Il Pakistan fa “Perno” acquistando armi da Cina e Russia

Zero Hedge, 30/01/2018La decisione del Presidente Trump di celebrare il nuovo anno demonizzando il Pakistan su twitter si è in gran parte adombrata. In un’intervista al Financial Times, il Ministro della Difesa del Pakistan Khurram Dastgir Khan ha detto che il Pakistan espande le relazioni con Russia e Cina, mentre le relazioni con Washington si deteriorano in seguito alla sospensione di oltre 2 miliardi di dollari in aiuti militari ad Islamabad. Khan ha detto che il suo governo attua la “ricalibratura regionale della politica estera e di sicurezza del Pakistan“, il che implica che le Forze Armate pakistane compreranno armi da Russia e Cina piuttosto che dagli Stati Uniti. “Il fatto che abbiamo ricalibrato la nostra via migliorando le relazioni con la Russia e approfondendole con la Cina, è una risposta a ciò che gli statunitensi hanno fatto“, affermava. Le osservazioni di Khan al Financial Times arrivavano tre settimane dopo che Pechino annunciava la costruzione di una seconda base militare estera, vicino al porto di Gwadar, nella provincia pakistana del Belucistan. I piani prevedono che la base di Jiwani sia una struttura aeronavale delle forze cinesi, situata a breve distanza dalla struttura portuale commerciale cinese di Gwadar, in Pakistan. Sia Gwadar che Jiwani fanno parte della provincia del Baluchistan occidentale del Pakistan…. La grande base aeronavale richiederà che il governo pakistano ricollochi numerosi residenti della zona. I piani ne richiedono il trasferimento in altre aree di Jiwani o nell’entroterra della provincia del Baluchistan. I cinesi hanno anche chiesto ai pakistani di effettuare un importante potenziamento dell’aeroporto di Jiwani, in modo che la struttura possa gestire grandi velivoli militari. I lavori per il miglioramento dell’aeroporto dovrebbero iniziare a luglio. La base navale e l’aeroporto occuperanno quasi l’intera penisola.
Khan chiariva che il Pakistan aveva iniziato il processo di “ricalibrazione” tre anni prima, quando acquistò elicotteri russi, indicandola non come nuova tendenza, ma le recenti azioni del presidente Trump hanno certamente spinto il Pakistan a gravitare verso Russia e Cina per la difesa. Le tensioni tra Stati Uniti e Pakistan sono le peggiori in 70 anni di amicizia. Khan notava che il Pakistan ha molti obiettivi simili a quelli di Washington, ma “ultimamente l’attenzione si è concentrata su aree divergenti. Abbiamo già acquistato alcuni elicotteri russi negli ultimi tre anni“, affermava. “Questo è ciò che chiamiamo ricalibratura regionale della politica estera e di sicurezza del Pakistan, a causa dell’infelice scelta che gli Stati Uniti continuano a fare“. All’inizio del mese, gli Stati Uniti dissero di sospendere il programma di assistenza per la sicurezza del Pakistan da 2 miliardi di dollari, perché il Paese non combatte il terrorismo interno. “Gli Stati Uniti hanno scioccamente dato al Pakistan più di 33 miliardi di aiuti negli ultimi 15 anni, e non ci hanno dato altro che menzogne e inganni, pensando che i nostri capi fossero pazzi“, scrisse il presidente Donald Trump all’inizio di gennaio. Khan definiva i tweet di Trump “profondamente offensivi” e “controproducenti“, e aggiunse: “È spiacevole che discutiamo di numeri (l’ammontare degli aiuti) mentre l’Afghanistan sfugge lentamente dal controllo statunitense ed afghano“. Khan notava che la spina dorsale dell’Aeronautica pakistana è l’F-16 Fighting Falcon della General Dynamic degli Stati Uniti, e secondo Khan Islamabad non ne riceve i pezzi di ricambio da Washington da due anni. “Ricorriamo alla nostra ingegnosità e ad altre fonti per mantenere la flotta aerea“, aveva detto. “Era molto difficile“. Considerando la negligenza di Washington nell’invio delle componenti per gli F-16 pakistani, Khan dichiarava di essere aperto al dialogo con la Russia sul caccia Sukhoj Su-35.
Circa nove giorni dopo il tweet del presidente Trump, Khan dichiarò che la cooperazione militare e d’intelligence con gli Stati Uniti sarebbe stata sospesa. È interessante notare che Pechino e Mosca hanno rilasciato dichiarazioni a forti sostegno del Pakistan dopo che Trump scatenava fuoco e furia su twitter. “Dobbiamo valutare il ruolo importante del Pakistan sulla questione dell’Afghanistan e rispettarne la sovranità e le ragionevoli preoccupazioni in materia di sicurezza“, aveva detto il diplomatico cinese Yang Jiechi al segretario di Stato Rex Tillerson, secondo i media cinesi. E infine, questa potrebbe essere la bomba: “Il fatto che abbiamo ricalibrato la nostra via migliorando le relazioni con la Russia e approfondendole con la Cina, è la risposta a ciò che gli statunitensi hanno fatto. Hanno le loro ragioni. Vogliono usare l’India, a nostro avviso, per contenere la Cina“, affermava Khan.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Cosa significano gli attacchi di Donald Trump al Pakistan?

Vladimir Terehov, New Eastern Outlook 15.01.2018Pubblicato il 1° gennaio 2018, il tweet di Donald Trump, presidente degli Stati Uniti, sull’errore di fornire al Pakistan aiuti finanziari (oltre 33 miliardi di dollari negli ultimi 15 anni), premiato con “nient’altro che menzogne e inganni“, è un importante notizia nella politica mondiale del nuovo anno appena arrivato. Parlando il giorno dopo ai giornalisti, la rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l’ONU, Nikki Haley, chiariva che il presidente considerava la possibilità di porre fine all’assistenza finanziaria al Pakistan, che fornisce “rifugio sicuro ai terroristi” cacciati dagli statunitensi in Afghanistan. Per spiegazioni sul significato della dichiarazione di Donald Trump, l’ambasciatore statunitense ad Islamabad fu convocato al ministero degli Esteri del Pakistan. Il capo del dipartimento della politica estera del Pakistan, Khawaja Asif, affermava che Washington cerca d’incolpare il suo Paese per il fallimento della propria politica in Afghanistan. Sottolineando la partecipazione attiva del Pakistan alla lotta al terrorismo, ricordava che durante la guerra in Afghanistan, gli statunitensi effettuarono oltre 5700 attacchi dalle basi situate nel territorio pakistano. In generale, Donald Trump e Nikki Haley non hanno detto nulla di nuovo o di utile. Ricordiamo che, grosso modo, lo stesso fu detto sempre da Donald Trump il 21 agosto 2017, quando (dopo un silenzio prolungato) affrontò per la prima volta in maniera eccezionalmente puntuale e dolorosa le prospettive dei militari USA nell’avventura di 16 anni in Afghanistan. S’ipotizza che l’attuale accusa al Pakistan sia semplicemente la realizzazione delle minacce esplicite di Nikki Haley ai Paesi che il 18 e il 21 dicembre 2017 (rispettivamente, nel Consiglio di sicurezza e all’Assemblea generale delle Nazioni Unite), votarono per la risoluzione che nega il riconoscimento di Gerusalemme a capitale d’Israele. Sembra, tuttavia, che la vera ragione del malcontento USA nei confronti del Pakistan sia molto più seria. È probabile che sia la risposta a un evento estremamente significativo, avvenuto il 26 dicembre a Pechino, dove si svolse il “Primo Dialogo dei Ministri degli Esteri di RPC, Pakistan e Afghanistan”. Nel comunicato stampa congiunto dell’occasione, alcuni punti sono di rilievo:
– i rappresentanti del Pakistan e dell’Afghanistan si congratulano con i cinesi “per la positiva conclusione del XIX Congresso del PCC e sostengono pienamente la proposta del Presidente Xi Jinping” di visione del futuro di tutta l’umanità;
– si esprime disponibilità ad approfondire la cooperazione trilaterale, anche nel quadro del progetto “Nuova Via della Seta”, nella lotta al terrorismo e nella sicurezza;
– si afferma che il processo di pace in Afghanistan, “sostenuto a livello regionale e internazionale“, va condotto con la partecipazione di tutte le parti, inclusi i taliban, ma va “guidato” dall’Afghanistan stesso;
– il secondo incontro nella stessa composizione si terrà a Kabul “nel 2018”.
Il documento non contiene accenni al ruolo apparentemente negativo del Pakistan nel conflitto afghano. Non menziona la presenza militare da 16 anni in Afghanistan della principale potenza mondiale che vi ha sepolto enormi risorse finanziarie e sostenuto alti costi politici. Pertanto, la leadership statunitense ha tutte le ragioni d’essere sconvolta. Tanto più che Washington prevedeva di tenere entro la fine dello scorso anno una sua riunione tripartita sul problema afghano, nel formato “USA-Afghanistan-India”. Tuttavia, qualcosa è andato storto e il principale oppositore geopolitico degli Stati Uniti ha chiaramente rubato l’iniziativa del processo di risoluzione pacifica del conflitto afghano. A giudicare dai contenuti del documento citato, gli autori assegnano ad India e Stati Uniti un ruolo abbastanza indiretto, parlando della necessità di mantenere il processo a “livelli regionale e internazionale“. I partecipanti all’incontro di Pechino fu designato principale iniziatore e “leader” (ancora una volta poniamo l’accento su questo punto eccezionalmente importante) “l’Afghanistan stesso“. Va notata, tuttavia, l’osservazione del 27 dicembre a una conferenza stampa del Ministro degli Esteri cinese Wang Yi, secondo cui l’istituzione del “dialogo cino-pakistano-afghano” non è inteso a sostituire altre piattaforme internazionali dedite a questo problema. Aggiungiamo che ciò è semplicemente impossibile. Stati Uniti ed India non sono Stati che accetterebbero il ruolo ausiliario di certe forze “regionali e internazionali” nel processo di risoluzione del conflitto afghano. Va anche ricordato che il Pakistan vede in modo esplicito l’Afghanistan come retrovia strategica (“cortile”) nel confronto con l’India. Cosa con cui quest’ultima non sarà mai d’accordo, va aggiunto.
La posizione delle forze filoindiane è piuttosto forte nell’élite afgana, mentre le relazioni pakistano-afghane affrontano gravi problemi (incluse la ragione di cui sopra), accumulatisi negli anni. Tali problemi difficilmente possono essere risolti con un solo evento a livello ministeriale. Nel frattempo, Washington, che negli ultimi anni ha espresso chiara preferenza a sviluppare relazioni con l’India (il tweet di D. Trump è stato definito dal giornale Indian Expresssweet music“), non vuole rompere completamente i legami col Pakistan e non ha intenzione di cederlo ‘senza combattere’ alla piena influenza della RPC. Ciò in particolare è evidenziato dalla visita a Islamabad del segretario alla Difesa USA James Mattis tre giorni dopo lo scandaloso tweet di Donald Trump. Tuttavia, l’osservazione del vicedirettore della CNN Michael Kugelman su questa visita (“Congratulazioni, segretario Mattis. Sei diventato l’ultimo funzionario degli Stati Uniti a fare da vocalist a un disco irrimediabilmente rotto”), a quanto pare, riflette adeguatamente lo stato dei rapporti Stati Uniti-Pakistan. Sembra che il treno pakistano lasci gli Stati Uniti acquisendo notevole velocità e non sarà facile per Washington salire sull’ultimo vagone. Un articolo del quotidiano cinese Global Times intitolato opportunamente “Trump tweet draws China, Pakistan closer“, elenca le componenti principali della cooperazione Cina-Pakistan in rapido sviluppo. Tutto sommato, va affermata la cosa principale: i giochi sul controllo del territorio dell’Afghanistan, durati almeno due secoli con vari protagonisti, continueranno dopo il “Dialogo” di Pechino. Gli ultimi attacchi anti-Pakistan degli Stati Uniti, chiaramente provocati dal suddetto evento, ne sono una testimonianza.Vladimir Terekhov, esperto sui temi della regione Asia-Pacifico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Il Pakistan si allontana dagli Stati Uniti, l’affare è molto più serio di quanto si pensa

Darius Shahtahmasebi, The Antimedia 8 gennaio 2018

Khawaja Muhammad Asif

La decisione di Donald Trump di celebrare il nuovo anno demonizzando contemporaneamente Iran e Pakistan su twitter gli si è già ritorta contro in modo tremendo. Dopo le minacce che gli Stati Uniti avrebbero rifiutato gli aiuti al Pakistan, confermavano che avrebbero trattenuto 255 milioni in aiuti (diventati 900 milioni) e che stando a quanto riferito minacciano di non concederne altri 2 miliardi. “Speriamo che il Pakistan la veda come incentivo, e non punizione“, diceva ai giornalisti un funzionario del dipartimento di Stato. Secondo il Wall Street Journal, questa ostilità nei confronti del Pakistan non è andata bene. Il Ministro degli Esteri pakistano Khawaja Muhammad Asif dichiarava in un’intervista che gli Stati Uniti non si comportano da alleati e, di conseguenza, il Pakistan non li considera più tali. Se non altro, il comportamento di Washington ha solo spinto il Pakistan tra le braccia dei tradizionali rivali, Cina e Iran. La Cina da tempo fornisce aiuto finanziario ed economico al Pakistan con progetti per espandere la partnership economica in futuro. La Cina si è già impegnata ad investire 57 miliardi di dollari nelle infrastrutture pakistane nell’ambito dell’iniziativa “Belt and Road“. Proprio il mese scorso, il Pakistan annunciava di prendere in considerazione una proposta per sostituire il dollaro USA con lo yuan cinese per gli scambi bilaterali tra Pakistan e Cina. A seguito dei recenti attacchi del governo Trump al Pakistan, questi confermava che l’abbandono del dollaro non era una minaccia arbitraria e immediatamente sostituiva il dollaro con lo yuan cinese. “Gli investimenti cinesi in Pakistan dovrebbero raggiungere oltre i 46 miliardi entro il 2030 con la creazione di un corridoio economico cinese-pakistano che collega il porto di Gwadar nel Baluchistan sul Mar Arabico con Kashgar, nella Cina occidentale“, affermava Harrison Akins, ricercatore all’Howard Baker Center che si occupa di Pakistan e Cina. A metà dell’anno scorso, fu riferito che la Cina valutava la possibilità di stabilire proprie basi navali in Pakistan. Questi rapporti riaffiorarono la settimana scorsa, anche se il Pakistan negava con veemenza che tale base navale sarà costruita (anche se gli ufficiali cinesi hanno illustrato il piano per costruire una base navale nel porto di Gwadar). Che i rapporti siano veri o no, ciò che è evidente è che il Pakistan cercherà di cooperare con la Cina economicamente e militarmente, rinunciando ad affidarsi a Washington. “La storia dei rapporti del Pakistan con la Cina e gli Stati Uniti mostra anche che la politica del Pakistan non risponde alle maniere forti, ma a lealtà e trattamento dignitoso“, dichiarava Madiha Afzal, della Brookings, secondo CNBC. Inoltre, secondo Times of Islamabad, i ministri della Difesa iraniano e pakistano ebbero dei colloqui sul ruolo di Washington nella regione e indicavano una crescente strategia per la cooperazione nella difesa tra Teheran e Islamabad. Anche prima della decisione di Donald Trump di tentare unilateralmente d’isolare i due Paesi, le relazioni in espansione erano già a buon punto, molto probabilmente la ragione vera per cui l’amministrazione Trump ha preso di mira a entrambi.
Con grande disappunto di Washington, questo è solo l’inizio della fine del ruolo degli USA come superpotenza globale incontrastata. Asia Times riporta che Iran, Cina e Pakistan sono pronti a lanciare una “trilaterale” che sostenga lo sviluppo economico di ben 3 miliardi di persone. Il maggiore ostacolo a tale nesso economicamente vitale sarebbe in realtà la crescente potenza economica dell’India, non degli Stati Uniti, che sembrano poter fare ben poco se non schernire, minacciare e fare i prepotenti verso sempre più Stati riottosi. Senza esitazione, anche la Turchia, altro Paese che stringe legami con Russia, Cina e Iran, si unisce ad Iran e Pakistan. La Turchia è un alleato della NATO. “Non possiamo accettare che certi Paesi, soprattutto Stati Uniti ed Israele, interferiscano negli affari interni dell’Iran e del Pakistan“, aveva detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ai giornalisti prima di un viaggio per la Francia. Inoltre Turchia e Iran sono venuti in aiuto del Qatar l’anno scorso, complicando ulteriormente la ristrutturazione delle tradizionali alleanze di Washington. In questa fase, Turchia e Iran potrebbero aderire all’alleanza militare cinese e russa, nota come blocco di Shanghai, con l’Iran che ha recentemente rafforzato i legami militari con la Cina. Dato che la Cina ha interessi economici e militari che vanno protetti in Pakistan, l’alleanza orientale si amplia di giorno in giorno a danno di Washington. Non c’è da meravigliarsi se l’Unione europea praticamente costruisca un proprio esercito, dato che i Paesi che si sentono sicuri affidandosi alla cosiddetta leadership globale degli Stati Uniti di Donald Trump sono di giorno in giorno sempre di meno. E viste le gravi implicazioni del passaggio del Pakistan nella sfera d’influenza della Cina, è curioso che questa storia non faccia notizia.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Trump avvicina Cina e Pakistan

Riemergono lo yuan nel commercio bilaterale, colloqui sulla base militare
Yang Sheng e Wang Cong, Global Times, 4/1/2018

Un attacco via twitter del presidente degli Stati Uniti Donald Trump contro il Pakistan a Capodanno contribuisce a rafforzare i già stretti legami tra Pakistan e Cina; pochi giorni dopo la filippica, venivano segnalati due importanti progressi nei finanziamento e cooperazione militare tra questi due Paesi. Il tweet di Trump, che accusava il Pakistan di dare rifugio ai terroristi, suscitava una reazione severa a Islamabad e tenace difesa del Pakistan a Pechino, dinamica che per gli esperti sottolinea l’ulteriore rafforzamento delle loro relazioni mentre gli Stati Uniti, nella loro ampia strategia geopolitica, mirano a legami più stretti con l’India minacciando il Pakistan. Il giorno dopo l’attacco via twitter di Trump, la State Bank of Pakistan annunciava misure per garantire l’uso dello yuan nelle transazioni commerciali e finanziarie bilaterali e che i settori pubblico e privato sono liberi di scegliere la valuta cinese per scambi bilaterali ed attività d’investimento. Sebbene il contenuto della dichiarazione non sia un drastico cambio politico, dato che lo yuan è già accettato da molte società pakistane, i tempi rendono la mossa significativa, Dong Dengxin, direttore dell’Istituto Finanza e Sicurezza dell’Università di Scienza e Tecnologia di Wuhan, affermava a Global Times. “Si tratta più di una dichiarazione politica in risposta alle pressioni degli Stati Uniti, dicendo agli Stati Uniti che il Pakistan ha un ottimo rapporto con la Cina e che sarà ancora più vicino alla Cina“, concludeva Dong. La dichiarazione riceveva anche una risposta positiva dal Ministero degli Esteri cinese, “Incoraggiamo le entità di mercato di entrambi i Paesi a utilizzare le nostre valute per compensare scambi ed investimenti bilaterali, accogliamo con favore le misure da parte pakistana“, affermava il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Geng Shuang alla conferenza stampa.

Seconda base militare all’estero
La cooperazione militare tra Cina e Pakistan potrebbe anche migliorare in risposta all’avvicinamento strategico degli Stati Uniti all’India, in cattivi rapporti con Pakistan e Cina. Il quotidiano statunitense Washington Times riferiva che la Cina è in trattativa col Pakistan per costruire la sua seconda base militare all’estero, nell’ambito dell’incremento delle capacità marittime lungo le rotte strategiche. La struttura potrebbe essere costruita a Jiwani, porto vicino al confine iraniano sul Golfo di Oman, e a breve distanza dalla struttura portuale commerciale di Gwadar, costruita dalla Cina, secondo il Washington Times che citava due persone familiari alla questione. “Pechino e Islamabad hanno la possibilità di costruire una struttura navale e aerea congiunta in Pakistan, ma in questo momento non è necessaria“, in quanto è un piano di riserva per la strategia indo-pacifica di Stati Uniti ed alleati, dichiarava al Global Times Lin Minwang, professore del Centro Studi dell’Asia del Sud dell’Università di Fudan. Lin crede che se gli Stati Uniti e i loro alleati portio la strategia indo-pacifica all’estremo, la Cina sicuramente realizzerà un piano col Pakistan per garantire la sicurezza delle rotte marittime. La prima base militare all’estero della Cina è a Gibuti.

Cina, Pakistan ed Afghanistan concordano sull’estensione del corridoio economico
Xinhua News Agency 27/12/ 2017 – Yidaiyilu

I Ministri degli Esteri di Cina, Pakistan e Afghanistan concordavano nel discutere le modalità per estendere il Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC) all’Afghanistan. “A lungo termine, attraverso l’Afghanistan, collegheremo gradualmente il CPEC col corridoio economico Cina-Asia centrale ed occidentale“, affermava il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi ai giornalisti dopo l’incontro dei Ministri degli Esteri di Cina, Afghanistan e Pakistan a Pechino. Come importante vicino di Cina e Pakistan, l’Afghanistan ha bisogno urgente di sviluppare l’economia e migliorare il tenore di vita del popolo, ed è disposto ad integrarsi nel processo d’interconnessione regionale, affermava Wang. “Sui progetti di cooperazione specifici e le modalità di cooperazione, decideremo attraverso consultazioni tripartite su un piano di parità“, affermava. Migliorare i mezzi di sussistenza nelle aree di confine potrebbe essere un punto d’ingresso per l’estensione, secondo Wang, che sottolineava che le tre parti hanno deciso di promuovere una più ampia connettività nell’ambito dell’iniziativa Fascia e Via. Il CPEC è una rete di autostrade, ferrovie, oleodotti e cavi ottici e progetto di punta nell’ambito dell’iniziativa Fascia e Via, attualmente in costruzione in Pakistan. Il corridoio di 3000 km inizia da Kashgar in Cina e termina presso Gwadar in Pakistan, collegando la cintura economica della Via della Seta a nord e la Via della Seta marittima del XXI secolo a sud. Wang affermava che il CPEC non mira contro terzi, ma spera di portare benefici a tutta la regione e a divenire un’importante forza trainante per l’integrazione regionale. “Il CPEC è un progetto di cooperazione economica e non va politicizzato“, affermava sottolineando che non ha alcun rapporto con le dispute regionali, anche territoriali, né dovrebbe esservi correlato. Nel primo incontro del genere da quando i tre Paesi hanno deciso d’istituire il meccanismo di dialogo trilaterale a giugno, la riunione dei ministri degli Esteri mira al dialogo tra Afghanistan e Pakistan e a rafforzare la cooperazione trilaterale in politica, economia e sicurezza.Traduzione di Alessandro Lattanzio

F-22, caccia LGTBQ

Note su Afghanistan, Stealth e Droghe
Dedefensa, 26 novembre 2017Il Pentagono, ripreso in particolare dalla sua cinghia di trasmissione preferita Washington Post, presentava con enfasi, autocompiacimento e in dettaglio un’operazione aerea svolta in Afghanistan contro dei laboratori della droga, che non possono essere descritti come decentemente “clandestini”, producendo droga dai papaveri che “sbocciano” abbondantemente nel Paese. Questo tipo di operazione è stata presentata come inedita, inaugurando il nuovo impegno statunitense nel Paese imposto dai militari al presidente Trump (l’ennesima ondata, con altre truppe, secondo uno schema standard). In un certo senso, l'”era Trump” in questa guerra inizia, dopo aver divorato due presidenze facendone la “guerra” più lunga nella storia degli Stati Uniti (16 anni) e senza alcun termine al momento, a meno di un sussulto di buon senso ai vertici degli Stati Uniti, o quantomeno nella “DC-la-pazza”, tanto per dire… Questa operazione è stata presentata nel modo detto, con grande clamore e ricchezza di dettagli, perché è principalmente un’operazione di marketing per “vendere la guerra”, cioè provare ancora una volta a “vendere” una guerra invendibile quanto interminabile. Ma l’espressione “vendere la guerra” ha diversi significati, diversi “elementi del linguaggio” come dicono i comunicatori, la cui preoccupazione è naturalmente produrre una narrativa dalla migliore rendita possibile, secondo le leggi del mercato. La cosa più comprensiva è che in tale caos d’incultura e indifferenza verso una realtà in ogni modo polverizzata, si ritrovano gli elementi necessari per avere alcune verità fattuali. La prima di esse riguarda l’operazione di marketing stessa, così come le caratteristiche assai peculiari dell’operazione “militare”. Prima di tutto una dimostrazione, come al Paris Air Show ogni due anni, diretta da “DC-la-folle” al coraggioso pubblico statunitense: dimostrare che questa guerra ha una giustificazione, uno scopo, un obiettivo intelligente, che gli statunitensi riescono dove vogliono, che questa guerra “invendibile” ed “interminabile” merita attenzione ed applausi. È passato molto tempo da quando il grado zero del buon senso politico e dell’intelligenza militare è stato superato. Senza paura del gelo, lavora sottozero, e forse l’Afghanistan permetterà di raggiungere lo zero assoluto prima del collasso totale. Sarà quasi la performance che imbalsamerà la postmodernità, dal ritardo notevole nell’inversione che favorisce come fine ultimo dell’entropia. (Ecco, ora conosciamo lo scopo di questa “guerra”). Concentriamoci sui diversi “elementi del linguaggio” summenzionati.

L’F-22, protagonista nei cieli afgani
Il carattere peculiare dell’operazione così presentata (citando Zerohedge e WaPo) è primo l’impiego di tale tipo di aereo, dato che il comandante generale USA in Afghanistan (Nicholson), incontrava la stampa per esaltare il ruolo centrale del caccia furtivo F-22 Raptor quale fulcro dell’operazione. L’F-22 fu “accompagnato” (questo è il termine usato) da B-52 dell’USAF e Super Tucano afgani (aerei controguerriglia), termini strani, come se l’enorme B-52 e il piccolo e leggero Super Tucano avessero scortato l’F-22, il personaggio che dovrebbe essere “invisibile” (tecnologia furtiva), ma immediatamente individuato distinguendone la “scorta”. Ma, si sa, i taliban non hanno difesa aerea, quindi l’F-22 non rischiava nulla, ma perché diavolo in questo momento essere “invisibili”? La domanda non è questa. Ma perché diavolo usare tale aereo prezioso col rischio di perderlo per errore, colpito da un uccello in una presa d’aria, mentre usarlo costa svariate decine di migliaia di dollari all’ora? La domanda non è neanche questa. I riferimenti citati dicono: “Il dipartimento della Difesa ha dichiarato di aver schierato caccia furtivi F-22 Raptor per bombardare impianti di produzione di stupefacenti nel sud dell’Afghanistan, prendendo di mira le fonti del reddito dei taliban. L’operazione aerea è iniziata domenica e proseguita lunedì. Gli F-22 erano accompagnati da bombardieri B-52 e da A-29 Super Tucano afghani per ulteriore supporto nell’espandere la geografia dell’attacco… Nicholson aveva detto che l’F-22, “è stato usato per la sua capacità di usare munizioni di precisione, in questo caso una bomba da 114 kg dal diametro ridotto che causa danni collaterali minimi”, nel momento in cui la morte di civili negli attacchi aerei statunitensi viene pesantemente esaminata. All’inizio del mese, i raid aerei statunitensi nella regione uccisero “almeno 13 civili” durante un bombardamento. “Questo obiettivo era anche un impianto di produzione di narcotici dei taliban a Musa Qala. Quindi, voglio attirare la vostra attenzione, quando guarderete questo attacco, vedrete che all’interno del compound vi sono diverse strutture, e ne distruggiamo solo due, lasciando intatta la terza, per evitare danni collaterali”, affermava Nicholson“.

F-22, caccia LGTBQ
L’inimitabile racconto ci dice che solo l’F-22 può sganciare questa bomba di 114 chili (una piuma) che uccide solo i cattivi contadini-chimici-taliban, destinata a decorare tale aereo inutile quanto calamitosamente costoso e dall’impiego estremamente delicato e frammentario a rischio di guasti fatali, ma dalla virtù sublime: l’F-22 è un caccia umanitario! Uccide solo i malvagi con queste bombe a forma di piuma e straordinariamente precise, quindi tutto ciò che è stato fatto per produrne un pizzico (189 anziché 750) è ampiamente giustificato. (Aggiungiamo l’osservazione tangente che il mancato utilizzo del JSF/F-35 in questa missione appare doverosamente sospetto. Era ideale per dimostrare che l’F-35 esiste e può sganciare bombe. Che vola facendo shhuuuttt ed è umanitario allo stesso tempo… Questa circostanza deve suggerirci che l’F-35 è ancora più delicato del previsto e che non si può coinvolgerlo in un missione di guerra senza correre rischi, evitando di arrischiare un incidente catastrofico, come sanno senza dubbio gli israeliani). Si tratta quindi di continuare a cercare di giustificare la politica di acquisto di sistemi complicati, catastrofici e rovinosi, ma postmoderni. Si tratta quindi di “venderli” all’ideologia dominante, quella dei progressisti nella società, facendolo diventare un caccia umanitario che spara senza uccidere i migranti gentili e futuri per l’Europa. L’F-22 è entrato nel circolo delle virtù e riappare nel dominio sacro LGTBQ.

Dottrina Trump o Counterpopulation Policy
“Sedici anni dopo che l’amministrazione Bush iniziò le operazioni militari in Afghanistan, il presidente Trump lanciava la sua campagna militare usando caccia furtivi ad alta tecnologia per bombardare laboratori della droga nel Paese. L’impegno del Pentagono per la cosiddetta missione per “costruire la nazione” in Medio Oriente si è ora estesa su tre presidenze, diventando così la guerra più longeva nella storia degli Stati Uniti. Da quando gli Stati Uniti occuparono il Paese nei primi anni 2000, la produzione di oppio è esplosa. Il presidente afgano Ashraf Ghani ha affermato che senza la droga la guerra in Afghanistan “sarebbe finita da tempo”. (Secondo Zerohedge). Il 2017 è un anno molto, molto importante in questo senso, intendiamo dal punto di vista della produzione del papavero. Nell’ultimo decennio del ventesimo secolo, erano circa 60000 gli ettari di terra destinati alla produzione del papavero. Nel 2001 ci fu un notevole crollo: 8000 ettari, seguito dal ritorno al livello degli anni ’90. Negli ultimi 5-6 anni, l’aumento è stato esponenziale e nel 2017 si raggiunge il record assoluto di 328000 ettari, secondo un osservatore permanente dell’ONU. Non si può solo dire, come il presidente afgano, che senza la droga la guerra “sarebbe finita da tempo”, ma si potrebbe aggiungere come ipotesi non arrischiata che con la guerra, la droga ha avuto un successo senza precedenti. Il già citato generale Nicholson affermava che questa operazione “rappresenta il primo uso significativo delle nuove autorizzazioni legali concesse dall’amministrazione Trump” alle forze armate per attaccare le entrate dei taliban. Infatti, calcolano gli strateghi, la droga fornisce ai taliban gran parte del reddito, mentre in origine, e soprattutto prima dell’intervento degli Stati Uniti nel 2001, erano contrari a questa coltura che consideravano non conforme al dogma islamico. Con lo sviluppo della guerra, cambiarono atteggiamento e divennero sempre più interessati all’economia della droga, che gli fornisce notevoli finanziamenti. “All’inizio (di questo cambio di politica), chiedevano principalmente tasse agli agricoltori, ma gradualmente il reclutamento di taliban tra i coltivatori di oppio è cresciuto al punto che gli insorti hanno deciso di sospendere le operazioni durante la stagione delle piogge e la raccolta del papavero“. La nuova strategia, una sorta di “dottrina Trump”, implica quindi l’attacco diretto alle coltivazioni di papavero e conseguente traffico di droga. Lo stesso presidente afgano, fedele alle istruzioni, considera tale dottrina vincente e coltiva, invece del papavero, un buon ottimismo sulle prospettive di vittoria. Per quanto riguarda il bilancio, si noterà che i primi attacchi, di domenica e lunedì, hanno provocato la distruzione di 10 laboratori di produzione della droga “clandestini”, mentre le stime delle Nazioni Unite indicano il numero di tali strutture in 400-500; se ne traggano le conclusioni volute.

Il teatro della guerra alla droga?
La domanda sotto forma d’interpretazione alternativa su questo attacco così come sul marketing che lo circonda è sapere se la guerra in Afghanistan continui sulla sua allegra strada sanguinaria e inutile, o si tratta di ciò che viene chiamata “svolta”. Optiamo invece per il secondo termine dell’alternativa, sotto forma d’ipotesi prudente e esplorativa, ovviamente riferendosi principalmente agli attori del caso; senza cui, ovviamente, non avremmo dato tanta importanza a tale evento. L’articolo a cui si fa riferimento qui, ovviamente, dà un ruolo alla lotta alla droga degli Stati Uniti in Afghanistan dal 2001, o piuttosto all’assenza di una seria lotta alla droga in questa guerra, mentre si è d’accordo sul fatto che l’attacco al narcotraffico è l’unico modo per vincere. Iniziamo a capire cosa c’è in ballo con queste citazioni: “Il governo degli Stati Uniti ha perseguito varie strategie antidroga durante i 16 anni di guerra in Afghanistan, ma non ha ostacolato la costante ripresa della coltivazione del papavero da oppio e del traffico di droga dalla caduta dei taliban nel 2001.. questi sforzi degli Stati Uniti non coinvolgono direttamente l’esercito. Nei primi anni post-taliban, il Pentagono si concentrò esclusivamente sul perseguimento degli insorti di al-Qaida e taliban e si astenne esplicitamente dal dirigere in tutto o in parte gli sforzi per limitare il traffico di droga. In alcuni casi, fu a causa dell’alleanza coi signori della guerra o uomini forti regionali coinvolti nella droga. Successivamente, con la ripresa della produzione e commercio della droga, gli Stati Uniti lanciarono diversi ambiziosi programmi per contrastarli. Una fu la campagna di sostituzione delle colture incoraggiando e pagando gli agricoltori per coltivare mandorle, albicocche, verdure e zafferano al posto del papavero. Un’altra pagava i contadini per distruggere i campi di papaveri e finanziare campagne d’intercettazione in cui le forze di sicurezza afgane bruciavano campi coltivati. Questi sforzi furono completamente ostacolati da una combinazione di fattori, tra cui l’enorme appeal dei profitti della droga, la tradizione ormai consolidata della coltivazione del papavero da parte dei piccoli agricoltori, il coinvolgimento di potenti nel commercio, ostilità locale al proibizionismo e robustezza delle piante di papavero che possono prosperare in condizioni difficili”.

La CIA e la “guerra totale”
Ciò che viene trascurato in questa breve panoramica delle cause del non intervento delle forze statunitensi in Afghanistan, ovviamente, non ha nulla a che fare con la quasi essenza dell’evento papavero nel conflitto infinito in Afghanistan. L’attore principale della crisi della droga in Afghanistan è ovviamente, come in tutte le aree in cui la droga viene prodotta in massa, la CIA. Dagli anni ’80 del direttore Bill Casey, vicino a Reagan e temibile finanziere di Wall Street con tutti i possibili collegamenti col crimine organizzato, la droga in Afghanistan è una delle attività molto importanti dei rami operativi della CIA, e anche del processo di privatizzazione e finanziamento dell’agenzia. In un certo senso, è un modello noto che risale alle origini (i predecessori della CIA, poi la CIA stessa che agiva per conto dell’United Fruit in Sud America, o dei petrolieri in Medio Oriente, ecc). È comunque originale nel senso che l’azione della CIA non è più indiretta ma diretta, nella droga, che costituisce dagli anni ’80 in maniera massiccia una delle sue principali risorse finanziarie “clandestine”. Si ritrova già uno schizzo di archetipo in tale tipo d’intervento, di “metodologia” dell’illegalità totale e destrutturante, al di fuori di qualsiasi struttura principale, nazionale o di altro tipo, nell’azione della CIA nel “Triangolo d “Oro” durante la guerra del Vietnam, in cui le droghe da cui provenivano giocarono un ruolo importante nel collasso morale e psicologico delle forze statunitensi. Come si sa, la CIA ha una propria visione della sicurezza nazionale e degli interessi statunitensi. Dagli anni ’80, quindi, c’è l’istituzionalizzazione del metodo con la privatizzazione e il finanziamento che interessano tutte le aree degli Stati Uniti, compresa la sicurezza nazionale, e in particolare della CIA; il tutto operativo in Afghanistan, Messico, Medio Oriente, fino agli ultimi tre anni col petrolio dello SIIL, ecc. (Peter Dale Scott ha studiato approfonditamente e meticolosamente tale aspetto del potere degli Stati Uniti e ciò che ha soprannominato Stato Profondo).Una nuova forma di “guerra totale”
In tali condizioni, è comprensibile che si possa immaginare l’ipotesi che la guerra in Afghanistan si evolva infine in una nuova forma di “guerra totale”. L’intervento militare contro i laboratori clandestini può essere considerato in due modi:
• Una dimostrazione discontinua, per far credere che il Pentagono inizi davvero la guerra alla droga.
• Lanciare una vera guerra alla droga per avere un “pareggio” o, in ogni caso, non richiedere un impegno significativo delle forze armate statunitensi e consentirne il ritiro. Questo alla fine libererebbe le importantissime risorse, finanziarie, materiali e umane, che il Pentagono dedica in tale conflitto infinito.
La prima ipotesi non ci attrae: nessuno chiede all’esercito di giustificare nulla. Al contrario, nelle ultime notizie dalle fonti meglio informate, i generali (Mattis, McMaster, Kelly) sono “in carica” a Washington. Hanno quindi i poteri ma anche le responsabilità dei poteri. Cominciano a misurare non la difficoltà di avere più soldi per il Pentagono (annegano nei miliardi, che sono più inutili e persino controproducenti incoraggiando la negligenza) ma la difficoltà di mantenere operativa la macchina da guerra al mero livello di potenza che tale macchina pretende di avere. Le cause sono numerose e strutturali, budgetarie, gestionali, sociali, corruttive… La macchina, propagandata, ha crepe dappertutto e l’esempio della 7.ma Flotta (Asia-Pacifico) della Marina degli Stati Uniti, a tal proposito, è la più ovvia ed illustrativa: la flotta più lontana dal centro, la flotta della vera proiezione di potenza, non riesce più a controllare la propria potenza. È in tale logica che si può pensare il Pentagono giocarsi l’ultima carta in Afghanistan per liberarsi del conflitto: attaccare il “dominio sacro” della droga per provare almeno ad indebolire i taliban abbastanza da lasciare la situazione nelle mani degli afghani “regolari” (pur mantenendo alcune basi strategiche, ovviamente). Questa è un’iniziativa difficile, poiché molti potenti del denaro, i “signori della guerra”, e in particolare la CIA stessa, vedranno le loro posizioni minacciate e reagiranno direttamente o indirettamente. Non sarà sorprendente vedere la CIA qui menzionata; non è la prima volta che “affronta” il Pentagono, e nel clima attuale, della diluizione del potere nella “DC-la-folle” e la fortissima privatizzazione dell’Agenzia con collegamenti esistenti da decenni con la criminalità organizzata, è ancora più concepibile, ovviamente. Ci fermeremo qui alla descrizione dell’aspetto operativo senza soffermarci su ipotesi sull’esito probabile o improbabile, sulla notevole incertezza che il Pentagono è capace di raggiungere sui suoi scopi. Soprattutto, siamo interessati a osservare quanto i conflitti nati nel contesto della cosiddetta “Guerra al Terrore” aumentano d’intensità senza le necessarie garanzie di legittimità, che non sfociano in grandi conflitti convenzionali classici ma in conflitti multiformi e sempre più caotici. La logica della “guerra ibrida” inaugurata in Siria e Ucraina è sovvertita e spinta, nella forma invertita, nell’interferenza distruttiva al mero livello operativo, coi problemi sociali e sociali che diventano i veri fattori operativi della battaglia. Da questo punto di vista, con l’Afghanistan integra direttamente nell’equazione operativa il fattore droga, siamo in presenza di un vero “modello” degenerato, laddove l’insieme petrolio+SIIL (il petrolio siriano che passava attraverso la Turchia) schiacciato dai russi, fu il primo test operativo. Il modello è così completo, i mezzi così sofisticati nella loro inadeguatezza che si può parlare di “guerra totale” invertita che declina verso un processo di completa degenerazione. Solo le forze convenzionali regolari, di qualsiasi importanza purché supportate da legittimi poteri politici, principi sovrani che si riferiscono ai fattori nazionali direttamente coinvolti, possono imporre la propria legge impedendo di diffondere tale degenerazione patologica del modello del guerriero tardo-postmoderno. I siriani ci riuscirono con l’aiuto degli iraniani e di Hezbollah, e poi con l’aiuto decisivo e strutturante dei russi, nonostante una situazione iniziale catastrofica. Gli americanisti affrontano anche questo aspetto della belligeranza postmoderna, ma a differenza dei russi, perdono. Impegnati arbitrariamente e illegalmente, sono singolarmente privi di legittimità, senza alcun principio sovrano su cui basarsi, ed è difficile vedere come potrebbero avere successo nella loro impresa. Almeno permettono di vedere tutto ciò che tale era tardo-postmoderna può vomitare come produzione invertita, almeno accelerando il processo generale di autodistruzione. Grazie al caccia LGBTQ F-22, promettono che ciò avverrà limitando i danni collaterali.Traduzione di Alessandro Lattanzio