniti, turchi, sauditi ed israeliani, capissero che le truppe ritorneranno se cercassero di riaccendere la guerra: “Se i terroristi alzeranno di nuovo la testa, subiranno attacchi che non hanno visto finora“, dichiarava Putin. Un altro elemento dell’alleanza siriana, il partito libanese Hezbollah, si rivolse ad Israele. Il passo più lungo della gamba di Trump, il riconoscimento illegale di Gerusalemme come capitale d’Israele, arrivò giusto in tempo a ridare slancio alla resistenza: “Nasrallah ha chiesto all'”Asse della Resistenza”, riferimento ad Hezbollah ed alleati e sostenitori siriani e iraniani, di “dedicare tutta la forza e il tempo ai palestinesi”, chiedendo a tutte le fazioni della resistenza nella regione di unirsi e di attuare una strategia comune e un piano pratico per affrontare tale minaccia”, affermava”. Israele era dietro la campagna per smantellare Siria ed Iraq. Fallita completamente, la vendetta sarà dura. Hezbollah è meglio armato e addestrato che mai. I gruppi di veterani iracheni e iraniani sono pronti. L’Esercito arabo siriano è molto meglio addestrato ed equipaggiato di prima della guerra. Il leader della resistenza irachena Qais al-Qazali recentemente visitava il sud del Libano osservando il confine con Israele. Esaminava il nuovo campo di battaglia. La nuova grande alleanza d’Israele con l’Arabia Saudita non ne migliora la posizione. Il tiranno Salman e suo figlio sono incerti e le grandi relazioni con Trump si saranno, presumibilmente, ridotte sulla questione di Gerusalemme. Il primo ministro israeliano Netanyahu è sotto pressione interna. Le accuse di corruzione si accumulano e il suo incarico ora è limitato. Chi lo sostituirà? Qual è il nuovo piano che i sionisti scoveranno per reagire alla situazione cambiata?Traduzione di Alessandro Lattanzio