La caduta di Sarkozy: vendetta di Gheddafi e della Libia

John Wight, Sputnik 30.03.2018

Nientemeno che Giulio Cesare ci ricorda che “la fortuna, il cui potere è molto grande in tutti i campi, ma in particolare in guerra, spesso provoca grandi sovversioni con una leggera piega dell’equilibrio“.
La saggezza delle parole dell’imperatore più famoso e illustre di Roma, un uomo il cui stesso nome è sinonimo di potere, è confermata dalla piega di Nicolas Sarkozy, ex-presidente della Repubblica francese che invoca ignominia con la notizia dell’accusa di corruzione e traffico d’influenza. In particolare, è accusato di aver tentato di subornare il giudice che conduce l’inchiesta sulla sua campagna presidenziale del 2007, riguardante le illegalità elettorali. L’annuncio che le autorità francesi hanno deciso di accusare l’ex-presidente di reati in materia arrivava rivelando un’altra inchiesta avviata per l’accusa a Sarkozy di aver accettato milioni donati illegalmente da Muammar Gheddafi per finanziarne la cosa del 2007 per la presidenza. Esaminando questa svolta degli eventi, insisto perché mi si conceda un momento per rallegrarmi alla prospettiva della caduta di tale piccolo avventuriero opportunista. Un uomo che, una volta entrato nella società francese come un meccanico furbo che si gode per una settimana la guida della Bentley di un cliente, spacciandosene per il proprietario. Atteggiamento di un Sarkozy archetipo del mezzo-uomo, ben noto nella destra politica. Chiamatelo kismet, karma, il fatto che Muammar Gheddafi sarà il nome che accompagnerà Sarkozy in prigione se dovesse scontare la prigione, appare giustizia poetica. Perché raggiunto dalla tomba in cui il corpo violentato e massacrato riposa da qualche parte nel vasto deserto della Libia, l’ex-leader libico ora è sulla giusta via nel rovinare il francese. Il destino della Libia nel 2011 sarà per sempre un atto d’accusa contro la politica estera occidentale. Conferma il ruolo della NATO come strumento dell’imperialismo occidentale, sganciando “bombe democratiche” su un Paese nordafricano assediato e coinvolto dai fumi di una primavera araba che era già riuscita a rimuovere le dittature filo-occidentali in Tunisia e in Egitto. La rivolta in Libia, emanata a Bengasi, nell’est del Paese, fu presentata in occidente come rivoluzione contro un dittatore brutale e per la democrazia e la libertà. L’intervento della NATO, dal marzo 2011 sotto gli auspici della Risoluzione ONU 1973, si basava sull’affermazione secondo cui le forze di Gheddafi, avvicinandosi a Bengasi per annullare la rivolta, ebbero direttive dal leader libico a non mostrare “alcuna pietà” pere i residenti della città. Tuttavia, tale versione fu confutata. In un articolo del Boston Globe nell’aprile 2011, Alan J. Kuperman scrisse: “L’avvertimento ad ‘alcuna misericordia’ del 17 marzo aveva come bersaglio solo i ribelli, come riportato dal New York Times, che osservò che il leader libico promise l’amnistia a ‘chi gettava via le armi“. Gheddafi persino offrì ai ribelli una via di fuga col confine aperto con l’Egitto, per evitare una lotta “fino alla fine”. Arrivando al carattere specifico di tale rivoluzione libica, nell’agosto 2011 la BBC confermò che “gli islamisti vi giocarono un ruolo importante“. In particolare, il capo islamista Abdalhaqim Bilhaj, ex-capo della consociata libica di al-Qaida, il gruppo combattente islamico libico (LIFG), fu una figura chiave dell’insurrezione del 2011. Per inciso, sotto la direzione di Bilhaj, il LIFG tentò di assassinare Gheddafi tre volte negli anni ’90, prima che il gruppo fosse schiacciato dalle forze di sicurezza del Paese nel 1998.
In realtà, piuttosto che intervenire per proteggere i civili, come previsto dalla risoluzione ONU 1973, la NATO intervenne a fianco dell’insurrezione degli islamisti, aderenti alla stessa ideologia abbracciata da chi commise le atrocità terroristiche dell’11 settembre negli Stati Uniti, del 7/7 a Londra, di Madrid nel 2006, insieme a una litania di altri simili attentai in Europa e Stati Uniti, di cui allora erano l’avanguardia. Questa verità colloca l’apparizione ormai famigerata di Sarkozy in Libia nel settembre 2011 in un contesto schiacciante. L’allora presidente francese scese sul Paese in compagnia dell’omologo inglese David Cameron crogiolandosi tra l’adulazione delle folle lanciando banalità su illuminismo e libertà. Certamente, l’entusiasmo di Cameron e Sarkozy per l’intervento militare nel 2011 non aveva a che fare con la democrazia, per niente, ma con la prospettiva di assicurarsi contratti petroliferi che sarebbero stati messi in palio dalla “nuova Libia”. Perché, non pensarci. Sette anni dopo, la Libia è un Paese impantanato in conflitti, e le promesse fatte al suo popolo di un domani migliore, nate dalle labbra di Sarkozy e Cameron insieme a Obama e Clinton, si sono rivelare come il più crudele degli scherzi. L’ex-presidente della Francia ora ha un appuntamento col destino sotto forma di processo per corruzione e seconda indagine sulle frodi finanziarie elettorali che coinvolgono lo stesso Muammar Gheddafi, che lo portarono ad attuarne la più macabra fine. In tali occasioni, Shakespeare è indispensabile: “Il corvo gracidante urla vendetta”.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

L’avvertimento di Samora Machel su Mugabe

Africa Blogging, 27/10/2017Ottobre getta ombre oscure sul nostro continente Madre Africa, in quanto ha ingoiato grandi rivoluzionari che plasmarono le lotte al colonialismo e all’imperialismo. Il 19 ottobre 1986, Samora Moisés Machel, primo presidente del Mozambico, morì quando il suo aereo presidenziale si schiantò al confine tra Mozambico e Sudafrica. Non dimenticheremo mai il 15 ottobre 1987 e il 14 ottobre 1999, Madre Terra chiamò a sé Thomas Isidore Noël Sankara Presidente del Burkina Faso e il Presidente Julius Kambarage Nyerere della Tanzania. I giganti nella lotta anti-coloniali, Nyerere e Sankara partirono lasciando un segno indelebile che sarà inciso per sempre nei nostri cuori come fece il Presidente Samora Machel. Mentre commemoriamo i luminari, siamo consapevoli di ciò che rappresentavano e della loro visione dell’Africa grande continente per le generazioni future. Tuttavia, lo scopo del mio articolo si concentra sull’eredità del Presidente Machel, figura imponente nella nostra lotta per la liberazione. Con altri leader di Stati in prima linea, Machel diede solidarietà col militare e sociale ai combattenti dello Zimbabwe mentre intrapresero la lunga guerra al regime di Smith. Se Samora fosse vivo oggi, sono sicuro che direbbe ai cittadini dello Zimbabwe di ricordare gli avvertimenti su Mugabe dato lo stato di cose in Zimbabwe oggi. Chi fu in prima linea durante la guerra racconta come Machel fosse scettico nei confronti di Mugabe alla guida del movimento rivoluzionario. Almeno fu lungimirante!

L’avvertimento di Samora
Dzinashe Machingura, comandante durante la lotta, disse che Machel aveva dei dubbi molto profondi all’idea di concedere a Robert Mugabe qualsiasi importanza, per non parlare che fosse una sorta di giocatore centrale in corso. Dzino spiegò un incidente, l’incontro tra le strutture di comando di Frelimo e ZIPA nel 1976 in Mozambico nel pieno della guerra. Samora chiese l’incontro con la dirigenza del ZIPA per discutere del piano a lungo termine sulla futura leadership dello Zimbabwe. Mhanda giustamente illustrò il momento: “Rex Nhongo quindi presentò la nostra lista, con Mugabe in cima. Machel saltò dalla sedia disgustato. Chiaramente non era contento di Mugabe, tanto meno come leader. Continuò a dirci che aveva tolto Mugabe dai campi profughi per una buona ragione: “Ama le luci della ribalta” ed è contrario all’unità“.” Tuttavia, il Presidente Machel continuò ad accettare Mugabe come nuovo leader, ma Machel non era lontano dalla verità, come dimostra l’egoismo di Mugabe divenuto presidente a vita. Una nozione contro l’ethos del codice rivoluzionario dei leader che vanno e vengono. Ancora una volta, nel 1974, Mugabe fu respinto dai leader del Fronte dopo essere stato rilasciato da Smith, incontrando i leader del Fronte Kaunda, Julius Nyerere (Tanzania), Agostinho Neto (Angola) e Samora Machel (Mozambico). Secondo Dzino e corroborato da Rugare Gumbo in un’intervista alla China Global Television Network, Nyerere era particolarmente arrabbiato all’idea che un leader fosse così chiaramente inviatogli con la connivenza di Smith che si rifiutava di parlare con Mugabe e pretendeva che lui e seguaci tornassero in Rhodesia e con Sithole. Evidentemente era chiaro che Robert Mugabe era l’uomo di Ian Smith, contrariamente al gigante panafricano che interpretava. La biografia del defunto Joshua Nkomo, Storia della mia vita, a pagina 10 fa le stesse rivelazioni su come Mugabe era solito ottenere un trattamento preferenziale in carcere, avere il permesso di organizzare riunioni che orchestrarono il colpo di Stato contro Ndabaningi Sithole. Ecco Nkomo: “La mattina dopo ci siamo riuniti per il nostro incontro con i presidenti delle nazioni nere dell’Africa australe che erano in prima linea nella lotta al razzismo. Julius Nyerere uscì dall’aereo e ci salutò tutti, e la prima domanda che fece fu: “Dov’è Ndabaningi?La squadra del ZANU, sorprendentemente, non includeva Sithole, che tutti noi consideravamo presidente di quel partito. Invece c’erano il suo segretario generale, Robert Mugabe, e il suo segretario per la gioventù e la cultura, Morton Malianga. Risultò che cinque membri del Comitato centrale del ZANU erano in prigione e autorizzati a tenervi riunioni. Questo piccolo gruppo, senza consultare i membri e i compagni, decise di deporre Sithole dalla presidenza: Mugabe e Malianga agivano da loro portavoce”. Nkomo proseguiva: “I presidenti non poterono accettare queste due persone relativamente sconosciute come portavoce dello ZANU, quindi furono mandate nelle loro stanze ad aspettare mentre la riunione iniziava“. Tutto ciò indica alcune interessanti osservazioni, che il ruolo di Mugabe nella lotta di liberazione è piuttosto una posa geriatrica narcisista per postare selfie. In secondo luogo, i nostri libri di storia sono così distorti nell’elogiare Mugabe, che tutto il tempo intellettuali, storici e scrittori devono rivisitarla e dare allo Zimbabwe la narrazione corretta della lotta di liberazione. I Kudzai Chipanga di questo mondo e molti dei sicofanti che hanno elevato Mugabe a Dio dovrebbero tuttavia ricordare che lo Zimbabwe appartiene a tutti noi ed ha ispirato da molte generazioni prima di noi, senza paura, e non Mugabe e ZANU-PF. Il presidente Mugabe è intrinsecamente insicuro e minacciato sempre dalla paura dell’ignoto. Come ricordiamo Samora Machel, i cittadini dello Zimbabwe devono essere fermi nella difesa degli ideali della lotta di liberazione e dell’indipendenza per cui i veri eroi hanno combattuto così duramente. Dovremmo difendere l’eredità di tutti i compagni defunti che combatterono per la vera libertà, non per la libertà di una famiglia e di alcuni compari.

La guerra di liberazione non è stata una lotta individuale
Lo ZANU-PF ha dimenticato che la lotta di liberazione non era individuale, o la lotta di un partito, ma piuttosto la liberazione delle masse del nostro popolo dal giogo della dittatura del regime coloniale imperiale e razzista bianco. I recenti sviluppi politici sono solo un’indicazione che lo ZANU-PF è un partito egocentrico che ha usato la narrativa della liberazione come scusa per rimanere al potere. Diverse formazioni politiche, il movimento giovanile, la società civile, i sindacati hanno da allora decretato la decadenza economica e il sottosviluppo che accompagnarono la liberazione politica. Purtroppo, la maggioranza dei cittadini dello Zimbabwe ha lasciato il paese sparpagliandosi nel Mondo a causa di oppressione ed esclusione economica, in quanto le persone ancora intrappolate da povertà e fame esistenti già sotto il dominio coloniale. L’avvertimento del Presidente Samora Machel su ciò che viviamo sotto un leader egoista. Il dominio di Mugabe era caratterizzato da dittatura, mecenatismo e forme di leadership estremamente intolleranti. La sua incapacità di persuadere e convincere politicamente chi non era d’accordo, fece ricorso alla forza e alla coercizione come stile di leadership.

Storia di due movimenti di liberazione
Non c’è dubbio che Mugabe si stata la peggiore maledizione che lo Zimbabwe abbia mai avuto, la sua retorica vuota come paladino del potere nero è rimasta sulla sua bocca. Da quando lo ZANU-PF ottenne un altro mandato dopo la “clamorosa” vittoria del 2013, il partito non riuscì a trasformare lo Zimbabwe con lo sfortunato progetto ZIMASSET che da allora ha raccolto solo polvere. L’ossessione del partito per le elezioni è preoccupante, come se un nuovo mandato nel 2018 si traduca in nuovo sviluppo e ripresa economica. Mugabe come tutti gli spiriti ancestrali che di volta in volta hanno bisogno di accordarsi ai rituali tradizionali, è diventato un antenato vivente che, pur non affrontando alcuna sfida nel suo partito, ha bisogno del suo sostegno regolare per riaffermarsi leader supremo dello ZANU-PF. Ad esempio, aveva già indicato che il partito organizzava il congresso straordinario a dicembre per “approvare” Mugabe a candidato e centro di potere del partito. È tutto su di lui e vuole le luci della ribalta, come disse Machel. Le inutili conferenze dello ZANU-PF dimostrano chiaramente che non è in contatto con la realtà e dovrebbe comunque prendere spunto dagli amici di sempre, del Partito Comunista Cinese, che ha avuto il suo congresso in questi giorni. Mentre lo ZANU si riunisce nel congresso speciale per “approvare” Mugabe, il Congresso del PCC evidenziava i successi che il partito ha compiuto dall’ultimo congresso. Il rapporto del Congresso ha registrato un tasso di crescita medio annuo della Cina di oltre il 7%, che ha contribuito in media al 30% della crescita economica mondiale. Sotto la leadership del PCC, la Cina ha creato oltre 13 milioni di nuovi posti di lavoro all’anno per tre anni consecutivi, tra il 2013 e il 2016. China Daily aveva anche riferito che i nuovi posti di lavoro creati nei primi mesi del 2017 erano 9,74 milioni. Dal 2013, la Cina ha tolto 66 milioni di cinesi, pari alla popolazione della Francia, dalla povertà. Ha beneficiato della strategia contro la povertà presentata dal Presidente Xi Jinping. Secondo questa strategia, la Cina mira a togliere ogni anno 10 milioni di persone dalla povertà e si prevede che raggiunga l’obiettivo di “eliminare la povertà in Cina” entro il 2020. Il congresso inoltre delineava lo sviluppo futuro della Cina con un nuovo punto di partenza storico indicando gli effetti che lo sviluppo del Paese avrà sul mondo. Il discorso di Xi Jinping sul sogno cinese dovrebbe ispirare lo ZANU-PF e il presidente Mugabe a condurci al sogno dello Zimbabwe, che contenga le aspirazioni delle masse. Tuttavia, dovrei dire che Mugabe non ha alcun sogno sullo Zimbabwe, ma un sogno di Mugabe che diventa letteralmente presidente a vita. Una grande lezione per lo ZANU-PF è che i congressi non sono rituali per sostenere “l’antenato”, ma piuttosto un’opportunità per articolare strategie e tattiche, fornendo una guida programmatica e metodologica a qualsiasi movimento serio che cerchi di sviluppare il Paese. Lo ZANU-PF sembra perso; guarda al potere e al potere di un uomo, castigato da Samora come egoista a cui non va dato alcun ruolo di comando.

Ndabaningi Sithole

Chi uccise Samora Machel?
Paula Akugizibwe, Manica Post

È come se il Monumento a Samora Machel non fosse stato pensato per essere trovato. Dopo il bivio di un’autostrada ben marcata tra Sudafrica e Mozambico, la strada per il sito del misterioso incidente aereo del primo presidente del Mozambico prosegue per chilometri. Machel divenne presidente fondatore del Mozambico nel 1975, dopo aver guidato per anni il movimento di guerriglia FRELIMO nella lotta per l’indipendenza dal Portogallo, e procedette a guidare il Paese attraverso un tempestoso decennio. Credeva fermamente nella lotta armata non come mezzo per un fine, ma come mezzo per l’inizio. “Tra tutte le cose che abbiamo fatto”, disse, “il più importante, quello che la storia registrerà come contributo principale della nostra generazione, è che capiamo come trasformare la lotta armata in rivoluzione… era essenziale creare una nuova mentalità per costruire una nuova società”.

Sabotaggio
Dopo l’indipendenza, Machel introdusse riforme radicali orientate verso questa nuova mentalità. Un ardente socialista, nazionalizzò tutte le terre e le proprietà e guidò l’istituzione di scuole pubbliche e cliniche del Paese. Vietò anche la religione, provocando l’ira delle chiese internazionali che avevano massicci investimenti nel Paese. Alla fine del 1975, la maggior parte della popolazione dei coloni portoghesi aveva lasciato il Mozambico per timore di ritorsioni per i crimini coloniali. Lasciarono dietro di sé una scia di malvagità. gli abitanti delle città distrussero le infrastrutture industriali, i proprietari delle piantagioni bruciarono colture e attrezzature mentre abbandonarono i loro domini rurali. L’uscita improvvisa e distruttiva gettò il Paese dalle nuova indipendenza tra sconvolgimenti economici. Il sistema coloniale aveva escluso i neri dalla maggior parte delle professioni, assicurandosi che gli aspetti tecnici della produzione industriale e agricola rimanessero in mani portoghesi. Il colossale divario di competenze che seguì l’esodo di massa, combinato con atti di sabotaggio dei portoghesi in partenza. fece precipitare la produzione, infliggendo un duro colpo alle finanze del Paese.

Le relazioni si inasprirono
Il colpo fu aggravato dal cambiamento dei modelli di lavoro e commercio. Sotto il dominio portoghese, il Mozambico aveva fornito enormi quantità di lavoro, oltre che commercio da e verso Sud Africa e Zimbabwe (allora Rhodesia), assicurando un flusso costante di entrate al governo coloniale. Le relazioni con entrambi i Paesi s’inasprirono non appena il FRELIMO prese il potere e, a un anno dall’indipendenza, lo storico Tony Hodges riferì che il reclutamento di mozambicani nelle miniere del Sud Africa diminuì da circa 2000 alla settimana a meno di 400. I governi sudafricano e rodesiano, irritati dal socialismo di Machel e dal sostegno dato ai movimenti di liberazione in quei Paesi, reagirono investendo nel gruppo ribelle mozambicano RENAMO, che lanciò una violenta campagna anti-FRELIMO, distruggendo scuole e cliniche di nuova costruzione e altre infrastrutture pubbliche. Il suo sabotaggio divennero il seme di una devastante guerra civile che si estese ai primi anni ’90, con centinaia di migliaia di morti. Nel giro di pochi anni dall’indipendenza, questo cocktail d’instabilità aveva messo il Mozambico in gravi difficoltà economiche, aggravate dalle tensioni politiche interne, poiché la nuova mentalità che Machel aveva predicato faticò a mettere radici. In Mozambico, come in molti Paesi africani, c’era ciò che lo storico David Robinson descrive come “elementi nell’organizzazione e nelle forze militari che guardavano all’ascesa di una borghesia nera dopo l’indipendenza”. In mezzo agli scossoni politici dela sua presidenza, questa ideologia carismatica non fu facile da avviare. Tuttavia, nonostante crisi economica, delusione da aspettative insoddisfatte post-indipendenza e la reputazione di trattare duramente i dissidenti, Machel ebbe il sostegno popolare durante il suo mandato. Percy Zvomuya scrive che “A differenza dei rivoluzionari che non hanno mai potuto governare e quindi offuscare proprie eredità e promesse, ebbe abbastanza tempo in carica per disilludere molti, eppure la gente piange ancora quando pensa a Samora“.

Integrità rivoluzionaria
Ma non era nemmeno a corto di nemici, non ultimo il governo sudafricano, che nel 1981 invase il Mozambico per dare la caccia ai membri del Congresso Nazionale Africano (ANC). In risposta, Machel tenne una manifestazione nel centro di Maputo, dove abbracciò l’allora presidente dell’ANC Oliver Tambo prima di sfidare provocatoriamente il governo dell’apartheid: “Non vogliamo la guerra. Siamo pacifisti perché siamo socialisti. Una parte vuole la pace e l’altra vuole la guerra. Cosa fare? Lasciamo scegliere al Sudafrica. Non abbiamo paura… e non vogliamo neanche la guerra fredda. Vogliamo una guerra aperta. Vogliono venire qui e assassinarci. Quindi diciamo, lasciateli venire! Lasciate che vengano tutti i razzisti… allora ci sarà la vera pace nella regione, non la falsa pace che viviamo ora“. Ai politici mozambicani non fu risparmiata la sua impavida rabbia per tutto ciò che percepiva come un affronto all’integrità della rivoluzione. A un altro raduno di quell’anno, affrontò la corruzione, dichiarando l’intenzione di lanciare una “offensiva della legalità” rivolta a militari e funzionari della sicurezza che volevano cavalcare sulle spalle del popolo. Gli storici Fauvet e Mosse scrivono che “i diplomatici degli Stati del blocco sovietico erano stupiti. Nessun leader di nessun altro Paese socialista aveva mai criticato le proprie forze di sicurezza in questo modo. Queste affermazioni non erano temerarie? Machel non stava forse invitando al colpo di Stato? Ma non ci fu alcun colpo di Stato“.Complotto per l’assassinio
Ciononostante, operando in un terreno sempre più ostile, che divenne particolarmente chiaro dopo un fallito colpo di Stato nel 1984 in cui erano implicati membri del suo gabinetto, due dei quali divennero presidenti dopo la sua morte. Quell’anno, quando la RENAMO provocò crescente devastazione in Mozambico, bombardando infrastrutture e uccidendo civili, Machel fu anche obbligato a firmare un accordo col governo sudafricano, nel quale accettò di limitare il sostegno all’ANC in cambio della fine del finanziamento e dell’armamento sudafricano della RENAMO. Sebbene l’accordo provocasse grande delusione nei combattenti per la libertà nella regione, la minaccia rappresentata dalla RENAMO era così grave che persino Tambo, allora presidente dell’ANC, ammise che “La dirigenza del Mozambico fu costretta a scegliere tra vita e morte. Quindi se significava abbracciare la iena, dovevano farlo“. Ma la situazione continuò a peggiorare. Prima di partire per un incontro degli Stati del Fronte a Lusaka nell’ottobre 1986, Machel rese pubblicamente noto di essere sopravvissuto a un attentato. Accusò il governo sudafricano del complotto e diede istruzioni su cosa dovesse accadere in caso di morte. Machel non tornò mai più in Mozambico dall’incontro. Sulla via del ritorno, l’aereo presidenziale fece una virata inspiegabile e fatale di 37 gradi sulla catena montuosa Lebombo, tra Sudafrica, Mozambico e Swaziland. Nove ore passarono prima che il Sudafrica informasse il Mozambico che l’aereo era precipitato, anche se alcune forze di sicurezza sudafricane erano sul posto diverse ore prima. Durante questo periodo perquisirono il relitto confiscando tutti i documenti ufficiali, così come la scatola nera dell’aereo. Incisioni nel collo dei due piloti in seguito sollevò il sospetto che fossero stati uccisi sul posto, non nell’incidente.

Inchiesta
Poco dopo, il Sud Africa istituì una commissione d’inchiesta che, dopo un avvio ritardato a causa del rifiuto delle forze di sicurezza di consegnare la scatola nera, alla fine emise un rapporto che incolpava dell’incidente l’equipaggio russo. Il governo sovietico avviò una propria inchiesta che concluso che l’aereo era stato indirizzato erroneamente da un falso segnale radio installato per portarlo fuori rotta. L’esca portò i piloti a credere di sorvolare la pianura vicino Maputo, quando in realtà volarono contro le montagne. La commissione per la verità e la riconciliazione del Sudafrica (TRC) ha successivamente esaminato il caso e ha pubblicato un rapporto contenente dettagli che rafforzavano la teoria dell’assassinio. Graça Machel, la vedova di Samora e poi moglie di Nelson Mandela, testimoniò che fu ucciso e si presentò al TRC coi dettagli del complotto che coinvolgeva agenti di Sudafrica, Mozambico e Malawi.

Nuova indagine
La TRC non riuscì a raggiungere una conclusione definitiva, comunque, sebbene affermasse che erano state accumulate prove sufficienti per giustificare l’indagine. Oltre un decennio dopo, nel dicembre 2012, l’unità d’élite ella polizia del governo sudafricano, i Falchi, annunciò il lancio di una nuova indagine sull’incidente. L’indagine è in corso in collaborazione col governo del Mozambico e potrebbe finalmente portare ad alcune risposte alle domande che pendono sulla morte prematura di Machel. Ma a prescindere dal risultato, non risolverà altri problemi sconvolgenti, problemi di memoria che si attardano in spazi al di fuori della portata di qualsiasi commissione d’inchiesta. Oggi in Mozambico, i ricordi di Machel sono ovunque. Strade e istituzioni sono nominate in suo onore, le statue che catturano i suoi noti gesti, gli adesivi dei paraurti testimoniano il sostegno popolare che ha lasciato dietro di sé. Ma l’eredità che ha vissuto e per cui è morto è più difficile da trovare.

Consumismo
La storia va al contrario? Laddove un gran numero di portoghesi fuggi dall’indipendenza, un gran numero torna, allettato dalle opportunità offerte dall’economia in forte espansione del Paese. Le organizzazioni internazionali investono nel Paese con affari, aiuti e Gesù. Nella rapida transizione da uno dei Paesi più poveri del mondo a uno dei paesi più ricchi del continente, un cospicuo consumismo abbonda. Laddove Machel chiese la nazionalizzazione delle risorse del Paese, il governo di oggi assicura agli investitori stranieri che ai mozambicani basta detenere non più del 20% delle azioni minerarie. In Sud Africa, la cui liberazione ha sostenuto così ferocemente, un impoverito insediamento informale a Cape Town porta il suo nome. Le baracche sono raggruppate intorno alla strada Oliver Tambo che attraversa la cittadina, a distanza deliberata dal centro della città, offrendo il promemoria che bandiere ed inni potrebbero essere cambiati, ma l’antico sistema di oppressione economica è ancora vivo e vegeto.

Idee calpestate
Thomas Sankara, ex-Presidente del Burkina Faso assassinato un anno dopo Machel, osservò poco prima della morte che “mentre i rivoluzionari come individui possono essere uccisi, non si possono ucciderne le idee”. Ma anche se le idee potrebbero essere immortali, sembra abbastanza facile dimenticarle, idolatrare persone e onorarne i ricordi con souvenir simbolici, mentre la visione per cui vissero e morirono sono calpestate mentre la gente lotta per la ricchezza. Finalmente arriviamo al memoriale, arroccato su una collina circondato dalla tranquillità rurale. Tra relitti conservati dell’aereo, 35 tubi d’acciaio, uno per ogni persona morta quella notte, torreggiano verso il cielo, le fessure appositamente progettate per rilasciare tenui lamenti ogni volta che soffia il vento. È il tipo di suono che non si può replicare o dimenticare, il tipo che ti perseguita tra le contraddizioni quotidiane che si hanno nel divario sempre più ampio che Machel cercò di chiudere, il divario tra lotta come azioni e rivoluzione come modo di vivere.Questo articolo è apparso per la prima volta sul sito This is Africa il 18 marzo 2014.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Interferenze criminali in Libia da parte di Italia, Turchia e Qatar

Libyan War The Truth 25/2/2018Italia, Qatar e Turchia sostengono apertamente i terroristi in Libia. Queste attività sono atti criminali contro l’umanità e sono crimini di guerra internazionali. Il popolo libico ha sofferto sotto le milizie (terroristi) e altri mercenari infiltrati nel Paese con la guerra illegale iniziata sotto falsa bandiera nel 2011. Se tali terroristi venivano lasciati a se stessi, le grandi tribù della Libia (tutti i popoli libici) li avrebbero rimossi purificando il Paese e riportando stabilità e sovranità da anni. Ma non era il piano dei criminali sionisti del Nuovo Ordine Mondiale (Clinton, Obama, Cameron, Sarkozy, Qatar, Turchia, ecc.). Il loro piano è la distruzione della Libia, il furto di tutte le risorse libiche. La Libia era completamente solvibile, senza debiti, con 500 miliardi nelle riserva europea e federale, molte tonnellate di oro, argento, metalli preziosi e enormi quantità di petrolio. Questo era il suo crimine, non averli sotto il controllo dei banchieri sionisti (Rothschilds, ecc.) Con la loro moneta legale e senza debiti verso FMI, Banca Mondiale o altre banche controllate da Rothchild. Gheddafi stava creando una valuta basata sull’oro per tutta l’Africa perché capiva le attività criminali dei banchieri e il loro piano del debito per controllare il mondo col dollaro fasullo. La creazione del Dinaro d’oro per l’Africa fu ciò che lo fece uccidere.
Negli ultimi anni l’Italia ha lentamente inviato soldati in terra libica. Non è legale, né voluto dal popolo libico. È già abbastanza grave che invadano la Libia illegalmente ma, peggio ancora, si sono schierati coi terroristi contro il popolo libico. Ancora una volta, l’Italia dimostra la propria corruzione preoccupando la Libia. L’Italia collabora col governo fantoccio illegittimo delle Nazioni Unite di Saraj a Tripoli, un governo di terroristi. L’Italia invia anche truppe a Misurata, sede delle peggiori milizie criminali in Libia. La scorsa settimana, Derna, nell’est della Libia, veniva assediata dall’Esercito nazionale libico, la ragione è la patria dell’islam radicale in Libia ed è piena di terroristi, molti dei quali ricercati dalle autorità mondiali. L’esercito egiziano ha iniziato a bombardare i noti nascondigli di questi terroristi a Derna. Questo aiuta il popolo libico nella lotta per ripulire il Paese e anche aiuta a proteggere l’Egitto dai terroristi che l’attraversano. Con un atto di estrema arroganza, il governo italiano ha contattato quello egiziano chiedendogli di smettere di attaccare Derna. Ha detto all’Egitto che non era autorizzato a bombardare in Libia. Chi diavolo pensa di essere l’Italia? Non ha il controllo della Libia, e non è certamente responsabili dell’Egitto e del suo diritto di proteggere il proprio popolo. Questa è l’arroganza degli italiani che lavorano per i sionisti passandogli la Libia per una caramella, essendo al verde e disperatamente bisognosi di derubare ancora le ricchezze della Libia. Ovviamente gli italiani devono schierarsi coi mercenari terroristi perché i libici li butterebbero fuori se potessero scegliere
Per chi non sa cosa fece l’Italia in Libia in passato…
La storia dei crimini di guerra italiani contro il popolo libico è orrenda. C’è un eccellente film realizzato anni fa, intitolato il “Leone del Deserto”, con Anthony Quinn. (scaricabile qui). Questo film fu realizzato nel 1981 ed è la storia di Omar Muqtar, un grande eroe libico che combatté l’esercito fascista di Mussolini nel deserto. Il film è vicino a fatti storici. L’Italia non poteva combattere i beduini nel deserto; perdeva, e così Mussolini inviò uno spietato capo militare (Graziani. NdT) che pose il filo spinato nel deserto, uccidendo persone e animali. Imprigionò tutti i libici nei campi di concentramento e ne uccise molti per fame e sete. Quando l’Italia finì in Libia, rimasero vivi solo 250000 cittadini libici. Dopo di che l’Italia occupò la Libia, prendendosi terra, beni, città, ecc. Si costruirono ville e case estive. Il popolo libico non era autorizzato a possedere terra ed era schiavo dei ricchi italiani. Nel 1969, la Libia era il Paese più povero dell’Africa, cogli italiani che rubavano la ricchezza della Libia e Stati Uniti, Regno Unito e Francia che ne prendevano il petrolio. Il Regno Unito piazzò un vecchio re dispotico (i libici non ne ha mai avuti) e ne fu il burattino. Il salario medio di un libico era 60 dinari all’anno. Questo portò il colpo di Stato incruento (Rivoluzione di al- Fatah del 1969) delle grandi tribù della Libia allontanando il Paese da ladri ed occupanti illegali. Dal 1969 alla rivoluzione fasulla sotto falsa bandiera della NATO e alla guerra illegale, la Libia divenne il Paese più sviluppato e ricco d’Africa. Questo sotto la guida di Muamar al-Qadafi.
Ora Qatar e Turchia sostennero la destabilizzazione della Libia dall’inizio della falsa bandiera del 2011. Il Qatar è un Paese piccolo con risorse limitate ma grande appetito. È sede della più grande base militare degli Stati Uniti nel mondo e ospita i più grandi campi di addestramento per terroristi mercenari. Il Qatar cercò avidamente di rubare le risorse della Libia per anni ed approfittò dell’aiuto offerto da Hillary Clinton nel 2011 unendosi nell’attacco alla Libia. Finora il Qatar sostiene apertamente i terroristi e le milizie islamiste che occupano la Libia e opprimono il popolo libico. Il Qatar arma e finanzia apertamente le milizie criminali in Libia e impedisce intenzionalmente al legittimo popolo libico di controllare i propri governo e terra. Questi sono atti di guerra e crimini contro l’umanità in quanto tali milizie sono spietate, prendendo libertà e denaro del popolo libico. La Turchia arma, finanzia e invia mercenari in Libia ogni giorno. La Turchia è ora casa e rifugio di tutti i principali terroristi del mondo. Bilhaj, fondatore del Libya Islamic Fighting Group, nota organizzazione terroristica, vive felicemente in Turchia godendo dei miliardi che ha rubato alla Libia e usa l’LIFG per controllare Tripoli; e sempre pianifica il terrorismo nel mondo. Tripoli è ora sede di alcuni dei peggiori estremisti islamici, che lavorano con LIFG, governo fantoccio delle Nazioni Unite di Saraj e milizie di Misurata di Hillary Clinton. Tripoli è controllata da tali milizie terroristiche. Gli abitanti di Tripoli vivono in una prigione, sono controllati e maltrattati da tali milizie armate. Non c’è governo ma solo i dittatori terroristici che derubano dalla Libia e abusano del popolo libico ogni giorno. Ancora una volta, il sostegno della Turchia a terrorismo e corruzione in Libia è un crimine contro l’umanità e contro tutte le leggi internazionali.
A proposito di crimini contro l’umanità, va fatta una dichiarazione sulla tribù dei Tawargha. Una tribù libica di colore, rimasta senza case per mano dalle milizie di Misurata (terroristi) che distrussero le loro città negli ultimi 7 anni. Il 1° febbraio 2018 è il giorno in cui tutta la Libia (incluso il governo fantoccio) decise che i Tawargha tornino a case. Naturalmente, non vi è alcun rispetto per lo Stato di diritto quando bande e milizie controllano il Paese. Di conseguenza, la tribù dei Tawargha viaggiò per rientrare casa per centinaia di miglia nel deserto, ma prima che raggiungesse le proprie case, le milizie di Misurata bloccarono le strade e non li lasciò passare. Ora, dal 1° febbraio, circa 60000 uomini, donne e bambini vivono nel deserto senza acqua, cibo o rifugio. Il mondo chiude gli occhi su tali atrocità mentre i media favoriscono le milizie di Misurata che compiono tale terrorismo. Dimostrando ancora una volta che chi ha preso la Libia con la forza, ha distrutto il Paese e continua a mantenere uno Stato fallito è la stessa Cabala del Nuovo Ordine Mondiale Sionista che controlla i media in tutto il mondo. Non si basano all’umanità, si preoccupano solo della loro agenda, Paesi, famiglie e vite distrutti sono solo danni collaterali accettabili. Le Grandi Tribù della Libia lavorano ogni giorno per ripulire il Paese da tali intrusi e terroristi. Il popolo libico non è estremista, odia l’Islam radicale, quindi è un bersaglio dei radicali. Le tribù lavoreranno per una nuova elezione quest’anno, una in cui un nuovo governo e un nuovo leader saranno eletti dal popolo libico (non piazzato con la forza delle Nazioni Unite o dai sionisti). Dei circa 5 milioni di libici legittimi, oltre 3,5 milioni sono ora registrati per votare. Questa è la stragrande maggioranza della popolazione adulta. Tribù e popolo libici non hanno perso la volontà di ottenere sovranità e libertà. Sanno che è un compito difficile quando i terroristi che occupano il Paese sono sostenuti ogni giorno da altri Paesi. Sanno che hanno bisogno di aiuto anche dall’estero perché sono stati appositamente esclusi dai loro fondi e dalla capacità di acquistare armi (embargo dell’ONU dal 2011). Le grandi tribù della Libia hanno bisogno di più voci che gridino al mondo l’ingiustizia commessa ogni giorno nel loro Paese con le interferenze illegali di altri Paesi. Hanno bisogno di aiuto per liberare il proprio Paese (e il mondo) dai terroristi in Libia. Guardano ai vicini per l’aiuto perché anch’essi sono minacciati dagli stessi mercenari terroristi e rivolgono gli occhi alla madre Russia, che vedono come forse l’unico Paese giusto per chi ha perso Paese nei continui crimini della Cabala sionista del Nuovo ordine mondiale.Traduzione di Alessandro Lattanzio

AFRICOM: un gigantesco spreco di denaro

Wayne Madsen SCF 26.02.2018Il Comando Africa degli USA (AFRICOM), creato nel 2007 per rivaleggiare con le controparti della struttura militare geopolitica, Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) e Comando Meridionale (SOUTHCOM), come versione moderna della Compagnia delle Indie Orientali inglese assegnata a un continente, si è rivelato un gigantesco fallimento e spreco totale di denaro dei contribuenti. L’AFRICOM, a differenza degli equivalenti a Tampa, Miami, Honolulu e Stoccarda, non è mai riuscito ad avere un proprio quartier generale ma è stato costretto a condividerlo a Stoccarda con l’US European Command (EUCOM). AFRICOM si trova nelle Kelley Barracks, l’ex-quartier generale del 5° comando trasmissioni della Luftwaffe nazista. L’AFRICOM non ha responsabilità sull’Egitto, che ricade sotto l’egida del CENTCOM. Sebbene alcuni Paesi africani offrissero il quartier generale all’AFRICOM, la maggioranza dei membri dell’Unione Africana si oppose alla presenza militare statunitense permanente nel continente africano. Un luogo pianificato era vicino la città portuale di Tan Tan, nel sud del Marocco, al confine con l’ex-colonia spagnola del Sahara Occidentale, occupata dai marocchini. In realtà, Tan Tan è posta strategicamente tra due ex-colonie spagnole, Sahara occidentale e l’ex-enclave spagnola di Ifni. I piani abortiti per la base di Tan Tan furono spinti tra il servizio d’intelligence militare e la Direzione Generale per la Sicurezza Estera (DGED) del Marocco e l’Ufficio della Difesa dell’ambasciata USA a Rabat. L’opzione della base in Marocco, che sarebbe costata 50 miliardi di dollari per costruirla e avviarla, fu sostituita da un sistema d’invio truppe e personale di supporto statunitense in vari Paesi africani coi compiti temporanei di istruttori, costruzione di impianti ed intelligence. Tra le responsabilità dell’AFRICOM vi sono le “operazioni di stabilità” in Africa, che il Pentagono cita come “missione militare centrale statunitense”. Tale missione è sostenuta dalla presenza di ciò che il Pentagono chiama Cooperative Security Locations o “ninfee”, magazzini nascosti di armi, veicoli e altro materiale spesso integrati da nuovi aeroporti che possono ospitare velivoli militari e droni. Le ninfee (Lily pads) sono state costruite in Algeria, Botswana, Burkina Faso, Camerun, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Gabon, Ghana, Kenya, Liberia, Mali, Mauritania, Namibia, Niger, Nigeria, Sao Tome e Principe, Senegal, Seychelles , Sierra Leone, Somalia, Tunisia, Uganda e Zambia. Ci fu la proposta che AFRICOM istituisse un comando nel Golfo di Guinea degli Stati Uniti a Sao Tome. Il comando sarebbe stato responsabile della protezione delle compagnie petrolifere statunitensi che operano nella regione. Sebbene il comando del Golfo di Guinea non sia mai stato istituito, AFRICOM conduce l’Obangame Express annuale, che comprende l’addestramento alla sicurezza marittima delle forze di Angola, Benin, Camerun, Costa d’Avorio, Repubblica Democratica del Congo, Congo, Gabo, Gabon, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Guinea equatoriale, Liberia, Marocco, Nigeria, Senegal, Sierra Leone, Sao Tome e Principe e Togo.
Sebbene l’AFRICOM abbia l’incarico di condurre “operazioni di stabilità”, ci sono prove che si sia impegnato a fomentare colpi di Stato militari in Africa. Nel 2009, un gruppo di ufficiali della Guinea che tentò di assassinare il presidente della Guinea, capitano Moussa Dadis Camara, stava operando su ordine delle Forze Speciali assegnate al Comando Africa degli USA (AFRICOM) e al personale dell’intelligence militare francese. Lo stesso Camara prese il potere con un colpo di Stato nel dicembre 2008 dopo la morte del presidente Lansana Conte. Apparentemente Camara aveva firmato un accordo con la Cina affinché quella nazione ricevesse i contratti minerari sulla bauxite delle aziende statunitensi e francesi con la promessa che la Cina avrebbe raffinato la bauxite costruendo una fabbrica di alluminio in Guinea. Statunitensi e francesi esportavano la bauxite grezza per fonderla all’estero. L’offerta dei cinesi di fondere la bauxite in Guinea, con la promessa di lavori ben pagati per la nazione povera, era troppo per Francia e Stati Uniti e un “golpe” fu ordinato contro Camara, usando gli elementi delle forze armate guineane addestrati dall’AFRICOM in Guinea, Germania e Stati Uniti. L’Agenzia per la sicurezza nazionale, l’agenzia di spionaggio delle informazioni (SIGINT) di punta degli USA aveva investito centinaia di milioni di dollari per addestrare all’intercettazione in numerose lingue, anche africane. AFRICOM gestiva un programma di formazione ridondante e bilingue che rispecchiava il programma del NSA. AFRICOM spese milioni inutilmente duplicando la NSA nell’addestramento nelle lingue Bemba, Bete, Ebira, Fon, Gogo, Kalenjin, Kamba, Luba-Katanga, Mbundu/Umbundu, Nyanja, Sango, Sukuma, Tsonga/Tonga, Amarico, Dinka, Somalo, Tigrinya e Swahili. Questo è solo uno dei tanti esempi di come l’AFRICOM sia un completo spreco di denaro con sforzi duplicanti quelli di altre agenzie ed enti governativi. La morte per strangolamento il 4 giugno 2017 a Bamako, in Mali, del sergente dei berretti verdi dell’esercito statunitense Logan Melgar per mano di due Navy SEALs, tutti schierati sotto il comando di AFRICOM, era legato alla scoperta di Melgar che i due della Marina intascavano i fondi ufficiali utilizzati da AFRICOM per pagare gli informatori nel Paese dell’Africa occidentale. La frode è un altro esempio della cultura del malaffare presente tra le fila dell’AFRICOM. Tale disaffezione è nota dal 2012 quando il primo capo di AFRICOM, generale William “Kip” Ward, fu degradato da generale a tenente-generale. Si scoprì che Ward usò la sua posizione al vertice di AFRICOM per “spese non autorizzate” e “viaggi lussuosi”, tra cui un soggiorno al Ritz-Carlton Hotel di McLean, in Virginia, al Fairmont Hamilton Princess Hotel nelle Bermuda e al Waldorf-Astoria Hotel di New York. Ward viaggiò con la moglie e tredici assistenti diverse volte, in Burkina Faso, Senegal, Ruanda, Madagascar, Namibia (dove Ward soggiornò al Windhoek Country Club), Gibuti, Etiopia, Repubblica Democratica del Congo, Uganda e Francia con solo alcuni giorni dell’itinerario riservati agli affari ufficiali. In alcuni viaggi, Ward accettò cene da uomini d’affari che cercavano contratti con AFRICOM.
Le manovre annuali dell’AFRICOM portano titoli come African Lion, Flintlock, Cutlass Express, Unified Accord, Phoenix Express, Unified Focus, Justified Accord e Shard Accord. Tali esercitazioni implicano milioni di dollari in spese di viaggio e alloggio, offrendo ogni opportunità di frode, spreco e abuso commessi dal primo comandante dell’AFRICOM. Nell’ottobre 2017, quattro membri dell’esercito statunitense furono uccisi dalle forze ribelli presso il villaggio Tongo-Tongo in Niger. Il Pentagono non ha mai spiegato che tipo di “addestramento” stessero svolgendo coi militari nigerini. Nel febbraio 2016, il personale delle forze speciali dell’AFRICOM si ritrovò sotto attacco terroristico islamista all’Hotel Radisson Blu di Bamako. Il mese precedente, altro personale delle forze speciali dell’AFRICOM fu visto mentre una cellula terrorista islamista attaccò l’Hotel Splendid e il vicino ristorante Cappuccino di Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, di proprietà ucraina. Gli attacchi a Bamako e Ouagadougou erano simili alla destabilizzazione effettuati dalle forze di destra e fasciste nell’Europa occidentale durante la Guerra Fredda. Gli attacchi “false flag” furono attribuiti a gruppi di sinistra, ma erano orchestrati da Central Intelligence Agency e NATO nell’ambito dell’operazione Gladio e relativi programmi segreti. L’AFRICOM è una copertura del Pentagono per proteggere gli interessi economici degli Stati Uniti in Africa e garantire che i governi africani aderiscano alla linea filo-USA. Tuttavia, AFRICOM viene eclissata dalla crescente influenza della Cina in Africa, accolta con favore da molte nazioni africane. L’ingresso del “soft power” cinese in Africa fa dell’AFRICOM un ulteriore spreco di denaro.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Francia, Nazioni Unite e colloqui di pace in Libia

Richard Galustian, Global Research, 26 dicembre 2017L’attuale situazione in Libia mostra che i processi che l’ONU e l’occidente hanno cercato d’attuare continuano a fallire. Ciononostante, c’è una nuova tendenza in Libia sulla risoluzione delle dispute sul campo, riordinando una varietà di attori, i troppi e complessi dettagli, anche se la Francia inviava il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian in Libia, nel continuo tentativo futile d’imporre il matrimonio forzato tra Fayaz Saraj, scelto e sostenuto dalle Nazioni Unite, e il capo dell’Esercito Nazionale Libico (LNA), a Camp Marshall, nella Libia Orientale, Qalifa Haftar. Un’assoluta impossibilità.
Non sembra esserci realismo nel modo di pensare delirante della Francia e delle Nazioni Unite. Il fatto è che LNA e Haftar controllano quasi tutto il petrolio in Libia e nella maggior parte del Paese. Considerando che Saraj non può andare oltre la piccola base navale vicino Tripoli, fortemente protetta da milizie mercenarie. Dopo l’incontro di Le Drian a Tripoli con Saraj, Le Drian volava a Bengasi per incontrare Haftar, “per discutere del processo politico in Libia e della guerra al terrorismo guidata dall’esercito libico”. Haftar aveva detto a Le Drian che l’esercito non smetterà di combattere il terrorismo in Libia. Per risposta, Le Drian avrebbe informato Haftar del rispetto della comunità internazionale per i sacrifici dell’esercito contro i gruppi terroristici. Allo stesso tempo, tuttavia, Le Drian chiese ad Haftar e al comando dell’esercito di rispettare il processo politico dell’Accordo politico libico (LPA) e di lavorare a un accordo completo con tutte le parti libiche. Le Drian, Nazioni Unite e potenze occidentali non riescono ancora a capire che l’LPA è respinto dal popolo libico come totalmente illegittimo e completamente irrilevante per il processo di pace. Haftar non s’impegna nel processo politico come dettato dall’ONU, e continua a sottolineare l’importanza del riconoscimento da parte delle Nazioni Unite e della comunità internazionale degli sforzi dell’LNA contro il terrorismo. Haftar presumibilmente aggiunse con fermezza, “Togliere l’embargo sulle armi all’esercito, se deciso dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, sarà molto apprezzato”. Il Comando del LNA crede ancora che alcune potenze cerchino di mantenere l’embargo sulle armi per dare una leva a un certo partito politico nel Paese, forse per ricreare un altro partito islamista in Libia; per deduzione, si presume che Haftar parlasse principalmente del chiaro appoggio internazionale di Regno Unito, Stati Uniti, Nazioni Unite e UE al partito dei fratelli musulmani e ai suoi membri, a cui Haftar si oppone con veemenza. A questo punto va notato che la maggior parte dei libici sa che Serraj ‘è schiavo’ della Confraternita. Inoltre, siamo molto chiari. Haftar annunciava che l’accordo politico libico “è scaduto” due anni dopo che le parti politiche libiche l’avevano firmato, dicendo “A partire dal 17 dicembre 2017, scade il cosiddetto accordo politico. Pertanto, tutti gli organismi risultanti da tale accordo hanno automaticamente perso legittimità, messa in discussione sin dal primo giorno“, in un discorso televisivo. Haftar e la maggior parte della popolazione libica dicono “no” al LPA. Se l’ONU persiste con questa fantasia significa che è drogata o incompetente, o forse entrambe, perdonando l’irriverenza. L’LPA non ci sarà. È impossibile. Tornate sulla terra.
Innanzitutto, ai libici non interessano i migranti che secondo la stampa occidentale liberale e l’Unione europea sono una priorità. Per i libici non lo sono, vogliono che i migranti se ne vadano a casa e l’ONU smetta d’interferire e lasci che l’attore più forte in Libia porti ordine e pace nel Paese. Quell’attore sono Haftar e la LNA, e l’unica cosa che impedisce questa naturale evoluzione è la continua interferenza inutile del mondo occidentale. Francia e ONU continuano i colloqui con istituzioni ed entità superflue di Libia orientale e occidentale, ostacolando la soluzione al pantano libico. In parole semplici, l’occidente ha scelto la parte sbagliata sostenendo la Libia occidentale quando l’orientale possiede e occupa, per gentile concessione del LNA di Haftar, la maggior parte del petrolio e della nazione della Libia. I sauditi sono importanti; con l’accordo di varie fazioni, tra cui Haftar, inviarono alcuni religiosi a gestire la mappa religiosa di Misurata (e di tutta la Libia). L’assassinio di pochi giorni prima del sindaco di Misurata è parte di tale lotta globale contro l’ideologia dello SIIL e il suo opposto, il secolarismo. Alcuni vedono il salafismo come “casa a metà strada”, per così dire. Anche se non può essere confermato, Haftar sembra aver fatto un accordo coi sauditi affinché una manciata di loro chierici “risolvesse” Misurata permettendo la promozione del salafismo nella convinzione che distrugga i resti dell’estremismo dello SIIL presso Misurata e ovviamente altrove nel Paese. Questo “compromesso” tra il minore dei due mali, i salafiti e l’ideologia dello SIIL, deve trovare spazio affinché un certo secolarismo si evolva, cosa che la maggior parte dei libici vuole. Niente è facile.
Anche gli Emirati Arabi Uniti sono cruciali per il futuro della Libia. Sia causa della vicinanza alla nuova generazione della leadership saudita che dal punto di vista pratico, per via della base aerea stabilita due anni fa nella Libia orientale. La costruzione della base aerea al-Qadim degli Emirati Arabi Uniti nella Libia orientale, significa che in meno di qualche settimana potranno dispiegare vari aerei per supportare Haftar. Spiegando la presenza dei loro jet nel teatro della guerra civile in Libia. Chiaramente, gli EAU si preparano ad intervenire in Libia militarmente. Molti l’accettano. La base aerea al-Qadim si trova nella provincia di al-Marj, vicino al quartier generale principale di Haftar, e ha recentemente aggiunto un nuovo ampio parcheggio e rifugi per aeromobili che ne ospiteranno vari.
Haftar non aderirà mai al LPA dettato dall’ONU e l’ha detto molto chiaramente. In sintesi, questa è la realtà: Politicamente, solo il ruolo della Russia, non di Nazioni Unite, UE o Stati Uniti, principalmente attraverso gli amici della Cecenia, rimane uno dei più cruciali e sarà veramente efficace nel riportare la pace in Libia. E militarmente, Haftar alla fine vincerà, con l’assistenza militare principalmente di Egitto ed Emirati Arabi Uniti.Traduzione di Alessandro Lattanzio